Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 341

All’Hackathon per il Baby Care vince l’Open Innovation

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 dicembre 2016

ibmMilano. E’ una soluzione tecnologica applicabile ai passeggini ad aggiudicarsi l’hackathon “Taking Baby Care to the next level” tenutosi sabato e domenica in Talent Garden con la collaborazione di IBM e Chicco, brand dedicato al mondo del bambino a 360°. I 50 partecipanti – divisi in gruppi composti da developer, 3Dmaker e designer – si sono sfidati per due giorni e una notte con l’obiettivo di trovare soluzioni per la cura del bambino e di dare loro forma nel TheFabLab di Talent Garden Milano che dispone di tecnologie per la stampa in 3D.I team di lavoro avevano a disposizione la piattaforma di sviluppo in cloud Bluemix di IBM per l’attività di sviluppo delle app – integrabili in prodotti per l’infanzia già esistenti – per l’analisi dei dati, per la sensoristica legata al mondo dell’Internet of Things e per le funzionalità cognitive.Tre, in particolare, le idee che sono riuscite a coniugare il mondo digitale con il concept di prodotto e che sono state premiate con tre assegni del valore di 5, 3 e 2mila euro da Chicco che si e’ anche aggiudicata la proprieta’ intellettuale dei progetti. A ciò, si è aggiunta l’estensione all’uso della piattaforma IBM Bluemix in modo da consentire il completamento dello sviluppo delle soluzioni.I giovani si sono destreggiati con curiosità e ingegnosità tra biberon, culle e passeggini non dimenticando la rilevanza dei dati e il valore, in fatto di conoscenza, che riescono a esprimere una volta integrati e interpretati. Alcuni si sono spinti anche a sperimentare tecniche cognitive come il virtual recognition.In sintesi, i ragazzi hanno dimostrato voglia e capacità di saper contribuire ai cosiddetti processi di ‘open innovation’, proprio ciò di cui le imprese hanno bisogno e di cui sono alla ricerca attraverso la relazione con i propri ecosistemi.E’ per questo che, da anni, IBM promuove, la formula ’hackathon’ con molteplici finalità: contribuire alla contaminazione di idee tra diversi settori, favorire la diffusione di specifiche competenze nello sviluppo software – così richiesti dal mondo del business -, sostenere la cultura del cambiamento e il valore della trasformazione e, infine, dimostrare che la tecnologia può trovare facile applicazione nella vita di tutti i giorni. Con Il “Taking Baby Care to the next level”, IBM ha infine messo in luce l’impegno nelle aree della salute e del benessere, destinate a offrire un crescente contributo al volume di dati non strutturati e, per questo, orientate alle soluzioni di cognitive computing.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: