Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for 2 febbraio 2017

Nuove selezioni per il Festival Europeo: Fotografia, Fotomodelli, Fashion Design

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

tour-festival2tour-festival1Roma 16 Febbraio presso l’Hotel “Capannelle” in via Siderno, 37 dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e il 16 Marzo si continuerà con la città di Firenze presso l’hotel Londra in via Jacopo da Diacceto, 16/20 dalle ore 11:00 alle ore 13:00 il Festival Europeo gestito dalla società LEA EVENTS, diretto da Alexandra Titova, continua le selezioni per la seconda edizione che si terrà a Milano 2017.
Come sempre saranno presenti i quattro Direttori Artistici: Max Moor per i Fashion Designer, Danile Belli, vincitore della prima edizione a Cinecittà, per i Fotografi, Alexandra Titova per le Fotomodelle ed Erika Bucci per i Fotomodelli.
Ognuno si occuperà di selezionare i nuovi talenti per la seconda edizione del Festival Europeo: Fotografia, Fotomodelli e Fashion Designer. (comunicato stampa di Christian Flammia)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appuntamento con The Temper Trap

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

the-temper-trapRoma 6 febbraio 2017 al Qube di Roma, Via di Portonaccio, 212. Costo del biglietto 18 euro appuntamento con The Temper Trap. E’ la band di Dougy Mandagy, artefice di un pop rock potente e melodico, con più di un milione di dischi venduti in tutto il mondo e global hit come ‘Sweet Disposition’, ‘Science of Fear’ e ‘Need Your Love’. La band che ha conquistato in breve tempo ben otto Aria Music Awards, imponendosi come una delle band più acclamate dell’ultimo decennio, sul palco del Qube regalerà ai fan un concerto dedicato a vecchi e nuovi fan, con hit storiche e i brani dell’ultimo album Thick As Thieves, prodotto da Pascal Gabriel (Marina and the Diamonds, Goldfrapp) e Damian Taylor (the Killers, Björk): un lavoro importante che segna un ritorno al sound delle loro origini e che conferma le capacità musicali di un gruppo che ha ancora tanto da dire.
A distanza di quattro anni dall’ultimo eponimo album e dai concerti acclamati in patria a supporto dei Rolling Stones e Coldplay, The Temper Trap sono pronti per conquistare anche Roma. (foto: The Temper Trap)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs criticise member states slowness in setting up their PNR systems

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

european commissionCivil Liberties MEPs criticised on Tuesday EU countries for their slowness in setting up their national PNR systems. The new directive on the use of Passenger Name Records (PNR) for the fight against terrorism and other serious crime was approved in April 2016, following years of discussion among the co-legislators. Member States have until May 2018 to transpose it to national legislation.
According to the European Commission, at the end of 2016, only four countries had both functional or almost functional PNR systems in place as well as the necessary legislation providing for the collection or processing of the data. Twelve countries were in various stages of development, while the eleven remaining are still at a “relatively early stage”.The Commission has so far provided national authorities with €51.8 million of EU funds to develop PNR related projects and has proposed to provide an additional €70 million to continue assisting on the development of the national systems.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

F5 Networks nomina François Locoh-Donou nuovo Presidente e CEO

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

Locoh-Donou.pngLocoh-Donou succede all’attuale Presidente e CEO, John McAdam, che rimarrà nel Board of Directors fino al 3 aprile 2017, data in cui andrà in pensione. McAdam è entrato in F5 nel 2000 e lascia un’azienda da 2 miliardi di dollari di fatturato, con 49 delle aziende Fortune 50 fra i clienti e numerosi riconoscimenti da parte del mercato.”Sono onorato di assumere il ruolo CEO di F5″, ha detto Locoh-Donou. “Ho ammirato la gestione dei valori e della visione della società da parte di John e mi impegnerò per far crescere le persone di F5 e per ampliare le partnership della società e l’offerta di prodotti e servizi, in risposta alla crescente domanda di cloud e sicurezza da parte dei clienti di F5.” Locoh-Donou è stato Senior Vice President e Chief Operating Officer di Ciena. Prima di assumere questa carica, ha ricoperto posizioni di crescente responsabilità nella stessa azienda: è stato Senior Vice President Global Products Group; Vice President e General Manager, EMEA; Vice President, International Sales e Vice President, Marketing. Prima di Ciena, Locoh- Donou si è occupato di Ricerca e Sviluppo in Photonetics, una società di opto-elettronica francese.“François ha un’esperienza multidisciplinare e multinazionale, che va dallo sviluppo del prodotto alle operazioni di vendita”, ha detto McAdam. “La sua esperienza in Ciena dimostra una lungimiranza e una leadership nell’adattarsi all’evoluzione del mercato significative, senza compromettere il patrimonio tecnico della società e la sua cultura organizzativa.” Locoh-Donou è anche nell’advisory board di Jhpiego, un’organizzazione non-profit globale della filiale della Johns Hopkins University dedicata a fornire assistenza sanitaria alle donne e alle loro famiglie nei Paesi in via di sviluppo. Ha conseguito lauree in ingegneria presso l’Ecole Centrale de Marseille e Telecom ParisTech in Francia e un MBA alla Stanford Graduate School of Business. (foto: Locoh-Donou)

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Case automobilistiche europee: Le tecnologie per la guida assistita e autonoma offrono nuove opportunità di crescita

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

auto futuroI miglioramenti nei sensori per i sistemi avanzati di assistenza al conducente (ADAS, Advanced Driver Assistance System) danno slancio alle funzioni di automazione nei veicoli degli OEM automobilistici. Collaborando con i principali fornitori tecnologici nello spazio della guida autonoma, le case automobilistiche hanno l’opportunità di trasformarsi in fornitori di servizi di mobilità e di introdurre automobili autonome di livello 4 e 5 prima del previsto. Con diversi fornitori già al lavoro sugli aggiornamenti over-the-air, l’adozione di questa funzionalità è prevista prima del 2025, anche per le automobili convenzionali.“I veicoli diventeranno uno spazio vitale per l’intrattenimento, il lavoro e le comunicazioni, offrendo così un ambito d’azione per nuovi modelli di business basati sull’individualità”, afferma Anirudh Venkitaraman, analista di Frost & Sullivan. “L’obiettivo delle case automobilistiche di diventare leader di mercato in termini di introduzione e adozione di nuove tecnologie sarà raggiunto con l’introduzione di veicoli altamente autonomi.”
Il mercato europeo dei sistemi ADAS è ostacolato dalle legislazioni che ritardano l’introduzione di nuove tecnologie, dai requisiti di sicurezza che devono rispettare gli OEM e dall’elevato costo di tali sistemi – tutti motivi che limitano le applicazioni ai veicoli di fascia più alta. Tuttavia, man mano che i sensori e gli algoritmi diventano più ampiamente disponibili, i costi dei sistemi diminuiranno. I legislatori in tutto il Nord America e in Europa stanno inoltre lavorando attivamente per l’introduzione di normative favorevoli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Outlet Legale, la rete a servizio dei cittadini

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

rete contatti globaliLe potenzialità della rete e il mondo dell’e-commerce si mettono al servizio dei cittadini e attraverso il meccanismo consolidato del comparatore di prezzi e dell’attività di scouting, allargano la possibilità di trovare il professionista legale di fiducia. Da queste premesse nasce Outlet Legale, il primo comparatore di prezzi di studi legali in Italia; una vera e propria rivoluzione nella scelta dell’avvocato che mira a offrire professionalità e risparmio, qualità e competenza. Collegandosi al sito web di Outlet Legale, accessibile sia da computer sia da smartphone e tablet, l’utente può facilmente individuare la prestazione legale di cui ha bisogno e inoltrare la richiesta. Da questo momento inizia il processo di comparazione e scouting a opera dello staff di Outlet Legale. Un’attività rapida, personalizzata e conveniente. Infatti, bastano solo 48 ore per ricevere la segnalazione del professionista specializzato nell’ambito di materia richiesto e geograficamente più vicino. Esperienza e convenienza di prezzo sono immediatamente a disposizione dell’utente, il quale può risparmiare anche fino al 70% sulla media delle tariffe forensi sui più comuni servizi legali. Spesa garantita e nessuna sorpresa a portata di click. L’utente, infatti, non deve anticipare alcuna somma sulla parcella del legale, ma versa solo ed esclusivamente il prezzo del servizio di scouting erogato da Outlet Legale. Realizzato il contatto, il rapporto tra assistito e consulente è naturalmente diretto e senza alcuna mediazione. Se la prima ricerca non ha soddisfatto le aspettative Outlet Legale applica la formula “soddisfatti o rimborsati” e provvede, gratuitamente, a fare una nuova proposta.
Un servizio unico e innovativo pensato per mettere in comunicazione diretta i cittadini e i migliori professionisti legali presenti sul territorio italiano. Grazie a Outlet Legale è possibile risparmiare sulle consulenze senza venir meno in qualità ed efficienza. Per scoprire come funziona visitate il sito: http://www.outletlegale.com

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le illusioni del protezionismo e del mercantilismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

adam-smithAdam Smith (1723–1790), filosofo ed economista, si e’ rivoltato nella tomba a sentire le proposte protezioniste e mercantiliste del presidente degli USA, Donald Trump. La teoria del vantaggio comparato non e’ pane per Trump che dichiara “Dobbiamo proteggere i nostri confini dalle devastazioni di altri Paesi che fanno i nostri prodotti, che rubano le nostre aziende e distruggendo il nostro lavoro”. Forse Trump non sa che il 40% delle aziende, censite nella classifica Fortune 500, sono state fondate da immigrati o da figli di immigrati. Insomma il presidente Trump non crede ai vantaggi reciproci della libera circolazione delle persone, dei beni e dei servizi. Anche se alcuni settori dell’economia degli Stati Uniti sono stati danneggiati da un aumento degli scambi con la Cina, gli Stati Uniti hanno anche beneficiato largamente del basso costo dei beni di consumo importati dalla Cina e della possibilita’ di esportare in un mercato di grandi dimensioni e in rapida crescita.
Sembra di sentire alcuni politici nostrani che propongono di “produrre quel che mangiamo e mangiare quello che produciamo”. In questo modo si arriverebbe alla fame perche’ meta’ del frumento lo importiamo; ma la frase e’ bella e fa effetto, soprattutto sui sovranisti che sarebbero i nazionalisti di turno. L’autarchia non serve e pare che la memoria serva ancor meno salvo, poi, far pagare il prezzo di certe scelte agli ingenui di turno. Si ricordi “l’italianita’ di Alitalia” come e’ andata a finire: 7,4 miliardi a carico dello Stato (studio Mediobanca), cioe’ del cittadino contribuente e la “compagnia di bandiera” sempre sull’orlo del precipizio. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla Pontificia Università Lateranense si progetta la Chiesa di domani

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

lateranense_ingressoRoma dal 23 al 25 marzo a Roma le migliori pratiche per la Chiesa che cambia. “Dio è creativo, non è chiuso, e per questo non è mai rigido. Dio non è rigido!”: lo ha dichiarato con forza Papa Francesco nel settembre 2013, a pochi mesi dalla sua elezione al Pontificato.
Sono proprio queste le parole d’ordine che la Pontificia Università Lateranense, sotto la guida del rettore Magnifico Mons. Enrico Dal Covolo, ha intenzione di incarnare esplorando e raccogliendo percorsi nuovi di fare Chiesa, di viverla, di raccontarla e di costruirla.
“Quale Chiesa fra vent’anni?” è infatti è la domanda che lancia il primo Festival Internazionale della Creatività nel Management Pastorale, realizzato dalla Scuola Internazionale di Management Pastorale – il percorso di Alti studi per presbiteri, laici, religiosi, operatori ecclesiali e della pastorale creato due anni fa dalla Pontificia Università Lateranense – in collaborazione con Villanova University della Pennsylvania e con realizzazione formativa di Creativ.
A Roma fra il 23 e il 25 marzo giungeranno da tutto il mondo donne e uomini che si stanno impegnando nel rinnovamento della Chiesa Cattolica a partire dal cambiamento concreto delle pratiche, realizzando quell’inculturazione del Vangelo che è primo strumento di evangelizzazione esplorando e raccogliendo percorsi innovativi di fare Chiesa, di viverla, di raccontarla e di costruirla, con la profondità e la passione della PUL che ha il mandato di ricercare “la Sapienza secondo Cristo”.
Gli obiettivi del festival sono ambiziosi: esplorare nuovi modelli di Chiesa e best practices ecclesiali; capire quale possa essere la miglior riorganizzazione della chiesa diocesana sul territorio; porre il tema della nuova collaborazione fra Ordini religiosi e vita secolare nel rispetto reciproco; dialogare sulla valorizzazione del ministero sacerdotale ordinato e la corresponsabilità dei laici; accogliere come prioritaria la costruzione della sinodalità nelle chiese locali, per realizzare a tutti i livelli lo spirito della parresia che ha impostato i lavori dei Sinodi straordinari voluti ancora da Papa Francesco.
L’evento ha proposte e numeri invitanti: tre conferenze pluriprospettiche per comunicare in profondità contenuti e fertilità di vedute con 18 ospiti internazionali; tre Dialoghi con personaggi significativi che diano voce a testimoni con punti di vista profetici; 18 tavoli della corresponsabilità aperti alla creatività dei partecipanti insieme ai 38 open lighting talk; saranno offerti inoltre 30 workshop e 15 talk, lezioni interattive aperte tenute da ricercatori d’avanguardia provenienti da Cile, Australia, Olanda, Germania, Italia, USA, Kenya, Spagna da cui scaturiranno stimoli, casi di studio, approfondimenti che permetteranno ai partecipanti di immaginare e generare percorsi nuovi e spazi di scambio innovativo insieme allo spazio dedicato a 45 tavoli delle best practices in ambito ecclesiale.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Capitale Italiana della Cultura 2018 sarà Palermo

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

capitale-culturaPalermo L’ufficialità è stata data dal ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nella Sala Spadolini del ministero a Roma, al termine dei lavori della giuria di selezione.«Innanzitutto i complimenti e le congratulazioni alla città vincitrice Palermo. Vince la Sicilia comunque. Abbiamo realizzato un progetto di rilancio e di rivoluzione culturale con passione e impegno, siamo arrivati in finale, a dimostrazione della credibilità e serietà del lavoro fatto. Ci siamo ritrovati nella motivazione al premio. Collaboreremo con Palermo, svilupperemo un progetto insieme. Il primo di marzo, una conferenza stampa nei Comuni Elimo Ericini alla presenza di Leoluca Orlando. Essere riusciti a entrare nella short list delle prime dieci candidate è comunque un buon risultato e una bella soddisfazione. Faremo comunque tesoro del metodo di lavoro che ci ha portato a disegnare un progetto unitario sull’intero Agro ericino, senza distinzione di campanili, e con questa nuova visione territoriale realizzeremo ugualmente il progetto culturale che abbiamo pensato. Ringrazio tutte le istituzioni che hanno contribuito al dossier» – così dichiara Giuseppe Bica, sindaco di Custonaci e vice presidente dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini. «Sono comunque contento che abbia vinto Palermo, da siciliano, abbattiamo uno stereotipo nazionale ed internazionale che ci vuole terra di mafia, malaffare e sottocultura, diamo un messaggio di riscatto civile e culturale. Il territorio Elimo-Ericino con Palermo si candida a “Ponte culturale”, lanciando un messaggio di pace e di speranza» – così dichiara Giacomo Tranchida, sindaco di Erice e presidente della Fondazione EriceArte.
«Innanzitutto i complimenti e le congratulazioni alla città vincitrice Palermo. Vince la Sicilia comunque. Abbiamo realizzato un progetto di rilancio e di rivoluzione culturale con passione e impegno, siamo arrivati in finale, a dimostrazione della credibilità e serietà del lavoro fatto. Ci siamo ritrovati nella capitale cultura1.jpgmotivazione al premio. Collaboreremo con Palermo, svilupperemo un progetto insieme. Il primo di marzo, una conferenza stampa nei Comuni Elimo Ericini alla presenza di Leoluca Orlando. Essere riusciti a entrare nella short list delle prime dieci candidate è comunque un buon risultato e una bella soddisfazione. Faremo comunque tesoro del metodo di lavoro che ci ha portato a disegnare un progetto unitario sull’intero Agro ericino, senza distinzione di campanili, e con questa nuova visione territoriale realizzeremo ugualmente il progetto culturale che abbiamo pensato. Ringrazio tutte le istituzioni che hanno contribuito al dossier» – così dichiara Giuseppe Bica, sindaco di Custonaci e vice presidente dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini.
La candidatura dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini 2018 è stata coordinata dalla Fondazione Architetti nel Mediterraneo di Trapani “Francesco La Grassa” insieme all’Unione dei Comuni Elimo Ericini, la Fondazione EriceArte, la Fondazione Distretto Turistico Sicilia Occidentale, Confindustria Trapani e la Camera di Commercio di Trapani. I partner istituzionali di condivisione di progetto sono stati il Comune di Trapani, il Comune di Calatafimi- Segesta, il Comune di Favignana (Isole Egadi) con l’adesione della Fondazione Centro Studi Scientifici Ettore Majorana di Erice e Ginevra. Un ruolo centrale ha ricoperto l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della provincia di Trapani che ha messo a disposizione le strutture dell’ente e supportato tutto il gruppo di lavoro. (foto: capitale cultura)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DL sull’emergenza terremoto

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

del rio graziano“Il decreto legge che il governo si appresta a fare deve contenere risposte chiare e nette sulla gestione dell’emergenza in Centro Italia. Perché se è vero che la nevicata è stata eccezionale, altrettanto vero è che le province, che sono state smantellate dal governo con una riforma che porta il nome del Ministro Delrio, tenevano i mezzi fermi per mancanza di operai. I mezzi erano fermi perché non esiste più l’organizzazione che può fornire le risposte necessarie e soprattutto con velocità. La riforma delle province ha smantellato un’organizzazione senza garantire un dopo. E’ stata un’azione arrogante e oggi quella stessa arroganza la rivediamo nelle guerre intestine del Pd, nell’accapigliamento interno al partito di governo concentrato solo su quando tornare al voto e non sul dare una risposta vera, seria e concreta alle popolazioni colpite. Mi fa rabbia non avere la possibilità di dare risposte ai miei conterranei che con dignità, sofferenza e senso del dolore mi hanno tante volte interrogato e a cui tante volte non ho saputo dare risposte. “
Così Fabrizio Di Stefano, deputato di Forza Italia, intervenendo in aula, dopo l’informativa urgente del governo sugli sviluppi della situazione di emergenza in Centro Italia.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Novità in medicina estetica: con le onde d’urto pelle più tonica e via cellulite e cuscinetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

patrizia gilardino.jpgRingiovanire con le onde d’urto. È questa l’ultima novità nel campo della medicina estetica. «Parliamo di un trattamento completo in grado di contrastare cellulite e piccoli accumuli di grasso, ma anche e soprattutto di restituire alla pelle un tono più giovane», premette Patrizia Gilardino chirurgo estetico di Milano. «Un trattamento che praticamente non ha controindicazioni e i cui risultati sono visibili fin da subito».Già utilizzate per combattere i calcoli nelle vie urinarie e conosciute per la loro capacità di contrastare i piccoli accumuli di grasso, le onde d’urto hanno trovato un ampio utilizzo nel ringiovanimento della pelle grazie alla capacità di rigenerazione cellulare che sono in grado di attivare. «Agendo direttamente sul metabolismo cellulare infatti hanno un effetto rigenerativo importante – spiega la dottoressa -. Questo sia quando si tratta di intervenire su cellulite e piccoli accumuli di grasso, sia quando si vuole restituire alla pelle una maggiore tonicità. Si ottiene così un effetto antiage». Aggiunge: «Rispetto a trattamenti simili, le onde d’urto hanno il vantaggio di non essere invasive, azzerando praticamente la comparsa di eventuali effetti collaterali. Ma soprattutto sono applicabili su quasi tutto il corpo, volto compreso, portando a risultati che sono visibili fin da subito».Il trattamento si basa sull’utilizzo di un manipolo che veicola queste onde. «Utilizziamo le onde planari quando si tratta di intervenire sui cuscinetti di grasso e sulla cellulite; le onde radiali sono invece specifiche per tonificare: dall’interno coscia all’addome, dalle braccia fino al viso. L’intensità viene modulata a seconda della situazione e del risultato che si vuole ottenere. In ogni caso il trattamento è indolore, al di là del fastidio della vibrazione che la paziente può percepire, può comparire al termine del trattamento un leggero rossore destinato a scomparire nell’arco di pochissimo tempo.Infatti anche i tempi vengono accorciati. «Una situazione non eccessivamente grave con piccole concentrazioni grasso o delle lievi lassità della pelle può arrivare a richiedere tra le quattro e le sei sedute, da fare a distanza di una settimana l’una dall’altra. Non così per altri trattamenti che richiedono una costanza maggiore e un impegno, anche economico, più elevato. Ovviamente, situazioni più compromesse necessitano più sedute e quindi un periodo più lungo di trattamento». Per una seduta, la cui durata è di circa 20-30 minuti, il costo parte dai 100 euro.
Patrizia Gilardino – profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all’Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all’Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo, nel proprio studio di via Colonna a Milano e nello studio di via Colombo 44 a Piacenza. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) (foto: patrizia gilardino)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UNHCR è allarmato per l’impatto della sospensione del Programma americano per i Rifugiati

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

ginevraGinevra L’ Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi è profondamente preoccupato per l’incertezza che stanno vivendo migliaia di rifugiati in tutto il mondo in procinto di essere reinsediati negli Stati Uniti.
Solo questa settimana, l’America sarebbe dovuta diventare la nuova casa di oltre 800 rifugiati, mentre ora è stato vietato loro l’ingresso negli Stati Uniti. L’UNHCR stima che 20.000 rifugiati in condizioni precarie sarebbero dovuti essere reinsediati negli Stati Uniti durante i 120 giorni della sospensione annunciata venerdì, sulla base dei valori medi mensili degli ultimi 15 anni. I rifugiati sono in ansia, confusi e con il cuore spezzato a seguito di questa sospensione in un processo che è già molto lungo.
I rifugiati condividono le stesse preoccupazioni di sicurezza degli americani. Loro stessi fuggono da guerre, persecuzioni, oppressione e terrorismo. Le persone e le famiglie che l’UNHCR segnala ai governi per essere reinsediati sono le categorie più vulnerabili – come ad esempio le persone che necessitano di assistenza medica urgente, vittime di torture, donne e bambine a rischio. Le nuove case messe a disposizione dai Paesi che aderiscono al programma di reinsediamento sono salva vita per le persone che non hanno alternativeLa stragrande maggioranza dei rifugiati nel mondo sono accolti dai Paesi in via di sviluppo, e meno dell’1 per cento è stato reinsediato a livello globale. Le persone che gli Stati Uniti decidono di reinsediare, dopo aver passato rigorosi controlli di sicurezza americani, arrivano nel Paese per ricostruire le loro vite con dignità e in sicurezza. L’UNHCR auspica che possano farlo il più presto possibile.Il reinsediamento è stato un segno di solidarietà tangibile nei confronti dei rifugiati più vulnerabili nel mondo. E’ anche uno strumento importante per i governi e le comunità di condivisione delle responsabilità con i principali Paesi che accolgono i rifugiati, che hanno dovuto sopportare il peso delle crisi che hanno portato migliaia di persone alla fuga negli ultimi anni. Per decenni, gli Stati Uniti sono stati leader mondiali nella protezione dei rifugiati, una tradizione radicata nella tolleranza e nella generosità del popolo americano. L’UNHCR auspica che gli Stati Uniti continuino a ricoprire il loro forte ruolo di leadership e che proseguano nella loro lunga storia di protezione di coloro che fuggono da guerre e persecuzioni.L’Alto Commissario sottolinea ancora una volta la posizione dell’UNHCR secondo la quale i rifugiati dovrebbero ricevere parità di trattamento di protezione e assistenza e opportunità per il reinsediamento, a prescindere dalla loro religione, nazionalità o razza.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’aumento del credito di imposta fino al 45% non risolve i problemi del Mezzogiorno

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

agricolturaPosticipa ancora una volta la ricerca delle vere soluzioni da percorrere. Come Ufficio di Coordinamento Confeuro ribadiamo la necessità di strutturare un piano di rilancio del Meridione che passi prima di tutto dallo sviluppo del comparto agroalimentare.
Nel Sud Italia si registrano oggi forti storture all’interno della filiera agricola e numerosi sprechi ingiustificati che ricadono pesantemente sui prezzi dei prodotti e sul reddito agricolo. E’ da questi elementi da correggere, e quindi da una visione di crescita futura, che bisogna ripartire se si vuole agevolare la rinascita del Meridione.
Purtroppo però l’agricoltura continua ad essere vista come una sorta di cimelio antico da preservare, ma non è affatto così, anzi, rappresenta perfettamente i valori e le fondamenta di una società sostenibile e civile alla quale bisognerebbe ispirarsi per il domani.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovedì 16 febbraio a Milano è Tempo di Jonathan Safran Foer

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

libriMilano giovedì 16 febbraio a Milano al Piccolo Teatro Studio Melato (via Rivoli 6, ore 18.30) con lo scrittore e saggista statunitense Jonathan Safran Foer. A dialogare con lui sul senso del limite e della finitezza che emerge dal suo ultimo romanzo, sarà Chiara Valerio, curatrice del programma generale della Fiera, accompagnata dalle letture dell’attore Fabrizio Gifuni. Safran Foer è in Italia per ritirare il premio de “la Lettura” del “Corriere della Sera”, che gli sarà consegnato mercoledì 15 febbraio alla Triennale di Milano: Eccomi (Guanda) è stato il libro più votato dalla giuria di redattori e collaboratori del supplemento, scrittori, giornalisti e studiosi che hanno scelto fra i titoli usciti nel 2016.
Nell’alfabeto di Tempo di Libri questo appuntamento rimanda alla N di numero: in che misura, se è quantificabile, è possibile restare fedeli a se stessi pur affrontando i limiti che la vita impone, la finitezza tipica dell’umano? E come esprimere in valori assoluti gli effetti di quegli eventi improvvisi che, quando colpiscono, portano inevitabilmente a interrogarsi sul senso dell’esistenza, della trascendenza, delle scelte che si hanno o meno? “Tutte le mattine felici si assomigliano, esattamente come tutte le mattine infelici”, scrive l’autore: tutto sta nel capire quale sia lo spazio della vita e quale quello della letteratura, e quanto Jonathan Safran Foer riesca a misurare l’uno con l’altro. Ad esempio, cosa misurano le parole, sulla pagina e nella vita di Jacob, il protagonista, che scrive sit-com per la televisione?
La storia, ambientata a Washington, è un intreccio di legami famigliari, tragedie storiche, identità e cultura ebraica. Al centro, una famiglia sull’orlo della crisi: Jacob e Julia, sua moglie, si stanno separando, hanno tre figli, una casa e due lavori, molte regole kosher da rispettare, relazioni e proporzioni. E la separazione, come in una divisione matematica, è un modo di ridurre a termini minimi, semplificare, un modo di lasciarsi senza drammi ma neppure consolazioni. Se lo stare al mondo consiste nello stabilire le distanze, Safran Foer ha scritto un romanzo di regole metriche dove la discussione da camera di una coppia che si lascia riempie il mondo intero. Senza discontinuità. Accomodatevi nel salotto dei Bloch.
L’impegno di Tempo di Libri per la difesa della libertà di pensiero e di espressione, iniziato con l’anteprima dedicata alla dissidenza, in compagnia di Asli Erdogan e Pinar Selek, prosegue anche in questo secondo appuntamento. La serata sarà infatti introdotta dalla lettura di una pagina tratta dal libro La maschera della verità di Pinar Selek (Fandango). Il suo processo, in corso da molti anni, è appena stato riaperto: il pubblico ministero si è infatti appellato alla Corte Suprema contro la sentenza di assoluzione che, lo scorso dicembre, aveva prosciolto la sociologa – per la quarta volta – da tutte le accuse. Tempo di Libri è su Internet all’indirizzo http://www.tempodilibri.it

Posted in Cronaca/News, recensione | Leave a Comment »

Il tempo dei tassi ai minimi storici per i mutui per privati e famiglie sta probabilmente iniziando a volgere al termine

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

bancaMentre sul fronte dei mutui a tasso variabile la situazione appare piuttosto stabile, lato mutui a tasso fisso gli indici di riferimento IRS hanno iniziato una rapida ascesa da fine settembre 2016 e hanno portato – con un ritardo di qualche mese- ad una sensibile revisione a gennaio 2017 dei tassi di offerta sui mutui a tasso fisso. Revisione che potrebbe continuare anche sui prossimi mesi iniziali di questo nuovo anno.Per una operazione di mutuo di 140.000 euro, durata 20 anni, valore immobile 220.000 euro, i migliori tassi finiti per i mutui a tasso fisso si posizionano infatti a gennaio 2017 attorno all’1,70% contro un omologo 1,55% dello scorso ottobre 2016. E tale aumento non assorbe ancora completamente l’aumento registrato degli indici IRS che, per la durata 20 anni, sono aumentati nel periodo ottobre 2016 – gennaio 2017 di ben40 punti base (dallo 0,90% medio di ottobre all’1,30% odierno).Le condizioni restano comunque ancora estremamente favorevoli per privati e famiglie che intendono sottoscrivere un nuovo finanziamento per l’acquisto della propria casa o per la surroga del proprio mutuo in essere. Ma, al contempo, si registrano chiaramente i primi segnali di revisione al rialzo delle offerte di mutui da parte del sistema creditizio, dopo 12 mesi di contrazioni ininterrotte.A livello di nuove erogazioni di mutuo attraverso il canale online, la finalità surroga continua a rappresentare circa il 56% del totale delle erogazioni anche nel quarto trimestre 2016, dopo essere arrivata a spiegare anche il 65% del totale erogati nel terzo trimestre 2015. Sul canale tradizionale, invece, il peso delle surroghe si è attestato intorno al 25%, in progressiva contrazione dopo il picco degli anni precedenti.Sui prossimi trimestri si attende una ulteriore riduzione del peso della componente surroga, da ricondursi da un lato alla continua riduzione del bacino di potenziali mutuatari interessati a rottamare il mutuo, dall’altro al progressivo aumento dei tassi IRS iniziato a settembre 2016 e quindi dei tassi finiti per i mutui di surroga a tasso fisso, mutui che oggi sull’online spiegano la gran parte delle nuove operazioni di surroga.Dopo trimestri caratterizzati da un atteggiamento di cautela da parte dei nuovi mutuatari, tornano a crescere gli importi medi richiesti dei nuovi mutui: se nel quarto trimestre 2015 l’importo medio si assestava attorno ai 119.500 euro, nel quarto trimestre 2016 l’importo medio cresce e raggiunge i 124.851 euro.Parallelamente si registra un leggero aumento anche degli importi medi dei mutui erogati, che passano dai 111.000 euro del primo trimestre 2016 ai quasi 114.000 euro del quarto trimestre.
Lato preferenze dei nuovi mutuatari a riguardo della tipologia di tasso, nel quarto trimestre 2016 il peso del tasso fisso sul canale online spiega circa il 56% del totale delle richieste contro un 37% registrato nel terzo trimestre del 2015. A livello di sistema, le rilevazioni relative ai primi 9 mesi del 2016 evidenziano una incidenza del tasso fisso pari al 61% del totale dei mutui erogati.
Complice di tale aumento nel quarto trimestre 2016 risultano essere tassi finiti per i mutui a tasso fisso stabili e ancora prossimi ai minimi storici, nonostante indici di riferimento IRS in forte aumento da settembre 2016 (+0,40% nel periodo settembre 2016 – gennaio 2017) e il peso delle nuove richieste di mutuo con finalità surroga, che sul canale online risultano essere nel 77% dei casi a tasso fisso.
Lato mercato immobiliare, nel quarto trimestre 2016 si registra una ulteriore riduzione dei prezzi al mq degli immobili residenziali forniti in garanzia al mutuo pari a -3,3%.Analizzando le diverse tipologie di immobili residenziali, nel quarto trimestre 2016 il prezzo/mq per gli immobili usati registra una contrazione superiore, pari al -7,1%, mentre il prezzo/mq dei nuovi immobili subisce una riduzione del -2,0%.Approfondendo il trend dei prezzi/mq sul quarto trimestre 2016 a livello geografico, la contrazione maggiore si registra nel centro Italia con un -5,9% rispetto al quarto trimestre 2015, mentre nel nord est e nord ovest si registra rispettivamente un -2,5% e -2,6% e nel sud e isole un -2,9%.Osservando i 12 mesi del 2016, il prezzo/mq degli immobili oggetto di garanzia di mutuo ipotecario risulta diminuire quindi del -3,3% rispetto al 2015, facendo registrare sul periodo 2010/2016 una riduzione media dei prezzi/mq degli immobili pari a ben il -19,0%.
Queste le più significative evidenze che emergono dalla nuova edizione della Bussola Mutui, il bollettino trimestrale firmato CRIF eMutuiSupermarket.it che offre una panoramica aggiornata e completa delle tendenze in atto nel mercato italiano dei mutui residenziali e immobiliare.

Posted in Editoriali/Editorials, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Bilancio: Campidoglio, nel 2017 nessun taglio a fondi per Istituzione Biblioteche

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

campidoglioNel Bilancio di previsione 2017-2019, approvato dall’Assemblea Capitolina, non si prevede alcun taglio ai fondi destinati alla “Istituzione Sistema delle Biblioteche”. Nel progetto di bilancio, come emendato dalla giunta, è iscritto uno stanziamento di 18.360.000 euro, la stessa cifra deliberata nel previsionale 2016. E’ quanto rende noto il Campidoglio.Va inoltre ricordato che il 28 dicembre scorso la giunta ha disposto un prelievo dal Fondo di riserva di 150.000 euro, destinato all’acquisto di libri per la Biblioteca Giovenale e all’apertura della nuova sezione ragazzi di Villino Corsini. “Come ho sempre affermato – dichiara il vicesindaco di Roma e assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo – questa amministrazione promuove la valorizzazione e la tutela delle biblioteche diffuse sul territorio, perché ne riconosce l’importanza di luoghi di presidio culturale e sociale fondamentali per ricostruire la rete di rapporti umani di cui i cittadini hanno un forte bisogno. Il bilancio di previsione approvato ieri conferma tale priorità e stupisce che i consiglieri di opposizione, che dovrebbero aver studiato nel dettaglio il bilancio prima di votarlo, facciano a gara invece per commentare notizie errate apparse sugli organi di stampa”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Capitale e Barcellona insieme per l’innovazione digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

barcellonaBarcellona. Dati aperti, partecipazione, smart city, trasparenza, trasformazione digitale e software libero. Sono questi i temi su cui Roma Capitale e Barcellona hanno ufficializzato un’intesa sottoscritta oggi, in occasione dell’apertura della Digital Social Innovation Fair 2017, dall’Assessora a Roma Semplice Flavia Marzano e dalla Commissaria del Dipartimento di Tecnologia e Innovazione Digitale del Comune di Barcellona Francesca Bria.Il testo dell’accordo, approvato ieri dalla Giunta Capitolina, prevede l’avvio di una partnership tra le due amministrazioni e il supporto reciproco sia in ambito comunitario che internazionale per la realizzazione di progetti comuni sui principali temi dell’innovazione digitale.“È per noi un grande onore poter collaborare con Barcellona, la città che, già da qualche anno, è in cima alle classifiche sulle smart city a livello mondiale – dichiara Marzano – questa collaborazione servirà da stimolo per riaccreditare Roma nel panorama internazionale”.“Ci impegniamo a promuovere non solo la cooperazione tra le nostre amministrazioni ma anche quella tra le nostre comunità: vogliamo coinvolgere le associazioni imprenditoriali e culturali perché siano parte attiva dello scambio di informazioni e buone pratiche per una smart city inclusiva, circolare e democratica”, aggiunge Bria. Primo passo operativo dell’intesa sarà l’attuazione di una strategia congiunta sulla trasformazione digitale e la migrazione verso il software libero, il cui utilizzo è già stato previsto da una delibera della Giunta Capitolina dello scorso ottobre.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rifiuti Roma: Montanari, “Obiettivo stop ai camion e alla trasferenza”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

rifiutiRoma. “Nell’ambito della relazione illustrata oggi in Commissione Bicamerale Ecomafie ho riferito riguardo il potenziamento del trattamento dell’organico che dovrà svilupparsi tramite il compostaggio domestico, il compostaggio di comunità e l’impiantistica appositamente dedicata. Nel complesso si prevede un aumento delle potenzialità al 2021 pari al 500%. Per la valutazione della tipologia di impiantistica e della sua localizzazione ci atterremo allo studio ora in fase di elaborazione da parte della ‘Scuola Agraria Parco di Monza’, che rappresenta la massima autorità europea in materia, senza mancare di dialogare con i cittadini e con le amministrazioni coinvolte. Il nostro impegno è verso la diminuzione dell’inquinamento da trasporto su gomma e per la fine della trasferenza”. Lo precisa, in una nota, l’assessora alla Sostenibilità ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La giustizia non interessa alla politica e ai partiti

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

corte europea giustizia(fonte MoVimento 5 Stelle) La giustizia non interessa alla politica e ai partiti. Dopo le accuse lanciate al Governo dall’ANM, dopo quelle dei Giudici della Cassazione (che hanno confermato la necessità di riformare la prescrizione, di prevenire e reprimere la corruzione e di spezzare il legame e le infiltrazioni tra politica e malaffare), dopo quelle del presidente della Corte d’appello di Napoli che ha denunciato la mancata esecuzione di migliaia di sentenze nel solo distretto partenopeo, a causa della carenza di mezzi e personale (ricordiamo che ad oggi, nonostante gli impegni del Ministro e le denunce del M5S, permangono 50 mila sentenze ineseguite, 12 mila persone condannate ed a piede libero, nonostante siano stati i destinatari di un provvedimento irrevocabile di condanna), sono giunte anche le accuse del Procuratore Generale di Milano che parla di una giustizia ormai al collasso e di gravi infiltrazioni della criminalità negli appalti pubblici di Expo.Il Governo Renzi ed il Ministro Orlando hanno fallito. Questa è la verità. Nel nostro Paese servono riforme urgenti in tema di giustizia. Serve un ampliamento e un potenziamento degli organici. Servono norme più efficaci e più severe per la corruzione. Gli appalti pubblici devono essere rigorosamente controllati e le procedure trasparenti- Occorrono sanzioni penali e pecuniarie per i responsabili. Serve la certezza della pena. Nessun provvedimento in tal senso è stato approvato. Neanche uno. E’ evidente allora come ai partiti non interessa nè prevenire e reprimere i fenomeni illeciti che stanno erodendo le risorse pubbliche, nè mettere a disposizione dell’autorità giudiziaria gli strumenti necessari per garantire principi costituzionali e affermare l’autorità dello Stato.
Il M5S sin dal 2013 ha presentato in parlamento un pacchetto di misure come il DASPO (cioè l’interdizione perpetua da ricoprire incarichi pubblici o di contrattare con al PA) per politici, funzionari pubblici e imprenditori corrotti, come l’agente provocatore o infiltrato per i reati di corruzione contro la PA, come la riforma della prescrizione, come il whistleblowing, come la riforma del 416 ter sul voto di scambio politico – mafioso, come il sequestro e la confisca dei beni per i responsabili di mazzette, come il potenziamento dell’auto-riciclaggio e come il Codice Etico di comportamento per tutti gli eletti o candidati.Tutte misure che vanno nella direzione di prevenire e reprimere le condotte illecite e di ripulire gli organi pubblici, a tutti i livelli, da coloro che tentano di infiltrare lo Stato per perseguire interessi privati illeciti. Manca però una cosa: il M5S al Governo! (foto:renziorlando)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Oggi esce il libro “La via di casa mia – La mia vita come un romanzo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 febbraio 2017

la-via-di-casa-miaMilano. GionnyScandal presenterà il libro presso Mondadori: il 2 febbraio a Milano (Piazza del Duomo, 17:30), il 3 febbraio a Varese (Via Morosini, 10 – ore 17:30), il 4 febbraio a Torino (Via Monte di Pietà, 2 – ore 16:00) e il 5 febbraio a Napoli (Piazza Vanvitelli – ore 14:30) e a Nola (cc Vulcano Buono – ore 18:30). Il 6 febbraio alle ore 16:00 presenterà a La Feltrinelli di Monza.
Il libro di GionnyScandal (Rizzoli) è la storia di un riscatto, di un cantante partito dal basso che ha conquistato il cuore delle teenager”. GionnyScandal è quello che canta, ma è Gionata a dargli la forza per andare avanti e non arrendersi mai. Questo libro parla di Gionata. Del ragazzo che a tredici anni ha speso tutti i risparmi per comprarsi una chitarra. Del nipote che è cresciuto con una nonna straordinaria e le ha dedicato la sua canzone più bella. Del bambino che ha perso quattro genitori, ma non ha mai perso di vista i suoi sogni.
È appena terminato il tour invernale di GionnyScandal in cui ha presentato Reset”, nuovo album di GionnyScandal, uscito lo scorso 14 ottobre per Universal (debutta alla posizione numero 8 della classifica FIMI). Il primo singolo, “Buongiorno” raggiunge in un solo mese 3.200.000 di visualizzazioni su YouTube, battendo così ogni record di GionnyScandal. Su Spotify entra nella Top 50 Viral e nella Top 50 Italy essendo così l’unico dei 3 artisti italiani presenti (insieme a Marco Mengoni, Emma e Tiziano Ferro) con una media di 15.000 ascolti al giorno e raggiungendo in 1 mese 700.000 ascolti su Spotify. Apple Music lo inserisce nella playlist Best Of The Week e Spotify nella playlist Hot Hits che è una delle playlist più seguita sulla piattaforma. Gionata Ruggieri (in arte GionnyScandal) nasce il 27 settembre del 1991.Gionny inizia nel 2009 ad entrare nel mondo dell’ hip hop. (foto: la via di casa mia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »