Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 17 novembre 2016

What does Brexit mean to Property Investors & Developers?

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

brexitA commentary from Rick Nicholls, Managing Director, Bastien Jack Group Ltd, UK property developer.Initial shock at the prospect of leaving the EU sent the markets into decline, but have they not reacted pretty much as anticipated? Never letting a crisis go without opportunity, selling high to force a low, and then buy back? Since then there has been some indication stability is returning to the markets though GBP to USD and Euro are still trading lower. This is a good thing for UK exports, making them more competitive, assisting those companies that rely on export markets to grow. The UK vote for Brexit probably doesn’t mean that the housing market in the UK is about collapse either. While some uncertainty in the short term may reduce house price growth, for the longer-term property investor, this could be a good opportunity for investing.In the 24 hours after the Brexit vote, the value of sterling fell on foreign exchange markets. Not by as much as predicted but by around 6% against the euro and 8% against the dollar. As I’m writing this, the pound is now worth €1.11. This fall means the European property investor has more sterling to spend.Demand for property, specifically in London from foreign investors is still likely to increase, interest has been high from China and Asia as their currency exchange has automatically allowed them a discount on current prices. This though is likely to bea short window of opportunity as we see markets recover from the initial shock.
There is concern that demand for housing will fall in London and the UK. However, parliamentary research produced for the 2015 Parliament put demand at between 232,000 to 300,000 new housing units per year through to 2020. Demand for new homes is exceeding supply by around 150,000 every year. This demand, fed by the number of new households created each year, is unlikely to fall below the level of supply.
One of the main negotiations the UK and EU will have to discuss is the free movement of people. Despite the ‘Leave’ campaign suggesting a limit to immigration, we now understand there needs to be movement but objective negotiations will have take place. This will form a significant part of the negotiations to leave the EU.Outside the EU, the Prime Minister’s current visit to India has the subject of immigration firmly on the agenda for a post Brexit trade deal.The uncertainty of the exact outcome of Brexit may cause the property investor a little nervousness, but the fundamentals for UK property remain strong.In terms of capital growth, there are a number of comparable data choices but the Real House price tracker provides more meaningful guide to house prices and has been adjusted for the effects of inflation over the same period. Results confirm the increases in house prices have risen faster than inflation, and includes the last recession where the fall can be seen as a correction when compared to the overall property performance.There has been widespread comment as to the likely effects on house prices, with falls of between 5% and 10% for areas outside London, though little evidence can be found to support this so far.
Annual rent rises too have accelerated in recent years and these are not limited to London. Bristol and Brighton both enjoyed increases, averaging circa 18% in 2015 compared to the previous year. The insurer Homelet reported similar rises in the North (Newcastle upon Tyne and Edinburgh) with around 16% over the previous year. Ultimately the increases are attributable to what’s happening in their specific area and will be influenced by strong fundamentals. Perhaps Hull can expect some positive growth when it is crowned City of Culture?
Rents in London have continued to rise with greater pace than other areas in the UK but have slowed since 2014, therefore a narrowing of the rent inflation gap between London and the rest of the UK.Even with the recent policy change for buy-to-let investors paying additional stamp duty, more people have turned to BTL investments perhaps as an alternative to low interest rates, bolstered with the knowledge the pace of house building has not kept up with demand therefore sustaining their investment. At the time of the referendum result, there was speculation the base rate would reduce from 0.5% to 0.25% which did take place in August. The Bank of England indicated they would consider reducing further if the economy worsened, which so far has not been the case. It was also confirmed at the time, they also would add money to support confidence and restrict banks freezing liquidity, if not this would probably cause a further credit crunch and restrict mortgage finance. The governor of the Bank of England, Mark Carney, confirmed the reserve of £250bn can be made available if required.Carney further commented the substantial capital held and large liquidity gives banks the flexibility to continue to lend to businesses and individuals even during challenging times. This suggests provision and safeguards are in place to maintain current lending to suit demand.Since the referendum, the markets have rallied well and only recently fallen as investors are perhaps concerned that central banks around the globe are easing up on the monetary policies given the uncertainty of the US election result.In the UK, mortgage approvals by the main banks increased in September after a 19-month low in August. They were lower than the year before but speaking with our local agents, they suggest it’s down to a lack of supply of new build property rather than purchasing confidence.There are four main areas for focus as we get to grips with the prospect of the UK outside the EU.
1) Calm – we have some indication this is already with us; the markets do seem to have calmed. This is probably due to all the positions the markets took on ‘Remain’ have now well and truly played out. It’s not over yet though, the volatility is set to continue until Article 50 has been triggered and a new directional plan from the government for the UK to leave is known.
2) Change – Nothing ever stays the same, what works for today may not be right for tomorrow. A pertinent example is Kodak, they tried to ignore new technology hoping it would go away by itself on the basis of it being too expensive, too slow, too complicated etc. It wasn’t and their market changed irreversibly in a relatively short period of time, moving from wet film to digital technology.
3) Opportunity – Leaving the EU does provide opportunity. With price correction, there is opportunity to procure better land deals than prior to the referendum, as there may be fewer developers with available funding. Contractors had full order books and build costs had become very high prior to the referendum. We are aware some development contracts have been cancelled as a result of Brexit. Therefore, there might be more opportunity to reduce build costs as price elasticity plays out. The current volatility will ease. The fact the UK has to build more houses to meet demand won’t change.
Bastien Jack Group Ltd has a strong project pipeline and always procures sites which have strong fundamentals and in areas where people want to live. There is a huge amount of due diligence which goes into every site appraisal including courting many local agents and advisors to confirm local demand and Gross Development Values. Speaking with agents in our pipeline areas, they have confirmed confidence is still strong and enthusiastic house viewings are still going ahead. As long as lending is still being offered and liquidity remains within the economy, there remains a great opportunity for us to progress.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Hotel Technology Summit opens with reaffirming commitment to next-gen travellers experience

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

nasebaAt a time when many hospitality brands in the Middle East are dealing with economic uncertainty, it is vital to turn to innovation and technology adoption in order to maintain healthy profit margins and even continue to stimulate growth.Today, hospitality leaders from the Middle East gathered at the Park Hyatt in Dubai for the 20th edition of Hotel Technology Summit, organised by business facilitation company Naseba, in partnership with Hospitality Financial & Technology Professionals (HFTP) – the leading global hospitality association and organisers of HITEC, the world’s largest hospitality technology show.
Nancy Wolff, Vice President – Hotel Systems at Jumeirah Group, opened the tech talk discussing the latest technology trends and the need for hoteliers to carefully evaluate upcoming technical opportunities and choose only those that will guarantee an increase in market share and guest experience.As the summit was chaired by Lyle Worthington, CHTP, Global President at Hospitality Financial and Technology Professionals (HFTP), he also moderated a panel discussion on “Smart hospitality solutions to increase profitability in turbulent times”, and noted that as occupancy rates are decreasing, hoteliers are on the lookout for the most effective tools to increase market share, cut costs and acquire and retain guests.After a strong panel discussion, a talk show highlighted the latest technologies to wow guests, improve customer experience and reduce costs while increasing efficiency with the help of Prashant Dutta, Vice President of Information Technology at Mövenpick Hotels and Resorts, and John Rees, Senior Director of Operations MENA at Marriott International. Questions were fired back and forth between the audience and speakers as the attendees tried to understand some of the major trends that are having a large impact on the hospitality industry in the Middle East by making technology infrastructure more flexible and improving overall guest experience.The second panel discussed the most effective practices to secure hotels from cyber threats, featuring contributions from Jeroen Wisse, IT Director Middle East at Accor Hotels Middle East; Nigel Hattersley, Regional Director of IT at Starwood Hotels & Resorts; Roy Verrips, Area Director of Information Systems at Hyatt Hotels; and Mahmoud Kamal, Chief Information Officer at Al Habtoor Hotels.Wisse noted “As in any sector, cyber security within hotels and hospitality businesses is no longer the sole responsibility of IT departments. Cyber security awareness and the mitigation of cyber threats is now, at least in part, the responsibility of every department, and of each individual who handles data as part of their duties. Guests trust us with their private information, and the protection of that information is vitally important in order to maintain that trust.” The interactive panel discussion was followed by a networking business lunch and open business meetings which incorporated live product demonstrations by leading technology solution providers. Attendees concluded the day with a series of interactive round tables and departed with a real sense of progress. They delved into key topics for today’s hoteliers, including hotel asset and inventory management using RFID; innovations in data storage and processing to boost revenue; mobility and cloud computing; and how smart networks can streamline hospitality supply chains. The roundtables benefited from the input of seasoned hospitality leaders like Dimitris Petinos, VP Marketing and International Sales at MCOM Media Communications, Ismail AlKamal, Chief Executive Officer of Nawatt, Emmanuel Clavé, VP GCC & India, Product Director Mobile App / EPOS at Xn protel Systems, Mohammed Ayaz, Division Manager ELV Systems at Ateco.The 20th Hotel Technology Summit was supported by leading sponsors including Ateco, Nawatt, Xn protel Systems, Akamai Technologies, Idiso, Al Maria, MCOM Media Communications, Network International, Pagero and Infor. (photo: naseba)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Border and Coast Guard multiannual programme

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

europa comunitariaFrontex’ multiannual programme for 2017-2019 will be presented to the Civil Liberties Committee on Thursday morning 11.30-12.30 by Fabrice Leggeri, Executive Director of Frontex. MEPs will also debate the implementation of the new European Border and Coast Guard regulation.The plans to upgrade the EU border control system, bringing together the EU’s Frontex border agency and national border management authorities, was endorsed by MEPs on 6 July 2016. The purpose of the new system is to ensure that the EU external borders are safer and better managed. Under the new mandate, national authorities will still manage their borders on a day-to-day basis but, if their EU external borders are under pressure, they will be able to seek help from the new European Border and Coast Guard Agency (EBCG). A rapid reserve pool of at least 1,500 border guards and a technical equipment pool will be put at the disposal of the Agency. The European Border and Coast Guard Agency was officially launched the beginning of October, less than a year after it was first proposed by the Commission.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Digital contractors are a source for staying ahead in the game

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

londonLondon. The gig economy in the UK has grown by around 14 per cent in the past few months alone. It is a flexible working model where freelancers are hired to adapt to changing business requirements. According to the latest ONS Labour Market figures, the number of self-employed people between July and September this year increased by 213,000 to 4.79 million, equating to 15.1 per cent of all people in work.
Digital is becoming the backbone of many businesses and talent is a key component to executing digital strategies. Investment in contractors has increased, as the IT skills gap has widened. Digital trends such as Mobile technologies, Big Data, IoT, Cloud Computing and Cyber Security are shaping the workforce of a business. Digital disruption is encouraging business leaders to seek digital contractors who have the deep domain knowledge and skills set to bring new products and services to market faster.Businesses are increasingly turning to digital as a way to find new revenue streams and drive business growth. Insufficient investment within the workforce holds back innovation and development. Technology is constantly evolving and businesses need a team who are always at the forefront of the latest innovation.CEO and Founder of Gibbs S3, Farida Gibbs comments: “In order to digitally transform, businesses need to create a culture of innovation which can be delivered by building agile teams to manage digital projects. By outsourcing digital projects you have access to the best skills and experience on the market, allowing you to stay ahead of the curve.”Farida continues: “Acquisition of talent has become more fluid and flexible. Businesses have a dynamic workforce which can scale up and down according to different business requirements. Digital has changed the business model and we are seeing that technology is not becoming one aspect of business, but how business is being integrated into technology. Technology is encompassing all aspects of a company and is a driver of success. Businesses need to partner up with the right specialists to leverage the right expertise on an ad-hoc basis – when they want, where they want and how they want.”
Gibbs S3, also known as GS3, is a privately held, certified Woman-Owned Business Enterprise (WBE) and Ethnic Minority Controlled Business (EMB) founded in 2005 by CEO Farida Gibbs. Headquartered in Surrey and with offices in London, Manchester and Cheshire, Gibbs S3 has pioneered a hybrid approach to workforce solutions that includes IT staff, business change and project solutions. Through its partnership with leading American firm S3 in 2009, Gibbs S3 now has global reach and can offer services across the world. The company is headquartered in the UK and has operations in North America and Eastern Europe. It most recently established an offshore/onshore development centre in Lithuania. The UK operations are a major driver in the company’s global growth, with turnover increasing by 38 per cent in 2014, far outstripping the market growth of 6-7 per cent estimated by industry analysts SIA. UK revenue is due to reach £46m in 2015, with a global revenue of £180m. Gibbs S3 combines the agility of a start up with world-leading resources, and the US operations were recently ranked as the 17th largest staffing form in the country by SIA.Gibbs S3 is a tier 1 supplier to FTSE100 clients and its globally aligned model allows it to meet the ever growing requirements and needs of its worldwide customer base, with global brands across sectors including oil and gas, pharmaceuticals, consumer goods and financial services.Its suite of services includes RPO (Recruitment Process Outsourcing), SOW (Statement of Work), payroll services, project solutions and MSP (Managed Service Provisions), and it is a contingent labour master supplier. The company prides itself on innovation and quality at speed, with an emphasis on the importance of customer care.
Gibbs S3 is the only corporate-level firm to be certified and Ethnic Minority Controlled Business (EMB) by MDSUK and has also been certified as a Woman-Owned Business (WBE) by WEConnect. The firm has also received ISO 27001 and 14001 certifications for information security management and environmental management.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lectio inauguralis:“Dalla descrizione alla sintesi del vivente”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

parma universitàParma martedì 22 novembre alle ore 16 in Aula dei Filosofi (Palazzo Centrale dell’Ateneo – via Università 12) lectio inauguralis del Centro Universitario di Bioetica dell’Ateneo di Parma. “Dalla descrizione alla sintesi del vivente”. Relatore sarà Carlo Alberto Redi, Professore ordinario di Zoologia all’Università di Pavia e Accademico dei Lincei, da anni impegnato principalmente nel campo della genomica funzionale. A introdurlo saranno il Rettore Loris Borghi e il Direttore del Centro Universitario di Bioetica Antonio D’Aloia.
Il Prof. Redi interverrà su uno degli argomenti che oggi più dividono la comunità scientifica nel settore delle scienze della vita. La nuova tecnica di genome editing (CRISPR-Cas9) è infatti considerata rivoluzionaria perché consente di modificare la sequenza delle basi che compongono il DNA di un essere vivente: proprio per questo è anche oggetto di forti preoccupazioni etiche collegate al suo potenziale uso sull’uomo.Alcuni autorevoli scienziati hanno chiesto una moratoria sull’uso biomedico della nuova tecnica, ancora immatura e rischiosa, e la rivista “Science” ha pubblicato on line l’appello di un gruppo ricercatori (tra i firmatari il premio Nobel per la medicina David Baltimore) sulla necessità di definire misure (policy) appropriate, come ad esempio linee-guida e criteri etici comuni sul genome editing, che per molti scienziati ha un potenziale straordinario e prospetta grandi benefici per le generazioni future
Carlo Alberto Redi è Professore ordinario di Zoologia all’Università di Pavia e Accademico dei Lincei.
È stato componente della Commissione Nazionale di Studio sull’utilizzazione delle cellule staminali, presieduta da Renato Dulbecco; dal 2006 al 2010 è stato direttore Scientifico della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo su nomina dell’allora Ministro Livia Turco. Nel 2007 è stato nominato membro del Comitato Nazionale Biosicurezza, Bioterrorismo e Scienze della Vita.
Sul piano scientifico ha lavorato soprattutto nel campo della genomica funzionale. È stato a capo del gruppo di ricerca che con il professor Ryuzo Yanagimachi ha partecipato alla clonazione del primo topo, Cumulina.È editorialista scientifico di alcuni dei principali quotidiani italiani (“Corriere della Sera”, “La Stampa”). Tra i suoi libri più conosciuti, anche dal grande pubblico, “Il biologo furioso. Provocazioni d’autore tra scienza e politica”.
Il Centro Universitario di Bioetica dell’Ateneo di Parma (UCB – University Center of Bioethics), recentemente istituito, si propone di svolgere un ruolo di coordinamento e di promozione della ricerca bioetica in Ateneo, attraverso il metodo del confronto interdisciplinare e pluralistico. Vi aderiscono docenti e ricercatori di tutte le aree coinvolte nella riflessione bioetica.
Finalità principale del Centro, diretto dal Prof. Antonio D’Aloia (ordinario di Diritto Costituzionale e docente di Biodiritto), è l’approfondimento delle questioni di ordine etico, medico, sociologico, giuridico ed economico connesse allo sviluppo delle scienze e delle biotecnologie applicate alla persona umana (ingegneria genetica, biologia sintetica, neuroscienze, robotica, nanotecnologie), ai progressi della medicina (procreazione, decisioni di fine vita, trapianti e donazioni di organi), alle prospettive della salute come diritto individuale e interesse collettivo (dignità del malato, diritto di rifiutare le cure, consenso informato, medicina predittiva, TSO). A questo nucleo fondamentale dei temi bioetici, il Centro affiancherà l’analisi dei problemi legati alla cosiddetta “bioetica della sopravvivenza”, che consente di recuperare alla dimensione tematica del progetto questioni legate alla sostenibilità ecologica e ambientale, alle diseguaglianze nell’accesso ai beni primari per la vita e la dignità umana (acqua, cibo, assistenza sanitaria), alla tutela degli animali.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Perquisizioni Gdf per finti permessi

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

firenze“Oltre che nei confronti delle aziende cinesi e dei professionisti coinvolti, le misure interdittive andrebbero emesse nei confronti dei politici che hanno permesso, con le politiche delle porte aperte e della tolleranza illimitata, che nelle nostre città si siano create delle vere e proprie enclave dell’illegalità dominate da etnie di ogni tipo”. E’ quanto afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Toscana Giovanni Donzelli, commentando l’operazione messa in campo stamani dalla Guardia di Finanza su provvedimento della magistratura in cinque regioni italiane, i cui coinvolti vivono per la maggior parte nella provincia di Prato. “Mentre assistiamo all’ennesimo fatto di cronaca del genere – sottolinea Donzelli – le istituzioni a guida Pd continuano a permettere gli sbarchi e a parlare di accoglienza. Si tratta di scelte mirate appositamente a favorire il business dell’immigrazione, e che non hanno alcuna altra logica nell’interesse dei cittadini italiani. Da anni denunciamo con i sopralluoghi nei capannoni cinesi tra Prato e a Firenze la grave situazione: tutt’oggi in Toscana, come in molte altre regioni d’Italia, pullulano i casi di aziende straniere a cui, in nome della tolleranza e di una finta integrazione, vengono concessi veri e propri privilegi che mai sarebbero permessi alle aziende italiane oneste che pagano le tasse – conclude Donzelli – questo sistema deve essere al più presto spezzato per restituire giustizia e legalità ai nostri imprenditori e cittadini”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Confeuro: il governo è ammalato di annuncite

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

confeuroLa patologia di questo governo, malato di “annuncite”, si sta acuendo sempre di più e, “casualmente”, si aggrava proprio nel corso della campagna referendaria. L’ultimo colpo in questo senso è stato dato con l’annuncio del premier Renzi di voler garantire “la decontribuzione totale per chi assume al Sud”. Evidentemente – continua Tiso – l’esecutivo non crede nell’intelligenza degli italiani e si è convinto che un governo non eletto possa ottenere la fiducia dei cittadini con la sola forza degli annunci. La verità però è ben diversa è verrà palesata il 4 Dicembre. A parlare chiaro per questo governo sono i fatti; nonché gli effetti deleteri del Jobs Act e di tutte quelle misure adottate per migliorare i conti delle banche e delle multinazionali a discapito della cittadinanza. Come Confeuro – conclude Tiso – siamo assolutamente certi che non basterà “l’annuncite” per salvare un esecutivo che fino ad ora è abilmente riuscito a sfuggire alle proprie responsabilità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immigrati: “galline” dalle uova d’oro

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

immigrati“La manovra economica di quest’anno prevede 796 milioni di euro per le attività di soccorso in mare, 2,4 miliardi di euro per le spese di accoglienza, 547 milioni in sanità e istruzione, 395,7 milioni per il Fondo nazionale per le politiche ed i servizi dell’asilo, 170 milioni di euro per il Fondo per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Quanto viene destinato al fondo per il rimpatrio? Appena 2,8 milioni di euro, praticamente zero! Questo perché è evidente che i flussi migratori che arrivano in Italia alimentano un business che Renzi non ha intenzione di stroncare. Il sottosegretario Gozi la pianti di prendere per i fondelli gli italiani scaricando i mancati respingimenti sull’Europa. Gli stati nazionali possono molto, se vogliono, come dimostrano queste cifre e l’Italia di Renzi non intende tirare il collo alla ‘gallina dalle uova d’oro’”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Giunta Capitolina adotta schema Bilancio di Previsione 2017-2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

campidoglioLa giunta capitolina, nella tarda serata di ieri, ha adottato lo schema di bilancio 2017-2019 presentato dall’assessore al Bilancio e al Patrimonio Andrea Mazzillo. Il documento è corredato dalle delibere propedeutiche, dallo Stato di attuazione dei programmi e dal Dup (Documento unico di programmazione), tutti approvati durante la riunione di ieri. Viene così rispettato il termine di legge che fissa al 15 novembre l’adozione in giunta del bilancio di previsione triennale e si avvia l’iter che dovrà condurre, entro le scadenze previste dalla normativa, all’approvazione in Assemblea Capitolina.
“A Roma non era mai accaduto, almeno negli ultimi dieci anni, che la giunta adottasse lo schema di bilancio di previsione rispettando i termini di legge – sottolinea la sindaca Virginia Raggi – Il Campidoglio potrà avere il provvedimento definitivo di programmazione economica triennale entro le date indicate dal legislatore. E’ una novità rivoluzionaria per la Capitale, che la pone in testa agli altri grandi Comuni italiani. Ed è un segnale dei principi di legalità e trasparenza ai quali la nostra amministrazione vuole improntare le politiche di bilancio”. “In passato i bilanci di previsione venivano approvati ad anno già iniziato – continua Raggi – Nel frattempo si amministrava con l’esercizio provvisorio, in dodicesimi, che produceva somme urgenze e debiti fuori bilancio, creando non solo un danno per i conti ma anche alla correttezza delle procedure di spesa, con un ricorso abnorme agli affidamenti diretti. Stiamo lavorando per far sì che queste prassi rimangano lontani ricordi”. “Avremo invece la possibilità di programmare la spesa per il prossimo anno e i successivi. Una spesa che già a partire dal 2017, pur nella ristrettezza di risorse e con il peso dell’eredità del passato, si caratterizzerà per l’attenzione ai trasporti, ai servizi sociali, ai più fragili, ai territori e in particolare alle periferie. Altro aspetto che emerge chiaramente sta nella volontà di non innalzare la pressione fiscale che grava pesantemente sulle spalle dei cittadini romani: viene già ridotta la tariffa sui rifiuti, mentre rimangono invariate tutte le altre”, conclude la sindaca. Il progetto di bilancio verrà ora condiviso con i Municipi e poi sottoposta agli organi dell’Assemblea Capitolina, a partire dalla commissione competente: ci sono dunque gli spazi per accogliere eventuali modifiche successive avanzate dagli stessi assessori, dalle strutture territoriali e dai consiglieri comunali.
“Ora si apre una fase partecipata per illustrare sul territorio lo schema di bilancio e le linee guida che lo ispirano – annuncia l’assessore Mazzillo – Abbiamo cercato di dare priorità alle esigenze dei Municipi recepite nel corso dell’anno acquisendo in maniera strutturale le variazioni di bilancio intervenute per integrare le somme stanziate dalla precedente amministrazione, risultate insufficienti. raggiUno sforzo ulteriore è stato compiuto per stanziare 10 milioni di euro, sempre per i Municipi, per investimenti su manutenzione delle strade e della caditoie”. “In seguito, l’amministrazione intende intraprendere una serie di azioni che potranno produrre effetti positivi già nel corso dell’esercizio 2017: tra queste ci sono l’adozione di nuovi regolamenti per gli impianti sportivi e per le concessioni, che produrranno un reddito importante per garantire le manutenzioni del patrimonio e l’adeguamento delle strutture dedicate allo sport. Sempre in tema di patrimonio, l’azione amministrativa non sarà mirata solo al recupero di risorse ma anche alla creazione di valore sociale attraverso iniziative che vadano a favorire la presenza, all’interno degli spazi di proprietà del Campidoglio, di realtà che svolgono servizi per la collettività – aggiunge Mazzillo – Nonostante i vincoli finanziari e una spesa sostanzialmente ‘ingessata’, quindi, cominciamo a dare dei segnali ben precisi sulla strada che intendiamo intraprendere. E che potrà dispiegarsi pienamente già nel corso dell’anno prossimo”.
Cala la tariffa sui rifiuti. E’ quanto prevede la delibera propedeutica al bilancio con cui è stato approvato il “Piano finanziario 2017 e determinazione delle misure della Tassa sui rifiuti (Ta.Ri)”. I cittadini avranno dunque un risparmio in bolletta compreso tra l’1,5% e il 2%.
Nessun aumento è invece previsto per le altre tariffe dei “servizi pubblici a domanda individuale”, oggetto di un’altra delibera propedeutica licenziata dalla giunta.
In premessa va considerato che il bilancio di previsione va normalizzato rispetto alle entrate non ripetitive, ovvero a quelle risorse disponibili una tantum e che non saranno presenti negli anni successivi: si tratta dei fondi trasferiti nel 2016 per lo svolgimento del referendum (31,3 milioni di euro) e per il Giubileo (57,2 milioni di euro). Depurate di queste poste, le entrate correnti ammontano a 4.438.657.752 euro. Stessa premessa va fatta per le spese, che vanno normalizzate rispetto alle poste una tantum: si registra così una spesa corrente complessiva di 4.639.773.936. L’equilibrio di parte corrente viene comunque garantito nell’ambito del quadro generale riassuntivo allegato allo schema di bilancio.
I risparmi più rilevanti derivano dalla spesa per Servizi istituzionali, generali e di gestione: si tratta dei costi della macchina amministrativa, che vengono diminuiti attraverso una serie di azioni positive che produrranno efficientamento e riduzione degli sprechi. Tra queste si segnalano: la riduzione dei costi delle utenze per circa 12 milioni, da conseguire attraverso la centrale unica degli acquisiti e la centralizzazione dei contratti; il decremento delle spese di gestione del patrimonio per circa 5,2 milioni; le minori risorse per il funzionamento degli organi istituzionali per quasi 4,5 milioni, la riduzione dei fitti passivi per circa 3 milioni.
atac-romaCon riferimento alla spesa per Istruzione e diritto allo studio la riduzione di circa 15 milioni di euro milioni di euro è imputabile principalmente al risparmio sul costo per redditi da lavoro (circa 7 milioni di euro) derivante dall’operazione di stabilizzazione di educatrici e insegnanti. A questo si aggiunge un altro risparmio su contratti di servizio e manutenzioni per quasi 5 milioni di euro complessivi. Ma va segnalato l’incremento degli stanziamenti per la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici previsto nel piano triennale degli investimenti.
La riduzione di circa 6 milioni di euro per Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali verrà compensata con l’adozione di un nuovo Regolamento sulle concessioni, i cui proventi saranno prioritariamente destinati a questo capitolo di spesa.
La contrazione di quasi 11,7 milioni di euro per Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente trova giustificazione soprattutto nel minore contributo da parte della Regione Lazio per la raccolta differenziata (9 milioni di euro).
Grande attenzione viene dedicata al Trasporto pubblico locale, per il quale sono previsti maggiori stanziamenti per quasi 6 milioni di euro.
Quanto alle Politiche sociali per la famiglia si renderanno disponibili maggiori risorse per 39 milioni di euro. Si registra infatti, rispetto a quanto stanziato nel precedente bilancio di previsione per il 2016, una leggera flessione della spesa per circa 6 milioni di euro. Allo stesso tempo, però, si segnalano risparmi per oltre 45 milioni di euro: derivano principalmente da minori spese per supplenti asili nido (11 milioni), a fronte della stabilizzazione degli insegnanti; dai minori fondi per le Residenze sanitarie assistenziali e riabilitative (24 milioni), rispetto alle quali si procederà a un’operazione di accertamento meraviglie di romadelle reali esigenze dei beneficiari nonché ad attivare una nuova regolamentazione.
L’amministrazione capitolina conferma l’assoluta priorità riconosciuta ai Municipi e ai servizi sociali erogati sul territorio e, in particolare, nelle periferie. Pertanto, nel bilancio di previsione, per il 2017, vengono stanziati oltre 230 milioni di euro, 28 milioni in più di quanto iscritto nel bilancio di previsione relativo al 2016. Nonostante la scarsità di risorse da destinare agli investimenti, inoltre, si sono individuati fondi per 10 milioni di euro che verranno distribuiti ai Municipi al fine di realizzare interventi su strade e viabilità: il contributo a ciascuna struttura territoriale verrà erogato sulla base della superficie di strade di sua competenza.
Il Piano degli investimenti 2017-2019 stanzia circa 481 milioni di euro per l’intero triennio. E’ stato sviluppato, nel rispetto dei vincoli finanziari, privilegiando l’inserimento degli interventi che sono oggetto di finanziamento da parte di altre amministrazioni o di soggetti privati, e che devono essere avviati nel corso del triennio preso in considerazione; l’assicurazione della prosecuzione delle grandi opere infrastrutturali pluriennali, quali la linea C della metropolitana, per la quale intervengono in veste di finanziatori lo Stato e la Regione Lazio oltre a Roma Capitale; l’individuazione, insieme alle Strutture del Campidoglio, della scala di priorità degli interventi in relazione alla salvaguardia dell’incolumità pubblica e alla capacità di realizzazione concreta degli stessi. La voce di
gran lunga più consistente riguarda il Trasporto pubblico locale, per il quale vengono stanziati oltre 366 milioni di euro. Seguono i servizi istituzionali, generali e di gestione per 38,7 milioni e l’Istruzione e il diritto allo studio per 28 milioni. Oltre 18,3 milioni di euro vengono invece destinati a interventi per la Tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali: si tratta di interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio storico e culturale della Capitale, per i quali l’amministrazione conta di sviluppare partnership con soggetti pubblici e privati che possano ulteriormente contribuire alla sua salvaguardia.
Roma Capitale registra debiti fuori bilancio per circa 215 milioni di euro. Nel 2016 si potrà procedere al riconoscimento di tali debiti, ereditati dalle precedenti amministrazioni, solo a seguito della concessione di spazi finanziari da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, sempre riconosciuti in passato. In ogni caso, i debiti non destano preoccupazione perché gli accantonamenti al Fondo passività potenziali sono in grado di assicurarne il pagamento nel 2017, anno in cui il Campidoglio avrà comunque gli spazi di finanza necessari.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salute e benessere nel settore automobilistico

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

biometricsI progressi nella biometria trasformeranno radicalmente l’esperienza di guida, la salute e il benessere e la sicurezza di veicoli entro il 2025. Poiché 1 su 3 nuovi veicoli passeggeri inizia ad essere dotato di funzioni di riconoscimento delle impronte digitali, riconoscimento dell’iride, riconoscimento vocale, riconoscimento dei gesti, monitoraggio del battito, monitoraggio delle onde cerebrali, rilevamento dello stress, monitoraggio della stanchezza, monitoraggio delle palpebre, monitoraggio facciale e rilevazione del battito cardiaco, grazie a tecnologie built-in, brought-in e basate sul cloud, l’ecosistema della biometria in ambito automobilistico farà un balzo in avanti. Le principali case automobilistiche e i fornitori di primo livello devono stare al passo con le tecnologie, i modelli di business e le normative che danno forma a questo spazio dinamico.“Le partnership tra case automobilistiche e aziende che producono dispositivi indossabili si tradurranno in una più rapida diffusione degli strumenti biometrici nel settore automobilistico, consentendo alle case automobilistiche di risparmiare sulla spesa per la ricerca e sviluppo in ambito biometrico, creando allo stesso tempo nuove possibilità di crescita per le aziende produttrici di dispositivi indossabili”, afferma Joe Praveen Vijayakumar, analista di Frost & Sullivan. “Emergeranno anche nuovi modelli di business tra cui dispositivi-come-servizi e salute-come-servizio.”L’analisi intitolata “Biometrics in the Global Automotive Industry, 2016–2025”, parte del programma Automotive & Transportation Growth Partnership Service di Frost & Sullivan, rileva che le case automobilistiche e i fornitori stanno investendo in strumenti biometrici avanzati basati su concetti di interazione uomo-macchina come il linguaggio naturale e il riconoscimento dei gesti. Stanno anche integrando in modo verticale e finanziando start-up rilevanti per costruire un portafoglio più forte.Per accedere gratuitamente a maggiori informazioni su questo studio e registrarsi per un Growth Strategy Dialogue, un rapporto interattivo gratuito con i leader di pensiero di Frost & Sullivan, si prega di visitare: http://frost.ly/143. “L’urbanizzazione continuerà ad alimentare l’enfasi posta sulle funzionalità dei sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) basati sulla biometria per districarsi nel traffico pesante assicurando, allo stesso tempo, sicurezza e confort”, osserva Praveen. “Tuttavia, le preoccupazioni dei clienti relative alla sicurezza dei dati sensibili raccolti attraverso gli strumenti biometrici porteranno i fornitori ad investire anche in soluzioni di sicurezza informatica per aumentare la propria credibilità e rafforzare la crescita.” Attualmente, alcuni degli innovatori emergenti nell’ambito della biometria per il settore automobilistico sono:
Empatica – con il suo orologio che monitora i segni vitali dei conducenti con una storia di epilessia e prevede un attacco prima che accada
Gestigon – con un sistema software per interpretare un gran numero di movimenti del conducente e trarre informazioni concretamente utili
Optalert – con occhiali che utilizzano i raggi infrarossi per monitorare gli occhi del conducente e rilevare l’insorgenza di sonnolenza
Sober Steering – con sensori che possono essere incorporati nel volante per controllare se il conducente è ubriaco e se il tasso alcolemico è entro i limiti consentiti
Vigo – con auricolari intelligenti in grado di monitorare i movimenti della testa per monitorare distrazione, postura incassata e sonnolenza del conducente (foto: biometrics)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

porta nuova milanoMilano. Il 1 dicembre 2016, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, COOPI organizza il convegno “L’impegno dell’Italia nella lotta globale contro l’AIDS”, alle ore 10.30 presso la Sala Verdi del Palazzo delle Stelline, a Milano, con la collaborazione dell’Osservatorio Italiano per la Lotta contro l’AIDS e del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, e con il patrocinio del Comune di Milano.Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. In questi anni grazie ai progressi della medicina le persone sieropositive o affette da AIDS hanno avuto nuove speranze per la loro prospettiva di vita. Purtroppo, invece, nelle zone più povere del nostro pianeta, AIDS, tubercolosi e malaria continuano a essere malattie ancora letali. In queste regioni interviene il Fondo Globale, di cui anche l’Italia è membro. Il Fondo è uno dei principali partenariati internazionali ed è riuscito a unire diverse realtà quali governi, istituzioni e società civile. Riflettere sul ruolo che i governi, in modo particolare quello italiano, possono giocare in questa lotta globale è lo scopo del convegno. L’occasione è giusta per presentare anche a Milano il Policy Paper “Il Fondo Globale: un’opportunità per l’Italia, una risorsa per le future generazioni”. L’evento, moderato da Luca Mattiucci, giornalista del Corriere della Sera e responsabile Corriere Sociale, si apre con i saluti del Sindaco di Milano, Beppe Sala*, di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali del Comune di Milano, e del Presidente di COOPI, Claudio Ceravolo. Una presentazione del rapporto è fornita da Stefania Burbo, Focal Point dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Massimo Galli, Prof. Ordinario Malattie Infettive Università di Milano e Vicepresidente ANLAIDS Lombardia e Sara Faroni, Associate Specialist, Global Fund External Relations. Le vite salvate nei paesi in cui il Fondo Globale opera dal 2002 al 2014 sono state più di 17 milioni e fanno ben sperare sulle possibilità di debellare AIDS, tubercolosi e malaria. Tale speranza è viva anche attraverso le buone pratiche portate avanti dalle Ong che hanno realizzato i loro progetti contro l’AIDS e le altre pandemie nelle zone del mondo più povere. Nel corso del convegno, i rappresentanti di COOPI – Cooperazione Internazionale, CUAMM Medici con l’Africa e Comitato Collaborazione Medica (CCM), raccontano le esperienze sul campo in Somalia, Tanzania e Angola . “La lotta contro la tubercolosi è stata una delle prime attività svolte da COOPI nel territorio somalo.” – precisa Claudio Ceravolo, Presidente di COOPI – “La nostra presenza è costante dal 1981 e dal 2003, grazie alla collaborazione con il Fondo Globale, siamo intervenuti in diverse strutture sanitarie.” Chiudono il convegno gli interventi di Lia Quartapelle, Deputata e Membro della Commissione Esteri alla Camera e del Senatore Roberto Cociancich*, sull’impegno che l’Italia sta assumendo nella lotta contro l’AIDS. Il nostro Paese è tornato negli ultimi anni ad investire nel Fondo Globale e nel corso della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo, tenutasi il 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, ha annunciato un impegno di 140 milioni di euro per il triennio 2017-2019. “È una promessa molto importante perché l’Italia ha un ruolo fondamentale da giocare per la sua esperienza e le sue capacità”, conclude Stefania Burbo, focal point dell’Osservatorio Italiano per la lotta all’AIDS. L’ingresso al convegno è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Debito cinese: dalle stelle alle stalle

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

grafico-cinaLa Cina ha un problema di debito. Quello pubblico sarà ancora relativamente modesto, ma dalla crisi finanziaria globale quello del settore privato è quasi raddoppiato in proporzione al prodotto nazionale, fino a sfiorare il 205% del PIL. Quest’onere crescente, costituito soprattutto da finanziamenti alle imprese, offusca le prospettive del Paese e fa temere un’ondata di default che potrebbe provocare una crisi interna con effetti devastanti per il mondo intero.Il problema quasi sicuramente peserà sull’economia cinese, causando un rallentamento della crescita al di sotto del 5% annualizzato entro la fine del decennio, ma non dovrebbe rappresentare un rischio sistemico né entro né oltre i confini nazionali. Probabilmente, infatti, il governo spalmerà i danni nell’arco di parecchi anni.Tuttavia, molto dipende dalla velocità di riconoscimento dei crediti inesigibili, dalla definitiva allocazione dei costi e dalla capacità di Pechino di controllare il processo – il margine di errore è tutt’altro che trascurabile.
La soluzione del problema non può essere rimandata a lungo. A fronte di una crescita economica più lenta e degli inquietanti livelli di indebitamento delle imprese (168% del PIL a fine 2015, la percentuale più elevata fra i principali Paesi in via di sviluppo), i crediti inesigibili della Cina poterebbero lievitare in fretta.Particolarmente preoccupante è l’espansione del debito privato rispetto al trend di lungo periodo (debito in eccesso), oggi superiore al 30% del prodotto nazionale. Tal parametro si è dimostrato un indicatore attendibile di gravi problemi finanziari. L’esperienza dimostra che l’economia va molto male quando il debito in eccesso raggiunge il 10% del PIL.
Generalmente si osserva un crollo della crescita subito dopo il superamento di tale soglia, seguito da una ripresa con la stabilizzazione a un ritmo più lento. Le nostre ricerche evidenziano un calo del PIL reale annuo medio dell’1,3% nei sette anni successivi al raggiungimento della soglia del 10% rispetto ai sette anni precedenti. Inoltre, più sostenuta era la crescita prima del momento di crisi, maggiore è il rallentamento del PIL tendenziale. Il debito in eccesso della Cina ha superato il 10% del PIL nel secondo trimestre del 2012. Quando altri Paesi hanno raggiunto la stessa soglia, i loro tassi di crescita hanno evidenziato la tendenza a un forte calo. Nel caso della Cina la frenata è stata meno brusca, ma l’effetto netto è stato più drammatico: la crescita è passata da un tasso annuo medio dell’11% negli anni precedenti la soglia critica al 7% attuale. E la decelerazione continua. Secondo le nostre stime, l’espansione annua del PIL reale si ridurrà al 4-5% entro il 2020.Tale flessione è in parte la naturale conseguenza del precedente boom della Cina – più cresce l’economia, più è difficile mantenere il ritmo, ma è dovuta anche ai perniciosi effetti di cattivi investimenti.Negli ultimi dieci anni le autorità cinesi hanno spesso usato l’espansione del credito come stimolo economico. Ma il potere di ogni nuovo renminbi di debito si è affievolito. Oggi occorrono 3,7 renminbi di debito (per lo più di aziende grafico-cina1pubbliche o controllate dallo Stato – per generare un renminbi di PIL. Prima della crisi ne bastava 1,2 e, fra il 2000 e il 2010, 1,7 in media. Anche se la minore redditività è un normale sintomo di maturazione dell’economia, in Cina l’effetto è stato esacerbato dagli errori commessi nell’allocazione del capitale. La pianificazione centrale ha portato a un eccesso di capacità produttiva in alcuni settori, in particolare costruzioni, metalli e carbone. Le nuove città cinesi a oggi disabitate, come Ordos, e i progetti infrastrutturali rimasti cattedrali nel deserto hanno fatto notizia come esempi perfetti di investimenti sbagliati.
A nostro parere, comunque, le autorità cinesi potrebbero e probabilmente riusciranno a gestire il problema del debito delle aziende con una serie di provvedimenti. Una possibile misura consentirebbe il fallimento delle società improduttive ed eccessivamente indebitate, così da ridurre la capacità del mercato e aiutare le aziende superstiti a generare i profitti necessari al rimborso dei debiti. Attualmente il tasso di default delle imprese cinesi si attesta a un mero 0,3%. In generale, l’economia è in grado di sostenere un tasso di circa il 2% senza ripercussioni significative. Le banche in difficoltà a causa di tali insolvenze dovrebbero essere ricapitalizzate. Dopo tutto, sono per lo più istituti statali. Nello stesso tempo, circa due terzi del debito corporate in circolazione sono detenuti da aziende pubbliche. Per il governo sarebbe quindi naturale rifondere i crediti inesigibili di queste aziende.Il risultato sarà un drastico aumento del rapporto fra debito pubblico e PIL, che d’altra parte si attesta appena al 45%. Inoltre, l’esperienza recente di altri Paesi indica la sostenibilità di livelli molto elevati per un lungo periodo. Nella peggiore delle ipotesi, secondo noi, Pechino dovrebbe salvare metà delle aziende pubbliche, un’operazione che porterebbe il rapporto debito / PIL al 100%, al di sotto del 132% dell’Italia e del 248% del Giappone ma anche del 105% degli USA, stando agli ultimi dati dell’FMI. Peraltro, le autorità stanno già regolamentando il sistema bancario ombra del Paese, che rappresenta ormai una fonte di rischio sistemico, nonché i prodotti di gestione patrimoniale spesso opachi, un punto di riferimento per i risparmiatori retail. Nel frattempo, la liberalizzazione dei conti capitale sarà limitata nel timore di ingenti flussi.
Nel caso della Cina si sono verificate solo due di queste condizioni. Ad esempio, l’anno prima che la Thailandia fosse travolta dalla crisi finanziaria asiatica, il debito estero aveva raggiunto il 67% del PIL. Quello della Cina, invece, si attestava appena al 13,1% nella seconda metà del 2015. Nel periodo precedente la crisi finanziaria globale, USA, Spagna e Irlanda presentavano un tasso di risparmio privato di appena il 20% circa del PIL. Quello della Cina è ben al di sopra del 50%. Infine, i prezzi degli immobili hanno visto un’impennata nelle città più importanti, ma le distorsioni non si sono diffuse ad altre aree – le bolle immobiliari sono spesso associate a crisi finanziarie.(foto: grafico cina)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

30 esperti a Bruxelles per discutere delle migrazioni qualificate

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

bruxelles-1Bruxelles. Il Centro Studi e Ricerche Idos e l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” sta organizzando a Bruxelles, il 29 novembre, presso la sala in Rue Montoyer 1/32 / Montoyerstraat, Bruxelles /Brussel 1000 (Metro Troon / Trône), una giornata europea di studio sulle migrazioni qualificate degli italiani che si recano all’estero e dei cittadini stranieri che vengono in Italia. L’iniziativa si pone in continuità con le precedenti esperienze di Idos, realizzate in America Latina, in Africa, in Asia e in diversi Stati membri dell’Ue e anche in Ucraina.A spostarsi dall’Italia sarà un gruppo di 30 operatori, mediatori interculturali e studiosi impegnati in campo migratorio in rappresentanza delle aree territoriali dell’Italia, di diverse università, dell’Istat, dell’associazionismo immigrato e del mondo della mediazione interculturale. Sono stati invitati a partecipare i rappresentanti della comunità italiana in Belgio e delle strutture che operano al suo interno (associazioni, istituti di patronato, Comites, Cgie e Missione cattolica italiana), oltre al Consolato e all’Istituto Italiano di cultura.La trasferta dall’Italia è stata realizzata con il sostegno del Parlamento europeo e il coinvolgimento dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”, che di recente ha pubblicato un’ampia ricerca sulle migrazioni qualificate (Edizioni Idos, giugno 2016).L’europarlamentare Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura, ha previsto un incontro informale con i parlamentari dell’intergruppo Povertà e Diritti Umani e una visita guidata alle strutture del Parlamento.
Nel tardo pomeriggio avrà luogo il convegno sul tema “Italiani all’estero e immigrati in Italia: il volto qualificato delle migrazioni attuali”. In questa circostanza saranno messe a disposizione dei partecipanti le copie del volume Le migrazioni qualificate in Italia: ricerche, statistiche, prospettive (Edizioni Idos, giugno 2016) e la scheda riassuntiva del Dossier Statistico Immigrazione 2016 (Edizioni Idos, ottobre 2016).Dopo le introduzioni dell’on. Silvia Costa e del presidente dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” Antonio Iodice e le tre relazioni iniziali seguirà, con il coordinamento delle organizzazioni promotrici, un dibattito di cui saranno protagonisti i convegnisti venuti dall’Italia e i rappresentanti delle diverse organizzazioni della comunità italiana in Belgio. A concludere i lavori sarà il presidente di Idos Ugo Melchionda.In questa occasione verrà presentata la nuova ricerca, di cui l’Istituto “S. Pio V” ha deciso di farsi carico per commemorare il 60° anniversario del Trattato di Roma, con la previsione di una sua presentazione a Bruxelles nel mese di marzo 2017 nell’ambito di una nuova giornata di studio europea.Istruzione, sviluppo, tecnologia, imprenditoria, globalizzazione, emigrazione ed immigrazione: queste le parole chiave dell’incontro del 29 novembre, che si avvarrà della messa a disposizione dei dati più aggiornati sulla situazione italiana a confronto con quella europea. Per i giornalisti sono state predisposte delle schede di sintesi.
Il tema delle migrazioni qualificate evidenzia, ancora una volta, il rischio di dispersione delle ingenti risorse impiegate per la formazione dei lavoratori ma anche le straordinarie opportunità che possono derivare da una loro più ampia valorizzazione.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È uscito il libro “Spiritualità minimalista – La fede e le religioni”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

chiesa-evangelica-luteranaLa Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, saluta con piacere l’uscita di “Spiritualità minimalista – La fede e le religioni”, volume di 115 pagine, scritto da Uwe Habenicht e pubblicato da Claudiana, in vendita a Euro 12,90 (sul sito http://www.claudiana.it e presso le librerie Claudiana, ma anche presso altri rivenditori online e offline).Nel testo, il pastore luterano Uwe Habenicht delinea le caratteristiche di una spiritualità semplice ed essenziale – sovente espressa con la metafora di quel particolare tipo di comunità ospitale che è l’albergo diffuso, fatto di case preesistenti messe in rete – per accogliere viaggiatrici e viaggiatori, anche non credenti, con appartenenze e itinerari diversi.Una spiritualità nuova che aiuti ad affrontare e le sfide che l’umanità, come ogni singolo individuo, si trova a dover affrontare in questo secolo e che l’autore descrive nel primo capitolo del suo libro, facendo spesso riferimento – con vero spirito ecumenico – alle parole di Papa Francesco e alla sua Enciclica Laudato si’: la sfida ecologica, determinata dal nostro vivere oltre i limiti della capacità rigenerativa del pianeta; la sfida economica causata dall’incremento di povertà e ingiustizie; la sfida esistenziale dell’individuo disorientato ed esausto da stili di vita sociali che condizionano la qualità della vita personale; la sfida del dialogo e del reciproco riconoscimento per le fedi in un’epoca di potente violenza religiosa; infine, la sfida derivante dalla crisi delle Chiese storiche in Europa che non riescono a esprimere una teologia e una spiritualità capaci di rispondere all’autonomia e alla ragione occidentale cui, dopo Kant e l’illuminismo, nessuno vuole rinunciare.
“In un mondo globalizzato e plurale, spesso il disorientamento e l’insicurezza prevalgono sulle certezze. La mia opera vuole essere un invito a uscire da modi granitici e inadeguati di pensare la fede come mera appartenenza. Dobbiamo aprirci a una spiritualità cristiana capace di stare creativamente in mezzo alle altre religioni per opporci, tutti insieme, alle logiche distruttive che vedono gli uni in competizione con gli altri. Nel mio libro, partendo dalla tradizione cristiana, spiego come sia possibile scoprire modelli sorprendenti in grado di aiutarci a creare un nuovo rapporto con Dio e coni gli altri, anche con chi non crede” afferma Uwe Habenicht.Uwe Habenicht, 47 anni, è tedesco di Hannover. Dal 1988 al 1994 ha completato il percorso di studi teologici presso le facoltà di Erlangen-Tubinga, Lipsia, Roma e Gottinga. Dal 2009 è pastore della comunità evangelica ecumenica di Ispra Varese/Lago Maggiore, nonché membro della Voce ecumenica di Varese, gruppo di lavoro sull’ecumenismo nella provincia di Varese. Sposato con la pastora Ulrike Hesse, è padre di 3 figli, rispettivamente di 7, 10 e 14 anni.

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum: Spacca PD e unisce centro destra

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

respect-costituzione“Il referendum sta spaccando la sinistra e sta unendo il centrodestra. Il Partito democratico, che è egemone in Parlamento ed esprime la schiforma costituzionale e la schiforma elettorale, è diviso a metà. Una parte sta con Renzi (il 50%) ed un’altra ha dei mal di pancia enormi. Una parte di questa metà è contro Renzi e l’altra è indecisa. Questo è visivamente il grafico del Pd spaccato. Se Epifani, D’Alema, Bersani, Speranza, non solo non sono d’accordo con Renzi, ma fanno campagna per il No, la sinistra ha dei problemi gravissimi. Il referendum, la schiforma costituzionale e quella elettorale, stanno cambiando, spaccando, mutando, stanno stressando la politica italiana, ma lo stanno facendo più a sinistra che a destra, perché il centrodestra sul referendum è unito. Nel centrodestra abbiamo un dovere: quello di dare una prospettiva dopo il 4 di dicembre. Costruiamo un percorso, una costituente del centrodestra. Eleggiamo, nei gazebo, democraticamente, cento costituenti del centrodestra che definiscano, valori, individuando quelli comuni, programmi e stabiliscano anche le regole della leadership.” Lo dichiara Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, intervistato a Repubblica Tv

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invimit: fondo i3-Patrimonio Italia acquista a Torino la prestigiosa Caserma Bergia

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

firma-bergiaTorino. Il fondo i3-Patrimonio Italia, quello dedicato all’acquisizione di immobili degli Enti territoriali in locazione alla Pubblica Amministrazione, ha acquistato dalla Città Metropolitana di Torino la Caserma Chiaffredo Bergia, sede del Comando Legione Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta. Edificata nel 1729 quale sede di un Collegio, successivamente venne adibita a Caserma e dal gennaio 1815, divenne la sede del Comando del Corpo dei Reali Carabinieri. L’edificio riveste quindi un particolare interesse storico in quanto proprio qui ebbe la sua prima sede l’Arma, istituita dal Re di Sardegna Vittorio Emanuele I e per la sua vendita è stato determinante il fattivo ruolo svolto dal Ministero dei beni e delle attività culturali. Intitolata al capitano Chiaffredo Bergia, distintosi nella lotta contro il brigantaggio, ha mantenuto la sua funzione di casa della “Benemerita” e anche dopo la vendita odierna continuerà ad ospitare il Comando Legione Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta. Il contratto d’acquisto per un importo di 13 milioni di euro è stato firmato oggi a Roma nella sede di Invimit, la Sgr del Ministero dell’Economia e delle Finanze, alla presenza dell’Amministratore Delegato di Invimit Elisabetta Spitz, di Giovanni Monterosso, direttore Area patrimonio della Città Metropolitana di Torino e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette. (foto: firma bergia)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La via italiana per l’industria 4.0

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

industria-mecspeManifattura additiva, IoT, robotica avanzata collaborativa, utensileria digitale disponibile in cloud. Nel processo di crescita del sistema produttivo intrapreso dall’Italia che oggi ha il nome di “Industria 4.0”, queste sono solo alcune delle nuove tecnologie su cui le imprese possono puntare per aumentare il proprio potenziale espansivo, rispondere alle sfide globali e migliorare la posizione del Paese in Europa (seconda) e nel mondo (settima), secondo l’annuale classifica elaborata dal Centro Studi di Confindustria. La partita aperta dal Governo a livello nazionale con il Piano Calenda è ora anche tra gli obiettivi di Horizon 2020, il programma europeo per la ricerca e l’innovazione della Ue che ha scelto di investire su 34 PMI italiane provenienti da Lazio, Sardegna, Marche, Veneto, Puglia, Abruzzo, Piemonte e dalle capofila Lombardia ed Emilia-Romagna, con fondi per 1,7 milioni di euro, destinati maggiormente al settore dell’ICT (29 progetti, il 16% del totale).È in quest’ottica strategica orientata all’Europa, fondata sulle eccellenze a livello nazionale e regionale, per promuovere la digital transformation e rafforzare un nuovo manifatturiero italiano competitivo che s’inserisce MECSPE (Fiere di Parma, dal 23 al 25 marzo 2017), che da sempre si contraddistingue per proporre agli imprenditori progetti dimostrativi evoluti, rivolti ai settori del comparto manifatturiero e alle esigenze produttive delle PMI italiane.“Non possiamo ignorare che il nostro tessuto imprenditoriale sia costituito da PMI, che hanno peculiarità organizzative e gestionali diverse rispetto alle grandi industrie a cui guarda il modello tedesco dell’industry 4.0 – afferma Emilio Bianchi, Direttore di Senaf, la società che organizza MECSPE – Il nostro obiettivo è quello di offrire al manifatturiero italiano un aiuto concreto, per supportare un processo di trasformazione già in atto: come mostra l’Indagine di Federmeccanica le imprese credono nell’innovazione e hanno cominciato ad investire in tecnologia con evidenti benefici su export e industria-mecspe1competitività. Ma questo è solo l’inizio. Ci sono molte realtà che guardano con interesse al fenomeno ma che non si decidono a compiere il grande passo. Ecco perché, sulla linea del percorso di alfabetizzazione avviato dal Governo, con MECSPE organizzeremo nei mesi precedenti la manifestazione degli appuntamenti itineranti sul manufacturing “made in Italy”, per raccontare cosa stanno facendo concretamente le aziende e mostrare la via italiana all’industria 4.0.” I Laboratori di Fabbrica Digitale: la ricetta italiana per l’industria 4.0 di MECSPE prevedranno un roadshow di avvicinamento alla fiera in due tappe (Veneto e Puglia), che creerà un momento di dibattito tra imprese, istituzioni e associazioni locali, che culminerà nelle tre giornate della manifestazione fieristica.
“Gli appuntamenti itineranti di MECSPE, che hanno il grande merito di coinvolgere le PMI manifatturiere e dialogare direttamente con il territorio, vanno a completare a livello teorico un percorso di acquisizione delle competenze digitali che in fiera si concretizzerà attraverso dimostrazioni tangibili e concrete del potenziale di innovazione del Digital Manufacturing” commenta Giuseppe Padula, delegato all’Innovazione dell’Università degli Studi di San Marino e membro del comitato scientifico di MECSPE. A coronamento delle tappe dei laboratori, l’edizione 2017 di MECSPE proporrà la quarta edizione del progetto Fabbrica Digitale – Oltre l’automazione©, mostrando celle di lavorazione hi-tech integrate con sistemi di misura e logistica, e tecnologie di lavorazione all’insegna dell’alta velocità e precisione.“Stiamo entrando nel mondo delle aziende datadriven – commenta Stefano Linari, CEO di Alleantia, che sarà una delle aziende partner di Fabbrica Digitale – L’approccio machine to machine è ormai superato: i dati provenienti dai reparti produttivi diventano estremamente importanti in un’ottica di controllo del processo e di supporto decisionale, solo se ci apriremo ad una logica machine to cloud. Il futuro della fabbrica è sempre più all’insegna della condivisione. Esattamente com’è successo nella vita di tutti i giorni, in cui esperienze, fotografie, pensieri e informazioni personali sono condivisi con amici e non, un domani si potrà forse parlare di un ‘Facebook delle cose’, grazie anche alla nostra tecnologia di distribuzione certificata delle informazioni verso una molteplicità di destinatari.” (foto: industria MECSPE)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dal Dipartimento Pari Opportunità 5 mln di euro per progetti rivolti agli studenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

UCBM - Studenti ed edificio di sfondoUn avviso pubblico del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri per sensibilizzare gli studenti e le studentesse ai temi legati alla prevenzione e al contrasto della violenza sessuale e di genere. In totale verranno investiti 5.000.000 di euro per finanziare progetti su tutto il territorio nazionale.La chiamata pubblica è rivolta a scuole singole o organizzate in reti, e anche in partenariato con associazioni e/o organizzazioni, soggetti pubblici e privati che abbiano maturato esperienze e competenze specifiche in materia di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne. I soggetti che vorranno partecipare alla selezione dovranno presentare il proprio progetto entro le 23.59 del 5 dicembre di quest’anno. Ogni progetto approvato riceverà un finanziamento non superiore ai 150.000 euro.L’avviso pubblico soddisfa la progettualità prevista dal “Piano di azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere” che al punto 5.2 prevede azioni volte all’educazione alla parità e al rispetto delle differenze, in particolare per superare gli stereotipi che riguardano il ruolo sociale, la rappresentazione e il significato dell’essere donne e uomini, ragazze e ragazzi, bambine e bambini nel rispetto dell’identità di genere, culturale, religiosa, dell’orientamento sessuale, delle opinioni e dello status economico e sociale, sia attraverso la formazione del personale della scuola e dei docenti sia mediante l’inserimento di un approccio di genere nella pratica educativa e didattica.
Le proposte progettuali presentate dovranno prevedere azioni e interventi mirati a: promuovere il rispetto reciproco; sensibilizzare ed educare le nuove generazioni per prevenire fenomeni di violenza, aggressività, bullismo e cyberbullismo; promuovere l’apertura al dialogo per conoscere e superare i conflitti interpersonali; realizzare contenuti innovativi e sperimentali per prevenire e combattere il fenomeno della violenza nell’ambito scolastico e tra le nuove generazioni in generale; favorire la creazione di una rete di scuole per implementare lo scambio e il confronto di conoscenze ed esperienze sviluppando ulteriormente l’educazione al rispetto del prossimo; favorire il benessere nelle relazioni interpersonali attraverso un ambiente accogliente e inclusivo.
IL BANDO È CONSULTABILE AL SEGUENTE LINK:
http://www.pariopportunita.gov.it/index.php/archivio-notizie/2761-avviso-per-la-realizzazione-di-iniziative-educative-in-ambito-scolastico-per-lattuazione-del-punto-52-educazione-del-piano-dazione-straordinario-contro-la-violenza-sessuale-e-di-genere-

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stopper le CETA et le TTIP/TAFTA n’arrêtera pas la mondialisation/Stopping CETA and TTIP will not stop globalisation

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

ttipAu-delà du débat suscité par le CETA et désormais par la victoire de Donald Trump – critique des accords commerciaux, c’est à l’analyse des nouvelles mutations de la mondialisation qu’appelle Elvire Fabry, chercheuse senior à l’Institut Jacques Delors, pour mieux prendre en compte les craintes qu’elles suscitent. Ce Mot se concentre sur deux points :
1. La réalité de la coopération règlementaire dans le CETA pour prendre une juste mesure de l’impact de cet accord.
2. Une meilleure anticipation des nouvelles mutations de la mondialisation pour déployer au niveau national un arsenal de politiques d’accompagnement de ces mutations.
Beyond the debate raised by CETA and now by the victory of Donald Trump, a critic of free trade agreements, Elvire Fabry, Senior Researcher at the Jacques Delors Institute, calls for the analysis of new changes in the globalisation process to better understand the fears they inspire.This Tribune focuses on two points: The reality of regulatory cooperation in CETA, in order to take an accurate measure of the impact of the agreement. A better anticipation of the new changes in the globalisation process, to deploy an arsenal of accompanying policies in response to these changes.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: la bibbia attraverso la pittura

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

la-bibbiaMilano 24 novembre 2016 ore 18 Galleria San Fedele – via Hoepli, 3A presentazione del libro “La bibbia attraverso la pittura”. Un’originale rilettura di cinquanta scene tra Antico e Nuovo Testamento attraverso le opere d’arte di grandi pittori, da Michelangelo a Van Gogh, da Caravaggio a Gauguin, per riconoscere e decifrare simboli, personaggi ed episodi biblici così come li hanno interpretati e “riscritti” questi grandi artisti.È lo stesso autore, Gérard Denizeau, storico dell’arte, musicologo e scrittore francese, a spiegare al lettore le motivazioni di questo prezioso volume: “La Bibbia nella pittura… la Bibbia attraverso la pittura. Una pro­posta del genere può sorprendere, e invece tutto sembra legit­timarla. A nessuno sfuggirà che nel corso degli ultimi decenni la cultura religiosa tradizionale ha conosciuto un arretramento impressionante, che ha comportato un’ignoranza progressiva dei testi sacri. Nello stesso tempo, l’interesse per la storia delle arti non ha smesso di progredire, fenomeno accentuato dal suo inserimento nell’in­segnamento scolastico, dalla moltiplicazione dei percorsi universitari, dal fiorire del turismo culturale. Questa inversione delle priorità – l’arte che precede la religione – è la prima giustificazione di questo libro. Siccome la storia religiosa rimane un fondamento essenziale della nostra civiltà, il mezzo più piacevole per accedervi non è forse la possibilità di scoprirla grazie ai pennelli di grandi artisti, mezzo ideale per rimediare all’arretramento dell’in­segnamento del catechismo mediante l’arricchimento del bagaglio culturale?”Ogni episodio biblico riportato è così strutturato: il titolo dell’episodio è seguito dal testo biblico riassunto e con numero di riferimento (il testo è quello ufficiale della CEI). Seguono il commento del quadro e l’evidenziazione di particolari rivelatori. Talvolta il dipinto principale è accompagnato da un’opera, o due, che illustra lo stesso soggetto, per cogliere le diversità di trattamento dello stesso episodio secondo il Paese, l’epoca o l’im­maginazione dell’artista, arricchendoci a contatto con questi confronti fecondi. A conclusione del volume, poi, una serie di elementi accessori – glossario, referenze cronologiche, cartina geografica della Palestina tra l’Antico e il Nuovo testamento, indice dei luoghi della Bibbia, indice dei pittori – molto utili per il lettore. (foto: la bibbia)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »