Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 87

Occupazioni abusive a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2017

franco gabrielliRoma. “Le occupazioni abusive a Roma sono 101, come affermato da Gabrielli nel corso dell’audizione di oggi nella commissione d’inchiesta.
Ci sono edifici pubblici e privati espropriati dal racket dei ‘professionisti delle occupazioni’ che speculano sull’accoglienza e sulla povera gente, facendosi anche pagare affitti in nero. Tutti sanno tutto, ma lo Stato preferisce avallare la cancellazione del diritto di proprietà e darla vinta a chi delinque.
Stesso atteggiamento nei confronti di altri reati come il rovistaggio, la mancata scolarizzazione dei figli, l’accattanoggio, il commercio abusivo, la contraffazione, lo spaccio di marjuana o cannabis, il bullismo, il gioco d’azzardo. Deve essere per questo che esiste, a detta del Capo della polizia, una sicurezza percepita diversa dalla sicurezza reale, che sarebbe invece caratterizzata dalla diminuzione dei crimini diffusi: decine di reati non vengono perseguiti, sono di fatto impuniti, e quindi nemmeno considerati per le statistiche. Nelle periferie urbane i cittadini hanno ben chiaro il regime d’illegalità che vige, molto più di certe istituzioni che continuano a fare pessima sociologia da quattro soldi”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli replicando all’audizione del capo della Polizia Franco Gabrielli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: