Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 28 n° 340

Cambiare la costituzione: Perché?

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 novembre 2016

referendum-noRoma 25 novembre ore 9,30 Uffici centrali Agenzia delle Entrate via C. Colombo 426 Prosegue il forte impegno dell’USB per il NO al referendum costituzionale: nell’ambito della giornata di mobilitazione nazionale indetta dal Coordinamento per il NO sociale al referendum, l’USB P.I. Agenzie fiscali organizza un’assemblea/dibattito dal titolo “CAMBIARE LA COSTITUZIONE: PERCHÉ’?” Interverranno:
Gianni Ferrara – Prof. Emerito Diritto Costituzionale Università “la Sapienza”
Carlo Guglielmi – Forum Diritti/Lavoro
Pierpaolo Leonardi – Esecutivo confederale USB
“Mentre il Governo Renzi e l’Unione Europea provano a terrorizzare lavoratori e cittadini dipingendo conseguenze nefaste nell’ipotesi di vittoria del NO, cresce nel paese la consapevolezza che respingere le modifiche costituzionali significa anche rilanciare l’opposizione sociale e sindacale alle politiche antipopolari messe in campo da un’oligarchia finanziaria, autoproclamatasi al governo dell’Europa”, spiega Alessandro Giannelli, dell’Esecutivo nazionale USB P.I. Agenzie Fiscali.
“L’assemblea/dibattito di domani – prosegue il sindacalista – vuol rappresentare le diverse sfaccettature dell’opposizione alla riforma costituzionale e smascherare il vero obiettivo che si nasconde dietro la modifica di ben 47 articoli della Costituzione, ovvero ridurre gli spazi di democrazia attraverso la modifica della seconda parte della Costituzione, per perpetrare più agevolmente l’attacco al mondo del lavoro, pubblico e privato, e più in generale ai diritti sociali contenuti nella prima parte della Carta costituzionale”.
“Un attacco che chiama in causa anche il comparto fiscale, ove al disinvestimento in un settore strategico, si accompagnano politiche fiscali che, mentre strizzano l’occhio ai grandi evasori anche attraverso la vergogna della voluntary disclosure, continuano ad esasperare la tassazione nei confronti del lavoro dipendente e dei pensionati”, conclude Alessandro Giannelli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: