Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 9 novembre 2016

Vittoria di Trump: I politici italiani stentano a rilasciare dichiarazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

grillo1A parte Grillo, con il suo intervento nel blog che da subito richiama l’attenzione dei suoi lettori sul voto statunitense e formula una riflessione sui fatti di casa nostra, gli altri big della politica nazionale sembrano reticenti a fare a caldo dei commenti. E’ che molti avevano scommesso sulla vittoria della Clinton e lo stesso Matteo Renzi si è esposto molto nel sostenere i democratici e la loro candidata Hillary Clinton. Ora, in perfetto stile di taluni politici italiani, si cerca di correre ai ripari facendo “buon viso” all’imprevisto determinato da questa vittoria. Mi ricorda in un certo senso la sorpresa avuta dai commentatori politici italiani dall’esito delle ultime politiche con il successo del Movimento 5 stelle. Da quel momento si è fatto di tutto, anche, se non soprattutto, giocando sporco per demolire la forza innovativa del movimento andando a cercare con il “lanternino” i possibili difetti, e dove non era attuabile, inventandoli di sana pianta. Ciò non vuol dire, ovviamente, che vi possa essere una certa sintonia tra cinque stelle e i repubblicani americani ma per significare che esiste un vento del cambiamento e mentre negli USA non hanno trovato di meglio che un Trump, in Italia, questa volta, è concretizzabile. Basta che gli elettori ne colgano la portata e il significato sostenendo l’impegno gravoso che si è assunto il movimento cinque stelle nell’intento di riparare ai tanti guasti provocati dal malgoverno del paese. Li hanno accusati di tutto, ma soprattutto d’ingenuità e d’incompetenza. Lo hanno fatto nel peggiore dei modi oscurando con la complicità di una parte cospicua dei media il magnifico lavoro condotto dai parlamentari del movimento, dallo sforzo di quanti di loro nelle amministrazioni locali hanno dovuto riparare i notevoli danni provocati da una politica dissennata, da sprechi del denaro pubblico e dalla corruzione imperante. E’ ora di aprire gli occhi e di renderci conto, tutti insieme, che non è più possibile un governo del paese che non sappia riconoscersi con il suo popolo, con i suoi bisogni e che non è più la stagione degli inciuci, degli annunci e che è importante ritrovare la coesione nazionale su posizioni più sicure, su donne e uomini che sappiano pensare in positivo per creare le basi per una società diversa, per produrre i giusti anticorpi, per sconfiggere il virus del malaffare, dei governi acquiescenti con i poteri forti e gli intrallazzi di ogni genere. E’ un discorso di rottura con il passato ed è questo il messaggio che deve passare e che Trump ha lasciato intravedere agli americani. In Italia sta solo a noi cogliere il significato profondo di questi mutamenti per conferire alla politica il suo primato e in primo luogo la sua vera natura che è quella di restituire alle parole il loro autentico significato quando parliamo di democrazia, di libertà e di giustizia. (Centro studi politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni USA: clamorosa vittoria dei Repubblicani e di Trump

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

hillary-clintonDopo Brexit, ecco Donald Trump. Ma non solo, i repubblicani trionfano al Congresso e anche in caso di pareggio tra i grandi elettori, la strada verso la Casa Bianca è ormai spianata per il miliardario newyorchese. Sgomento tra i media liberal e i mercati finanziari di tutto il mondo.La corsa per la Casa Bianca è in dirittura d’arrivo e a vedere il traguardo, contro le previsioni della vigilia, è Donald Trump. Il tycoon ha mantenuto la posizione nelle roccaforti repubblicane, ha vinto il confronto con Hillary Clinton negli swing state – in particolare in Ohio e Florida – ed è persino riuscito a fare propri alcuni Stati che i pronostici assegnavano senza troppi dubbi ai democratici. I seggi si sono appena chiusi (alle 7, ora italiana) in Alaska. Ma nel resto degli Stati lo spoglio è ormai avviato a conclusione. E il quadro che emerge dai risultati è impietoso per Hillary Clinton e il suo staff: dopo otto anni di presidenza Obama, il nuovo inquilino di 1600 Pennsylvania Avenue tornerà ad essere un membro del Great Old Party, seppure decisamente fuori dagli schemi e arrivato al successo nonostante l’ostracismo di una parte del suo stesso partito, si legge su “il Corriere della Sera“. Anche il voto popolare, ovvero il consenso complessivo raccolto su scala nazionale al di là dell’assegnazione dei grandi elettori su base maggioritaria e territoriale, conferma lo stato di grazia di «The Donald»: l’alfiere dei conservatori ha messo insieme il 48,3% delle preferenze, contro il 47,2% della sua contendente. (fonte: Redazione del Secolo d’Italia)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Muore Umberto Veronesi, una vita dedicata alla lotta ai tumori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

veronesiMuore Umberto Veronesi, una vita dedicata alla lotta ai tumori Dopo una lunga vita spesa a combattere il cancro, si è spento a novant’anni, ne avrebbe compiuti 91 il 28 novembre, Umberto Veronesi. L’oncologo è deceduto nella sua casa milanese, da alcune settimane le sue condizioni di salute si erano progressivamente aggravate. Veronesi ha rivoluzionato il mondo della ricerca contro il cancro con la sua creatura, l’Istituto Oncologico Italiano, e con la teorizzazione di una nuova tecnica, la quadrantectomia, per la guarigione dal tumore al seno. Nato a Milano nel 1925, si laurea in medicina e chirurgia nel 1950. Lavora all’Istituto dei Tumori del capoluogo lombardo e ne diventa Direttore Generale. Poi dopo la Scuola Europea di Oncologia nel 1982, fonda lo Ieo, l’Istituto Oncologico Italiano, inaugurato nel 1991 e diventato presto un esempio per la cura e la prevenzione del cancro a livello internazionale. Qui ha teorizzato e promosso l’utilizzo della tecnica della quadrantectomia per combattere il tumore alla mammella, un intervento a impatto estetico – e quindi psicologico – meno invasivo, ma tanto efficace quanto la mastectomia, ovvero l’asportazione chirurgica. Negli ultimi anni ha lavorato sul miglioramento della radioterapia, introducendo quella intraoperatoria che si esaurisce in una sola seduta durante l’intervento. Difensore dei diritti degli animali, sostenitore del testamento biologico nonché dell’eutanasia, nel 2003 ha creato la fondazione Veronesi per sostenere la ricerca e la divulgazione scientifica. È stato anche ministro della Sanità durante il governo Amato, dal 2000 al 2001, e Senatore dal 2008 al 2011. Ha ricevuto tredici lauree honoris causa, nazionali e internazionali. Molti i messaggi di cordoglio dal mondo politico e da quello scientifico. «Addio a Umberto Veronesi, grande scienziato uomo di valore, che ha insegnato alle donne come vincere e difendersi dal cancro. Un abbraccio affettuoso ai suoi cari» ha scritto in un tweet il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. «Una grande perdita per tutta l’oncologia italiana» ha commentato il presidente dell’Associazione italiana di oncologia medica, Carmine Pinto. «Veronesi è stato tra i padri fondatori dell’oncologia del nostro paese – sottolinea Pinto – con un impegno continuo per lo sviluppo della ricerca di base e clinica, per l’umanizzazione delle cure in oncologia e, in particolare, per lo sviluppo della chirurgia e delle terapie conservative del carcinoma della mammella». Per il cancro alla mammella, prosegue il presidente Aiom, «è stato uno dei propulsori e innovatori riconosciuti a livello internazionale». «Ne ricordiamo anche – conclude Pinto – l’impegno come ministro della Sanità, con un’importante azione intrapresa per razionalizzare le cure, in particolare quelle oncologiche, nel nostro Paese». (Marco Malagutti – fonte doctor33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hillary vs Trump: il colpo finale al sogno americano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

hillary-trumpBy Beppe Grillo. La crisi del mondo occidentale nella peggiore delle rappresentazioni possibili. Crisi non significa più opportunità, ma soltanto paura, così stiamo diventando anche noi? Potrebbe essere di no se riusciremo a mantenere la democrazia in Italia. Fra tutti i modi possibili di interpretare la crisi del mondo occidentale questo è il più angosciante e sconcertante.Gli italiani, da tempo immemore, sono persuasi del fatto che gli USA siano sempre avanti, avanti in tutto. Con Hillary e Trump si conferma questo dogma: sempre avanti, oltre, così avanti che siamo ancora nell’ombra della statua della libertà. Oggi però, se alzo gli occhi è diventata nera, cupa e triste. La bandiera stelle e strisce, negli ultimi anni, si è trasformata lentamente nell’immaginario di molti di noi, oggi rappresenta solo irragionevolezza e crude espressioni di paura nella “home of the brave”.Come da noi?
No, in Italia l’alternativa all’asservimento ed al ridicolo cinismo ha la forma del M5S il cui tessuto è la partecipazione reale ed il sogno: cambiare per noi non significa lasciar cadere nel vuoto gli esseri umani. Per noi cambiare vuol dire rinforzare la democrazia ed il welfare: nessuno dev’essere lasciato indietro.Una versione horror del Titanic: i rappresentanti del privilegio, dei ricchi e dei potenti, sono aggrappate fra loro istericamente, mentre si lasciano andare ad espressioni di odio, paura e insensatezza. Non è una scelta ma soltanto un museo delle cere che si sono trasformate in walking dead. Questo triste spettacolo e’ la conferma del declino del mondo occidentale.Hillary e Trump sono entrambi poco credibili, entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno. Il potere di un presidente negli USA e di fare danni all’estero. Sul versante interno basta guardare Obama: non ha cambiato nulla. La terra delle opportunità si è trasformata gradualmente in un paese con oltre 2 milioni e mezzo di carcerati, milioni di poveri e illusioni sempre più scollate dalla realtà: spero che questa rissa elettorale non sia l’atto finale.Se uccidi la classe media in America non resta nulla, soltanto caos.L’inesistenza del concetto di opposizione in America può portare a brutti sogni e realtà ancora peggiori. In Italia, se non fosse per noi, sarebbe lo stesso. È vero che gli americani sono avanti a noi: Berlusconi doppiato in un colpo solo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto “Toni Fidanza & Gianluca Caporale Duo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

istanbulIstanbul (Turchia) Mercoledì 9 novembre 2016, alle ore 19, presso il teatro della casa d’Italia dell’Istituto Italiano di Cultura, Meşrutiyet Caddesi no:75, a Istanbul, si esibiranno in concerto “Toni Fidanza & Gianluca Caporale Duo”, uno dei sodalizzi jazz più apprezzati in Italia e all’estero.L’iniziativa è promossa dal CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica), in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul e fa parte del progetto “Suono Italiano 2016 – Jazz Session” realizzato con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo-Direzione generale per lo spettacolo dal vivo e sotto la direzione artistica di Lucio Fumo.Toni Fidanza è un pianista, compositore e arrangiatore, diplomato in pianoforte e specializzato in musica jazz grazie ad un corso biennale tenuto da Franco D’Andrea presso il Centro Professione Musica di Milano. Attualmente è anche docente di pianoforte presso diverse realtà di formazione musicale in Italia. Gianluca Caporale invece è un sassofonista jazz, esperto anche di clarinetto, che si è diplomato al Conservatorio di musica “A. Casella” dell’Aquila sotto la guida di Piero Iacobelli.L’unione artistica di questi due artisti ha dato vita, due anni fa, al progetto “La musica ispira la musica” che è orientato verso sonorità “aperte” del jazz sperimentale completamente improvvisato alla musica classica, con spunti, rimangi musicale e incursioni nel repertorio jazz “standard” con l’obiettivo di ricercare e creare nuove sonorità.”Il CIDIM – dichiara Lucio Fumo, Presidente del CIDIM – grazie al grande interesse nazionale e internazionale che stanno suscitando i nostri artisti jazz, per la prima volta, sta promuovendo un’articolata serie di concerti che vedono impegnati alcuni tra i migliori musicisti italiani del settore affiancati da giovanissimi interpreti. Tutto questo ci sta incoraggiando a proseguire nella promozione di questo straordinario repertorio e delle giovani promesse musicali del nostro paese”.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stagione teatrale: Cartellone del Teatro di Documenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

Roma Teatro di Documenti via Nicola Zabaglia, 42 Scrive Carla Ceravolo Direttore Artistico – Teatro di Documenti: Siamo soddisfatti del cartellone che abbiamo composto che racchiude un’offerta ampia e diversificata, dove, al primo posto, vi è sempre la drammaturgia contemporanea, con una presenza sempre maggiore della musica: suonata, cantata e anche raccontata. Tra i protagonisti della stagione tanti artisti che costituiscono delle presenze fisse del cartellone del TdD e nuove figure che hanno presentato delle proposte davvero stimolanti. Amiamo individuare all’interno del nostro programma delle sezioni a cui il pubblico è già abituato. Come stor’inventa che comprende gli spettacoli che traggono spunto da eventi o personaggi della storia passata: La recita di Caligola di Victor Sagat, uno squarcio del tutto inaspettato sul potere del teatro, Isabella di Elisa Cassanelli che esplora la personalità della grande regina di Castiglia, Brigantesse di Edoardo Ricciardelli sulle tracce delle donne di Basilicata e Campania di due secoli fa, Emozioni sensoriali, un misterioso viaggio nelle viscere di Roma ideato da Gabriella Nicolosi e I venti dell’est di Michele Zaccagnino, due monologhi al tempo della Cortina di Ferro. In neo-classic rientrano versioni teatrali sperimentali che rinnovano grandi testi del teatro o della letteratura, come Lo zoo di vetro di Williams o 24 ore nella vita di una donna da un racconto di Zweig, entrambi per la regia di Rosario Tronnolone, o Finale di partita di callas2Beckett diretto da Nicola Ragone che poi, con Roberto Aldorasi affronta Leonce e Lena di Büchner come tappa finale di un workshop per attori; mentre in Addio vecchia romantica Guittalemme, omaggio di Silvana Bosi ai nomadi del teatro, si incrociano D’Annunzio, Pirandello e Niccodemi. Il consolidato e imperdibile appuntamento con teatr’opera, quest’anno raddoppia. Siamo felici di proporre, da cinque stagioni, l’opera lirica in versione agile e con un biglietto super popolare. Ad esibirsi saranno ancora dei giovani artisti che sulla scena del Documenti hanno l’opportunità di affrontare i ruoli che richiedono il massimo impegno e grande talento, e anche di questo andiamo fieri. Passioni d’opera, regia di Anna Cuocolo e in collaborazione con il Conservatorio di Vibo Valentia, è un viaggio tra le arie operistiche più belle e trascinanti dedicate alle passioni che scuotono l’animo, interpretate da voci nuove. Con il Conservatorio di Frosinone va in scena Madama Butterfly di Puccini, una tra le opere più amate che, grazie alla regia di Stefania Porrino e alla direzione musicale di Silvia Ranalli, viene trasposta in un allestimento “leggero” adatto allo spazio del Teatro di Documenti. La musica, però, a volte, basta evocarla, raccontarla, per creare emozioni, e così abbiamo coniato la sezione not’a teatro. Siddharta Prestinari da anni è l’applaudita interprete di Bruna, la governante di Maria Callas in Vissi per Maria di Roberto D’Alessandro, insomma, un vero spettacolo cult. A 50 anni dalla pubblicazione dell’album Revolver dei Beatles, Davide Verazzani sviscera le canzoni del disco svelandone segreti e retroscena. Liberamente tratto da Gaber-Luporini, Claudio Beghelli in Qualcuno era… dimostra l’inossidabile attualità dei testi di quello straordinario duo. Con teatro del presente indichiamo quei lavori nati sull’impulso di un’urgenza fortissima, un teatro che non si può rimandare. maria callas2Come un bollettino di guerra, i delitti orrendi contro le donne vengono snocciolati con maniacale assiduità dai media, per cui è giusto celebrare il 25 novembre, giornata contro la violenza sulla donne, con La ballata delle infelici spose di Elena Fanucci. In White only, una contaminazione tra teatro, danza e la poesia di Neal Hall, sono i diritti dei Neri, misconosciuti nella società americana, a salire alla ribalta. In Comunismo, addio? i personaggi di Stefania Porrino si incontrano e scontrano instillando via via nello spettatore la voglia di mettere in discussione valori e convinzioni. La malattia mentale è a tutt’oggi uno dei principali tabù, ma Francesca Romana Miceli Picardi la guarda in faccia e la smaschera, la chiama con il suo nome, questo in Più ( + ) o meno ( – ) io. Tvatt di Luigi Morra ci porta all’origine della violenza fisica, attraverso registri comici e grotteschi. In ambito fantasy Feet Fantasy di Monsieur David è una sorpresa per grandi e piccini che lascerà tutti a bocca aperta. Ma per gli spettatori più giovani le proposte si moltiplicano. Il cartellone per bambini e ragazzi include, di Anna e Carla Ceravolo, Raccontami una storia e Barbablù, scritto in rima e messo in scena con l’ausilio di ombre, maschere e musica dal vivo, Il gatto con gli stivali di Piera Fumarola che richiede la partecipazione attiva dei piccoli spettatori e Colombina si marita ovvero… Pulcinella inventa la pizza! di e con Sabrina Ceccobelli e Franco Laotan che rivela la vera storia del piatto più amato del mondo.
Il programma formativo quest’anno si arricchisce. Docente storico del TdD, il regista Paolo Orlandelli tiene il Corso di Recitazione aperto anche a chi non ha mai avuto esperienza di palcoscenico, per lavorare alla messinscena di un testo che verrà presentato al pubblico a fine corso. Il Workshop in due fasi tenuto da Roberto Aldorasi e Nicola Ragone è rivolto ad attori e si incentra sulla messinscea di Leonce e Lena di Büchner che verrà rappresentato in aprile.
E ancora… Favolando, un corso di gioco-teatro per i piccolissimi tenuto da Prilla, al secolo Piera Fumarola.E per gli eventi, a dicembre, al TdD, approda Nops Festival, ideato e organizzato da Nogu Teatro: sarà un’imperdibile occasione per cogliere i fermenti più nuovi del teatro italiano, alla scoperta di progetti, compagnie, testi…
In forma di mise en espace la scrittrice Patrizia Sisti presenta i suoi due ultimi romanzi in una formula assolutamente accattivante. Anche Danilo Gattai presenta il suo volume fresco di stampa Le statue di Armodio e Aristogitone: l’eros omoerotico dentro il valore civico.Dalla scorsa edizione il Premio Fersen alla nuova drammaturgia, nato a Milano per iniziativa di Ombretta De Biase, si è gemellato con il Teatro di Documenti di Roma che ad aprile ospiterà gli autori dei testi vincitori. Spero che condividerete con noi la vostra voglia di teatro.” (foto: callas)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il ritorno alla normalità per la gente del Kurdistan sarà una lunga strada

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

kurdistanFOCSIV da due anni è a fianco agli sfollati nei campi di Erbil, nel villaggio di Dibaga ed a Kirkuk. Il lavoro dei volontari italiani e locali è stato rivolto, dopo aver provveduto alle prime necessità nell’emergenza, ai minori preoccupandosi di allestire un asilo per i più piccoli, in modo che le madri potessero lavorare o frequentare dei corsi di cucito, avviare attività sportive per i più grandi in modo da essere occupati anche nel dopo scuola e di poter avere una vita il più possibile adatta a dei bambini e degli adolescenti e, infine, organizzare corsi di formazione e di lingua inglese e curda. Ci si occupa, soprattutto, dei più vulnerabili delle donne con neonati, alle quali spesso, a causa della mancanza del latte materno provocato dalla paura e dallo stress, viene fornito latte in polvere; un’attenzione particolare viene rivolta ai disabili, con cure specifiche e medicinali. A questo si aggiunge la distribuzione di cibo, suppellettili e indumenti, soprattutto quelli invernali, l’inverno in questa area è molto rigido e lungo. La campagna “Humanity. Esseri umani con gli esseri umani.” per il Medio Oriente si fa portatrice del messaggio di pace per la Siria lanciato da Papa Francesco a luglio 2016 in occasione della campagna di Caritas Internationalis “Syria: Peace is possible” e si unisce agli sforzi già presenti nell’area mediorientale per promuovere attivamente la risoluzione del conflitto armato, per instaurare un dialogo inclusivo e basato sul rispetto della dignità umana e per sostenere i paesi e le persone colpite dal dramma della guerra, in particolare gli sfollati, i rifugiati, le minoranze e le comunità ospitanti dei paesi limitrofi. 6 Soci insieme a FOCSIV – Associazione Francesco Realmonte, Celim Milano, ENGIM Internazionale, Fondazione Internazionale Buon Pastore, FMSI – Fondazione Marista per la Solidarietà Internazionale, Associazione Punto Missione – in un consorzio che supporta migliaia di persone in fuga dalla guerra siriana e irachena in terra curda, libanese, giordana e turca.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Moneyfarm: ecco i risultati dell’Indice di incertezza economico-finanziaria del III trimestre 2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

indice-incertezzaTorna l’analisi trimestrale di Moneyfarm che rivela il grado di incertezza economico-finanziaria trasmessa dai media e percepita dal pubblico. Moneyfarm, la società indipendente di servizi finanziari online, con sedi in Italia e nel Regno Unito, ha pubblicato l’Indice relativo al III trimestre 2016.Si ricorda che l’indice, realizzato grazie alla collaborazione con la società spin-off dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca Tabulaex S.r.l., è composto da due diversi indicatori:
· Indicatore di incertezza trasmessa dalle principali testate web nazionali – in particolare le sezioni economiche. L’analisi del III trimestre ha coperto quasi 12.000 articoli.
· Indicatore di incertezza percepita dalle persone, attraverso l’analisi dei tweet aventi a oggetto argomenti di natura economico-finanziaria. L’analisi del III trimestre ha coperto oltre 68 mila tweet.
I principali eventi analizzati in questo periodo in cui si evidenziano importanti picchi di incertezza sia trasmessa che percepita sono i seguenti:
· Effetti post Brexit (4-11 luglio)
· Dichiarazioni del presidente della Bce, Mario Draghi, inerenti agli aiuti di Stato alle banche e al rilascio della BCE dei dati sugli stress test delle principali banche europee (18-25 luglio)
· Dichiarazioni di Mario Draghi sulla reddittività bancaria e sorti di Deutsche Bank (26-30 settembre)
indice-incertezza1Da una prima analisi generale si nota che, nel III trimestre 2016, il mese con la più alta quota di articoli incerti è luglio (54%). L’incertezza nelle prime settimane di questo mese è dovuta agli effetti post Brexit, mentre nelle settimane successive gli eventi che scatenano tale clima sono le dichiarazioni di Draghi inerenti agli aiuti di stato alle banche ed il rilascio da parte della BCE dei dati sugli stress test delle principali banche europee.
– Effetti sulle borse del post Brexit (4-11 luglio 2016): l’incertezza è massima nelle settimane che seguono il referendum (23 giugno), nelle quali il tema predominante sui media è stato l’ultimatum della Bce a Londra e le sofferenze dei mercati.
– Dichiarazioni Draghi su aiuti di stato alle banche (18-25 luglio 2016): l’indicatore di incertezza registra il valore massimo pochi giorni dopo la data delle dichiarazioni (21 luglio), ovvero il 25 luglio. Si segnala inoltre che l’incertezza è dovuta anche all’attesa del rilascio dei dati sugli stress test delle principali banche europee (29 luglio).
– Dichiarazioni Draghi su redditività delle banche (26-30 settembre 2016): Le dichiarazioni sono state pronunciate il 22 settembre in occasione di una conferenza organizzata dall’European Systemic Risk World. L’indicatore registra un evidente trend di crescita a partire da metà agosto, raggiungendo il picco in data 26 Settembre. (indice incertezza)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vernissage A mon père: Anne Meier Bourgeois

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

anne-meier-bourgeoisVevey Switzerland Ce samedi 12 novembre à 19h Anciens-Fossés 8 LAC (Local d’art contemporain)A mon père: Anne Meier Bourgeois. Du 12 au 27 novembre, au LAC de Vevey, Anne Meier Bourgeois présente de récentes encres de chine, réalisées en souvenir de son père. De petits formats, tourmentés et sincères. En parallèle, avec l’aide de Nicolas Marolf, elle propose une sélection rétrospective des quinze dernières années de son œuvre. Née en 1956, Anne Meier Bourgeois n’a jamais cessé de créer. Il y a une quinzaine d’année, suite à une décompensation psychique, son univers s’assombrit. C’est alors que les vives aquarelles de sa jeunesse laissent place à des huiles et des dessins plus sombres : c’est l’expérimentation de la folie qui marque désormais son travail.Ses œuvres font notamment partie de la collection BCV et du fonds précieux de la Bibliothèque universitaire vaudoise. Elle a été, jusqu’à récemment, représentée par la célèbre galerie Nane Cailler de Pully. Anne Meier Bourgeois a par exemple exposé au Musée Jenish, à l’Espace Arlaud, au Musée d’art de Pully, au Café des Mouettes et avec le collectif Einzweidrei.
Accès Ruelle des Anciens-Fossés 8, dans la vieille ville de Vevey, à côté de la place du Marché. Gare CFF à 5 min à pied.Parking place du Marché,tarif réduit dès 18h. Jeudi 16h – 19h Vendredi 16h – 19h Samedi 10h – 17h Dimanche 14h – 17h (photo: Anne Meier Bourgeois)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Infezioni chirurgiche, dall’Oms le raccomandazioni per ridurle

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

Surgeons operating patient in operation theaterSono ben 29 le raccomandazioni pratiche dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per evitare le infezioni chirurgiche e contrastare il diffondersi dell’antibiotico-resistenza e alcune possono apparire sorprendenti. Dal documento Global Guidelines for the Prevention of Surgical Site Infection, redatto da venti esperti internazionali, si apprende infatti che, prima di affrontare un intervento chirurgico, i pazienti dovrebbero farsi una doccia ma non radersi e che gli antibiotici dovrebbero essere usati per prevenire le infezioni prima e durante l’intervento, ma non dopo. Queste guide hanno un valore inestimabile per proteggere i pazienti, afferma Marie-Paule Kieny, vicedirettrice generale dei Sistemi di salute e innovazione dell’Oms: «prevenire le infezioni chirurgiche non è mai stato così importante, ma è complesso e richiede tutta una serie di misure preventive». Di queste misure, 13 devono essere adottate prima della chirurgia e 16 dopo e spaziano da misure igieniche ad accorgimenti sul tipo di sutura da effettuare e quali disinfettanti usare. Quella di non utilizzare gli antibiotici dopo l’intervento chirurgico è una raccomandazione particolarmente importante, dato lo sviluppo sempre più frequente di forme batteriche resistenti ai farmaci, che mettono a rischio alcuni tra i principali risultati della medicina moderna, dai trapianti, alla chemioterapia, fino agli stessi interventi chirurgici. Le infezioni al sito chirurgico sono dovute a batteri che penetrano attraverso le incisioni praticate dal chirurgo e ogni anno minacciano la vita di milioni di pazienti. Nei Paesi a basso e medio reddito, più di un paziente chirurgico su dieci contrae un’infezione e in Africa le infezioni colpiscono una donna su cinque tra quelle che hanno un parto cesareo. Eppure, proprio uno studio pilota condotto in quattro Paesi africani ha mostrato che, mettendo in atto una selezione delle misure raccomandate dall’Oms, le infezioni al sito chirurgico si sono ridotte del 39%. Confortata da questi successi, l’Oms sta sviluppando una guida e un kit di strumenti che aiuteranno le autorità nazionali e locali a mettere in pratica le 29 raccomandazioni. (foto: sala operatoria) (fonte: doctornews33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Neoliberismo o populismo: non c’è altro?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

orti-urbaniBy Chris Carlsson. Sì, ci sono differenze tra Clinton e Trump, tuttavia milioni di persone, probabilmente la stragrande maggioranza, si sente tagliata fuori, abbandonata a domandarsi come riorganizzare la propria vita. Il sistema sta fallendo. Il mercato non è in grado di offrire risposte adeguate. La domanda allora è: in quale direzione possiamo trovare il cambiamento? “Non nella forma delle organizzazioni e dei partiti politici di massa che contestano direttamente il potere statuale (nonostante sforzi in questa direzione siano emersi in Spagna e in Grecia per esempio), ma piuttosto nella forma decentralizzata della rete di movimenti sociali difficilmente identificabili come tali…”. scrive Chris Carlsson. Neanche i grandi movimenti, che pure hanno mostrato uno sguardo diverso sul mondo, pensiamo a Seattle e a Genova 2001 (e che affondavano le radici nella straordinaria rivolta zapatista del ’94), sembrano rispondere alle attese dei più. In realtà, migliaia di persone ovunque “stanno portando il proprio tempo e la propria competenza fuori dal mercato del lavoro, dedicandosi a progetti utili e pratici con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita qui ed ora”. No, non possiamo limitarci a guardare il mondo con la lente delle elezioni. c’è un universo enorme, fatto creatività e compassione, cooperazione quotidiana e mutuo soccorso che si ostina a cambiare il mondo. (foto: orti urbani) (fonte comuneinfo.net)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Romanzo: La contessa rossa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

la-contessa-rossaRoma sabato 12 novembre, presso la libreria L’argonauta di Roma Via Reggio Emilia 89 e alla presenza dell’autore, l’ultimo romanzo di Niky Marcelli intitolato La Contessa Rossa, pubblicato da Teke Editori, la cui ristampa, dopo il successo della prima edizione, è in uscita in questi giorni in tutte le librerie e su Amazon. Saranno presenti Roberta Beta, in compagnia di Pino Ammendola, Saviana Scalfi e Marisol Gabrielli che ne leggeranno anche alcuni brani. Un’opera difficilmente etichettabile che utilizza un originale e avvincente montaggio narrativo per richiamare ritmi sicuramente più cinematografici che letterari ma che delinea sia risvolti noir che avventurosi, sia sofisticate intelaiature psicologiche che trame narrative amorose, il tutto condito da una interessante ricerca storica che denota una interessante maturità narrativa e una grande capacità di coinvolgere il lettore. Un’avventura ricca di personaggi e di colpi di scena, dove il thriller si intreccia continuamente con la commedia, il glamour con la suspense, lasciando il lettore ora divertito, ora senza fiato.
Come sempre, il riferimento alle proprie esperienze personali e giornalistiche di questo prolifico autore (che per Teke aveva già scritto L’ultimo swing ambientato invece nel mondo golfistico) produce nel lettore un’immersione senza fine nel flusso di eventi che si susseguono, seguendo un meccanismo di incertezza nel quale risiede la grande forza della scrittura che si scioglie, al solito, in un colpo di scena finale e che, nel corso dell’intera vicenda, riesce a mantenere sempre un occhio ironico sull’eterno ed epico conflitto tra bene e male.Come palesa Pino Ammendola nella sua acuta introduzione all’opera, Niky Marcelli ci fa viaggiare nel tempo e nello spazio proprio come i grandi romanzieri della nostra infanzia (…) realizza un “romanzo” nella sua accezione più pura, non cristallizzando mai il racconto, anzi dando al lettore la sensazione che la storia sia in continua evoluzione e che muti in tempo reale con il suo girare le pagine. (…) si ha quasi la sensazione che la storia sia influenzata dal nostro leggerla e come nei migliori hard boiled americani non sappiamo mai dove i protagonisti andranno a parare (…) In sintesi un romanzo da leggere tutto di un fiato come facevamo da ragazzi, per poi rimanere ad occhi aperti seguendo ancora nella nostra mente le avventure dei protagonisti.” Niky Marcelli, giornalista e scrittore, e’ nato a Milano ma si e’ trasferito quasi subito a New York e successivamente a Roma, dove ha risieduto fino al 2004, prima di coronare la sua vecchia aspirazione di andare a vivere in campagna.
Cronista investigativo e critico di spettacolo, è stato uno dei «padri fondatori», nonché caporedattore, del settimanale satirico e di controinformazione «La Peste», per il quale ha firmato numerose inchieste.
Ha collaborato successivamente con i quotidiani «L’Umanità», «Il Giornale d’Italia», «L’Avanti», «Libero»; con i periodici «Audrey», «Avvenimenti» e con molte trasmissioni di successo della Rai, tra cui «Via Teulada 66», «Piacere Rai Uno», «In Famiglia», «Domenica In».
Come autore ha firmato nel 1993 il primo varietà prodotto e trasmesso dall’allora Tele Monte Carlo: «Specchio delle mie brame» – in collaborazione con l’agenzia Elite di John Casablancas – e, in teatro, la commedia «Capolinea», rappresentata con successo nelle stagioni 1997/98 e 1998/99. Nel 2003, per i tipi di Maretti, è uscita la sua raccolta di racconti «Sotto la pergola del bar che non c’è più».
Dal 2004 al 2007 ha diretto l’agenzia web «Lo Sport». Dal 2003 al 2010 ha collaborato con il settimanale di satira politica «Veleno».
Attualmente lavora alla Rai, nella redazione di «Uno Mattina». Vive a Campagnano di Roma, piccolo borgo medievale alle porte della Capitale, in compagnia dei suoi libri e della sua collezione di auto d’epoca. (foto: la contessa rossa)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La ‘ndrangheta e le donne al Gutenberg di Catanzaro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

ndranghetaCatanzaro. All’incontro con lo scrittore Umberto Ursetta all’Itas Chimirri di Catanzaro si è discusso di donne di ‘ndrangheta, protagoniste del suo libro “Vittime e ribelli”. Lo scrittore è stato presentato dalla prof.ressa Maria Manuela Morelli, referente del Progetto Gutenberg dell’Istituto Chimirri, che ha posto subito l’accento sul ruolo della donna che vive e nasce in un contesto mafioso, e di come lo ‘ndranghetista la consideri, privata della sua personalità e soggettività, un oggetto di proprietà ed un mezzo asservito all’organizzazione criminale. La donna, sostiene la Morelli, che trasgredisce alle regole e disonora, e l’onore deve essere purificato con il sangue. Il compito di uccidere la donna spetta ai famigliari, perché il disonore ricade sulla famiglia. Nella cultura mafiosa ciò che conta è il non rompere la famiglia. Non sono ammessi separazioni o divorzi, ma questo attaccamento alla unità familiare è solo apparente; la donna è colei che trasmette i valori di appartenenza ai figli ed una donna che trasgredisce alle regole mafiose indebolisce il potere delle cosche. Nel libro lo scrittore vengono cita tanti casi di donne che saranno vittime di questa cultura di sangue, ma altrettanti casi di donne che diventeranno esempio di denuncia, di rottura contro questa cultura, che troveranno la forza di collaborare con la giustizia nell’amore verso i figli che vogliono sottrarre ad un futuro di criminalità. L’autore nel suo intervento chiarisce come attraverso il libro “Vittime e ribelli” si descriva la storia della ndrangheta al femminile, sostenendo che non si può capire la particolare natura mafiosa, se non si comprende il ruolo delle donne. Ursetta, una vita a insegnare diritto, ricostruisce in modo scrupoloso fatti, circostanze, indagini e processi. Quello che ha scritto è un libro di cui si sentiva il bisogno e che merita di essere letto. Lea Garofalo, Giuseppina Pesce, Maria ndrangheta1Concetta Cacciola, Simona Napoli sono nomi che grazie alla lettura di questo libro non possiamo dimenticare. Il loro esempio deve ricordare allo Stato che “le donne coraggio” hanno bisogno di una risposta. Non era mai accaduto, scrive l’autore a chiusura del suo volume, che “una donna vissuta in un ambiente di ’ndrangheta osasse rompere il silenzio e rivendicare il proprio diritto a parlare e a raccontare i crimini commessi dai componenti della sua famiglia. Quando si vede che in un’aula di tribunale ci sono tre donne ad accusare i famigliari di una delle cosche più potenti e pericolose della Calabria vuol dire che qualcosa di importante è accaduto, non tanto per ciò che queste donne raccontano in merito ai delitti compiuti dai loro uomini, ma perché rompono un tabù secolare, quello delle donne di ’ndrangheta chiuse in un silenzio tombale e rassegnate fin dalla nascita a subire qualunque imposizione. La rottura del silenzio da parte delle donne fa paura agli uomini d’onore, ma ancor di più gli fa paura il rischio di un possibile contagio”. Hanno partecipato all’incontro gli alunni delle classi 2°, 3L, 4E e 4M dell’Istituto “Chimirri”, che hanno rivolto domande e spunti di riflessione all’autore. In particolare, Martina, attraverso la scrittura facilitata, si è soffermata sull’immagine della scarpa con il tacco spezzato per sottolineare un semplice aspetto: violenza contro le donne e femminilità che vuole affermarsi nonostante tutto. (foto: ‘ndrangheta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ministro Lorenzin a San Giovanni Rotondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

lorenzinIl Ministro della Salute Lorenzin visiterà sabato 12 novembre alle ore 11:00, il presidio di riabilitazione “Gli Angeli di Padre Pio” di San Giovanni Rotondo, presso la struttura d’eccellenza dei Frati Minori Cappuccini. La visita del Ministro Beatrice Lorenzin avviene perché vuole rendersi conto di persona degli importanti progressi ottenuti dal centro di riabilitazione all’avanguardia de “Gli Angeli di Padre Pio” nelle prestazioni riabilitative assistite da robot. La Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus, da oltre 5 anni eroga, tra le altre, questa tipologia di prestazioni, mediante una dotazione tecnologica imponente e, in alcuni casi specifici, è stata individuata quale pilot user per il miglioramento dei software utilizzati dalle apparecchiature robotiche. Un passo importante per quanto riguarda questa branca della medicina se si considera che finora migliaia di cittadini italiani hanno dovuto far ricorso ai cosiddetti viaggi della speranza per sottoporsi a tali prestazioni con ingenti spese personali e per lo Stato italiano, che ha dovuto in parte assicurare il rimborso dei conti presentati da strutture estere per importi che mediamente si aggiravano intorno ai 24.000,00 euro mensili per paziente. La qualità dei robot presenti nella struttura e la professionalità degli operatori che, da anni, operano con tali apparecchiature, hanno consentito una diminuzione sensibile della mobilità extraregionale ed extranazionale dei cittadini della regione con notevole sollievo per la particolare e delicata utenza che si rivolge a tali servizi riabilitativi e, naturalmente, per le casse della pubblica amministrazione. L’esperienza acquisita sul campo, ha consentito a medici, ingegneri e professionisti della riabilitazione della Fondazione di attivare linee di ricerca specifiche in collaborazione con strutture rinomate a livello nazionale che hanno una dotazione tecnologica altrettanto importante; di presentare lavori scientifici a congressi e convegni di associazioni scientifiche nazionali; di collaborare con Università e, soprattutto, di proporsi alle stesse quale sede di tirocinio e formazione pratica per le attività integrative degli studenti. Un fondamentale passo avanti si è fatto il 7 settembre scorso, quando la Conferenza Stato Regioni ha dato il via libera all’approvazione dei nuovi LEA dopo 15 anni di attesa mentre l’11 ottobre, si è insediata la commissione per l’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza e la Promozione dell’Appropriatezza del Servizio Sanitario Nazionale. La commissione, che durerà 3 anni, è presieduta dal Ministro Beatrice Lorenzin e ne fanno parte anche i rappresentanti del Ministero della Salute, del Mef, del Consiglio Superiore di Sanità, dell’Iss, dell’Aifa, di Agenas e Regioni. Complessivamente si tratta di una svolta epocale. I nuovi LEA prevedono, tra le altre, l’erogazione di prestazioni riabilitative assistite da robot a carico del Servizio Sanitario Nazionale che la Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus eroga appunto già da oltre 5 anni. Oggi, la Fondazione è onorata di ricevere la visita del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin presso il Presidio di Riabilitazione d’eccellenza “Gli Angeli di Padre Pio” di San Giovanni Rotondo, che vuole rendersi conto direttamente dei progressi e risultati di questa realtà che, comunque, opera nell’ambito da oltre quarantacinque anni nei luoghi che più di tutti hanno avuto la fortuna di essere abbracciati dall’opera di San Pio da Pietrelcina. I Frati Minori Cappuccini della Provincia Religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio, hanno voluto continuare a percorrere una delle tante strade tracciate dal Santo nel segno dell’assistenza ai più deboli, agli svantaggiati, a coloro che vivono la sofferenza e cercano disperatamente sollievo. Con enorme sacrificio e con l’aiuto della gente che attraverso loro non manca mai di far sentire il proprio apporto solidaristico, essi hanno consentito alla Regione Puglia di essere tra le regioni all’avanguardia da questo punto di vista e di contribuire, limitatamente alle proprie possibilità, a diminuire i cosiddetti viaggi della speranza che tanto affliggono diverse famiglie, soprattutto del sud Italia. Il Ministro della Salute arriverà al Presidio “Gli Angeli di Padre Pio” alle ore 11:00 e sarà accolto dai Frati Minori Cappuccini guidati da fr. Francesco Langi, guardiano del Convento e vice presidente della Fondazione, dalla Direzione Esecutiva e da tutti gli operatori e degenti della struttura. Alla visita parteciperanno anche il Presidente della Regione, M. Emiliano, gli On. M. Lupi e A. Cera, il Rettore dell’Università degli Studi di Foggia M. Ricci, il Direttore Generale della ASL V. Piazzolla, il Direttore del Dipartimento di Riabilitazione della stessa ASL L. Trivisano e altre personalità politiche e istituzionali per un evento che premia gli sforzi di quanti hanno creduto, sin da subito, in questo progetto umano e scientifico.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pubblico impiego: “Da mesi si vive solo di proclami, senza alcun tavolo di confronto”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

medicoContinua la campagna mediatica del Governo sui rinnovi contrattuali e le nuove assunzioni del pubblico impiego. Da una parte non si stanziano le risorse necessarie per firmare il contratto e dall’altra si parla di nuove assunzioni quando in realtà si tratterà solo di stabilizzare i lavoratori precari già in organico negli ospedali. Nessuna nuova assunzione quindi, le condizioni lavorative per i lavoratori della Sanità non cambieranno. Il Governo ancora non dice come voglia procedere sulle stabilizzazioni per sanare le imminenti scadenze, a partire da quella dei 40 mila posti di lavoro con i contratti co.co.co che cesseranno ogni loro attività entro il 31 dicembre 2016 e successivamente gli 80 mila contratti a termine della Pubblica Amministrazione, in scadenza a fine 2018. “Le risorse messe a disposizione per i rinnovi contrattuali sono del tutto insufficienti, e la FSI si prepara già alla mobilitazione per dare battaglia per rivendicare un contratto vero e innovativo – dichiara il Segretario Generale Dario Luigi Cagnazzo – senza trascurare la forte preoccupazione sulle ricadute della Legge Brunetta nelle buste paghe dei lavoratori”. Sono ormai mesi che si vive di proclami, ma la triste realtà è che, ad oggi non esiste alcun tavolo di confronto con il Governo, né sono state presentate proposte per rilanciare il mondo del comparto sanitario ridefinendo i ruoli e le competenze dei vari professionisti che operano ogni giorno con abnegazione e professionalità nel SSN. “I lavoratori aspettano da 7 anni il rinnovo contrattuale, è un loro diritto che gli è stato negato da ormai troppo tempo – continua il Segretario Generale – se vogliamo rilanciare la sanità bisogna con responsabilità aprire immediatamente le trattative, questo chiedono i Lavoratori e nulla di più”. (foto: medico)

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incidenti stradali: tornano a crescere le vittime

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

incidenti stradali-2Aumentano le vittime della strada, rallenta il calo di incidenti e feriti. E’ quanto emerso dal workshop “Incidentalità stradale: strumenti innovativi nella misurazione e valorizzazione di nuove fonti per l’analisi del fenomeno” tenuto oggi a Roma da Istat e ACI, nel corso del quale sono stati resi noti i dati definitivi degli incidenti stradali, dopo quelli provvisori anticipati nel luglio scorso.
Nel 2015, per la prima volta dal 2001, è tornato a crescere (+1.4%) il numero delle vittime, a fronte di una flessione dell’1,4% degli incidenti e dell’1,7% dei feriti. In aumento anche i feriti gravi: quasi 16mila contro i 15mila del 2014 (+6,4%).
In totale nel 2015 in Italia si sono verificati 174.539 incidenti con lesioni a persone (478 in media ogni giorno), che hanno provocato 3.428 decessi (9,3/g.) e 246.920 feriti (478/g.). Rilevante l’aumento della mortalità nei grandi Comuni: +8,6%, nel complesso, il numero delle vittime nell’abitato. Motociclisti (773, +9,8%) e pedoni (602, +4,1%) le categorie con il maggior numero di vittime; in calo, invece, le vittime tra automobilisti (1.468, -1,5%), ciclomotoristi (105, -6,3%) e ciclisti (251, -8,1%).
Guida distratta, velocità elevata e mancato rispetto della distanza di sicurezza (nel complesso il 38,9% dei casi), i comportamenti errati più frequenti. Eccesso di velocità, mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e uso di telefono cellulare alla guida, le violazioni al Codice della Strada più sanzionate.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Alla Lateranense i nuovi programmi per una Chiesa 2.0

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

lateranense_ingressoRoma. Il 21 novembre partirà a Roma la terza edizione e la settimana precedente, lunedì 14 novembre, inizierà l’Edizione del Nord Italia – Francia e Svizzera in collaborazione con le diocesi di Torino e Novara. Una nuova sfida per la Pontificia Universitá Lateranense, che in collaborazione con la Villanova University di Philadelphia, prosegue nel percorso di approfondimento dei temi che rappresentano le prioritá di una Chiesa moderna e impegnata nelle opere di bene. Papa Francesco ha ricordato che «come l’amministratore fedele e prudente ha il compito di curare attentamente quanto gli è stato affidato, così la Chiesa è consapevole della responsabilità di tutelare e gestire con attenzione i propri beni, alla luce della sua missione di evangelizzazione e con particolare premura verso i bisognosi».
Sono cinque le aree di studio principali: progettazione dei bisogni della comunità, gestione delle risorse economiche, creazione e management del no-profit dell’impresa sociale, innovazione nella gestione delle risorse umane e nei processi organizzativi, comunicazione strategica. La sesta è il focus speciale dedicato ai migranti: dalla gestione dei flussi fino alla comunicazione che vada oltre la conoscenza e la sensibilizzazione. L’interesse sempre più vivo ed crescente sull’esperienza formativa è testimoniato anche dalla dimensione internazionale acquisita: sono già arrivate iscrizioni anche da Paesi come il Perù, Spagna, Francia, Germania oltre che da molte diocesi italiane. Rimane ancora qualche posto disponibile. Alla Scuola Internazionale di Management Pastorale viene ritenuto centrale il tema della povertà e della attenzione agli ultimi – come continua a sollecitare il Santo Padre – e si ritiene che pensando principalmente ad esso è possibile mettere in atto una riforma in chiave missionaria delle nostre strutture, organizzazioni, uffici diocesani, parrocchie, associazioni, istituti. Tutto ciò che la Chiesa è, ha e fa ha di mira esclusivamente la felicità degli infelici. Metteremo buone idee al servizio delle buone opera” dichiara mons. Enrico dal Covolo, Rettore della Pontificia Universitá Lateranense e continua: “la Chiesa di oggi e di domani é chiamata a fare ancora di piú la sua parte al servizio del “Bene fatto bene” come ogni giorno ci ricorda la Fede in cui crediamo”. Avere a cuore la felicità degli infelici implica quindi coniugare con equilibrio e qualità missionaria, la gestione dei beni umani e di quelli economici, soprattutto per coloro che hanno responsabilità nell’azione pastorale della Chiesa in un tempo dove viene richiesta più che mai trasparenza, competenza e corresponsabilità. Il Management Pastorale rappresenta infatti un sistema di pensiero pratico che integra elementi di imprenditorialitá, allo scopo di rivolgersi al bene comune e alla missionarietà all’interno di una logica di dono.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Unione Naz. Consumatori su manovra: dati Istat incompatibili con quelli Inps

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

istatSecondo il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, in audizione alla Camera sulla legge di Bilancio, “l’aumento della quattordicesima risulta concentrato nella parte meno ricca della popolazione: più dell’80% della maggiore spesa è destinato a individui che appartengono a famiglie nei primi tre quinti di reddito equivalente e soltanto il 4,5% all’ultimo quinto”. “Questi dati appaiono incompatibili con quelli dell’Inps. Secondo Boeri, infatti, in sette casi su dieci la quattordicesima va a persone che non ne hanno alcun bisogno. Al di là del fatto che considerare come bisognose anche le famiglie del terzo quintile appare improprio, è evidente che se le scarse risorse pubbliche vengono date anche a chi riesce ad arrivare a fine mese, non andranno in consumi. Il maggior reddito disponibile non si tradurrà in un aumento dei consumi ma in maggior risparmio, come è avvenuto finora per la gran parte delle misure del Governo Renzi” afferma Massimiliano Dona, segretario dell’Unione Nazionale Consumatori. “Per questo invitiamo comunque il Governo a dare sia la quattordicesima che le decine di bonus elargiti, da quello degli 80 euro al bonus bebè, sulla base del reddito Isee” conclude Dona.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conflitti d’interessi ai vertici dell’Inps

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

inpsLa USB Pubblico Impiego INPS ha inviato una lunga nota al Presidente del Consiglio, ai Ministri del Lavoro e dell’Economia che vigilano sull’attività dell’INPS e ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari di Camera e Senato per chiedere la rimozione di Tito Boeri e Massimo Cioffi dall’incarico di presidente e direttore generale dell’INPS, evidenziando l’imbarazzo che si vive all’interno dell’Ente di previdenza per il doppio conflitto d’interessi.Dichiara Luigi Romagnoli dell’Esecutivo nazionale della USB Pubblico Impiego INPS – “Dopo che a febbraio era uscita la notizia dell’indagine della Procura di Nocera sull’evasione di 40 milioni di euro da parte dell’ENEL in occasione di esodi incentivati gestiti da Cioffi, all’epoca capo del personale di quell’azienda, pochi giorni fa si è saputo di una presunta truffa ai danni dell’INPS da parte del Gruppo Editoriale l’Espresso, con il quale Boeri ha una duratura collaborazione professionale sospesa temporaneamente per svolgere l’incarico di presidente dell’Istituto di previdenza”.“Nella nota – prosegue il dirigente sindacale della USB – citiamo anche alcuni episodi che ci portano a sostenere che i ventuno mesi di governo dell’INPS da parte di Boeri sono stati tutt’altro che trasparenti”.“Il presidente dell’INPS – incalza Romagnoli – cerca di far passare scelte organizzative che mortificano il ruolo del direttore generale nel processo di selezione della dirigenza. Boeri e Cioffi sono ai ferri corti e questo contrasto produce uno stallo generale che incide negativamente sul livello dei servizi”.Conclude il delegato nazionale della USB – “Abbiamo chiesto al Governo la nomina di un Commissario straordinario e di un direttore generale che abbiano maturato esperienze professionali in campo previdenziale, in attesa di una governance che restituisca collegialità al governo dell’INPS. Infine abbiamo sottolineato che senza 6.000 nuove assunzioni nei prossimi quattro anni l’INPS non potrà più svolgere le proprie funzioni”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Cyber security: Yoroi sigla accordo con Ggrant Thornton Financial Advisory Services

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 novembre 2016

cyber securityYoroi, società leader nel settore dei servizi di cyber security annuncia di aver siglato un accordo di partnership commerciale con Grant Thornton Financial Advisory Services, società operante nel settore dei servizi di advisory.L’accordo vede Grant Thornton Financial Advisory Services offrire ai propri clienti l’importante servizio di protezione dagli attacchi informatici attraverso l’avanzato Cyber Security Defence Center gestito e costantemente rinnovato dagli analisti di Yoroi.“Quella con Grant Thornton Financial Advisory Services è una partnership unica nel suo genere che dimostra come il tema della cyber security non riguardi soltanto i reparti IT delle aziende, ma sia oggetto di grande attenzione da parte di tutto il management”, ha commentato Marco Testi, Responsabile Commerciale di Yoroi. “Sempre più frequentemente, infatti, le aziende subiscono attacchi che le soluzioni di sicurezza convenzionali, per lo più basate su appliance, non sono in grado né di interpretare, né di contenere. Questo accade perché, oltre alla tecnologia, è necessaria un’attività di analisi costante che soltanto l’uomo può svolgere ed è proprio in questa direzione che vanno i servizi che Yoroi propone”.“L’esperienza quotidiana con i nostri clienti ci conferma che la prevenzione e la protezione da attacchi informatici è una delle maggiori preoccupazioni dei vertici aziendali”, ha dichiarato Stefano Salvadeo, CEO di Grant Thornton Financial Advisory Services. “La gestione consulenziale di Yoroi è particolarmente affine alla nostra, siamo quindi lieti di poter offrire ai nostri clienti una soluzione innovativa che coniughi la professionalità degli analisti con i migliori software disponibili. Questo consentirà alla nostra organizzazione di poter ampliare la gamma dei servizi ad alto valore aggiunto forniti ai clienti nella prevenzione e gestione dei rischi aziendali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »