Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

Franco Busalacchi annuncia la sua candidatura alla Presidenza della Regione Siciliana

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 febbraio 2017

busalacchiFranco Busalacchi, già dirigente generale dell’Amministrazione regionale e leader dell’associazione I Nuovi Vespri ha presentato oggi la propria candidatura alla presidenza della Regione Siciliana. L’ha fatto nel corso di una conferenza stampa tenuta a Palermo, presso la sede dell’Italpress. “Un esponente di spicco della politica siciliana dei nostri giorni – ha affermato – dice che la nostra Isola vive un momento magico. Affermazione che non mi ha convinto. Così sono andato a verificare le statistiche. Perché le statistiche, è noto, non mentono mai. E ho appurato che la Sicilia è l’ultima Regione italiana per le cose virtuose e la prima per i problemi non risolti. Mentre il Trentino Alto Adige è la prima Regione italiana. Entrambe – Sicilia e Trentino – sono due Regioni a Statuto speciale. Da noi l’Autonomia non ha funzionato, in Trentino, sì. Se ne deduce che il problema del sottosviluppo economico e sociale della Sicilia non è l’Autonomia, ma chi fino ad oggi l’ha gestita”. A proposito dei Siciliani, Busalacchi ha raccontato di un suo incontro con un sociologo. “Questo signore – ha ricordato Busalacchi – quando ci siamo conosciuti, mi ha detto: vuole sapere come sono fatti i Siciliani? E mi ha raccontato la storia della rana. In una pentola riempita di acqua e messa su un fornello a fuoco bassissimo si mette una rana. La rana non si muoverà. Man mano che l’acqua, piano piano, andrà riscaldandosi la troverà pure piacevole. Non salterà fuori dalla pentola: si lascerà morire. Così sono i siciliani: si lasciano fare di tutto. Io non credo alla tesi di questo sociologo. Non a caso, oggi, sono qui a presentare la mia candidatura alla presidenza della Regione”. “La Sicilia può cambiare – ha aggiunto -. Io ci credo. Credo, soprattutto, nei giovani. Nella nostra Isola ci sono circa 4 milioni e 400 mila elettori. Alle elezioni regionali del 2012 sono andati a votare 2 milioni e 200 mila siciliani circa. Appena la metà. Ricordo che Rosario Crocetta è stato eletto con circa 650 mila voti. La maggior parte dei giovani non si è recata alle urne. Bene. In Sicilia i giovani di età compresa tra 18 e 20 anni sono circa 750 mila. Se questi giovani siciliani prenderanno coscienza della propria forza elettorale, il prossimo novembre, eleggeranno un presidente della Regione e mezzo!”.
“Volete sapere chi sono i miei alleati? Sono i siciliani – ha sottolineato -. Vorrei ricordare che nel 1946 i siciliani hanno votato in favore della monarchia che li aveva coinvolti in una rovinosa guerra. Lo scorso 4 dicembre dello scorso anno la maggioranza dei siciliani ha votato no al referendum. Siamo nel pieno di un cambiamento culturale. Oggi la Sicilia può cambiare il rapporto tra voto di scambio e voto di opinione a favore di quest’ultimo”.Nel programma presentato da Busalacchi c’è, in rimo luogo, un principio che ha ereditato da Piersanti Mattarella del quale è stato segretario di Giunta:
“Il presidente Piersanti Mattarella – ha ricordato Busalacchi – diceva che prima di reclamare i nostri diritti, cioè l’Autonomia della Sicilia, che difendeva a denti stretti, bisogna avere le carte in regola. Quella che Mattarella riuscì in parte a costruire prima della sua tragica fine fu una Regione siciliana con le carte in regola. Partendo da questo assunto, insieme con chi mi sosterrà, dobbiamo rivedere subito la ‘macchina’ amministrativa della Regione che conosco bene”.
“Vedete – ha affermato – io ho molta stima dei tanti elettori del Movimento 5 Stelle. Apprezzo tantissimo il loro sforzo di voler cambiare l’Italia e, nel caso della Sicilia, la voglia di cambiare in meglio la Regione. Ma per raggiungere questo obiettivo il cuore non basta. Bisogna conoscere la ‘macchina’ amministrativa: bisogna sapere dove, come e quando intervenire per apportare cambiamenti e miglioramenti. Io penso di sapere dove mettere le mani”. “Ai giovani siciliani dico: aiutatemi ad aiutarvi – ha detto Busalacchi -. Agli elettori del Movimento 5 Stelle dico quello che di me ha detto un amico: e cioè che sono un grillino che conosce il latino dell’Amministrazione regionale siciliana. Io l’Amministrazione regionale, se me ne daranno l’opportunità, la cambierò davvero”.
Un altro punto del programma è il Reddito di cittadinanza.
“In Europa – ha detto Busalacchi – solo l’Ungheria, la Grecia e la Sicilia non hanno il reddito di cittadinanza. E sarà la prima cosa che istituirò se verrò eletto”.Alla domanda dei giornalisti su dove troverà le risorse finanziarie per finanziarlo ha risposto così:
“Intanto taglierò le retribuzioni ai parlamentari dell’Ars. Poi eliminerò i vitalizi agli ex parlamentari. So che questo non risolverà il problema del reperimento delle risorse finanziarie. Ma lancerò un segnale preciso a tutta la Sicilia. Che si accompagnerà all’eliminazione delle società regionali e partecipate dalla stessa Regione, che sono, da sempre, fonte di sprechi e di corruzione. Dopo di che avvierò una trattativa serrata con Bruxelles per utilizzare una parte del Fondo Sociale Europeo per sostenere il Reddito di cittadinanza”.
“Il Reddito di cittadinanza – ha aggiunto Busalacchi – è, in prima battuta, uno strumento keynesiano: un’azione di sostegno alla domanda al consumo che farà bene alle famiglie e alle imprese. Ha un significato sociale importante in una Regione a rischio mafia come la Sicilia, perché viene incontro a chi è senza lavoro, soprattutto ai giovani. Con l’impegno che gli stessi giovani si dovranno dare da fare per trovare un lavoro: un lavoro vero e non l’incredibile offerta di lustrascarpe proposta ai giovani laureati siciliani!”.
Busalacchi ha ricordato l’impegno che intende mettere in campo per rilanciare l’Autonomia applicando lo Statuto siciliano:
“Noi siamo autonomisti – ha detto – ma se Roma continuerà a pretendere di non applicare lo Statuto siciliano, noi ci trasformeremo in indipendentisti. Sarà inevitabile. Rivogliamo l’Alta Corte per la Sicilia. E chiediamo l’applicazione di tutti gli articoli dello Statuto, a cominciare dagli articoli 36, 37 e 38. Sull’articolo 38 – il fondo di solidarietà nazionale – lo Stati ci deve 153 miliardi di Euro. Apriremo una vertenza e non molleremo. Così come apriremo una vertenza sui 600 milioni di Euro all’anno sulla sanità che lo Stato ci nega dal 2007”. “Il nostro programma è già scritto – ha precisato -. E’ l’intesa di programma firmata nel 1999. Firmata dall’allora vice presidente del Consiglio dei Ministri, Sergio Mattarella, e dall’allora presidente della Regione siciliana, Angelo Capodicasa. In questa intesa c’è tutto quello che si deve fare per la Sicilia. Il fatto che negli anni successivi Berlusconi, Cuffaro, Miccichè e Tremonti bloccarono tutto non significa che è tutto finito. A questi signori, allora, interessava il friggi e mangia. A me, invece, interessa rilanciare la Sicilia”. Alla conferenza stampa di Busalacchi era presente il filosofo Diego Fusaro. (foto: busalacchi-fusaro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: