Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

Giovanni Verga: documenti autografi all’asta da Christie’s

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2016

vergaParigi il prossimo 5 dicembre a Parigi presso la Christie’s e che aggiudicherà l’acquisto di un eccezionale tesoro di autografi recentemente tornato alla luce in Francia del grande scrittore Giovanni Verga, di cui già la stessa prestigiosa casa d’aste francese mise in vendita un altro lotto di lettere autografe poi acquistate nel 2008 dalla Regione Siciliana. Questa volta la Christie’s metterà in vendita al migliore offerente lo straordinario autografo della Cavalleria rusticana scritta da Verga in dodici quadri per il cinematografo e un’eccezionale raccolta di ben 300 lettere inedite indirizzate dal grande scrittore siciliano ai familiari, ai fratelli Pietro e Mario, alla mamma Caterina e al nipote Giovannino, riguardanti la genesi, il successo e le vicende giudiziarie della Cavalleria rusticana nella causa che ne derivò contro Pietro Mascagni per l’omonima opera lirica e l’editore Giulio Ricordi, ma anche l’intesa vita familiare del caposcuola del Verismo, i suoi problemi di salute e la gestione finanziaria dei terreni di proprietà, la propria “roba”, ma anche e soprattutto annotazioni sulla vita mondana culturale in Italia, a Firenze e Milano, ai sui suoi capolavori come Mastro Don Gesualdo e I Malavoglia e alle sue preferenze letterarie.Un patrimonio di grandissimo valore storico e letterario che sta suscitando l’interesse di alcuni tra le più importanti biblioteche internazionali e numerosi collezionisti privati, ma accorati appelli di numerosi intellettuali ed esponenti delle istituzioni italiane e siciliane al ministro Dario Franceschini e all’Assessore Carlo Vermiglio dei Beni Culturali siciliani, affinché questo eccezionale patrimonio autografo non vada disperso nel mondo o finisca nelle mani di qualche privato, ma “sia assolutamente acquistato dalla Regione Siciliana o dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – come ha dichiarato ieri il Sindaco di Catania Enzo Bianco – per la città di Catania”. Nel catalogo di Christie’s, i manoscritti sono divisi in tre lotti, due di carteggi e uno relativo all’ autografo della celeberrima novella Cavalleria rusticana. “L’impegno del Comune di Catania in questo momento verga1è massimo – ha proseguito il Sindaco Enzo Bianco – affinché le lettere e il manoscritto della Cavalleria rusticana di Giovanni Verga ritornino in Italia. Ho già fatto appello all’Assessore Carlo Vermiglio dei Beni Culturali della Regione Siciliana ed ho informato personalmente il Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini in occasione della sua recente visita a Catania, affinché si trovino i fondi per acquistare questi importantissimi documenti“. Con queste accorate parole il Sindaco di Catania Enzo Bianco manifesta il suo personale impegno per fare in modo che i preziosi manoscritti di Giovanni Verga vengano acquistati dalle istituzioni italiane. “Sarebbe una gravissima perdita se così non fosse.”Il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha dichiarato in merito alla notizia degli scritti di Verga all’asta.
Il primo lotto, messo all’asta per la cifra di 150.000,00 euro, è dunque l’originale autografo della Cavalleria rusticana di cui Giovanni Verga preparò la sceneggiatura “per il cinematografo”. Si tratta certamente di una scoperta di grande importanza per la storia della Letteratura e per il ruolo ricoperto da Giovanni Verga, senz’altro il primo tra i grandi scrittori di fine Ottocento ad aver compreso il linguaggio rivoluzionario del Cinema appena nato.
verga2Il secondo lotto comprende 78 lettere autografe (e 10 telegrammi), per un totale di 320 pagine autografe, messe all’asta per un valore di 90.000,00 euro, tutte scritte in italiano, indirizzate ai familiari e prevalentemente ai fratelli Pietro e Mario e al suo nipote Giovannino, riguardanti la genesi, il successo e le vicende della sua più celebre novella, la Cavalleria rusticana. Mai prima d’ora si era appreso nei particolari il punto di vista di Giovanni Verga nell’incredibile vicenda giudiziaria che coinvolse lo stesso scrittore contro Pietro Mascagni per l’omonima opera lirica tratta dal suo capolavoro letterario, pubblicato per la prima volta nel 1880.
Infine, il terzo lotto, costituito da 198 lettere (e 20 telegrammi), per un totale di 540 pagine, messo all’asta per la cifra di 120.000,00 euro, inviate da Giovanni Verga alla madre, ai suoi fratelli e al nipote, addirittura dal 1869 al 1921, un anno prima della sua morte. Una corrispondenza autografa di eccezionale ricchezza umana e letteraria, interamente inedita, in cui Verga commenta la vita mondana e letteraria di Firenze (1869) e di Milano (1872), ma che rivela come il grande scrittore sia stato sempre legato alla sua terra e alla sua Sicilia, ai suoi affetti e alle sue proprietà e gestioni economiche e familiari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: