Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

Il sistema elettorale giusto

Posted by fidest press agency su martedì, 27 dicembre 2016

urne-voteSarà la saggezza degli Ottanta, anche se noi dubitiamo, o piuttosto la preoccupazione per l’attacco francese a Mediaset, che rende ragionevoli pure i recalcitranti incalliti, sta di fatto che in questa fase Silvio Berlusconi si sta guadagnando la palma di uomo politico più equilibrato e affidabile. Persino al Quirinale, dove è notorio che non godesse di particolare stima (e viceversa), la pensano così. Dunque, per quanto possa sembrare paradossale, è dal vecchio leader di Forza Italia che passa la possibilità che nei prossimi mesi l’asse Mattarella-Gentiloni abbia il sopravvento su quello Renzi-renzisti, che anche dopo l’assise generale del Pd si conferma il nemico numero uno del governo che pure, e non a torto, è stato definito “Renzi bis”. È infatti il Cavaliere ad aver imboccato la strada più giusta per arrivare ad una legge elettorale finalmente ragionevole, proponendo di adottare, senza correzioni all’italiana che finirebbero per storpiarlo, il sistema tedesco, che è un proporzionale corretto dalla soglia di sbarramento (5%) e dalla sfiducia costruttiva (non puoi buttar giù un governo se non ne hai già un altro pronto), così da coniugare in modo equilibrato la rappresentanza con la governabilità. Cioè il più adatto per l’Italia, in assoluto – lo era già al momento del referendum Segni, quando si volle forzare la mano imponendo il maggioritario – e a maggior ragione ora che il sistema politico è divenuto tripolare. Dunque, si colga la disponibilità di Berlusconi e si (ri)costruisca quell’alleanza riformisti-moderati che sia il Cavaliere sia Renzi hanno avuto il grave torto prima di ridurre a patto occulto di potere (Nazareno) e poi di rompere.Viceversa, Renzi ha offerto al Pd sia un’analisi povera e poco convincente del voto referendario – non basta riconoscere di aver perso, quello è il minimo, bisogna capirne i motivi e proporre soluzioni politiche, non mediatiche – sia la riesumazione del Mattarellum, che è strumento adatto solo ad uno schema bipolare della realtà politica, tant’è che fu inventato per regolare lo scontro tra centro-destra e centro-sinistra che ha tenuto banco nella cosiddetta Seconda Repubblica. Il gioco di Renzi è fin troppo chiaro, al di là della furbizia di buttar lì una legge che porta il nome del Presidente della Repubblica: da un lato, l’ex primo ministro vuole provare a forzare la mano per vedere se passa la sua proposta, dall’altro la usa per bloccare quelle altrui. Tutto deriva da un difetto di analisi, e cioè partire dal presupposto che il 40,8% di Sì referendari siano voti di Renzi, facilmente trasportabili (e magari pure aumentabili) alle prossime elezioni politiche. Cui si aggiunge l’errore di credere che il Pd vincerebbe sia se dovesse vedersela con il centro-destra sia con i grillini. Perché è ragionevolmente vera la prima cosa, ma trattasi di circostanza non data, sia perché il vecchio centro-destra non esiste più – Salvini ha scientemente deciso di rompere il giocattolo, ed è meglio così viste le posizioni lepeniste che la sua Lega è venuta assumendo – sia perché sarebbe comunque terzo nella corsa a tre. Mentre è assai probabile che la partita sia tra il Pd (o il centro-sinistra) e il M5S, ma dubitiamo che in quel caso a vincerla sia Renzi (o chi per lui alla guida del partito Democratico). Tra l’altro, se Renzi abbandonasse la linea “continuista” basata sull’affermazione, anche un po’ puerile, “abbiamo fatto scelte giuste comunicate in modo sbagliato”, e cercasse nel profondo della società italiana, troverebbe almeno due ragioni forti della sua sconfitta su cui varrebbe la pena di lavorare. La prima riguarda il motto, ormai consunto, de “l’uomo solo al comando”. Forse gli italiani, dopo tanti fallimenti, hanno capito che quella semplificazione non porta ad un più alto tasso, quantitativo e qualitativo, di governabilità. Anzi. La seconda ragione attiene all’economia. Il malcontento vero – e ce n’è molto anche tra chi ha votato Sì – sta su questo fronte, e nulla abbiamo ascoltato che ci faccia capire come la politica economica messa in campo nei mille giorni di Renzi sia stata oggetto di una revisione critica. Il fatto che il primo atto del governo Gentiloni ha dovuto essere quello a salvaguardia delle banche in difficoltà, per toglierle dalle grinfie del bail-in, la dice lunga sulla miopia dell’esecutivo precedente, che ha lasciato incancrenire le cose solo per evitare di pagare un prezzo elettorale in sede di referendum (che tra l’altro ha poi pagato lo stesso).
Naturalmente, se “Atene piange, Sparta non ride”. Lo spettacolo indecoroso prodotto dalla giunta pentastellare di Roma va ben al di là del Campidoglio, perché mostra come la protesta (fondata) verso l’establishment, politico e non solo, si sia indirizzata verso un “non partito” che manca dei requisiti democratici mentre non si fa mancare alcuno dei difetti delle forze politiche tradizionali. Il “continuismo” (anche qui) che Grillo ha scelto per non pagare dazio (ma prima o poi lo pagherà) ci restituisce un movimento che è rimasto al “vaffa” verso tutto e verso tutti, e non è stato capace – ma come poteva? – di accumulare un granello non si dice di saggezza politica, ma almeno amministrativa. Hanno voglia i nostri amici Bersani e Giulio Sapelli (a Roma Incontra del 12 dicembre) di spiegarci che è bene che la protesta sia stata incanalata dai grillini fuori da un quadro di violenta ribellione. Perché il tasso di populismo che è insito nel movimento e quei tratti che non abbiamo remore a definire “fascitoidi” che esso ha, rendono i vantaggi (ammesso e non concesso che davvero ci siano) decisamente inferiori agli svantaggi.Insomma, diranno i nostri lettori: Terza ci disegna un quadro da cui emerge la necessità di una vera e propria rifondazione della politica italiana, e questo cozza con l’auspicio, di cui abbiamo parlato già la settimana scorsa e che ora ribadiamo con ancor più forza, di lunga vita al governo Gentiloni. No, non c’è contraddizione. Primo perché uno dei compiti di questo governo è riformulare la legge elettorale, la quale è la base su cui poggia la nascita di una nuova stagione politica (la famosa Terza Repubblica). Secondo perché se si vuole voltar pagina occorre ridisegnare l’impianto istituzionale, e siccome l’unico modo per farlo senza commettere gli errori di Renzi è affidarne il compito ad un’Assemblea Costituente, questo può essere il governo giusto per assumersi la responsabilità di indicare questa strada al Paese e al Parlamento. E terzo perché il carattere necessariamente transitorio di questo esecutivo (se anche andasse a fine legislatura, avrebbe davanti poco più di un anno) è la sua debolezza ma anche la sua forza. Confidiamo che il 2017 sia un anno di novità positive. E per questo vi e ci facciamo tanti auguri. Terza torna dopo la Befana. (Enrico Cisnetto direttore Terza repubblica.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: