Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

L’arresto di Raffaele Marra e i retroscena

Posted by fidest press agency su domenica, 18 dicembre 2016

Secondo l’accusa, Marra avrebbe ricevuto una somma dal costruttore Sergio Scarpellini, anche lui finito agli arresti. Ma chi è Scarpellini? Il costruttore e immobiliarista romano, scrive Sergio Rizzo su il Corriere, gestiva affari a Roma da milioni di euro. Affari che necessitavano di appoggi in Campidoglio e nel Palazzi della politica nazionale, il Senato in particolare. E questo perché il Comune di Roma pagava 15 milioni di euro a Scarpellini per affitti vari. In particolare per il palazzo dove c’è la sede dei gruppi consiliari. Dove è il problema? Semplice: quel palazzo non appartiene a lui, ma all’Inpgi, l’Istituto di Previdenza dei giornalisti italiani. L’immraggiprimaassembleacapitolinaobiliarista prendeva in affitto dall’Inpgi l’immobile a due milioni di euro e lo subaffittava al Campidoglio a 9 milioni. Un affare per lui e un buco nel bilancio per Roma. Ma nessuno – prima che arrivasse Ignazio Marino – aveva mai osato mettere bocca sulla questione. Non aveva detto nulla nemmeno Raffaele Marra che durante la giunta Alemanno era proprio il direttore del dipartimento del patrimonio.Il fatto è che Scarpellini è stato uno dei più odiati “palazzinari” romani immischiati con la politica contro cui si è schierato il Movimento Cinque Stelle appena approdato a Roma. Ed è proprio uno scherzo del destino che i guai giudiziari della giunta grillina vengano proprio per i rapporti di un suo membro con quell’immobiliarista di cui il M5S ha sempre denunciato gli eccessivi affitti che enti statali e comunali gli pagavano. Per fare un esempio: Scarpellini in 30 anni tra Senato, Camera e Campidoglio ha incassato in contratti di locazione circa 600 milioni di euro. Il caso più noto è quello di Palazzo Marini dove hanno sede gli uffici dei deputati. A marzo dell’anno scorso, anche grazie ad una battaglia del M5S, la Camera dei Deputati aveva cancellato i contratti di affitto dei suoi palazzi per rivedere i costi. Dalle analisi del direttore dell’Agenzia del Demanio venne fuori che la Camera (quindi i contribuenti) pagavano a Scarpellini oltre 5milioni di euro, quando il “prezzo” giusto sarebbe stato 2 milioni 270mila euro. Il doppio. Uno “scandalo” denunciato dal quel Movimento che ora rischia di cascare proprio sui rapporti con Marra. (fonte Il giornale.it) (foto: raggiprimaassembleacapitolina)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: