Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Conti pubblici: Ci sarà una manovra bis?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 gennaio 2017

european commissionIl gruppo Forza Italia della Camera dei deputati ha presentato – a firma Renato Brunetta e Alberto Giorgetti – un question time al ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, in merito al rischio di manovra correttiva per mettere in ordine i conti pubblici italiani. Brunetta e Giorgetti “esprimono grande preoccupazione per la notizia diffusa ieri, non smentita, secondo la quale la Commissione europea avrebbe chiesto al governo italiano di aggiustare in tempi brevi i conti pubblici. La Commissione avrebbe comunicato all’esecutivo che servono circa 3,4 miliardi di euro, ovvero una manovra bis che vale lo 0,2 per cento del Pil, per evitare una procedura di infrazione sul deficit. Questa cattiva notizia arriva in un momento particolarmente difficile per la nostra economia. Basti pensare alla crisi del sistema bancario, con l’approvazione del decreto-legge dello scorso dicembre per salvare gli istituti a rischio fallimento, e a quanto ci dice in questi giorni il Fondo monetario internazionale: il Fmi lima le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018; il Pil crescerà quest’anno dello 0,7%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime di ottobre. Nel 2018 la crescita sarà dello 0,8%, 0,3 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti stime”. “Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, avrebbe confidato nei contatti informali di queste ore, che ‘l’Italia non ha alcuna intenzione di aprire guerre con nessuno’, ma, al tempo stesso, non ha alcuna intenzione di ipotizzare manovre, manovrine o aggiustamenti. Ad ogni modo, al di là delle trattative in sede europea che sembrano già essere avviate, il ministro Padoan ha il dovere di fare luce sulla vicenda, chiarendo innanzitutto i contenuti della lettera, se è vero che l’Italia rischia la procedura di infrazione, e, in tal caso, specificando gli intendimenti del governo a tal proposito”. “Il ministro dell’Economia deve inoltre chiarire una volta per tutte lo stato dei conti pubblici, specificando se si rende necessaria una manovra correttiva, e, più in generale, quali iniziative intende adottare per coprire il deficit strutturale di circa 3,4 miliardi di euro, e quali risorse intende utilizzare per coprire l’eventuale manovra”, concludono Brunetta e Giorgetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: