Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 13 dicembre 2016

Un Governo nemico della meritocrazia, nemico dei cittadini onesti

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

governo-gentilonidi Luigi di Maio. Colui che è stato Ministro degli esteri mentre si esportavano bombe in Arabia Saudita, promosso Presidente del Consiglio dei Ministri: Paolo Gentiloni.Colei che ha fatto la riforma della pubblica amministrazione bocciata dalla Corte Costituzionale, confermata Ministra della Funzione Pubblica: Marianna Madia.Colei che ha fatto la riforma della Costituzione bocciata dal 60% degli italiani con il referendum, promossa a sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri: Maria Elena Boschi.
Colui che da Ministro dell’Interno (non) ha gestito l’immigrazione e la sicurezza in Italia, protagonista dello scandalo Shalabayeva, promosso a Ministro degli Esteri: Angelino Alfano (si proprio lui ci rappresenterà all’estero…).Colui che ha portato Verdini in maggioranza di Governo e gli ha permesso anche di fare le liste a sostegno del PD per le amministrative, promosso a Ministro dello Sport: Luca Lotti.Si stanno scavando la fossa con le loro stesse mani. Loro non si arrenderanno mai, noi neppure! (foto: governo gentiloni)

Posted in Spazio aperto/open space | Leave a Comment »

Mostra Gaetano Vari: “Oltre”

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

gaetano-variManziana (Roma) Sarà inaugurata il 17 dicembre 2016 alle ore 17 a Manziana-Roma la mostra del pittore Gaetano Vari “Oltre”. L’esposizione si terrà presso la galleria d’arte IL MASCHERINO Via Roma 34 fino al 29 dicembre.
Gaetano Vari nasce a Manziana (Roma) nel 1959. Poeta e docente di storia dell’arte, nel 1973 inizia ad intraprendere il suo percorso artistico nella pittura partecipando a diverse esposizioni in Italia e all’estero. La sua pittura, contraddistinta inizialmente da uno stampo classico e figurativo, si avvicina in un secondo momento all’astrattismo, conquistandosi in breve tempo un importante spazio nell’ambito del movimento informale italiano. Le sue tele si caratterizzano per un’intensa tessitura cromatica, una pittura che rievoca erudite e arcaiche memorie ancestrali, in particolar modo quella degli Etruschi. Nei suoi quadri le dirompenti forme multicolori si racchiudono in labirinti enigmatici e mitologici che catturano le anime degli osservatori e li accompagnano in fantastiche atmosfere e fabulistici sogni dove il colore incanta e magnetizza gli sguardi delle persone. Durante la sua carriera l’artista si confronta con numerosi pittori con i quali instaura una profonda amicizia tra cui Gino Righetto, Mario Coppola, Renzo Vespignani, Pericle Fazzini, Alberto Burri e Luce Balla, la figlia di Giacomo Balla. Con Vespignani l’amicizia sarà forte, seguirà da vicino l’evoluzione astratta di Vari. Il catalogo della mostra di Ferrara del 2000, presentato nella Galleria “Il secondo rinascimento”, è un esempio di lavoro curato dai due. L’artista diventa il protagonista indiscusso di numerose e prestigiose mostre tra le quali ricordiamo: quella organizzata nel 1979 nell’incantevole Palazzo Grassi a Venezia e quella allestita nel 1989 nella Galleria La Spirale di Roma, dove riscuote un grandissimo apprezzamento da parte della critica con uno studio sull’aquila reale. La città di Milano lo celebra nel 1999 con una mostra personale organizzata nella Galleria Modigliani che suscita un gaetano-vari2gaetano-vari3notevole interesse e gradimento da parte di pubblico e critica. L’artista intraprende subito dopo un lungo rapporto con la Galleria lo Spazio Visivo di Roma e con il critico Anselmetti che seguirà a lungo la sua pittura. Nello scenario internazionale alcune importanti rassegne collettive che lo vedono partecipe sono quelle svolte a Berlino nel 2007, a Barcellona nel 2010 e a Parigi in occasione di “Colori d’Italia” nella Galleria Espace Arsino. Attualmente l’artista organizza e presiede le giurie di prestigiosi corsi di pittura nazionali ed internazionali, mansioni che porta avanti da diversi anni e, dal 1993, è Presidente di “Il Mascherino”, Associazione culturale dedita a sostenere e promuove progetti socio culturali di livello regionale destinati alla valorizzazione delle tradizioni e la tutela del patrimonio storico e artistico laziale, attività svolta in collaborazione con la Provincia di Roma e l’Università La gaetano-vari1Sapienza di Roma. Le sue opere sono esposte permanentemente a Manziana, nell’atelier dell’artista e presso la Galleria d’arte “Il Mascherino”, a Viterbo presso la sede della Mercedes, a Tricase in provincia di Lecce, collezione Pina Scarcella. Il critico d’arte Daniele Catini definisce così la sua pittura:” L’opera recente di Vari rappresenta una volontà di partecipare -ma anche superare- il bagaglio della contemporaneità pittorica, per incidere con estremo coraggio e propensione verso un’arte liberatoria, intrisa di impulsi e distillazioni, espressione sintetica di un arco temporale ben più ampio nella storia della pittura. Il suo, un terreno artistico-culturale nato dall’evocazione -se pur filtrata- di aspetti contenutistici dell’arte classica, sia mitologici che mistico-leggendari in cui sono gli strumenti di una astrazione comunicativa che rendono innovativo il suo pensiero. Ritroviamo sempre un estro, fatto di valenze simboliche ed intriso di messaggi assordanti, ma che non si può dettare iconologicamente, perché libero da convenzioni storico-artistiche e perché nasce dal profondo di chi crea. Una pittura, la sua, in cui l’astrattismo è funzione essenziale dell’odierna comunicazione e predisposizione intellettuale al contenuto; una pittura che esprime autentiche sensazioni dell’anima contemporanea già in viaggio nel futuro e insieme ricca di colte reminiscenze ancestrali, bagaglio e memoria insostituibili nel progredire dell’arte”. (Christian Flammia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Personale: Campidoglio, 191 nuovi dipendenti entro fine anno

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

campidoglioEntro la fine del 2016 il Campidoglio procederà all’assunzione di 191 nuove unità di personale, individuate tra i vincitori del maxi-concorso. E’ quanto prevede la delibera approvata oggi dalla Giunta capitolina. I dipendenti che entreranno a far parte dell’amministrazione si aggiungono ai 485 vincitori del cosiddetto “concorsone” per i quali a ottobre erano state sbloccate le assunzioni, che si perfezioneranno sempre entro l’anno.”Dopo aver risolto la vicenda del ‘concorsone’, incagliata da anni tra sospetti e promesse non mantenute, e dopo aver sbloccato il pagamento del salario accessorio dei dipendenti capitolini, continua il nostro impegno per rendere sempre più solida ed efficiente la macchina amministrativa – afferma il delegato della sindaca al Personale, Antonio De Santis – Parallelamente, prosegue incessante la nostra lotta agli sprechi: le risorse per le nuove assunzioni derivano infatti dai risparmi effettuati in particolare sugli incarichi dirigenziali esterni”. Ammontano a oltre 3 milioni di euro i fondi destinati a questa integrazione del piano assunzionale, sostanzialmente derivanti dalla riduzione dei comandi da altre amministrazioni e dei contratti a tempo determinato ex art. 110. Tra le figure professionali che entreranno in servizio ci sono 105 istruttori amministrativi, 30 funzionari per i servizi di orientamento al lavoro, 20 istruttori per servizi culturali turistici e sportivi, 14 istruttori servizi orientamento al lavoro, 10 esperti in sviluppo servizi informatici e telematici, 5 dietisti, 5 funzionari dei processi comunicativi e informativi, 2 funzionari di biblioteche. “Pur in un quadro normativo ingessato, abbiamo garantito i diritti spettanti ai vincitori del ‘concorsone’ – aggiunge De Santis – e l’amministrazione lavorerà per dare continuità al processo in atto. L’auspicio è che anche dal nuovo Governo arrivino segnali che vadano nella direzione di un giusto riordino delle varie problematiche riguardanti le graduatorie concorsuali nella pubblica amministrazione. Presto, insieme alla sindaca Raggi, incontreremo tutti i nuovi assunti per dare loro il benvenuto in Campidoglio”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immatricolazioni all’università di Parma

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

parma universitàParma. C’è tempo fino al 31 dicembre 2016 per immatricolarsi al corso di laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali dell’Università di Parma. Le iscrizioni devono essere effettuate on line sul sito web di Ateneo http://www.unipr.it Percorso a prevalente vocazione europea e internazionale, volto ad analizzare e a comprendere le principali trasformazioni del mondo contemporaneo a livello politico, economico, giuridico e sociale, il corso di studi si caratterizza per una spiccata multidisciplinarietà, indispensabile per comprendere i principali fenomeni della complessa realtà politica. L’approccio multidisciplinare e la molteplicità di competenze che esso consente di sviluppare favoriscono inoltre la versatilità del laureato in Scienze politiche e la sua capacità di inserirsi consapevolmente in svariati ambiti lavorativi. Al fine di formare laureati dotati delle capacità necessarie per accedere a posizioni professionali che richiedono una spiccata attitudine dinamica, nel settore pubblico e privato, nella diplomazia e presso organizzazioni internazionali ed europee, governative e non governative, nei corsi di studio in Scienze politiche si affiancano alle tradizionali lezioni frontali attività laboratoriali, approfondimenti sotto forma di seminari e incontri con testimoni e protagonisti privilegiati. Oltre alle attività di studio che si svolgono nell’ambito del programma Erasmus+ e del sottoprogramma Erasmus + Traineeship, sono numerose, e costantemente incrementate, le opportunità di tirocini curriculari in Italia e all’estero.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Speciale concerto tributo a The King of Reggae al Quirinetta

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

bob-marleyRoma 15 dicembre 2016 ore 22.00 Quirinetta, Via Marco Minghetti 5 Vedere insieme sul palco Bunna, storico leader degli Africa Unite, Zibba e Raphael in un concerto unico, tributo emozionante a Bob Marley per una serata sulle note del più grande cantautore reggae, chitarrista e attivista giamaicano che la storia abbia mai conosciuto. Un progetto nato dall’incontro tra tre artisti italiani uniti dalla comune passione per la musica di Robert Nesta “Bob” Marley.A 35 anni dalla sua morte, Double Troble è un inedito omaggio a Marley, dedicato ai fan di ogni età, ai cultori e non solo, con un set elettroacustico costruito con loop, chitarra e una parte di elettronica per far vivere le atmosfere che hanno fatto grande la musica del “king of reggae”, dando vita ad un concerto tributo arricchito da brani inediti.
Dopo il primo disco “Double Trouble” (2011), omaggio a Bob Marley in piena linea con il live con nove brani di Marley reinterpretati e un inedito dal titolo omonimo, Bunna, Zibba e Raphael sono tornati a ottobre con un nuovo singolo, “Cenere”: un brano scritto e prodotto dal trio, ispirato alle atmosfere della musica che li ha fatti incontrare, una canzone d’amore che unisce sonorità attuali alle radici roots del progetto. (foto: Bob-Marley)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I nuovi e i vecchi ministri del governo Gentiloni

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

camera deputatiLa compagine governativa è stata formata in tutta fretta dal presidente incaricato Paolo Gentiloni. Dodici sono i ministri confermati su 18. Già stamani il governo si presenterà prima alla Camera e poi al Senato e la fiducia sarà votata entro mercoledì prossimo per consentire al presidente del Consiglio di presentarsi al Consiglio europeo di giovedì prossimo con i pieni poteri.
Sono tre i volti nuovi di questo governo da Minniti ad Anna Finocchiaro, già presidente dei senatori del Pd, che va ai Rapporti con il Parlamento, e a Valeria Fedeli, che prende il posto del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Alfano, a sua volta, lascia gli interni per andare agli esteri. Lo stesso accade a a Claudio de Vincenti, che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio, passa al nuovo ministero per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno e Luca Lotti da sottosegretario alla presidenza con delega all’Editoria a ministro dello Sport.
Mentre Gentiloni presenta i ministri per il giuramento al Presidente Mattarella vanno annotate le rimostranze di Verdini che minaccia di togliere la fiducia perché ritiene che la sua compagine non è stata adeguatamente rappresentata in seno al governo. Il senatore Paolo Naccarato militante nel gruppo Autonomie e Libertà fa invece sapere che al Senato, nonostante la minacciata defezione di Verdini il governo non ha problemi di rappresentanza potendo confidare in una maggioranza solida. Resta il giudizio negativo di tutte le opposizioni. Questo malumore si può sintetizzare con quanto scrive su facebook il vicepresidente della Camera del M5s, Luigi Di Maio: “Pensano di poter tirare a campare fino alla pensione parlamentare (settembre 2017) e intanto faranno le nomine nelle grandi aziende di Stato. Sono degli illusi. Più lasceranno Gentiloni a Palazzo Chigi, più il loro consenso crollerà e saranno costretti a mollare”.
Ecco i ministri e il loro dicastero: Marco Minniti (Pd) all’interno, Alfano passa agli esteri, Pier Carlo Padoan all’Economia, Andrea Orlando alla Giustizia e Roberta Pinotti alla Difesa (entrambi del Pd). Carlo Calenda allo Sviluppo economico, Maurizio Martina (Pd) all’agricoltura, Beatrice Lorenzin (Ncd) alla Salute, Dario Franceschini (Pd) ai Beni culturali, Graziano Delrio (Pd) al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Giuliano Poletti al ministero del lavoro, all’Ambiente Gianluca Galletti (Pd) mentre Valeria Fedeli (Pd), già vice presidente del Senato, è il nuovo ministro dell’Istruzione e della Ricerca.
Tra i ministri senza portafoglio Anna Finocchiaro (Pd) ministro dei Rapporti con il parlamento, al posto di Maria Elena Boschi passata a sottosegretario alla presidenza del consiglio con funzione di segretario del Consiglio dei ministri. Marianna Madia (Pd) alla Semplificazione e Pubblica amministrazione. Agli Affari regionali Enrico Costa (Ncd). Il professor Claudio De Vincenti al dicastero della Coesione territoriale e Mezzogiorno, Luca Lotti (Pd) va al ministero dello Sport, con anche le deleghe per l’editoria e il Cipe.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si è spento Mons. Javier Echevarría, Prelato dell’Opus dei

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

mons-javier-echevarriaAlle 21.20 di ieri, nella festa della Madonna di Guadalupe, è venuto a mancare mons. Javier Echevarría, vescovo e secondo successore di san Josemaría, fondatore dell’Opus Dei, e Gran Cancelliere della Pontificia Università della Santa Croce. Il vicario ausiliare della prelatura, Mons. Fernando Ocáriz, ha potuto amministrargli gli ultimi sacramenti proprio questa sera.Il prelato era stato ricoverato lo scorso 5 dicembre nel policlinico dell’Università Campus Bio-Medico di Roma a causa di una lieve infezione polmonare.Mons. Echevarría era sotto cura antibiotica per contrastare l’infezione. Il quadro clinico si è complicato nelle ultime ore provocando una insufficienza respiratoria, che ha provocato il decesso.Come prevede il diritto della prelatura, il governo ordinario dell’istituzione ricade ora sul vicario ausiliare e generale mons. Fernando Ocáriz. Secondo gli statuti della prelatura, a lui compete convocare entro un mese un congresso elettorale che elegga il nuovo prelato. Il congresso si dovrà celebrare entro 3 mesi. L’elezione dovrà poi essere confermata dal Papa.Il prelato è deceduto a 84 anni di età. Nacque a Madrid nel 1932, dove conobbe san Josemaría, di cui fu segretario dal 1953 al 1975, anno in cui fu nominato segretario generale dell’Opus Dei. Nel 1994 fu eletto prelato. Ricevette dalle mani di Giovanni Paolo II l’ordinazione episcopale il 6 gennaio del 1995 nella basilica di San Pietro.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: assessora Muraro rassegna dimissioni

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

paola-muraroL’assessora alla Sostenibilità ambientale di Roma Capitale Paola Muraro si dimette dall’incarico, rimettendo le sue deleghe nella mani della sindaca, Virginia Raggi. “Oggi, tramite il mio legale, la Procura di Roma mi ha notificato un avviso di garanzia in riferimento all’articolo 256 del Testo unico sull’ambiente. Contestualmente sono stata informata che verrò ascoltata dalla Procura il prossimo 21 dicembre. Sono tranquilla e convinta di riuscire a dimostrare la mia totale estraneità ai fatti. Tuttavia, per senso di responsabilità istituzionale e per rispetto verso questa amministrazione, ho deciso di dimettermi in attesa di chiarire la mia posizione”, ha spiegato l’assessora Muraro”.”In nome della trasparenza comunichiamo tempestivamente la notifica ricevuta da Paola Muraro, rispettando pienamente quanto abbiamo sempre assicurato ai cittadini – ha sottolineato la sindaca, Virginia Raggi – Attendiamo con fiducia che l’assessora chiarisca nel dettaglio la sua posizione e, nel frattempo, sarò io ad assumere le sue deleghe”.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capodanno da Spillo a Palermo

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

chiara-minaldi1chiara-minaldiPalermo Capodanno del 31 dicembre da Spillo la Birroteca, il locale all’interno del Cortile di San Giovanni degli Eremiti di via dei Benedettini (accanto Palazzo dei Normanni, raggiungibile da piazza della Pinta e via del Bastione, a ridosso della chiesa arabo-normanna di San Giovanni degli Eremiti), in pieno percorso storico arabo-normanno.La serata inizierà alle 21,30 con il classico cenone, ricco di tanti piatti e vini da gustare.
All’arrivo saranno subito servite le “bollicine”, col Müller Thurgau della cantina Gorghi Tondi, con frutta in tempura (ananas, mele, avogado, mango).Seguirà l’antipasto: salmone marinato agli agrumi con brunoise di frutta esotica. Seguiranno i tocchetti di spatola e gamberi di Mazara in crosta di sesamo nero su letto dì valeriana. Ad accompagnare i piatti, il vino zibibbo Cantina Gorghi Tondi.
Due i primi: risotto con bollicine di Franciacorta e carpaccio di gambero di Mazara, gnocchi di patata viola con scampi, pomodorino datterino e erba cipollina. Anche in questo caso un vino adatto ai piatti: Grillo della cantina Gorghi Tondi
Toccherà poi ai secondi: scrigno di orata alle verdure amare. Calamaro farcito con cuscus, verdure croccanti e pistacchio e gazpacho. Il vino in questa sezione sarà il Catarratto della cantina Gorghi Tondi.
Il dessert sarò un vero bijoux: carpaccio di ananas caramellato accompagnato da semifreddo al finger lime, crumble di mele e gelato alla vaniglia. Anche in questo caso un vino adatto: Zibibbo di Pantelleria della cantina Gorghi Tondi.Seguiranno panettone e brindisi di mezzanotte con bollicine Palmares della cantina Gorghi Tondi.Sarà inoltre aperta nel locale una baby area dove fare divertire e mangiare i più piccoli, con un menù a base di timballo di riso, cotoletta, patatine fritte e bibite.
Altro perno fondamentale della serata sarà l’intrattenimento musicale. Così, durante il cenone a fare da ideale sottofondo per la chiusura dell’anno 2016 e l’inizio del 2017, sarà la voce di Chiara Minaldi, accompagnata da un inedito duo formato da Mariano Tarsilla al basso e Davide Molino alla chitarra. In scaletta standard pop, jazz e pop jazz e le canzoni inedite scritte dalla stessa Minaldi. Tra queste, il brano “Un’anima”, che le ha permesso di vincere il premio Bianca D’Aponte per la migliore interpretazione.
Dopo mezzanotte il compito i fare ballare tutti fino a tarda sera sarà affidato a Luigi Guarneri di Radio In, col suo incedibile dj-set che viaggia dagli anni Settanta a oggi. Il costo del cenone è di 90 euro a persona. Per i bambini (figlio unico di singola coppia) il cenone è gratuito. Per chi entrerà dopo mezzanotte l’ingresso costa 35 euro con open bar. (chiara minaldi)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I 50 anni dei Focolari tra il popolo Bangwa del Camerun

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

camerunA Fontem, dal 14 al 17 dicembre 2016, la solenne celebrazione a conclusione dell’anno di ringraziamento indetto dal vescovo di Mamfe, mons. Andrew Nkea«Attraverso il Movimento dei Focolari Dio ha visitato il popolo Bangwa […] Hanno vissuto il patto dell’amore scambievole con il popolo Bangwa e insegnato la spiritualità dell’unità e la fraternità universale […] Hanno ridotto la mortalità infantile dal 90% a praticamente lo zero; hanno lavorato duramente per eliminare la mortifera mosca Tsetse che faceva di Fontem una valle di morte; migliaia di persone non avrebbero avuto una buona formazione scolastica senza di loro; hanno messo alla portata di tutti buone condizioni sanitarie […] Ora è il momento di celebrare l’amore di Dio per tutto il popolo di Lebialem».Questi alcuni passaggi della lettera con cui mons. Andrew Nkea, vescovo di Mamfe, aveva indetto il 2016 come anno giubilare di ringraziamento a Dio per l’arrivo dei Focolari tra il popolo Bangwa. Assieme ad una preghiera da recitare ogni giorno, la lettera ripercorre i momenti salienti di questi 50 anni, ricordandone i protagonisti e quanti nel corso di questa storia hanno dato la vita. Essa esprime anche il sentire dei Fon – re dei territori della regione –, dei responsabili delle istituzioni e di tutta la popolazione.Risale al 1966 l’arrivo dei primi focolarini medici a Fontem. Rispondere all’emergenza in cui si trovava allora il popolo Bangwa diventò una priorità per tutto il Movimento dei Focolari. Chiara Lubich vi fece la prima visita nello stesso anno, accolta con grande festa dal re, il Fon Defang, dai notabili e da tutto il popolo. Vi ritornerà altre due volte. Nel maggio 2000 così si rivolge ai Bangwa radunati nella grande spianata davanti al palazzo del Fon: «Non mi sento di staccarmi da voi senza avere fatto un patto solenne. Un patto d’amore vicendevole, forte e vincolante. È come una specie di giuramento, in cui ci impegniamo ad essere sempre nella piena pace fra noi e a ricomporla ogni volta si fosse incrinata».
A conclusione di quest’anno giubilare, dal 14 al 17 dicembre 2016, si terrà la celebrazione solenne del 50º, alla cui preparazione sono stati parte attiva i Fon e i responsabili delle istituzioni, e che nell’ottobre scorso ha acquisito dimensione nazionale con la sua presentazione, a Yaoundé, al Primo Ministro Philémon Yang.In programma il giubileo del college Our Lady Seat of Wisdom, che con 500 allievi all’anno è tra i cinque migliori istituti pre-universitari nel sistema anglofono del Camerun; testimonianze sulla vita e il lavoro dei Focolari a Fontem; una Conferenza Internazionale sul Dialogo Interreligioso tra Cristianesimo e Religione tradizionale africana, nell’esperienza degli ultimi 50 anni tra il popolo Bangwa.
Oggi è forse l’inculturazione del cristianesimo a venire più in evidenza. Per il filosofo e teologo africano Martin Nkafu, direttore del Dipartimento delle Scienze Umane e Sociali dell’Area Internazionale di Ricerca alla Pontificia Università Lateranense di Roma, «il cristianesimo non ha cambiato la mentalità della gente; nell’aderire a Cristo, il Bangwa mantiene la sua personalità, la sua cultura, una visione integra della realtà, e ciò gli permette – per usare le parole di Giovanni Paolo II a Nairobi nel 1982 – di potere essere autenticamente africano e profondamente cristiano».
Tra le iniziative realizzate durante l’anno, il pellegrinaggio dei Fon a Roma nel settembre scorso, per celebrare il Giubileo della Misericordia con papa Francesco e ripercorrere i luoghi di Mafua Ndem, la “regina inviata da Dio”, come fu intitolata Chiara Lubich dal Fon Lucas Njifua Fontem in occasione del suo ultimo viaggio in Camerun. Ma anche un concorso dal titolo “L’intervento di Dio nella storia e vita del popolo Nweh Mundani”, promosso lungo tutto l’anno tra le scuole elementari e secondarie del distretto, con poesie, canzoni, composizioni letterarie e quiz; hanno partecipato con i propri lavori 700 ragazzi di 21 scuole, con il coinvolgimento di altri 4000.
La ricorrenza mobilita e collega anche i Bangwa che negli ultimi decenni hanno lasciato il Camerun. Una Commissione per lo Sviluppo, con esponenti in Camerun e in altri Paesi, ha iniziato un dialogo con gli enti dello Stato in vista di azioni concrete nel campo dell’educazione, della salute, della gioventù e della condizione della donna.
La celebrazione di questo 50º è seguita con partecipazione dai Focolari nel mondo. La presidente Maria Voce ha accompagnato da vicino il cammino di preparazione, mentre a Fontem saranno presenti il copresidente Jesús Morán e i consiglieri centrali per l’Africa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Piccolo Coro dell’Antoniano a San Marino per ‘Lumen de Lumine’

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

zecchino-doroSan Marino 17 dicembre alle ore 18,30 presso la Basilica di San Marino. Dopo lo straordinario successo dell’edizione numero 59 dello Zecchino d’Oro, torna protagonista il Piccolo Coro ‘Mariele Ventre’ dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni. Questa volta accade nella Repubblica di San Marino in occasione di ‘Lumen de Lumine’ per augurare buone feste. La manifestazione colloca l’esibizione canora nel quadro di un suggestivo spettacolo di luci intervallato dalla lettura di brani tratti dalle Sacre Scritture e dalle omelie di Papa Francesco. L’obiettivo del percorso è accompagnare la riflessione intorno al mistero della nascita di Gesù a partire dalla luce intesa come sinonimo di vita e come stimolo per uno sguardo più profondo sulla realtà. L’evento è ad ingresso libero e si svolge nell’ambito de ‘Il Natale delle Meraviglie’, il ricco cartellone per le festività promosso dalle autorità sammarinesi. La scaletta dei brani:
BIANCO NATALE (White Christmas) Testo: I. Berlin – Musica: I. Berlin – Testo Italiano: Devilli
BENEDIZIONE A FRATE LEONE (BENEDICTIO FRATRI LEONI DATA) Testo: S. Francesco d’Assisi – Musica: S. Merlo
SE PER MIRACOLO Testo: Fernando Rossi – Musica: Chopin-Elab. Mus. S. Merlo
AMMONIZIONE XXVII Testo: S. Francesco d’Assisi – Musica: S. Merlo
LA PREGHIERA(The preyer) Testo: A. Testa/T. Renis – Musica: D. Foster
GIOIA NEL MONDO Testo: R. Ferri – Musica: G.F. Handel – tradizionale
JINGLE BELLS Testo: U. Bertini – Musica: Henderson

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Viaggia/travel | Leave a Comment »

La logistica penalizza l’ortofrutta del Mezzogiorno

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

siracusaSiracusa Seminario il 20 gennaio 2017. Fare arrivare un camion con 20 tonnellate di ortofrutta in partenza da Catania fino a Milano (1.350 km scarsi) costa di più che trasportare un container con lo stesso carico da Genova a Shanghai (oltre 11 mila km) e di più del trasporto dello stesso carico dal Nord Italia alla Germania. Il Mezzogiorno concentra oltre il 60% della produzione ortofrutticola italiana ma è penalizzato non solo nel costo dei trasporti ma più in generale nella organizzazione logistica. Che cosa si può fare?
A questa domanda cercherà di rispondere il seminario sulla ‘Logistica dei Prodotti Freschi nel Sud Italia e nel Mediterraneo’ che aprirà a Siracusa la quinta edizione dell’evento ‘I Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana’ in calendario per il prossimo 20 gennaio nel centro storico della città siciliana. Andrea Bardi, general manager della Fondazione ITL (Institute for Transport and Logistics) di Bologna interverrà su ‘Criticità e prospettive della logistica dei prodotti freschi nel Sud’. Guido Grimaldi, top manager del Gruppo Grimaldi di Napoli, illustrerà ‘L’esperienza delle autostrade del mare e la loro ricaduta nei trasporti e nella logistica dell’ortofrutta’. Riccardo Martini, general manager della Tramaco di Ravenna, approfondirà il tema delle ‘Spedizioni di ortofrutta dal Sud Italia all’Europa nel contesto del Mediterraneo’. Seguirà una tavola rotonda, moderata da Lorenzo Frassoldati, direttore del Corriere Ortofrutticolo, con interventi di Marco Salvi, presidente FruitImprese, Fabio Massimo Pallottini, presidente Italmercati, Gennaro Velardo, presidente dell’Unione Nazionale Italia Ortofrutta, Ilenio Bastoni, direttore generale Apofruit e Aurelio Pannitteri, presidente della OP Rosaria. Il seminario si inserisce in un programma triennale di analisi sull’ortofrutta nel Mezzogiorno, nato dalla collaborazione tra Italia Ortofrutta e Corriere Ortofrutticolo, battezzato ‘L’ortofrutta riparte dal Sud’, avviato un anno fa a Matera con un approfondimento sull’aggregazione della produzione.
Questo programma arricchisce di contenuti un evento di rilievo per i vertici imprenditoriali e associativi del comparto ortofrutticolo nazionale. ‘Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana’ infatti segna l’inizio di un nuovo anno di impegni e sfide per il settore ortofrutticolo del nostro Paese alla vigilia dell’appuntamento internazionale di Fruit Logistica e gode della partnership del CSO, di Fruitimprese e di Italia Ortofrutta (main sponsor dell’evento). Dopo il seminario sulla logistica, previsto per la mattina del 20 gennaio, seguirà nel pomeriggio la presentazione di alcuni prodotti che rappresentano le ‘nuove frontiere’ della Sicilia Ortofrutticola, all’insegna della novità assoluta (la frutta tropicale) o della riscoperta (il melograno) in funzione anche della valorizzazione del territorio (il fico d’India). I seminari si svolgeranno a Palazzo Vermexio, nella storica piazza del Duomo di Siracusa, e saranno seguiti dalla cerimonia di premiazione, appunto, degli 11 ‘Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana’ nell’anno 2016 tra i quali sarà scelto, in una serata esclusiva nel vicino Palazzo Beneventano, l’Oscar della Frutta 2017. Nato come momento conviviale e celebrativo promosso dalla redazione della rivista di settore Corriere Ortofrutticolo, ‘Protagonisti’ sta diventando la Cernobbio dell’ortofrutta italiana. Le precedenti edizioni si sono svolte, sempre nella terza settimana di gennaio, a Villa Serego Alighieri in Valpolicella (2013), al Resort Monte del Re di Dozza (2014), alla Cantina Rotari di Mezzocorona (2015), alla Casa Cava di Matera (2016).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

World Jewish Congress President Lauder: Terror attacks in Istanbul and Cairo are ‘an attack on all of us’

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

NEW YORK – Ronald S. Lauder, president of the World Jewish Congress (WJC), on Sunday strongly condemned the deadly terrorist attacks in Istanbul and Cairo, calling them “crimes against humanity”. At least 25 pnew yorkeople were killed when a bomb exploded at St. Mark’s Cathedral in Cairo during Sunday mass. On Saturday, 38 people were killed and many more wounded in a twin bomb attack in Istanbul, which was claimed by a radical Kurdish group.In response to the attack in Egypt, Lauder declared: “An attack on Christian worshippers at a church in Cairo is not only an attack on Christians; it is an attack on all of us. We could all be victims. Tonight, Jews around the world are shocked by this barbaric act, and we stand in solidarity with the embattled Coptic community in Egypt as it mourns so many of its members.”We call on the authorities in Egypt to do everything they can to stop further bloodshed, to ensure that sites of worship are being protected, and to do everything to bring those who perpetrated this attack to justice.”The WJC president also expressed his sorrow at the twin bomb attack in Istanbul. “The people of Turkey have been the target of so many terrorist attacks in recent months, and in this moment of despair and anguish, we send them a message of solidarity on behalf of the Jewish people,” said Lauder.The World Jewish Congress (WJC) is the international organization representing Jewish communities in 100 countries to governments, parliaments and international organizations.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caso Renzi: Dimissioni o continuità?

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

matteo renzidi Vincenzo Olita. Ci risiamo, per molti analisti, se il Paese vive una crisi politica e il referendum costituzionale è stato sconfitto la responsabilità è del neoliberismo selvaggio e delle ricette liberali del governo che” hanno prodotto milioni di nuovo poveri “.
Il binomio liberismo-disastro renziano lo si rintraccia in ogni settore, comparto e risvolto dell’azione governativa.
Insomma Renzi come una sorta di nuova Thatcher, purtroppo così non è stato a meno che non si vogliano confondere accettabili intendimenti e buoni annunci riformatori con contenuti il più delle volte irrilevanti, come la buona scuola, la riforma della P.A., il job act o accattivanti, in puro stile grillino, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento di costi, innocue soppressioni.
La sconfitta del governo è anche nella dicotomia tra buone intenzioni e incapacità di esercitare una leadership convincente e coerente, capace di aggregare un gruppo dirigente e non yes men, incauti sul piano culturale oltre che politico.
Come non ricordare le costanti affermazioni dell’on. Simona Bonafè e della ministra Boschi sul progetto di riforma costituzionale: “E’ così perchè ce lo chiede la gente”, siamo andati vicino al “Gott mit uns”. Come sorvolare sull’ insipiente ruolo dei ministri Giannini, Lorenzin, Poletti, Guidi, Galletti, tanto per non citarne altri? Questo è il passato, ma il futuro è ancora nelle mani di Renzi e nella sua personale capacità di analisi.Amici e consiglieri avrebbero dovuto prospettare il danno di immagine e di credibilità provocato da dimissioni, seguite immediatamente da un palese ed esuberante attivismo politico. Amici disinteressati e capaci consiglieri, in queste ore, dovrebbero suggerire un accettabile tasso di discontinuità nella compagine governativa. Amici e consiglieri sinceri dovrebbero sconsigliare l’ingresso nel governo di signori “chi? ” Pera, Urbani, Saverio Romano; al riguardo siamo il Paese in cui basta rilasciare una fantasiosa intervista per ritrovarsi leader di mai nascenti formazioni politiche, Parisi e Passera, Pisapia e Sala, Pizzarotti e Tosi insegnano. Ma se amici e consiglieri validi scarseggiano, Renzi il suo futuro politico dovrà salvaguardarlo da solo, ci riuscirà se saprà dare spessore e concretezza alle sue dimissioni lontano da interessate sirene, altrimenti, con una strategia di continuità ad ampio spettro, la sua rivincita politica sarà irrimediabilmente compromessa. (fonte Società Libera http://www.societalibera.org)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tavola rotonda sul fenomeno del bullismo e presentazione del “Vademecum di primo soccorso contro il bullismo”

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

cover-calendarioRoma Mercoledì 14 dicembre ’16 alle ore 11,00 verrà presentato allo Stadio di Domiziano a Roma Via di Tor Sanguigna il calendario di Tiziana Luxardo dal titolo “Bulli e pupe” prodotto dalla Codacons, insieme ad un “vademecum di primo soccorso” elaborato da un pool di 23 neuropsichiatri infantili, coordinati dal Prof Santo Rullo, per supportare chi si trova in questa condizione .
La presentazione si svolgerà sotto forma di tavola rotonda alla quale parteciperanno: Tiziana Luxardo, Carlo Rienzi Presid. della Codacons, Mario Rusconi Vice Presidente della ANP (Associazione Nazionale Presidi), la Dott.ssa Silvia D’Oro funzionario del Dipartimento delle Pari Opportunità, Teresa Manes autrice del libro “Andrea oltre il pantalone rosa” Graus Editore, Marida Lombardo Pijola (giornalista – scrittrice), Dott. Santo Rullo (Psichiatra Neuro –infantile), l’ex pugile Cantatore.
Codacons e Tiziana Luxardo ancora una volta insieme. Una collaborazione tra l ‘Associazione per la difesa dei diritti degli utenti e dei consumatori e la fotografa di fama già collaudata da diversi anni. Arte fotografica che diventa strumento di comunicazione per trattare temi e argomenti di forte impatto sociale. Scatti forti, non politicamente corretti per denunciare temi come la prostituzione, la violenza sulle donne nei campi di lavoro, ed infine l’ultimo prodotto di questa sinergia, il calendario 2017 sul bullismo nelle scuole. Un tema che riempie le pagine dei quotidiani e la cronaca del nostro paese fino ad arrivare anche a tragici epiloghi. Un gemellaggio di denuncia vincente quello tra Codacons e Luxardo, un incontro che rappresenta un grido di protesta tramite l’uso sapiente dell arte visiva come mezzo di forte sensibilizzazione mediatica.
Il Prof. Santo Rullo insieme ad una Rete Informale di esperti costituita da un pool di 23 neuropsichiatri infantili e psicologi, impegnati nel delicato campo dell’età evolutiva, ha studiato e commentato le fotografie del Calendario di Tiziana Luxardo centrato sul fenomeno del bullismo, strutturando un “Vademecum di primo soccorso” che mette in luce: percorsi di individuazione precoce del disagio, di intervento in famiglia, di educazione tra pari e di trattamento delle conseguenze del bullismo su vittima ed aggressore. Da questo lavoro ne é scaturito uno strumento concreto ed utile a ragazzi e familiari, ad insegnanti ed educatori per contrastare il bullismo e per promuovere una cultura fondata sull’educazione alle emozioni.
I fenomeni sociali si manifestano in modi differenti, in epoche diverse e la sorpresa, che questa diversità suscita, viene interpretata ogni volta come novità assoluta. Il bullismo non si sottrae a questa regola. Il bullismo è da sempre un comportamento di prevaricazione nei confronti della persona, che si considera più vulnerabile e come tutti i fenomeni che avvengono in un gruppo ha un sua funzione sociale. Il bullismo di oggi si avvale di nuovi strumenti di comunicazione e di un contesto di coesione sociale in rapido cambiamento ed in forte crisi. Questo crea difficoltà alle agenzie educative degli adulti (famiglia, scuola, servizi sociali e sanitari) che non riescono ad intercettare le necessità dei ragazzi prima che esploda il fenomeno.
Il gruppo, specialmente in età evolutiva, propone la soluzione di una serie di problemi: il bisogno di esprimere vitalità ed aggressività, il bisogno di acquisire una posizione al suo interno, il bisogno di crearsi uno spazio sicuro dove fare esperienze di costruzione dell’identità. Il bullo e la vittima si pongono spesso come estremi in grado di offrire un campo efficace sul quale si giocano complesse dinamiche di relazione che rendono il bullismo una vera emergenza sociale, educativa e sanitaria.
Lo strumento proposto è una guida pratica alla soluzione dei diversi elementi del problema che delinea percorsi di aiuto per vittime, bulli, famiglie, insegnati e servizi socio-sanitari ed un’eventuale presa in carico. I percorsi informativi ed educativi verranno pubblicati sul sito web (www.reteinformale.net) della Rete Informale dei professionisti della salute mentale dell’età evolutiva aumentando la sensibilità al problema. Il Vademecum di primo soccorso, è un nuovo strumento, mai realizzato prima, atto a contrastare questo fenomeno dilagante; verrà presentato nelle scuole, da un rappresentate della Rete informale, insieme all’ex pugile Cantatore, inoltre si prevedono interventi di promozione dei percorsi educativi nelle scuole. (foto: cover calendario)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: La repubblica delle marionette

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

marionetteRoma dal 14 al 18 dicembre Teatro dei Conciatori Via dei conciatori, 5 “La repubblica delel marionette” di Gennaro Francione. Adattamento di Francesca e Natale Barreca. Interpreti: Agnese Torre, Alessandro Laureti, Antonello Azzarone, Erika Diamanti, Giuseppina Anghelone, Mary Fotia e Sabrina Meuti. Regia: Stefano Maria Palmitessa.
Pulceq è un uomo anonimo, gettato sul lastrico dal licenziamento, dalle tasse esose, dai debiti, dalle banche, dal tradimento della moglie col suo miglior amico. L’unica cosa che gli rimane è un baule con le maschere della Commedia dell’Arte, eredità di un suo avo.
Assaltato, tartassato, oppresso proverà a sottrarsi alla sua misera sorte, con le maschere che rappresentano per lui la bellezza dell’arte. Maschere che nascondano, rivelano, rivendicano, preludono alla trasformazione dei personaggi per una possibile sollevazione.
Biglietti: € 18,00 + tessera obbligatoria di 2 € ORARIO SPETTACOLI: dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00 (foto: marionette)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Verso la piena implementazione in Europa della Convenzione ONU per i diritti dei disabili”

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

benifei-bruxellesBruxelles – Sono partiti da tutta la regione Liguria alla volta di Bruxelles per prendere parte all’iniziativa “Verso la piena implementazione in Europa della Convenzione ONU per i diritti dei disabili”, organizzata al Parlamento Europeo dall’eurodeputato del Partito Democratico Brando Benifei, per promuovere sinergie e cooperazione sul tema dei diritti delle persone con disabilità.
La delegazione era composta, fra gli altri, dall’assessore alle Politiche Sociali del Comune della Spezia Mauro Bornia, dall’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Sarzana Daniele Castagna, dal presidente della Consulta provinciale Imperiese per l’handicap e membro della Consulta ligure Francesco Fontana, oltre che da: Emanuele Arzá, presidente Ente Nazionale Sordi La Spezia, Alessandro Ludi e il figlio Lorenzo per la Fondazione Ha. Rea. Onlus La Spezia, Sergio Carlisi dell’Associazione Fadivi di Genova, Maurizio Cantamessa, Giacomo Linaro, Lucia Merione e Maria Tassano del consorzio Tassano di Casarza Ligure, Marco Catania, direttore del Centro Nucci Novi Ceppellini di Genova, Simone Torretta, direttore dell’istituto Chiossone di Genova, Giulio Carlini e Ornella Elisa Vaccaro, presidente e vicepresidente ASDO Savona. “Abbiamo voluto celebrare anche noi la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità – commenta Benifei – attraverso un evento ideato per fare il punto sul rispetto dei diritti delle persone in Europa e soprattutto in Italia. I diritti delle persone disabili sono diritti umani, non interessi parziali da contemperare con esigenze di bilancio: per questo motivo, ogni euro che arriva dall’Unione Europea non può essere speso senza tenere di conto dell’obbligo legale dell’accessibilità, su questo dobbiamo fare fronte comune con tutti gli strumenti politici e legali a nostra disposizione”
L’Unione Europea, che ha ratificato nel 2010 la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, entrata in vigore l’anno successivo, è chiamata ad assicurare alle persone portatrici di handicap una vita indipendente. Come garantire a tutti i disabili il fatto di essere cittadini a benifei-bruxelles1tutti gli effetti, senza discriminazioni? Oltre a leggi di primaria importanza quali il “Dopo di noi”, che ha introdotto in Italia il sostegno e l’assistenza alle persone con disabilità grave dopo la morte dei parenti che li accudiscono, la strada maestra – a livello nazionale ed europeo – è quella della ricezione dei bisogni delle famiglie e dei disabili, del sostegno delle realtà che favoriscono la loro integrazione nella società e nel lavoro, e di un confronto continuo fra questi soggetti del territorio e le istituzioni. Proprio in quest’ottica, i relatori – sono intervenuti rappresentanti della Commissione Europea e di associazioni quali European Disability Forum, European Association of Service Providers for Persons with Disabilities ed European Network for Independent Living, oltre all’Onorevole Laura Coccia (Deputata alla Camera Italiana per il PD), al direttore di ‘Albergo Etico’ Alex Toselli e alla consigliera del PD di Pavia Elena Maria Madama – si sono concentrati in particolare sul diritto all’impiego (art. 27) e sul diritto alla vita indipendente (art. 19), portando all’attenzione degli organi comunitari esempi di realtà virtuose. In particolare è emersa la necessità di un monitoraggio più incisivo sui fondi europei come il Fondo Sociale Europeo e il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, affinché non vengano più utilizzati dalle amministrazioni regionali senza tenere di conto delle necessità dei disabili, che oggi grazie all’Unione Europea sono diventate un obbligo legale, sia quando si parla ad esempio di opportunità per l’occupazione sia quando si tratta di interventi sugli edifici e sul territorio.”Con questa iniziativa – continua Benifei – abbiamo voluto evidenziare che attraverso la collaborazione e lo scambio di buone pratiche possiamo trovare le risorse umane, economiche e politiche per attuare nella sostanza e non solo formalmente la Convenzione. Per questo, ho invitato una delegazione di operatori del settore e di portatori di interesse dal territorio ligure, affinché assicurassero il loro contributo alla discussione e potessimo instaurare quella cooperazione multilivello che è imprescindibile se davvero vogliamo costruire una società più giusta e più equa per le persone con disabilità”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anp attacca i docenti che in massa hanno contestato la riforma Renzi

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cPer il vicepresidente del sindacato dei Ds, gli insegnanti avrebbero avuto un atteggiamento incomprensibile: i docenti si sono opposti in massa alla legge 107, respinta in blocco in maniera conservatrice e con preconcetti, facendo un muro compatto.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): in piazza contro la “Buona Scuola” sono scesi, con i docenti, anche gli Ata, gli studenti e pure alcuni Dirigenti scolastici. La maggioranza parlamentare non ha voluto ascoltarli e, solo a distanza di un anno, ha compreso quanto quelle norme fossero nocive alle scuole. Perché non si parla, invece, della mancanza cronica dei capi d’istituto, del problema delle reggenze e del concorso per Dirigenti che continua ad essere rimandato? Senza nuovi presidi, infatti, una scuola su tre l’anno prossimo inizierà le lezioni con il dirigente in condominio, andando così a peggiorare quanto accaduto quest’anno; lo stesso, poi, vale per i Direttori dei servizi generali ed amministrativi. Sarebbe stato molto più logico, ad esempio, chiedere per quale motivo i Dirigenti scolastici assunti negli ultimi 10 anni debbano guadagnare meno di 2.500 euro netti. “Come si fa a bollare come ‘protesta incomprensibile’ quella portata avanti in modo compatto dagli insegnanti della scuola pubblica contro la Legge di riforma 107/2015?”: a chiederlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, dopo aver ascoltato l’intervista di Mario Rusconi, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Presidi, a Radio Città Futura a commento delle occupazioni studentesche degli istituti contro la politica del Governo sull’istruzione pubblica.
Il vero fenomeno cui bisogna portare attenzione, secondo Rusconi è quello della protesta dei docenti contro la riforma della scuola: “gli insegnanti – ha detto Rusconi – si sono opposti in massa alla legge 107, respinta in blocco in maniera conservatrice e con preconcetti, facendo un muro compatto. Una legge, la prima dal dopoguerra, che ha preso misure rivoluzionarie che fanno paura ma che erano necessarie. Ancora una volta gli studenti sono stati messi a margine dagli adulti, che hanno personalizzato e monopolizzato l’attenzione sul mondo scolastico con questa protesta incomprensibile”.“Quello che è incomprensibile – ribatte Pacifico – è come un sindacalista, che dovrebbe difendere gli interessi di tutto il personale scolastico, possa etichettare e sminuire la più che fondata contestazione del popolo della scuola contro la riforma del Governo Renzi. Forse Rusconi non ricorda che in piazza sono scesi, con i docenti, anche gli Ata, gli studenti e pure alcuni Dirigenti scolastici. La maggioranza parlamentare non ha voluto ascoltarli e ha approvato la Legge 107: solo a distanza di un anno ha compreso quanto quelle norme fossero nocive alle scuole e anche allo stesso Governo visto che, in occasione del referendum costituzionale, la scuola è stata decisiva per l’esito fortemente negativo”. “Da un sindacato che ha a cuore le sorti delle scuole e dei Dirigenti scolastici – prosegue il sindacalista Anief-Cisal – ci saremmo aspettati ben altre argomentazioni. Ad iniziare dalla mancanza cronica dei capi d’istituto, del problema delle reggenze e del concorso per dirigenti che continua ad essere rimandato: senza nuovi presidi, infatti, una scuola su tre l’anno prossimo inizierà le lezioni con il dirigente in condominio, andando così a peggiorare quanto accaduto quest’anno. E lo stesso vale per i Direttori dei servizi generali ed amministrativi, visto che le vacanze di posti non sono da meno e la selezione nazionale per Dsga rimane solo annunciata, dopo 20 anni di vuoto concorsuale”. “Sarebbe stato molto più logico, ad esempio, chiedere per quale motivo i Dirigenti scolastici assunti negli ultimi 10 anni debbano guadagnare meno di 2.500 euro netti e perché, invece, solo gli assunti fino al 2004 possano accedere a stipendi più dignitosi. Per non parlare del fatto che, in media, i capi d’istituto percepiscono la metà dei dirigenti pubblici. A fronte di questa situazione, gli stessi Dirigenti scolastici avrebbero dovuto fare fronte, in blocco, contro la Buona Scuola, visto che il Fondo unico nazionale per le retribuzioni di risultato e posizione approvato con la Legge 107/15 è ampiamente insufficiente, tanto che il famigerato merito introdotto a favore dei ds più validi porterà in media appena 200 euro lordi al mese. Anief, non a caso, ha deciso di rivolgersi al giudice del lavoro per recuperare almeno le somme indebitamente sottratte nel passato. Per quale motivo, invece, si debba puntare il dito sui docenti, che in massa hanno protestato e protestano ancora contro le norme astruse della legge 107, – conclude Pacifico – rimane un mistero”.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

13milioni di italiani vivono in Comuni senza una libreria

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

amazon-libriEsistono oggi circa 13milioni di italiani che vivono in comuni senza una libreria. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) presentata oggi a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria che si conclude oggi al Palazzo dei Congressi dell’EUR a Roma.
L’indagine evidenzia come il 21,1% della popolazione residente in comuni con più di 10mila abitanti non ha una libreria vicino (sono esclusi i comuni dove possono esserci cartolibrerie, edicole-negozio, centro commerciale con librerie come bacino di attrazione del comune). Detta in altro modo esistono oggi in Italia 687 Comuni sopra i 10mila abitanti, l’8,6% del totale, che non hanno una libreria. Nelle Isole e nel Sud la percentuale di assenza di librerie si alza: il 15,1% dei Comuni delle Isole (+10mila ab.) delle Isole e ben il 33,3% di quelli del sud (+ di 1 su 3!) è senza librerie. Ma questo è vero anche per il Nord est, in cui il 20,5% (1 su 5!) è senza librerie”.
Non appare più rosea la situazione sul fronte delle biblioteche scolastiche: circa mezzo milione (486.928) di ragazzi frequenta scuole senza biblioteche scolastiche. Sono 262mila nella scuola primaria, 147mila nella secondaria di primo grado e 77mila nella secondaria di secondo grado. Circa 3,5milioni di studenti frequenta scuole con un patrimonio librario inferiore alla media, con conseguente e ridotta possibilità di scegliere cosa leggere. E stiamo parlando di medie di patrimoni bibliotecari che oscillano – a seconda degli ordini scolastici tra 1.500-3.500 volumi.
Esiste una correlazione tra assenza di librerie e indici di lettura? “A giudicare dai dati, sì – spiega il responsabile dell’Ufficio studi AIE, Giovanni Peresson – Nelle aree metropolitane e centri urbani maggiori (+50.000 abitanti) – dove il tessuto di librerie, ma anche di servizi bibliotecari, è più fitto e solido – gli abitanti residenti che si dichiarano lettori di libri sono, rispettivamente, il 51,1% e il 44,4%. Già nelle periferie delle aree urbane questo valore scende al 42,8% (nonostante la relativa facilità di spostamenti verso le aree centrali della città). Poi l’indice di lettura cala al calare della dimensione del centro urbano: 38,1% nei comuni tra 10-50mila abitanti; 39% in quelli da 2-10mila; fino al 35,4% nei comuni (e sono tanti) fino a 2mila residenti. E non è un caso che le perdite maggiori di lettori negli ultimi 5 anni sia avvenute nei piccoli centri (-15,3%, rispetto a una perdita media nazionale del -9,1%). Mentre nelle aree metropolitane questo calo si è arrestato al -3,1% ma per risalire al -5,1% nelle periferie”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cambiamento climatico e smog. Riparte il balletto delle domeniche ecologiche e non solo

Posted by fidest press agency su martedì, 13 dicembre 2016

marcia per il clima1

Domeniche ecologiche a Roma, blocco del Traffico a Parigi e in altre citta’ francesi, Dubai che si sveglia che sembra quasi una capitale europea inquinata, allarmi un po’ dovunque. Tutto questo dopo i vertici sul clima di Parigi e Marrakech e gli altri molteplici incontri mondiali di citta’, regioni etc per porre il problema e proporre soluzioni.
Fanno sorridere le domeniche ecologiche romane gia’ programmate:  11 dicembre, poi il 22 gennaio, il 26 febbraio e il 26 marzo 2017. Meglio di un dito in un occhio, per carita’, ma il problema e’ che la situazione del cambiamento climatico e del perdurare delle politiche ambientali ed industriali che lo hanno provocato, non si possono affrontare con un dito. E sembra che, non solo a Roma o in Italia o in Europa o nelle Americhe o in Asia (qualcuno ricorda cosa e’ successo pochissimo tempo fa a New Delhi?) o in Oceania, non ci siano grandi volonta’ di andare oltre il dito. A partire dai nuovi Stati Uniti, il cui presidente Donald Trump ha chiamato a guidare l’Epa (Environmental Protection Agency, l’agenzia per la protezione ambientale americana) Scott Pruitt, noto scettico sulle questioni ambientali. Ed e’ inutile nascondersi dietro il solito dito che viene utilizzato per cercare di far fronte all’emergenza: se non si muovono gli Usa, siamo in alto mare.
Il problema, senza allarmismi, e’ piu’ grave di come sembra che la politica abbia intenzione di affrontarlo. E se non c’e’ la politica, anche se virtuosi comportamenti individuali sono sempre piu’ diffusi, non si va da nessuna parte. Occorrerebbe -anche- che questi individui virtuosi non si limitassero al loro quotidiano ma diventassero attivi anche sul fronte politico… ma la cosa e’ molto complicata visto il diffuso -e comprensibile- disamore per la politica attiva. E’ quindi ancora maggiore la responsabilita’ di governanti ed amministratori a cui tutti noi cittadini/elettori abbiamo demandato la nostra quotidianita’. Ed e’ per questo che proposte apparentemente estremiste oggi non lo sembrano piu’, come quella del segretario britannico del partito laburista, Jeremy Corbyn quando propone il blocco delle vendite di auto a benzina. Il problema, ovviamente, e’ che il partito laburista, anche grazie alla Brexit, conta poco in quel Paese… e quel Paese, per le scelte internazionali
che sta facendo dopo la Brexit, non sembra molto interessato a fare da leader mondiale in merito.
Registriamo quindi una situazione senza uscita? Dobbiamo rassegnarci nel consegnare un mondo sporco e piu’ mortale ai nostri figli e nipoti? Dobbiamo fatalisticamente rinchiuderci nei nostri finti giardini sputando sul vicino che ci chiede aiuti e consigli, per il barbecue come per il lavoro? Dobbiamo -per buttarlo piu’ sul politico- registrare la deriva dell’Ue in materia (le sue politiche in merito sono tragiche per inezia) senza battere ciglio e magari andare, nella prossima vacanza, nei pochi paradisi della biodiversita’ che ancor permangono sul Pianeta, dopo esservi arrivati con aerei che sputano inquinamento ovunque?
Domande senza risposta immediata, ma a cui solo la politica puo’ essere di supporto. Politica fatte di scelte, rinunce apparentemente -nell’immediato- dolorose nelle abitudini consolidate per la comunita’ e per gli individui. E come tali, in quanto anche cittadini, dobbiamo osservare con attenzione se politica e politici stanno agendo in questo senso. Una cosa e’ certa: faremmo un grande errore nel rinchiuderci in noi stessi, crearci una sorta di orto utopico delle idee e dei fatti e del vivere. Occorre il contrario, a partire da noi stessi. Il discorso e il confronto sono aperti, anche perche’ sono proprio i consumatori, con il loro potere di scegliere e non scegliere cosa consumare, i primi a doversi creare questa responsabilita’ di cambiamento. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »