Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Nuove linee guida sul trattamento della malattia arteriosa periferica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 novembre 2016

Coronary Angioplasty procedure - plague blocking blood flow 1L’American Heart Association e l’American College of Cardiology hanno pubblicato sulle rispettive riviste Circulation e Journal of the American College of Cardiology un documento congiunto sulla gestione della malattia arteriosa periferica (Pad), che sostituisce la versione del 2011. «La malattia arteriosa periferica è una malattia piuttosto frequente che può avere gravi conseguenze, e le linee guida di pratica clinica sono un importante strumento per fare il punto sulle diverse opzioni terapeutiche da proporre a questi pazienti» esordisce Heather Gornik, vice presidente del comitato di esperti che ha firmato le linee guida e specialista in cardiologia e medicina vascolare alla Cleveland Clinic, spiegando che il nuovo documento include suggerimenti su quando prendere in considerazione l’angioplastica nei pazienti con malattia arteriosa periferica in forma meno grave, ma che continuano ad avere significative limitazioni nel cammino nonostante i farmaci e l’allenamento strutturato. «In questa sottopopolazione le procedure vascolari per migliorare il flusso di sangue agli arti inferiori sono spesso una ragionevole opzione di trattamento» sottolinea l’autrice. Dal punto di vista della terapia medica gli esperti Aha/Acc raccomandano l’uso di statine per ridurre l’accumulo di colesterolo all’interno delle pareti arteriose. Consigliando ai pazienti con malattia arteriosa periferica anche gli antiaggreganti come l’aspirina o il clopidogrel, le linee guida elencano le condizioni in cui la duplice terapia anti-piastrinica può essere presa in considerazione, come per esempio dopo un intervento di chirurgia vascolare o il posizionamento di uno stent. «Come nel documento precedente, l’attività fisica viene ritenuta un elemento fondamentale nella gestione della Pad, e consigliamo a tutti i pazienti di partecipare ad allenamenti strutturati» ribadisce Marie Gerhard-Herman, presidente del gruppo di esperti e cardiologa al Brigham and Women’s Hospital. «Aggiornare periodicamente il modo in cui trattare malattie complesse incorporando gli ultimi studi è fondamentale per garantire ai medici la possibilità di fornire le migliori cure ai loro pazienti» conclude l’autrice. (fonte: doctor33) (foto: malattia arteriosa periferica)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: