Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 11 gennaio 2017

Passenger numbers increase by 6% on previous season

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

Abu Dhabi, UAE The cruise sector in Abu Dhabi is celebrating a year of achievement with record numbers of ship calls and passengers arriving in the emirate during the previous season and the successful launch of tAbu Dhabihe Arabian Gulf’s only dedicated cruise beach stopover.
During the season, which runs from October until June, Abu Dhabi received more than 100 ship calls for the first time ever, seven regional rotational callers, which is the highest ever recorded, and welcomed more than 228,000 passengers, making the emirate a firm fixture on the world cruise map.The previous season, Abu Dhabi reported 94 ship calls and 200,000 passengers. Ten years ago just 35,000 passengers and 29 ship arrivals visited the emirate. Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), which is responsible for developing the industry in the emirate along with its partners, expects annual growth rate to exceed more than 10 per cent following a highly successful 2015-16 season and a strong start to the new season, which will be the longest Abu Dhabi has held.
The rise in projected passenger figures, currently estimated at 250,000 passengers this season, to reach 450,000 by 2020 and 808,000 by 2025, is due to a series of initiatives to encourage the emirate to develop its cruise sector as this has been identified as a primary niche product in the emirate’s economic diversification. Towards the end of 2016, Sir Bani Yas Cruise Beach was opened in the Western Region and is now the Gulf region’s only dedicated desert island cruise stopover, which will attract more than 60,000 passengers in its first season. The official launch coincided with the arrival of the MSC Fantasia, which has made Abu Dhabi Cruise terminal its winter sun home port.
HE Saif Saeed Ghobash, Director General, TCA Abu Dhabi, said: “Our strategic intervention is strengthening the cruise sector’s influence on the tourism economy and contributing to the emirate’s economic diversification. This is now Abu Dhabi’s longest ever cruise season where we will welcome 139 ship calls to Abu Dhabi and 39 to Sir Bani Yas Island.
“This season we welcome the home porting of Celebrity Constellation, MSC Fantasia and AIDA Cruises and have nine regional rotational callers confirmed – which is the highest ever – and expect 10 maiden callers. Together with Abu Dhabi Ports and Etihad Airways we have been actively pursuing opportunities to achieve greater levels of growth through developing long-term partnerships and cooperation which adds more value to the services and facilities we offer.”
In December, TCA Abu Dhabi hosted the Sea Trade Middle East Cruise Forum on Al Maryah Island where senior cruise line executives, tourism authorities, industry stakeholders and global tour operators heard that the Authority and its cruise stakeholders have worked together with leading cruise lines to develop infrastructure, streamline marketing efforts and create a first-class cruise destination.
Crucial to the ongoing success of the cruise sector has been the successful launches of the new Abu Dhabi Cruise Terminal in 2015 and the Sir Bani Yas Cruise Beach destination.
Further increases in passenger numbers are expected in upcoming cruise seasons as Abu Dhabi is poised to become the regional hub for ‘Halal Cruising’. TCA Abu Dhabi is working on new initiatives to encourage cruise lines to cater for the needs of Muslim travellers and stimulate regional and home-grown demand.
TCA Abu Dhabi has already partnered with HalalBooking.com – the world’s leading online halal accommodation booking platform – and many local destination management companies are now supporting international operators with halal products.
By improving on shore excursions across the emirate and offering a diverse choice of activities and attractions, cruise partners are hopeful of making Abu Dhabi a not-to-miss destination in the Arabian Gulf for potential passengers choosing their itineraries and holidays while in their home countries.
Abu Dhabi Tourism & Culture Authority conserves and promotes the heritage and culture of Abu Dhabi emirate and leverages them in the development of a world-class, sustainable destination of distinction which enriches the lives of visitors and residents alike. The authority manages the emirate’s tourism sector and markets the destination internationally through a wide range of activities aimed at attracting visitors and investment. Its policies, plans and programmes relate to the preservation of heritage and culture, including protecting archaeological and historical sites and to developing museums, including the Louvre Abu Dhabi, Zayed National Museum and Guggenheim Abu Dhabi. The authority supports intellectual and artistic activities and cultural events to nurture a rich cultural environment and honour the emirate’s heritage. A key authority role is to create synergy in the destination’s development through close co-ordination with its wide-ranging stakeholder base.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La grande pianista russa Lilya Zilberstein alla IUC

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

zilberstein_lilyaRoma martedì 17 gennaio alle 20.30 Aula Magna della Sapienza la stagione della IUC riprende con un concerto di Lilya Zilberstein, tra le maggiori esponenti della grande scuola pianistica russa. Il percorso che ha portato la Zilberstein a divenire una delle pianiste più famose e apprezzate in campo internazionale inizia quando, a soli cinque anni, è ammessa al celebre Istituto di Musica Gnessin di Mosca. Nel 1985, a vent’anni, vince alcuni concorsi russi per giovani musicisti, ma il passo definitivo verso il successo e la fama internazionali arriva con la vittoria al Concorso “Ferruccio Busoni” di Bolzano nel 1987. La sua vittoria fece sensazione, per la sua giovane età (all’epoca non si era ancora diplomata al conservatorio) e soprattutto perché la giuria di quel concorso, famosa per la sua severità, non attribuiva spesso il primo premio, tanto che ci vollero 5 anni prima che il premio fosse nuovamente assegnato.Da allora la pianista – nata a Mosca ma residente ad Amburgo – non ha smesso di riscuotere grandi successi in Europa, America del Nord e del Sud e Asia. E’ stata invitata dai Filarmonici di Berlino e Claudio Abbado per la prima volta nel 1991 e insieme hanno suonato ripetutamente e hanno registrato i Concerti n.2 e 3 di Rachmaninov per Deutsche Grammophon. Ha suonato con molte altre orchestre prestigiose, quali Chicago Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica Tchaikovsky di Mosca, London Symphony, Royal Philharmonic Orchestra di Londra, Orchestra Filarmonica della Scala di Milano, ecc. Negli ultimi anni ha stretto un eccellente rapporto artistico con Martha Argerich, con cui suona spesso in duo e con cui ha inciso la Sonata per due pianoforti di Brahms per EMI. La Argerich ha detto di lei: “Lilya è una pianista completa, naturalissima, grandissima. Per fortuna non era concorrente quando ho partecipato al Concorso Busoni, sarebbe stato un osso troppo duro”. Lilya Zilberstein dedicherà la prima parte del suo concerto a Franz Schubert, con i Momenti musicali op. 94, tra le sue più amate pagine pianistiche, e con quattro Lieder nella celebre trascrizione di Franz Liszt. Nella seconda parte presenterà due preziose rarità: le giovanili Variazioni sull’arietta “Venni Amore” di Vincenzo Righini di Ludwig van Beethoven e Quelques dances op. 26 di Ernest Chausson, compositore francese di fine Ottocento, vicino a Massenet e Fauré, che ha sempre avuto una ristretta cerchia di grandi ammiratori – tra cui Debussy – ma che non ha mai raggiunto la popolarità che meriterebbe. (foto: Zilberstein_Lilya)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Edizione 62 di BRAFA Art Fair

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

brafaBruxelles. Da Sabato 21 a Domenica 29 Gennaio 2017 il Tour & Taxis di Bruxelles ospita l’edizione 62 di BRAFA Art Fair, la più longeva mostra-mercato di arte antica e moderna d’Europa.Tra le 132 gallerie d’arte internazionali sono 3 le presenze italiane: Chiale Fine Art, Il Quadrifoglio-Brun Fine Art e Robertaebasta. A loro si aggiunge Luca Burzio con la sua galleria londinese.
Nella selezione di Chiale Fine Art spicca un set di scatole e vassoi veneziani laccati in rosso e verde, con decorazioni dorate, realizzati intorno al 1750.Augusto Brun, della galleria Il Quadrifoglio, espone una coppia di colonne tortili, riccamente decorate con pasta di vetro e foglia d’oro, risalenti al XIII secolo.La galleria milanese Robertaebasta, invece, porta una delle librerie realizzate da Giò Ponti per l’opera omnia di Gabriele d’Annunzio: un elegante mobile in noce con decori in ottone del 1932.
Importanti anche le opere italiane selezionate da professionisti stranieri: la Galerie Ary Jan propone l’olio su tela “Donna all’opera” di René Gruau, pseudonimo di Renato Zavagli Ricciardelli delle Caminate ( 1909 – 2004), disegnatore noto per le sue illustrazioni pubblicitarie. La Galerie Anne Autegarden espone una lampada con schermo mobile di Gino Sarfati, punto di riferimento per il design nel settore dell’illuminazione. Tra i tesori di Floris Van Wanroji, infine, un cofanetto matrimoniale di forma esagonale della Bottega degli Embriachi. Realizzato in osso, corno e legno intorno al 1390-1410 è decorato con intarsio alla certosina raffigurante scene di vita della città di Parigi.Opere di arte italiana a Brafa 2017: download highlights
BRAFA 2017 – Edizione 62Da Sabato 21 a Domenica 29 Gennaio al Tour & Taxis, Avenue du Port 86 C, BruxellesOrari: 11-19 (Giovedì 26 Gennaio late opening fino alle 22)Ingressi: intero 25 €, under 16 gratuito, under 26 e gruppi (minimo 10 persone) 10 €. Catalogo 10 €. Info e biglietti: http://www.brafa.art (foto: brafa)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Zurich rafforza il network distributivo in Piemonte

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

Torino. Zurich in Italia sigla un nuovo accordo con la Banca Cassa di Risparmio di Savigliano per la distribuziozurichne dei prodotti assicurativi vita in Piemonte. La partnership con la Banca Cassa di Risparmio di Savigliano consentirà a Zurich di rafforzare la propria rete di distribuzione nel Nord Ovest a fianco di un Istituto di credito fortemente radicato nel territorio con 25 filiali e punto di riferimento per famiglie e imprese. La Banca Cassa di Risparmio di Savigliano è un Istituto di Credito nato nel 1858 come risposta ad un’aumentata domanda di sostegno alla crescita dell’economia locale. L’Istituto ha da sempre puntato a costruire un forte legame con il territorio ed a garantire un sostegno al suo sviluppo. La centralità della persona ed un rapporto diretto e trasparente con la clientela, sono da sempre un connotato dell’Istituto. L’accordo ha come oggetto la distribuzione della polizza multiramo vita Zurich Multinvest Extra, del piano di risparmio Z Integra, Zurich Progetto e della polizza di tipo unit-linked Z Platform 2. Questa nuova partnership con una storica Banca piemontese, dalla forte connotazione territoriale e sociale – ha commentato Gianluca Benassi, Head of Banks and IFA per Zurich in Italia– è un ulteriore passo avanti nell’implementazione della nostra strategia di crescita nel segmento bancassurance. Siamo sicuri che le sinergie sviluppate fra le nostre due Aziende saranno la base di una collaborazione di grande successo.”
Zurich MultInvest Extra è una polizza multiramo a vita intera di Zurich che prevede, oltre ad un premio unico iniziale, la possibilità di effettuare premi unici aggiuntivi. I prodotti Multiramo sono polizze vita che si pongono due obiettivi: ottenere rendimenti stabili nel tempo tramite la Componente legata alla Gestione Separata e cogliere le opportunità di crescita dei mercati finanziari tramite la componente legata a fondi d’investimento.
Z Integra è il piano di risparmio di Zurich indicato a chi desidera integrare in modo permanente il reddito e vuole creare una rendita significativa per i propri cari. E‘ una soluzione personalizzata con un rendimento certo rivalutabile nel tempo. Zurich Progetto è la polizza Mista di Zurich che abbina un piano di accumulo su gestione separata alla sicurezza della copertura assicurativa, indicato alle aziende per la copertura del Key Man o per chi vuole garantire sicurezza a i propri cari. E‘ una soluzione personalizzata con un rendimento rivalutabile nel tempo.
Z Platform 2 è una polizza di tipo unit-linked, a vita intera, una piattaforma integrata, indipendente e globale che consente di scegliere tra 108 fondi scelti tra i migliori per categoria, caratterizzati da differenti livelli di rischio/rendimento e con la possibilità di cambiare in qualsiasi momento combinazione, in relazione alle esigenze di investimento.
Zurich Insurance Group (Zurich), leader nei servizi assicurativi, è operativa sia nel ramo danni che nel ramo vita, servendo i propri clienti a livello globale e su singoli mercati locali grazie a circa 55.000 collaboratori. Tra i clienti di Zurich vi sono privati, piccole e medie imprese e grandi società, tra cui multinazionali, in oltre 170 paesi. Fondato nel 1872, il Gruppo ha la propria sede centrale a Zurigo, in Svizzera. La società holding Zurich Insurance Group Ltd (ZURN), quotata alla SIX Swiss Exchange, è presente sul mercato statunitense mediante un programma American Depositary Receipt di Livello I (ZURVY) negoziato fuori borsa su OTCQX. Maggiori informazioni su Zurich sono disponibili all’indirizzo http://www.zurich.com.
Zurich in Italia. Zurich è presente in Italia dal 1902 ed opera attraverso una rete di circa 600 Agenzie e accordi di distribuzione con banche e reti di promotori finanziari, nell’area della protezione assicurativa, del risparmio e della previdenza.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Energie fossili e rinnovabili. Abolire i sussidi e diminuire le tasse

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

fossiliUn programma che punti sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili non puo’ che essere condiviso, considerato l’impatto che le fonti fossili (carbone e petrolio) hanno sull’ambiente e sulla nostra salute.
La presenza dello Stato attraverso le istituzioni pubbliche (Universita’, CNR, ecc.) di ricerca e’ auspicabile, anche in collaborazione con istituti privati, dopodiche’ le imprese dovrebbero camminare sulle proprie gambe senza i sussidi, diretti o indiretti, delle finanze pubbliche.I sussidi pubblici, soldi del contribuente, ammontano a 15 miliardi per le fonti fossili e 13 miliardi per le rinnovabili. In totale 28 miliardi che escono dalle tasche del cittadino contribuente ai quali si aggiungono quelli del cittadino utente quando paga il consumo elettrico con la bolletta. I 28 miliardi di sussidi potrebbero essere utilizzati per diminuire le tasse o il debito pubblico, con beneficio per il cittadini e le casse dello Stato, che poi siamo noi, ma l’attuale, e i precedenti governi, non sono orientati in questo senso, sicche’ siamo oberati di tasse e di debito pubblico.Leggiamo sul blog di Beppe Grillo, che il Movimento5stelle ha predisposto un programma che si riassume nella domanda “Sei d’accordo con lo spostamento degli incentivi statali dalle fonti fossili alla efficienza energetica e alle fonti rinnovabili?”(1).
La proposta e’ illustrato da Paolo Rocco Visentini, presidente di Italia Solare. Visto lo scetticismo che ci pervade, siamo andati a vedere chi e’ il signor Visentini e abbiamo scoperto che e’ anche presidente della societa’ Enerpoint che vende pannelli e impianti fotovoltaici, sistemi di accumulo e pompe di calore. Questa informazione non la troviamo sul blog di Beppe Grillo di cui sopra.
Insomma, il signor Visentini illustra un programma per trasferire i sussidi statali, cioe’ i nostri soldi, dalle fonti fossili a quelle rinnovabili, settore nel quale opera la sua azienda. Si chiama conflitto d’interessi. A spese del contribuente. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rischi e opportunità del mercato azionario cinese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

pechinoLa valutazione attuale delle azioni A-shares dipende da tre fattori: 1) Il consolidamento economico nel breve termine e l’aumento degli utili delle imprese 2) una parziale diminuzione della liquidità anche se il volume complessivo resta relativamente ampio 3) i progressi nelle riforme dal lato dell’offerta domestica e delle aziende statali stanno ripristinando la propensione al rischio fino a un certo punto. Lo Shangai Composite Index ha recuperato il 20% dal minimo di 2638 registrato all’inizio dell’anno ed è entrato in una fase di bull market. Data la debole domanda dell’economia cinese, la strategia di investimento principale è ridimensionare l’indice e selezionare i leader di determinati settori industriali.
Dal punto di vista dell’aumento dei ricavi, con le ultime misure del governo – come il PPP (cioè le partnership tra pubblico e privato) – per consolidare l’economia e l’impatto della ricostituzione dell’industria domestica, l’economia cinese potrebbe continuare a crescere relativamente poco.In un tale contesto, c’è ancora molto spazio per migliorare i micro-utili delle azioni A-shares corporate quotate. In più, rimane lo slancio crescente delle industrie cicliche, che sono state interessate dalle riforme dal lato dell’offerta per ridurre il livello di produzione lo scorso anno. Andando al 2017, il settore farmaceutico offre buone prospettive visto il continuo miglioramento dei fondamentali e un importante cambiamento nel panorama della concorrenza dopo le politiche normative a riguardo.
Parlando invece della diminuzione di liquidità, è probabile che la scarsità di asset sarà il punto principale per la core strategy dell’asset allocation del mercato dei capitali cinese nel 2017, mentre i capitali a basso rischio favoriranno i titoli con un rating basso e dividendi alti. A partire dal 2016, il capitale dell’asset allocation è stato sempre canalizzato nel mercato obbligazionario, finendo per abbassare la curva di rendimento, mentre i credit spread e i rating spread hanno raggiunto il minimo storico. Al momento, la dimensione del mercato del risparmio gestito cinese ha raggiunto i 95 trilioni di RMB, e diventa sempre più necessario identificare gli asset con un margine di guadagno molto sicuro. Poiché il dividend yield del China Securities Bank Index ha raggiunto il 4.8%, risulta sicuramente più vantaggioso rispetto al rendimento dei titoli di stato decennali cinesi.
La caratteristica del mercato delle A-share è stata finora la distinzione tra il tabellone principale e l’SME (piccole e medie imprese). Da quest’anno, il valore dei titoli SME è continuato a diminuire, indicando una stretta della bolla durante la correzione di mercato. Al momento il PE (TTM, ovvero calcolato su dati relativi agli ultimi 12 mesi) del GEM (growth enterprise market) è di circa 45x, che è in linea con il livello della prima metà del 2014, mostrando un rapporto prezzo/performance migliore. Tuttavia, il PE (TTM) del GEM Composite Index è ancora alto circa 66x, indicando una chiara differenziazione. Sotto una supervisione sempre più rigida e il contrasto agli M&A intersettoriali, la performance dell’SME e del mercato GEM è stata debole nei primi nove mesi di quest’anno. Nonostante tutto, la crescita degli utili complessivi dell’SME e del GEM nei primi nove mesi del 2016 è stata notevole, con un rapporto prezzo/performance in crescita rispetto al tabellone principale. Con il lancio dello Shenzhen Hong Kong Stock Connect, ci aspettiamo che il valore dell’allocation del mercato GEM sarà sempre più confermato dal mercato. Per quanto riguarda l’attuale mercato azionario cinese, i maggiori rischi di investimento si concentrano su queste aree: 1. L’incertezza nei mercati esteri, soprattutto sull’andamento del tasso di scambio dell’RMB dopo le elezioni presidenziali. Potrebbe limitare ancora di più lo spazio per ulteriori allentamenti della politica monetaria cinese 2. I risultati effettivi della riforma dal lato dell’offerta per ridurre la capacità produttiva 3. Le severe normative sul real estate, che riguardano il limite di acquisto e di credito, potrebbero portare agitazione nella stabilizzazione dell’economia a breve termine. (fonte: Fullgoal Asset Management)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità: oggi Grecia, domani Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

sanitadi Helena Smith. L’austerità portata avanti da Alexis Tsipras ha trasformato gli ospedali in “zone a rischio”, dicono i medici, e molti temono che il peggio debba ancora arrivare.La crescita dei tassi di mortalità, l’aumento delle infezioni potenzialmente letali e la scarsità di personale e di apparecchiature mediche stanno paralizzando il sistema sanitario greco, mentre l’ostinato perseguimento dell’austerità colpisce la fasce più deboli della popolazione del paese.I dati e gli aneddoti, riportati da medici e sindacati, suggeriscono che il paese più problematico della Ue si trovi al collasso della sanità pubblica. “In nome di obiettivi fiscali molto duri, stanno morendo persone che altrimenti potrebbero sopravvivere”, ha detto Michalis Giannakos, capo della Federazione Panellenica dei Lavoratori degli Ospedali Pubblici. “I nostri ospedali stanno diventando zone a rischio“.I dati recentemente pubblicati dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie rivelano che circa il 10 percento dei pazienti ospedalizzati in Grecia sono a rischio di contrarre infezioni potenzialmente letali, e ci sono già 3.000 morti attribuiti a questo problema.Il tasso di incidenza è drammaticamente alto soprattutto nelle unità di terapia intensiva e nei reparti neonatali. Sebbene i dati si riferiscano ad epidemie avvenute tra il 2011 e il 2012 – essendo i dati disponibili più recenti – Giannakos dice che da allora il problema si è solo aggravato.Come anche altri medici che hanno lavorato nel sistema sanitario nazionale greco da quando è stato istituito, nel 1983, il capo del sindacato attribuisce la responsabilità di questa situazione alla mancanza di personale, all’inadeguatezza delle misure igieniche e all’assenza di prodotti per la pulizia. I tagli sono stati aggravati da un uso eccessivo di antibiotici, ha detto. Non c’è altro settore dell’economia greca che sia stato colpito in modo così duro. Sovradimensionato, spendaccione e corrotto, secondo molte persone il sistema sanitario era indicativo di tutto ciò che non funzionava nel paese e, di conseguenza, si riteneva che avesse assoluto bisogno di riforme.Riconoscendo le carenze, lo scorso mese il governo ha annunciato di avere un piano per assumere 8.000 tra medici e infermieri nel 2017.In base ai dati dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), dal 2009 a oggi la spesa pro capite per la sanità pubblica è stata tagliata di circa un terzo – cioè per un totale di oltre 5 miliardi di euro. Dal 2014 è scesa al 4,7 percento del PIL, dal 9,9 percento che era prima della crisi. I tagli hanno causato 25.000 licenziamenti di personale, e le forniture sono diventate così scarse che gli ospedali si trovano spesso senza medicine, guanti, garze e lenzuola.All’inizio di dicembre Giannakos, che è infermiere, ha guidato una marcia di protesta, che è partita dal sudicio edificio che ospita il ministero della sanità, ed è arrivata a destinazione davanti all’ufficio in stile neoclassico del primo ministro Alexis Tsipras. Di fronte al ministero i tecnici ospedalieri hanno posto dei blocchi di cemento a cui hanno appeso un cartellone con la scritta “Il ministero si è trasferito a Bruxelles“.Poche altre economie occidentali avanzate hanno messo in atto aggiustamenti fiscali pesanti come quelli greci. Nei sei anni da quando ha ricevuto il primo dei tre bailout (per evitare la bancarotta) a oggi, il paese ha attuato misure draconiane per stringere la cinghia in cambio di oltre 300 miliardi di euro di prestiti di emergenza. La perdita di oltre il 25 percento del prodotto nazionale – e una recessione che ha spinto sempre più persone a ricorrere all’assistenza sanitaria di base – ha aggravato gli effetti corrosivi dei tagli che, nel caso degli ospedali pubblici, sono stati spesso tanto profondi quanto indiscriminati.Le pressioni per soddisfare gli obiettivi di bilancio imposti dai creditori hanno fatto sì che nel solo 2016 la spesa in questo settore sia diminuita di 350 milioni di euro, e questo sotto l’amministrazione di Syriza, il partito di sinistra che un tempo si batteva contro l’austerità; così ha detto Giannakos citando i dati del governo.Più di 2,5 milioni di greci non hanno più alcuna copertura sanitaria. La carenza di pezzi di ricambio è tale che macchinari e altre complesse apparecchiature diagnostiche risultano sempre più difettosi. Nella maggior parte degli ospedali non vengono più fatti nemmeno i più basilari esami del sangue, perché i fondi per i laboratori sono ormai esauriti. I tagli agli stipendi hanno abbattuto ulteriormente il morale, già basso.
Piccoli atti di eroismo hanno contribuito a mantenere il piedi il sistema: medici e infermieri che lavorano fuori orario, donatori e filantropi che contribuiscono. (fonte: blog beppe grillo) (foto: sanità)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prevenire le complicazioni cardiache dovute ai trattamenti contro i tumori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

universita-studi-palermoPalermo 19 al 21 gennaio 2017 nel Complesso Monumentale Chiaramonte “Steri” in Piazza Marina 61 Congresso Internazionale su Prevenire le complicazioni cardiache dovute ai trattamenti contro i tumori. Le complicazioni cardiache e vascolari causate dai trattamenti contro i tumori sono tra le principali cause di morte cardiovascolare. Per prevenire queste condizioni e ridurne i danni, è nata la cardio-oncologia, una nuova branca della cardiologia. «Le nuove terapie per trattare i tumori spesso determinano un danno cardiaco» spiega Salvatore Novo, Direttore della Divisione di Cardiologia all’Ospedale Universitario “P. Giaccone” di Palermo. «Soltanto l’utilizzo di sofisticate tecniche di immagine, come la risonanza magnetica cardiaca, oppure specifici biomarcatori, consentono di raggiungere una diagnosi precoce per individuare un’insufficienza cardiaca o un danno vascolare, in modo da avviare una terapia preventiva». Sarà questo uno dei principali argomenti del congresso internazionale di cardiologia di cui Salvatore Novo sarà presidente. Altri argomenti saranno l’insufficienza cardiaca, la fibrillazione atriale, le patologie delle valvole cardiache, il rischio cardiometabolico. Il Congresso, dal titolo “From scientific research to clinical practice” è organizzato dal Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute, Scuola di Medicina, Università di Palermo, ed è promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. Il congresso sarà aperto il 19 gennaio dai saluti del Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, di Renato Li Donni, Direttore Generale dell’Ospedale Universitario “P. Giaccone”, e di Francesco Vitale, presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Palermo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia che cresce guarda a Nord Est

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

staffcUn anno all’insegna della crescita. AGS, azienda che opera nella subfornitura avanzata per i settori dell’elettronica e dell’elettromeccanica, ha chiuso il 2016 con un +25%; un risultato in linea con gli obiettivi e che, dopo il +30% del 2015, fa della piccola realtà con sede a Rosà (Vi) e Udine un modello di crescita e un punto di riferimento a livello internazionale. «La crescita aziendale è stata lenta ma progressiva. Da quando nel 2004 abbiamo dato vita ad AGS abbiamo posto attenzione allo sviluppo di una struttura che potesse essere solida e in grado di recepire tutte le richieste del mercato», precisa Denis Vigo, amministratore e fondatore di AGS insieme con Renato Comelli.Il successo però è nella filosofia imprenditoriale basata su tre principi: «Innanzitutto, una mente tutta italiana che opera in tutto il mondo con estrema capillarità e velocità. Produciamo principalmente in Cina, dove del resto viene prodotto l’80% delle schede elettroniche mondiali. A questo però abbiniamo una gestione tutta italiana: la sede centrale è in Italia, qui viene fatta la progettazione e lo sviluppo, mentre il controllo qualità viene effettuato direttamente presso le sedi dei nostri fornitori direttamente dal nostro personale». Non certo secondo, il rinnovato rapporto cliente – fornitore nell’ottica della condivisione di un progetto. Spiega: «La nostra scelta strategica è stata quella di lavorare con clienti sani e solvibili e di abbandonare quelli poco referenziati nel settore del credito. Sul fronte opposto, i clienti hanno capito l’importanza di affidarsi ad un fornitore non solamente competitivo sotto il profilo dei prezzi, ma soprattutto forte, caratterizzato una solida struttura finanziaria e capace di fornire soluzioni globali. Così si costruisce insieme il business». Terzo, uno sviluppo a 360 gradi. «L’incremento del fatturato è andato di pari passo con gli investimenti sul personale. Così l’azienda cresce, ma cresce anche il suo know-how e la sua cultura interna. Ben cinque i nuovi ingressi nel 2016, tra le sedi di Rosà e di Udine e il nostro ufficio di rappresentanza in Cina, che hanno portato l’organico a 15 persone più una decina di collaboratori esterni».
I due i settori di operatività dell’azienda – la divisione dedicata al mondo delle schede elettroniche – PCB – e delle tastiere e quella per gli stampi a iniezione e lo stampaggio di materiale plastico – hanno visto un grande sviluppo. «Nel 2016 i maggiori impulsi sono arrivati dal settore lighting perché la produzione di led coniuga l’elettronica alla meccanica e dal mercato dell’automotive e domotica della casa – aggiunge l’amministratore di AGS -. Nel complesso, tutti i settori sono cresciuti portando il fatturato a oltre 7 milioni di euro». Il mercato di riferimento per AGS è prevalentemente l’Europa con prevalenza per Italia, Svizzera e Paesi dell’est quali Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Bulgaria «che rappresentano delle realtà interessanti per il nostro settore», precisa Vigo. «Ci stiamo aprendo in modo significativo verso la Germania e gli Stati Uniti». Oggi AGS può definirsi una realtà matura. «Abbiamo fatto vedere che siamo un team giovane con una struttura solida. Se fino a qualche anno fa i principali player internazionali ci guardavano con curiosità, oggi si avvicinano ad AGS con l’intento di una conoscenza più approfondita». Sono ottime premesse per guardare al 2017 con fiducia. Conclude Vigo: «Per dare nuovo impulso al cammino di crescita stiamo già lavorando per un nuovo assetto aziendale e potenziare la nostra rete internazionale».AGS srl – Fondata nel 2004 da Denis Vigo e Renato Comelli, opera in tutto il mondo con due divisioni: da una parte circuiti stampati (PCB) e tastiere, dall’altra stampi ad iniezione e stampaggio di materiale plastico. AGS si pone come partner globale in grado di seguire il cliente dalla progettazione alla logistica, dalla consulenza in fase di progettazione alla consegna del prodotto finito e tracciabilità dello stesso, gestendo offerte, documenti tecnici, controllo qualità e organizzazione logistica. Alle sedi italiane di Rosà (Vi) e Udine si aggiungono gli uffici esteri in Cina, Brasile, USA, Europa. http://www.ags-one.com (foto: staffc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Differenze di genere nelle malattie gastro reumatologiche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

artrite-reumatoide-grave-linfocitiRoma La Medicina di Genere non è la salute della donna o la salute dell’uomo, bensì una nuova dimensione della medicina che studia l’influenza del sesso e del genere sulla fisiologia, fisiopatologia e patologia umana. Lo stato di salute o di malattia può essere influenzato sia da aspetti sanitari legati al sesso (biologici) sia da aspetti socio-economici e culturali, cioè di genere. Infatti, se dal punto di vista biomedico è stato osservato che gli uomini e le donne presentano significative differenze riguardo l’insorgenza, la sintomatologia, la progressione, la risposta ai trattamenti e la prognosi di molte malattie, esistono anche fattori socio-economici e culturali che possono condizionare l’accesso alle cure per individui di sesso diverso.
“Recentemente”, spiega la Dottoressa Elena Ortona dell’ISS, “Agenzie ed Istituzioni internazionali quali FDA (Food and Drug Administration), WHO (World Health Organization) ed ONU hanno preso in considerazione questa nuova disciplina ed hanno consigliato di favorire lo sviluppo di nuove strategie preventive, diagnostiche, prognostiche e terapeutiche che tengano conto delle differenze tra uomini e donne in termini biologici, sanitari e sociopsicologici. Negli ultimi cinque anni sono stati pubblicati circa 5000 lavori clinici e di biologia sperimentale su riviste scientifiche. Sono nate alcune riviste scientifiche specialistiche (per es. “The Italian Journal of Gender Specific Medicine”, “Biology of Sex Differences”, etc.) ed interi Istituti specificamente dedicati alle differenze di genere (Berlin Institute of Gender in Medicine, Germany; Center for Gender Based Biology – UCLA, USA, etc.). Questo ha consentito alla stampa ed ai mass-media in generale di recepire il tema come innovativo e di interesse pubblico”. “In Italia”, prosegue la Dottoressa Ortona, “si è costituita un’importante rete di collaborazione per il sostegno della Medicina di Genere che vede coinvolti l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), con la recente attivazione di un Centro di Riferimento per la Medicina di Genere, il Centro Studi Nazionale su Salute e Medicina di Genere e il Gruppo Italiano su Salute e Genere (GISeG). C’è una convergenza di obiettivi e di azioni tra queste 3 istituzioni volti all’informazione della popolazione, alla ricerca scientifica e alla formazione degli attori nel mondo sanitario, in primis i medici”.
“Fondamentale a riguardo è la collaborazione con le Società Scientifiche e la possibile costituzione al loro interno di gruppi di studio sulle differenze di genere nelle differenti patologie. In particolare la Società Italiana di Gastro Reumatologia (SIGR), spiega il Presidente Bruzzese “ha avviato una collaborazione con l’ISS al fine di promuovere un’attività scientifica di genere nell’ambito delle malattie gastroreumatologiche. “C’è ancora molto da fare” continua Bruzzese “dal 1997 al 2000 otto farmaci sono stati ritirati dal commercio a causa di gravi effetti avversi a carico della popolazione femminile, così come sottolineato su The Lancet (vol. 388, 10 dicembre 2016): questo ha portato le agenzie regolatorie di molti paesi – NIH incluso – a prevedere specifici protocolli affinché negli studi siano presi in considerazione quote rappresentative di entrambi i sessi. Proposito sostenuto anche dalla European Association of Science Editors che ha raccomandato di riportare chiaramente i dati riferiti al sesso dei partecipanti dopo aver osservato che questo dato viene omesso in una percentuale tra il 22 e il 60% degli studi su animali. Tutto sommato il Revitalization Act è stato recepito solo nel 2001, la legge americana che impone una quota femminile nei trials, e che i risultati debbano essere analizzati separatamente per sesso perché emergano eventuali differenze nella tossicità, la sicurezza o eventi avversi. Raccomandazione non così ovvia se una review di 54 trial clinici randomizzati fatta su studi del 2016 ha sottolineato come la partecipazione femminile fosse del 40%circa ma il 57% degli studi non prevedesse alcuna analisi specifica sul sesso e il 10% ancora non dava alcuna informazione sulla proporzione tra maschi e femmine presa in esame. Insomma solo il 48% degli studi riportava una analisi differenziata per sesso”. (The Lancet vol. 388, 2016)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“The Best Beatles Celebration 50th”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

beatlestoryRoma 21 gennaio 2017 ore 20.30 al Teatro Italia via Bari 18 torna a Roma il progetto BeatleStory in una nuova versione multimediale per un concerto unico in cui ripercorrere la produzione dei Beatles letteralmente immergendosi negli anni che li videro cambiare la storia della musica. La serata sarà aperta da una mostra dedicata al 50esimo anniversario dall’uscita dell’album “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, a cura dell’Official Beatles Fan Club Pepperland.
BeatleStory è un live show multimediale che, attraverso un magico viaggio, ripercorre l’intera storia dei Beatles dal ‘62 al ‘70, in un concerto con oltre 40 dei loro più grandi successi. Un concerto ricco di proiezioni, con una cura unica nei dettagli e nei costumi, negli arrangiamenti e nei trucchi, dedicato ad appassionati e non solo, che – attraverso la favola musicale più bella ed emozionante di sempre – riporta il pubblico indietro negli anni sessanta, quando una band di Liverpool rivoluzionò il mondo con le sue canzoni…
Partendo dalle strade di Liverpool, attraversando gli anni della Beatlemania fino ai grandi capolavori in studio, Beatlestory è un evento unico nel suo genere, con 2 ore intense di capolavori come: She Loves You, I Want To Hold Your Hand, Twist and Shout, Yesterday, Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, All You Need Is Love, Come Together, Let it Be, Hey jude.
Lo show è suddiviso in 5 set: Beatlemania – Shea Stadium – Sgt Pepper – Summer of Love – Abbey Road. Ognuno di questi momenti rappresenta undiverso periodo che ha caratterizzato la storia dei Beatles.Tutti i 5 set sono introdotti da filmati che immergono lo spettatore nel preciso momento storico, politico-sociale e ovviamente musicale che la band si accinge ad eseguire. Con video d’epoca, costumi fedelmente riprodotti, strumenti vintage e un’incantevole scenografia BeatleStory diventa così un ritratto fedele della band più influente della storia della musica, unendo la storia dei Fab Four, alla storia di un’epoca. (foto: Beatlestory)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bankitalia: a novembre prestiti +0,5%, a famiglie +1,8%

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

Banca d'ItaliaSecondo i dati resi noti da Bankitalia, a novembre i prestiti bancari al settore privato hanno registrato una crescita su base annua dello 0,5 per cento. “Indubbiamente positivo il dato dei prestiti alle famiglie, con un rialzo dell’1,8% nei dodici mesi che non si registrava da tempo. Negativo, invece, l’andamento per le società non finanziarie, che dopo gli incrementi che duravano ininterrottamente da agosto, registrano una variazione nulla” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Insomma, i dati sono ancora altalenanti, come dimostrano il trend dei tassi di interesse, salgono quelli dei mutui, scendono quelli del credito al consumo, e quello delle sofferenze bancarie: aumentano quelle lorde, da 198.599 a 199.061, si abbassano quelle nette, da 85.474 a 85.221” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MO.J gallery presents Jaiyoung Jeong, Park Seobo and Lee Ufan at ArtStage Singapore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

art-stage-singaporeart-stage-singapore1Singapore 12-14 January 12:00-20:00 ; 15 January 11:00-18:00 Mo.j gallery has selected three artists – Korea’s representative artists including Park Seobo, Lee Ufan and JaiYoung Jeong , and exhibits their artworks with the theme of “East meets West”, in which, we believe, artworks can bridge the gap between the different cultures.These three artists have pursued their own unique philosophies and expressional techniques under the entirely different environments but in a common language of art.Korean artists such as Park Seobo and Lee Ufan laid a groundwork for the current art movement dubbed as Dansaekhwa, which features the beauty of simplicity in color and the power of restraint.Korean artist JaiYoung Jeong , who began his career 30 years ago, has lived and breathed together with these renowned artists in the same era of globalization, focusing on the Asian minimalism. However, his artworks are the most “modernistic” among these artists. « I want to express art-stage-singapore2the “present”, “modern times” and the “moment”. I pursue spiritual reality and draw spiritual reality. To express the present and the moment, one needs to look back on the past and figuratively travel through history into the past. » explains the artist, who is present at ART STAGE SINGAPORE for the second time.JaiYoung Jeong was graduated in 1990 from Hongik University’s College of Fine Arts, where he later earned his masters degree. In Korea, he received the Central Art Contest Grand Prix (1992), the National Art Exhibition Grand Prix (1993), among many others.Since his first solo exhibition in 1994, he has exhibited new paintings, drawings, and installations in biannual private exhibitions. His 40 solo exhibitions have been held in Tokyo, Berlin, Munich, and New York, and he has participated in various overseas art fairs including Art Cologne, Chicago Art Fair, as well as numerous European and U.S. art fairs. He has joined more than 300 group exhibitions at home and abroad. His works are permanently presented in Mo.j Gallery, in Busan.
Mo J Gallery plans to exhibit the artworks of these artists to deliver the essence of Asian philosophy. These artists have created their own work of art, which features beauty of restraint and formative arts and have pursued restrained minimalism of Asia.
Mo. J Gallery was founded in 2010 by Fan Culture Foundation based in Busan, Korea.The gallery has made extensive collections of internationally renowned artists’ work as well as Korean artists, working in Korea, who can be grown to be globally recognizable.In 2014, the gallery started supporting Korean minimalism artist JaiYoung Jeon through his monograph publication and solo exhibitions, and currently prepares to collaborate with major US and European galleries to promote his artwork along with planned exhibitions overseas.
Mo. J Gallery collections and exhibited artwork include Frank Stella, Richard Serra, Antoni Tapies, Christo Javacheff, Keith Haring, Damian Hirst, ,as well as paintings, drawings and prints of well-known Korean artists like Lee U Fan, Park Seobo. (photos: art stage singapore)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maltese EU Presidency: Revitalizing faith in the European Project

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

archbishops-curia-maltaBruxelles. A joint delegation from the Conference of European Churches (CEC) and the Commission of Bishops’ Conferences of the European Union (COMECE) met with the Prime Minister of Malta, Dr Joseph Muscat, and representatives of the government of Malta at the start of their six month Presidency of the Council of the European Union. The meeting was convened to discuss common concerns, especially relating to the priorities of the Maltese presidency including migration, neighbourhood policy, and social inclusion.“Malta’s Presidency of the Council of the European Union offers our nation the opportunity to give a strong impetus to revitalizing faith in the European project,” said the Archbishop of Malta, Mgr Charles J. Scicluna.Issues relating to migration and the reception of refugees in Europe dominated the hour-long meeting. Both government and church representatives expressed the need to reframe this discourse, including speaking of the benefits of migration for European societies and emphasising opportunities to welcome those in need of safety in Europe. The churches also reiterated their call for improved safe and legal pathways to Europe, the central importance of family unity and reunification, and the work churches do in local contexts in providing transformative encounters with refugees.The CEC-COMECE delegation also encouraged the Maltese government to take a holistic, global approach as they make progress in each of their priority areas. Responses to migration and the reception of refugees must take into account the root causes of the displacement of people, including ecological crises. The United Nations Sustainable Development Goals and their coherence with European Union policies are one area for developing a robust and balanced approach.
The meeting of CEC and COMECE with the Maltese Presidency of the Council of the European Union took place under Article 17 of the Treaty of the Functioning of the European Union. This is a commitment of the EU to open, transparent, and regular dialogue with churches and religious communities. The churches were grateful for the opportunity to meet early in the presidency, which began on 1 January 2017. (photo: Archbishop’s Curia, Malta)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Creating your own success story with a new Global MBA

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

university-of-londonLondon. A new Global MBA, developed around an extensive range of specialisms in Law, Finance, Entrepreneurship & Innovation, Accountancy and Leadership, has been launched by the University of London and Queen Mary University of London (QMUL).The Global MBA comes with professional accreditations from major international bodies, including the Chartered Management Institute (CMI) and the Chartered Institute of Management Accountants (CIMA), allowing students to present themselves for professional recognition on successful completion of the award. A significant feature of the programme is a business simulation enabling students to apply key concepts to real world problems.This innovative award has been designed specifically for career professionals, and provides considerable flexibility in both mode and place of study, while offering students four entry and examination points per year. This will help students to successfully combine work and study. Learning materials and online tools, specially designed for the Global MBA, will equip students to understand and address the enormous challenges that face today’s global business leaders.Professor Sir Adrian Smith FRS, Vice-Chancellor, University of London, said: ‘This is a very exciting new programme being delivered through the University of London. It’s current, it’s relevant, and it meets the needs of career professionals and employers in a broad range of sectors.’ He added: ‘This programme is also unique in that we have collaborated with professional organisations of the highest londrainternational standing. These organisations will provide our students with huge benefits by securing their ongoing personal and professional development.’ Dr Mary Stiasny OBE, Pro Vice-Chancellor (International), University of London, said: ‘With the academic expertise provided by an internationally acclaimed faculty from QMUL, and our experience in delivering quality academic awards across the world since 1858, we believe this programme will enrich the working lives of the diverse array of professionals who choose to enrol on this programme, and their employers across the world.’ Professor Ioannis Kokkoris, Programme Director for the Global MBA, QMUL, said: ‘Whether it is the case of advancing your career, switching to another industry or starting your own business – the University of London Global MBA will give you the confidence, the skills and the connections to create your own success story.’ Applications for the Global MBA open on the 9th January 2017, and students are given the flexibility to pay per module rather than all at once. Students without all the entry qualifications will be able to take an online ‘International Business Essentials’ module and, on successful completion, this may contribute to them becoming eligible to apply for the Global MBA. Other postgraduate awards from this programme (at diploma and certificate level) are also available for students wishing to gain a general or specialist qualification. (photo: university of london)

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The death of a former president tilts the balance of power in Iran

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

akbar-hashemi-rafsanjaniTEARS always came easily to the lachrymose ayatollah. But those at a gathering on December 13th seemed more heartfelt than most. He was reading from his own biography of Amir Kabir, the Shah’s chief minister in the mid-19th century, when the blubbing began. Kabir had tried to open the Persian Empire up to the West, he wept, only to be frustrated by the hand of a hardline assassin. “Something suggested he was thinking of his own failed attempts at reform,” says one of those present.With death approaching, Akbar Hashemi Rafsanjani, who died on January 8th aged 82, may also have had an eye on posterity. Eulogists are already hailing a lifetime spent trying to open Iran and its Islamic revolution to the West. Israeli officials were among the first to label him a moderate. In the midst of the Iran-Iraq war, they sold him arms. In return, he obligingly diverted the proceeds with a nod from America’s Republican leaders to the Contras, Nicaragua’s anti-communist rebels. “If people believe we can live behind a closed door, they are mistaken. We are in need of friends and allies around the world,” he explained. He persuaded Ayatollah Khomeini to end the war with Iraq, and no sooner was he anointed president than he began knocking on the door of Abdullah, Crown Prince of the Islamic Republic’s nemesis, Saudi Arabia, with which he quickly restored relations. American oil majors received invitations to return to Iran, and but for President Bill Clinton’s veto, might have come.Yet Mr Rafsanjani was also a stalwart of the regime, who believed the best way to preserve it was to accommodate outside pressures, not to defy them. Once Ayatollah Khomeini was secure as Supreme Leader, Mr Rafsanjani began eliminating the allies—Marxists, religious nationalists and rival Islamists—who had joined him in toppling the Shah. Abroad, he orchestrated assassinations and the bombing of a Jewish community centre in Buenos Aires, said prosecutors in Germany and Argentina. To compensate for the deficiencies of Iran’s air force and navy, he is said to have initiated the country’s nuclear programme. That was for peaceful purposes, he always insisted. But Persian is a famously elastic language, and he was a master of ambiguity. He was dubbed kooseh, the shark, on account of his smooth rubbery skin, which made it hard for him to emulate the pious beards of Iran’s more senior ayatollahs. But he also had a shark’s knack of gobbling up those who stood in his way.He made an unlikely revolutionary. Whereas his peers emerged from the ranks of Iran’s downtrodden, his father was a gentrified pistachio farmer. Mr Rafsanjani briefly studied in Qom, Iran’s holy city, under Ayatollah Khomeini, until the latter fled the Shah’s goons in 1964, but was known for his truancy. If he had a constituency it was less Qom’s seminaries than the gold arcades of Tehran’s bazaar. When Ayatollah Khomenei addressed his followers, he did so from the humble surroundings of his mosque, Hosseiniyeh Jamaran, tucked into the cramped alleyways on Tehran’s heights. When Mr Rafsanjani held court, he sat on a dais in the throne room of one of the Shah’s old downtown emerald palaces.
Iran’s self-interest had a way of becoming his own. He championed opening university education to all. But some noted that the many branches of the Islamic Azad University over which he presided could also be used to build up real estate. Its assets, many acquired from the government as public works, are estimated to be worth tens of billions of dollars. He championed privatisation, but like most Middle Eastern leaders used it to bolster his cronies and closer relatives. He sent his son on missions to Saudi Arabia. As the epitome of the fatted elite, the electorate turned on him when he tried to return as president in 2005. Ironically, Mahmoud Ahmadinejad was judged the force for change, and attracted the youth vote.Yet no other Iranian so continuously dominated the revolution. For the Islamic Republic’s first decade (1980-89), he was parliamentary speaker; for the second (1989-97), its president. In Ayatollah Khomeini’s last months, he engineered the removal of the designated next Supreme Leader, and his replacement by a little-known lesser cleric, whom he hoped would be more malleable: Ali Khamenei. Mr Ahmadinejad aside, the presidents that came after him were his protégés. Muhammad Khatami reappointed many of Mr Rafsanjani’s senior ministers to his cabinet in 1997. And at the reformist President Hassan Rouhani’s inauguration in 2013, Mr Rafsanjani was seen beaming even more broadly than the incumbent himself. Mr Rouhani, after all, was his old national security adviser.Mr Rafsanjani’s defeat by Mr Ahmadinejad helped him redeem himself in the eyes of the electorate. A gruelling month after the streets erupted in protests in 2009, he took to the pulpit to denounce Mr Ahmadinejad for rigging elections to secure a second term. “Go,” he cried at Friday prayers, echoing Ayatollah Khomeini’s riposte to the Shah. His daughter, Faezeh, was arrested for joining the protests, as was his son, Mehdi, in 2015. In the 2016 elections Tehran’s middle classes rewarded him by voting him top of their list. A satisfied Mr Rafsanjani pronounced his political mission accomplished. As his star waned, he increasingly sparred with Mr Khamenei, questioning not just the belligerence of Iran’s foreign policy, but the very notion of rule by a single cleric.Some hardliners are already cheering that their most powerful opponent has gone; as chairman of the Expediency Council (a job he held from 1989 until his death) Mr Rafsanjani helped hold the balance between moderates in parliament and the conservative Guardian Council that is meant to ensure that all laws are in conformity with Islam. With his godfather departed and the presidency of Donald Trump imminent, some see Mr Rouhani’s hopes not just of re-election in May but rapprochement with the West as gravely weakened. Others argue, however, that set free from Mr Rafsanjani’s shadow, Mr Rouhani could emerge stronger if he wins his second term in May. Either way, the regime has lost an arch-pragmatist. Without the guile of Mr Rafsanjani, Iran looks likely to become more polarised. (photo: Akbar Hashemi Rafsanjani) (font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Il secondo figlio di Dio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

figlio-di-diofiglio-di-dio1Padova Venerdì 13 gennaio ore 21 al Teatro MPX – Multisala Pio X di Padova è di scena Simone Cristicchi nel suo IL SECONDO FIGLIO DI DIO vita morte e miracoli di David Lazzaretti, scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi, regia Antonio Calenda, musiche originali di Simone Cristicchi e Valter Sivilotti, voci registrate del Coro Ensemble Magnificat di Caravaggio preparato da Massimo Grechi.
In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di 4 mila persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia. Simone Cristicchi presenta Il secondo figlio di Dio, il suo nuovo spettacolo teatrale ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”. Dopo il grande successo di “Magazzino 18” (200 repliche e decine di migliaia di spettatori), Simone Cristicchi, torna a stupire il pubblico con una storia poco frequentata, ma di grande fascino. Ne Il secondo figlio di Dio , si racconta la grande avventura di un mistico, l’utopia di un visionario di fine ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale. Tra canzoni inedite e recitazione, il narratore protagonista ricostruisce la parabola di Lazzaretti, da barrocciaio a profeta, personaggio discusso, citato e studiato da Gramsci, Tolstoj, Pascoli, Lombroso e Padre Balducci; il suo sogno rivoluzionario per i tempi, culminato nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”: una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza, in un proto-socialismo ispirato alle primitive comunità cristiane. Il cant’attore Cristicchi racconta l’ ”ultimo eretico” Lazzaretti, e quel piccolo lembo di Toscana (Arcidosso e il Monte Amiata) che diventa lo scenario di una storia che mai uguale fu agitata sulla faccia della terra, ponendoci una domanda più grande, universale, che riguarda ognuno di noi: la “divinità” è un’umanità all’ennesima potenza? Con l’ausilio di video-proiezioni e di una scenografia in continua mutazione, quella terra così aspra e bella, quella “terra matrigna e madre” diventa la co-protagonista, nel racconto della straordinaria vicenda di David Lazzaretti, il secondo figlio di Dio. Una storia che se non te la raccontano, non la sai. La storia di un’idea. La storia di un sogno.
BIGLIETTI intero € 16 – ridotto € 14 per giovani fino ai 30 anni, studenti con tessere “Studiare a Padova Card”. (foto: figlio di dio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2016: anno di successi per Jaguar Land Rover Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

jaguarIl 2016 si è chiuso per Jaguar Land Rover Italia con risultati di vendita decisamente positivi, ottenuti dopo quelli già gratificanti conseguiti nel 2015 dai due brand; anno che, a sua volta, aveva registrato un trend positivo rispetto al 2014 (19.861 vs. 15.949).
Con 26.488 unità immatricolate nel 2016, Jaguar Land Rover registra un incremento del 33.3% rispetto all’anno precedente.
Grazie alle 4.912 auto vendute, Jaguar ha incrementato le vendite di quasi il 200% rispetto allo scorso anno, segnando il miglior risultato dal 2009. Grande successo per Jaguar F-Pace, primo crossover performante del giaguaro che, a meno di 8 mesi dal lancio, ha quasi raggiunto la quota di 2.300 vetture in circolazione in Italia. L’introduzione della trazione integrale sulle berline Jaguar XE e XF ha considerevolmente aumentato il potenziale di scelta per il cliente, portando le vendite delle due versioni a circa 2.400 unità, con un 65% di contratti effettuati proprio per la versione AWD (All Wheel Drive).Land Rover, nel 2016, ha segnato un record storico con 21.576 unità vendute; +18.4% rispetto allo scorso anno. In Italia, Land Rover è cresciuta nell’anno in percentuale maggiore rispetto a quella registrata dal mercato dell’auto, che ha ottenuto il +16.2 % rispetto al 2015. Al raggiungimento di questo importante traguardo in Italia per il brand Land Rover, hanno significativamente contributo due lusinghieri risultati: il successo di Discovery Sport, con circa 7.200 vetture immatricolate ed il continuo straordinario apprezzamento riscosso da Range Rover Evoque. A sei anni dal lancio, questo modello non accenna ad alcun declino, anzi incrementa sensibilmente le vendite e, con un aumento del 28.7% rispetto al 2015, ha superato le 10.000 unità vendute nell’anno.“Il mercato italiano ha confermato il proprio apprezzamento per i marchi Jaguar e Land Rover” commenta Daniele Maver, Presidente e Amministratore Delegato di Jaguar Land Rover Italia. (foto: jaguar)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Numeri record di call e passeggeri in arrivo nell’Emirato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

emiratoAbu Dhabi, UAE. Il settore crocieristico ad Abu Dhabi festeggia un anno di successi con numeri record di call e passeggeri in arrivo nell’Emirato oltre a celebrare l’ultimo recente successo che ha visto l’inaugurazione della prima e unica spiaggia nel Golfo dedicata ai crocieristi. Nel corso della stagione che va da ottobre a giugno, Abu Dhabi ha registrato per la prima volta in assoluto più di 100 call dato più alto mai registrato, e ha accolto più di 228.000 passeggeri, confermando l’Emirato tra le tappe fisse nelle rotte crocieristiche mondiali.
Nella stagione precedente Abu Dhabi ha registrato 94 call e 200.000 passeggeri. Solo dieci anni fa 35.000 passeggeri e 29 navi hanno visitato l’emirato.
S.E. Saif Saeed Ghobash, Direttore Generale di TCA Abu Dhabi, ha dichiarato: “Il nostro intervento strategico è volto a rafforzare il settore crocieristico influenzando l’economia del turismo e contribuendo alla diversificazione economica dell’Emirato. Questa in assoluto è ora la più lunga stagione crocieristica di Abu Dhabi, dove accoglieremo 139 call ad Abu Dhabi e 39 a Sir Bani Yas Island”.
“Questa stagione abbiamo accolto presso il nostro porto d’imbarco la Celebrity Costellation, la MSC Fantasia e AIDA Cruises con nove call a rotazione regionale confermate, il numero più alto in assoluto, con l’aspettativa di arrivare a 10 call inaugurali. Insieme con Abu Dhabi Port e Etihad Airways stiamo perseguendo attivamente tutte le opportunità per raggiungere livelli elevati di crescita attraverso lo sviluppo di partnership a lungo termine, aumentando il valore aggiunto dei servizi alle strutture che offriamo”.
Vi ringraziamo anticipatamente per l’attenzione che vorrete riservare alla notizia e restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento si rendesse necessario. (foto: emirato)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lipari: sulle cave di pietra pomice controversia tra Comune e privati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 gennaio 2017

caveLipari. Le aree di cava della pietra pomice sono nuovamente oggetto di controversia tra il Comune e il privato. Oggi, come in un passato lontano, dalla nota contesa nel 1813 tra il Vescovo e il Comune, si ritorna in Tribunale per rivendicare il diritto del Comune di Lipari di poter decidere le sorti di un’area dalla forte connotazione di interesse pubblico, traino dell’economia dell’isola anche oggi come all’epoca. Il Comune di Lipari rappresentato dal Sindaco Marco Giorgianni con le azioni di rivendica e/o di restituzione vuole dare un taglio con gli scempi del passato attraverso un percorso ecosostenibile: riappropriandosi dell’aree demaniali, bonificando le aree e riqualificando il territorio di Porticello Acquacalda. Nel giugno 2016 l’Avv.to Antonio Vitrano, a norma dell’art.103 L.F., ha presentato un ricorso per la rivendica e/o restituzione dei fabbricati e terreni nell’area di cava di Porticello. E in data 02.01.17 è stato presentato un ulteriore ricorso che interessa, invece, la discarica di Punta Castagna. In tale circostanza è stato importante il supporto dell’Assessore Avv.to Gaetano Orto. I ricorsi spiccati dal Comune di Lipari, nei confronti della curatela, rappresentano la prima tappa di un progetto di riqualificazione delle aree a cui seguirà un percorso condiviso di sviluppo e di tutela ambientale del territorio, ovvero di dismissione degli impianti e di bonifica. Lo sviluppo del nostro arcipelago deve necessariamente passare dalla tutela ambientale e paesaggistica di un’area strategica per l’isola di Lipari, per secoli sfruttata dall’industria pomice e oggi, invece, potenzialmente a vocazione turistica. La programmazione sarà affrontata insieme a soggetti accreditati, sia nazionali, sia internazionali, senza mai dimenticare la storia e la cultura dell’isola, che vuole continuare ad essere una meta ambita in ambito internazionale. L’obiettivo principale dell’Amministrazione è la realizzazione di un Parco Geominerario, attraverso la riqualificazione dei vecchi stabilimenti destinandoli anche alla cultura, alla ricerca e alla scienza. Un ruolo importante alla programmazione è affidato al consulente dott. Angelo Sidoti, che segue alacremente il progetto di riqualificazione e recupero sostenibile delle aree di cava dell’Isola di Lipari lavorando, anche, alle assumption per la redazione di un Piano di Sviluppo Turistico Territoriale per l’intero Arcipelago delle Eolie. L’Amministrazione ha, infatti, stipulato con le Università due fondamentali convenzioni: una, con il SITI “Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l’Innovazione del Politecnico di Torino” (sede dal 2015 dell’Unesco Chair “New paradigms and instruments for the management of Cultural Landscape”); l’altra, con il Dipartimento di Management dell’Università degli Studi di Torino, per la sostenibilità economica finanziaria dei progetti e del piano di sviluppo turistico dell’arcipelago. Presso il Politecnico di Milano, anch’esso in convenzione con il Comune di Lipari, invece, è tutt’ora in corso il workshop “Between the wrinkles of an unexpected glacier – Lipari discovering white pumice quarries” che avrà come finalità la raccolta di idee da presentare alla Pubblica Amministrazione, nel mese di maggio 2017, per la riqualificazione delle aree. Dopo decenni di inerzia è arrivato, quindi, un primo segnale di vitalità e di volontà politica, con l’obbiettivo di dare forma e concretezza ad un progetto ritenuto da molti strategico per lo sviluppo futuro del noto arcipelago. (foto: cave)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »