Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Spacciatori condannati e rimessi in libertà

Posted by fidest press agency su domenica, 4 dicembre 2016

volanti-polizia-di-stato“Senza certezza della pena e senza la giusta severità nella risposta di tutto il sistema-Stato il lavoro delle Forze dell’Ordine non solo non serve, ma anzi ci vede esposti a rischi e pericoli sempre maggiori che ci costano sempre di più la salute e la vita. Il Paese soffre di una forma gravissima di schizofrenia considerata l’assoluta e disperata necessità di maggiore sicurezza dei cittadini e, dall’altra parte, l’assoluta e sconcertante ‘mollezza’ di una risposta che si dovrebbe tradurre in conseguenze concrete per chi delinque, e questo a fronte di un titanico lavoro di chi non si risparmia per fare repressione e prevenzione e garantire il maggior livello possibile di sicurezza, vedendo poi vanificati tutti i propri sacrifici nel silenzio assordante di Istituzioni e politica. Assistiamo attoniti all’ennesima scarcerazione di soggetti condannati per comportamenti gravissimi e, parallelamente ed ovviamente, alla recrudescenza delle reazioni di chi viene in contatto con noi a causa del nostro lavoro. Così si manda noi al macello e pure inutilmente, visto che la sicurezza non può essere garantita in questo modo”.
Duro intervento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia dopo nuove ed ultime notizie di cronaca giudiziaria che descrivono condizioni operative sempre più proibitive e rischiose per le Forze dell’Ordine. Risale a ieri, infatti, la notizia del folle inseguimento a tutta velocità avvenuto sull’autostrada A14 con tanto di tentativi di speronamento ai danni della Polizia stradale. La folle corsa è avvenuta la sera precedente in direzione Nord tra i caselli di Città Sant’Angelo e Mosciano Sant’Angelo Teramo, dopo che una pattuglia della Stradale ha intercettato una Passat con targa prova che destava sospetti. Gli Agenti hanno provato a bloccare il mezzo che però ha accelerato e si è dato alla fuga, dando il via ad un inseguimento che si è concluso dopo il casello di Mosciano quando la Polstrada è riuscita a tagliare la strada al veicolo. A bordo della Passat due albanesi, un 25enne ed un 26enne entrambi senza fissa dimora, che trasportavano una busta contenente oltre due chili di marijuana. I due sono stati arrestati ma, si legge sulle agenzie di ieri mattina, dopo la direttissima, sono stati condannati a due anni e due mesi e rimessi in libertà.
Nelle stesse ore un quotidiano nazionale pubblicava un interessante resoconto dei dati record di violenze e resistenze a Pubblico Ufficiale registrate nel Ferrarese in soli dieci mesi. “Fughe rocambolesche con relativo inseguimento, documenti e generalità negati con arroganza, insulti a ruota libera e, in molti casi, anche le botte. Calci, pugni, spintoni e addirittura morsi. Il tutto – si legge sul sito del quotidiano – per sfuggire a un normale controllo, per scansare una denuncia o, peggio, un arresto. Gli episodi di resistenza, oltraggio e violenza a pubblico ufficiale ormai sono all’ordine del giorno… Una tipologia di reati che… sta registrando un inquietante incremento sul lungo periodo. E non solo nelle zone a maggior tasso delinquenziale della città. Segno, verosimilmente, di una maggiore consapevolezza di impunità da parte di chi viene pizzicato in atteggiamenti sospetti da poliziotti e militari. Ma partiamo dai dati. Dall’inizio dell’anno ad oggi, sono stati circa 120 gli arresti o le denunce a piede libero per resistenza, violenza o oltraggio a pubblico ufficiale. Una cifra che unisce l’attività di polizia di Stato e Carabinieri su tutto il territorio, dall’Alto Ferrarese al mare. Spalmando il dato sugli undici mesi, troviamo un caso di resistenza ogni tre giorni circa…”. Gli arresti che ne conseguono però “non sempre, come testimoniano le cronache giudiziarie, si traducono in una qualche misura cautelare. In molti casi (forse troppi), i fermati ritornano in libertà nel giro di una manciata di ore. Un ulteriore elemento che alimenta la facilità con cui si verificano episodi di resistenza. Le conseguenze spesso molto limitate a cui vanno incontro i malviventi, in molti casi rendono ‘conveniente’ il tentativo di sfuggire all’arresto con la forza. Perciò, soprattutto le nuove leve della delinquenza sembrano avere sempre meno timore della divisa, arrivando ad affronti aperti e violenti, che in casi estremi hanno costretto agenti o carabinieri a un passaggio al pronto soccorso…”. “Commentare ulteriormente significherebbe insultare l’intelligenza altrui – conclude Maccari -, perché chiunque ha ben chiare le conclusioni derivanti da questi resoconti e cosa servirebbe per aiutarci a fare sicurezza. Chiunque lo capisce tranne, evidentemente, chi ha il dovere di intervenire a livello istituzionale per porre rimedio a questo scempio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: