Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 7 gennaio 2017

Gli Industria di caffè celebrano la band italiana simbolo degli anni Novanta

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

883Palermo Palab 8 gennaio 2017 in piazzetta del Fondaco (dietro la questura e a pochi metri da Ballarò). C’erano una volta due ragazzi di Pavia e dintorni. Si Chiamavano Max Pezzali e Mauro Repetto. Insieme, negli anni Novanta – e volendo oggi ancora da solo Max – hanno cambiato la storia della musica in Italia con una band riassunta in un numero: 883. Francesco Vannini, Davide Liberti, Mauro Pizzo, Simone Esposito e Daniele Cangialosi ricreeranno le atmosfere dei nuovi e dei vecchi 883, suonando vent’anni di musica da “Hanno ucciso l’uomo ragno” a oggi, passando per “La regina del celebrità e “Gli anni”. Insomma, una serata per nostalgici non troppo cresciuti.
Per chi volesse il Palab è aperto tutti i giorni della settimana, compresa la domenica, a ora di pranzo a partire da mezzogiorno. Per i turisti, per i lavoratori degli uffici, ma anche per le coppie e i gruppi di amici che vogliono assaggiare le specialità dello chef.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soul Grabber l’8 gennaio al Dorian di Palermo

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

noemi palumbo.jpgPalermo domenica 8 gennaio al Dorian in piazza Don Bosco 11 a. Sono giovani, sono professionisti e sono capitanati da una bellissima cantante, Noemi Palumbo, che è stata capace di unire musicisti che hanno diversa origine musicale, unendoli all’amore del soul pop.La serata inizierà alle 20 con l’apericena, dove spiccano crepes salate, sfincione bianco o classico, frittate, verdure grigliate, sformati di patate, di pasta al forno e di riso, pizza, riso con funghi, pasta con verdure, couscous, riso al pesto, polenta. E ancora: alette di pollo alla cacciatora tortini di zucca crocchette di latte mangia e bevi. Alle 22 via i piatti e il cibo e dentro la musica con i Soul Grabber. Noemi Palumbo alla voce, Giacinto Gianfala alla batteria, Gabriele Miceli alla chitarra, Accursio Venezia al basso, Arion Sinagra al sax e Valerio Dainotti al pianoforte daranno vita a una serata fatta di musica inedita e sperimentale. Special guest alle percussioni: Manfredi Caputo. Dorian è aperto dalle 19,30. Ingresso dalle 20 con apericena e concerto. (foto: noemi palumbo)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The conviction of an IDF soldier divides Israel

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

israelONE of the most contentious cases in Israel’s military history reached its verdict on January 4th when three military judges found a serving soldier, Sergeant Elor Azaria, guilty of manslaughter for killing a Palestinian.The public controversy was not over the facts. Both the prosecution and defence agreed that on March 24th 2016, in the West Bank city of Hebron, Mr Azaria had fired point-blank at Abdel-Fattah al-Sharif, a Palestinian man lying grievously wounded after he had been shot while stabbing an Israeli soldier.
Nor was it over the court’s dismissal of Mr Azaria’s claim to have been acting in self-defence; the judges reached a unanimous decision that he had acted “calmly, without urgency and in a calculated manner” and that, as he said on the scene to a comrade, he thought Mr al-Sharif “deserve[d] to die”.Instead the controversy relates to the fact that a large section of the Israeli public seems to believe that Mr Azaria was right to have shot a wounded prisoner who no longer posed a danger. A poll last August by the Israeli Democracy Institute and Tel Aviv University indicated that 65% of Israel’s Jewish majority supported his actions. A seemingly contradictory finding in the same poll put public support of the Israel Defence Forces (IDF), the same organisation that put Sergeant Azaria on trial, at 87%.
One explanation for this discrepancy is that anger is high over the sporadic campaign of stabbings by Palestinians since 2015. Another is that admiration for the army does not necessarily extend to the generals, who rushed to condemn him when video of the shooting emerged. This mixed message is coming from the politicians, too. The prime minister, Binyamin Netanyahu, called Mr Azaria’s parents to express solidarity shortly after his arrest. Since the conviction he joined several ministers in calling for Mr Azaria to be pardoned by the president, Reuven Rivlin. The only senior member of the ruling Likud party to condemn the shooting unequivocally was Moshe Yaalon, then the defence minister. Shortly afterwards he was pushed out of office and replaced by Avigdor Lieberman, a hardliner.Manslaughter convictions of IDF soldiers on duty are very rare. The last was 11 years ago when one was found guilty of killing Tom Hurndall, a British pro-Palestinian activist. Human-rights organisations say other similar shootings have gone unpunished. Still, the generals can take comfort from the judges’ firm line: the IDF’s claim to be a highly moral army requires it to act against cases of blatant indiscipline. And Mr Netanyahu, though bending to populist sentiment at home, will doubtless hold out the verdict as proof to the world that his country is a democracy where the rule of law prevails, in a region where such virtues are rare. (font: The economist)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Film on education and love inspires audiences around the world

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

malawiMALAWI — A movie about a brother and sister in a rural village in the heart of Africa is demonstrating the power of film to contribute to constructive social change and stimulate meaningful conversations. Mercy’s Blessing, written and directed by May Taherzadeh, is a moving and profound exploration of the connection between love and sacrifice in the midst of social injustice. It has received widespread acclaim and, since 2015, has already won ten international film awards.The film is centered on the story of two siblings. The older, named Blessings, wants to raise his younger sister, Mercy, and himself out of poverty through education. As obstacles mount for the family, Blessings becomes increasingly conscious of the injustices around him and the power of choice.”The idea was to show a person in a dire situation making a selfless sacrifice. This ability to sacrifice, to be generous and think of the well-being of another, is a reflection of the strength of the human spirit.” Ms. Taherzadeh said.
Mercy’s Blessing draws attention to issues ranging from the education of girls to the prevalence of child brides and is currently being used as a part of the United Nations Joint Programme for Girls’ Education in Malawi to spearhead a nationwide campaign.The themes the film addresses—privilege, equality, sacrifice, and responsibility—have connected to audiences around the world. In addition to its release to film festivals and smaller venues in 2015, Mercy’s Blessing has been shown in association with various initiatives in a number of countries including Vanuatu, Ireland, South Africa, the United States, and the Netherlands to advance discussions about human rights, social justice, and the equality of women and men.Some organizations have screened the film and organized an accompanying workshop to reflect on the emotions and questions the story evokes and to think about malawi1community development. Young people viewing the film have been especially moved by the idea that individual choice and sacrifice can affect positive change, even in the midst of structural injustices that ultimately require broader societal transformation as well.Mercy, played by Hazel Roberts, attends class. A still shot from the film Mercy’s Blessing.Enlarge (8 images)
With a background in documentary filmmaking, Ms. Taherzadeh, who grew up in Malawi, was interested in exploring how a fictional story could touch hearts using the power of art. “A quotation from the Baha’i writings that has always inspired me says that art can better awaken noble sentiments than cold rationalizing, especially among the mass of the people,” she explained. “While it is an African story, the film shows universal themes of love and sacrifice, hope and despair, that remind us of our common humanity. It is wonderful to see how the film inspires courage for change in people everywhere, living in very different circumstances.”Nobody is where they are only because of themselves. We are all here because of the sacrifices of somebody else.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C’è anche l’Oratorio della Santissima Annunziata di Cori tra le 101 meraviglie d’Italia da scoprire secondo Beba Marsano

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

oratoriooratorio1La giornalista, scrittrice e critica d’arte ha pubblicato con Cinquesensi Editore il suo libro ‘Vale un viaggio’, dopo aver girato in lungo e in largo il Bel Paese per oltre un anno.Grandi e piccoli capolavori d’arte e di cultura, fuori dai consueti percorsi turistici che, da soli, valgono un viaggio: siti archeologici, musei d’arte, cicli di affreschi, basiliche, collezioni private, piazze e scorci, angoli e prospettive naturalistiche. L’autrice consiglia anche un albergo e un ristorante nei dintorni.Tra questi inediti tesori l’oratorio della Santissima Annunziata di Cori, meraviglia pittorica incastonata nel verde, noto anche come cappella della Santissima Annunziata. Erroneamente definito come “chiesa”, in realtà era un locale annesso alla chiesa di San Silvestro, dal Seicento dedicata al Santissimo Crocifisso.Il complesso fino agli anni Cinquanta era in aperta campagna, sulla principale via di accesso a Cori, che collegava la città alla via Appia e a Roma. Nel Medioevo vi si fermavano i magistrati provenienti dalla Capitale, e solo dopo aver giurato di rispettare gli statuti coresi erano ammessi entro le mura.La costruzione iniziò nel secondo decennio del Quattrocento, commissionata dal cardinale Pedro Fernández de Frías, vicario pontificio e rettore per la Sabina e la provincia di Campagna e Marittina, di cui Cori faceva parte. Si trova qui il più antico stemma esistente del Comune di Cori, che partecipò alla realizzazione. Gli edifici intorno – la sagrestia, la cella dell’eremita custode, il campanile, un nuovo romitorio – furono aggiunti nel Seicento e nel Settecento, durante il restauro. Gli affreschi del Vecchio e del Nuovo Testamento sono uno splendido esempio di pittura quattrocentesca. Ancora visibili le firme graffite dai viaggiatori spagnoli che li visitarono, ma il motivo di tanto interesse resta un mistero. (foto: oratorio)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovani: uniti per il patrimonio culturale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

napoliNapoli. Il 13, 14 , 15 gennaio 2017 il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO (UNESCO Giovani), si dà appuntamento a Napoli per la Seconda Assemblea Nazionale. L’iniziativa, patrocinata dalla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e turismo – MiBACT, dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli, dall’Ordine degli Ingegneri di Napoli e dall’Associazione Nazionale Giovani Agricoltori -ANGA, rappresenta il momento di confronto più importante tra i giovani italiani sule grandi tematiche dell’UNESCO. Oltre 300 delegati tra i 20 e i 35 anni, rappresentanti di tutte le regioni d’Italia (fra loro studenti, ricercatori, artisti, professionisti, manager e imprenditori) incontreranno alcuni dei più alti rappresentanti delle istituzioni nazionalied internazionali, personalità di rilievo del mondo della cultura, dell’imprenditoria, del no-profit. Obiettivo principale della manifestazione, il lancio in Italia della campagna internazionale promossa dall’UNESCO a Parigi: #UNITE4HERITAGE (uniti per il patrimonio culturale), motto con il quale si è dato vita ad un movimento globale impegnato nella salvaguardia e nella promozione del patrimonio cultuale e della diversità, anche attraverso l’utilizzo consapevole tra i giovani dei social network. Si annunciano tre giorni intensi di dibattiti, seminari, workshop e happening per trattare di cultura, educazione e scienza con un approccio innovativo, capace di appassionare e stimolare le nuove generazioni a sviluppare una più completa consapevolezza sul valore del patrimonio culturale. Molti i nomi di rilievo nazionale e internazionale tra i relatori e gli ospiti: Irina Bokova, Direttore Generale UNESCO (in collegamento da Parigi); Franco Bernabè, Presidente Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO; Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario al Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo; Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli. L’Assemblea si svolgerà in location di eccezione: venerdì 13 alle ore 14.00 presso la Sala dei Baroni, Castel Nuovo, Comune di Napoli (evento aperto al pubblico), sabato 14 e domenica 15 presso la Basilica di S. Giovanni Maggiore, affidata dalla Curia di Napoli alla Fondazione dell’Ordine degli Ingegneri e Palazzo Caracciolo (eventi riservati ai soci UNESCO e giornalisti accreditati). A coordinare i lavori il Presidente di UNESCO giovani, Paolo Petrocelli, che così presenta l’iniziativa: “Il nostro Comitato Giovani si sta rapidamente affermando come una delle nuove realtà di riferimento per la promozione dei valori dell’UNESCO, anche a livello internazionale. A Napoli presenteremo un bilancio decisamente positivo del nostro primo anno di attività e fisseremo nuovi ambiziosi obiettivi per il 2017. In collaborazione con le principali istituzioni locali e nazionali, abbiamo realizzato nel 2016 oltre 100 iniziative su tutto il territorio, portando il nostro Comitato all’interno di scuole, accademie, università, musei, teatri. Abbiamo incontrato migliaia di giovani italiani, con loro abbiamo parlato di patrimonio, futuro, innovazione. Ci siamo confrontati con ministri, presidenti di regione, sindaci, assessori, ambasciatori, studiosi, professori universitari, scienziati, giornalisti, artisti.Da Napoli, assieme ad oltre 300 delegati provenienti da tutte le regioni d’Italia, lanceremo un importante piano annuale di valorizzazione e promozione tra i giovani dello straordinario patrimonio culturale italiano. Il nostro Comitato guarda al futuro con un grande senso di responsabilità e speranza. Siamo pronti a fare la nostra parte, al fianco della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LA RESILIENZA – Studi nudi di improvvisazione teatrale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

la-resilienzaRoma Dal 13 al 15 gennaio 2017 alle 21 al Teatro Stanze Segrete di Roma Via Della Penitenza, 3 (Trastevere) LA RESILIENZA – Studi nudi di improvvisazione teatrale con Patrizio Cossa, Max Vellucci e Giorgia Calcari, regia Giorgia Giuntoli. Gli attori sono posti in una condizione che li spinge ad un lavoro estremo sull’indagine dei personaggi, la storia e la regia, senza filtri. L’estrema difficoltà della narrazione all’improvviso catapulta gli attori in uno spazio metaforico tra realtà e finzione, in un canone di massima immedesimazione in cui ciò a cui assiste lo spettatore è unico, irripetibile, senza traccia come la vita.
LA RESILIENZA ripropone la capacità dell’uomo di trasformare in energia positiva un evento traumatico.Il pubblico darà un input iniziale, che sarà il trauma da cui nascerà la storia. I tre improvvisatori reagiranno a questo trauma con una reazione azione da cui nascerà la resilienza, ovvero la capacità di affrontare il trauma con un atteggiamento positivo e vitale.Il pubblico non sarà chiamato solo a creare un trauma per i personaggi, ma li aiuterà anche ad affrontare ciò che viene dopo: LA RESILIENZA è uno spettacolo interattivo dove il pubblico non è un passivo osservatore, ma parte integrante della storia. Tutti i giorni alle 21 la domenica alle 19. Biglietto unico euro 10, tessera associativa 2 euro. (foto: la resilienza)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Meleo: Street Art colora la stazione metro San Giovanni

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

metro-romaRoma. Sabato 7 gennaio, grazie alla collaborazione tra Atac e RetakeRoma, la street artist Tina Loiodice inizierà a realizzare il murales “Lo sguardo” sui pannelli in cartongesso che delimitano l’area di cantiere della futura stazione metro C”. Così in una nota l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo. “Le decorazioni verranno effettuate dall’artista con colori non tossici ad acqua. L’opera è il primo step di un percorso che interesserà anche altre aree della stazione – spiega – Contemporaneamente i volontari
dell’associazione Retake Roma puliranno e riqualificheranno le aree di accesso. E non solo: all’interno della stazione verranno eliminati adesivi illegali e scritte vandaliche”. “Abbiamo in mente di lanciare una vera e propria campagna di valorizzazione che si chiamerà “Adotta una stazione”. L’obiettivo è prendersi cura delle stazioni e trasformarle grazie al contributo di artisti, esperti di arte e di architettura. Ma chiederemo anche ai cittadini di darci una mano ad abbellire queste stazioni. Perché i romani riappropriandosi dei beni comuni potranno così anche recuperare un senso di appartenenza, di comunità. Il tutto per il bene di Roma. E per rilanciare l’immagine della Capitale” conclude Meleo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto Milleproroghe, Anief chiede urgenti modifiche al testo per salvare dal caos il prossimo anno scolastico e accademico

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

ministero-pubblica-istruzioneDurante le vacanze natalizie, il sindacato Anief ha sviluppato una serie di modifiche normative che il Parlamento ha l’occasione di esaminare attraverso il decreto legge n. 244 del 30 dicembre 2017, il cosiddetto Milleproroghe, con la riapertura dei lavori‎ prevista la prossima settimana.Le modifiche riguardano una serie di punti chiave: dalla proroga dei termini per attuare le nove leggi delega previste dalla Legge 107/2015, all’inserimento degli abilitati nella fascia aggiuntiva GaE; dal reclutamento di 20mila Ata e 8mila maestri d’infanzia, alla stabilizzazione di 500 educatori in organico potenziato; dal reclutamento dei vincitori dell’ultimo concorso a cattedra, alla validità delle Graduatorie di merito dove inserire tutti gli idonei all’organizzazione di prove suppletive dello stesso concorso per i candidati laureati o educatori ricorrenti; dall’estensione del corso-concorso per presidi ai ricorrenti del 2011, alla cancellazione del limite-beffa di 36 mesi di servizio svolto per la stipula di contratti a termine. Infine, in ambito universitario e di ricerca, Anief reputa sempre più impellente l’esigenza di assumere a tempo indeterminato i ricercatori e la proroga del del blocco per i distacchi e i comandi di docenti e personale Ata presso enti e Università.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): per Governo e Parlamento è un’occasione importante, al fine di evitare che il prossimo anno i problemi organizzativi si ripercuotano negativamente sulla didattica e sulla formazione degli alunni. L’opera del nostro sindacato non si fermerà qui: nei prossimi giorni saranno infatti presentate ulteriori proposte, sempre attinenti allo spirito del provvedimento che non permette abrogazioni o soluzioni innovative se non già adottate in provvedimenti analoghi passati.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche: al via l’arbitro per le controversie finanziarie

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

bancaAl via il prossimo 9 gennaio l’Arbitro per le Controversie Finanziarie – ACF, il nuovo sistema di risoluzione extragiudiziale a tutela dei diritti e degli interessi dei piccoli investitori. Un sistema fortemente voluto dall’Adoc, secondo cui tale strumento costituirà un valido deterrente contro le violazioni messe in atto dagli intermediari nei confronti dei risparmiatori.
“L’Arbitro per le Controversie Finanziarie è una novità fondamentale per la tutela dei diritti dei piccoli investitori e risparmiatori – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – una novità che, come Adoc, abbiamo sempre fortemente richiesto. L’ACF sarà un efficace strumento di tutela diretta degli interessi di chi investe, fino ad un importo massimo di 500mila euro, per tutte le controversie legate all’acquisto di prodotti d’investimento. A nostro avviso consentirà anche un miglioramento delle relazioni degli intermediari con i clienti, in quanto indurrà gli operatori a eseguire correttamente gli ordini e le richieste degli investitori, con maggiore correttezza, attenzione e trasparenza. L’accesso all’Arbitro è del tutto gratuito per l’investitore, che può rivolgersi direttamente o tramite l’aiuto di un Associazione dei Consumatori come l’Adoc, e molto rapido, in quanto una decisione sul merito verrà fornita dal collegio entro 90 giorni. Potranno essere sottoposte all’Arbitro tutte le controversie relative alla violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza cui sono tenuti gli intermediari nei loro rapporti con gli investitori nella prestazione dei servizi di investimento e di gestione collettiva del risparmio; potranno essere presentate anche controversie che riguardano i gestori dei portali di equity crowdfunding.”

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Kuwait Al-Sumait Prize For African Development Calls For Nominations For 2017 Education Award

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

kuwaitKuwait’s Al-Sumait Prize for African Development today called for nominations for its 2017 award for education. Applications for the prize need to be received by Al-Sumait’s Prize office no later than April 30, 2017.The aim of Al-Sumait’s Education Prize is to recognise pioneering contributions to education across Africa, said Dr. Adnan Shihab-Eldin “Al-Sumait’s 2017 Education Prize is open to individuals and organizations delivering pioneering contributions across the education spectrum in Africa,” said Dr. Adnan Shihab-Eldin, Director General of the Kuwait Foundation for the Advancement of Sciences (KFAS), which administers the prestigious prize.Dr. Adnan Shihab-Eldin said the aim of the prize is to recognize efforts to improve access throughout the African continent to basic or advanced education, boost literacy and decrease dependence of children’s education on the socio-economic status of their parents.Key conditions for the prize include being able to demonstrate research work or projects that are innovative and have achieved high-impact in line with the international standards established for the prize. The nomination form can be found at https://oe.kfas.org.kw/alsumait2017or requested from KFAS Prize office by sending an email to alsumaitprize@kfas.org.kw. Dr. Shihan-Eldin said the one million dollar Al-Sumait’s Education award will build on the success of the recently awarded Al-Sumait 2015 Health and 2016 Food Security awards in creating a legacy of solid transformation in the lives of countless underprivileged individuals and societies. Al-Sumait’s education prize aims to recognise efforts to further educational development in Africa at all levels, from basic school through university and beyond.“The winners of Al-Sumait’s 2015 health and 2016 food security awards demonstrated initiatives of paramount importance in promoting significant economic, social, human resources and infrastructure development in the African continent. Now educationalists have their opportunity to put forward their innovative work and projects to furthering development in Africa,” said Dr. Shihab-Eldin. Initiated in 2013 by His Highness Sheikh Sabah Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, the Al-Sumait Prize for African Development is designed to reward innovative and inspiring initiatives and research by individuals and organizations that address the challenges facing the African continent. The award recognizes and honors individuals and institutions who help advance economic and social development, human resources development and infrastructure in Africa. (photo: Kuwait)

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma elettorale: a chi la guida del percorso?

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

urne-vote“Sulla nuova legge elettorale ricordiamo a noi stessi e anche al bravo ministro Orlando le parole chiare, nette e inequivocabili del Presidente della Repubblica: ‘È augurabile che, sulle regole elettorali, si registri in Parlamento un consenso, auspicabilmente generale, comunque più ampio di quello della maggioranza di governo’. Chi ha mai detto, dunque, che il Pd debba guidare il processo di riforma, caro ministro Orlando?”. Lo afferma, in una nota, Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
“Dopo i fallimenti del governo Renzi – continua –, il 60 a 40 del referendum costituzionale e le ripetute convulsioni e cambi di rotta del Pd in tema di legge elettorale è impensabile affidare a quest’ultimo la guida di un percorso così delicato. Realismo, caro ministro Orlando. A te che renziano non sei suggerisco: basta con la tipica arroganza renziana. Gli italiani hanno già bocciato Renzi e il renzismo. Basta – prosegue Brunetta – fughe in avanti da chi rappresenta solo una parte del Pd, partito che con il 25% alle ultime elezioni politiche, prendendo tra l’altro meno voti del Movimento 5 Stelle, non è maggioranza nel Paese. La nuova legge elettorale si faccia in Parlamento, con tutte le forze politiche rappresentate pariteticamente e dopo la sentenza della Corte Costituzionale. Che il buon ministro Orlando e tutti i renziani – conclude – si mettano l’anima in pace, per il bene loro e dell’Italia”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riapertura di un Centro di Identificazione ed Espulsione

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

corte europea giustizia“Il dibattito sulla riapertura di un Centro di Identificazione ed Espulsione per regione è surreale. Non tiene conto del loro fallimento storico certificato da rapporti istituzionali, nonché da numeri e sentenze” A dichiararlo è Patrizio Gonnella, presidente della Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD). “Nel 2007 – prosegue Gonnella – ci fu un rapporto governativo redatto da una commissione presieduta dal diplomatico Staffan de Mistura che ne certificava indegnità e ineffettività. Il tutto confermato nel 2014 dal rapporto della Commissione per la tutela e la promozione dei Diritti Umani del Senato. Allora i CIE erano ben 13, quasi uno per regione, ed il tasso di espulsioni dopo la detenzione dell’immigrato irregolare per periodi anche lunghi era inferiore al 50%”.
“Dunque – sostiene ancora il presidente di CILD – gli immigrati erano trattenuti spesso senza alcun legame con l’espulsione successiva che dipende solo dagli accordi con i paesi di provenienza”. I rapporti dell’organizzazione Medici per i Diritti Umani e dell’Università di Bari, nonché le denunce della campagna Lasciatecientrare, mostrano quanto i CIE fossero luogo di sistematica violazione dei diritti umani e di affare per società senza scrupolo. Recentemente la Corte Europea dei Diritti Umani ha dichiarato inaccettabile la reclusione nel centro di Lampedusa perché priva di controllo giurisdizionale adeguato. “Per tali ragioni – conclude Patrizio Gonnella – siamo contro alla apertura di nuovi Centri di Identificazione ed Espulsione, così come alle proposte di espulsioni veloci che mettono a rischio i diritti umani dei migranti ed invece sosteniamo progetti di rimpatrio volontario come richiesto da una direttiva UE del 2008”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli “starnuti” della Raggi

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

raggi-ceParlare di disinformazione, delle “bufale” e di quant’altro viaggia nel mondo dell’informazione, e quella istituzionale non è da meno, significa toccare il nervo scoperto di questa nostra società dove gli scandali non sono tali se non ci vengono scodellati con grandi clamori e percussioni di grancassa. Ma vi è anche il gioco perverso di denigrare o anche di cogliere la più piccola occasione per accanirsi nei confronti di un personaggio politicamente scomodo. E’ il caso della sindaca di Roma Virginia Raggi. E’ vero che è partita con il piede sbagliato e si è fidata di persone che alla prova dei fatti sono diventate inaffidabili, ma è anche vero che ha un coraggio da vendere ad accollarsi tutti i guai della capitale che, in specie negli ultimi anni, si sono accumulati in un crescendo impressionante. Cosa avrebbero dovuto fare i partiti dell’attuale opposizione se veramente hanno a cuore il bene di Roma e per dimostrare discontinuità con il passato che è pure la conseguenza del loro malgoverno? Di certo non a trasformarsi in severi critici ad ogni suo “starnuto”, ma cercare d’incoraggiarla a ben operare perché Roma ha bisogno dei romani benpensanti, e ve ne sono tanti, per nostra fortuna, appartenenti a tutti gli schieramenti politici. Noi come operatori dell’informazione non abbiamo taciuto a criticarla ma lo abbiamo fatto per stimolarla e non per denigrarla. Abbiamo cercato anche di darle qualche buon consiglio abituati come siamo a vivere tra la gente e ad annotarne i malumori. Sappiamo che i romani sono molto pazienti ma non bisogna tirare a lungo la corda. Rischia di spezzarsi. A volte basta poco per compiacerli. Penso alle buche stradali e ai cantieri stradali che una volta aperti durano anni. Ma su tutto prevale il convincimento che occorra coinvolgere, nella gestione della cosa pubblica, i romani come potrebbero essere i pensionati per osservare e segnalare a chi di dovere le cose che non vanno nel loro quartiere. A condizione però che vi sia qualcuno che li ascolti e provveda a sanare le disfunzioni evidenziate. E’ questo il tema dell’ascolto che è molto importante per una società che tende ad ignorare la voce dei singoli. (servizio Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Flash mob sulle note de La donna è mobile

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

rigolettoNapoli, Piazza Trieste e Trento Mercoledì 11 gennaio 2017, ore 17.30 aperto a tutti i tipi di vocalità (contralto, basso, soprano e tenore). Il foyer del Teatro di San Carlo si trasformerà in un palcoscenico aperto alla città e a tutti gli aspiranti cantanti o a coloro che avranno voglia di prestare la loro voce. Sul sito del San Carlo (www.teatrosancarlo.it ) sono disponibili i tutorial audio e le parti per i quattro registri vocali. L’aria prescelta, il ‘tormentone’, banco di prova per tutti i partecipanti, sarà una delle pagine più note del repertorio operistico, quei versi scritti da Francesco Maria Piave che si dice Giuseppe Verdi tenne sotto embargo, per non rivelare l’effetto che avrebbe dovuto suscitare la sera della prima. Si narra infatti che il tenore Raffaele Mirate, che per primo la interpretò, dovette provarla in gran segreto.
Data l’estrema orecchiabilità e l’amabilità della musica, dopo la prima rappresentazione dell’opera, avvenuta alla Fenice di Venezia l’11 marzo 1851, La donna è mobile divenne un tormentone fischiettato dagli stessi gondolieri ed è ad oggi uno dei brani più eseguiti, memorabili furono le interpretazioni di Enrico Caruso, Giuseppe Di Stefano, Alfredo Kraus, Luciano Pavarotti, José Carreras, Plácido Domingo, per citarne solo alcune.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mauritania: Mohamed Cheikh Ould M’Kheitir, nel braccio della morte in attesa dell’esecuzione

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

mauritaniaL’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è rivolta a Zeid Ra’ad Al Hussein, Alto Commissario per i Diritti umani dell’ONU, affinché si impegni per la liberazione del blogger Mohamed Cheikh Ould M’Kheitir, condannato a morte in Mauritania per apostasia. La sorte del blogger mauritano ricorda molto quanto successo al blogger saudita Raif Badawi, ma mentre la società e la politica internazionale si sono impegnati a favore di Badawi, la storia di M’Kheitir resta perlopiù sconosciuta nonostante il blogger sia stato condannato a morte.Il 34enne Mohamed Cheikh Ould M’Kheitir è accusato di aver abbandonato l’Islam dopo aver denunciato in un suo blog le discriminazioni e l’ingiustizia sociale nel suo paese. Arrestato il 2 gennaio 2014 in seguito alla pubblicazione su facebook del suo articolo intitolato “La religione, la religiosità e i fabbri” pubblicato su facebook circa 3 anni fa, è stato condannato a morte per apostasia nel dicembre 2014. La condanna è stata confermato dalla Corte d’appello.Nel suo articolo il blogger denunciava il rigido sistema di caste della società mauritana e in particolare l’emarginazione dei fabbri. Una discriminazione, scriveva M’Kheitir, non imposta da Dio, ma creata dall’uomo. Per M’Kheitir la religione non può essere utilizzata per giustificare la discriminazione fatta dall’uomo contro altri uomini. Durante il processo M’Kheitir ha più volte ribadito di non aver voluto danneggiare la reputazione del Profeta Maometto, ma di aver solo richiamato l’attenzione sulla situazione sociale in Mauritania. M’Kheitir stesso fa parte della casta spesso discriminata dei fabbri e lui stesso ha avuto la fortuna di avere un padre che ha fatto carriera diventando prefetto e non ha quindi subito la discriminazione che subiscono altri.Dopo la condanna di M’Kheitir anche il padre ha perso il lavoro e a causa delle molte minacce di morte ricevute ha dovuto ritirarsi dalla vita pubblica. Nel dicembre 2016 i genitori di M’Kheitir sono stati costretti a fuggire in Francia dove hanno chiesto asilo politico. In vista dell’ultima revisione del processo da parte della Corte Suprema, prevista per il 21 gennaio 2017, diversi movimenti islamici radicali presenti in Mauritania sono riusciti in questi ultimi mesi a portare in strada migliaia di persone per chiedere l’immediata esecuzione della pena di morte di M’Kheitir. Il rinomato poeta mauritano Douh Ould Beyrouck ha addirittura annunciato che, in caso di assoluzione, avrebbe personalmente ucciso M’Kheitir. Se la Corte Suprema dovesse confermare il verdetto, sarebbe la prima volta che nel paese africano un caso di apostasia viene punito con la morte e sarebbe anche la prima volta da quando, 30 anni fa, nel 1987, la Mauritania ha per l’ultima volta giustiziato una persona.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ebola: nuove scoperte sulla trasmissione del virus

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

virus-ebolaPer la prima volta, un gruppo di scienziati internazionali ha identificato alcuni markers della replicazione del virus Ebola (EBOV) nel polmone di un paziente in fase di guarigione dall’infezione. Lo studio è stato condotto dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” (INMI) a Roma (Italia), in collaborazione con i colleghi dell’University College a Londra (UK), del Friedrich-Loeffler-Institut Riems (Germania) e dell’Université Laval, Quebec (Canada).
La devastante epidemia di Ebola, che ha colpito l’Africa Occidentale dal 2013 al 2016, ha causato 28,610 casi, tra cui 11,308 morti. La rapida diffusione del virus ha rappresentato una sfida per la sanità pubblica, mai incontrata nelle precedenti epidemie del virus. Le principali preoccupazioni sono state il rischio della trasmissione interumana e definire le reali vie di trasmissione del virus Ebola. Gli studi sui pazienti affetti da malattia da virus Ebola evacuati in Europa e negli USA hanno suggerito l’idea che Ebola possa provocare danni ai polmoni, anche se ancora mancano prove reali della capacità del virus di replicare in questo organo.
Lo studio effettuato da Biava et al. e pubblicato il 5 Gennaio 2017 sulla rivista scientifica PLOS Pathogens indaga riguardo la presenza del materiale genetico del virus Ebola nei polmoni e nel sangue, durante il trattamento e la guarigione di un operatore sanitario, evacuato dall’Africa Occidentale e trattato a Roma, in Italia. Il paziente ha mostrato una persistenza dei markers di replicazione virale all’interno del tratto respiratorio. I ricercatori hanno monitorato i livelli degli RNA viralidi Ebola (RNA a polarità positiva e RNA a polarità negativa), già precedentemente associati con la replicazione virale, e li hanno comparati con i livelli presenti nel sangue. Hanno scoperto che l’RNA virale e i markers di replicazione virale permangono nel polmone fino a 5 giorni dopo la loro eliminazione dal sangue. Questi risultati suggeriscono la possibilità che Ebola replichi nell’apparato respiratorio. E’ possibile che i polmoni forniscano semplicemente un ambiente protetto all’interno del quale l’RNA virale può resistere più a lungo rispetto a quanto osservato nel sangue, anche se gli scienziati scartano fortemente questa ipotesi in quanto hanno evidenziato la presenza dell’RNA virale totale e di entrambi i markers di replicazione, sostenendo l’ipotesi di una replicazione virale attiva.
L’autore Giuseppe Ippolito, dell’INMI ha detto: “Questi risultati suggeriscono un ruolo importante del tratto respiratorio nella patogenesi della malattia da virus Ebola e potrebbero avere nuove implicazioni nelle procedure di prevenzione e nelle misure di controllo, specialmente per gli operatori sanitari e le famiglie, i quali sono i primi a fornire cure dirette e indirette ai pazienti affetti dal virus. Inoltre, aumentano anche le preoccupazioni riguardo al rischio della trasmissione interumana e al bisogno di ridisegnare le misure di prevenzione.”Il coautore, professore Alimuddin Zumla dell’University College di Londra ha dichiarato che “queste scoperte sono significative e potrebbero spiegare la rapida diffusione del virus durante l’epidemia, come anche quei cluster che sono stati notificati e per i quali non è stata identificata nessuna catena di trasmissione”. Ha inoltre aggiunto che “ulteriori studi saranno necessari per comprendere al meglio il ruolo di EBOV nella patologia del polmone, e il ruolo specifico della trasmissione tramite aerosol. Le mancate opportunità di ricerca durante l’epidemia del virus evidenziano il bisogno critico di finanziatori e di governi che siano in grado di costruire e implementare le capacità degli operatori sanitari e dei ricercatori al fine di condurre ricerca di base, ricerca sulla patogenesi e trial clinici durante le epidemie.” Secondo l’opinione del professor Gary Kobinger, co-autore dell’Université Laval in Quebec, Canada: “Questi risultati hanno necessariamente bisogno di ulteriori ricerche sulla patogenesi dell’infezione da EBOV nell’uomo, mirate a identificare e sviluppare le appropriate misure di intervento per migliorare gli esiti dei trattamenti.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il declino della sanità laziale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

regione-lazio“E’ passata sotto silenzio la notizia, ma la sanità della Regione Lazio ha perso in un anno ben dieci posizioni, finendo ultima in classifica di categoria secondo l’indagine condotta da Demoskopika sulla performance sanitaria delle regioni italiane. E’ questa la fotografia più nitida della drammatica gestione Zingaretti, e della situazione con cui quotidianamente devono fare i conti i cittadini del Lazio. Un servizio che va peggiorando di anno in anno, di giorno in giorno dalla Capitale alla provincia, con il taglio dei posti letto, carenze di personale, costi esorbitanti, tempi delle prestazioni sanitarie che costringono gli utenti spesso a far ricorso a strutture private. In più i casi di sovraffollamento dei Pronto soccorso: basti pensare alle centinaia di persone in attesa di visita che solo alcuni giorni fa abbiamo evidenziato per ben sei ospedali romani. O ancora, le lunghe code e i costi onerosi per sottoporsi a vaccinazione antimeningococco, e l’ultimo caso che ha riguardato l’ospedale San Giovanni Addolorata dove una donna incinta ha partorito un bimbo morto dopo aver atteso oltre due ore prima di essere visitata. Una condizione allarmante che denunciamo da tempo e avviata verso un lento declino, di cui il governatore Nicola Zingaretti è il primo responsabile. Quello che preoccupa maggiormente è il silenzio assordante del ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha il dovere di intervenire prima che la situazione diventi irrecuperabile e il Lazio fanalino di coda per le cure ai propri cittadini”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia in merito a quanto emerge dall’IPS, l’Indice di Performance Sanitaria realizzato, per il secondo anno consecutivo, dall’Istituto Demoskopika, che ha evidenziato il crollo del Lazio che precipita di ben 10 posizioni rispetto all’anno precedente, collocandosi nell’area delle regioni “influenzate”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tullio De Mauro ci ha lasciati

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

tullio-de-mauro“Tullio De Mauro è stato un grande linguista, noto e apprezzato in Italia e nel mondo, autore di opere importanti e tra i tanti e diversi incarichi fu ministro della Pubblica Istruzione e, nella nostra città, presidente del sistema Biblioteche Centri Culturali. I suoi meriti in campo scientifico sono tantissimi e indimenticabile è stata la sua capacità di studiare la lingua in modo interdisciplinare, in collegamento con altri campi del sapere, dalla filosofia alla biologia. Perché la lingua è natura e cultura, fisicità e storia”. Lo dichiara in una nota il vicesindaco e assessore alla Crescita culturale di Roma, Luca Bergamo.
“Con la sua scomparsa non ci mancherà solo la forza e l’acutezza sempre generatrice dei suoi studi ma anche l’entusiasmo e la passione con cui è stato maestro di molte generazioni di studenti. Uomo di sinistra, segnato dal rapimento e dall’uccisione da parte della mafia del fratello Mauro, sempre vigile e attento nel dibattito culturale e politico italiano. De Mauro era un uomo gentile, capace di sottili ironie ma anche di severi giudizi. A rimpiangerlo, oggi – conclude Bergamo – non c’è solo il mondo della ricerca e dell’alta cultura, ma anche quello della scuola per il suo costante impegno a mantenere viva l’attenzione sull’educazione e l’istruzione, contro le mode pedagogiche inconcludenti, contro le riforme fasulle, sempre al fianco degli insegnanti migliori e delle esperienze didattiche più innovative con la sua personale capacità di analisi e critica che non si è mai esaurita. Il suo costante stimolo mancherà a tutti noi. Siamo vicini alla famiglia a cui mandiamo un affettuoso abbraccio in questa dolorosa giornata”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tribunale di Milano: la mail ha efficacia probatoria anche senza firma

Posted by fidest press agency su sabato, 7 gennaio 2017

tribunale-milanoL’Italia è stato uno dei primi Paesi al mondo ad equiparare, agli effetti giuridici, i documenti informatici muniti di firma digitale ai documenti formati su supporto cartaceo allo scopo di dare valore giuridico ai documenti destinati a circolare nell’ambito della Rete unitaria della pubblica amministrazione (R.U.P.A.), uno dei più importanti progetti intersettoriali realizzati in questo Paese negli ultimi cinquant’anni. Ora il Tribunale di Milano con la sentenza numero 11402/2016, che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” riporta, ha stabilito che alle e mail può essere dato sempre pieno valore probatorio, senza che a nulla rilevi il fatto che esse siano prive di sottoscrizione qualificata. Infatti, ha ricordato che il regolamento EIDAS dell’Unione Europea, numero 910 del 2014, all’articolo 46 precisa a chiare lettere che il solo motivo della semplice firma elettronica di un documento non è circostanza sufficiente a privare lo stesso dei suoi effetti giuridici e della sua ammissibilità come prova in procedimenti giudiziali. L’aggettivo «informatico» qualifica il «documento» come scritto su un supporto diverso dalla carta: il documento informatico è infatti un documento scritto su un supporto informatico. Come il documento scritto su carta (o su un qualsiasi altro supporto) il documento informatico svolge nell’ordinamento giuridico la funzione di conservare nel tempo un atto o un fatto (dato) giuridicamente rilevanti. Nel caso di specie, proprio la carenza di sottoscrizione era stata addotta come argomento di opposizione a un decreto ingiuntivo emesso per ottenere il pagamento di alcune fatture per compensi derivanti da un contratto di collaborazione in materia di grafica e informatica. Più nel dettaglio i giudici hanno argomentato tale posizione ricordando, innanzitutto, quanto prescritto dall’articolo 21 del codice dell’amministrazione digitale di cui al d.lgs. n. 82/2005, secondo il quale se al documento informatico è apposta una firma elettronica, esso soddisfa il requisito della forma scritta e può essere liberamente valutato in giudizio sul piano probatorio alla luce delle sue caratteristiche oggettive di qualità, di sicurezza, di integrità e di immodificabilità. Inoltre per il Tribunale non può non considerarsi che nel regolamento EIDAS è contenuto anche un principio di non discriminazione tra firma elettronica e firma materiale e che alla prima “non possono essere negati gli effetti giuridici e l’ammissibilità come prova in procedimenti giudiziari per il solo motivo della sua forma elettronica o perché non soddisfa i requisiti delle firme elettroniche qualificate” (art. 25). A tutto ciò si aggiunge che, ai sensi delle previsioni dell’articolo 3 del predetto regolamento, se l’e-mail è inviata da un indirizzo che può essere riferito ad una certa società, quest’ultimo deve essere considerato come una firma elettronica. E se è vero che chiunque può modificare i caratteri che compongono un’e-mail, è anche vero che nel caso di specie non era stato né ipotizzato né tanto meno provato che ciò fosse avvenuto. In conclusione si evidenzia inoltre, che la firma digitale,come strumento alternativo alla sottoscrizione autografa, è uno strumento già vecchio, ideato alla fine degli anni Settanta e destinato ad essere soppiantato, a breve, dalla firma grafometrica; l’unica in grado di associare all’unicità del segno grafico apposto di pugno dall’autore del documento la sicurezza dei sistemi di cifratura a doppia chiave e, contemporaneamente, la compatibilità del sistema con un sistema di archiviazione basato esclusivamente su documenti informatici.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »