Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 22 gennaio 2017

Cervia un Febbraio frizzante

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

musa-a-lume-di-candelaCervia. Si parte il 2 febbraio nella suggestiva cornice dei magazzini del sale con Cervia Hospitality Salone dell’Accoglienza e dell’ Ospitalità a 360°. Aperto fino al 5 propone un mix di innovazione, tendenze, atmosfere e approfondimenti con particolare attenzione al settore alberghiero e della ristorazione.
Dal 10 al 12 febbraio sempre negli antichi magazzini del sale, anima storica di Cervia e della sua tradizione salinara, si svolgerà la fiera dedicata agli innamorati pronti per il grande passo dell’unione per la vita. Cervia Sposami è il Salone interamente dedicato al matrimonio ai suoi momenti più emozionanti, ai suoi mille preparativi. Favolosi abiti da sposa, idee innovative, le foto, i luoghi più suggestivi per il matrimonio e il buffet, ma anche gli allestimenti, l’intrattenimento, le bomboniere, i fiori, le torte di nozze.
Il 24 febbraio Cervia partecipa alla manifestazione M’Illumino di Meno, evento di sensibilizzazione al risparmio energetico organizzato dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2, una manifestazione ormai cresciuta nel tempo e molto partecipata. Cervia oltre ad illuminare con torce e candele Piazza Garibaldi e il centro storico propone letture a lume di candela, un incontro con gli astrofili per osservare le stelle e una visita guidata gratuita al chiarore delle lanterne a MUSA,il museo del sale della città. Sempre in piazza Garibaldi altre simpatiche iniziative di informazione volte alla sensibilizzazione e ad un utilizzo sempre più consapevole delle nostre risorse energetiche.
Nel week end, il 25 e 26 febbraio nel centro storico la festa è dedicata al Cardo dolce di Cervia. Da una collaborazione del Consorzio Cervia Centro con alcuni ristoranti locali ( Al Deserto, Locanda dei Salinari , Pescheria del molo) e con Azienda Agricola Fiori e Sì Frutta, nasce la festa dedicata al cardo locale, ortaggio prezioso con ottime proprietà depurative e antiossidanti. E’ un prodotto “povero” della tradizione rurale che nasce nella sabbia marina e che prima di essere consumato viene interrato per 30/40 giorni acquisendo così il colore bianco, ma soprattutto la tenerezza e il raddolcimento della polpa che lo contraddistinguono. Il prodotto recentemente rivalutato, offre innumerevoli spunti culinari per un week end all’insegna del gusto. In piazzetta Pisacane i ristoranti abbineranno il cardo alla carne e al pesce attraverso proposte gastronomiche legate alla tradizione ma sapientemente innovate nella preparazione e nel gusto come ad esempio il risotto al cardo e seppie. Sempre nel centro storico di Cervia si terrà una esposizione e vendita di diverse varietà di cardi provenienti da ogni parte d’Italia. Poiché nel week end il gusto la fa da padrone ecco spuntare innovativi prodotti legati a questo particolare ortaggio di sabbia dalle importanti proprietà nutritive ed energetiche ricco di vitamina C e vitamina B5, come la tisane e il liquori. Nel week end sarà inoltre possibile degustare ed acquistare questi prodotti particolari. Nei chioschi della piadina si potrà invece gustare il crescione al cardo, una golosa merenda che unisce la tradizionale piadina romagnola ad un prodotto che si scopre essere estremamente eclettico dalle innumerevoli potenzialità culinarie. Al cardo dolce di Cervia infatti anche le marmellate, il paté e perfino il gelato. (foto: musa a lume di candela)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Icy conditions threaten migrants’ health

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

migrantsThe Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include: In many countries new arrivals continue to fall. For example, arrivals to Greece in December 2016 dropped 98% compared to the same month in 2015. However, the extreme cold in south eastern Europe severely affected people on the move resulting in some, including children, dying from or being hospitalised with frostbite. Others were made to wait in the cold in self-made tents in transit zones for the chance to apply for asylum; as a result at the Hungarian-Serbian border every second person is sick, many with fever, colds or the flu.
Overcrowding remains a persistent problem at hotspot and reception facilities with many housed in buildings without heating despite the harsh weather. Immigration detention also continues to be common practice in many Member States and is increasing in some places.
Problems in accessing protection procedures continue to be reported during initial registration and asylum processing. Unaccompanied children can be left waiting in transit zones for admission for over two months and families for over six months. Lack of information and a shortage of interpreters further exacerbate the situation.
People facilitating the arrival of migrants without profit continue to be prosecuted and sometimes imprisoned in various countries. In Denmark, migrants helping family members or others arrive may be expelled in addition to a fine or a prison sentence.
When it comes to returns, there is concern about the lack of information and advance notice in some countries; for example in Austria a child was taken from school during a lesson. In Sweden, the police increasingly ask municipal services for help in locating undocumented migrants who have dependent children and receive benefits.
Child protection remains problematic in many countries. The lack of standardised methods for assessing age, overburdened or insufficient numbers of guardians, too few places in adequate and secure facilities, and little attention being paid to the child’s right to be heard remain common concerns. Hate speech online and off, and violent crime continue to remain high with intolerance in society and in public speech against asylum seekers and migrants on the rise. In Germany, the media refrain from naming reporters covering demonstrations as a result of violent attacks. In northern Italy, the regional governing party has called on mayors to name places associated with the Muslim community to strictly control Islamic worship in the region.
In some countries the political response to the migration situation is hardening. Legislative initiatives in several Member States aim at reducing basic benefits, restricting family reunification and facilitating and accelerating returns. However, especially over the Christmas period, there have been numerous charitable and civil society initiatives to support migrant groups in many Member States.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden. FRA has published overviews since September 2015. The next focus will be on torture and trauma. (photo: migrant)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Why Edwin Morgan’s scrapbooks remain inaccessible in a digital world

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

university-of-glasgowThe creation of a digital collection of the unpublished work of the first Scots Makar, Edwin Morgan, should have been easy.Morgan wanted his scrapbooks, correspondence and handwritten drafts of poems to be publicly available during his lifetime (1920-2010).And since then, the Edwin Morgan estate and the University of Glasgow – he was a student and lecturer in the Department of English literature – have also tried valiantly to make his unpublished works accessible to the rest of the world.But today, a web resource is launched explaining the obstacles inherent in current copyright law which have made the digitisation of cultural heritage collections, such as Morgan’s, virtually impossible.The resource, found at http://www.digitisingmorgan.org, has been developed by Kerry Patterson, Project Officer for the “Digitising the Edwin Morgan Scrapbooks” project at the University of Glasgow, with Principal Investigator Professor Ronan Deazley from Queen’s University Belfast and Victoria Stobo, a PhD student at the University of Glasgow. This is the first major UK study examining the challenges – both legal and financial – in digitising cultural heritage collections, particularly those from the mid- to late 20th century in the current regulatory climate.The difficulties pertain particularly to what are described as “orphan” works – works that are still protected by copyright law but for which the owner or owners cannot be identified or located.In the collaborative project between CREATe (the Centre for Copyright and New Business Models in the Creative Economy – a national hub based at the University of Glasgow) and the University Library, Ms Patterson warns that current copyright regulations are “preventing the digitisation of cultural heritage collections”.“If permissions cannot be secured because rightholders cannot be contacted, institutions may simply avoid socially beneficial uses of these ‘orphans’, preferring instead to deal with material for which copyright has expired or is easy to clear. But, when decisions about the digitisation of heritage collections are shaped by the copyright status of the material itself, this skews the digital cultural record,” she says.There is currently a twin-track approach to the problem of “orphan” works in the UK: an exception which implements the EU Orphan Works Directive 2012 and the Orphan Works Licensing Scheme (OWLS). Both depend upon conducting a diligent search for every single orphan work that is to be digitised, regardless of the nature and scale of the project.The University of Glasgow project is the first major UK study to consider the concept of diligent search since the Directive and OWLS came into effect.Ms Patterson finds, however, that “for anything other than small-scale digitisation initiatives, the long-term efficacy and relevance of both schemes appear fatally compromised by the demands of diligent search”.She adds: “With respect to the 16 scrapbooks created by Edwin Morgan, we estimate that it would take one researcher over eight years to undertake the diligent search activity alone, at a cost of more than £185,000.”Diligent search and mass digitisation are “fundamentally incompatible, however light-touch the nature of the diligent search obligation”, she concludes.As for the Edwin Morgan scrapbooks, they will, says Ms Patterson, “remain accessible only within the physical confines of the University Library building for the foreseeable future, apart from a selection of the pages that we digitised for this project”.
“In this respect, they evidence the very real phenomenon of the so-called 20th century black hole. Because copyright status shapes selection processes regarding the digitisation of heritage materials, collections containing work from the mid- to late 20th century are less likely to be digitised for public consumption. In short, our digital historic record is skewed towards material created in the 19th and early 20th century, material that resides in the public domain,” she adds.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tre civette sul comò

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

casina-delle-civetteRoma venerdì 27 gennaio 2017 ore 11.00 Musei di Villa Torlonia Casina delle Civette Via Nomentana, 70 presentazione alla stampa della mostra. Intervengono: Maria Grazia Massafra, Responsabile del Museo della Casina delle Civette e Curatrice della mostra Stefania Severi, Critica d’arte e Curatrice della mostra Alcuni degli Artisti presenti in mostra. La mostra sarà aperta al pubblico dal 29 gennaio al 30 aprile 2017 attraverso un percorso di 67 opere realizzate quasi tutte per l’occasione da altrettanti artisti provenienti, oltre che dall’Italia, anche da Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Iraq, Irlanda, Lussemburgo, Olanda e Spagna.
La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, si avvale del Patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma, dell’Ambasciata di Grecia a Roma, LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli -, FUIS – Federazione Unitaria italiana Scrittori -, Università di Trier (Germania), Unione nazionale Scrittori Greci, Ass. Convivium (Lussemburgo), Comunità Ellenica di Roma e del Lazio, Fondazione Giovanna Deiua, Ass. Culturale EPLE – Europa Patria dei Liberi Europei-, Ass. Culturale Ghibli, Accademia d’Alta Moda Koefia di Roma, Strassacker Kunstgiesserei (Germania), Azienda Agricola Casale del Giglio. Organizzazione: Cooperativa Sociale Apriti Sesamo di Roma. L’esposizione è a cura di Stefania Severi e Maria Grazia Massafra. Non solo dipinti e sculture, ma anche ventagli, aquiloni, gioielli, monopattini, ricami, libri d’artista, video, abiti, cappelli, burattini, intessono un dialogo continuo con gli esuberanti elementi decorativi dell’edificio che ospita il Museo della vetrata Liberty e che deve il suo nome proprio alle celebri vetrate di Duilio Cambellotti dedicate alle civette. Attraverso le tecniche e i materiali più vari – vetrata, macramè, mosaico, video, cartapesta, stoffa, affresco, bronzo, tessitura, legno, gesso, polimaterici, bronzo, olio su tela – gli artisti offrono la loro interpretazione del tema della civetta con uno sguardo ora ironico, ora incantato, ora surreale, ora evocativo, ora poetico ed una settantina di civette popolano così gli ambienti della Casina e la sua dépendance. (casina delle civette)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume di Lauretta Colonnelli

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

campidoglioRoma Venerdì 27 gennaio ore 17 Sala Pietro da Cortona Palazzo dei Conservatori, Musei Capitolini Piazza del Campidoglio Presentazione del volume CINQUANTA QUADRI I dipinti che tutti conoscono. Davvero? di Lauretta Colonnelli Clichy Edizioni Intervengono con l’autrice Marina Mattei, Maria Grazia Bernardini.
Lauretta Colonnelli esamina in questo volume i dipinti più popolari, quelli che sono sempre sotto gli occhi di tutti: nella pubblicità, sulle scatole dei cioccolatini, sui poster, sulle copertine dei libri, nelle vetrine dei negozi. Immagini familiari, ma che pochi riconoscono come capolavori della storia dell’arte. Quasi nessuno ricorda che i due angioletti imbronciati presenti in quasi tutti i negozi per bambini furono dipinti da Raffaello ai piedi della sua Madonna Sistina. Tutti riconoscono la Gioconda di Leonardo, ma in molti sono convinti che sia dipinta su tela e che la Francia dovrebbe restituirla ai musei italiani, ai quali sarebbe stata sottratta da Napoleone. Siamo sicuri che a Tamara de Lempicka bastò una manciata di lezioni per imparare a dipingere? E quanti sono al corrente del segreto nascosto nel naso spaccato di Federico da Montefeltro, duca di Urbino, ritratto da Piero della Francesca? L’autrice raccoglie cinquanta di questi capolavori. Di ognuno racconta la storia, la vita dell’autore, e i particolari che si celano dentro l’immagine.
Lauretta Colonnelli, nata a Pitigliano (GR), vive e lavora tra Roma e Firenze. Giornalista all’Europeo e dal 1996 alla sezione culturale del Corriere della Sera. Tra le pubblicazioni recenti:Gli irripetibili anni ’60 a Roma (Skira, 2011), Conosci Roma? (Edizioni Clichy 2013), Conosci Roma? Secondo volume (Edizioni Clichy 2014), due saggi in cui esplora attraverso mille domande e mille risposte i segreti della Città Eterna. Nel 2015 ha pubblicato, sempre con Clichy,La tavola di Dio, un saggio sui dipinti che rappresentano l’ultima cena dai primordi del cristianesimo fino a oggi.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In questo paese non esiste prevenzione!

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

vigili-fuocoAncora impegnati nei soccorsi nel pescarese ma dopo giornate estenuanti di lavoro, non ce la facciamo a stare zitti proprio per rispetto della popolazione di questo territorio e di chi ancora vive in una situazione di estremo disagio.
Abbiamo atteso che la fase acuta dell’emergenza che ogni giorno colpisce il nostro paese si mitigasse per inviare una lettera al presidente della repubblica, perché è inconcepibile dichiarare di avere una macchina del soccorso, quando poi dobbiamo attendere mezzi speciali che arrivano da mezza Italia, impiegando pochi uomini già provati da turnazioni ininterrotte.Riteniamo assolutamente indispensabile un tavolo di discussione sulla pianificazione del soccorso e delle successive attività di protezione civile, con la presenza del presidente della repubblica e la partecipazione del Corpo nazionale VV.F., perché le condizioni in cui operano i Vigili del Fuoco in questi ambiti sono centrali.L’USB VV.F. ritiene sia arrivato il momento di una svolta concreta e radicale e che non sia più accettabile giustificare sempre tutto con l’“eccezionalità “ degli eventi: di eccezionale ci sono solo i tagli al soccorso.
Più di tre quarti della superficie di questo paese sono occupati da montagne e colline (75,8%) con frequenti alluvioni, frane ed incendi, vulcani ancora attivi e spesso forti terremoti: tutti questi eventi non possono essere classificati come “eccezionali”.
I ritardi nei soccorsi registrati in questi giorni di reale emergenza sono anche frutto di una mancata diffusione territoriale dei centri di soccorso. E’ inaccettabile attendere ore ed ore per ricevere il necessario aiuto, anche in situazioni eccezionali come quelle di questi giorni.L’USB è pronta a discutere ed illustrare le condizioni della prevenzione e del soccorso in Italia alla massima autorità dello stato: ma è importante intervenire immediatamente e non quando i riflettori di stampa e televisione si saranno spenti.
Riteniamo assolutamente necessario avviare un confronto serrato nel paese sul tema della prevenzione prima ancora che dell’intervento di emergenza. Un mutamento culturale radicale che parta ora e che si sviluppi nel tempo, che sia risolutivo, per dare gambe al progetto di prevenzione nel nostro paese: lo dobbiamo a chi purtroppo non riusciamo a salvare, lo dobbiamo alle nostre coscienze!

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sul terremoto: facciamo chiarezza

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

APTOPIX Italy Quakedi Laura Castelli I soldi del terremoto non sono spariti, sono parcheggiati, ostaggio della burocrazia. Il MoVimento 5 Stelle ha sempre detto la verità, e mai ha affermato che il Governo abbia fatto sparire i soldi. Lo chiarisco perché qualcuno in queste ore ha provato a manipolare l’informazione. Quattro giorni fa abbiamo chiesto al Governo perché i soldi donati dagli italiani, alle popolazioni colpite dal terremoto, siano fermi in un conto del Tesoro. Soldi fermi per colpa di un “protocollo” che li destina alla ricostruzione e che di fatto verranno usate non prima di un anno. Si, perché questi 28 milioni raccolti tramite sms e bonifici, per protocollo, non si possono usare per le emergenze. Ma se ci pensate bene, che assurdità. I politici che stipulano “protocolli” di questo genere sono lontani dalla vita reale. Nessuna persona “normale” stipulerebbe un contratto del genere permettendo a 28 milioni di arrivare dopo così tanto tempo.
Questi soldi non sono spariti, ma sono FERMI. Così come sono fermi i soldi del decreto terremoto destinati a scuole, lavoratori e vigili del fuoco. Io Stato fermo quando fuori dai palazzi ci sono persone isolate dalla corrente elettrica per settimane, senza acqua calda, costretti a vivere in situazioni ingenti, vedendo i loro animali morire di freddo perché senza cibo e coperture.
L’emergenza è adesso e si deve provvedere adesso. La solidarietà degli italiani è grande e non deve essere frenata dalla burocrazia.
Con questo ribadiamo che non vogliamo fare polemica ma essere costruttivi, pratici e veloci. Queste devono essere le parole d’ordine di uno Stato in emergenza. (fonte blog di Grillo)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ART IN TOKYO – Complex665, il nuovo distretto dell’arte di Roppongi

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

koto-shohiTokyo 6-5-24, Roppongi, Minato-ku, Nel quartiere di Roppongi apre il nuovissimo Complex665. Un complesso che contribuirà alla creazione del nuovo distretto dell’arte di Roppongi insieme al Mori Art Museum, il Suntory Museum of Art e il New Museum of Modern Art e le altre gallerie della zona. Si tratta di una galleria di 943 metri quadri su tre piani. A soli tre minuti a piedi dall’uscita 3 della stazione di Roppongi. Accoglie numerose gallerie d’arte contemporanea, come Tomio Koyama Gallery, ShugoArts e Taka Ishii Gallery, che ospiteranno diversi artisti durante tutto l’anno.
Tra le mostre in programma, “Mori X” di Shigeyo Toya presso ShugoArts fino al 5 febbraio 2017 e Varda Caivano presso Tomio Koyama Gallery fino al 4 febbraio 2017.
KOTO-SHOHI, da Tokyo il neologismo che è sinonimo del nuovo lusso nell’esperienza di viaggio E’ un cambio di guardia importante quello che sta affermandosi sempre più come mega-trend nei nuovi costumi del viaggiatore, tanto da far nascere un neologismo: koto-shohi, che significa letteralmente “consumo o accumulo di esperienze” e si contrappone al mono-shohi il “consumo o accumulo di oggetti”.
I viaggiatori oggi tendono a privilegiare sempre più l’esperienza fatta in loco rispetto all’acquisto da “portare a casa”, si privilegia la qualità, il valore aggiunto, l’evento speciale o esclusivo. Il “koto-shohi” a Tokyo è anche sinonimo di lusso, di esperienza singolare o assoluta. Così, i grandi Hotel hanno ampliato l’offerta delle “esperienze” dedicate ai turisti per offrire il meglio della cultura tradizionale del paese. Fra le offerte più esclusive quelle dedicate ai gourmand che desiderano avvicinarsi alla cultura culinaria giapponese di tradizione: il ristorante di cucina giapponese e tenpura Yamazato, gestito direttamente dall’Hotel Okura Tokyo, organizza il corso Japanese Table Manners Lessons, che consente agli ospiti di conoscere le raffinate e sofisticate buone maniere giapponesi per stare a tavola, esperienza singolare che unisce il “savoir-vivre” alla degustazione della tradizionale cucina Kaiseiki.
Dal galateo a tavola alla creazione di origami l’esperienza si fa davvero unica, presso l’Hotel Okura Tokyo si impara l’arte di piegare la carta con gli esperti dell’istituto Ochanomizu Origami Kaikan, e il corso è arricchito da un pranzo con menù giapponese.
Il Keio Plaza Hotel Tokyo organizza per gli amanti del sake alcuni tour privati e personalizzabili (anche con servizio in limousine) presso le aziende produttrici della tradizionale bevanda, nell’area di Tama, nelle vicinanze della capitale. I tour includono, inoltre, escursioni a musei dedicati alla storia del sake. Per gli appassionati del tè verde matcha è possibile prendere parte a cerimonie del tè private, anche presso la bellissima sala Sho-Fu-An all’interno dell’Hotel. E sempre al Keio Plaza i viaggiatori possono prendere parte ai laboratori di arpa giapponese koto o di ikebana. Anche l’Hotel Chinzanso Tokyo offre esperienze di cerimonia del tè presso il loro storico giardino in stile tradizionale a cui partecipano più di 400 persone. Sempre presso l’Hotel Chinzanso Tokyo, è possibile indossare kimono tradizionali con l’assistenza di personale specializzato nella vestizione del costume tradizionale, l’esperienza, in questo caso è senz’altro quella di indossarlo per recarsi a cena o ad una performance di teatro kabuki. (foto: KOTO-SHOHI)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le speranze d’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

appuntamenti-rubettinoRoma Martedì 24 gennaio, ore 17.00 Istituto Luigi Sturzo Palazzo Baldasini – Sala Perin del Vaga Via delle Coppelle 35 Presentazione del volume di Roberto Ducci Le speranze d’ Europa Rubbettino Editore a cura di Guido Lenzi. (appuntamenti rubettino)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il sistema bancario internazionale naviga pericolosamente a vista

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

World_BankDi fronte alle crisi bancarie che investono di volta in volta differenti Paesi della zona euro, la cosa peggiore, e suicida, che l’Unione europea possa fare sarebbe di trattarle come mere questioni nazionali. Oggi sembra toccare all’Italia, domani chissà.
Ne è prova il fatto che le autorità preposte, a cominciare dalla Banca centrale europea, dalle banche centrali nazionali e dalla Commissione europea, navigano a vista, senza una chiara politica. Non si tratta, infatti, di tamponare gli effetti finanziari ed economici della grande crisi globale, ma di approntare misure che neutralizzino in modo definitivo la finanza della speculazione senza regole e che rimettano in moto lo sviluppo produttivo.
Gli attuali grandi problemi del sistema bancario italiano hanno due nomi: crediti inesigibili per oltre 200 miliardi di euro e gravissime responsabilità degli amministratori delle banche e degli organi di controllo della Banca d’Italia.
Il primo problema, ovviamente, è in gran parte dovuto agli effetti della crisi globale, che ha portato ad una drastica diminuzione nelle produzioni, nei commerci e nei consumi. Ciò ha messo molti imprenditori in ginocchio, rendendoli impossibilitati a mantenere la regolarità dei pagamenti e dei rimborsi per i prestiti precedentemente chiesti ed ottenuti.
Per il secondo problema si dovrebbe invece mettere sotto i riflettori le banche e soprattutto la Centrale Rischi della Banca di’Italia. Come è noto, le banche e le società finanziarie devono comunicare mensilmente alla Banca d’Italia il totale dei crediti verso i propri clienti, sia i crediti superiori a 30.000 euro che i crediti in sofferenza di qualunque importo. Il compito primario della Centrale Rischi è quello di valutare i crediti concessi per rafforzare la stabilità del sistema bancario. Si sottolinea inoltre che dal 2010 essa scambia queste informazioni con le altre banche centrali europee e con la Bce.
Come è possibile, dunque, che, sia a livello nazionale che a livello europeo, siano stati permessi e tollerati prestiti e altre operazioni finanziarie che, stranamente solo oggi, scopriamo essere ad altissimo rischio?
Comunque nel sistema europeo vi sono molte altre anomalie che meritano attenzione ed interventi correttivi. L’Autorità bancaria europea, per esempio, oggi giustamente analizza criticamente i crediti concessi dalle banche ma, nel contempo, permette un leverage altissimo per le banche. Permette cioè che siano sufficienti tre (3) euro di capitale per creare finanza per 100. Permette anche che certe attività finanziarie, come i cosiddetti asset di terza categoria, che sono in gran parte derivati asset backed security, trattati e tenuti fuori mercato e quindi con un valore altamente incerto, vengano contabilizzati dalle banche secondo criteri interni molto convenienti alle stesse.
Dopo il 2008 dovrebbe essere ovvio tener conto del fatto che l’intero sistema bancario internazionale è profondamente interconnesso e perciò pericolosamente esposto al contagio e a crisi sistemiche. Eppure Bruxelles, Francoforte, e spesso anche Berlino e Parigi, preferiscono, sbagliando, l’approccio nazionale a quello europeo. In questo modo si rischia di giocare al massacro.
Ce lo ricorda anche l’Office of Financial Research (OFR), l’agenzia del ministero del Tesoro americano, creata nel 2010 dalla legge di riforma finanziaria, la Dodd-Frank, con il compito di studiare i lati oscuri del sistema finanziario allo scopo di ridurne i rischi.
Nell’ultimo rapporto dello scorso dicembre l’OFR ammonisce che le banche americane di importanza sistemica si sono esposte per oltre 2 trilioni di dollari nei confronti dell’Europa, di cui circa la metà in derivati otc tenuti fuori bilancio.
Quando Wall Street e le banche americane vendono derivati lo fanno per proteggersi da eventuali fallimenti; quando invece li acquistano esse offrono una copertura a eventuali crisi di altre banche. In questo caso di quelle europee.
Consapevoli delle difficoltà bancarie in Europa, gli Usa hanno lanciato questo allarme. L’OFR ne ne lancia anche un altro tutto interno al sistema di Wall Street. Avvisa che già alla fine del 2015 anche le assicurazioni americane sulla vita hanno abbondantemente superato i 2 trilioni di dollari in derivati finanziari. Il 60% di tale “montagna” sarebbe stato sottoscritto soltanto dalle 9 maggiori banche americane ed europee, quelle too big to fail: Goldman Sachs, Deutsche Bank, Bank of America, Citigroup, Credit Suisse, Morgan Stanley, Barclays, JPMorgan Chase e Wells Fargo. L’allarme non è da sottovalutare, si ricordi che soltanto l’AIG, il gigante delle assicurazioni, a suo tempo dovette essere salvato con 182 miliardi di soldi pubblici!Anche in questo caso si evince la urgenza di rispondere alla globalizzazione dei mercati finanziari e del sistema bancario con regole globali e condivise. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conti pubblici: rischio manovra aggiuntiva

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

commissione europea“La Commissione europea ha appena chiesto all’Italia di correggere il rapporto tra deficit/Pil previsto per il 2017 di due decimali, circa 3,4 miliardi di euro. Ma, purtroppo, non è tutto: i governi Renzi e Gentiloni si sono impegnati a fare con Bruxelles, da qui al 2019, manovre 10 volte più pesanti. Altro che la manovrina delle prossime settimane, nei prossimi due anni l’Italia dovrà correggere i propri conti di circa 30-35 miliardi di euro”.Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
“Una promessa, presente nel ‘Documento programmatico di bilancio 2017’, che Renzi-Padoan avevano inviato alla Commissione Ue a metà ottobre. Da qui al 2019 l’Italia dovrà correggere il rapporto deficit/Pil di 1 punto, pari a circa 16-17 miliardi di euro. Sempre nello stesso arco temporale il governo dovrà neutralizzare clausole di salvaguardia per un totale di 15-16 miliardi di euro: totale, 30-35 miliardi di euro. Una cifra monstre che fa impallidire la ‘piccola’ correzione (3,4 mld) chiestaci pochi giorni fa dall’Europa.Qual è l’analisi politica da fare? Molto semplice. Prima o poi i nodi vengono al pettine. Renzi ha portato avanti, per oltre mille giorni, una politica economica sciagurata, fatta di bonus e mance, senza un preciso disegno strategico ma con il solo obiettivo di raccattare voti e imbonirsi categorie professionali o di popolazione. E Padoan, in modo irresponsabile, gli ha permetto tutto questo.Adesso ci aspettiamo, anche in questo campo, discontinuità da parte del governo Gentiloni. Serve una nuovo politica economica, serve senso di responsabilità, serve confronto con il Parlamento, servono risposte serie e sostenibili”, conclude Brunetta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Europeans and Uncle Trump: a risk and an opportunity/Les Européens face à l’Oncle Trump : un risque et une opportunité

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

trumpDonald Trump’s election is at once a risk and a geopolitical opportunity for the EU. The EU will be able to benefit from it on condition that its member states and its citizens seize that opportunity in a spirit of cooperation and of solidarity rather than by vainly vying for the favours of a partner which is in any case likely to direct its gaze elsewhere in the future even more than it has done in the past.
This tribune by Enrico Letta, Yves Bertoncini and members of our Board of directors was published on Euractiv.com, Euractiv.de, in Le Figaro and El País.
Tribune par Enrico Letta, Yves Bertoncini, Erik Belfrage, Joachim Bitterlich, Jean-Louis Bourlanges, Laurent Cohen-Tanugi, Nicole Gnesotto, Elisabeth Guigou, Eneko Landaburu, Riccardo Perissich, Maria João Rodrigues, Javier Solana, Christian Stoffaës
Texte intégralTexte intégral. L’élection de Donald Trump constitue à la fois un risque et une opportunité géopolitique pour l’UE : elle pourra en tirer bénéfice si ses États membres et ses citoyens, en étudiant les causes et les conséquences de cet événement, s’en saisissent dans un esprit de coopération et de solidarité, plutôt qu’en se disputant en vain les faveurs d’un partenaire qui devrait demain regarder ailleurs plus encore qu’hier.
Cette tribune d’Enrico Letta, Yves Bertoncini et de membres de notre Conseil d’Administration a été publiée par Euractiv.com, Euractiv.de, Le Figaro, El País. (photo: trump)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Giorgio Castelfranco

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

castelfrancoFirenze, Sala del Camino, Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi 24 gennaio – 26 febbraio 2017 Inaugurazione Lunedì 23 gennaio 2017 ore 17.30In occasione della Giornata della Memoria 2017, l e Gallerie degli Uffizi hanno organizzato una mostra e una giornata di studio e ricordo intitolate Giorgio Castelfranco (1896-1978): curatore, mecenate, difensore d’arte. Giorgio Castelfranco, protagonista della salvaguardia del nostro patrimonio in anni di barbarie: funzionario dell’allora Soprintendenza, quale direttore delle collezioni di Palazzo Pitti, vittima delle leggi razziali, clandestino operatore per la libertà del Paese e per l’integrità del suo patrimonio artistico, conoscitore, fautore e mecenate dell’arte contemporanea.
La mostra – curata da Claudio Di Benedetto – ospitata nella Sala del Camino della Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi dal 24 gennaio al 26 febbraio 2017 , vuole mettere in luce il rapporto fra Castelfranco e l’arte contemporanea e, in particolare, Giorgio De Chirico del quale fu oltre che amico, mecenate e collezionista. Di De Chirico saranno esposte in mostra – in prestito da Casa Siviero – Alexandros, Ritratto di Elide e Ritratto di Matilde Forti, che di Castelfranco fu la moglie.La giornata di studi, che avrà luogo lunedì 23 gennaio 2017 dalle ore 9.30 alle ore 13 nella Sala di San Pier Scheraggio , vedrà coinvolte e protagoniste assieme alle Gallerie degli Uffizi altre pregevoli istituzioni: la Regione Toscana, la Comunità ebraica fiorentina, la Harvard University-Villa I Tatti, l’Istituto storico della Resistenza in Toscana, il Centro di Documentazione Storico-Etnografica (CEDSE). Gli interventi saranno numerosi e affronteranno i molteplici aspetti della personalità e della storia di Giorgio Castelfranco: il suo grande impegno in ambito politico – civile (definito da Siviero “eroismo morale”), la sua attività nel settore della tutela, la sua passione per l’arte contemporanea [ Paola Nicita, Introduzione a Giorgio Castelfranco e al suo impegno per la tutela; Marta Baiardi, Giorgio Castelfranco e la sua famiglia: pericoli e vie di fuga sotto le persecuzioni intervista a Sonia Oberdofer, nipote di Giorgio Castelfranco (audiovisivo); Attilio Tori, Giorgio Castelfranco, mecenate e collezionista; Alessia Cecconi, Giorgio Castelfranco e la tutela negli anni 1943-1944; Francesca Cavarocchi, Giorgio Castelfranco e il recupero delle opere d’arte al Collecting Point di Monaco di Baviera (1946-1948); Emanuele Greco, Giorgio Castelfranco studioso e didatta: riflessioni dalla riedizione della “Pitturamoderna” (1934)].Alle ore 17.30 dello stesso 23 gennaio, nella Sala del Camino della Galleria delle Statue e delle Pitture avrà luogo l’inaugurazione della mostra. (foto: castelfranco)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro di Tania Crasnianski “I figli dei nazisti”

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

i-figli-dei-nazistiBompiani Collana Overlook, pag. 268, € 18.00 Traduzione di Francesco Peri. In libreria dal 25 gennaio 2017. Un saggio che racconta in otto storie esemplari la vita dei figli dei fedelissimi di Hitler, nati tra il 1927 e il 1944 e vissuti in un’infanzia dorata, garantita loro da padri pressoché onnipotenti. Molti hanno scoperto la verità sui propri genitori solo dopo la fine della guerra. Le reazioni sono state le più diverse: c’è chi, come la figlia di Himmler, ha dedicato la propria vita alla riabilitazione della figura paterna o chi, come il figlio di Höss, è diventato un fiero negazionista; ma anche chi, come Rolf Mengele, ha deciso di cambiare il proprio cognome per non tramandare ai figli la vergogna, o chi ha scelto la via della fede, diventando missionario o convertendosi all’ebraismo.“Un debutto riuscito su un soggetto particolarmente scabroso.” Le Figaro
Gudrun, Edda, Martin, Niklas e gli altri… Figli di padri che si chiamano Himmler, Göring, Hess, Frank, Bormann, Höss, Speer e Mengele. Cresciuti nel silenzio, sono le figlie e i figli dei criminali che hanno scritto il capitolo
più buio della nostra epoca. Le loro storie, pero, non coincidono con la Storia.
Per alcuni di loro Hitler era “lo zio Adolf” e i sinistri consessi delle SS un caldo ambiente familiare. Si chiamano Himmler, Göring, Hess, Frank, Bormann, Höss, Speer e Mengele. Cresciuti nel silenzio, sono le figlie e i figli dei gerarchi nazisti che hanno scritto il capitolo più buio della nostra epoca. Nati tra il 1927 e il 1944, sono stati bambini come gli altri solo in apparenza. Hanno vissuto infanzie dorate al riparo dalla guerra, in case protette o sul massiccio dell’Obersalzberg, vicino allo chalet del Führer, ed erano ancora giovanissimi quando la Germania capitolò, sconvolgendo le loro vite. Nessuno di loro seppe mai la verità direttamente dai genitori: la appresero solo dopo la guerra. Con una prosa accattivante e rigorosa, priva di giudizi morali, questo libro racconta le loro vite, i rapporti familiari e affettivi, percorsi drammatici segnati da scelte radicali, talvolta inaspettate, mai neutre. Alcuni si sono sentiti
amati dai genitori, soprattutto i figli maschi e le figlie uniche come Gudrun Himmler, Edda Göring o Irene Rosenberg. Queste ultime, divenute donne, sono rimaste vicine a posizioni filonaziste e hanno finito per vivere nel culto del padre. Altri, come Rolf Mengele, figlio dell’“angelo della morte”, hanno deciso di cambiare cognome per non tramandare ai figli la vergogna. C’è chi ha scelto la via della fede, diventando missionario o convertendosi all’ebraismo. Tutti sono accomunati dalla gravosa eredità che sono stati obbligati a gestire: con una società che li ha moralmente ripudiati, con i propri cari e soprattutto con se stessi. Tania Crasnianski, franco-tedesca ma con origini russe, è avvocato penalista. Vive tra la Germania, Londra e New York. “I figli dei nazisti” è il suo primo libro. (foto: i figli dei nazisti)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ciclo seminari per studenti scuole pubbliche

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

parma universitàParma 25 gennaio – 1 marzo 2017 Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12). Il ciclo di seminari si aprirà con un incontro tenuto dalla prof.ssa Stefania Mazza che riporterà testimonianze su detenzione e reinserimento sociale. Il secondo seminario sarà tenuto dal prof. Giacomo Degli Antoni e approfondirà la relazione tra reddito e felicità; l’incontro, che proporrà spunti teorici e dati empirici, prenderà avvio dal Paradosso di Easterlin, secondo cui alla crescita del reddito all’interno di un Paese non sempre corrisponde una crescita della felicità dei residenti. La terza giornata, prevista per l’8 febbraio, vedrà il prof. Luca Ghidoni illustrare il recente caso degli embrioni scambiati per approfondirne le delicate problematiche etiche e giuridiche. Nell’incontro del 17 febbraio il prof. Emanuele Castelli affronterà il tema della primavera araba, analizzando l’attuale situazione dei Paesi interessati dal fenomeno. Il 20 febbraio il prof. Stefano Putinati prenderà le mosse da un caso giudiziario concreto per mettere a fuoco i rischi e le ricadute giuridiche generati dall’uso dei ‘social network’. Il ciclo di seminari si chiuderà il 1° marzo con la relazione della prof.ssa Vincenza Pellegrino, che presenterà alcune storie di richiedenti asilo, descrivendone le principali rotte migratorie. Calendario degli incontri:
Mercoledì 25 gennaio 2017, Aula B, ore 14-16: Uno sguardo dentro al cercare: testimonianze sulla detenzione (prof.ssa Stefania Mazza)
Martedì 31 gennaio 2017, Aula Magna, ore 10-11: La relazione tra reddito e felicità: riflessioni a partire dal Paradosso di Easterlin (prof. Giacomo Degli Antoni)
Mercoledì 8 febbraio 2017, Aula Magna, ore 10-11: Medicina e diritto: il caso degli embrioni scambiati (prof. Luca Ghidoni)
Venerdì 17 febbraio 2017, Aula Filosofi, ore 10-11: La primavera araba, sei anni dopo (prof. Emanuele Castelli)
Lunedì 20 febbraio 2017, Aula Magna, ore 10-11: Tecnologia e diritto: dalle chat al carcere (prof. Stefano Putinati)
Mercoledì 1° marzo 2017, Aula Magna, ore 10-11: «Prima di arrivare al Mediterraneo ho camminato 1 anno nel deserto»: storie di richiedenti asilo e analisi delle rotte migratorie (prof.ssa Vincenza Pellegrino)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proiezione di “Scaramouche”

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

scaramouchescaramouche1Torino Museo del cinema via Montebello 22 “Scaramouche” di George Sidney ( 23.01.2017, ore 15.30 – Bibliomediateca, Sala Incontri) Prosegue, nella sala incontri della Bibliomediateca Mario Gromo, la rassegna I MAESTRI DELL’AVVENTURA: un omaggio al grande cinema hollywodiano di avventure, con alcuni titoli classici che hanno fatto sognare e trasportato in mondi lontani e fantastici generazioni di spettatori. Dai Caraibi de Il corsaro dell’isola verde alla Florida di Tamburi lontani, dalla Francia di fine Settecento di Scaramouche al medioevo de I cavalieri della tavola rotonda, i quattro appuntamenti del lunedì propongono alcuni dei migliori film d’avventure realizzati nella prima meta degli anni Cinquanta, quando il cinema era davvero una straordinaria macchina dei sogni. Questa settimama è la volta di Scaramouche di George Sidney.
George Sidney Scaramouche (USA, 1952; 115’) André Moreau, figlio di nobile francese sconosciuto, non si interessa affatto di politica fino al momento in cui il suo amico Philippe de Valmorin, con cui è cresciuto, viene ricercato per reato contro i soldati del re. Nell’aiutare Philippe a fuggire da Parigi, André inizia la sua avventura. Gli dicono che il conte di Gavrillac è suo padre, poi lo scopre morto. Si innamora della bellissima figlia di Gavrillac, Aline, poi apprende che è sua sorella. Philippe viene ucciso dal famoso spadaccino Noel, mentre André è immobilizzato dalla punta della spada dell’amico di Noel. André riesce a fuggire e giura vendetta. Inseguito come traditore, egli trova rifugio in una compagnia di attori nella quale la sua fidanzata Lenore interpreta il ruolo di Colombina. Nelle vesti di pagliaccio Scaramouche, André ha un grande successo. Egli non è un buon spadaccino e prende lezioni dall’istruttore di Noel. Prima di aver raggiunto l’abilità necessaria per uccidere il suo nemico, il sotterfugio è scoperto da Noel e André sta per essere ucciso in duello. è pero salvato da Eline che, per ordine della regina Maria Antonietta, è fidanzata a Noel. Nella parte di Scaramouche André ritorna a Parigi per perfezionarsi nell’arte della spada e intanto ottiene molto successo in teatro accanto a Lenore. Sotto il suo vero nome, egli viene nominato deputato all’assemblea nazionale ed è incaricato di porre fine all’uccisone di personalità del popola da parte di alcuni nobili. Egli non vede l’ora di incontrarsi a duello con Noel ma i due vengono ripetutamente tenuti a distanza grazie all’intervento di Lenore e Aline, le quali temono ambedue per la vita di André. malgrado ciò i due riusciranno a sfidarsi, scoprendo infine il segreto dei natali di André.Regia: George Sidney; Soggetto: basato sul romanzo omonimo di Rafael Sabatini ; Sceneggiatura: Ronald Millar, George Froeschel; Fotografia: Charles Rosher; Scenografia: Cedric Gibbons, Hans Peters; Costumi: Gile Steele; Montaggio: James E. Newcom; Suono: Douglas Shearer; Musica: Victor Young; Interpreti e personaggi: Stuart Granger (André Moreau), Eleanor Parker (Lenore), Janet Leigh (Aline de Gavrillac), Richard Anderson (Philippe de Valmorin), Mel Ferrer (Noel, marchese di Maynes), Henry Wilkoxon (cavalier di Chabrillaine), Nina Foch (Maria Antonietta).
Tutte le proiezioni sono a ingresso libero fino esaurimento posti, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca e presentazione di un documento d’identità. (foto: Scaramouche)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinema: Facciamola finita

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

facciamola finita1.jpgfacciamola finita.jpgTorino 23 gennaio ore 21 sala tre cinema Massimo Via Verdi 18, La rassegna Home Vision(s) presenta la dissacrante commedia Facciamola finita di Evan Goldberg e Seth Rogen. Gli studenti universitari del gruppo MYLF (Movies You’ll Like Festival) proseguono la loro rassegna, questa volta celebrando la loro casa, la sala Tre del Cinema Massimo, con un ciclo dal titolo Home Vision(s) – Al cinema, comodo come a casa, che al tempo stesso vuole essere una riflessione e un confronto sul tema della Casa. A partire da un titolo che richiama il passato nostalgico delle VHS e della comodità da esse fornita, il gruppo propone un viaggio di casa in casa, di Paese in Paese, nella maniera più comoda e confortevole: la poltrona del cinema. Questa settimana sarà proiettata la divertentissima commedia apocalittica Facciamola finita di Evan Goldberg e Seth Rogen. Ingresso euro 3 a tutte le proiezioni.
Evan Goldberg/Seth Rogen Facciamola finita (This Is the End) (Usa 2013, 107’, DCP, col., v.o. sott.it.) La storia di sei amici intrappolati in una casa dopo una serie di avvenimenti strani e catastrofici che hanno devastato Los Angeles. Mentre fuori si assiste alla fine del mondo, in casa le poche provviste rimaste e la smania di uscire rischiano di mettere in crisi l’amicizia dei personaggi. Costretti ad abbandonare la casa, i sei affronteranno il loro destino sino a scoprire il vero significato delle parole amicizia e riscatto. (foto: facciamola finita)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politica strutturale per la riduzione dei rifiuti urbani

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

rifiutiRoma. Avviare una politica strutturale per la riduzione dei rifiuti urbani, coinvolgendo i residenti e le imprese di Roma Capitale, e promuovere l’aumento della raccolta differenziata sino al primo obiettivo del 65% della produzione totale per tendere così verso il traguardo ‘rifiuti zero’. Con questo duplice intento la Giunta Capitolina ha approvato una memoria che dà mandato all’assessora alla Sostenibilità AmbientalePinuccia Montanari di redigere un ‘Piano per la riduzione e la gestione dei materiali post consumo di Roma Capitale’. La realizzazione del Piano si fonda su alcune azioni di carattere programmatico:
– l’assegnazione di una Green Card ai residenti che consenta, in collaborazione con la rete produttiva delle piccole e medie imprese della città, di valorizzare i comportamenti virtuosi che contribuiscano alla riduzione dei rifiuti;
– un programma per la riduzione di imballaggi;
– la sottoscrizione di protocolli di intesa, tra l’amministrazione e le associazioni di categoria e le Onlus, che implementino la politica di lotta allo spreco alimentare;
– l’elaborazione di un piano dettagliato incentrato sul compostaggio domestico e di comunità;
– l’apertura delle fabbriche del riuso;
– riduzione dell’impatto ambientale dei prodotti utilizzati dai servizi di manutenzione del verde
– l’incentivo all’utilizzo di pannolini riutilizzabili;
– l’estensione del sistema di raccolta porta a porta per utenze domestiche e non domestiche;
– la costruzione di nuovi Centri di Raccolta municipali di rifiuti urbani;
– il miglioramento del sistema di raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti ni mercati rionali, tramite il progetto ‘Mercati a impatto zero’;
– l’implementazione della raccolta differenziata in scuole ed edifici pubblici
– sviluppare un piano di raccolta dei piccoli rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in sinergia con le associazioni di categoria delle imprese;
– un piano di valorizzazione di metalli di produzione domestica anche attraverso nuovi centri di raccolta pubblici dedicati;
– la riduzione di rifiuti dal settore edile abbandonati sul territorio e ricadenti nel novero di quelli urbani a carico di Roma Capitale, attraverso un progetto di raccolta capillare che preveda la partecipazione dei magazzini;
– un progetto di recupero degli oli vegetali, altamente inquinanti, attraverso il posizionamento in aree pubbliche di contenitori per la raccolta dedicata;
– la promozione dell’acqua del rubinetto, mediante il ‘Progetto Acqua della Sindaca’;
– il perseguimento della politica del Green Public Procurement negli appalti pubblici.
Un’altra leva decisiva per lo sviluppo del Piano risiederà in una ‘due diligence’ di Ama, con l’obiettivo di definire lo stato dell’arte aziendale al ‘punto 0’ della nuova gestione. La logistica aziendale verrà, inoltre, ottimizzata attraverso un’articolazione per municipio delle divisioni operative, mediante la razionalizzazione dei costi di trasporto e riducendo le emissioni inquinanti dei mezzi e l’impatto della flotta sul traffico.
Verranno, infine, individuati novi segmenti di mercato, in termini territoriali, e nuovi prodotti, in termini di tipologia di servizio reso, che valorizzino la cultura, le risorse umane e l’esperienza tecnico-gestionale, generando flussi finanziari che migliorino l’assetto del Bilancio di Ama.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Punti Roma Facile: costituito il Coordinamento Operativo dei Municipi

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

sanità-digitaleRealizzare in ogni Municipio un Punto Roma Facile per migliorare le competenze digitali dei cittadini e supportarli gratuitamente nell’utilizzo degli oltre 60 servizi online del Comune di Roma, ora accessibili anche attraverso SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale: con questo obiettivo l’Assessorato Roma Semplice ha costituito il Coordinamento Operativo dei Municipi per i Punti Roma Facile.
Ciascun Municipio individuerà sul proprio territorio uno spazio idoneo per l’attivazione di nuovi punti di accesso assistiti a sostegno dell’inclusione digitale che si aggiungeranno a quelli già aperti lo scorso novembre presso la Biblioteca Vaccheria Nardi e la Biblioteca Guglielmo Marconi.A partire dal 26 gennaio, all’attività di facilitazione digitale dei cittadini si affiancherà l’avvio di un ciclo di seminari gratuiti aperti al pubblico per promuovere la diffusione della cultura digitale e l’uso consapevole della Rete e delle nuove tecnologie. Al programma hanno già aderito l’Agenzia per l’Italia Digitale, l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, la Questura di Roma e gli uffici di Roma Capitale, oltre ad associazioni impegnate sul tema e aziende di primario rilievo internazionale.
Il primo seminario si terrà il 26 gennaio alle ore 17.00 presso il Punto Roma Facile nella Biblioteca Guglielmo Marconi sul tema “Diventare cittadini e cittadine digitali: conoscere e utilizzare al meglio i servizi dell’amministrazione pubblica on line”.I successivi incontri riguarderanno “Alfabetizzazione digitale: competenze, conoscenze e consapevolezza” e “Educazione civica digitale: guida a un uso responsabile della rete”. Il calendario degli appuntamenti e contatti disponibili sul sito istituzionale di Roma Capitale.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma ricorda partigiani Gori e Righi, desaparecida Erize, architetto Ersoch e musicista Urbani

Posted by fidest press agency su domenica, 22 gennaio 2017

campidoglioRoma, Presto a Roma nasceranno quattro luoghi che avranno i nomi di personalità che alla Capitale hanno donato, seppur in forme diverse, il proprio contributo. La Giunta capitolina ha approvato oggi una memoria per l’intitolazione di nuove aree in tre Municipi di Roma: il II, il VI e il XIV.In particolare nel II Municipio, all’interno di Villa Borghese e lungo viale degli Ippocastani nascerà “Largo Gioacchino Ersoch: Architetto del Comune di Roma (1815-1902)”. Ersoch negli anni realizzò numerosi progetti di opere urbanistiche come la fontana con l’orologio ad acqua e la vicina Casina oltre a condurre i lavori di emersione di una parte dell’Ara Pacis e il Mattatoio di Testaccio.
Nel VI Municipio invece sorgerà “Parco Marie Anne Erize: Desaparecida (1952-1976)” compreso tra Via Amico Aspertini e Via Tor Bella Monaca. Erize, argentina impegnata profondamente nel sociale, abbandona la professione di modella per dedicarsi all’aiuto degli immigrati. Nel 1973 diviene attivista nel movimento peronista Montoneros. A seguito del colpo di stato del 1976 fu sequestrata e scomparse. Nel 2000 il principale imputato dell’assassinio, l’ex maggiore Jorge Olivera, fu bloccato a Roma mentre si trovava in vacanza.
Due le intitolazioni che invece sorgeranno nel XIV Municipio: “Giardino Massimo Urbani: Musicista jazz (1957-1993)” e “Parco Guido Gori e Antonio Righi: Partigiani eroi della Resistenza (1943)”. Urbani, nato e vissuto nel quartiere di Monte Mario, studia il clarinetto a 11 anni e poi il sassofono con uno stile si rifà agli insegnamenti di Charlie Parker e Albert Ayler. Invitato da Enrico Rava in America, sparisce per alcuni giorni. La notte tra il 23 e il 24 giugno 1993 muore per collasso cardiocircolatorio. È considerato uno dei maggiori interpreti della storia del jazz. Il quartiere di Monte Mario è storicamente noto anche per la sua attività antinazifascista. Il 26 ottobre 1943 viene messo sotto assedio dalle SS e i partigiani Guido Gori e Antonio Righi, già arrestati il 24 ottobre vengono condotti poi verso la campagna per poi essere trucidati a colpi di mitra.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »