Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 327

Archive for 3 febbraio 2017

Flamenco Tango Neapolis torna a Roma a grande richiesta!

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

flamencoflamenco1Roma Sabato 11 e Domenica 12 Febbraio 2017, alle ore 21.00, Flamenco Tango Neapolis sarà in scena con lo spettacolo “Viento – Da Napoli a Siviglia… a Buenos Aires” nella storica location di Palazzo Santa Chiara, nel cuore di Roma, dietro al Pantheon.Flamenco Tango Neapolis è un entusiasmante progetto artistico, nato nel 2009 e diretto da Salvo Russo (musicista e compositore napoletano), che unisce il flamenco, il tango argentino e la tradizione musicale napoletana in un’originale contaminazione di stili.L’ensemble musicale è costituito da un quartetto di musicisti polistrumentisti partenopei: pianoforte, violoncello, chitarre, violino, oud arabo, percussioni e due voci ritraggono così i colori di Napoli, mescolati con quelli dell’Andalusia e del Sud America in un quadro arricchito dalla magia del baile.
“Viento” è il titolo del nuovo spettacolo di Flamenco Tango Neapolis, un viaggio in musica che parte da Napoli alla scoperta di un “altro” Sud, delle sue tradizioni, della sua energia e delle sue emozioni.Le musiche (composizioni originali e arrangiamenti di Salvo Russo) rappresentano l’essenza di una contaminazione che sfoglia pagine antiche e le veste di nuovo, dando vita a sonorità originali ma sempre nel rispetto della tradizione.E’ così che “Scalinatella” diventa la musa che ispira la pasiòn flamenca, che “Cerasella” ricrea l’atmosfera delle milonghe argentine e che “’O Guarracino” irrompe con tutta l’energia di una “Buleria napulitana” in una vera e propria “juerga flamenca”.“Viento” è un quadro dai colori vivaci, romantici e suggestivi che si rivela allo spettatore attraverso l’arte della musica e della danza, catturandone la mente ed il cuore in uno spettacolo tutto da vivere. BIGLIETTI (Intero € 20,00 – Ridotto € 15,00)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinzia Leone in Disorient Express

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

cinzia-leoneRoma Mercoledì 8 febbraio alle ore 21,00 al Salone Margherita Cinzia Leone debutterà con lo spettacolo “Disorient Express” , scritto da Cinzia Leone e Fabio Mureddu per la regia di Fabio Mureddu e Emilia Ricasoli.
Disorient Express non è la storia di un treno che non sa dove andare, è una fotografia di gruppo in cui ci siamo tutti e tutti abbiamo un’espressione visibilmente disorientata. Siamo disorientati, sì. Ci aggiriamo nel mondo con l’espressione di nonna nella foto di Natale, scattata dopo che l’hanno rimbambita cercando di farle ricordare i nomi di tutti e trentasei i nipoti.
“E come può non essere disorientata un’umanità travolta ogni minuto da un cambiamento? – racconta Cinzia – Come possiamo essere sicuri di noi stessi e della realtà che ci circonda se ad ogni notizia sentita in televisione possiamo trovare contemporaneamente la smentita su Internet? Come possiamo accontentarci anche solo di un lavoro qualunque, in un momento in cui, qualunque sia il lavoro non te pagano e il massimo che puoi farci è mettertelo nel … curriculum? Come possiamo rilassarci con lo zapping, se, anche potendo scegliere tra centinaia di canali, troviamo ovunque la stessa cosa: gente che canta o che cucina?” E continua: “Per raccontare tutto questo in uno spettacolo ho deciso di farmi disorientare anche io proprio mentre faccio lo spettacolo. Come? Io nello spettacolo sono proprio io, Cinzia e ho proprio la parte di un’attrice che fa uno spettacolo. Che spettacolo? Uno spettacolo contemporaneo, che viene aggiornato in tempo reale: proprio come avviene nei programmi in diretta, una redazione, costantemente connessa al mondo esterno, aggiorna e modifica gli argomenti e i contenuti dello spettacolo. Infatti, proprio mentre faccio lo spettacolo interviene un autore che, entrando in scena, mi informa che quello che ho appena detto è stato smentito da qualcuno o da qualcosa e che quindi bisogna dire o fare qualcos’altro. Vi sembra fico? A me no. È un delirio. In una realtà come questa, aggiornarsi significa smentire se stessi continuamente. L’autore, entrando e interrompendomi, mi costringerà, ogni dieci minuti, a cambiare lo spettacolo, passando da un monologo sulla crisi ad uno sul traffico; da un’assurda messa in scena di Romeo e Giulietta ad un rito di esorcismo contro la Televisione che, diciamocelo, è diventata brutta, ma talmente brutta che può solo essere opera di Belzebù; dal personaggio di una povera signora che cerca di capire come fare a ricevere finalmente la sua pensione, alla conduttrice di un folle telegiornale in cui la stessa notizia viene data e contemporaneamente smentita. Credetemi sulla parola, la realtà vista così è destabilizzante e comica allo stesso tempo perché i cambiamenti e le contraddizioni continue la rendono invisibile!!”
Lo spettacolo sarà in scena al Salone Margherita di Roma fino al 19 febbraio 2017. Come di consueto in questo “nuovo” Salone margherita voluto dal “patron” Nevio Schiavone, ad ogni spettacolo sarà servita nei prestigiosi palchi al piano superiore una cena degustazione a lume di candela mentre al pianterreno verrà offerto il tradizionale piatto di pasta.
da mercoledì 8 febbraio a domenica 19 febbraio 2017 orari: da mercoledì a sabato ore 21,00/domenica ore 16,30 PREZZI: Palco con cena INTERO – 65,00€ Poltronissima INTERO – 35,00€ Poltrona INTERO – 25,00€ (foto: cinzia leone)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: le Baccanti di Euripide

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

baccantiRoma dal 7 al 19 febbraio 2017 dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18 Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78 a Monteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo le Baccanti di Euripide un progetto di Daniele Salvo con Manuela Kustermann, Daniele Salvo, Paolo Bessegato, Paolo Lorimer Simone Ciampi, Diego Facciotti, Giulia Galiani Annamaria Ghirardelli, Melania Giglio, Francesca Mària
Silvia Pietta, Alessandra Salamida, Giulia Diomede regia Daniele Salvo produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello Roma – Tieffe Teatro Milano Teatro Di Stato Constanta Romania.
Le Baccanti rappresentano una finestra sull’irrazionale, su un mondo antico di reale libertà espressiva, di possessione dionisiaca, una riflessione sul senso del divino nelle nostre vite e su ciò che, nella nostra quotidianità, viene rimosso. La parola antica è un grido proveniente da un altro tempo, un appello alla riflessione, al risveglio dei sensi, un’esortazione a guardarci dentro in altri modi. Nel frenetico vivere odierno noi affidiamo gli ultimi scampoli di irrazionalità e presenza fisica ai momenti dell’eros, della malattia, del sonno. Le Baccanti, invece, agiscono in stato di automatismo mentale, di sonno perenne, sono in qualche modo “agite” dal Dio, Dioniso opera attraverso di loro, attraverso i loro corpi e le loro voci, li trasforma e ne fa strumento di ebbrezza, sensualità, stordimento, morte, dolcezza infinita, ambiguità demoniaca. Il Dio in qualche modo si fa corpo e plasma le loro voci. La febbre del nostro tempo ci porta a vivere in una realtà anestetizzata, un mondo fittizio in cui l’emozione baccanti1è bandita, al servizio di un intellettualismo sterile e desolante. I nostri occhi sono quotidianamente accecati da immagini provenienti dai media. La legge del mercato non perdona: si vendono cadaveri, posizioni sociali, incarichi pubblici, armi, sesso, infanzia, organi. Restiamo indifferenti. La dimensione borghese soffoca i nostri migliori istinti, la nostra sensibilità (che brutta parola oggi, considerata quasi scandalosa), la nostra sincerità e si porta via ogni forma di creatività, ogni volo. La nostra dimensione irrazionale viene completamente annientata. Il senso dell’affermazione dell’Io divora i nostri giorni. L’arte è svuotata della sua dimensione spirituale.I media, persuasori occulti, agiscono sui nostri cuori e sulle nostre menti addomesticando anche gli spiriti più ribelli, sigillando gli occhi più attenti. La dimensione spirituale è irrimediabilmente perduta. Il senso del tragico è ormai sconosciuto. Il corpo viene cancellato. Siamo ormai definitivamente trasformati in consumatori e, nel medesimo istante, in prodotti, sconvolti da una guerra mediatica senza precedenti nella storia. Illusi della nostra unicità, della nostra peculiarità, in realtà pensiamo tutti nello stesso modo, pronunciamo le stesse parole, abbiamo tutti le stesse esigenze, le stesse speranze, le stesse ansie, la stessa quotidianità fabbricata in serie. Ci illudiamo di essere liberi. Biglietteria:Intero Prosa 20,00 €
Ridotto Prosa over 65 15,00 € Ridotto Prosa studenti 12,00 € Intero Danza e Musica € 15,00 Ridotto over 65 e studenti € 12,00 Servizio di prenotazione 1,00 € a biglietto (foto: baccanti)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Nicola Zamboni & Sara Bolzani

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

zambonibolzaniMantova dal 4 febbraio al 1 marzo 2017 Inaugurazione: Sabato 4 febbraio, ore 17.00. Saranno presenti gli artisti Orario di apertura: dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 15.30-19.30. Chiuso festivi Galleria “Arianna Sartori” via Ippolito Nievo 10.
Dopo il grande successo riscontrato con la mostra “Cavalieri, viandanti e chimere”, lo scorso settembre, a Vignola (MO), dove le sculture in rame di Sara Bolzani e Nicola Zamboni, ispirate alle poetiche energie vitali dell’Orlando Furioso e alla pittura italiana del Quattrocento sono state esposte all’interno della Rocca di Vignola, nel Palazzo Contrari Boncompagni e nella Piazza dei Contrari, e hanno fatto da sfondo ai numerosissimi scatti fotografici e per i selfie con cui i visitatori si autocelebrano, rinverdendo i ricordi e i tempi del nostro Rinascimento, sarà possibile ammirare una selezione di queste sculture in rame alla Galleria Arianna Sartori di Mantova in via Ippolito Nievo 10.
Nicola Zamboni è nato a Bologna il 10 maggio 1943. Dopo aver frequentato l’atelier di Henry Moore, nel 1975 inizia ad insegnare all’Accademia di Belle Arti di Bologna come assistente dello scultore Quinto Ghermandi. Dal 1997 fino al 2004 fu docente di indirizzo all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano dove incontra Sara Bolzani.
Nella sua vita si è dedicato prevalentemente ad opere pubbliche ma ha lavorato anche per privati e collezionisti.
Disegni, bozzetti e sculture si trovano in collezioni private in Italia, Spagna, Vietnam, Germania, Argentina, Cile, Perù, Guinea Equatoriale, Cuba, Messico, Creta, Australia, Francia e Libia.
Sara Bolzani è nata a Monza (MB) il 9 ottobre 1976. Dopo il Liceo Artistico San Giuseppe, si diploma all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano nell’ottobre 2000 e incontra Nicola Zamboni. Ha lavorato molto nell’ambito delle opere pubbliche sia in Lombardia che in Emilia Romagna, spesso affiancata al Maestro Zamboni. Da sola ha realizzato numerose opere d’arte, soprattutto in rame, spesso per importanti collezioni private. Sue opere si trovano in Inghilterra, Spagna, Francia e Creta. (foto: Zamboni, Bolzani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La commedia di Pirandello al Teatro a l’Avogaria di Venezia

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

pirandelloVenezia Sabato 4 febbraio 2017, ore 21.00, presso lo storico teatro di Venezia ( Dorsoduro 1607, Corte Zappa) la compagnia TeatroGhiotto presenta “L’imbecille” e “Bellavita” due atti unici per la regia di Roberta Borghi, tratti da novelle scritte dal Premio Nobel per la letteratura rispettivamente nel 1921 e 1926. Nel primo atto si parla di politica, giornali e mancanza di scrupoli, temi ancor oggi attuali. Il direttore e proprietario del giornale “La Vedetta”é disposto a tutto pur di far fuori il proprio avversario politico. Definisce pubblicamente imbecille un suo redattore che si è suicidato, con la considerazione che prima di uccidersi avrebbe potuto rendere utile il suo gesto assassinando un avversario politico. Ad ascoltarlo un suo conoscente Luca Fazio anch’egli condannato da una malattia mortale all’ultimo stadio. L’incontro tra i due si concluderà con un finale inaspettato. Uno straordinario spaccato dell’Italia provinciale dell’epoca intrisa di un fervore partitocratico irrazionale che porterà il nostro Paese a un futuro oscuro. Pirandello tocca i conflitti fra illusione e realtà, coraggio e diniego di ciò’ che é presente sotto i nostri occhi, maturando una vis polemica tipica del teatro contemporaneo.Nel secondo troviamo invece un silenzioso e connivente ménage à trois, rivoluzionato dalla morte della signora con nel mezzo una paternità incerta. Tratto dalla novella “L’ombra del rimorso”, vede protagonista Bellavita che è stato un marito compiacente in un triangolo amoroso con la moglie e il notaio Denora, che fra l’altro si ritiene padre dell’unico figlio della donna. Una volta che quest’ultima è morta, Bellavita respinge la richiesta dell’altro di prendere con sé il bambino, pretendendo invece di tenere Denora legato a sé nel ricordo della scomparsa. Un originale fil rouge pirandelliano lega i due atti tra passato e presente. Lo spettacolo, in replica domenica 5 febbraio 2017, alle 16.30. (foto: pirandello)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Nel segno di Roberto Longhi. Piero della Francesca e Caravaggio”

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

caravaggioSansepolcro, Museo Civico 12 febbraio – 4 giugno 2017 Anteprima stampa Sabato 11 febbraio ore 11.00 si inaugura a Sansepolcro, negli spazi espositivi del Museo Civico, la mostra “Nel segno di Roberto Longhi. Piero della Francesca e Caravaggio” che apre una ricca stagione espositiva, che proseguirà da giugno con la mostra “Luca Pacioli. Tra Piero della Francesca e Leonardo”. Da febbraio a novembre la visita del museo sarà dunque l’occasione per ammirare importanti opere dei grandi maestri dell’arte italiana in dialogo con i capolavori di Piero della Francesca.Con il rientro a Sansepolcro della Madonna della Misericordia, dopo il successo dell’evento milanese a Palazzo Marino, il Museo Civico torna a essere al centro dell’offerta culturale con la mostra: “Nel segno di Roberto Longhi. Piero della Francesca e Caravaggio”, che sarà aperta al pubblico dal 12 febbraio al 4 giugno.
La mostra presenta un inedito accostamento tra Caravaggio e Piero della Francesca, che a prima vista potrebbe sembrare azzardato. Eppure, le motivazioni emergono se si guardano i due artisti, tra loro così lontani e diversi, nel segno di Roberto Longhi. Entrambi, infatti, furono studiati e ‘riscoperti’ dallo storico dell’arte già a partire dai suoi anni formativi.
Roberto Longhi (1890-1970) è una delle personalità più affascinanti della storia dell’arte del XX secolo e fondamentali sono stati i suoi studi sul Caravaggio, su Piero della Francesca e sugli artisti operosi in quella che chiama, con un titolo parlante, ‘Officina Ferrarese’.
Del Caravaggio Longhi fu ‘scopritore’ moderno, lucido studioso e collezionista, tanto da acquisire per la propria “raccolta” intorno al 1928 il Ragazzo morso da un ramarro. La tela, dipinta verso il 1595, è certamente uno dei più significativi capolavori giovanili di Caravaggio, che con i suoi splendidi dettagli di natura morta e straordinari effetti luministici coglie, quasi come in un’istantanea fotografica, il momento un cui il giovane si ritrae improvvisamente per il morso di un ramarro.
Su Piero della Francesca Longhi scrisse nel 1927 una monografia tuttora imprescindibile, anticipata dal lucidissimo saggio del 1914, “Piero dei Franceschi e lo sviluppo della pittura veneziana”, fondamentale per l’innovativa lettura del pittore di Borgo Santo Sepolcro, visto dallo storico dell’arte non solo nella sua “ascendenza” fiorentina, ma anche, e soprattutto, nella sua “discendenza” veneziana, quello di Antonello da Messina e di Giovanni Bellini. A ideale apertura della mostra il meraviglioso Polittico della Misericordia, protagonista della recente mostra natalizia di Palazzo Marino a Milano e riportato di recente nel suo assetto originario all’interno del Museo Civico di Sansepolcro.La tavola di Ercole de’ Roberti Ritratto di giovane, che reca nel verso un Ritratto di giovane donna – appartenente a una collezione privata – viene esposta in mostra a testimonianza della “discendenza, per quanto evoluta e ormai incrociata di veneto”, del profilo “nitido” del giovane dai profili di Piero, come ebbe a riconoscere Longhi nel volume Officina ferrarese del 1934.
Accanto al Caravaggio, alla tavola di Ercole de’ Roberti, e al polittico di Piero della Francesca, saranno esposti documenti provenienti dall’archivio, dalla biblioteca e dalla fototeca della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi.“Nel segno di Roberto Longhi. Piero e Caravaggio” è curata da Maria Cristina Bandera, Direttore Scientifico della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, è promossa dal Comune di Sansepolcro ed organizzata da Civita Mostre.Il catalogo della mostra, edito da Marsilio, comprende saggi di Maria Cristina Bandera e di Mina Gregori e un’antologia di brani di Roberto Longhi sulle opere esposte. Un efficace allestimento, progettato da Corrado Anselmi, valorizzerà la ricchezza delle opere esposte nel contesto del museo.
La mostra successiva, dedicata a Luca Pacioli tra Piero della Francesca e Leonardo, che sarà aperta al pubblico dal 10 giugno al 5 novembre, intende celebrare i 500 anni dalla morte del grande matematico. Vi saranno esposti tra gli altri un disegno di Leonardo conservato nel Castello Sforzesco e un dipinto del suo allievo Giampietrino, concesso dal Museo Poldi Pezzoli (foto: caravaggio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marlene Kuntz con ‘Il Vile’ a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

marlene-kuntzRoma 9 febbraio 2017 allo Spazio 900 , Piazza Guglielmo Marconi, 26/b. Costo del biglietto 8 euro Marlene Kuntz con ‘Il Vile’. Dopo aver festeggiato Catartica nel 2014 con un disco e una lunga sequenza di date soldout, il gruppo ha deciso di proporsi in questa veste – oltre alle numerosissime indossate nel corso degli anni, tra i vari tour nei teatri, le sonorizzazioni di film muti, le varie sperimentazioni nei più diversi formati e con le più diverse attitudini, le performance con un corpo di ballo, gli incontri solitari di Cristiano Godano, oltre alle centinaia e centinaia di concerti nei club e nei festival estivi – per raccontare la storia di una delle band più influenti degli ultimi due decenni.Nessuna motivazione nostalgica all’origine, ma la consapevolezza e lo stimolo gioioso di poter portare in giro per l’Italia un altro pezzo importante di storia del rock italiano degli anni novanta rispettato dal pubblico più intransigente, amato da molti che a quel periodo guardano ancora con ammirazione e vagheggiato dai più giovani che non lo hanno vissuto in diretta.A completare la scaletta del tour, oltre agli 11 pezzi del disco, i Marlene suoneranno un gran numero di brani tratti da Lunga Attesa, il loro disco del 2016 che molto ha a che fare nelle atmosfere e nei suoni con il mondo evocativo del Vile, tracciando un ideale tratto unificatore affascinante e chiarificatore.La scelta di esibirsi in un club è per restituire al pubblico il sapore del mondo che vent’anni fa i Marlene Kuntz percorrevano in su e in giù per l’Italia, costruendo passo dopo passo la loro carriera. (foto: marlene-kuntz)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

International Medical School al via

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

medical-schoolBergamo Dopo la cerimonia della firma che si è tenuta ieri (martedì 31, ndr) all’università di Milano Bicocca, a sigillo della nascita dell’International Medical School, oggi i promotori del nuovo corso di laurea si sono dati appuntamento all’ospedale di Bergamo.Il Papa Giovanni XXIII darà agli studenti la possibilità di frequentare da subito le corsie e, come ha ricordato il Direttore generale Carlo Nicora, metterà a disposizione “un ospedale ad alto tasso di tecnologia, in grado di curare tutte le patologie, uno spaccato realistico delle risposte che oggi la medicina e l’assistenza possono offrire ai bisogni di adulti e bambini, sia nelle malattie più diffuse sia nelle sindromi rare. Un ospedale dove lavorano professionisti che non sono solo ottimi clinici, ma anche ricercatori di grande valore, riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale, con grande esperienza nel “training on the job”, l’imparare facendo”. Per avere, in cambio, “giovani motivati, curiosi, provenienti da realtà anche molto diverse fra loro, capaci di stimolarci a mantenere quell’orizzonte internazionale che finora ci ha contraddistinto”.
Max Lu, Vice cancelliere dell’Università del Surrey, ha presentato l’ateneo inglese, un’università di medie dimensioni a sud di Londra, segnalato nei ranking di settore tra le prime dieci migliori Università britanniche. “Dobbiamo unire le nostre eccellenze – ha ribadito – per far partire questo progetto, che punta a formare medici capaci di lavorare utilizzando i dati, la tecnologia e la conoscenza”.
L’International Medical School (IMS) rappresenta una sfida di alto livello che l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, l’Università del Surrey, l’Università di Bergamo e l’ASST Papa Giovanni XXIII hanno raccolto.La mission condivisa dai quattro partner è concorrere alla formazione di una nuova figura professionale di alto profilo. Tale finalità ha consentito l’alchimia grazie alla quale esperienze didattiche diverse si sono integrate per proporre nuovi percorsi, nel pieno rispetto delle esigenze ordinamentali italiane e inglesi.
Dall’anno accademico 2017/18, ogni anno, circa 30 studenti internazionali, motivati all’eccellenza, saranno selezionati grazie a un test in lingua inglese. I prescelti avranno a disposizione 6 anni di didattica innovativa per sviluppare una propria autoconsapevolezza, condividendo idee e partecipando attivamente per individuare soluzioni ai problemi medici che saranno loro proposti durante le lezioni di pratica medico-diagnostica.Il PBL (Problem Based Learning), ossia l’apprendimento basato su problematiche di casi clinici reali, fornisce un nuovo sistema di insegnamento che è il leitmotiv didattico di questo corso di studi. Piccoli gruppi di studenti saranno in tal modo coinvolti, sollecitati e responsabilizzati al proprio processo di apprendimento.Il contatto diretto con i pazienti e il tirocinio ospedaliero saranno inoltre strumento di apprendimento delle maggiori aree fisiopatologiche suddivise in 7 percorsi: cardiovascolare, onco-ematologico, locomotorio, digestivo, renale e urologico, ostetrico-ginecologico e pediatrico e delle neuroscienze.
medical-school1Durante il primo anno si gettano le basi scientifiche su cui costruire gli anni successivi e, oltre all’uso delle tecnologie dell’informatica e dell’ingegneria, si apprende l’atteggiamento critico necessario all’analisi dei dati, si approfondisce la lingua inglese o italiana, a secondo della nazionalità dello studente, e si affrontano temi relativi all’etica e alla legislazione medica, oltre che all’economia sanitaria. Attività di laboratorio affiancheranno le lezioni teoriche di chimica, biologia cellulare e molecolare, fisica medica, biochimica, anatomia, istologia, genetica e si svolgerà già un primo periodo di praticantato.Fin dal secondo anno l’approccio clinico e l’uso del laboratorio sono gli strumenti di studio dei processi fisiologici e fisiopatologici. Biostatistica, fisiologia umana, immunologia, microbiologia e virologia, patologia e medicina, farmacologia, scienze comportamentali e competenze di comunicazione, diagnostica 1, pratica clinica 1, salute e società sono alcuni dei corsi proposti, che affiancheranno lo studio di casi clinici (PBL). Non solo la pratica medica si avvarrà degli appositi manichini per lo studio della semeiotica, ma, il secondo semestre sarà caratterizzato da una ulteriore novità didattica: piccoli gruppi di studenti, affiancati da tutor studieranno i casi clinici di maggior rilevanza per i diversi apparati, presso strutture di medicina di gruppo in cui trovano sede alcuni ambulatori di medici di base.
Durante gli ultimi tre anni gli studenti affronteranno le “cliniche mediche” attraverso le figure chiave dei tutor didattici che li supporteranno e guideranno, suddivisi in piccoli gruppi di studio, nelle discussioni, nell’analisi e nelle risposte terapeutiche dei casi loro sottoposti. (foto: Medical School)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ad Elisabetta Iannelli prestigioso riconoscimento Bakken Award 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

elisabetta-iannelli-headElisabetta Iannelli è uno dei 15 honoree, prescelti tra quasi 200 candidati da tutto il mondo, del Bakken Invitation Award, programma globale creato nel 2013 da Medtronic Foundation. Il Bakken Award, voluto da Earl Bakken (inventore del primo pacemaker nel 1957 e cofondatore di Medtronic), nasce per premiare le persone che, grazie all’utilizzo delle più innovative tecnologie mediche, hanno affrontato e superato malattie gravi e che con il loro impegno hanno portato valore aggiunto, umano e sociale attraverso il volontariato a favore degli altri malati che si trovano ad affrontare la loro stessa patologia. Medtronic Philanthropy ogni anno sostiene diverse iniziative a supporto delle varie comunità locali per promuovere l’accesso alle cure di qualità. In particolare con il Bakken Award si vuole dimostrare che, nonostante qualsiasi problema di salute, non solo è possibile vivere una vita piena, ma si può dare un grande contributo per il miglioramento della vita degli altri. #LiveOnGiveOn è l’ispirazione del premio.
Quest’anno, per la prima volta dall’istituzione del Bakken Award, unica tra gli honoree prescelti nel mondo, è stata premiata una ex malata di cancro italiana.
Ogni honoree ha ricevuto il premio personalmente da Earl Bakken, egli stesso un paziente che beneficia oltre che della sua invenzione, il pacemaker, anche di uno stent coronarico e di un microinfusore di insulina che gli hanno dato la possibilità di una “extra life”. Gli honoree sono stati scelti per la forza, il coraggio ed i contributi eccezionali dati alla comunità affinché il loro impegno per il miglioramento della qualità della vita di altri pazienti costituisca un modello di vita per tutti.
Al momento della premiazione Elisabetta Iannelli ha dichiarato: “Ho provato una immediata, profonda empatia per la filosofia che ispira il Bakken Award. Posso dire con assoluta convinzione che il concetto di ‘extra life’ e del suo buon utilizzo è nelle mie corde da sempre, probabilmente è ciò che, nel profondo, ha ispirato il mio impegno al servizio degli altri malati di tumore da quando io stessa ho ricevuto, a 24 anni, la diagnosi di cancro. Non mi sono mai chiesta come mai fosse capitato a me. Ho pensato, sperato, anzi voluto con forza, da subito, di poter essere un buon esempio per gli altri malati, un esempio di speranza che dimostrasse che la vita con il cancro e dopo il cancro è possibile e può essere bella, piena, intensa. Così è stato, a 24 anni dalla diagnosi posso ben dirlo e la mia famiglia, il mio lavoro, il mio impegno sociale lo dimostrano. Ma fino ad ora non avevo mai pensato – ha concluso Iannelli – che il mio impegno nel volontariato oncologico potesse essere riconosciuto come fonte di ispirazione per altre persone chiamate, loro malgrado, a investire le proprie risorse per vincere la vita dopo importanti malattie. Invece di lasciare che il cancro cambi la mia vita, cerco di cambiare la vita delle persone con il cancro.”
Iannelli, come ciascuno degli altri honoree, ha scelto l’associazione di volontariato beneficiaria del grant di 20.000$ devoluto da Medtronic Foundation per la realizzazione di iniziative a favore dei malati che, in questo caso, saranno impiegati dall’Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici (AIMaC onlus) nel Servizio Informativo nazionale in ONcologia (SION). Il SION, costituito da 40 punti informativi attivi in 25 città presso i maggiori centri di studio e cura dei tumori, da una helpline nazionale e da sito internet http://www.aimac.it e forum, fornisce informazioni su misura per i malati di cancro e per i familiari che li assistono, attraverso un’attenta analisi delle richieste, in una prospettiva bio-psico-sociale avvalendosi anche di libretti ed altro materiale informativo (cartaceo e telematico) realizzato da AIMaC sulle diverse patologie oncologiche e relative terapie.
AIMaC, di cui Iannelli è vicepresidente da circa 14 anni, è una organizzazione di volontariato fondata da un gruppo di pazienti nel 1997 per fornire informazioni e sostegno psicologico ai malati di cancro ed alle loro famiglie attraverso una strategia multimediale personalizzata e sempre aggiornata. Nella battaglia contro il cancro uno strumento fondamentale è proprio l’informazione: “Sapere vuol dire poter combattere perché oggi di cancro si può guarir
Elisabetta Iannelli, avvocato e giornalista pubblicista, ha affrontato con forza e determinazione i ripetuti attacchi di un tumore al seno metastatico ed oggi vive in una condizione che lei stessa definisce di cronicità oncologica. Da sempre impegnata nel volontariato al servizio dei disabili, dagli anni Novanta ha progressivamente dedicato il suo tempo per il miglioramento della qualità della vita dei malati oncologici, dapprima con AIRC e poi, dal 2000 con AIMaC. Nel 2003 è tra i fondatori della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (F.A.V.O.) di cui è segretario generale dal 2004 ed è tra i promotori dell’istituzione della Giornata nazionale del malato oncologico.
I Want to Share My Inspiring Story Elisabetta’s “extra life”
In 1993, Elisabetta was a vibrant 24-year-old law student and bride-to-be when she was diagnosed with ductal invasive metastatic breast cancer. She underwent a partial mastectomy followed by chemotherapy and radiotherapy. After a relapse, Elisabetta underwent additional radiotherapy, chemotherapy and immunotherapy, ultimately receiving the all-clear from her care team that she was in remission.”My breast cancer diagnosis at age 24 was a bolt out of the blue that I feared would crush all my dreams and desires. However, I soon decided that instead of letting cancer change my life, I would try to change the lives of people dealing with cancer by trying to eliminate any stigma or discrimination they faced, and work to make social and professional rehabilitation possible and available. I have dedicated my career to being a labor and welfare attorney, counseling people with disabilities or who otherwise suffer discrimination.”I also donate my personal and professional experience to cancer charities. Since 2000, I have served as vice president of the Italian Association of Cancer Patients (AIMaC) — a nonprofit that provides information and psychological support to cancer patients, their families and friends. We have made great strides in the areas of welfare and health care, public and private employment, and equal treatment of all cancer patients. For example, a regulation was passed by the Italian Parliament in 2003, allowing cancer patients working in the private sector to switch from full-time to part-time positions while undergoing treatment, and return to full-time work according to their needs and capabilities. The same right has also been extended to public employees.”I am also founder and general secretary of the Italian Federation of Volunteer-based Cancer Organizations (FAVO), a nonprofit that helps increase the influence of cancer patients on health policy so their voices can be heard, their needs met, and their rights protected.”Because of my own experience, I can witness that cancer is a chronic disease an individual can live with. Life with cancer is possible, especially if God, your family and good friends around you support your strong desire to fight and to move forward.” (foto: elisabetta iannelli)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Giornalistico Bayer

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

bayer_healthcareSono stati prorogati al prossimo 30 aprile i termini per partecipare al Premio Giornalistico Bayer, dal titolo “Emofilia, aspetti sociali e clinici. Obiettivo: migliorare la qualità di vita dei pazienti”. Il Premio ha l’obiettivo di sensibilizzare i professionisti dell’informazione a divulgare la conoscenza dell’emofilia e creare awareness su una malattia rara.L’iniziativa mira non solo a fare luce sull’emofilia, una patologia che solamente in Italia colpisce circa 4.000 persone, 30.000 in Europa, 400.000 nel mondo, ma anche e soprattutto a sensibilizzare l’opinione pubblica sugli aspetti clinici e sociali della patologia.“Con questa prima edizione del Premio Giornalistico Bayer – dichiara Patrizia Guarraci, Responsabile BU Specialty di Bayer – intendiamo riconoscere come il vero protagonista della sanità sia il paziente emofilico e, con lui, le sue esigenze a livello di cure. Il traguardo può sicuramente essere raggiunto prima e più facilmente grazie alla collaborazione di tutti gli attori coinvolti nel mondo della tutela della salute: dai professionisti, ai care givers, fino ai volontari che operano nel mondo di questa patologia. Attraverso questa iniziativa – conclude Guarraci – Bayer intende contribuire attivamente a richiamare l’attenzione di tutti gli attori del settore sanità sull’esigenza di rispondere in maniera concreta alle esigenze del cittadino-paziente emofilico e della sua famiglia. Ci auguriamo, dunque, che la nostra iniziativa renda l’opinione pubblica più consapevole su questa malattia rara”.Il Premio Giornalistico sottolinea l’importanza di dare informazioni corrette e complete sugli ultimi progressi raggiunti nel settore dell’emofilia: ecco che, allora, diventano fondamentali la profilassi, le diverse possibilità di cura a disposizione del paziente, la sicurezza dei trattamenti, attuali e futuri.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Erasmus: i deputati chiedono stanziamenti per le organizzazioni giovanili e per l’apprendistato

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

erasmusBruxelles Parlamento europeo. Nel progetto di risoluzione che sarà votato giovedì, i deputati chiedono che il programma comunitario Erasmus+ fornisca a tutti i giovani, e non solo agli studenti universitari, la possibilità di studiare all’estero.Il bilancio di Erasmus+ deve essere più flessibile per offrire a tutti pari opportunità e portare a un aumento dei progetti presentati dalle organizzazioni giovanili, sostengono i deputati nella bozza di risoluzione, che si dicono inoltre preoccupati poiché al programma partecipa un numero limitato di apprendisti.
Il Parlamento invita pertanto la Commissione a dare alle agenzie nazionali una maggiore flessibilità per stornare i fondi nell’ambito delle azioni chiave del programma e consentire così il proseguimento dei progetti di qualità nei settori sotto finanziati.I deputati evidenziano, inoltre, la necessità di ridurre la burocrazia, semplificare i formulari di richiesta e aumentare la percentuale dei finanziamenti anticipati per agevolare le piccole organizzazioni nell’esecuzione dei progetti.
I deputati chiedono, inoltre, alla Commissione di preparare una valutazione critica sul funzionamento dello strumento che garantisce prestiti agli studenti, che dovrebbe aiutare gli studenti dei master a ottenere prestiti a tassi agevolati, garantiti dalla in caso di insolvenza. Da quando è stato lanciato questo piano, nel 2015, vi hanno aderito solamente 130 studenti e quattro banche.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flussi migratori nel Mediterraneo: dibattito in plenaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

mogheriniBruxelles Parlamento europeo. I deputati discuteranno mercoledì pomeriggio intorno alle 17.00 la crescente pressione migratoria nel Mediterraneo centrale. Mentre il numero di persone che attraversano il Mar Egeo per raggiungere l’UE si è notevolmente ridotto, quello di coloro che rischiano la traversata del Mediterraneo centrale – principalmente dalla Libia verso l’Italia – ha continuato ad aumentare.L’idea di replicare l’accordo UE-Turchia per far fronte a flussi migratori dalla Libia, proposta all’inizio del mese dal Primo ministro maltese e Presidente di turno del Consiglio UE, Joseph Muscat, è stata respinta dalla vicepresidente Mogherini. L’Alto rappresentante ha invece annunciato 200 milioni di euro in finanziamenti comunitari da destinare al Fondo UE per l’Africa per aiutare a prevenire la migrazione dalla Libia. Questo finanziamento include 3,2 milioni di euro per ampliare il programma di formazione dell’UE per la guardia costiera libica, parte dell’Operazione Sophia.Parte degli stanziamenti saranno inoltre utilizzati per sviluppare un programma di “rimpatri volontari”, per aiutare alcuni dei migranti bloccati in Libia a tornare nei loro Paesi di origine.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Adozioni: i deputati chiederanno il riconoscimento automatico transfrontaliero

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

Bruxelles Parlamento europeo. Per una migliore protezione degli interessi dei bambini adottati, i deputati solleciteranno la Commissione, nel corso di un dibattito previsto per giovedì, a proporre regole comuni che richiedano a tutti i Paesi dell’UE il riconoscimento automatico di ogni certificato di adozione. Nel progetto di risoluzione in votazione sempre giovedì, i deputati suggeriscono la creazione di un certificato europeo di adozione, al fine di accelerare il processo di riconoscimento.Le famiglie con bambini adottati nel proprio Paese di residenza devono spesso affrontare ostacoli giuridici e amministrativi quando si spostano da uno Stato membro a un altro. Ad esempio, i genitori potrebbero non essere in grado di occuparsi dell’istruzione o del trattamento medico del loro bambino adottato, a meno che non siano state intraprese azioni legali per dimostrare la custodia. La Commissione sarà pertanto invitata a proporre norme vincolanti sul riconoscimento in tutta l’UE delle adozioni “domestiche”, ovvero dei casi in cui gli adottanti e il bambino adottato sono residenti nello stesso Paese.
Qualora l’iniziativa legislativa fosse approvata, la Commissione non sarà obbligata a seguire le raccomandazioni del Parlamento, ma dovrà comunque indicare le ragioni dell’eventuale rifiuto.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Unione dell’energia: dibattito sulle prossime tappe

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

energia-elettricaBruxelles Parlamento europeo. La seconda relazione sullo stato dell’Unione dell’energia sarà discussa mercoledì pomeriggio con il Commissario e vicepresidente Maroš Šefčovič. Con otto proposte aggiuntive (“Pacchetto energia pulita”) presentate nel novembre 2016, circa l’80% della legislazione necessaria per completare l’Unione dell’energia è ora nell’iter legislativo.Il Parlamento e il Consiglio hanno raggiunto un accordo provvisorio sulle regole sugli accordi intergovernativi per l’energia e stanno negoziando le nuove norme sull’etichettatura dell’efficienza energetica. A breve, inoltre, dovrebbero avviarsi i colloqui sulla sicurezza della fornitura di gas.Le proposte legislative riguardano l’efficienza energetica, le energie rinnovabili, la progettazione del mercato elettrico, la sicurezza dell’approvvigionamento di energia elettrica e le regole per la governance dell’Unione dell’energia. La commissione per l’industria del Parlamento sta per iniziare l’esame delle proposte.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I deputati europei condannano con forza il divieto di ingresso negli Stati Uniti nel dibattito con Federica Mogherini

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

Bruxelles Parlamento europeo. I leader dei gruppi politici hanno reagito mercoledì all’ordine esecutivo del Presidente Donald Trump che vieta ai cittadini di sette Paesi di entrare in territorio statunitense. La maggior parte dei deputati ha definito le restrizioni d’ingresso come arbitrarie e in spregio dei valori fondamentali delle democrazie occidentali, come la libertà, la non discriminazione e la solidarietà.Il Capo della politica estera dell’UE Federica Mogherini ha accolto con favore il chiarimento da parte delle autorità statunitensi che i cittadini dell’UE non saranno interessati dal divieto di ingresso, anche se in possesso della cittadinanza di uno dei sette Paesi interessati. Ha comunque chiarito che “ciò non cambia la nostra valutazione complessiva degli ordini esecutivi. (…) L’UE non respingerà nessuno che gode della protezione internazionale”, aggiungendo che “questo è il nostro punto di vista e continueremo a difenderlo”.“Trump è stato eletto e noi vogliamo il dialogo”, ha detto il leader del gruppo PPE Manfred Weber (DE). “Quando Trump dice che sta combattendo l’immigrazione clandestina o l’islamismo radicale, ci trova d’accordo. Ma il divieto di ingresso non è così. Il sospetto generalizzato di Paesi e di persone conduce alla xenofobia. Gli Stati Uniti sono sempre stati un Paese di libertà e di diritti fondamentali, ora Trump tollera la tortura”. Così facendo, “uno Stato diventa esso stesso un criminale”, ha concluso.Gianni Pittella, in nome del gruppo S&D, ha dichiarato: “I provvedimenti di Trump sono un attacco alla civiltà giuridica europea e ai suoi valori fondamentali. (…) Siamo chiari: il “travel ban” contro alcuni cittadini non è diretto contro il terrorismo, è una bugia, è demagogia, colpisce alcuni Stati e altri no, quelli con cui Trump fa affari! Chiedo alle compagnie aeree di non rifiutare passeggeri di quei Paesi. (…) E noi dovremo evitare una visita di Trump in Europa fino a che le restrizioni restano. Porte sbarrate nei suoi confronti!”Syed Kamall (ECR, UK) ha dichiarato che “questo divieto arbitrario invia il messaggio che vi sarebbe contraddizione tra l’essere un buon musulmano e l’essere un buon cittadino di una democrazia occidentale. Sta dalla parte di Daesh e di altri estremisti, che fanno esattamente la stessa affermazione […]. Tuttavia, gli americani hanno votato per il candidato, che sta facendo ciò che ha promesso di fare. Dobbiamo quindi accettare che questo Presidente, le sue priorità e le politiche siano la conseguenza della crescente ondata di malcontento”.Secondo Guy Verhofstad (ALDE, BE), il fatto che nessun terrorista proveniente dai Paesi vietati abbia mai compiuto attentati sul suolo degli Stati Uniti dimostra che si tratta di “pura discriminazione”, di una misura destinata ad alimentare il populismo e il nazionalismo. Anche l’Europa è minacciata da quelle forze, ha aggiunto, auspicando che i leader europei, quando si riuniranno a Valletta, si dichiarino contrari “al gruppo di populisti e nazionalisti che vogliono distruggerci”.La leader del gruppo GUE/NGL Gabrielle Zimmer (DE), ha chiesto di “mettere i nostri valori contro il disprezzo di Trump, di mostrare, con una politica migratoria caratterizzata dalla solidarietà, che le persone in cerca di protezione non sono la causa di tutti i mali. (…) Che cosa sarebbe diventata l’Europa democratica del dopoguerra se i rifugiati del nazismo non avessero trovato un rifugio sicuro?”“Chi avrebbe mai pensato che le libertà e i diritti che noi diamo per scontati avrebbero potuto dileguarsi così in fretta. Questo, apparentemente, è come muore una democrazia liberale”, ha osservato la leader del gruppo verde Ska Keller (DE). Ha quindi invitato l’UE a essere il “campione della protezione del diritto internazionale, dei diritti umani e delle libertà. Cerchiamo di fare dell’Europa, ha concluso, il contraltare del modello Trump”.Per Nigel Farage (EFDD, UK), quello che sta accadendo negli Stati Uniti è che “un verace eletto democratico stia facendo quello per cui è stato eletto”. Le rimostranze europee sono una prova dell'”antiamericanismo comunitario” e ha proposto di invitare il Presidente Trump a venire al Parlamento, per tenere un “dialogo aperto con il più potente uomo neoeletto al mondo”.Il co-presidente del gruppo ENF, Marcel De Graaff (NL), ha invitato il Presidente del Consiglio europeo Tusk e la Commissione a “seguire l’esempio del Presidente Trump, installando controlli alle frontiere nazionali. Tenere fuori i jihadisti. Non solo dai sette Paesi indicati da Trump, ma da molti di più.” Intervento conclusivo di Federica Mogherini

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, Giunta approva Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

Roma. È stato approvato dalla Giunta capitolina il Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, valido per il periodo 2017-2019. Con questo provvedimento vengono consolidate e sviluppate, portandole definitivamente a sistema, azioni che devono garantire correttezza dei comportamenti e rispetto delle regole. Le misure che caratterizzano il Piano 2017-2019 sono infatti improntate sia al definitivo superamento delle criticità e delle patologie che hanno segnato la macchina amministrativa nel recente passato che alla ricostruzione di un rapporto di fiducia e di proficuo scambio con i cittadini. Punto fondante del nuovo documento è l’unificazione del Piano per la Prevenzione della Corruzione (PTPC) con quello per la Trasparenza (PTTI) al fine di assicurare una effettiva sinergia tra i due ambiti di intervento, semplificando le attività delle amministrazioni e accrescendo allo stesso tempo gli strumenti di controllo sociale diffuso. Fra le principali novità del Piano 2017-2019 la disciplina per la concreta attuazione del nuovo istituto dell’Accesso Civico Generalizzato (FOIA – Freedom Of Information Act) e l’individuazione del Responsabile dell’Anagrafe per la Stazione Appaltante (RASA), soggetto preposto all’iscrizione e all’aggiornamento dei dati nell’Anagrafe Unica delle Stazioni Appaltanti (AUSA).
Per la concreta realizzazione delle misure previste, il PTPCT disciplina le regole di attuazione, di controllo e di monitoraggio. In particolare questo sistema di monitoraggio viene applicato alla rotazione del personale che, sviluppandosi in una programmazione pluriennale, si ispira ai principi del miglioramento continuo e dell’arricchimento professionale. Un processo che, dopo aver attentamente valutato abilità, conoscenze e idoneità dei singoli dipendenti, contribuirà alla formazione del personale, accrescendone le conoscenze e la preparazione professionale, superando così definitivamente ogni denotazione discriminante o punitiva. Vengono inoltre semplificati gli obblighi di pubblicazione e viene potenziata l’attività di formazione del personale di Roma Capitale quale fondamentale strumento per la prevenzione della corruzione e dell’illegalità nell’ambito dell’azione amministrativa.
Per l’elaborazione del Piano si è realizzata nel mese di gennaio una consultazione che ha coinvolto i cittadini, le associazioni e le organizzazioni portatrici di interessi collettivi e sindacali. Quattro di queste proposte ed osservazioni, inviate tramite l’apposita sezione dell’homepage del sito istituzionale di Roma Capitale, sono state accolte ed inserite nel cronoprogramma operativo del nuovo PTPCT. In particolare: la proposta proveniente da un cittadino che prevede la pubblicazione online delle memorie assunte dalla Giunta Capitolina; è stata richiesta la predisposizione di una stesura sintetica del PTPCT, una sorta di “Bignami”, da rendere disponibile ai dipendenti capitolini per una pronta e più efficace consultazione.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio: ampliate competenze Consulta cittadina della Sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

stradeRoma. La giunta capitolina ha ampliato le competenze della Consulta cittadina della Sicurezza Stradale rispetto ai temi della sostenibilità, inclusività e accessibilità urbana. Per effetto di tale modifica la Consulta prende la nuova denominazione “Consulta Cittadina Sicurezza Stradale, Mobilità Dolce e Sostenibilità”. Inoltre sono stati delineati i nuovi principi per la predisposizione del Regolamento interno.La Consulta è un organismo di confronto e concertazione che coinvolge tutti i settori istituzionali e i soggetti pubblici e privati operanti nei campi della sicurezza stradale, della mobilità dolce e della sostenibilità, dell’inclusività e dell’accessibilità urbana. I suoi organi saranno: il Presidente, il Vice Presidente, l’Assemblea e la Commissione di coordinamento.
Obiettivo primario della Consulta è quello di costruire una rete di relazioni fra i soggetti delle istituzioni e le rappresentanze sociali al fine sia di favorire la conoscenza delle condizioni di specificità del territorio comunale e le linee di programmazione dell’Amministrazione, sia di consentire la partecipazione attiva e propositiva di tutti i soggetti allo sviluppo delle politiche istituzionali.Oltre che come organismo consultivo, la Consulta si configura come tavolo tecnico-operativo per la condivisione delle specifiche linee di programmazione, attuazione e gestione degli interventi, all’interno di un quadro organico di attività avente il fine di definire le azioni specifiche, ottimizzare le risorse disponibili, valorizzare le singole e specifiche esperienze, sfruttare le eventuali sinergie che possono derivare dall’aggregazione delle diverse esperienze e competenze.“Serviva un approccio più ampio al tema della sicurezza stradale – commenta l’Assessore alla Città in Movimento Linda Meleo – Il nostro obiettivo è diminuire il numero delle vittime nella nostra città offrendo sistemi di trasporto sicuri, accessibili e sostenibili, favorendo sempre di più gli spostamenti attraverso il trasporto pubblico e garantendo la massima attenzione agli utenti vulnerabili, bambini, anziani e disabili”.“La Consulta sarà un luogo di confronto con operatori pubblici e privati e potrà fare anche proposte agli Assessori e alle Commissioni. La Commissione di coordinamento predisporrà annualmente una relazione sulle attività svolte, sullo stato della sicurezza stradale e della sostenibilità nella città di Roma da trasmettere alla III Commissione Mobilità e Trasporti. Ovviamente la partecipazione degli organi ai lavori della Consulta avviene a titolo gratuito” aggiunge. “La delibera, dopo il passaggio in Giunta, dovrà essere approvata in Assemblea capitolina – spiega il presidente della commissione capitolina Mobilità Enrico Stefano – Pensiamo ad una seduta straordinaria del consiglio comunale dedicata alla sicurezza stradale da tenersi i primi giorni di marzo. Sarà un’occasione utilissima alla città per confrontarsi sul tema anche alla presenza di Jean Todt, inviato speciale dell’ONU per la Sicurezza Stradale”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Beni sequestrati alla criminalità

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

Roma “Abbiamo appreso in Commissione Patrimonio che l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ha da tempo segnalato a Roma Capitale una serie di strutture frutto di confisca, che però non sono ancora nelle disponibilità del Comune per l’assenza di un Regolamento”. E’ quanto dichiara la capogruppo della Lista Civica #RomaTornaRoma, Svetlana Celli. “La Lista Civica #RomaTornaRoma ha presentato alla Commissione una sua proposta di Regolamento, che mi auguro venga presa quanto prima in esame dall’Amministrazione, per restituire alla legalità decine e decine di beni confiscati alla mafia. Si tratta di beni che possono garantire una risposta celere ai bisogni dei territori. Per questo non c’è altro tempo da perdere. Il Campidoglio dovrebbe passare in fretta all’azione e dare così un segnale di autorevolezza dell’Amministrazione, ancora commissariata in uno dei sui Municipi più estesi, proprio per la presenza inquinante della criminalità organizzata”.

Posted in Editoriali/Editorials, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia, Marotta (Ap): “Bene ddl fallimenti, effetti anche su economia”

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

giustizia“Dopo oltre dieci anni è stata approvata una riforma organica sulle crisi di impresa, che sicuramente porterà i suoi effetti anche sul piano dell’economia del nostro Paese. Viene quindi modificata l’attuale legge fallimentare, ormai datata, con cui si dà la possibilità al sistema di prevenire l’insolvenza e, allo stesso tempo, viene dato un ruolo attivo all’imprenditore in difficoltà economiche nel caso in cui la crisi non sia esclusivamente dovuta a sue precise responsabilità”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta, intervenuto in Aula in dichiarazione di voto sulla pdl sulle crisi di impresa.
“L’attuale normativa inoltre crea i presupposti, in maniera determinante, affinché la massa dei creditori possa essere soddisfatta in tempi veloci, con ciò prevenendo possibili crisi di altri imprenditori”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Energia Greenpeace: riscaldamento globale

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 febbraio 2017

european commissionCommentando il dossier presentato oggi dalla Commissione europea sullo stato di avanzamento dell’Unione dell’energia – “State of the Energy Union” – Greenpeace evidenzia come la strategia energetica dell’Ue non sia in linea con gli impegni sul clima sottoscritti a dicembre 2015, durante la Cop21 di Parigi. «Per mantenere il riscaldamento globale sotto 1,5 gradi, così come concordato a Parigi, l’Unione europea deve accelerare la transizione verso un futuro 100 per cento rinnovabile e cancellare tutti i sussidi alle fonti fossili», afferma Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Più di ogni altra cosa, l’Ue deve assicurare a tutti i suoi cittadini la possibilità di autoprodurre con fonti rinnovabili almeno parte dell’energia consumata, contribuendo così al necessario incremento dell’uso di fonti pulite». Greenpeace chiede che l’Unione europea risponda adeguatamente all’urgenza dei cambiamenti climatici, velocizzando l’uscita dall’era del carbone e superando quelli che sono gli attuali obiettivi in tema di clima ed energia. Secondo l’organizzazione ambientalista, l’Ue dovrebbe dare priorità e incentivare le energie rinnovabili, disinvestendo invece da tutte le fonti fossili e cancellando qualsiasi sussidio pubblico a queste forme inquinanti di energia. L’Italia risulta aver raggiunto in anticipo i propri obiettivi al 2020 sul tema delle rinnovabili, ma questo è vero solo su carta. In realtà, il raggiungimento dell’obiettivo è dovuto a un mero adeguamento dei dati statistici 2010 e, in gran parte, alla revisione Istat del dato dell’uso di biomassa per produrre calore, prima sottostimato, e non a un reale aumento delle energie rinnovabili per la produzione di energia. Inoltre, il nostro Paese non ha raggiunto l’obiettivo di interconnessione della rete, e anche per questo è ora costretto a “richiamare in azione” alcune vecchie e inquinanti centrali a carbone. «In Italia c’è ancora tanto da fare in tema di clima ed energia, dobbiamo abbandonare l’atteggiamento rinunciatario messo in campo dai governi che si sono susseguiti in questi ultimi anni. Abbiamo tutte le possibilità per diventare leader nelle energie rinnovabili, quello che manca è la volontà politica», conclude Iacoboni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »