Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Antibiotici e inibitori di pompa, possibili interazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 novembre 2016

heart electrocardiogrammIl trattamento combinato con l’antibiotico ceftriaxone e l’inibitore della pompa protonica lansoprazolo può portare a un aumento del rischio di aritmie indotte da farmaci, secondo i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of American College of Cardiology. Gli autori, coordinati da Nick Tatonetti, professore associato di informatica biomedica alla Columbia University di New York, utilizzando un algoritmo combinato che prevedeva l’analisi degli eventi avversi da farmaci e delle cartelle cliniche elettroniche dei pazienti, supportato dalla successiva conferma mediante analisi di laboratorio, hanno scoperto che i pazienti trattati con entrambi i farmaci avevano un significativo aumento della frequenza della sindrome del QT lungo (Lqts), una condizione potenzialmente fatale, rispetto a quelli che avevano ricevuto solo l’uno o l’altro dei due medicinali. Per arrivare a questa conclusioni, il team di ricerca ha analizzato un database di 1,8 milioni di segnalazioni di eventi avversi raccolti dalla US Food and Drug Administration con un algoritmo simile a quelli usati da aziende come Google e Facebook per indirizzare agli utenti pubblicità personalizzate. Così facendo i ricercatori hanno scoperto l’associazione tra ceftriaxone, lansoprazolo e Lqts in entrambi i generi: il Qt lungo variava da una media di 12 millisecondi negli uomini e 9 millesecondi nelle donne. Da un’ulteriore stratificazione per etnia è emerso che l’effetto era maggiore negli uomini bianchi e nelle donne nere, con un prolungamento medio di 12 millisecondi in entrambi i gruppi. «Presi singolarmente, entrambi i farmaci soddisfano ampiamente i requisiti normativi di sicurezza per l’approvazione, ma data la misura in cui sono stati in grado di bloccare il canale hERG, sarebbe improbabile che venissero approvati in associazione» commenta Tatonetti, spiegando che la principale causa della Lqts è appunto una disfunzione del canale hERG, indispensabile per la normale attività elettrica del muscolo cardiaco, che resta aperto per troppo poco tempo. «L’interazione tra ceftriaxone e lansoprazolo necessita di ulteriori approfondimenti» concludono gli autori. (fonte: farmacista33) (foto: cuore stilizzato)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: