Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Raccolta dei libri di ioleggoperché

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 novembre 2016

libriSi sono concluse le nove giornate di raccolta dei libri di #ioleggoperché, la campagna nazionale di promozione della lettura ideata per riportare i libri nella quotidianità di ragazzi e lavoratori. In ogni angolo d’Italia, è stata una festa all’insegna della passione culturale e della generosità, con l’obiettivo di costruire e sviluppare le biblioteche scolastiche e aziendali del Paese. Una missione che è valsa all’iniziativa l’assegnazione della Medaglia del Presidente della Repubblica e la cui urgenza è emersa anche dall’indagine (scaricabile qui) a cura dell’Associazione Italiana Editori (AIE) e dell’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) per #ioleggoperché, sulla preoccupante situazione delle biblioteche scolastiche italiane.
Sono circa metà le librerie che, ad oggi, tra le 1.417 aderenti (qui l’elenco completo), hanno terminato i conteggi: il dato parziale è di oltre 40.000 volumi donati in quasi 700 librerie. Un primo bilancio straordinariamente positivo, cui seguirà nei prossimi giorni il totale definitivo delle donazioni (aggiornato con le cifre provenienti dalle numerose librerie che stanno ancora facendo i calcoli).
Moltissime le librerie virtuose in tutta Italia dove, grazie all’impegno, alla passione e all’entusiasmo di tutti – librai, insegnanti, genitori, appassionati di lettura – sono stati donati centinaia di libri. Tra le librerie che al momento hanno terminato i conteggi, le eccellenze sono: Lecce, con ben 1.200 libri donati in una sola libreria, Caserta e Vicenza, con più di 600.
Dal 22 al 30 ottobre 1.417 librerie hanno attivato 4.487 gemellaggi con 2.378 scuole, con la collaborazione attiva di 1.500 Messaggeri, fra i quali è scattata una virtuosa competizione, vinta da Adele Regina Di Girolamo, Messaggera in una libreria a Lissone, che ha registrato ben 248 libri attraverso la APP ioleggoperché. Grazie inoltre all’aiuto di molti genitori e insegnanti particolarmente attivi, sono stati organizzati in tutta Italia quasi 500 eventi all’insegna della lettura.
L’impegno di #ioleggoperché non si ferma qui: al termine dei conteggi, il numero totale dei libri acquistati e donati dai cittadini sarà infatti raddoppiato dagli editori e suddiviso in numero uguale tra tutte le scuole aderenti che, entro e non oltre il 15 novembre, ne avranno fatto richiesta attraverso il loro account sul sito della campagna. Entro la fine di febbraio 2017 le scuole riceveranno, sempre attraverso le librerie, il pacco del raddoppio.
Questa seconda edizione di ioleggoperché prevede già nelle prossime settimane incontri con gli autori in alcune scuole campione (grazie alla collaborazione degli editori) e si concluderà gettando idealmente un ponte con la prossima Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, il 23 aprile 2017. Anche ad aprile infatti saranno organizzati appuntamenti con alcuni scrittori e professionisti dell’editoria nelle scuole che nei mesi precedenti avranno costruito un percorso didattico legato alla lettura e che ne avranno fatto richiesta. AIE e #ioleggoperché saranno il tramite con gli editori per verificarne la disponibilità.
libriQuest’anno la campagna si è posta l’obiettivo di arricchire, insieme a quelle scolastiche, anche le biblioteche aziendali. L’incentivo previsto per le aziende che dal 22 al 30 ottobre hanno acquistato libri per una cifra pari o superiore a 500 euro è costituito dalla collana speciale #ioleggoperché (24 titoli) e da un monte libri del valore pari al 50% della spesa effettuata in libreria. Tre esempi di buone pratiche arrivano da Pirelli (che ha inaugurato due biblioteche aziendali nella sede di Milano Bicocca e nello stabilimento di Bollate), Accor Italia e Zambon Company, protagoniste di consistenti investimenti a sostegno della formazione e crescita culturale dei propri dipendenti. Queste aziende hanno partecipato all’iniziativa rafforzando il proprio sostegno alle rispettive biblioteche aziendali e organizzando eventi speciali dedicati al piacere della lettura.
L’amore per i libri è stato raccontato anche dai calciatori della Lega Serie B e persino sui campi di calcio nella 10ª giornata di campionato (25-27 ottobre), quando la Lega Serie A è scesa in campo con #ioleggoperché negli stadi di Genova, Verona, Firenze, Milano, Torino, Roma, Napoli, Pescara, Reggio Emilia e Palermo. I Capitani e l’arbitro hanno firmato, dedicato e donato un libro ai bambini che li accompagnavano in campo, per ricordare a tutti l’importanza della lettura anche tra i più piccoli.
Organizzata dall’AIE (Associazione Italiana Editori), sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura del MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo), in collaborazione con AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani – Confcommercio) e Confindustria Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo, #ioleggoperché ha riscosso grande successo e apprezzamento anche da parte dei Testimonial d’eccezione: sono 103 i personaggi di spicco della cultura italiana che hanno aderito con entusiasmo a favore delle biblioteche scolastiche. Tutti i loro video sono disponibili sul canale YouTube della campagna.
Un contributo fondamentale per il successo della campagna è arrivato dai Media Partner e dai Media Supporter, che hanno dato tutta la visibilità possibile al messaggio di #ioleggoperché. Ciascuno ha lasciato il segno, contribuendo alla campagna nelle modalità di volta in volta più efficaci: dalla copertura stampa sia nazionale che locale de la Repubblica, al forte contributo editoriale e di visibilità del Corriere della Sera; dai numerosi spazi televisivi del Tgcom24 al grande supporto in campo aziendale de Il Sole 24 Ore. Senza dimenticare la capillarità e la multicanalità delle riviste Mondadori, tra cui Panorama e Donna Moderna. Molto significativo il contributo dei Media Supporter, tra cui laeffe, con cui è stata lanciata la trasmissione Lettori – I libri di una vita; Famiglia Cristiana, Giornale della Libreria, Ibs.it, Il Fatto Quotidiano, il Libraio.it, la Feltrinelli.it, la Stampa, Lettera43.it, il Libraccio.it, Mondadori Store.it e Pagina99, che hanno garantito una copertura online e offline alla campagna gemellaggi e alla campagna donazioni; Libreriamo.it, ScuolaZoo e Studenti.it che hanno sostenuto il progetto su tutti i social network; infine Radio Radicale e RadioLibri.it, casse di risonanza radiofonica nel divulgare la missione di #ioleggoperché.
La seconda edizione di #ioleggoperché ha potuto contare sull’alleanza con Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole (www.libriamociascuola.it), l’iniziativa promossa da MIUR e MiBACT giunta alla terza edizione, che dal 24 al 29 ottobre ha registrato in calendario circa 4.000 eventi in tutta Italia, con l’iscrizione di 3.500 scuole. Circa 400 lettori d’eccezione si sono offerti di andare nelle aule a portare la propria voce e a condividere la propria passione per la lettura e gli appuntamenti nelle classi sono stati 430.
Tra i più evidenti effetti della chiamata all’azione per scuole, librerie e Messaggeri, gli straordinari risultati del coinvolgimento della community on line e sui social network.
Qualche numero: su Facebook, dal 22 al 30 ottobre, i contenuti della fanpage di #ioleggoperché hanno raggiunto 600.000 persone, soprattutto grazie agli oltre 100 video dei testimonial e alle decine di foto e video inviati da Messaggeri e appassionati a testimonianza del grande impegno profuso dalla comunità in tutta Italia.
I video di lancio delle donazioni, diffuso a ottobre, in poco tempo ha raggiunto quasi 200.000 persone e migliaia di interazioni tra commenti, like e condivisioni. I fan di #ioleggoperché sono cresciuti oltre il 50% rispetto alla prima edizione, arrivando a quota 54.000. Twitter non è da meno: superati i 10.000 follower. Solo a ottobre sono state raggiunte oltre 654.000 visualizzazioni (+200.000 rispetto allo scorso anno), con 15.300 visite del profilo, pari al 221% in più rispetto al mese precedente. Le interazioni tra profilo di #ioleggoperché e i partner, le librerie, gli utenti singoli si sono quintuplicate solo a ottobre. Nel giorno del lancio, il tweet di #ioleggoperché è stato il maggior influencer sul top trend di rete #22ottobre. Grandi risultati anche su Instagram, potente mezzo di ingaggio della community: quasi 7.000 follower in pochi mesi, con un incremento di ingaggio del 49% solo a ottobre. Infine, il sito http://www.ioleggoperche.it ha registrato 2.297.828 accessi dal 22 al 30 ottobre.
scuola-libriDa Nord a Sud, numerosi i casi esemplari di impegno e creatività per la campagna. Solo per citarne alcuni: la Libreria per Ragazzi di Milano ha dato la parola direttamente ai giovani lettori, i quali hanno scelto direttamente i libri che avrebbero voluto nella propria biblioteca scolastica e la libreria ha poi allestito un intero scaffale #ioleggoperché con quei volumi così che i clienti potessero acquistarli. A Lecce, i librai di Liberrimakids si sono messi all’opera organizzando incontri quotidiani per sensibilizzare il pubblico sulla missione di #ioleggoperché, reading per i più piccoli addirittura una vera e propria lezione in libreria con la scuola primaria gemellata. Sul fronte Messaggeri, non potevano mancare i flash mob, come quello di un centinaio di alunni della scuola media Casetti di Preglia di Crevoladossola (Verbano Cusio Ossola) che hanno invaso la piazza Mercato di Domodossola disponendosi in un grande cerchio per poi leggere brani ad alta voce e invitare i cittadini ad acquistare un libro da donare alla loro biblioteca scolastica. Di impatto anche il flash mob dei volontari di “Mare di Libri”, il Festival di Letteratura di Rimini dedicato agli adolescenti, che si sono cimentati in letture estemporanee per promuovere la campagna.
Un bell’esempio di cooperazione fra scuole, librerie e istituzioni si è avuto a Crotone dove la libreria Cerrelli, in collaborazione con la scuola media Margherita e l’IC Papanice, con il sostegno dell’assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Crotone, ha organizzato un reading pubblico da parte dei ragazzi sul tema “Leggere per crescere”; analoga sinergia a Montagnareale (Messina) dove ogni alunno della scuola media del paese ha partecipato a letture all’aperto e giochi e ha proposto il proprio libro preferito, scrivendolo su un post-it affisso sul cartellone di #ioleggoperché nel bar centrale del paese. Attivissime le scuole, come la primaria Medaglie d’Oro di Salerno che, in collaborazione con la Feltrinelli del centro città e insieme a tutti i genitori delle classi coinvolte, ha organizzato una vera e propria gita d’istruzione in libreria durante la quale i piccoli lettori, indossando le magliette della campagna, hanno curiosato tra gli scaffali e invitato i clienti a donare libri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: