Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for 8 febbraio 2017

“Lo strano triangolo di Sophie”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

lo-strano-triangoloRoma Dal 14 al 19 febbraio 2017 Teatro Petrolini Via Rubattino 5 a Testaccio Ore 21.00 festivi ore 17.00 arriva “Lo strano triangolo di Sophie”. Intrighi, avventure amorose, colpi di scena sono alla base della commedia “Lo strano triangolo di Sophie”, scritta e diretta da Massimiliano Bruno, che segue la formula canonica della “pochade” francese. La pièce, che debutta al Teatro Petrolini racconta le vicende di Sophie Giraux una piacente quarantenne parigina, che porta avanti con eleganza la complicata relazione a tre: lei, il marito e l’amante che risulta simpatico allo stesso consorte. I guai cominciano quando il triangolo, a insaputa della stessa Sophie, si trasforma in un quadrangolo: lei, il marito, l’amante n° 1 e l’amante n° 2. Risate e divertimento con la brillante perfomance dei tre attori protagonisti: Roberta Chelini, Roberto Pucci, Marco Siotto, capaci di conquistare con la giusta dose di complicità e ironia. Tra sospetti, equivoci e congetture i personaggi ruotano sulla scena con ritmo ed affiatamento, tali da rendere la storia una garbata forma di satira sociale. Aiuto regia Roberto Bubbico.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Catella sells and reinvests in the Netherlands for its sustainable property fund

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

catella arenaMunich-based investment manager Catella Real Estate has taken advantage of the current favourable market conditions in the Netherlands by selling an office building in Amsterdam and reinvesting in a modern residential and retail property in Utrecht’s city centre for the Sarasin Sustainable Properties – European Cities fund. The office building at Middenlaan 14-16 in Amsterdam has 5,490 square metres of office space and 1,090 square metres of storage space. Due to the dated quality of the space in the building, constructed in 1972, Catella took the decision to sell the property above market value.“The Dutch real estate market is on course for recovery. Its good performance is also reflected in the favourable market conditions, which have benefited this sale,” says Henrik Fillibeck, Managing Director of Catella Real Estate. The capital has been reinvested in a residential and retail property at Oudegracht 152-156/ Vinkenburgstraat 17 in the Binnenstad district of central Utrecht. The property has almost 3,500 square metres of usable space and stands on a 1,200 square metre piece of land. Residential space takes up 1,455 square metres, while 1,250 square metres are allocated to retail and 789 square metres to food and drink outlets. “The Dutch recovery is filtering through to the retail sector. All the indices suggest that the Dutch have regained their appetite for spending more money on consumption. Reinvestment in a residential and retail building is an excellent way to further diversify the portfolio and spread risks. By selling a dedicated office building and buying a mixed-use property, the diversification in retail and residential space can be further expanded. Oudegracht is the city’s best-known canal and a prime retail location, with a large number of restaurants, cafés and bars, and helps to make the city, byopening a new location in the area of Randstad, a metropolitan area in Europe,” says Henrik Fillibeck.Catella’s Sarasin Sustainable Properties – European Cities fund focuses on sustainable investments in fast-growing major European cities.
Catella is a leading specialist in property investments, fund management and banking, with operations in 12 European countries. The group has sales of approximately SEK 2 billion and manages assets of approximately SEK 150 billion. Catella is listed on Nasdaq Stockholm in the Mid Cap segment.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le migliori aziende irlandesi premiate in un evento esclusivo a Dublino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

premiazioneDublino. Le 17 società sono state scelte da una giuria indipendente, formata da dirigenti senior e accademici di spicco, per essere i ‘Campioni Nazionali’ nella più grande competizione di business europea. I partecipanti all’evento hanno avuto l’occasione di parlare con business leader e ascoltare guest speakers come l’ambasciatore britannico in Irlanda Robin Barnett CMG e Julian Caplin di RSM Irlanda.
L’ambasciatore britannico Robin Barnett CMG ha dichiarato: “Sono stato onorato di ospitare questo evento per celebrare il successo delle 17 società scelte per rappresentare l’Irlanda in qualità di Campioni Nazionali nella prima fase degli European Business Awards. I prescelti d’Irlanda possono essere dei buoni esempi per altre aziende grazie alla loro straordinaria innovazione, determinazione e successo. Sono certo che queste aziende continueranno a crescere e a favorire lo sviluppo di grandi opportunità di business, non solo con Regno Unito ed Europa ma con tutto il mondo.”Lo sponsor principale, RSM, è il sesto gruppo mondiale di società indipendenti di auditing, fiscalizzazione e consulenza, ed ha supportato gli European Business Awards fin dalla loro nascita.Julian Caplin di RSM Irlanda ha detto: “Siamo stati onorati di celebrare questo grande successo con i vincitori della notte scorsa. Come campione dei business di fascia media, RSM Irlanda è focalizzata a supportare aziende imprenditoriali. Comprendiamo il significato degli European Business Awards nell’offrire a questi vincitori un palcoscenico europeo per tessere relazioni e collaborare.”
European Business Awards è stata creata per sostenere lo sviluppo di una comunità di business più forte e di successo in tutta Europa. Quest’anno è stata impegnata con oltre 33.000 società in 34 paesi.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un data center Fortune 100 della Silicon Valley raggiunge 1.06 di Power Usage Effectiveness con 280 nodi per rack offrendo la massima densità ed efficienza di server

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

data-center-fortuneSAN JOSE, California, /PRNewswire/ Super Micro Computer, Inc. (NASDAQ: SMCI), leader globale nelle tecnologie informatiche, server e networking tra cui l’informatica verde, ha annunciato l’impiego dei suoi sistemi MicroBlade™ disaggregati in uno dei data center a più alta densità ed efficienza energetica del mondo.Un’azienda tecnologica leader Fortune 100 ha impiegato oltre 30.000 server MicroBlade di Supermicro nel proprio centro dati nella Silicon Valley, con una Power Use Effectiveness (PUE) di 1.06, per supportare le sue esigenze informatiche crescenti. In confronto ad un tradizionale data center che gira a 1.49 PUE o maggiore, il nuovo centro dati raggiunge un miglioramento dell’88 percento in efficienza energetica complessiva. Quando la costruzione sarà completata ad una potenza di carico IT di 35 megawatt, l’azienda si pone l’obiettivo di risparmiare 13,18 milioni di dollari l’anno in costi energetici totali nell’intero data center.Il sistema MicroBlade di Supermicro rappresenta un modello di piattaforma di calcolo totalmente nuovo. E’ un sistema totale tutto-in-uno potente e flessibile ad altissima densità 3U o 6U caratterizzato da 14 o 28 MicroBlade server blade hot-swappable. Il sistema offre un miglioramento dell’ 86% in efficienza di alimentazione/raffreddamento con infrastruttura comune condivisa, 56 percento di miglioramento nella densità di sistema e un più basso investimento iniziale rispetto ai server 1U. La soluzione ha 280 server-processori Intel® Xeon® per rack e raggiunge tra il 45 e il 65 percento di risparmio CAPEX per ciclo di refresh con un design rack-scale disaggregato.
L’architettura disaggregata MicroBlade di Supermicro sblocca la interdipendenza tra i principali sottosistemi di server consentendo l’upgrade indipendente di CPU+Memory, I/O, storage e alimentazione/raffreddamento. Ora ciascun componente può essere aggiornato on-time per massimizzare i miglioramenti della legge di Moore in performance ed efficienza rispetto all’attesa del ciclo di refresh di un singolo server monolitico.Il MicroBlade fornisce il perfetto asse portante per una soluzione di data center a Rack-Scale design. Il networking su tutti i server blade è aggregato in sole due porte per uplink con interruttore integrato, eliminando il bisogno di interruttori Top-of-Rack (ToR) e cablatura complessa. Con una riduzione di cablaggio fino al 99% per il sistema MicroBlade, il flusso d’aria è significativamente migliorato, e a sua volta riduce il carico sulle ventole di raffreddamento, risultando così in costi operativi ancora più bassi. Un miglioramento dell’86 percento in efficienza energetica della ventola di raffreddamento viene raggiunto condividendo quattro ventole e moduli di alimentazione integrati su tutte le 14 server blade di MicroBlade. Il contenitore MicroBlade è configurato con uno Chassis Management Module per gestione unificata e alimentatori ridondanti digitali certificati di livello Titanio da 2000 watt per un’efficienza energetica del 96%. Supermicro MicroBlade viene consegnato con IPMI 2.0 standard di settore e Redfish API disegnato per ridurre i costi di gestione in data center di larga scala. Il MicroBlade supporta anche i processori DP Intel Xeon E5-2600 v4/v3 (codici di componenti server blade MBI-6128R-T2/T2X).Oltre al MicroBlade, Supermicro sta introducendo una nuova architettura SuperBlade® con più opzioni di utilizzo. Il SuperBlade X10 Generation supporta fino a 10/14/20 ES-2600 v4 nodi dual processor per chassis 7U con molte delle stesse caratteristiche del sistema MicroBlade. I nuovi sistemi 8U SuperBlade® usano gli stessi interruttori Ethernet, gli chassis management module, e software del MicroBlade per una migliorata affidabilità, manutenzione ed economicità. I sistemi sono disegnati per supportare i processori DP e MP fino a 205 watt in blade rispettivamente di mezza altezza e altezza intera. Analogamente, i nuovi sistemi SuperBlade 4U massimizzano performance ed efficienza e nello stesso tempo abilitano fino a 140 server dual-processor o 280 server single-processor per rack 42U. (foto: data center Fortune)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: “Tre sorelle e un imbranato”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

rietiRieti domenica 12 febbraio alle ore 17 La compagnia teatrale “La bottega del Teatro” presenta “Tre sorelle e un imbranato“, uno spettacolo che andrà in scena al Flavio Vespasiano. Tre sorelle e un imbranato è una commedia brillante in due atti in italiano, scritta da Aldo Lo Castro e rappresentata dagli attori Saveria Fagiolo, Laura Ranalli, Emanuele Sciortino, Massimo Moroni e Rosetta Severoni. La regia è firmata da Elia Bucci.La vicenda si svolge nella Rieti dei giorni nostri, dove tre sorelle, Roberta, Bianca e Angela, si ritroveranno fare i conti con i difficili equilibri della convivenza familiare, spesso messa a dura prova. L’esuberanza di Roberta, aspirante attrice, la saggezza di Bianca e l’apparente calma della sorella più piccola, Angela, saranno scompigliate dall’arrivo del “ciclone” Matteo, un uomo dai mille difetti e virtù che metterà a soqquadro le loro vite. Come in ogni lavoro teatrale che accompagna la pluriventennale attività de La Bottega del Teatro, la commedia, adatta ad ogni età, unisce gli elementi base della tradizione comica italiana alla riflessione, in un gioco di equivoci e malintesi ben amalgamati tra loro. Essere se stessi o comportarci come la società vorrebbe? Apparenza o realtà? Tre sorelle e un imbranato proverà a dare una risposta e vi aspetta al Teatro Flavio Vespasiano per trascorrere insieme due ore di spensieratezza! I biglietti sono disponibili dal 9 febbraio presso il botteghino del Teatro Flavio Vespasiano dalle ore 10 alle 13 e dalle 16,30 alle 19,30.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Genova un meeting internazionale dedicato alle malattie respiratorie

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

porto antico genovaGenova dal 16 al 18 febbraio 2017 Palazzo Ducale, in Piazza Giacomo Matteotti 9 primo meeting internazionale dal titolo “Focus on upper & lower airways distasse”, promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. Presidente è Giorgio Walter Canonica, Docente di Asma e Allergia Clinica al Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università Humanitas di Rozzano, Milano e al Dipartimento di Medicina Interna all’Università di Genova. l meeting si apre con due sessioni dedicate agli aspetti fisiologici diagnostici per proseguire con sessioni riguardanti l’immunoterapia e la medicina di precisione nelle allergie, l’aderenza alle terapie nell’asma e le terapie con i farmaci biologici, l’evoluzione e l’epidemiologia della BPCO-Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva, la doppia e tripla terapia, le innovazioni negli inalatori per la BPCO.
«Lo scopo del meeting è la segnalazione e la diffusione dei più recenti dati riguardanti queste malattie» spiega Canonica. «Dobbiamo sottolineare che entro il 2020 la BPCO diventerà la quarta causa di morte nel mondo e anche l’asma è destinata a diventare un’importante causa di morte. Saranno presentati dati davvero recenti riguardanti le difficoltà nel gestire le malattie respiratorie, sia da parte dei medici sia da parte dei pazienti, i problemi riguardanti l’aderenza alla terapia, soprattutto nei pazienti più giovani.
Un altro argomento che tratteremo sarà il rapporto tra malattie respiratorie e altre patologie. Oggi non curiamo malattie, ma curiamo pazienti, che spesso sono affetti anche da altre patologie concomitanti e di questo dobbiamo tenerne conto».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ipercolesterolemia, farmaci non statinici meno utilizzati dopo linee guida 2013

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

farmacistaIpercolesterolemia, farmaci non statinici meno utilizzati dopo linee guida 2013 Un’analisi pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology mostra che i formulari Medicare hanno ristretto la copertura di alcuni farmaci ipolipemizzanti non statinici in seguito alle indicazioni delle linee guida dell’American College of Cardiology/American Heart Association del 2013, che sottolineavano la necessità di scegliere una statina alla massima dose tollerata come prima linea di terapia. «Pur essendo presente un’associazione con un aumento delle restrizioni per i farmaci ipolipemizzanti non statinici dopo la pubblicazione delle linee guida, le variazioni non sono risultate coerenti, e molti formulari hanno continuato a fornire alti tassi di copertura non limitata senza richiedere una terapia a fasi, cioè l’uso di una statina come primo passo» scrivono Sanket Dhruva e colleghi della Yale School of Medicine. «Inoltre, i formulari che hanno ristretto l’accesso a farmaci ipolipemizzanti non statinici hanno interrotto la copertura o aumentato la soglia di suddivisione dei costi, imponendo così una spesa ai pazienti a cui vengono prescritti farmaci di seconda linea per la dislipidemia». Durante il periodo considerato dallo studio, il secondo trimestre del 2013 e del 2015, i formulari Medicare sono diventati più restrittivi per sette farmaci non statinici e combinazioni non statina/statina su dieci. In particolare, la copertura è scesa in maniera significativa per simvastatina con aggiunta di niacina a rilascio prolungato (18% vs 6%), fenofibrato (79% vs 62%), gemfibrozil (99% vs 97%), colestiramina (94% vs 89%), colestipol (92% vs 88%). L’incidenza dei formulari che fornivano una copertura non ristretta di almeno una statina a moderata intensità è passata dal 100% al 98,2%, e quella dei formulari che offrivano una copertura non limitata di almeno una statina ad alta intensità è scesa dal 98,1% al 97,2%. Questo punto si traduce, per esempio, in un’ampia copertura dell’atorvastatina, disponibile in formulazioni di intensità moderata e alta, a discapito di altre statine a moderata intensità. Gli autori non mancano di notare che, avendo esaminato dati provenienti da Medicare Advantage e Parte D, i risultati potrebbero non essere applicabili ai formulari dei piani di assicurazione privata, e che non è possibile escludere altri fattori causali per le variazioni dei formulari. (foto: farmacista) (fonte: farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Daniele da Volterra. I dipinti d’Elci

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

danieleRoma giovedì 16 febbraio 2017, ore 11.00 Galleria Corsini via della Lungara 10. Un’occasione unica dal 17 febbraio al 7 maggio per ammirare i due dipinti, Elia nel deserto e la Madonna con il Bambino, san Giovannino e santa Barbara, considerati dalla critica come capolavori assoluti, raramente esposti al pubblico, custoditi da oltre un secolo nella collezione privata senese dei Conti Pannocchieschi d’Elci. I dipinti d’Elci, la mostra a cura di Barbara Agosti e Vittoria Romani incentrata su due delle rare opere mobili conservate di Daniele da Volterra, l’artista che più fu vicino a Michelangelo nella sua esperienza creativa e umana. (foto: daniele)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I dieci fallimenti di Renzi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

respect-costituzioneIl gruppo Forza Italia della Camera dei deputati pubblica sul suo sito ufficiale e sui social un dossier dal titolo “I dieci fallimenti di Renzi”. Dalla riforma Boschi al Jobs Act, dalla riforma della scuola a quella della Pa: mille giorni di nulla, mille giorni persi per l’Italia.
1) “Schiforma costituzionale”: bocciata (60 a 40) dal referendum del 4 dicembre 2016.
2) Legge elettorale (Italicum, quella che il mondo avrebbe dovuto invidiarci): caduta con la bocciatura della riforma costituzionale e con la sentenza della Corte del 25 gennaio 2017.
3) “Flop act”: 20 miliardi buttati senza creare buona occupazione, con disoccupazione al 12% e disoccupazione giovanile 40,1%.
4) “Imbroglio” 80 euro: 10 miliardi all’anno spesi lasciando consumi e crescita al palo. La congiuntura continua a peggiorare.
5) “Cattiva Scuola”: 3 miliardi e 120.000 assunzioni hanno creato solo caos tra docenti, studenti e famiglie.
6) Pubblica amministrazione: “riforma” affossata dal Consiglio di Stato, con parallela resa al sindacato. Solo annunci e niente più.
7) Banche: dopo il fallimento di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara, 150.000 truffati e 4 decreti, per salvare MPS, la banca del PCI-PDS-DS-PD, e mettere in sicurezza il sistema sono serviti 20 miliardi. E non si sa se basteranno.
8) Immigrazione: l’invasione che stiamo subendo (181.436 migranti sbarcati nel 2016) è soprattutto segno che Renzi in Europa non ha contato nulla. E le comunità locali sono al collasso, con costi umani e finanziari spaventosi.
9) Più tasse, più debito, più deficit e nessuna spending review: la pressione fiscale in Italia è aumentata di un punto di Pil, dal 41,6% al 42,6% e continuerà ad aumentare con la “manovrina”. Inoltre, piuttosto che diminuire, con gli impegni presi da Renzi il debito è aumentato di 121,8 miliardi, il deficit per il 2016 doveva attestarsi all’1,5% e invece ha chiuso al 2,4%, la spesa pubblica aumenta di 20,5 miliardi fino al 2019 (pari al 2,4% in più in 5 anni). Renzi e Padoan hanno perso la faccia, e lo spread sale…
10) Terremoto: nonostante 3 decreti, popolazioni abbandonate, confusione di ruoli, Protezione Civile smantellata. Fallimento a 360 gradi e ignobile strumentalizzazione nei confronti dell’Europa. È quanto si legge in una nota del gruppo Forza Italia della Camera dei deputati.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Gli autografi dei letterati italiani”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

Perugia_museo_archeologico_01Perugia Venerdì 10 febbraio 2017, ore 14.00 Palazzina Valitutti, (Campus di via C. Manuali) “Gli autografi dei letterati italiani” è il titolo di un seminario che terrà il prof. Matteo Motolese, docente di Linguistica italiana presso l’Università di Roma “La Sapienza. Il seminario sarà anche l’occasione per fare il punto sull’ambizioso progetto scientifico che ha visto in circa 10 anni di lavoro la collaborazione di circa 100 studiosi italiani e stranieri tra filologi, storici della lingua, paleografi, storici della letteratura (www.autografi.net). L’obiettivo è quello di raccogliere le testimonianze autografe ad oggi conosciute relative a oltre duecento letterati italiani dal XIII sino alla fine del XVI secolo. L’idea è quella di costituire una mappa di ciò che sopravvive degli usi scritti di un gruppo rappresentativo di autori dei primi secoli della letteratura italiana, accompagnando il censimento – per ogni singolo autore – con una serie di riproduzioni, una descrizione paleografica degli usi scrittòri, un profilo introduttivo che dia conto dello status relativo ai suoi manoscritti e alla sua biblioteca.
Mentre saranno esclusivi della forma cartacea i profili introduttivi ai singoli autori e le descrizioni paleografiche delle loro abitudini scrittorie verranno riversati nel portale http://www.autografi.net tutti i dati del censimento, che saranno perciò interrogabili in modo incrociato. Inoltre, verrà reso disponibile un numero molto maggiore di riproduzioni, che potranno riguardare anche interi manoscritti. Grazie a un accordo con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali è stata avviata infatti un’ampia campagna fotografica nelle biblioteche nazionali e statali italiane che permetterà l’acquisizione di un numero crescente di immagini in alta risoluzione. Per dare qualche numero, è prossima la consegna della prima tranche di oltre 30.000 immagini di manoscritti conservati in 13 biblioteche italiane, tra cui le Nazionali di Roma, Firenze, Napoli, Venezia e, naturalmente, la Laurenziana. Tra gli obiettivi ci sarà anche quello di impostare un’imponente campagna di acquisizione di trascrizioni relative agli autografi che ambisce a costituire un’importante banca dati interrogabile per indagini sulla lingua d’autore dalle Origini sino alla fine del Cinquecento.
Matteo Motolese insegna Linguistica italiana presso l’Università di Roma La Sapienza. Ha curato l’edizione commentata della Giunta fatta al ragionamento degli articoli et de’ verbi di messer Pietro Bembo di Lodovico Castelvetro (Antenore, Roma–Padova 2004). Si è occupato soprattutto di storia della lingua e della letteratura italiana del Rinascimento. Dal 2009 dirige con Emilio Russo l’opera in più volumi degli Autografi dei letterati italiani; collabora inoltre con il supplemento domenicale del “Sole 24 Ore”. Il suo ultimo studio monografico pubblicato, Italiano lingua delle arti. Un’avventura europea (1250-1650), pubblicato da Il Mulino nel 2012, analizza la notevole incidenza della nostra lingua sul lessico moderno delle arti visive e dell’architettura, a partire dalle testimonianze più antiche per arrivare alla trattatistica del Seicento.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli argomenti che non interessano gli italiani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

meloni«A 64 giorni dalla bocciatura al referendum del Governo Renzi e delle politiche della sinistra, nel Palazzo si continua a parlare di temi che non interessano minimamente gli italiani, come la legge elettorale e i premi di maggioranza. Chi continua a perdere tempo e cerca l’inciucio per non andare a votare non sta facendo gli interessi del popolo. Fratelli d’Italia continua a chiedere elezioni subito per dare all’Italia un governo che si occupi delle vere priorità nazionali: difesa dei confini, sicurezza, certezza della pena, lotta all’integralismo islamico, rapporto con l’Europa, contrasto alla povertà e sostegno alla famiglia». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: dare impulso al turismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

RomaRoma Occorre farlo attraverso l’incontro tra domanda e offerta degli operatori del settore ma soprattutto rilanciare la promozione della Capitale sui circuiti internazionali. La Giunta capitolina ha dato il via libera ad un provvedimento che mira a sostenere piani innovativi per lo sviluppo del turismo sostenibile, anche attraverso una più stretta collaborazione con le imprese Tra gli obiettivi principali ci sono quelli di incentivare la crescita dei flussi turistici di qualità a Roma per aumentare la competitività; promuovere l’immagine di Roma sui mercati emergenti attraverso la partecipazione a fiere e workshop; valorizzare l’economia del territorio coinvolgendo le imprese romane e laziali in processi di internazionalizzazione.“Promuovere l’immagine della Capitale nel mondo e rafforzare il rapporto con gli operatori del settore ci aiuteranno a intercettare nuovi flussi turistici e nuovi investimenti. Basti pensare che da solo il turismo congressuale in Italia genera una ricaduta economica pari a 60 miliardi di euro. A Roma abbiamo un polo di eccellenza, che oltre al quartiere fieristico può contare oggi anche sul Convention Center La Nuvola. Con questo piano di marketing sui mercati italiani e stranieri diamo vita ad una nuova stagione di sviluppo delle imprese, del Made in Rome e della grande bellezza della nostra città”, dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale Adriano Meloni.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, a Roma grande successo per il weekend d’arte

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

Museo Nazionale del Palazzo di Venezia1Roma Un grande successo per il weekend d’arte della Capitale appena trascorso con 26mila visitatori che tra sabato 4 e domenica 5 febbraio hanno potuto godere bellezze archeologiche e artistiche della città: dai musei civici alla grande area archeologica dei Fori tornata unita. Sabato scorso, dalle 20 alle 24, oltre 1.300 persone hanno visitato i Musei Capitolini con il biglietto simbolico di un euro (visitatori che si sommano agli oltre 4.500 registrati durante l’intera giornata in tutti i Musei civici). Dal 4 febbraio i Musei Capitolini e i piccoli musei sono tornati ad animarsi con un nuovo ciclo di attività, che proseguirà fino a domenica 26 marzo e che coinvolge gli spazi del museo pubblico più antico del mondo con una grande festa popolare con danze, canti e musiche della tradizione del Carnevale, oltre alla possibilità unica di passeggiare nelle splendide sale del museo.
Le attività di animazione sono frutto della collaborazione con importanti istituzioni culturali cittadine, quali la Fondazione Musica per Roma, Teatro di Roma, Teatro dell’Opera, Casa del Jazz, Accademia di Santa Cecilia, Università Roma Tre, Sapienza Università degli Studi e con Agro Camera.
Domenica 5 febbraio, invece, l’area archeologica dei Fori è stata visitata da 4.650 persone che hanno potuto godere di una meravigliosa novità, ovvero un unico percorso senza barriere architettoniche: un’occasione da non perdere che si ripeterà, grazie alla sinergia tra il Campidoglio, la Sovrintendenza Capitolina e la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma, tutte le prime domeniche del mese per tutto il 2017.Infine, come tutte le prime domeniche del mese è tornato l’ingresso gratuito nei Musei civici della città per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana con attività per grandi e piccini con oltre 15.000 visitatori in totale. Le iniziative sono promosse da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Casalinghe: lavoratrici ignorate dall’Istat

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

istatIn Italia oltre 7 milioni e mezzo di donne si dedicano a tempo pieno alla famiglia, producendo valore economico. Secondo la Consulta la casalinga è una lavoratrice che, pur non percependo reddito monetizzato, svolge un’attività suscettibile di valutazione economica che non si esaurisce nell’espletamento delle sole faccende domestiche, ma si estenda lato sensu al coordinamento della vita familiare. “Eppure ISTAT definisce queste lavoratrici ‘improduttive’ e ‘Inattive’ offendendo cosi queste cittadine, dichiara Federica Rossi Gasparrini presidente di Federcasalinghe”. “Da tempo – ribadisce – portiamo avanti contro l’istituto di statistica italiano una battaglia di civiltà e giustizia. Anche l’ultimo incontro non è stato risolutivo, anche se costruttivo – continua Rossi Gasparrini – abbiamo infatti ottenuto un’apertura: l’ISTAT avvierà un libero approfondimento sul valore economico del lavoro familiare svolto dalle “casalinghe”.
“Tale valutazione, prima in Europa – prosegue Rossi Gasparrini – sarà la base da cui partire per modificare l’inserimento offensivo delle mamme a tempo pieno sotto la dicitura improduttive e inattive, che è davvero assurda”
“Poi – conclude la Presidente di Federcasalinghe – partiremo all’attacco di Eurostat e dell’Europa, matrigna storica del valore del lavoro familiare, perché non retribuito e ostile verso l’apertura di diritti a queste cittadine.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dirk Boll Appointed President, Christie’s

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

dirk-bollChristie’s announces Prof. Dr. Dirk Boll has been appointed President, Christie’s Europe, Middle East, Russia and India effective immediately and reporting to Guillaume Cerutti, Chief Executive Officer.“Dirk combines being a true art connoisseur with long, proven, commercial experience and acumen”, commented Guillaume Cerutti, Chief Executive Officer, Christie’s. “As President, EMERI, Dirk will oversee our business and client activities in the region working closely with Christie’s market-leading team of specialists,” continued Christie’s CEO.Dirk joined Christie’s in 1998 in London before moving to Germany to head the Stuttgart office. In 2004, he transferred to Zurich to become Managing Director of the region before being promoted in 2011 to Managing Director, Continental Europe, relocating to London at the time. In this role he has run all the regional offices in the region including in the Middle East, Russia and India.Dirk was born in Kassel, and was influenced from an early age by Germany’s prestigious documenta exhibitions that his home city has hosted every five years. He studied law and art management at the universities of Göttingen and Freiburg im Breisgau.Dirk is Professor for Art Management at the University of Hamburg. He publishes regularly in various daily papers and international magazines. His book Art for Sale – a Candid View of the Art Market (HatjeCantz) combines his background in law with his current professional area, analysing the legal and economic basis for the art market. In 2015, he launched a publication on the development of art auctions: Auctioneers who made Art History (HatjeCantz).Dirk is also a board member of the Swiss Friends of the Israel Museum, a member of the Advisory Board of University of Zürich and a board member of the Deusser Foundation, Zürich/Bad Zurzach. (photo: Dirk Boll)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie‘s Post War and Contemporary Art

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

Peter.pngLondon Christie‘s Post War and Contemporary Art Evening Auction will present Peter Doig’s Cobourg 3 + 1 More (1994, estimate: £8,000,000-12,000,000), which stands among the great icons of Doig’s early oeuvre. A visionary apparition rendered on a majestic scale, Cobourg 3 + 1 More conjures a distant, half-remembered reality beneath a shimmering membrane of scattered pigment. Recently awarded the Art Icon Award at London’s Whitechapel Gallery, Peter Doig placed himself in the Canadian landscape of his youth next to his brother. Acquired in 1994 by German insurance company Provinzial Rheinland Cobourg 3 + 1 More comes to auction for the first time in its history and will be exhibited at Christie’s New York from 24 to 26 February and at Christie’s King Street from 3 March as part of the 20th-Century series of sales ahead of the auction on 7 March 2017 in London. Provinzial Rheinland will use the proceeds of the sale to uphold a long-standing tradition of engagement with the arts and culture in the Rhine region whilst also continuing to acquire the works of young contemporary artists, a focus of the corporate collection from its inception.Dr. Walter Tesarczyk, Chairman Provinzial Rheinland: “It is with a heavy heart that we part with Peter Doig‘s Cobourg 3 + 1 More. However, this sale presents us with the opportunity to maintain our support for arts and culture in the Rhine region and also enables us to secure and expand our collection of 250 works by 80 international artists. Many of these works are displayed in our Düsseldorf headquarters, giving more than 2000 employees free and unfettered access to contemporary art.“Francis Outred, Chairman and Head of Post War and Contemporary Art, EMERI: “Back in 1994 when the tendency was for cool conceptual art, Provinzial Rheinland displayed a brave collecting vision by recognising that Peter Doig was developing a new approach to painting which gave new life and energy to the medium. Standing in front of this work one is taken to a different world and through the whiteout gradually we see a memory of his childhood home landscape and begin to pick out the silhouettes of Doig himself and his brother. Up close the thick texture of snow and staccato brushmarks create a tapestry of paint, the like of which nobody had seen before.” (photo: Peter)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Berlin Energy Transition Dialogue 2017

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

berlinBerlin on 20-21 March 2017 Federal Foreign Office, (Monday, 20 March at 9 a.m.) Unterwasserstrasse 10. last year, more money was invested globally in renewable energy sources than in all fossil and nuclear technologies combined. In addition, many countries have significantly improved their energy productivity thanks to substantial energy-efficiency improvements. Start-ups are revolutionising our energy system through the roll-out and use of digital technology and smart and interconnected devices. And this merely marks the beginning of a fundamental shift towards an affordable, secure and ecologically friendly energy system based on innovation and in line with the aims and targets of the Paris Agreement. In order to make use of the full potential of this global energy berlin1transition, international cooperation and mutual learning are crucial. The conference will explore how to transform the global energy system successfully and cost efficiently, while at the same time making it more secure, ecologically friendly and economically successful. High-level policymakers, energy-policy experts, and leaders of industry, science, academia and civil society from around the world will gather to discuss the latest global policies, share future business propositions, present cutting-edge study results, and explore attractive new investment opportunities. This year’s Berlin Energy Transition Dialogue will offer new conference formats in order to provide meaningful insights and encourage lively discussions between the speakers and the audience. These formats will include stage interviews, technology pitches, “market places” for ideas and an investors’ forum. In addition, the event will provide plenty of networking opportunities, not least through B2B and B2G talks and an exciting evening reception. (photo: berlin)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Quartetto Noûs

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

quartetto-nousMadrid 9 febbraio: Quartetto Nous (quartetto d’archi) Istituto Italiano di Cultura Calle Mayor, 86 El mito de Fausto ha tenido un enorme éxito en la literatura y en el arte. El elenco de dramas, poesías, novelas, obras líricas, incluso de ballets, que lo tienen como protagonista es larguísimo. No es solo el pacto con el diablo lo que siempre ha fascinado, sino más bien las infinitas posibilidades que se abren cuando se va más allá de los límites intelectuales y físicos del hombre. Di tumulti e d’ombre – Studio per Faust de Silvia Colasanti, está inspirado en el poema de Fernando Pessoa, en el que el héroe ha abandonado el ideal goethiano del Conocimiento y del Progreso para cantar la inutilidad de la vida y el terror de la muerte. En particular en el Tercer Acto de Pessoa la Inteligencia lucha para adaptarse a la Vida, representada por el amor, que se encarna en la figura femenina de Maria. ¿Qué haces?
 Trato de saber amar.
 Ha nacido muerto aquello que quise ser.
Aquí la derrota de la inteligencia es flagrante. El acto se cierra con el Monologo della Notte, en el que la incapacidad de adaptación a la vida es más amarga que el fracaso de comprenderla y dirigirla. Los tumulti y las ombre de Silvia Colasanti parecen inspirarse en esta lucha eterna la omnipotente fuerza del intelecto y los instintos primordiales de muerte y destrucción. En el Quartetto, encargado por la Accademia Nazionale di Santa Cecilia y cuyo estreno absoluto ha tenido lugar en el Parco della Musica de Roma el 28 de enero de 2011, la lucha se pone de manifiesto con impulsos lacerantes y amenazantes a los que sin embargo se ha dado extremo rigor formal. Ya en el íncipit imitativo de la partitura, interrumpido por incisivos acordes en sforzato, la compositora sugiere la idea del caos que nace de un aparente orden. A la búsqueda interior del alma sigue una sección inmóvil y estática hecha de breves células melódicas en las que se tiene la impresión de un héroe a la búsqueda de una vía de escape. En la sección sucesiva, prisionero de su espíritu, Fausto canta una melodía cargada de Sehnsucht: la música encarna algo que permanece inalcanzable. Sigue una parte más percusiva que transborda en volutas y entrelazamientos para llegar a una suspensión embebida de ombre y tumulti y de pánico y terror. La música de Silvia Colasanti asume así una función catártica y purificadora. La parte conclusiva del cuarteto vive aún contradicciones, ya que ve alternarse motivos líricos que anhelan la paz y breves incisos volantes que la niegan. El agitato final evoca el «misterio que envuelve tanto la Vida como la Inteligencia», un misterio que según Pessoa «llega tan cerca de los ojos de mi alma 
 que me diluyo en tinieblas y envuelto en tinieblas oscuramente me aterrorizo».
Leos Janàček decide contar en el Secondo Quartetto su gran amor por Kamila Stösslovà, treinta y ocho años más joven que él, y transformar en música su correspondencia amorosa. He empezado un Cuarteto, lo llamaré “Lettere d’amore”. Puedo por fin escribir música sobre ellas […] Contará nuestra vida. El Cuarteto, que en principio debía llamarse Lettere d’amore, luego Ricordi di Pisek, es decir, la ciudad natal de Kamila, en la versión definitiva se titula Lettere intime. Los sentimientos y las emociones suscitadas por el amor por Kamila han llevado a Janàček a crear un discurso musical caracterizado por continuos contrastes y asociaciones de imágenes sonoras en rápido movimiento, casi queriendo representar la volubilidad de los estados amorosos. En la versión original el cuarteto preveía simbólicamente una “viola d’amour” para la parte de la viola, como está indicado en la portada de la partitura autógrafa. Pero también abandona esta idea. Compuesto entre el 29 de enero y el 19 de febrero de 1928, es una de las últimas composiciones de Janàček que ni siquiera tuvo tiempo de escuchar, ya que el 12 de agosto muere de manera inesperada por un ataque de bronco-pulmonía, en una clínica de Ostrava a la edad de setenta y cuatro años. De cuánto se extrae de las cartas, cada uno de los cuatro movimientos es una’ “ocasión sentimental” inspirada por las diferentes emociones e imágenes surgidas por el recuerdo de la amada. En el Andante inicial, que evoca las impresiones del primer encuentro con la muchacha, la pasión irrumpe de manera incontrolable: sonoridades agudas, inesperadas y punzantes, arcos “sul ponticello”, contrastan con el agotamiento de melancólicos solos, reproduciendo el ímpetu del amor, pero también la tristeza de la distancia y del abandono. El contraste se advierte de forma particularmente fuerte gracias al inicial tema armonioso, que se contrapone a la breve melodía sin acompañamiento entonada por la viola. El segundo movimiento cuenta los acontecimientos de una estancia estival en Luhakovice en Moravia. Janàček escribía a Kamila la noche del 8 de febrero: Hoy he escrito en música mi más dulce nostalgia. Lucho con ella. Pero ella vence. Tú trae al mundo un hijo. ¿Qué destino tendría este hijo? ¿Y cuál tú misma? La música suena tal y como tú eres, sonriente y en llanto. Inicia con un aterciopelado tema que en la parte central deja su lugar a una escritura inesperadamente violenta y virtuosa, en tempo quinario, basada en escalas hexatonales. Sin embargo el conflicto dura un batir de alas: retorna el tema inicial seguido por una reminiscencia de los motivos del primer Andante. El tercer movimiento es la imagen de la amiga: la alegría que se funde con la ilusión, parecida a tu imagen. El 18 de febrero Janàček lo bautizaba casi con orgullo escribiendo: Hoy me he sentido como si la tierra temblara. Será el mejor. Si me saliera así de bien también el último. Expresará el temor por ti. Dominado por un tema con sello schubertiano, continuamente repetido gracias a procedimientos de aumentación y disminución, se caracteriza también por la presencia de elementos de danza y connotaciones populares. El Allegro final, una especie de rondó, tiene la función de resumir la sucesión tanto desde un punto de vista temático como dramático: se abre con un tema danzante, de carácter bárbaro, al que se contrapone un motivo de cuatro notas trinadas que recorre todo el movimiento. Se abren desgarros sonoros suspendidos y llenos de ansia que revelan el frenesí del hombre enamorado. Sobre ello escribirá: En éste último no vuelve a tocar el temor por la bella mujer, sino una gran nostalgia y al mismo tiempo su satisfacción. A través de este final toma forma la timidez del músico que queda asolado ante la grandeza del amor.
También el Quartetto per archi n. 9 in mi bemolle maggiore, op. 117 es una página que contiene el alma de otro compositor, Dmitri Shostakovich el cual en una entrevista al Times de julio de 1972, afirmaba: Los cuartetos contienen mis testimonios más íntimos. Por otra parte, también para Luciano Berio, otro exponente de nuestra contemporaneidad, el cuarteto de cuerda es la formación en la que el vnavío de la música lanza el escandallo en el mar más profundo. Dedicado a su mujer Irina Antonovna, el Quartetto n. 9 se expande sin solución de continuidad, casi como si quisiera expresar un flujo continuo de la conciencia. El primer movimiento, Moderato con moto, está marcado por la melodía dulce y sensual del primer violín, que contrasta con el tema con ritmo muy escandido confiado al violonchelo. El pasaje de una sección a otra, de un tema al sucesivo nunca es brusco y el discurso musical de este primer tiempo, como el de todo el Quartetto, es fluido y discurrido en un juego ininterrumpido de emociones. El Adagio resuena la sensibilidad tardo-romántica gracias al tema triste y melancólico de la viola que cita la nana del Wozzeck, al cual responde un motivo expresivo en estilo recitativo del violín, más luminoso y optimista. El Scherzo cae sobre el oyente de improviso con una serie di pasajes brillantes, ligeros y vivaces. En el Notturno, en el que Shostakovich retoma el tema del precedente Adagio, se pueden percibir tres elementos expresivos: el canto elegíaco que parece una oración, los dolientes recitativos del violín y de la viola que cuentan el tormento del alma y los acordes “pizzicati”, separados por pausas que confieren misterio. El Allegro final, el movimiento más complejo del cuarteto, pone de manifiesto la vena irónica del compositor, gracias a episodios contratantes y diferentes tipos de escritura. Tras una última pausa meditativa, en la que aparece fácilmente identificable el “motto iniziale”, el Quartetto se cierra de manera brillante, con una vivaz propulsión rítmica. (by Chiara Macri) (foto: Quartetto Nous)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tel Aviv, the Dog-Friendliest city in the World Launches

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

secret-life1secret-lifeThe Tel Aviv-Yafo Municipality is proud to launch “Digi-Dog,” a first of its kind initiative to equip dogs and their owners with the digital tools they need to thrive in a “Smart City”. Tel Aviv is home to 25,000 registered dogs, and the ratio of dogs to humans (1:17), is considered one of the highest in the world.Digi-Dog is based on the city’s award-winning “Digi-Tel” resident card program, which is offered freely and used by over 1/3 of the city’s residents and offers discounts to outdoor events, cultural institutions, sport and leisure activities as well as live updates on what’s happening in their neighborhood and around the city.Digi-Dog will provide similar features to dog owners, tailored specifically to their needs and will give the Tel Aviv dog owners access to important information and special offers, including: reminders about vaccinations, lists of nearby veterinarians, information about upcoming events, discounts at local businesses, listings of available dog walkers, training courses, and directions to the nearest dog park. Card holders can choose to receive updates via an online newsletter and text messages.With 1 dog for every 17 residents, Tel Aviv is the city with the highest amount of dogs per capita in the world. Tel Avivian dogs enjoy 70 public dog parks; 1.3 dog parks for every square kilometer. Last year, the city celebrated its first-ever Dog Day, which included pet-friendly stalls, a DJ, an adoption booth as well as a special screening of the hit movie “The Secret life of Pets” where pet owners were invited to bring their dogs.
Tel Aviv, selected in 2014 as world’s “Smartest City”, has long been recognized as a world leader in animal welfare policies, and the city has heavily invested in efforts to prevent animal cruelty and promote a healthy environment for the animals who call Tel Aviv their home. The Tel Aviv-Yafo Municipality operates a no-kill shelter, a 24/7 service for homeless animals, and a city animal patrol that follows-up on complaints of animal abuse. The Municipality also coordinates the spaying/neutering of stray cats and works with volunteers to find loving homes for pets.Tel Aviv Global & Tourism’s CEO, Eytan Schwartz: “Tel Aviv is an amazing city for dogs: We have beaches for dogs, parks for dogs, and we even hold film nights for dogs. Tel Aviv is also an amazing city for startups: With 1500 technological startups, Tel Aviv enjoys the highest concentration of technological companies per capita in the world. Today we are combining both assets – a dog-friendly city and a technology-friendly city – to create a revolutionary service. If you like it – bark!” Reuven Ladianski, the Tel Aviv Council member who oversees environmental and animal-related issues: “Digi-Dog is an innovative platform that represents a significant leap forward in terms of providing municipal services to dog owners. This program will empower residents to take advantage of everything the city has to offer both to them and to their pets.” (photos: secret life)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli: “New strategies for reducing cardiovascular risk: from old factors to emerging and therapeutic opportunities”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 febbraio 2017

Università di Napoli “Federico II”JPGNapoli dal 9 all’11 febbraio 2017 Congresso medico dal titolo “New strategies for reducing cardiovascular risk: from old factors to emerging and therapeutic opportunities” organizzato dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
Il congresso, presieduto da Pasquale Perrone Filardi, Docente di Cardiologia all’Università Federico II di Napoli, si aprirà con i saluti di Luigi Califano, Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli per proseguire con due letture scientifiche. La prima sull’ipertensione, da parte di Bruno Trimarco, Docente di Cardiologia all’Università Federico II di Napoli, la seconda su insufficienza cardiaca e diabete da parte di Stefan Anker, Docente all’Università di Gottingen, Germania.
Il congresso prosegue venerdì 10 e sabato 11 febbraio con letture sui principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, quali glicemia, colesterolo, ipertensione, alimentazione; sulla diagnosi, soprattutto per i pazienti asintomatici, e sulle più recenti terapie.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »