Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 209

Archive for 11 febbraio 2017

Big Data: Civil Liberties MEPs call for better protection of fundamental rights and privacy

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

european parliamentMore investment in digital literacy, strengthened transparency of algorithms and special attention to data used for law enforcement needed to safeguard fundamental rights in the digital era, Civil Liberties MEPs say in a non-legislative resolution passed on Thursday.
The non-legislative resolution drafted by Ana Gomes (S&D, PT) on the fundamental rights implications on Big data looks at how the increasing use of Big data impacts on fundamental rights, namely privacy and data protection. It stresses the need to avoid discrimination based on the use of such data, including in law enforcement, as well as the need to ensure security of data.While the big data is growing by 40% per year and has the potential to bring undeniable benefits and opportunities for citizens, businesses and governments, but also entails significant risks with regard to the protection of fundamental rights as guaranteed by the EU Charter and Union law.”With this report, we want to stress that the immense opportunities of big data can only be fully enjoyed by citizens and institutions if there is public trust in these technologies”, said Parliament’s rapporteur Ana Gomes.“Big data analytics pose specific challenges for fundamental rights and raise concerns over discrimination and security. We need to address these risks with specific guidelines, more transparency and algorithmic accountability. We have a strong data protection framework in the EU, but tackling these issues in an effective manner will require genuine and concerted cooperation between the private and public sectors, law enforcement authorities and independent supervisory authorities. This is certainly an issue that Parliament will continue to look at,” she added.
MEPs also want the Commission, the member states and the data protection authorities to take “any possible measures” to minimise algorithmic discrimination, including price discrimination, where consumers are given different prices of a product based on data collected from their previous internet behaviour, or unlawful discrimination and targeting of certain groups or persons defined by their race, colour, ethic or social origin, religion or political view or being refused from social benefits.
They also emphasise the need for greater accountability and transparency of algorithms with regards to data processing and analytics by both private and public sector and warn that low quality of data or low quality procedures could result in biased algorithms. MEPs also emphasise that the enforcement of the General Data Protection Regulation with respect to algorithms and big data.
The increase in data flows imply further vulnerabilities and new security challenges, MEPs say. They call for the use of privacy by design and by default, anonymisation techniques, encryption, and mandatory privacy impact assessments. They also stress that special attention should be given to the security of e-government systems.Special attention should also be paid to data used in for law enforcement purposes which should always be assessed by a human being, MEPs say. They recall that Directive (EU) 2016/680 governs the processing of personal data for law enforcement purposes and call on the Commission, the European Data Protection Board and other independent supervisory authorities to issue guidelines and best practises for further specifying the criteria and conditions for decisions based on the use of big data for law enforcement purposes.
MEPs urge the EU institutions and member states to invest in digital awareness-raising of digital rights, privacy and data protection among citizens, including children. This education should foster an understanding of how algorithms and automated decision-making work and how data is collected for example from social networks, connected devices and internet searches.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Denmark-Europol: Civil Liberties MEPs vote first step towards the establishment of a cooperation agreement

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

europolDenmark should be added to the list of countries with which Europol can conclude operational cooperation agreements, the Civil Liberties Committee recommended on Thursday. However, MEPs also stress that such an agreement would be exceptional and should only be transitional.
The Committee passed the draft report by Agustín Díaz de Mera García Consuegra (EPP, ES) unanimously (42 votes in favour) recommending that Denmark be added to the list, but also calling on the Council to provide “for an expiry date of five years after the date of entry into force of the agreement.”Including such a sunset clause would be in line with the Declaration by the President of the European Council, the President of the Commission and the Prime Minister of Denmark of 15 December 2016, MEPs say and point out that the declaration stresses not only the operational needs, but also the “exceptional and transitional nature of the foreseen arrangement between Europol and Denmark”.
The recommendation to add Denmark to the list of countries with which Europol can conclude cooperation agreements is scheduled for a plenary vote next week in Strasbourg (13-16 Feb).
Adding Denmark to the list of countries with which Europol can conclude cooperation agreements (Decision 2009/935/JHA) constitutes a first step towards setting up an operational cooperation agreement between Denmark and Europol so as to minimise the negative impact of Denmark’s departure from Europol on 1 May 2017, following the Danish referendum on 3 Dec. 2015, and avoid creating gaps in the joint fight against serious crime and terrorism.
After the plenary vote on the recommendation to add Denmark to the list, Council will need to consult Parliament on establishing the concrete cooperation agreement between Europol and Denmark.
Parliament has no formal say on adding Denmark to the list and establishing a cooperation agreement, but it needs to be consulted on both issues before an agreement can be concluded.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella Wohnen Europa fund acquires residential properties in Germany, Spain and the Netherlands

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

catella arenaThe residential team of investment manager Catella Real Estate has acquired a total of 650 residential units in Germany, Spain and the Netherlands for its Catella Wohnen Europa property fund. The overall purchase price was some EUR 84.45 million.In Germany, 96 business apartments in the centre of Mainz were acquired for EUR 13 million. In addition, 84 units were acquired in St. Augustin, located between Bonn and Cologne, for some EUR 11 million.The Spanish portfolio has been extended with 216 residential units in Madrid, acquired for EUR 23.45 million.The Netherlands was the target of an acquisition of 254 residential units, bought for some EUR 37 million in Almere, east of Amsterdam and Den Bosch, the capital of the North Brabant province.“Demand among our investors for attractive property investments in these markets remains high. We are therefore delighted to have secured these attractive core properties for the fund. We continue to see appealing opportunities in the European residential markets, and will focus on securing further attractive assets for our clients. In this way, we can ensure that the fund generates sustainable cash flow for our investors,” says Markus Wiegleb, Portfolio Manager at Catella.The Catella Wohnen Europa fund is a property fund that has acquired a volume of EUR 339.8 million and is managed by Catella’s residential team in Berlin.“We want our fund to achieve a broad diversification within Europe. Conducting investments in Spain, the Netherlands and Denmark, and with the investment focus in Germany, we have already been able to minimise the risks in the asset class,” says Xavier Jongen, head of Catella’s initiative in residential property funds.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Made in Italy, come promuovere un’azienda all’estero

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

beaconL’internazionalizzazione è una sfida importante per le piccole-medie imprese italiane che vogliono avere successo all’estero. In un Paese in cui la “fuga dei cervelli” è considerata un male endemico della società, ci sono professionisti che guardano oltre i confini dello Stivale con grande ottimismo. Se l’acquisizione da parte di colossi internazionali di eccellenze nostrane come Valentino, Garofalo, Poltrona Frau e Peroni, ha lasciato l’amaro in bocca ai cultori del fashion/food/design/beverage made in Italy, esistono esempi di aziende che pur mantenendo la proprietà italiana riescono a sfondare anche oltre le Alpi, grazie alla consulenza di esperti di internazionalizzazione.Le piccole-medie imprese italiane che vogliono affacciarsi ai mercati esteri possono trovare un alleato vincente in società di consulenza come la milanese Beacon. Obiettivo dei due giovani soci fondatori, Riccardo Rabuffi e Lorenzo Massucchielli, è proprio quello di fornire assistenza ai clienti che sognano di sviluppare il proprio business in nuovi Paesi. Per farlo Beacon partecipa alle più importanti fiere internazionali dedicate ai settori in cui l’Italia eccelle – moda, cibo, turismo, design – e organizza incontri B2B volti a promuovere un certo marchio/prodotto made in Italy varsaviatramite tasting, presentazioni e schede di valutazione. Il cliente che si affida a Beacon può contare su un team qualificato che parla fluentemente inglese e su hostess madrelingua.
Dal 2012 ad oggi il team Beacon, appoggiandosi all’ufficio di Londra e a contatti locali in Indonesia, Singapore, Ghana e Repubblica Democratica del Congo, ha messo in bacheca una storia di successo dietro l’altra, partecipando attivamente a kermesse di importanza mondiale come ad esempio la Jakarta Fashion Week (settimana della moda indonesiana), FHT Bali (fiera dedicata al settore HORECA) e BellaVita Expo Londra (fiera dedicata alle eccellenze enogastronomiche italiane). Alla lista bisogna aggiungere anche la fiera Bellavita Warsaw dedicata al food & beverage che si svolgerà dall’11 al 13 aprile 2017 nella capitale polacca, presso il Trade Show WorldFood Warsaw. La manifestazione attira ogni anno più di 4000 buyers del settore e l’Italia si presenta nell’esclusivo padiglione dedicato alle eccellenze enogastronomiche del Belpaese. Si tratta di un’occasione imperdibile per quelle aziende italiane che intendono approcciare non solo un mercato vibrante e in crescita come quello polacco, ma anche sfruttare la centralità di Varsavia che richiama professionisti e visitatori dall’Est e Centro Europa. (foto: beacon, varsavia)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Con Trump le banche tornano libere di speculare?

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

banche americaneA meno di due settimane dalla sua nomina, con un sorprendente “Executive Order On Core Principles for Regulating the United States Financial System”, il presidente Donald Trump ha cancellato la riforma di Wall Street e del mercato finanziario americano conosciuta come “Dodd-Frank Act”. Le grandi banche “too big to fail” potranno da oggi tornare ad operare come prima delle crisi globale del 2008, senza restrizioni, senza regole e senza controlli più stringenti.
Questa decisione potrebbe avere delle ripercussioni pericolose e devastanti sul fronte economico e finanziario internazionale, soprattutto in Europa. La Dodd-Frank, voluta da Obama dopo il fallimento della Lehman Brothers, avrebbe dovuto mettere dei freni alle operazioni finanziarie più rischiose. Tra le restrizioni previste c’era quella specifica di mantenere le operazioni speculative entro un limite percentuale delle loro attività. Erano previsti inoltre maggiori controlli per le banche con 50 miliardi di dollari di capitale che venivano considerate di “rischio sistemico”. Pur non essendo una legge perfetta essa era stata, anche se parziale, una risposta alla crisi.Come prevedibile, dopo la sua introduzione, il sistema bancario americano ha operato in modo sistematico e continuo per neutralizzarla. Adesso, con un colpo di penna, Trump, che già in passato l’aveva definita “un disastro che ha danneggiato lo spirito imprenditoriale americano”, la abroga! Lo abbiamo scritto qualche settimana fa quando Trump indicò Steve Mnuchin come suo ministro delle Tesoro. Ci sembrò che l’arrivo nell’Amministrazione di ex grandi banchieri avrebbe potuto significare una sicura involuzione a favore dei mercati finanziari.
Mnuchin è stato a capo della Goldman Sachs, una della banche più aggressive nel mondo della finanza. Non solo, nella nuova Amministrazione sono stati imbarcati altri grandi banchieri, tra questi Gary Cohn, ex Goldman Sachs, come direttore del Consiglio economico della Casa Bianca, e Wilbur Ross, ex capo della filiale americana della banca Rothschild, come capo del Dipartimento del Commercio.
La decisione di Trump è arrivata dopo il primo incontro del cosiddetto “Strategic and Policy Forum”, che è il suo gruppo di consiglieri privati, tra i quali Jamie Dimon, capo della JP Morgan e Gary Cohn. Quest’ultimo più volte ha dichiarato che le banche americane continueranno ad avere una posizione dominate nei mercati finanziari internazionali “fintanto che non ci escludiamo noi stessi attraverso un sovraccarico di regole”.
In altre parole si ritorna, purtroppo, al leit motiv secondo cui i mercati si autoregolamentano meglio senza interferenze e direttive del governo.
Al termine dell’incontro Trump ha addirittura dichiarato che “ non c’è persona migliore di Jamie Dimon per parlarmi della Dodd-Frank e delle regole del settore bancario”, mostrando un entusiasmo in verità degno di migliore causa.
Intanto l’ordinanza esecutiva impegna il Segretario del Tesoro, che dovrebbe appunto essere Steve Mnuchin nel caso ottenga l’approvazione del Congresso, a preparare entro 4 mesi un rapporto per una nuova regolamentazione del sistema finanziario. Si è ingenui chiedersi chi saranno i veri beneficiari di tali proposte?
Contemporaneamente è stato firmato un altro memorandum presidenziale soppressivo della regola secondo cui i consulenti devono anteporre l’interesse dei loro clienti a qualsiasi altra considerazione. Secondo Trump va invece rafforzato il principio secondo cui i cittadini devono liberamente fare le loro scelte finanziarie. Non è una cosa da poco. Infatti, in questo modo se un risparmiatore accetta di comprare un titolo ad alto rischio, anche senza capire bene i termini dell’operazione, non potrà in seguito lamentarsi delle eventuali perdite Non è un caso che la stampa finanziaria di Wall Street abbia salutato le citate decisioni come una coraggiosa scelta di ritorno ad una accentuata deregulation. Tali decisioni non possono non suscitare diffuse preoccupazioni in quanti continuano a ritenere che l’economia reale debba essere centrale e tutelata rispetto alle attività speculative. Perciò le dichiarazioni di Trump, circa una nuova legge Glass-Steagall relativa alla separazione delle attività bancarie, suonano false o come delle mere battute elettorali. C’è da sperare che la proposta di legge per reintrodurre la Glass-Steagall, presentata al Congresso da un gruppo bipartisan appena prima dell’emissione dell’ordine esecutivo, venga discussa e approvata. E’ ancora presto per dare un giudizio definitivo sull’Amministrazione Trump, ma questi segnali sicuramente non depongono bene. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittoria dei consumatori Europei: arriva il SI del Parlamento Europeo alla portabilità dei contenuti online

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

parlamento europeoCapita spesso di trovarsi in un Paese estero, per motivi di lavoro o per una semplice vacanza, e voler usufruire di servizi come film, musica e contenuti online per cui si paga un abbonamento nel paese di origine. Fino a poco tempo fa questo non era possibile, in quanto tali contenuti erano visibili esclusivamente nel paese in cui veniva sottoscritto l’abbonamento.Le barriere geografiche, che risultano ormai facilmente valicabili, in materia di digitalizzazione diventavano un ostacolo quasi insormontabile: per questo motivo già un anno fa era stata presentata una proposta per la libera diffusione e fruizione dei contenuti online e finalmente arriva il primo via libera del Parlamento europeo alla “portabilità dei contenuti online” che permette di unire alla libertà di circolazione di tutti i cittadini all’interno dell’Unione Europea, quella dell’accesso a servizi che risultano ormai fondamentali, considerato il crescente sviluppo delle nuove tecnologie e degli strumenti di comunicazione. Una decisione fondamentale che mira alla eliminazione delle restrizioni transfrontaliere. Cittadini appartenenti a differenti stati, membri dell’UE, potranno dunque usufruire di contenuti e servizi online acquistati a pagamento nel proprio Stato, anche trovandosi all’estero, senza che lo spostamento limiti le possibilità di fruizione.Anche se si tratta di un primo piccolo tassello, l’Europa sta muovendo i primi passi verso la costruzione di un mercato unico digitale che superi ogni tipo di barriera ed è proiettato verso un vero e proprio modello comunitario.L’Associazione Codici resta a disposizioni di tutti i consumatori, i quali possono inviare le proprie segnalazioni al link http://www.codici.org/paytv.html

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Raggi e la nemesi della storia politica italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

campidoglioAllorché fu evidente che il Movimento 5 Stelle avrebbe vinto le elezioni amministrative a Roma la candidatura della Raggi apparve come la ciliegina sulla torta per infliggere al movimento un duro colpo d’immagine. E sembra che sino ad ora i suoi nemici viscerali vi siano riusciti. Apparve subito ai più attenti osservatori d’essere la donna sbagliata al posto giusto. Non lo pensarono i grillini, o per lo meno la maggioranza di essi, e fu un errore fatale. Si poteva correre subito ai ripari “sfiduciandola” e gli estremi vi erano tutti allorché s’impuntò nel nominare alcuni componenti della sua giunta a dispetto dei buoni consigli che provenivano dal Movimento e che in seguito gli eventi dimostrarono che erano stati dati a ragion veduta. Ora bisogna tenersela ma bisogna, per lo meno, cercare di scollegarla progressivamente dal suo rapporto diretto con il Movimento per evitare di coinvolgerlo più di quanto non sia stato fatto. In questo senso la strada che a mio avviso è la più indicata è di ridare la parola alle forze vive e responsabili della comunità romana attraverso il volontariato, l’impegno civile, la volontà corale di stabilire un rapporto diretto che permetta di non interrompere o deprimere il feeling tra il movimento e i cittadini. In questo modo si potrà persino recuperare la Raggi e farla diventare la vera protagonista della svolta Romana verso una saggia e lungimirante amministrazione della cosa pubblica. (Riccardo Alfonso direttore dei Centri studi politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aleppo: video-appello di Suor Maria Guadalupe de Rodrigo ad ACS-Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

aleppo“Ad Aleppo circa 2.000 famiglie cristiane hanno urgente bisogno di cibo, acqua potabile, gasolio per riscaldamento, indumenti e medicinali. Anche se la fase più cruenta del conflitto si è conclusa non dobbiamo dimenticare le sue tristi conseguenze, che purtroppo permarranno per un tempo non certo breve.”.Alessandro Monteduro, Direttore di ACS-Italia, spiega così l’iniziativa assunta dalla Fondazione, che sta proponendo alla comunità italiana uno specifico progetto per la martoriata città siriana. “Grazie ai nostri benefattori dal 2011 al 2016 nella sola Aleppo siamo riusciti a finanziare progetti per 2.458.731 euro, ma si tratta di una goccia nel mare delle attuali necessità.”. “Nel luglio 2012 i cristiani aleppini erano circa 120.000, oggi si stima siano 35.000. Sono stati presi di mira in particolare i quartieri cristiani Azizie e Sulaymaniyeh. Dobbiamo curare le famiglie rimaste, e creare le condizioni per il ritorno di quanti loro malgrado si sono allontanati.”. Nella città attualmente operano diversi religiosi, e fra questi vi è Suor Maria Guadalupe de Rodrigo, missionaria argentina dell’Istituto del Verbo Incarnato (IVE). “Ieri Suor Guadalupe mi ha inviato un video-appello che stiamo diffondendo, e che sta attirando l’attenzione di molti – prosegue Monteduro -. Ci auguriamo che non cali l’attenzione pubblica sul dramma di una nazione, e in particolare di una città, in cui troppi innocenti hanno perso la vita o il futuro.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Omeopatia al primo posto nella scelta degli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

omeopatiaOltre un italiano su 5 (il 21,2% della popolazione) fa uso di Medicinali Non Convenzionali (con un +6,7% rispetto al 2012) e l’omeopatia risulta essere la cura alternativa più diffusa. Quando si decide infatti di non affidarsi alla medicina tradizionale, ci si orienta prima di tutto all’omeopatia (76,1%), seguita dalla fitoterapia (con il 58,7%), l’osteopatia (44,8%), l’agopuntura (29,6%) e, infine, la chiropratica (20,4%).I dati del Rapporto Italia 2017 di Eurispes – rilanciati oggi da AMIOT, l’Associazione Medica Italiana di Omotossicologia – sottolineano una crescita esponenziale che si allinea con i trend europei di diffusione delle Medicine Non Convenzionali. L’aumento della fiducia nei confronti delle cure alternative è stato tale che se si fa un raffronto con i dati storici si scopre che in questi anni sono più che raddoppiati: oggi scelgono, infatti, le Medicinali Non Convenzionali ben 12.861.000 di cittadini, mentre nel 2000 erano poco più di 6 milioni.Il rapporto offre uno spaccato sui comportamenti, gli usi e le tendenze degli italiani nei confronti di un settore che, nonostante la crisi, continua a crescere ed essere utilizzato sempre di più da parte dagli italiani.
“Come rilevato dal rapporto Eurispes l’incremento del ricorso alle Medicine Non Convenzionali è un dato assodato a livello nazionale grazie a una presa di responsabilità sempre più rilevante delle famiglie e degli individui sul proprio stato di salute, all’autodeterminazione della scelta terapeutica, ma soprattutto a modalità relazionali medico/paziente più sensibili alle esigenze del paziente”, ha commentato il Dr. Marco Del Prete, a nome dell’AMIOT – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia. “E’ stata recentemente pubblicata la nuova edizione del nuovo volume ‘Low Dose Medicine. Omeopatia e Omotossicologia. Le prove scientifiche’, edito da GUNA Editore, che permette di far conoscere l’efficacia terapeutica dei medicinali non convenzionali sia agli addetti ai lavori sia a coloro che vogliano documentarsi su un argomento di stretta attualità e di interesse pubblico sempre maggiore”, ha concluso Del Prete.
L’Italia, quindi, con questo dato rientra a buon titolo tra i Paesi Europei che hanno maggiormente sviluppato nella popolazione questa consapevolezza: secondo i dati del Consorzio UE CAMbrella, in Europa, non meno di 100 milioni di persone fanno regolarmente uso di prestazioni sanitarie di Medicine Non Convenzionali a livello preventivo e curativo.Dalla ricerca, infine, emerge un altro dato interessante che è quello che riguarda la ricerca delle informazioni che conferma il primato della Rete (con il 47,7%) come mezzo di ricerca sui disturbi della salute: più di tutti (col 64,4%) sono i giovani tra i 18 e i 24 anni a consultare Internet per risolvere i dubbi su questo argomento: soprattutto per capire a che cosa siano dovuti i sintomi/disturbi che si avvertono (91,5%), ma anche sulle buone pratiche/abitudini utili alla salute (79,9%). Il 50,7% usa internet per capire quali esami fare e il 47,4% invece per capire quali farmaci assumere per il proprio disturbo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Berdini, ribadisco stima a sindaca Raggi e rimetto mandato

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

paolo berdiniRoma “Una conversazione carpita dolosamente da uno sconosciuto che non si è nemmeno presentato come giornalista e durante la quale avrei persino affermato di essere amico del procuratore Paolo Ielo che non ho mai conosciuto in vita mia”. Così l’assessore all’Urbanistica di Roma Capitale Paolo Berdini in merito all’articolo apparso oggi su “La Stampa”.“Ci stanno massacrando, un vero e proprio linciaggio mediatico che si sta scatenando proprio nel momento in cui l’amministrazione comunale prende importanti decisioni che cambiano il modo di governare questa città – aggiunge – Da mesi il sottoscritto lavora per riportare la materia urbanistica e l’affidamento degli appalti pubblici nella più assoluta trasparenza. È questo il programma della nuova amministrazione: un’azione limpida che evidentemente crea problemi ad alcuni gruppi di potere”.“Non sto a raccontare di pesanti insulti e minacce che ricevo quotidianamente in rete, ora siamo passati anche alle trappole. Questo è il rischio che corrono coloro che vogliono rompere vecchi e consolidati equilibri di spartizione che non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai”, prosegue l’assessore. “Ho incontrato Virginia Raggi in Campidoglio: le ho ribadito la stima che merita. Provo profonda amarezza per la situazione che si è venuta a creare. Ne ho preso atto e, pertanto, ho rimesso il mandato conferitomi dalla sindaca lo scorso luglio”, conclude Berdini.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: andare in bici

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

biciclettaArrivano a Roma nuove corsie preferenziali e due bike lane, in via di Santa Bibiana a San Lorenzo e nel centro storico un percorso alternativo alla ciclabile Tevere tra Ponte Sublicio e Ponte Testaccio. L’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo ha firmato una direttiva che prevede diversi interventi finalizzati alla fluidificazione e alla messa in sicurezza della viabilità principale per un importo complessivo di circa 400mila euro.Tra gli interventi individuati da realizzare in ordine di priorità e fino ad esaurimento delle risorse:
l’attraversamento ciclabile del tunnel di via di Santa Bibiana
la protezione della corsia preferenziale Via Emanuele Filiberto, da piazza di Porta San Giovanni a viale Manzoni
la protezione della corsia preferenziale via Napoleone III – via Principe Eugenio
il percorso alternativo alla ciclabile Tevere nel tratto compreso tra Ponte Sublicio e Ponte Testaccio, chiuso da diversi mesi a causa del crollo di un muraglione
la corsia preferenziale via delle Terme di Diocleziano
la corsia preferenziale piazza della Rovere – Ponte P.A.S.A.
la corsia preferenziale via Cristoforo Colombo, da viale dell’Oceano Atlantico a via dell’Umanesimo
la corsia preferenziale viale dell’Oceano Atlantico, da via Cesare Pavese a viale Algeria
Nella direttiva si prevede che l’acquisizione di tutti gli studi di fattibilità, di tutti i pareri necessari e la cantierizzazione per l’esecuzione delle opere debbano essere attuate entro marzo 2017. Inoltre i ribassi in fase di aggiudicazione lavori dovranno essere finalizzati alla copertura finanziaria per la realizzazione di altre opere della stesse fattispecie.“Uno dei principali obiettivi di quest’amministrazione è incrementare il numero delle corsie preferenziali ed agevolare i ciclisti a muoversi in sicurezza – dichiara Meleo – Per questo abbiamo voluto dare un forte impulso ad una serie di interventi che puntano alla fluidificazione e alla messa in sicurezza della viabilità con particolare attenzione al trasporto pubblico e alla ciclabilità”.“Nei cassetti del dipartimento abbiamo trovato questi progetti a prendere polvere. Erano fermi da quasi un decennio. Addirittura con fondi già stanziati ma mai utilizzati. Insomma un’ulteriore prova dell’eredità di inefficienze che abbiamo trovato e stiamo cercando di sanare. Questi interventi, che si aggiungono alle nuove corsie preferenziali e piste ciclabili già previste nel bilancio appena approvato in Aula, saranno realizzati in ordine di priorità e fino ad esaurimento dei fondi impegnati”, conclude.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso a cattedra, altro flop della Buona Scuola: meno della metà dei posti banditi a concorso sarà assegnato. Docenti precari a vita

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

porta nuova milanoMilano. In Lombardia oltre la metà dei posti andranno persi: su 4.963 cattedre, 2.505 risultano senza vincitori. Per Matematica e Scienze la situazione è da allarme rosso: il 60% dei posti messi a bando non possono essere assegnati, perché mancano i candidati reputati idonei. Siccome non ci sono più precari nemmeno nelle GaE, 543 rimarranno vacanti; a questi, si aggiungono quelli dei docenti che chiederanno il passaggio di ruolo e i pensionamenti. Oltre ai tanti assegnati al 30 giugno, ma in realtà senza titolare. La proiezione nazionale è peggio delle previsioni più nere: oltre 30mila posti persi su 63mila messi a bando. E la soluzione proposta dal Governo nello schema sulla formazione iniziale del reclutamento non risolve il problema: per sette anni, nessuno immesso in ruolo in spregio alla continuità didattica e alle sentenze risarcitorie dei giudici. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): i dati della Lombardia dimostrano che se non si apre agli abilitati delle graduatorie d’istituto, peraltro tutti già formati e selezionati a partire dal 2011 per fare questo lavoro, nei prossimi anni la supplentite si allargherà a macchia d’olio. Sovvertendo quanto prospettato dal Governo Renzi, che aveva invece promesso di abbattere il precariato. Incrementare il fenomeno, oltre che comportare problemi formativi notevoli, allontana la nostra scuola dall’UE, che ha chiesto in più occasioni di provvedere a stabilizzare tutti i precari che abbiano svolto oltre 36 mesi. È ovvio che se non si aprirà agli abilitati delle graduatorie d’istituto, a partire dalle classi di concorso dove non vi sono più candidati nelle GaE e nelle GM, Anief è pronta a citare di nuovo lo Stato per inadempienza e a richiedere risarcimenti milionari.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rai: fare trasparenza sui compensi star tramite produzioni esterne

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

Rai: sede di romaIl presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, ha presentato un’interrogazione al presidente della Commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, Roberto Fico, in merito ai contratti aziendali sottoscritti da Campo Dall’Orto, e in merito ai compensi che conduttori, giornalisti e cosiddette star della tv percepiscono attraverso produzioni esterne.“Alla incomprensibile e totale segretezza che la Rai riserva in merito ai compensi percepiti dalle star della tv – scrive il capogruppo azzurro a Montecitorio – , si aggiunge quella relativa agli emolumenti che conduttori e giornalisti guadagnano attraverso società di produzione, con cui la tv di Stato sigla specifici contratti. Da alcune indiscrezioni di stampa è possibile apprendere che Endemol, nel caso di Fabio Fazio, riceverebbe dalla Rai un compenso per l’intera produzione di ‘Che tempo che fa’ e che sarebbe la stessa società a gestire direttamente con il conduttore le trattive sul compenso; mentre i 2 milioni e 700 mila euro, percepiti da Michele Santoro per il suo ritorno in Rai, pare siano interamente versati alla società di produzione ‘Zerostudios spa’.Per quanto riguarda i contratti siglati con società di produzione sembrerebbe che negli ultimi sei mesi del 2016, il Direttore generale, Antonio Campo Dall’Orto, avrebbe impegnato la Rai verso l’acquisto di ben 16 format. La fetta più grande la deterrebbe Endemol che per due stagioni del programma ‘Affari tuoi’ incasserebbe 5,3 milioni e altri 2,96 per la quinta edizione di ‘Detto Fatto’, mentre l’altra fetta consistente sembrerebbe essere posseduta da Magnolia con un incasso di 5,6 milioni per l’’Eredità’ e 4,8 milioni per la licenza del programma ‘Pechino Express’.Lo Statuto Rai, come recentemente modificato in virtù della riforma sulla governance della Rai, attribuisce al Direttore generale la possibilità di approvare atti e contratti aziendali attinenti alla gestione della società aventi carattere non strategico e che, anche per effetto di una durata pluriennale, siano di importo pari o inferiore ad euro dieci milioni (articolo 29, comma 3, lettera f). Ad avviso dell’interrogante, la normativa appena citata ha rafforzato notevolmente i poteri del Direttore generale su un settore consistente per la Rai stessa, considerato che, la voce dei costi esterni per l’esercizio 2015 ha pesato 1.363,4 miliardi di euro. Lo scorso 24 gennaio lo scrivente ha presentato un’interrogazione, evidenziando come in assenza di regole e procedure puntuali non è chiaro come la tv di Stato selezioni i fornitori piccoli e medi, ricevendo dalla Rai una risposta imprecisa e assolutamente non soddisfacente”. Il presidente Brunetta chiede di sapere “se i vertici Rai non intendano rendere ufficialmente noti i contratti aziendali sottoscritti dal Direttore generale nonché i compensi che conduttori, giornalisti e cosiddette star della tv percepiscono attraverso produzioni esterne nel rispetto dei principi di trasparenza, moralizzazione ed equità”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Turchia ospite di TourismA, il Salone Internazionale dell’Archeologia

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

archeologiaFirenze 17-19 febbraio 2017, Palazzo dei Congressi. La Turchia sarà ospite di TourismA, il Salone Internazionale dell’Archeologia che si terrà tra il 17 e il 19 febbraio al Palazzo dei Congressi di Firenze. Si tratta di una new entry nel calendario fieristico dell’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Turchia, che al momento comprende anche la partecipazione alla Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli (24-26 marzo), alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano (2-4 aprile), al TTG Incontri di Rimini (12-14 ottobre) e alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum (26-29 ottobre).
Tourism-A è anche il primo appuntamento importante del 2017 di confronto diretto col pubblico e sottolinea la volontà del Paese di scommettere ancora una volta sul suo immenso patrimonio archeologico, straordinaria eredità del passato. Sarà l’occasione per ripercorrere le tracce delle civiltà che hanno abitato la Penisola Anatolica nel corso dei millenni e per illustrare le più importanti novità per quanto riguarda ritrovamenti e scavi.Non ci si deve dimenticare che l’Italia gioca un ruolo molto importante in tal senso, e sono diverse le missioni archeologiche italiane che operano in Turchia, come – ad esempio – la Missione Archeologica di Arslantepe (Malatya), di Hierapolis (Pamukkale), di Elaiussa Sebaste (Mersin), di Uşakli Höyük (Yozgat), di Karkamiş (Gaziantep), di Kinik Höyük (Nigde) e di Yumuktepe (Mersin). Proprio in occasione di TourismA 2017, la Prof.ssa Marcella Frangipane, direttore della Missione Archeologica di Arslantepe, terrà il convegno “Scavi italiani ad Arslantepe: il più antico Palazzo del Vicino Oriente racconta la storia della nascita dello Stato”.Nello stand della Turchia campeggerà un grande visual dedicato a Göbeklitepe, nei pressi della città di Şanlıurfa, una delle più importanti scoperte archeologiche degli ultimi decenni, che ha rivoluzionato l’intera visione del mondo antico. Gli scavi, iniziati nel 1995, hanno portato alla luce il tempio in pietra più antico mai costruito dall’uomo, ben 11.600 anni fa, ovvero circa 7.000 anni prima delle Piramidi di Giza e 6.000 anni prima di Stonehenge.La Turchia punta quindi sulle sue caratteristiche peculiari in termini di storia, arte e paesaggio. Oltre ai weekend ad Istanbul e ai viaggi organizzati lungo i classici itinerari culturali, gli operatori offrono pacchetti che abbinano in estate mare e relax presso le più note località balneari della Costa Egea e della Costa Turchese con la visita a luoghi pregni di memorie storico-archeologiche. In realtà, in un territorio vastissimo di quasi 800.000 km2, sono infinite le alternative da poter considerare durante tutto l’arco dell’anno.Come – ad esempio – il turismo termale (non ci si deve dimenticare che la Turchia ha circa 1.300 stazioni termali) e il turismo medico (in continua crescita per l’elevata qualità da parte di ospedali e di cliniche private all’avanguardia). Sono in stampa nuovi materiali informativi in italiano, oltre ad una brochure generale e una sulla cucina turca, altro settore su cui saranno a breve sviluppate attività specifiche.Novità anche per gli appassionati di trekking, per i quali sarà presto pronta una brochure dedicata: oltre alla più nota Via Licia, nuovi percorsi sono stati aperti sotto l’egida della Cultural Routes Society, fondata nel 2012 per sostenere gli itinerari culturali già esistenti, promuovere la creazione di nuovi percorsi e stabilire degli standard di buone norme per il loro sviluppo. Ma il trekking è solo una delle tante attività da poter praticare all’aperto. È ad esempio alta l’attenzione del mondo golfistico internazionale nei confronti della zona di Belek, vicino Antalya. Il turismo legato allo sport possiede enormi potenzialità per lo sviluppo socio-culturale ed economico delle destinazioni turistiche. E la 38ma Maratona di Istanbul, che si è svolta il 13 novembre scorso, ne è stata la prova, dato il successo di partecipazione di atleti e di pubblico. L’Ufficio Cultura e Informazioni ha deciso di operare in tal senso, con una scelta strategica per un target mirato. Infatti, dopo l’ottimo risultato dell’anno scorso in termini di visibilità e riscontro, anche per l’edizione 2017 la Turchia parteciperà alla Maratona di Roma del 2 aprile in qualità di sponsor ufficiale.
Trivago ha aperto il 2017 con il suo Global Reputation Ranking, che ha analizzato 200 milioni di recensioni provenienti da più di 250 siti di prenotazione e ha stilato la classifica delle 100 destinazioni con strutture ricettive dalla migliore reputazione. A guidare la Top Ten anche quest’anno è la città di Göreme, in Cappadocia, con una media di 88,03 su 100.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

8 marzo: sciopero internazionale delle donne

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

inno donneL’Unione Sindacale di Base ha risposto all’appello del movimento delle donne Non una di meno con la proclamazione dello sciopero generale di 24 ore per l’8 marzo.Uno sciopero internazionale delle donne, oltre 20 i Paesi che hanno già aderito, dopo l’enorme manifestazione del 26 novembre scorso e la grande partecipazione alla 2 giorni svoltasi a Bologna il 4/5 febbraio. Uno sciopero dalle attività produttive che vedrà mobilitazioni in tutte le città ma, anche, uno sciopero dal lavoro domestico e di cura che ancora troppo spesso grava in via esclusiva sulle donne, siano esse native o migranti, che fungono da ammortizzatore sociale di un welfare sempre più privatizzato.Uno sciopero per dire basta alla violenza maschile sulle donne, alle discriminazioni di genere e alle molestie nei luoghi di lavoro, ai femminicidi.Uno sciopero per urlare che non se ne può più delle discriminazioni salariali di genere fatte di livelli contrattuali più bassi, di una retribuzione fino al 20% inferiore a quella degli uomini a parità di mansione, di ricorso massiccio al part time involontario, di lavori non qualificati nonostante una maggiore scolarizzazione, di richiesta di dimissioni in bianco all’atto dell’assunzione, di maggiori contratti atipici e precari da giovani e di pensioni da fame in vecchiaia.Uno sciopero per rivendicare il diritto a servizi pubblici gratuiti ed accessibili, al reddito sociale, alla casa, al lavoro e alla parità salariale; all’educazione scolastica, alle strutture sanitarie pubbliche – a comiciare dai consultori – libere da obiettori; alla formazione di operatori sociali, sanitari e del diritto. Per il diritto all’autodeterminazione e all’interruzione di gravidanza gratuita e sicura.
Per il riconoscimento ed il finanziamento dei Centri Antiviolenza ed il sostegno economico per le donne che denunciano le violenze.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Abusivismo commerciale: Meloni, bene operazione vigili contro filiera del falso

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

Roma. “Grazie all’intervento degli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale coordinati dalla Direzione Sicurezza Urbana oggi è stato dato un duro colpo alla filiera che alimenta l’abusivismo commerciale. Gli agenti hanno condotto un blitz all’interno di un capannone logistico di via del Maggiolino, al Prenestino, che ha permesso di individuare oltre 20.000 pezzi di merce contraffatta, tra cui accessori per apparecchi informatici, e altri prodotti potenzialmente nocivi per la salute dei consumatori”. Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale Adriano Meloni. “L’intervento di oggi, che si affianca a quelli condotti in strada, è tanto più importante perché grazie al lavoro di indagine delle forze dell’ordine si sta risalendo la filiera della contraffazione fin nei luoghi di produzione e stoccaggio” spiega. “La contraffazione produce un danno ingente all’economia: è un rischio per la sicurezza dei consumatori e distrugge posti di lavoro. L’Amministrazione sta già collaborando con le istituzioni europee e con le imprese per contrastare l’industria del falso anche con campagne di sensibilizzazione come quella di “Autenticittà” patrocinata da Roma Capitale. Un ringraziamento va alla Polizia Locale di Roma Capitale che opera quotidianamente per garantire il contrasto all’abusivismo”, conclude.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le 4 bufale dei democratici sul CETA

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

strasburgo-parlamento-europeoIl prossimo 15 febbraio il Parlamento Europeo, riunito a Strasburgo, sarà chiamato a ratificare il CETA, l’accordo di libero scambio tra Canada e Unione Europea. Il “fratello piccolo” del TTIP ha destato l’opposizione della società civile, perché vettore degli stessi rischi più volte documentati e mai confutati.La Campagna Stop TTIP Italia, in vista di questa scadenza, ha intensificato la pressione sugli eurodeputati italiani favorevoli al CETA. In seguito al bombardamento di e-mail, telefonate e contatti via social network, è emersa una spaccatura all’interno del gruppo socialdemocratico, cui aderiscono i parlamentari del Pd. A fronte di alcune defezioni, però, una gran parte dei S&D sposano acriticamente le tesi dei promotori dell’accordo, dietro i quali si celano interessi commerciali enormi, spesso molto distanti dalle priorità dei cittadini e dei consumatori.«I messaggi di risposta ricevuti in questi giorni sembrano un copia e incolla di slogan propagandistici – dichiara Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia – Un tentativo maldestro di rassicurare migliaia di cittadini preoccupati, spesso ben più informati degli stessi loro rappresentanti».In particolare le posizioni pro CETA dei socialdemocratici si basano su numerose gravi omissioni e su alcuni assunti tutti da dimostrare, vere e proprie “bufale” che Stop TTIP Italia è in grado di smontare, una per una.
1) Con il CETA, gli europei risparmieranno 500 milioni di euro in tariffe doganali Non è vero. Saranno soltanto le aziende che esportano in Canada ad avere questo vantaggio, che in verità è piuttosto risibile se rapportato al valore degli scambi, che già oggi ammonta a più di 50 miliardi di euro. Le ricadute di questo abbattimento delle tariffe, non andranno a vantaggio del pubblico. Stando alle stime comprese nel documento della Commissione sull’applicazione provvisoria del trattato, il CETA inciderà sul versante delle entrate per l’UE, una volta completata l’attuazione dell’accordo, poiché i dazi non riscossi raggiungeranno un importo pari a 311 milioni di euro. Con il CETA, inoltre, studi indipendenti parlano di un aumento di PIL per l’Europa, in dieci anni, tra lo 0.003% e lo 0.08% e per il Canada tra lo 0.03% e lo 0.76%. Praticamente nullo.
2) Migliora la convalida dei titoli universitari e professionali. Che cosa significa questo? Il CETA stabilisce il reciproco riconoscimento dei titoli professionali tra UE e Canada. Ma mentre in Italia è necessario superare un esame di Stato per esercitare diverse professioni, in Canada è sufficiente un’abilitazione. Equiparare i due sistemi avrebbe l’effetto di mettere in concorrenza i lavoratori italiani ed europei, più formati, con quelli canadesi.
3) Per le imprese europee aumenteranno le quote di accesso agli appalti pubblici in Canada. Non si tratta di un vantaggio per tutti, ma di un affare per pochi. Infatti, l’apertura delle gare pubbliche alle imprese estere, siano europee in Canada o canadesi in Europa, può avvenire soltanto cancellando le regole sul cosiddetto “contenuto locale”. Le amministrazioni pubbliche non potranno più decidere di avvantaggiare piccole e medie imprese del territorio e favorire la manodopera locale. Ancora una volta, si tratta di un aumento della concorrenza con benefici solo per i grandi attori commerciali.
4) L’accordo non modificherà le regole europee su sicurezza alimentare o protezione dell’ambiente. Assolutamente falso. Occorre premettere che alcune regole sulla protezione dell’ambiente sono già state modificate grazie alla pesante attività di lobby del governo canadese e delle grandi imprese promotrici del CETA. Ne è un esempio la Direttiva sulla qualità dei carburanti, svuotata dalla Commissione Europea con l’obiettivo di preparare il terreno all’importazione di petrolio da sabbie bituminose. Questo combustibile fossile, tra i più inquinanti al mondo, senza le pressioni legate al CETA sarebbe ancora vietato in Europa.
Per quanto riguarda la sicurezza alimentare, i rischi connessi all’accordo sono altissimi. Si prospetta un abbandono di fatto del principio di precauzione. Triplicheranno infatti le quote di importazione di grano, che in Canada è pesantemente trattato con il glifosato e a causa dell’umidità e delle basse temperature sviluppa micotossine nocive per l’uomo. Aumenteranno le quote per latte e carne da un Paese le cui gli animali vengono trattati con ormoni della crescita vietati in Europa. Nominalmente anche il Canada rispetta il principio di precauzione, ma insieme agli Stati Uniti si appellò contro il bando presso l’Organismo di risoluzione delle dispute della WTO (DSB), e vinse proprio perché la WTO dichiarò che un concetto come la precauzione, anche se riconosciuto nella legislazione ambientale internazionale, non era rilevante ai fini commerciali. L’Europa, per mantenere il bando, fu condannata a riconoscere a Usa e Canada delle compensazioni. Le risposte degli eurodeputati socialdemocratici, inoltre, dimenticano completamente di citare la pericolosa apertura dei servizi pubblici fondamentali come, acqua, sanità e istruzione agli investitori canadesi. Il CETA sarebbe il primo accordo commerciale contenente una “lista negativa dei servizi”, cioè un sistema di apertura al mercato basato sulla formula “elencalo o perdilo”. Fino ad oggi era obbligatorio segnalare i comparti che si intendeva privatizzare, non quelli da conservare in mano al pubblico.Nemmeno una parola anche sull’ICS, la corte sovranazionale che dovrebbe dirimere le cause intentate dagli investitori agli Stati. Già bocciata dall’Associazione dei magistrati europei e dalla principale associazione di giudici tedeschi, non rispetta nemmeno le richieste avanzate dallo stesso Parlamento Europeo, in una risoluzione votata anche dai socialdemocratici.Inoltre, molte corporation statunitensi tra le quali Walmart, Chevron, Coca Cola e ConAgra, possiedono controllate in Canada, e il CETA potrebbe permettere loro di operare nei mercati europei in condizioni di favore, utilizzando l’ICS anche senza un accordo tra USA e UE come il TTIP.L’impatto democratico del CETA sarà aggravato ulteriormente dalla “cooperazione normativa”. L’UE dovrà consultare il Canada (e viceversa) prima di introdurre nuove leggi o regolamenti, e dovrà attendere i “consigli” di tutti gli stakeholder. In barba alle urgenze dell’interesse pubblico.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore alla prostata: AOB dona un nuovo strumento per diagnosi più rapide e precise

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

ospedale-bergamoBergamo. Grazie alla generosità dell’Associazione oncologica bergamasca, dei volontari e dei suoi numerosi sostenitori, è ora a disposizione degli specialisti del Papa Giovanni XXIII un ecografo di ultima generazione dotato di uno speciale software che consente di sovrapporre le immagini ottenute con la risonanza magnetica alle immagini ecografiche per migliorare la diagnosi dei tumori alla prostata.
Il Papa Giovanni è il primo ospedale pubblico bergamasco ad essere dotato di questa tecnologia.La macchina consentirà di introdurre la cosiddetta “fusion biopsy”, metodica che consente all’urologo di essere guidato durante la biopsia da un’immagine in 3D, delineando il tragitto che l’ago deve compiere per arrivare alla lesione sospetta. L’immagine “guida” viene creata partendo dai dati della risonanza magnetica, eseguita in precedenza, che vengono sovrapposti in tempo reale alle immagini ecografiche.“Poter unire le immagini della risonanza con quelle dell’ecografo ci consentirà di eseguire biopsie mirate sulle lesioni veramente sospette e di diagnosticare pertanto le neoplasie clinicamente significative – ha spiegato Luigi Da Pozzo, direttore dell’Unità di Urologia del Papa Giovanni XXIII -. Si stima infatti che alla biopsia prostatica, eseguita con la tecnica tradizionale con prelievi multipli, sfuggano fino al 25% dei tumori clinicamente significativi. Al contrario, l’aumento del numero di prelievi effettuati comporta la diagnosi di un maggior numero di tumori piccoli e di scarso significato clinico”.La fusion biopsy si è affermata grazie ai progressi fatti dalla risonanza magnetica nucleare negli ultimi anni, che ha dimostrato enormi potenzialità nella diagnosi del tumore della prostata.La “fusion biopsy” verrà utilizzata anche nel follow-up dei pazienti in “sorveglianza attiva”, ossia nei pazienti cui è stata diagnosticata una neoplasia prostatica a basso rischio di evoluzione, e sottoposti solo a controlli periodici.“La biopsia di fusione, aumentando l’accuratezza nel diagnosticare tumori più aggressivi, garantisce anche una miglior valutazione dei pazienti in sorveglianza attiva – ha spiegato Marco Roscigno, urologo del Papa Giovanni XXIII, team leader della Prostate Unit del Papa Giovanni XXIII e membro del gruppo di lavoro che ha steso le linee guida nazionali sulla biopsia prostatica -. Il protocollo internazionale di riferimento a cui aderiamo prevede infatti biopsie prostatiche periodiche, per valutare la stabilità della malattia e indirizzare il paziente verso il trattamento più appropriato”.Il Papa Giovanni XXIII ha già organizzato per i pazienti in sorveglianza attiva l’applicazione di un PDTA (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale), anche con l’obiettivo di portare avanti uno studio prospettico finalizzato a validare l’efficacia della risonanza magnetica nel follow-up di questi pazienti.L’Associazione Oncologica Bergamasca Onlus è da anni vicina all’Ospedale di Bergamo e ai suoi pazienti oncologici, con iniziative che spaziano dal sostegno e sviluppo di progetti e servizi di ricerca, ascolto, assistenza e informazione, alla donazione di nuove apparecchiature, fino all’organizzazione di eventi per sensibilizzare i cittadini sull’importanza di adottare corretti stili di vita.“Con la donazione di questa apparecchiatura – ha sottolineato Nunzio Pezzotta, Presidente dell’Associazione Oncologica Bergamasca Onlus – si completa il nostro Programma attività 2016 che ha visto A.O.B. affiancare l’Ospedale di Bergamo con una complessa serie di iniziative con un impegno economico di oltre 400.000 Euro ai quali si aggiungono 180.000 € a disposizione del Ce.R.Mel – Centro di Ricerca e cura del Melanoma. Anche questo ecografo, la più moderna apparecchiatura che la tecnologia medica mette oggi a disposizione per la diagnosi del tumore alla prostata, testimonia la concretezza dell’operato di A.O.B. nel dare risposte tangibili ai bisogni delle persone toccate dal cancro. Una donazione all’Unità di Urologia che risponde pienamente alla mission dell’Associazione: evita disagi e sofferenze alle persone, consentendo accuratezza di esecuzione e una migliore valutazione con biopsie mirate e diagnosi precise, e migliora il livello di assistenza promuovendo lo sviluppo di competenze e professionalità a tutto vantaggio dei malati oncologici”.
La neoplasia prostatica è il tumore solido più frequente nell’uomo. Nel 2016 la Prostate Unit del Papa Giovanni XXIII – il gruppo multidisciplinare che gestisce i pazienti con diagnosi di neoplasia prostatica, composto da urologi, radioterapisti, oncologi e anatomopatologi – ha valutato circa 400 pazienti affetti da neoplasia prostatica. Di questi, circa 150 sono stati sottoposti a prostatectomia radicale, circa 90 sono stati sottoposti a radioterapia, circa 40 sono stati inseriti nel protocollo di sorveglianza attiva. (Nella foto da sinistra, Da Pozzo, Nicora, Pezzotta, Roscigno e Sironi)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conversazione – Concerto: Clara, Fanny e le altre

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

concerto-trapaniTrapani Domenica 12 febbraio ore 18.30 Chiesa di Sant’ Alberto Via Garibaldi. Una domenica all’insegna della musica con la 64ª stagione degli “Amici della Musica” di Trapani con un interessante conversazione-concerto sul ruolo delle donne compositrici nella storia della musica con Annamaria Sollima (relatrice) e Oksana Svekla (pianoforte) dal titolo Clara, Fanny e le altre. Note di donne degne di nota. In programma musiche di Elisabeth Jacquet de la Guerre, Fanny Mendelssohn, Clara Wieck, Cecile Chaminade, Amy Cheney Beach, Giulia Tagliavia, Grazyna Bacewicz, Sofia Gubajdulina e Teresa Procaccini.
Anna Maria Sollima è nata a Palermo da una famiglia di musicisti. Laureata col massimo dei voti e la lode in Lettere moderne all’Università di Palermo con una tesi sul compositore trapanese Antonio Scontrino, ha collaborato con quotidiani, riviste musicali, enti e associazioni e ha curato due cicli di trasmissioni sulla musica da camera per conto della sede regionale della RAI. Ha condotto ricerche volte alla riscoperta di compositori siciliani di fine Ottocento; del marsalese Francesco Pulizzi ha riportato alla luce un quartetto per archi pubblicato dalla casa editrice Sonzogno. Il suo lavoro “Musicisti del trapanese tra fine ‘800 e primo ‘900” è edito da i.l.a. Palma – Athena. Dal 1980 è docente di Storia ed estetica della musica presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo e dal 2008 al 2013 è stata membro del Consiglio Accademico dell’Istituto. Insieme ad alcune docenti del Conservatorio di Palermo è promotrice del progetto AlterAzione. Donne per la musica costituitosi in seno all’Istituto con l’intento di valorizzare il contributo femminile alla musica.
Svekla Oksana è nata nel 1984 a Grodno (Bielorussia). A 14 anni ha debuttato con l’Orchestra Filarmonica di Minsk suonando il Concerto K467 di Mozart. Diplomata con lode all’Accademia Nazionale di Musica di Minsk, nel 2007 si è laureata all’Accademia Chopin di Varsavia. Grazie ad una borsa di studio si è perfezionata a Vienna presso l’ Universität für Musik und darstellende Kunst con M. Hughes. Nel 2004 ha vinto il 1° premio al Concorso internazionale Muzyka be Sienu di Druskininkai (Lituania), nel 2013 il 1° premio assoluto nei concorsi internazionali Città di Treviso, Scaramuzza e Città di Rocchetta”, nel 2014 1° premio assoluto Città di Bucchianico e Città di Canaglio e nel 2015 1° premio al concorso Amigdala e 3° premio al concorso E. Sollima di Enna. Come solista e musicista da camera si è esibita in contesti prestigiosi (Sala Chopin e Opera Nazionale di Varsavia, Filarmonica di Bialystok, Teatro Massimo di Palermo). Nel 2014 ha eseguito la Rapsodia su temi di Paganini di Rachmaninov al Teatro dell’Opera Nazionale di Varsavia. Dal 2014 frequenta il Biennio sperimentale di 2° livello di pianoforte al Conservatorio di Palermo sotto la guida di Donatella Sollima.
L’abbonamento che prevede tredici manifestazioni ha un costo di: intero euro 35,00, ridotto euro 20,00 (studenti fino a 24 anni, Soci Fondazione Pasqua 2000 per l’anno 2017, possessori Diamond Card, abbonati Ente Luglio Musicale Trapanese – Teatro di Tradizione). Per gli studenti del Conservatorio “A.Scontrino” di Trapani l’abbonamento sarà 15,00 euro. Gli abbonamenti potranno essere acquistati esclusivamente presso la Chiesa di Sant’Alberto. (foto: concerto trapani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva in tutte le edicole Barbie Fashion Collection

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

barbieMattel ha stretto un accordo di licenza con l’editore Five Store-Media4Commerce, divisione editoriale di Mediaset, per raccontare il mondo di Barbie attraverso una collezione di sticker dedicata alla moda. Barbie Fashion Collection permette a tutte le bambine di diventare le stiliste personali della fashion doll più amata di sempre!
La serie è composta da oltre 280 sticker attacca-stacca, morbidi e luccicanti, raffiguranti abiti, scarpe ed accessori, e da 20 card che ritraggono Barbie in diversi contesti, alle quali applicare gli adesivi per il look più adatto. Completa la collezione un album nel quale conservare le card, che include anche una sezione “armadio” dove poter raccogliere tutti gli sticker.
Barbie Fashion Collection è distribuita nelle edicole in flowpack, contenenti 14 ministicker, 1 card con Barbie e 1 minibook. L’album è invece venduto separatamente, con un flowpack incluso per dare subito il via alla collezione e al gioco.
Barbie Fashion Collection prende ispirazione dall’idea originaria da cui è nata Barbie: il gioco delle paper doll. In questo, le bambine si divertivano a ritagliare i vestiti dalle riviste di moda per poi applicarli alla loro modella rappresentata da una silhouette di carta. Tra divertimento e creatività erano infinite le combinazioni di abiti che si potevano creare. Oggi lo stesso gioco continua, in chiave più moderna, per dare estro alle stiliste di domani. Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri e con Barbie Fashion Collection da oggi puoi essere la sua stilista personale! Flowpack con 14 ministicker, 1 card e 1 minibook: € 1.99 Album per raccogliere le card e i ministicker: € 4.99 (barbie)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »