Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 2 gennaio 2017

Saldi, budget medio di 250 euro per famiglia, 1 su 4 compra online

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

saldiNon più di 250 euro per famiglia, pari a circa il 10% del reddito mensile disponibile. Questa è la somma destinata, in media, all’acquisto di capi a saldo, secondo le previsioni dell’Adoc. Spesa in leggera crescita rispetto allo scorso anno, anche se sempre contenuta.
“La spesa delle famiglie per i saldi non supererà i 250 euro, secondo le nostre previsioni – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – purtroppo la combinazione tra redditi bassi e spese primarie e irrinunciabili elevate, come quelle sostenute per alimentazione, casa, trasporti e tasse, non permette alle famiglie italiane di destinare grosse cifre alle spese extra come i saldi. Anche perché i saldi arrivano, come sempre, dopo le festività natalizie, una circostanza che limita ulteriormente la corsa agli acquisti, almeno nel periodo iniziale. Gli acquisti più ingenti si concentreranno infatti nel periodo finale, quando gli sconti arriveranno fino al 50-60%. E’ importante rilevare che, almeno secondo le nostre stime, circa il 25% dei consumatori effettuerà acquisti a saldo online. Un dato che non sorprende, vista la crescita esponenziale dell’e-commerce. Che, ricordiamo, è un settore che riesce a fare affari tutto l’anno rispetto ai negozi fisici, dato che sul web è sempre possibile approfittare di sconti e offerte, in media del 10-15%. Questo è uno dei motivi per cui la spesa per i saldi è sempre più contenuta: i consumatori preferiscono diluire la spesa per il vestiario durante l’anno, piuttosto che concentrarla in un determinato periodo. Crediamo sia opportuno che anche i negozi fisici possano adottare questa soluzione, offrirebbe un vantaggio sia per i consumatori che per i commercianti.”
Per Adoc anche quest’anno i piccoli esercizi continueranno a soffrire gli effetti della crisi. “I saldi sono un momento favorevole per le grandi catene commerciali, che spesso operano in franchising, ma per i piccoli esercizi, soprattutto se dislocati nelle periferie, i guadagni non sono alti – continua Tascini – ad ogni modo, dobbiamo sottolineare che continuano le “storture” di mercato. Circa il 20% degli esercizi, come di consueto, cerca di essere più furbo degli altri e “anticipa” il periodo dei saldi, lanciando promozioni dirette, via sms o email, ai propri clienti o camuffando gli sconti con liquidazioni e svendite. Questi “trucchetti” minano pesantemente la fiducia dei consumatori verso i commercianti e penalizzano fortemente gli esercenti onesti, che puntano sulla qualità dei prodotti e sulla bontà delle offerte”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccinazioni: non semplificare né mistificare

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

vaccinazioniQuando si tratta di salute, soprattutto di quella pubblica, è necessario essere informati qualsiasi opinione si abbia. Le vaccinazioni rappresentano una misura profilattica verso se stessi e verso gli altri riducendo il numero delle vittime o permettendo di contrarre un virus in forma più lieve così da non essere letale. O comunque permettono di limitare la diffusione di un microrganismo patogeno.In ogni caso quando si sospetta un’infezione, non solo da meningococco come sta accadendo in maniera diffusa ultimamente, è un dovere per il cittadino fare immediatamente una segnalazione al dipartimento di sanità pubblica.Noi siamo a favore delle vaccinazioni ma anche consapevoli degli effetti collaterali che possono avere da tutti i punti di vista. Alla luce di ciò infatti vogliamo tutelare i consumatori nel caso in cui si verifichino, come già è successo, delle violazioni di legge come nel caso del vaccino esavalente “imposto” dalle Asl, nonostante il D.M. del 7 aprile 1991 riconosca come obbligatori solo quattro dei sei vaccini del pacchetto. In questo caso c’è stata una imposizione nei confronti delle famiglie che magari avrebbero voluto poter scegliere solo quattro vaccini obbligatori e farli singolarmente.
Siamo contro ogni allarmismo sospetto ed ogni tipo di semplificazione o mistificazione, perché i problemi in materia di salute vanno affrontati in modo serio e con cognizione di causa, in modo che il consumatore possa sempre esprimere un consenso o dissenso, purché quest’ultimo sia informato.Occorre perciò bilanciare piuttosto che polarizzare le posizioni e fare in modo che il consumatore compia le proprie scelte perché persuaso da motivazioni empiriche e scientifiche, oltre che di buon senso, piuttosto che subire una sorta di coercizione sia in un senso che nell’altro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cause civili troppo lunghe: il 2016 Annus Horribilis

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

giustiziaCome ogni anno il Tribunale Arbitrale dell’Immobiliare e del Condominio divulga e commenta i dati sulla Giustizia Civile. Stando ai dati forniti di recente dal Governo Renzi, in occasione dei 1.000 giorni di attività, sembrerebbe vi sia un netto calo delle cause pendenti, ma non è proprio così. “Si tratta di dati inopportunamente trionfalistici” racconta il Dr. Nicola Guerriero, Presidente Nazionale del Tribunale Arbitrale dell’Immobiliare e del Condominio – “Il cittadino non ricorre più in Tribunale perché preferisce non addentrarsi in un tunnel che forse gli permetterà di avere una sentenza di 1° grado dopo 4 o 5 anni. Disincentivare il cittadino a non ottenere giustizia non è da paese civile”. “In ogni caso apprezziamo l’impegno del Ministro della Giustizia Orlando che sin dal suo insediamento parla degli strumenti ADR. Ma bisogna fare di più. Investire e incentivare sempre più forte il ricorso alla Mediazione e all’Arbitrato che siamo certi sono l’unica possibilità per portare anche in Italia una giustizia rapida, concreta, altamente specialistica”. “Di fronte ad una giustizia lunga e costosa abbiamo una sola alternativa. Investire sempre di più sugli strumenti ADR” conclude il Presidente Rocco Guerriero.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Un anno di noi… buon primo compleanno, Fagus!

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

fagusvitulanoVitulano 05 gennaio alle 16.30 presso il salone dell’ex Carcere, in piazza della Santissima Trinità per festeggiare le tappe importanti della strada percorsa insieme fin qui ed avviare nello stesso tempo lungo quella che s’intende intraprendere nel prossimo anno. Nel frattempo si ricorda quanto già fatto con il riallestimento e la riapertura al pubblico della Pinacoteca civica d’Arte contemporanea e della sua preziosa collezione d’arte, il convegno sui nuovi traguardi dell’olivicoltura collinare, la giornata rosa per la prevenzione del tumore della mammella, la pesca di beneficenza per la festa del Santo Patrono, l’Openday “Da Vitulano all’Europa” e l’adesione al progetto internazionale coop con la nascita della prima Topotheque italiana, la Notte Verde nel Parco del Taburno-Camposauro e il VII Sweet Leaf Festival della musica stoner e psichedelica, la 12.a Giornata del Contemporaneo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assaggiatori olio: Riparte da Itri l’attività formativa del Capol

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

assaggiatori-olio1assaggiatori-olioItri (Latina) Dal 14 al 21 Gennaio, presso la Sala Comunale di piazza Umberto I, si svolgerà il corso professionale riconosciuto per Assaggiatori di Olio Vergine ed Extravergine d’oliva organizzato dal Centro Assaggiatori Produzioni Olivicole Latina. Possono iscriversi produttori, frantoiani, commercianti olivicoli ed oleari, agronomi, studenti e appassionati. Parteciperanno due massimi esperti del settore: il Dr. Giulio Scatolini (Capo panel C.O.I.) e il Dr. Maurizio Servili (Dipartimento Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali – Università Perugia).Il corso è riconosciuto dalla Regione Lazio, sulla base del Regolamento CEE 2568/91. Le 7 giornate formative della durata complessiva di 35 ore, prevedono prove pratiche di assaggio, lezioni teoriche e approfondimenti su metodi di coltivazione, tecniche di trasformazione e conservazione e metodologie di valutazione delle caratteristiche sensoriali degli olii. Al termine sarà rilasciato l’Attestato di Idoneità Fisiologica, a seguito del superamento delle prove d’esame, che permetterà di accedere al 2° livello dopo il quale ci si può iscrivere all’Elenco nazionale di tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini ed extravergini.“La formazione è un fattore sempre più strategicamente importante per gestire la qualità del prodotto – spiega il capo Panel Capol Luigi Centauri – ancor più in annate di scarica come l’ultima, dove poco ma buono diventa un imperativo. Formarsi è uno strumento in più per valorizzare le tipicità del territorio come la cultivar Itrana, già DOP Colline Pontine per l’olio extravergine, ed ora anche DOP per l’oliva da mensa Gaeta”. La domanda di adesione deve essere inoltrata prima dell’inizio delle lezioni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Taxi a Roma introvabili a Capodanno e costi proibitivi: si può essere ostaggi di una lobby in questo modo?

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

taxi-roma.jpgChi avesse pensato di prendere un taxi a Capodanno, trovandosi in centro e volendo così evitare di prendere la propria auto in seguito al brindisi o per evitare di ritrovarsi nel traffico delle prime luci dell’alba, ha avuto un’amara sorpresa.Impossibile trovare un taxi nella Capitale, attesa infinita anche al telefono per chi ha chiamato “Radio taxi” esaurendo così il proprio credito telefonico.
Non ci pare un servizio degno di una Capitale europea né per i cittadini italiani, tanto meno per i numerosi turisti che rimangono sconcertati dal servizio offerto. Tanto più che, a chi è stato più fortunato ed è riuscito ad individuarne uno, approfittando della rarità dello stesso, il tassista ha offerto di prendere o lasciare, ovvero: tassametro palesemente spento e corsa a prezzo fissato arbitrariamente a 25€ per ricoprire un tratto brevissimo nel centro della città. Non osiamo immaginare la cifra per arrivare all’aeroporto o ricoprire tratti più lunghi.
Prendere o lasciare quindi, senza alcuna possibilità di scelta, o paghi la cifra da me imposta o rimani a piedi.
Ebbene ci chiediamo, si può essere ostaggio di una lobby in questo modo e quale tutela per il consumatore che si ritrova in una Capitale europea come Roma? Parrebbe assente o quantomeno molto debole.
Si monitori la professionalità e correttezza di alcune persone della categoria, ovviamente non generalizziamo, anche perché l’alternativa quale sarebbe? La sentenza appare lapidaria: aspettare l’autobus la notte di Capodanno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La verità è un optional?

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

Online Banking ComputerE’ mia convinzione che oggi più che in passato sia necessario avere una mente intuitiva, culturalmente preparata e votata agli approfondimenti, per sfuggire alle insidie di una informazione capziosa, volutamente di parte e abile nel dare una visione distorta, nel senso pro domo sua, degli accadimenti in specie afferenti la sfera economica, politica e sociale. Il recente referendum costituzionale ci ha dato una “prova provata” di tutto questo, ma questa volta il risultato ha dimostrato che se ben informati gli elettori sono in grado di dare risposte “sorprendenti” ai mistificatori di professione. E’ che l’idea che si son fatta taluni uomini politici e i personaggi che passano per i rappresentanti dei “poteri forti”, ovvero di coloro che detengono le leve del potere e sono in grado di condizionare i media, è che l’opinione pubblica deve essere amministrata dall’alto e manipolata a dovere non avendo che una scarsa considerazione della sua capacità di pensare con la propria testa e soprattutto di elaborare il pensiero in termini critici e di soppesarne i pro e i contro.
Ora, anche in base agli accadimenti internazionali, c’è il pericolo che questi “manovrieri” corrano ai ripari cercando di bloccare quei veicoli indipendenti dai loro influssi come l’informazione che proviene dal web. E’ un rischio concreto e ne hanno i mezzi. Sta a noi ora e non poi bloccare le loro trame e dimostrare che un paese, ma anche una comunità mondiale, non si governa con il controllo delle menti ma con la libertà di pensiero e che il fine ultimo sta nel prevalere dell’essere sull’avere. (fonte: Centri studi di cultura politica della Fidest)
The truth is an option?
Online Banking ComputerAnd ‘my belief that today more than ever it is necessary to have an intuitive mind, culturally prepared and voted to insights, to escape the pitfalls of a specious information, deliberately biased and skillful in giving a distorted view, meaning pro domo sua, of events especially related to economic, political and social. The recent constitutional referendum gave us a “solid proof” of all this, but this time the result has shown that if well-informed voters are able to give “surprising” answers to mystifying the profession. And ‘that the idea that we are made certain politicians and the characters who pass through the representatives of the “big powers”, ie those who hold the levers of power and are able to influence the media, is that public opinion It must be administered properly manipulated from above and not having a poor view of his ability to think for themselves and especially to develop critical thinking in terms and weigh up the pros and cons.
Now, even by international events, there is the danger that these “maneuverable” will seize the relay trying to block those independent vehicles from their influences how information coming from the web. It ‘a real risk, and they have the means. It’s up to us now and not then stop their plots and to demonstrate that a country, but also a world community, is not governed by mind control but with the freedom of thought and that the ultimate goal is to prevail on being ‘ have. (Source: the Fidest political culture studies centers)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le vittorie 2016 del volo libero e le nuove sfide per il 2017

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

parapendio-sella-1parapendio-biposto.gifI principali successi del volo libero italiano nel corso del 2016 sono stati il trionfo agli europei di deltaplano e le medaglie d¹argento e di bronzo nel pari campionato di parapendio, teatro univoco il cielo della Macedonia la scorsa estate.Con il quarto titolo europeo e gli otto mondiali, il team azzurro di volo in deltaplano si conferma il più forte al mondo. Individualmente il trentino Christian Ciech è campione del mondo e d¹Europa in carica.
Dal 6 al 19 agosto 2017 la squadra sarà impegnata nel campionato del mondo a Brasilia.
Nel parapendio argento per l¹alto atesino Joachim Oberhauser e medaglia di bronzo a squadre. Gli azzurri affronteranno dall¹1 al 15 luglio il loro mondiale, ospitato per la prima volta in Italia, esattamente vicino Feltre (Belluno).
Si svolgerà sotto l¹egida dell¹Aero Club d¹Italia, organizzato dall¹Aero Club Feltre e dal Para & Delta Club Feltre. A quest¹ultima associazione spetterà l¹esecutività pratica sul campo per accogliere ed assistere 150 piloti provenienti da 40 nazioni.Sede operativa dell¹evento il grande Centro del Volo in località Boscherai a Pedavena (Belluno), due ettari di terreno adibito ad atterraggio con annessa struttura munita di uffici, aule e servizi. Accanto una tensostruttura di 900 mq per ospitare l’Espo Dolomitipark, fiera dedicata agli sport outdoor ed ai prodotti delle Dolomiti bellunesi.Il decollo ufficiale è sito in località Campet sul Monte Avena. Per garantire lo svolgimento della competizione con volo-liberoqualsiasi condizione meteo, saranno disponibili decolli ed atterraggi alternativi in provincia di Treviso: Cima Grappa e Monte Cesen sopra Valdobbiadene, nel primo caso, Vidor e Revine Lago nell¹altro.Molti eventi faranno da contorno, come la Mostra dell¹Artigianato di Feltre, competizioni di ciclismo e podismo, la Festa dell’Orzo Birreria Pedavena, serate a tema ed intrattenimenti vari al Centro del Volo ed altro. Ancora le Dolomiti, patrimonio dell¹umanità, saranno lo spettacolare scenario nel quale si svolgerà la Dolomiti Super Fly, primo evento tutto italiano come percorso ed organizzazione di hike and fly, cioè escursionismo e volo, una disciplina che attira sempre nuovi praticanti.Organizzato dall¹associazione Trentino Volo Libero, al via dalla piazza di Levico Terme (Trento), il 28 maggio saranno schierate 40 squadre composte da piloti italiani e stranieri. La sfida durerà una settimana tra Alto Adige e Trentino, 275 km da percorrere volando in parapendio o camminando sacca in spalla. Premiazione il 3 giugno lungo le rive del Lago di Levico.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capodanno: Campidoglio, grande successo per Festa di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

Foro romanoRoma Grande successo per la Festa di Roma. Migliaia di persone ieri notte hanno festeggiato in piazza l’arrivo del 2017. Al Circo Massimo per il countdown di Capodanno c’erano 40mila tra romani e turisti. Lo rende noto il Campidoglio.Secondo i dati aggiornati alle 19 di oggi sono state 150mila le persone che hanno partecipato alle iniziative sul Lungotevere e i ponti di Roma. Sono stati invece 42mila i visitatori all’area archeologica dei Fori imperiali e ai Musei Capitolini.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ finito il 2016, l’anno del tramonto dei media tradizionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

mediadi Isabella Adinolfi, Efdd – Movimento 5 Stelle Europa. Il 2016 passerà alla storia come l’anno del definitivo tramonto del potere di influenza di stampa e tv. È rivelatrice la gaffe dell’inviata Rai Giovanna Botteri che, dopo la vittoria di Trump, si chiedeva quasi disperata: “che cosa succederà a noi giornalisti? Che cosa succederà alla stampa?”. Nessuno dei principali 100 quotidiani americani ha fatto un endorsement a Trump. Appoggiando Hillary Clinton i media americani hanno perso la faccia e anche la credibilità. Hanno raccontato un’America che non esiste. Non hanno capito nulla! In Italia i media tradizionali non se la passano meglio. Il referendum del 4 dicembre è stato la Caporetto di editorialisti e parrucconi del giornalismo. Presagivano l’inferno e invece ha semplicemente trionfato la democrazia. L’affluenza al 69% ha mostrato al mondo chi comanda in Italia: i cittadini! Con i falsi scoop di Beatrice Di Maio e la continua drammatizzazione delle vicende romane si è toccato il fondo e i dati lo dimostrano. L’ultimo rapporto Mediobanca sull’editoria è senza appello: il giro d’affari complessivo di Mondadori, Rcs, L’Espresso, Il Sole 24 Ore, Monrif, Caltagirone, Itedi, Cairo e Class Editori è passato da 5,7 a 3,9 miliardi. Il fatturato di questi imperi dei media è calato del 32,6% e 4.500 posti di lavoro sono andati persi. Meno credibilità equivale a meno copie vendute: la diffusione dei quotidiani è scesa del 34% negli ultimi 5 anni.
Fiumi di inchiostro diventano carta straccia mentre il mondo va avanti con i social media. Per difendersi da questa inevitabile estinzione, i media tradizionali si arroccano nella Celebrazione del Potere. I continui richiami dell’Agcom a Rai, Mediaset, Sky e La7 lo dimostrano. Ma oggi è impossibile competere con i nuovi media che sono più veloci, ironici e spesso completi. La politica dovrebbe occuparsi della necessità di alfabetizzazione ai nuovi media, risolvere problemi come il cyberbullismo e sul riconoscimento su cosa sia davvero propaganda e cosa informazione.Davanti a questi numeri si dovrebbe fare ammenda e autocritica e invece si assiste alla caccia alle streghe che oggi prende il nome di “fake news”? Il Parlamento europeo ha approvato una vergognosa risoluzione che organizza una propaganda europea con i soldi dei contribuenti. Quello che viene chiamato “sostegno alla stampa indipendente” è in realtà una ingerenza per censurare le notizie scomode.Scriveva Indro Montanelli nel 1989: “la deontologia professionale sta racchiusa in gran parte, se non per intero, in questa semplice parola: onestà. È una parola che non evita gli errori….Ma evita le distorsioni maliziose quando non addirittura malvagie, le furbe strumentalizzazioni, gli asservimenti e le discipline di fazione o di clan di partito”. Parole profetiche che oggi sono le campane a morto della stampa e tv che finora abbiamo conosciuto. Non sentiremo la loro mancanza. (fonte: blog cinque stelle)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marcia della pace: “Grazie per la vostra presenza e la vostra testimonianza”

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

dscn2188Roma Piazza San Pietro. Con queste parole Papa Francesco ha salutato, alla fine dell’Angelus, a piazza San Pietro, le tante persone (si calcola 12 mila) che hanno partecipato questa mattina alla marcia “Pace in tutte le terre”, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio. Nelle stesse ore e per tutta la giornata di oggi migliaia di persone hanno scelto di uscire dalle proprie case in centinaia di città europee, africane, asiatiche e americane, per sostenere il messaggio del Papa sulla “nonviolenza”, in occasione della 50° Giornata mondiale della Pace. Un appuntamento che quest’anno ha visto ovunque una partecipazione ancora più sentita in risposta alle guerre, alla violenza diffusa e al terrorismo che ha colpito duramente anche in una notte di festa come quella appena trascorsa. Al corteo di Roma – che ha visto l’adesione di numerose associazioni e organizzazioni – hanno partecipato persone di ogni età, italiani insieme a immigrati e rifugiati, originari di diversi Paesi. Lungo tutta via della Conciliazione, fino a piazza San Pietro, hanno portato cartelli con i nomi del Paesi del mondo ancora in guerra.
Prima della marcia, davanti a Castel Sant’Angelo, si sono ascoltate alcune testimonianze, come quella del presidente del Centro Astalli, Camillo Ripamonti, che ha sottolineato “l’importanza di costruire una rete capace di sostenere un sempre più vasto movimento di pace”. O quella di Nour, rifugiata siriana giunta in aereo con Papa Francesco da Lesbo, che ha ricordato come il suo Paese, prima della guerra, fosse un simbolo di convivenza interreligiosa, e come, tragicamente, “nessuno”, nella comunità internazionale, “abbia avuto la voglia di dire basta alla follia di un conflitto che ha già fatto 600 mila morti”. Dopo l’intervento di Adriana Ciancio, 11 anni, del movimento “Giovani per la Pace”, è intervenuto il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo: “Oggi, di fronte a ciò che è successo a Istanbul, questa marcia ha un significato ancora più grande. Il mondo si è ammalato e occorre guarirlo dai troppi conflitti che lo soffocano: la guerra è il passato, fa rumore, scoppia lasciando rovine dietro di sé, la pace invece fiorisce e rappresenta il futuro perché cresce giorno dopo giorno”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Al Miur non conviene maltrattare i docenti precari

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

ministero-pubblica-istruzioneNel 2016 spesi 1 milione e 170mila euro di risarcimenti, dal 2012 oltre 3 milioni.È una cifra enorme che dovrebbe far riflettere i nostri governanti, i quali si ostinano a ergere muri contro la stabilizzazione dei lavoratori precari che hanno svolto oltre 36 mesi di servizio, oltre che l’equiparazione dei diritti del personale non di ruolo con quello assunto a tempo indeterminato. Solo per l’ultimo Concorso a cattedra, l’Anief ha presentato 21mila ricorsi, facenti capo a più tipologie di aspiranti docenti esclusi. I diplomati magistrale, che hanno chiesto l’inserimento nelle GaE, sono stati 4.500; poi, ci sono state 1.400 richieste di inserimento in GaE da parte di abilitati Pas e Tfa e, ancora, altri 500 laureati in scienze della formazione primaria e con altre abilitazioni più altri 582 reinserimenti. Sono oltre 3.500 le impugnazioni presentate per chiedere stabilizzazioni, “scatti” automatici in busta paga, da estendere ai precari e per l’estensione dei contratti. Poi, ci sono i ricorsi per tante altre motivazioni, tra cui la tutela allo studio dei disabili. Non è un caso se negli ultimi dodici mesi abbiamo assistito a una vera ascesa di adesioni al giovane sindacato, con la quantità di deleghe equamente divisa tra personale di ruolo e non: a fine 2015, i lavoratori della scuola iscritti all’Anief si fermavano a 21.693, oggi sono poco meno di 30mila. Nell’ultimo periodo, boom di presenze del sindacato anche tra i media.
Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): sono risultati che premiano la nostra volontà di agire sempre a tutela di chi opera nella scuola, troppo spesso costretto a vedersi calpestare i propri diritti. Ora ci aspetta un anno di preparazione al 2018, quando, attraverso il previsto rinnovo delle Rappresentanze sindacali unitari all’interno degli istituti, abbiamo intenzione di diventare un sindacato rappresentativo per portare le nostre battaglie storiche in sede di contrattazione nazionale.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artificiere ferito a Firenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

firenze“Siamo vicini al collega che a Firenze è rimasto così gravemente ferito in servizio. Gli siamo grati per la sua generosità e per la sua professionalità, per il suo coraggio quotidiano e per la sua dedizione, perché ancora una volta ci ha resi tristemente orgogliosi di appartenere ad un Corpo che non conosce Capodanno o altre date rosse sul calendario, ma che consente ai cittadini di festeggiare sereni vegliando senza sosta su di loro e sacrificando tutto, anche la salute o la stessa vita se serve. Vogliamo essere noi i primi a dire grazie al collega, perché forse saremo fra i pochi che lo faranno, e perché certamente saremo fra i pochissimi che lo faranno con consapevolezza. Troppi danno per scontata la nostra presenza e la nostra efficienza. Troppi ritengono normale che noi restiamo feriti o che moriamo per gli altri. E’ vero, siamo pronti a farlo ma le Istituzioni devono fare tutto e anche di più perché non succeda. Poche ore fa abbiamo sentito il Capo dello Stato ringraziare le Forze dell’Ordine italiane nel suo messaggio alla Nazione, ma ancora a parole, che comunque sono per noi motivo di orgoglio, non corrispondono gesti davvero concreti che la Politica deve compiere. Eppure nonostante tutto noi siamo sempre là, davanti ad un pacco bomba o a Natale o Capodanno ed in ogni altro istante, mentre gli altri fanno qualsiasi altra cosa, e mentre le nostre famiglie festeggiano a metà senza di noi, coscienti, comunque, che quello che facciamo è indispensabile perché altre famiglie restino al sicuro”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo la notizia che a Firenze un artificiere della Polizia è rimasto gravemente ferito alle mani e ad un occhio dall’esplosione di un ordigno rinvenuto davanti ad una libreria dopo la segnalazione dei colleghi della Digos. Verso le 5 del mattino una pattuglia che controllava obiettivi sensibili ha notato un pacco sospetto davanti alla saracinesca del negozio. Dopo l’allarme la Questura ha inviato rinforzi, la zona è stata isolata e poi l’artificiere. “E così altre vite sono state salvaguardate – aggiunge Maccari -, grazie ad un’azione dei Poliziotti che nel suo insieme ha dato come sempre i suoi frutti, grazie a donne e uomini che nella quotidianità, nel silenzio, nelle difficoltà, nei sacrifici, nel dileggio di alcuni e nell’indifferenza di altri, ma nel paziente e costante adempimento del proprio dovere hanno consentito all’Italia, a differenza purtroppo di altri Paesi destati da un incubo di sangue, di conoscere una pacifica alba del nuovo anno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, da oggi e fino a mercoledì 4 gennaio stop ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

vigili-urbaniRoma In vigore nelle giornate di lunedì 2 gennaio, martedì 3 gennaio e mercoledì 4 gennaio 2017 il divieto di circolazione privata all’interno della fascia verde per i veicoli più inquinanti. È quanto prevede un’ordinanza sindacale firmata oggi. Lo rende noto il Campidoglio. La misura è stata adottata sulla base dei criteri indicati nel Piano di intervento operativo, come stabilito dalla delibera n.76 del 28 ottobre 2016. I rilevamenti hanno, infatti, evidenziato livelli di inquinamento elevati e risulta quindi necessario intervenire con efficacia: la salute è il bene prevalente da tutelare, proseguendo le azioni volte a ridurre le emissioni.Ricordando che, come già stabilito dall’ordinanza n.87 del 2016, sono bloccate dal lunedì al venerdì, h 24, tutti gli autoveicoli Pre Euro 1 (cosiddetti Euro 0) , Euro1 e Diesel Euro 2, il provvedimento si applica nei prossimi giorni alle seguenti categorie veicolari nella fascia oraria 7.30-20.30:
autoveicoli a benzina Euro 2, ciclomotori e motoveicoli Pre Euro 1 (cosiddetti Euro 0) ed Euro 1, a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi.
Le altre specifiche deroghe sono riportate nell’atto che è stato pubblicato sul sito istituzionale di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verità e controlli sul web

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

internetIl XXI secolo ci sta rendendo sempre più consapevoli dell’importanza della comunicazione sul web. Siamo passati in poco più di un secolo dal primato della carta stampata alla radio e alla televisione allo streaming che ora è offerto anche da parte di diverse reti televisive, come la RAI e ad altri sistemi come facebook dove si può interagire con tutti coloro che vi accedono liberamente nel mondo. Non solo. La carta stampata, la televisione e la radio in particolare sono percepite dall’opinione pubblica, più che in passato, come condizionate dal potere politico esistente e dai grossi potentati economici e finanziari mentre il “fai da te” sul web permette di dialogare con chicchessia e di liberarsi dai rispettivi assilli esistenziali rendendone partecipi tutti i navigatori che vi entrano in contatto. Ma questa opportunità appare sempre di più un metodo inteso a sfuggire al controllo delle stesse democrazie da sempre orientate al controllo delle informazioni e a manovrarle secondo le proprie convenienze per cui si cerca ora di correre ai ripari prevedendo un controllo preventivo delle fonti con la scusa che le notizie che viaggiano su internet possono essere false e devianti un corretto rapporto tra cittadini tra loro e le istituzioni.
Noi italiani abbiamo avuto un’esperienza diretta durante il regime fascista dove i nostri padri fidandosi poco delle informazioni istituzionali avevano coniato un marchingegno oltremodo efficace con “radio gavetta” che altro non era che un discreto ma valido passa parola per venire a capo di quelle verità che i governanti volevano nascondere alle masse popolari. Ci toccherà forse ritornare a questo metodo se i nostri governanti decideranno di rimetterci in riga convinti che la libertà di parola è solo un opzional che spetta alle classi privilegiate e non all’uomo qualunque? Mala tempora currunt, sed peiora parantur. (servizio Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istanbul: Attentanto allarmante

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

istanbul“Il nuovo anno inizia nel segno del terrore con la notizia del drammatico attentato di Istanbul. Del resto un 2016 insanguinato a immani tragedie, su tutte quella di Aleppo, si era chiuso ieri con l’ennesimo attentato a Baghdad, che è costato la vita a decine di persone. Questi fatti, all’alba della giornata che Paolo VI volle dedicare alla pace nel mondo, ci richiamano alla necessità di lottare contro ogni forma di odio, di intolleranza e di intransigenza, che sono le cause dalle quali discendono violenza e terrorismo”. A dirlo è Paolo Alli, Capogruppo Area Popolare in Commissione Affari Esteri alla Camera e Presidente dell’Assemblea Parlamentare Nato.”Anche il Presidente Mattarella – aggiunge – ieri nel suo discorso di fine anno, alto e nobile, profondamente realista e fortemente ancorato ai nostri ideali, ci ha messi in guardia contro l’odio come strumento di lotta politica. L’odio e la violenza verbale, ci ha detto, intossicano la società, facendo perdere il senso di comune appartenenza. E ci ha esortato a combattere questa deriva. C’è un compito per tutti e per ciascuno nel costruire la pace, ogni giorno. E questo compito è la più grande responsabilità per chi è chiamato a servire la società nella politica e nelle istituzioni. Solo questa responsabilità potrà far si che il terrore e la violenza, in tutte le loro forme, possano essere sconfitti”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Follie di fine anno

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

fuochiQuest’anno sembra -dai primi dati ufficiali- che i feriti da botti di fine anno siano in calo: “solo” 184 rispetto ai 190 dell’anno scorso. A Firenze, pero’ -che sempre di botti si tratta, pur con le dovute differenze- hanno messo una bomba davanti ad un libreria di area estrema-destra sociale (casa Pound), bilancio un poliziotto ferito. Ma ad Istanbul fanno sul sul serio, una bomba in una discoteca ha provocato quasi 40 morti e quasi 70 feriti.
Certo sono feriti -e morti, dove ci sono stati- diversi. Ma tutti vittima del loro rapporto con ordigni esplosivi, piu’ o meno legali quelli dei botti tipici di fine anno, artigianale ordigno sembra quello della libreria fiorentina, striscia terroristica medio-orientale sembra quella di Istanbul.
La bomba fiorentina, probabilmente, non sapremo mai chi l’ha messa, ma non possiamo escludere che siano stati quelli cosiddetti di estrema sinistra o i sempre cosiddetti di estrema destra: l’importante, per gli autori, e’ che si parli di loro, come artefici o come vittime, qualcosa -secondo questa filosofia- dovrebbe restare nelle menti delle persone, qualcosa di terrore o approvazione, del baluardo antifascista o di quello fascista. Crimini dell’ideologia usata per la politica. Lo stesso crimine che, portato li’ dove la vita sembra che conti meno, porta dei disperati ad uccidere delle persone in discoteca per convincersi e convincere che loro hanno ragione.
E i crimini delle ideologie convivono benissimo con l’apparente ingenua voglia di divertitisi di chi, per i botti di fine anno, non gli bastavano le stelle filanti e i sorrisi dei propri cari, ma aveva bisogno di incrementare i guadagni di qualche malavitoso locale “esperto” di petardi illegali a cui aggiungeva un po’ di ghiaia per farli sembrare emulazioni dei loro fratelli maggiori che li usano per ammazzare.
Questi sono gli esseri umani, anche per il 2017. Se qualche retorica ci ha voluto far credere il contrario (ce ne scusi papa Francesco), i fatti hanno detto il contrario. Siamo sempre i soliti, in qualunque parte del mondo: fascisti, antifascisti, terroristi, complici (perche’ consumatori di petardi illegali) di delinquentelli, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Facciamone tesoro. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comandare in casa con la voce per attivare elettrodomestici sarà presto una realtà

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2017

listen1Nella città greca di Candia (Grecia) è stata testata con successo “Listen”, l’interfaccia tecnologica che permette di attivare e gestire impianti domestici, elettrodomestici e servizi internet con il semplice utilizzo della voce (hands-free control system). Il progetto, finanziato dalla Commissione Europea, è sviluppato da un consorzio al quale partecipa per l’Italia Cedat 85 (http://www.cedat85.com), che da 30 anni si occupa di sviluppare servizi e tecnologie per il trattamento del parlato (resocontazione, sottotitolazione, trascrizione automatica). Del gruppo di lavoro fanno parte anche per la Grecia la Foundation for Research and Technology – Hellas (FORTH) e per la Germania RWTH Aachen e EML European Media Laboratory.La dimostrazione è stata fatta utilizzando un mini microfono contenente al suo interno 8 microfoni e un software in grado di riconoscere 4 lingue europee (Tedesco, Inglese, Italiano e Greco). Alina Suhetzki, funzionaria dell’UE preposta al progetto, ha testato “Listen” impartendo comandi vocali in Inglese per spegnere e accendere le luci: “È stata una dimostrazione sorprendente – ha detto. Un sistema piccolo e intelligente che funziona contemporaneamente in quattro lingue, e che può essere impostato per funzionare anche con altri idiomi”.I partner del progetto sono ora impegnati a colmare tutti i gap esistenti nel funzionamento dei sensori acustici e del sistema listendi riconoscimento automatico del parlato. La maggiore integrazione di hardware e software renderà più veloce la risposta del sistema ai comandi vocali dell’utente.Cedat sta sviluppando l’intera infrastruttura tecnologica per il sistema di riconoscimento vocale di “Listen” e curando l’implementazione del vocabolario per la versione italiana.“Il test che abbiamo effettuato – spiega Enrico Giannotti, condirettore generale di Cedat 85 – ha dato riscontri positivi. Da qui al 2019, con i nostri partner europei, lavoreremo per migliorare l’accuratezza del software e per garantire la massima capacità di interazione vocale di “Listen”. Anche se la domotica non è il nostro core business, siamo convinti che la trasversalità e flessibilità dei nostri servizi per il riconoscimento vocale saranno molto utili allo sviluppo di “Listen”. La nostra tecnologia – prosegue il direttore generale di Cedat 85 – è utilizzata alla Camera dei Deputati, in oltre 200 consigli comunali e in numerose altre istituzioni pubbliche e private, contribuendo a realizzare una vera e propria “democrazia digitale”. Continueremo a investire in ricerca e sviluppo – conclude Giannotti – convinti, come siamo convinti, che le tecnologie per il riconoscimento del parlato potranno evolversi nel futuro trovando ambiti di applicazione che, come nel caso di “Listen”, miglioreranno sensibilmente la qualità della vita delle persone”.La tecnologia adottata da “Listen” è basata su un sistema a viva voce che, tramite una rete di microfoni distribuiti in casa e un apposito software, riconosce la voce del padrone e mette in funzione gli strumenti di volta in volta nominati dall’utente, senza che questo debba utilizzare tastiere, mouse o comunque utilizzare le mani. “Listen” sarà, quindi, di grande aiuto per anziani e persone affette da gravi disabilità e, in casi di emergenza, potrà salvare vite umane. Queste funzionalità saranno utilizzate anche per garantire un pieno accesso ai servizi internet, dalla navigazione sui siti alla dettatura e invio delle mail.“Listen” rientra nell’ambito del programma RISE (Research and Innovation Staff Exchange – Marie Skłodowska) di HORIZON 2020, piano di finanziamento della Commissione Europea per la ricerca e l’innovazione. Il progetto, avviato nel giugno 2015, sarà chiuso nel 2019. (foto: listen)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »