Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 4 dicembre 2016

Migranti, Campidoglio: trovata soluzione per transitanti area Tiburtina

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Roma Campidoglio. L’Amministrazione capitolina ha trovato una soluzione più dignitosa anche per i migranti transitanti che in questi giorni hanno dormito nei pressi della stazione Tiburtina. Da oggi saranno accolti presso il Centro in via del Frantoio, sostenuto da Roma Capitale e gestito dalla Croce Rossa Italiana. Questa operazione è stata possibile attraverso il trasferimento di altri 92 migranti che hanno aderito alla relocation e che, grazie all’azione del Campidoglio in raccordo con la Prefettura, sono ora ospitati presso centri gestiti da quest’ultima. L’Amministrazione ha così potuto destinare i posti liberatisi in via del Frantoio all’accoglienza dei migranti transitanti.
La sindaca di Roma Virginia Raggi, insieme all’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre, in raccordo con le istituzioni competenti e valorizzando il contributo delle varie associazioni che operano per l’accoglienza dei migranti, hanno in questi mesi lavorato per aumentare il numero di posti per l’accoglienza dei migranti transitanti e per la creazione di un punto informativo che verrà attivato in via sperimentale nell’area della Stazione Tiburtina. “Il nostro fine è garantire un’accoglienza dignitosa per i migranti transitanti. Ognuno può e deve fare la propria parte. Questa Amministrazione punta ad un’azione concreta per togliere queste persone dalla strada e offrire loro una soluzione più stabile, un tetto, non una tenda”. Affermano la sindaca Raggi e l’assessora Baldassare.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Al via obbligo tracciabilità rifiuti cantieri edili

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Roma Campidoglio. Garantire la corretta gestione dei rifiuti provenienti da tutti i cantieri edili di Roma Capitale, pubblici e privati. Con questo obiettivo la giunta capitolina ha approvato una delibera che introduce, per tutti i progetti, l’obbligo di produrre un piano di gestione per i materiali di scarto con annessa indicazione degli impianti autorizzati al conferimento. Una volta terminata l’attività il direttore del cantiere dovrà quindi attestare, sotto la sua piena responsabilità, l’avvenuto smaltimento dei rifiuti in conformità al piano di gestione. “Si tratta di una misura che pone Roma Capitale all’avanguardia rispetto ai temi della tutela ambientale – sottolinea l’assessore alla Sostenibilità Ambientale, Paola Muraro – I rifiuti dei cantieri, sino a oggi, venivano infatti smaltiti abusivamente in circa il 60% dei casi. Noi mettiamo invece in moto una netta inversione di tendenza, assicurandone piena tracciabilità. Allo stesso tempo garantiamo un notevole impatto economico, in quanto recuperiamo risorse grazie alla lotta all’abusivismo e arginiamo la concorrenza sleale tra imprese. Nessuna attività metterà più in campo azioni truffaldine per liberarsi dei rifiuti, scaricandoli nei ribassi d’asta. Legalità e trasparenza si confermano così coordinate di riferimento di questa amministrazione”.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Metropolitane: Meleo, obiettivo non ricapitalizzare e trasferire funzione appaltante in altra società Comune

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Assessora: “Nuova governance propedeutica. Compito nuovo au sarà gestire conti e traghettare partecipata in fase transitoria” “La nostra idea sul futuro di Roma Metropolitane è chiara: non la ricapitalizzeremo. Ci stiamo muovendo nella direzione annunciata in assemblea capitolina il 4 novembre scorso. E la nomina di una nuova governance è un passaggio fondamentale affinché abbia inizio il processo di cambiamento di Roma Metropolitane che terminerà nel trasferimento delle competenze di stazione appaltante in un’altra società di Roma Capitale”. Così in una nota l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo. “Per la carica di amministratore unico – spiega – abbiamo scelto per le sue competenze l’ingegnere Pasquale Cialdini, ex direttore generale del Ministero dei Trasporti ed ex presidente di Sezione del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici. La sua nomina avverrà in assemblea dei soci nei prossimi giorni”.
“Cialdini svolgerà il suo incarico a titolo gratuito e quindi non ci sarà nessun costo per l’amministrazione e per i cittadini romani. E questo, insieme al passaggio da un consiglio di amministrazione a tre ad un amministratore unico, è già un segnale di cambiamento che stiamo attuando nell’ottica di risparmio ed eliminazione degli sprechi. Il compito del nuovo amministratore unico sarà quello di gestire i conti e il bilancio aziendale ma soprattutto traghettare Roma Metropolitane durante questa fase transitoria” conclude Meleo.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio scopre anomalia in iscrizione Comune Roma a Camera di Commercio

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

Un’azienda ad attività prevalente agricola. Il Campidoglio era così registrato presso il Repertorio Economico Amministrativo della Camera di Commercio fino a poche settimane fa. Inoltre, alla partita IVA del Comune corrispondeva come legale rappresentante un ex dirigente comunale. A seguito di una visura camerale, l’amministrazione ha riscontrato questi errori e provveduto a modificare l’iscrizione allo stesso REA. Si è così evitato che potessero insorgere errori nella attribuzione di competenze, pagamenti ritardati ed aggravi di spesa. Questa anomalia aveva già causato all’Azienda Agricola Roma Capitale la notifica di cartelle esattoriali appartenenti ad altre attività della struttura capitolina. Si è perciò proceduto ad una rettifica dell’iscrizione al Registro delle Imprese, compilando gli appositi modelli ed apponendovi la firma della sindaca in qualità di legale rappresentante.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diritto al voto: disparità di trattamento tra italiani all’estero e i lavoratori e gli studenti fuori sede

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

urne-voteRispetto alle modalità di espletamento del voto referendario del prossimo 4 dicembre, l’Associazione Dossetti denuncia la grave disparità di trattamento tra italiani all’estero e i lavoratori e gli studenti fuori sede che vivono sì in Italia, ma lontani dalla propria residenza. Per questi ultimi, infatti, a differenza dei primi per i quali il Governo si è attrezzato da mesi con una massiccia propaganda di invito al voto, non solo non è stata prevista alcuna modalità telematica o postale per esercitare il proprio diritto ad esprimere consenso o diniego alla riforma costituzionale, ma non si è pensato nemmeno di offrire loro un rimborso spese per il viaggio che dovranno affrontare per recarsi alle urne. Ciò è tanto più grave in considerazione della lunga crisi economica che ha portato a registrare, nel nostro Paese, 10 milioni di persone povere negli ultimi anni. Troviamo quindi inaccettabile che siano penalizzati proprio coloro che sono costretti a fare tanti sacrifici per lavorare o studiare fuori dal proprio luogo di residenza, soprattutto se si fa fatica ad arrivare a fine mese. Chi volesse tornare a casa in aereo per andare a votare, ad esempio, prenotando un qualsiasi volo Alitalia per il 4 dicembre, avrebbe come sconto solo 40 euro. Davvero poche. In alternativa, chi può permettersi tempi di percorrenza più lunghi, potrebbe affidarsi a Trenitalia, che per il 4 dicembre ha previsto sconti fino al 70% sulla seconda classe.
Ma tutto ciò è inaccettabile in un Paese che si dice pronto a sfidare la modernità con la semplificazione amministrativa e con più ampi spazi di democrazia e partecipazione.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pericardite idiopatica ricorrente: scoperta una nuova cura che riduce drasticamente le recidive

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

-bergamoBergamo. Porta la firma di Antonio Brucato, direttore della Medicina interna e del Centro per lo studio e la ricerca delle malattie del pericardio del Papa Giovanni XXIII, lo studio pubblicato sul prestigioso Journal of the American Medical Association JAMA, che dimostra l’efficacia del farmaco biologico noto come Anakinra nella cura della pericardite ricorrente.“Anakinra è un farmaco biologico utilizzato da molti anni nella terapia dell’artrite reumatoide, soprattutto nei bambini. È un inibitore naturale della interleuchina-1, una delle più potenti molecole che inducono infiammazione – spiega Antonio Brucato, primo autore dell’articolo -. Il nostro studio dimostra che è molto efficace anche nella cura della pericardite ed è sicuro. Si tratta dell’ennesimo contributo dato dal Papa Giovanni alla conoscenza e alla cura di questa patologia. Infatti il motto del nostro centro specialistico è proprio “La ricerca che cura” e seguiamo ormai più di mille persone, provenienti da tutta Italia e non solo. In meno di 10 anni grazie al nostro lavoro e alla collaborazione con altri centri italiani l’approccio a questa malattia è drasticamente cambiato: in pochi anni abbiamo dimostrato la poca efficacia delle alte dosi di cortisone a favore della Colchicina e ora l’utilità della Anakinra. Possiamo dire che una malattia considerata da sempre orfana oggi non lo è più”.Il farmaco necessita comunque di ulteriori studi per verificare i risultati e per valutare la sicurezza e l’efficacia a lungo termine. Relativamente costoso, come molti farmaci cosiddetti biologici, è indicato nelle forme più severe della malattia, quelle caratterizzate da uno spiccato quadro infiammatorio, con febbre e pleurite, che non rispondono ai trattamenti a base di cortisone e colchicina. La pericardite idiopatica ricorrente è una malattia di cui non si conosce bene la causa, caratterizzata da episodi frequenti di infiammazione del pericardio, quella membrana che avvolge il cuore e formata da due strati di tessuto molto sottili separati tra loro da un liquido che ne impedisce l’attrito. La sintomatologia della pericardite comprende dolore toracico, accentuato da certe posizioni e dal respiro profondo, e spesso febbre.Lo studio pubblicato su JAMA, svolto in collaborazione con Alberto Martini direttore scientifico dell’ospedale pediatrico Istituto Giannina Gaslini di Genova e di Massimo Imazio del Dipartimento di Cardiologia dell’ Ospedale Maria Vittoria di Torino, porta la firma, oltre che di Antonio Brucato, anche di altri 5 operatori del Papa Giovanni: i medici della Medicina interna Silvia Maestroni, Davide Cumetti e Anna Valenti, la farmacista Monia Lorini e la biostatista della Fondazione per la ricerca Ospedale Maggiore di Bergamo (FROM) Alessandra Carobbio.Lo studio ha coinvolto 21 pazienti, prevalentemente adulti e con pericardite ricorrente severa. Quelli trattati con placebo, cioè con un farmaco privo di principio attivo, sono stati 10 e 9 di loro hanno sviluppato una pericardite, cioè il 90%. Mentre quelli trattati con Anakinra sono stati 11 e solo due di loro hanno ripresentato i segni della malattia (18,2%), a fronte di eventi avversi molto contenuti (20 pazienti hanno avuto transitorie reazioni cutanee locali e nessuno ha interrotto in modo permanente il farmaco).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il mondo a “100 Presepi”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

presepipresepi1Roma. Provengono da 40 Paesi esteri e 13 regioni italiane i 150 presepi esposti a “100 Presepi”, l’Esposizione Internazionale che si svolge a Roma nelle suggestive Sale del Bramante in Piazza del Popolo e che rimarrà aperta fino all’8 gennaio 2017 dalle ore 10,00 alle 20,00 anche festivi ( compreso Natale, S.Stefano , Capodanno e Epifania). Camminando attraverso le Sale del Bramante il visitatore può fare un ideale viaggio nel mondo e scoprire cultura, tradizioni e folklore dei vari territori, siano essi regioni italiane o Paesi esteri. Vari i materiali utilizzati, da quelli tradizionali a quelli offerti dalla natura e del viver comune , per realizzare manufatti che incantano grandi e piccini per l’abilità della realizzazione. Tutti rimangono affascinati davanti al presepe scenografico stile napoletano, ricco di minuterie come il banco del pesce e della frutta, con l’osteria, le donne nei lavori domestici e con 50 pastori con abiti cuciti con stoffe provenienti dalle Seterie di San Leucio, volto e arti in terracotta e occhi in vetro. Poi i presepi pugliesi in cartapesta dai colori caldi che l’abile mano dell’artista ha reso naturali, quasi vivi. I presepi in terracotta provenienti da Caltagirone , località che ha un’ampia produzione artigianale . Non manca poi la fantasia: presepi con bicchieri di plastica, con ventagli, con materiale elettrico della miniera di Serbariu, con 45 Kg di pasta alimentare e riso, con biscotti, cioccolata, caramelle; poi i presepi in miniatura in un guscio di noce, in una vongola. Le opere presepiali provenienti dai vari Paesi del mondo sono di grande interesse: la ceramica Lenca del presepe dell’Honduras ci racconta una tradizione tramandata da generazioni : argilla lavorata esclusivamente dalle donne del gruppo etnico Lenca; la “tagua” ossia i semi di palma dei boschi tropicali del Pacifico, duri e bianchi come l’avorio, è il prodotto usato nel presepe del Panama; i rami di bambù, che si piegano dolcemente, del presepi2presepe della Cina Taiwan, rappresentano l’umiltà; i personaggi del presepe della Chiesa di Svezia con fili d’acciaio; i crini di cavallo, dipinti a mano, sono il materiale del presepe del Cile e tanto altro ancora : una varietà incredibile di materiali e tanta fantasia e un’abile manualità.
Nell’ambito della Mostra, viene organizzato ogni anno un Laboratorio “Il Presepe come Gioco” dove i bambini, sotto la guida di docenti e studenti dell’Accademia Belle Arti di Roma, costruiscono con materiali vari uno o più personaggi del presepe, che poi possono portare a casa (info 06.8542355/06.3224554). Quest’anno l’enciclica di Papa Francesco “Laudato sì, sulla cura della casa comune” ci ha suggerito di far utilizzare ai bambini, nella realizzazione dei personaggi del presepe, materiale riciclato per sensibilizzarli su questo importante problema che coinvolge tutto il mondo.
Una particolare attenzione “100 Presepi” vuole rivolgere a coloro che sono stati colpiti dal terremoto nell’Italia centrale. E’ stato realizzato infatti un presepe vivente dai piccoli della Scuola dell’Infanzia “Giuseppe Mazzini” dal titolo “Ad Amatrice, il Campanile scocca la Mezzanotte Santa”, un abbraccio simbolico dei piccoli attori alle popolazioni colpite dal terremoto. Viene effettuata una raccolta fondi per le popolazioni terremotate pubblicizzando il conto corrente che la Regione Lazio ha dedicato per la ricostruzione di queste località. (foto: presepi)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UGIS premia la comunicazione scientifica

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

ugisIl 26 novembre a Piacenza non va ricordato solo per l’affollato seminario del pomeriggio al Palazzo gotico “La fisica spiegata dai protagonisti italiani” con la partecipazione di Piero Angela e il ricordo di Edoardo Amaldi. Si celebra anche la comunicazione scientifica di qualità, con la consegna dei premi Paola de Paoli e Leonardo-UGIS.
Il primo è il risultato della donazione della presidente emerita di UGIS-Unione giornalisti italiani, finalizzata a valorizzare giornalisti o aspiranti tali e sensibilizzarli alla divulgazione e alla comunicazione della scienza e della tecnologia. Un riconoscimento era già stato assegnato nel novembre 2015. Quest’anno, come parte integrante delle celebrazioni per il Cinquantenario dell’Unione, ci sono tre contributi per complessivi € 16.000. I beneficiari sono giovani con meno di 35 anni che abbiano frequentato o stiano seguendo corsi delle scuole di formazione riconosciute dall’Ordine nazionale dei giornalisti; in alternativa, giovani giornalisti che abbiano o stiano comunicando la scienza e le sue applicazioni.
Per il 2016 la Giuria ha deciso di considerare con attenzione i candidati free-lance per i quali il premio possa essere un utile contributo alla carriera di giornalista. Pertanto 8000 euro vanno a Marcello Gelardini e due bonifici da 4000 euro ciascuno sono per Sara Moraca e Valentina Tudisca valutate ex equo.
Sara Moraca si è laureata a Milano in scienze biologiche e ha conseguito il master in comunicazione della scienza alla Sissa di Trieste. Collabora come free lance con la Stampa, il Corriere della Sera, Focus, Wired. e con quotidiani locali. Scrive di salute e di tematiche ambientali verso le quali dimostra una notevole sensibilità che riesce a trasmettere ai lettori. Valentina Tudisca unisce a una solida preparazione in fisica conseguita a La Sapienza di Roma un master in comunicazione della scienza ottenuto alla Sissa di Trieste, dove si è in particolare occupata di comunicazione attraverso il web. Collabora con National Geographic, Sapere, Oggiscienza e produce file e interessanti interviste multimedial su temi di grande attualità scientifica.
Marcello Gelardini, dopo una laurea in scienze politiche conseguita a La Sapienza di Roma, ha frequentato la scuola di giornalismo Lumsa specializzandosi nei settori della comunicazione on line e delle applicazioni dell’informatica. Collabora come free-lance a Repubblica.it, il Positivismo.com. Skuola.net e Media 2000. La giuria ha soprattutto apprezzato i suoi articoli che descrivono in maniera chiara e approfondita le innovazioni tecnologiche applicate a campi che spaziano dalla didattica alla medicina, dall’ecosostenibilità all’arte.
Il premio Leonardo-UGIS 2016 è promosso dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci e dall’UGIS. Questa 5a edizione viene realizzata nell’ambito del programma per i cinquant’anni dell’Unione. Il premio, il cui scopo è sensibilizzare la società al fine di renderla sempre più consapevole dei vantaggi e delle responsabilità delle quali il progresso scientifico è portatore, consiste in due riconoscimenti:
alla carriera: destinato ad una personalità del mondo della ricerca scientifica e tecnologica che si sia distinta, oltre che per le proprie competenze di scienziato, anche per le proprie capacità nella diffusione della conoscenza scientifica e tecnologica; la targa al merito va a Adalberto Giazotto per il suo fondamentale contributo alla scoperta delle onde gravitazionali;
a un ricercatore-comunicatore: è un premio alla cultura ad un candidato con meno di 45 anni attivo nella ricerca scientifica e tecnologica, che abbia ottenuto risultati evidenti e si sia impegnato nell’ambito della comunicazione verso la società, utilizzando media ad ampia diffusione. Il contributo di € 3.000 viene dato a Marisa Oppizzi per la capacità di valorizzare la sua formazione in scienze biologiche nel ruolo di tutor in CusMiBio e far vivere quotidianamente agli studenti il lavoro di ricercatore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spacciatori condannati e rimessi in libertà

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

volanti-polizia-di-stato“Senza certezza della pena e senza la giusta severità nella risposta di tutto il sistema-Stato il lavoro delle Forze dell’Ordine non solo non serve, ma anzi ci vede esposti a rischi e pericoli sempre maggiori che ci costano sempre di più la salute e la vita. Il Paese soffre di una forma gravissima di schizofrenia considerata l’assoluta e disperata necessità di maggiore sicurezza dei cittadini e, dall’altra parte, l’assoluta e sconcertante ‘mollezza’ di una risposta che si dovrebbe tradurre in conseguenze concrete per chi delinque, e questo a fronte di un titanico lavoro di chi non si risparmia per fare repressione e prevenzione e garantire il maggior livello possibile di sicurezza, vedendo poi vanificati tutti i propri sacrifici nel silenzio assordante di Istituzioni e politica. Assistiamo attoniti all’ennesima scarcerazione di soggetti condannati per comportamenti gravissimi e, parallelamente ed ovviamente, alla recrudescenza delle reazioni di chi viene in contatto con noi a causa del nostro lavoro. Così si manda noi al macello e pure inutilmente, visto che la sicurezza non può essere garantita in questo modo”.
Duro intervento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia dopo nuove ed ultime notizie di cronaca giudiziaria che descrivono condizioni operative sempre più proibitive e rischiose per le Forze dell’Ordine. Risale a ieri, infatti, la notizia del folle inseguimento a tutta velocità avvenuto sull’autostrada A14 con tanto di tentativi di speronamento ai danni della Polizia stradale. La folle corsa è avvenuta la sera precedente in direzione Nord tra i caselli di Città Sant’Angelo e Mosciano Sant’Angelo Teramo, dopo che una pattuglia della Stradale ha intercettato una Passat con targa prova che destava sospetti. Gli Agenti hanno provato a bloccare il mezzo che però ha accelerato e si è dato alla fuga, dando il via ad un inseguimento che si è concluso dopo il casello di Mosciano quando la Polstrada è riuscita a tagliare la strada al veicolo. A bordo della Passat due albanesi, un 25enne ed un 26enne entrambi senza fissa dimora, che trasportavano una busta contenente oltre due chili di marijuana. I due sono stati arrestati ma, si legge sulle agenzie di ieri mattina, dopo la direttissima, sono stati condannati a due anni e due mesi e rimessi in libertà.
Nelle stesse ore un quotidiano nazionale pubblicava un interessante resoconto dei dati record di violenze e resistenze a Pubblico Ufficiale registrate nel Ferrarese in soli dieci mesi. “Fughe rocambolesche con relativo inseguimento, documenti e generalità negati con arroganza, insulti a ruota libera e, in molti casi, anche le botte. Calci, pugni, spintoni e addirittura morsi. Il tutto – si legge sul sito del quotidiano – per sfuggire a un normale controllo, per scansare una denuncia o, peggio, un arresto. Gli episodi di resistenza, oltraggio e violenza a pubblico ufficiale ormai sono all’ordine del giorno… Una tipologia di reati che… sta registrando un inquietante incremento sul lungo periodo. E non solo nelle zone a maggior tasso delinquenziale della città. Segno, verosimilmente, di una maggiore consapevolezza di impunità da parte di chi viene pizzicato in atteggiamenti sospetti da poliziotti e militari. Ma partiamo dai dati. Dall’inizio dell’anno ad oggi, sono stati circa 120 gli arresti o le denunce a piede libero per resistenza, violenza o oltraggio a pubblico ufficiale. Una cifra che unisce l’attività di polizia di Stato e Carabinieri su tutto il territorio, dall’Alto Ferrarese al mare. Spalmando il dato sugli undici mesi, troviamo un caso di resistenza ogni tre giorni circa…”. Gli arresti che ne conseguono però “non sempre, come testimoniano le cronache giudiziarie, si traducono in una qualche misura cautelare. In molti casi (forse troppi), i fermati ritornano in libertà nel giro di una manciata di ore. Un ulteriore elemento che alimenta la facilità con cui si verificano episodi di resistenza. Le conseguenze spesso molto limitate a cui vanno incontro i malviventi, in molti casi rendono ‘conveniente’ il tentativo di sfuggire all’arresto con la forza. Perciò, soprattutto le nuove leve della delinquenza sembrano avere sempre meno timore della divisa, arrivando ad affronti aperti e violenti, che in casi estremi hanno costretto agenti o carabinieri a un passaggio al pronto soccorso…”. “Commentare ulteriormente significherebbe insultare l’intelligenza altrui – conclude Maccari -, perché chiunque ha ben chiare le conclusioni derivanti da questi resoconti e cosa servirebbe per aiutarci a fare sicurezza. Chiunque lo capisce tranne, evidentemente, chi ha il dovere di intervenire a livello istituzionale per porre rimedio a questo scempio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »