Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Giochi: lo scenario post referendum

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 dicembre 2016

slot machines«Si vedrà dopo il referendum»: la formula, ripetuta come un mantra, ha accompagnato nelle ultime settimane le previsioni sul futuro del settore giochi, tema di una delicata trattativa tra Governo ed Enti locali in Conferenza Unificata. Ora che il referendum ha spazzato via la riforma e messo in crisi l’esecutivo di Renzi, l’incertezza sull’evoluzione a breve termine non può che crescere.A rischio c’è l’intera architettura governativa di riordino del comparto, riassunta nella proposta che Pier Paolo Baretta, sottosegretario all’Economia, ha presentato agli enti locali una ventina di giorni fa. Punti focali, ricorda Agipronews, la riduzione del 33% delle slot sul territorio nazionale entro un anno e il drastico calo dei punti vendita abilitati all’installazione delle macchine, a spese soprattutto di bar e tabacchi. Una proposta che da una parte aveva parzialmente ammorbidito l’intransigenza degli enti locali, tesi a proteggere le limitazioni al gioco stabilite dai loro regolamenti; dall’altra, era stata digerita, seppure a fatica, anche all’interno del settore. Tanto che nei giorni scorsi, lo stesso Baretta aveva annunciato l’inserimento della riduzione slot come emendamento governativo nella Legge di Bilancio.E ora? Tutto dipende da come si evolverà la crisi: un prolungamento del Governo Renzi per l’ordinaria amministrazione potrebbe consentire a Baretta di mandare in porto il progetto in extremis. Stesso dicasi per un esecutivo a guida “renziana”, vedi Padoan. Tutte le ipotesi che prefigurano una rottura netta con l’ultimo Governo potrebbero invece condurre la proposta-Baretta su un binario morto.Al riguardo, fra gli operatori del settore convivono umori differenti: per un verso, lo “spiaggiamento” del progetto governativo rimanderebbe sine die la temuta “fase due”, vale a dire la programmata, parziale o totale eliminazione delle slot da bar e tabacchi, di cui si parla esplicitamente nel testo di Baretta. Per altri versi, però, l’attuale situazione di “vacatio legis”, prosegue Agipronews, darebbe sempre di più mano libera a comuni e regioni, i cui regolamenti limitano fortemente il gioco sia dal punto di vista della collocazione (i “distanziometri”) che degli orari di apertura, e aumentare la confusione sul territorio.Più chiara la situazione relativa la legge di Bilancio, che contiene due provvedimenti riguardanti i giochi: il nuovo bando per il Superenalotto e la lotteria dello scontrino. Il testo, spiega Agipronews, ha già passato il vaglio della Camera e al Senato la maggioranza per l’approvazione definitiva non dovrebbe mancare. Ma bisognerà fare tutto molto in fretta, vista la situazione precaria dell’esecutivo, e sarà difficile condurre eventuali emendamenti a buon fine. Tradotto: l’inserimento della riduzione delle slot nella legge di Bilancio potrebbe trovare la porta sbarrata. MF/Agipro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: