Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for 14 febbraio 2017

EU needs to shut all coal plants by 2030, or will vastly overshoot Paris Agreement – report

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Philippine climateBrussels The EU will need to phase out CO2 emissions from all of its coal plants in the next 15 years if it is to meet the Paris Agreement’s long-term temperature goals, says a new report released in Brussels today. The report – “A stress test for coal in Europe under the Paris Agreement,” by climate research institute Climate Analytics, sets out the first science-based analysis of when – and where – each of the EU’s more than 300 coal power plants would need to be phased out. Climate Analytics has calculated that to stay within the Paris Agreement’s long term temperature limits of “well below” 2˚C and “pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5°C,” the EU’s C02 emissions budget for coal in the power sector is around 6.5Gt by 2050. The EU will exceed its Paris Agreement-compatible coal emissions budget by 85% if its existing coal-fired power plants continue operating to their full lifespan. “Not only would existing coal plants exceed the EU’s emissions budget, but the eleven planned and announced plants would raise EU emissions to almost twice the levels required to keep warming to the Paris Agreement’s long term temperature goal,” said Dr Michiel Schaeffer, Climate Analytics Science Director, presenting the report at an event in Brussels today. The report shows that emissions from coal in the EU electricity sector need to be close to zero by 2030 (95% by 2030; 100% by 2031), with a quarter of operating coal-fired power plants switched off before 2020 and a further 47% going offline by 2025. “We find the cheapest way for the EU to make the emissions cuts required to meet its Paris Agreement commitments is to phase out coal from the electricity sector, and replace this capacity with renewables and energy efficiency measures,” said Paola Yanguas Parra, a lead author of the report.“Germany and Poland have the most work to do on a coal phase-out: they are jointly responsible for 51% of installed coal capacity and 54% of emissions from coal.”The report outlines two possible pathways showing how the EU could achieve a complete coal phase-out, and proposes a shutdown date for each of the EU’s 315 power plants (738 generating units in total). Full list of phase-out dates here. One pathway is based around a ‘market’ perspective, where the economic value of the plant is prioritised over its emissions intensity, and the other is based on a ‘regulator’ perspective, where plants with the highest emissions intensity are phased out first. Both yield a phase-out of coal by 2030, but the date each specific plant goes offline differs significantly between the two approaches, with different potential impacts on regions within a given countryTo achieve this ambitious phase-out schedule the EU will need to design enhanced policy settings and approaches that complement each other, including:
a more effective EU Emissions Trading Scheme
a stable and predictable investment framework
bigger targets for renewables – instrumental in a successful coal phase-out
strategies and policies at both national and regional level to ensure a smooth transition and maximise usage of socioeconomic opportunities.
Substantial human, institutional and financial resources will need to be devoted to maximise the economic, social and environmental benefits of this essential transformation of the energy sector.“It is remarkable that for 25 years the European Union has led the way globally on climate change policy, be it in mitigation or adaptation, the legal structures of international agreements, or financing actions in developing countries. Its next big challenge is to lead the way on meeting the 1.5°C limit, holding warming “well below 2°C” as agreed in Paris,” said Bill Hare, CEO of Climate Analytics. “This new and innovative plant-by-plant analysis shows that one of the biggest challenges for Europe will be the phase-out of coal fired-power emissions by 2030. For any country, in any region, and at any time this would be a major challenge, both economically and politically. “However, the EU already has many of the key policy instruments in place, including those required for fair and just transition strategies. The challenge now is for Europe to capitalise on its massive investments in climate policy, seize the opportunities created by a coal phase out, and use its institutions to ensure all regions benefit from this.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The multi-billion-euro exit charge that could sink Brexit talks

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

brexit-talksTHE mother of parliaments has spoken. On February 8th a large majority of MPs backed a bill authorising the government to begin Britain’s withdrawal from the European Union by triggering Article 50 of the EU treaty. (A few dissenters were told off for singing “Ode to Joy”, the EU’s anthem, in the chamber.) After approval from the Lords, it should become law in March. But a different sort of Brexit bill is approaching, and will be harder to manage. It could yet scupper the whole process. Before Britain’s referendum last June, Leave campaigners promised voters that Brexit would save the taxpayer £350m ($440m) a week. That pledge was always tendentious. But officials in Brussels are drawing up a bill for departure that could mean Britain’s contributions remain close to its membership dues for several years after it leaves. In a new report for the Centre for European Reform, a think-tank, Alex Barker, a Financial Times correspondent, puts the figure at anything between €24.5bn ($26.1bn) and €72.8bn.
The bill comprises three main elements. All, in Brussels’s view, derive from the legal obligations implied by Britain’s EU membership. The first, and largest, covers the gap between payments made in the EU’s annual budget and the larger “commitments” made under its seven-year budgetary framework, approved by Britain and the 27 other EU governments. This overhang has been steadily growing. Britain’s share of what Eurocrats call the reste à liquider (or amount yet to be paid) would be around €29.2bn, Mr Barker estimates.
The second element covers investment commitments to be executed after Britain leaves the EU in 2019. Most of this is “cohesion” funding for poorer countries (think motorways in Poland). Mr Barker reckons Britain’s share could amount to €17.4bn. The government will struggle to explain why voters should be on the hook for payments made after Brexit. But the European Commission will argue that Britain’s approval of the current budget, which runs until 2020, obliges it to cough up.Pensions make up the third component. The liabilities for the EU’s unfunded scheme stand at over €60bn. Britain may be prepared to cover its own nationals. But European officials insist that all liabilities are a joint responsibility, as Eurocrats work for the EU, not their national governments. This may be the fiercest row of all. Brussels’s demand will combine these three elements with a few miscellaneous items, and may adjust for Britain’s share of EU assets, its budget rebate and payments it is due from the EU (see chart). (by The Economist) (photo: Brexit talks)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il declino di Renzi e quel che ne segue nel mondo

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

borsaLo spread a 200 punti che “sgradevolmente” ci ricorda che siamo un paese ancora a rischio. L’economia che ristagna. Il vecchio capitalismo nostrano che collassa senza che uno nuovo si sia affacciato all’orizzonte. Il sistema bancario che è tutto da rimettere a posto, per il quale paradossalmente ci sono i soldi (i 20 miliardi stanziati dal governo, a debito) ma non ancora gli strumenti societari e giuridici per gestire gli interventi. Bruxelles che ci preme, non tanto per ottenere una manovrina riparatrice sui conti 2016, quanto perché teme per la prossima legge di bilancio, considerato che con il probabile rialzo dei tassi rischiamo di ritrovarci sul groppone i 17 miliardi di oneri passivi che l’anno scorso abbiamo risparmiato. Insomma, tra emergenze e vecchi problemi irrisolti, noi avremmo maledettamente bisogno di poter sfruttare il tempo che ci separa dalla fine della legislatura, avendone già buttato via abbastanza fin qui. Invece, gli spasmi di un sistema politico che è, e appare, ormai irrimediabilmente fallito, fanno da contrappunto alla complessità delle questioni da affrontare e all’urgenza delle risposte da dare. Guardate che non è solo il nodo della data delle elezioni, su cui i bollenti spiriti ci paiono per fortuna un po’ sedati, e della legge elettorale con cui andare a votare, tema su cui non coltiviamo più alcuna speranza di vedere del senno all’opera. No, qui si sta facendo strada l’incertezza circa la tenuta più complessiva del Paese. Al cospetto della quale lo spettacolo inverecondo offerto dai 5stelle, le convulsioni interne al Pd, il vuoto del centro moderato e la deriva populista e peronista delle destre non solo non sono la risposta che ci vorrebbe, ma finiscono per soffiare sul fuoco. Parliamoci chiaro, gli italiani – o quantomeno una larga maggioranza di essi – attendono da tempo decisioni forti a fronte di problemi gravi. Quando hanno smesso di credere che potessero offrirle le istituzioni e il sistema dei partiti, hanno invano cercato la risposta nelle leadership. Ma gli uomini forti, o presunti tali, si sono sempre rivelati non solo non all’altezza delle aspettative, ma addirittura macchiettistici. Compreso Renzi, che pure aveva il vantaggio di parlare al centro e a destra pur stando a sinistra. Ma invece di approfittare di questo vantaggio, il giovane e volitivo segretario del Pd ha finito per essere più divisivo di Berlusconi (e ce ne vuole). E per di più, non tanto per ragioni politiche, quanto di temperamento e comportamentali. Ha fatto la frittata con il referendum, ma ora rischia di far peggio dando l’idea che l’unica cosa che lo anima sia la rivincita personale. Infatti, come non dare ragione ad Andrea Orlando quando sostiene che alla sinistra italiana serve una Bad Godesberg (il luogo dove nel 1959 la Spd tedesca abbraccio la socialdemocrazia moderna) rifondativa, capace di dare risposte ai grandi temi di oggi, primo fra tutti lo scontro planetario tra globalizzazione e neo-protezionismo. “Dobbiamo dare a noi e al Paese una strategia e un disegno per i prossimi vent’anni”, dice il ministro della Giustizia. Renzi ha avuto il merito, inizialmente, di sfrondare molti dei tabù, vecchi e nuovi, che la sinistra si è portata dietro proprio perché non ha mai fatto fino in fondo i conti con se stessa e la sua storia e perché non ha saputo irrorare di pensiero e intelligenza nuovi la sua cultura politica. Ma lì si è fermato. E ora che avrebbe necessità, per recuperare il consenso che ha scioccamente bruciato in poco tempo, di mettersi su quella strada, preferisce parlare di elezioni subito, gazebi e premi di maggioranza e pensare al chiodo fisso del regolamento di conti contro i suoi nemici. Eppure in Europa ci sono due personalità, nei paesi che stanno per affrontare (a tempo debito) la competizione elettorale, che a sinistra stanno interpretando in modo interessante la necessità di dare ai loro cittadini l’idea di una sinistra di governa diversa da quella paludata, e perdente, di chi li ha preceduti. Uno è il francese Emmanuel Macron, 39 anni, ex socialista che in poco tempo, smesso di fare il segretario generale dell’Eliseo e il ministro, ha fondato una nuova forza politica, “En Marche!”, con cui sta conquistando enormi consensi intorno ad un programma di “rupture” – un concetto, che noi di TerzaRepubblica abbiamo fatto nostro lanciando, anni fa, il progetto della nuova Assemblea Costituente, che in Francia aveva già usato, ma malamente, Nicolas Sarkozy – tanto da essere dato per favorito, probabilmente in ballottaggio con Marine Le Pen. “Destra e sinistra sono prigioni intellettuali”, dice il liberal-socialista Macron, che vuole più Europa (finalmente un francese non sciovinista) proprio quando i venti populisti che soffiano sul Vecchio Continente rendono temeraria quella posizione.Meno moderno e più conservatore è Martin Schulz, che i socialdemocratici tedeschi hanno designato sfidante di Angela Merkel in vista delle elezioni di autunno. Nato nel 1955, una vita politica interamente passata nelle istituzioni europee, Schulz sta sorprendentemente scalando le posizioni nei sondaggi fino al punto da far pensare che 12 anni dopo la fine del settennato (1998-2005) di Gerhard Schröder, la Cdu-Csu possa essere battuta. Forse si potrebbe ritrovare a fare ciò che Schröder fece dando il via alla “grande coalizione” tra Spd e popolari, ma a parti rovesciate: lui Cancelliere e la Merkel gregaria. Potrebbe essere una svolta, per la Germania e per l’intera Europa. Cosa hanno in comune Macron e Schulz? Non sono star mediatiche. Per carità, fanno la campagna elettorale, usano la tv e social, ma si stanno imponendo soprattutto per il coraggio nella rivisitazione programmatica. Cercano risposte a problemi complessi, e non fanno credere ai francesi e ai tedeschi che basterà la loro personalità per risolverli. E non agitano parole d’ordine giustizialiste. In Francia molti dei consensi del Front National (quadruplicati dal 2009 al 2014) sono stati raccolti sulla base dello slogan “tous pourris” (“i politici sono tutti marci”) e la risposta di Francois Fillon era stata sullo stesso piano: “io sono onesto come De Gaulle”. Cosa che gli aveva consentito di vincere le primarie golliste contro Alain Juppé. Peccato che è bastato uno scoop di un giornale su qualche imbroglio della moglie per farlo piombare dagli altari alla polvere in un momento. Viceversa, il partito socialista, dopo la rinuncia alla candidatura per un secondo mandato del presidente Hollande, ha visto Benoit Hamon prevalere sul premier uscente Manuel Valls. Peccato, anche qui, che la voglia di facce nuove sia coincisa con una netta sterzata a sinistra, sulla scia dei casi di Corbyn nel Regno Unito e di Podemos in Spagna. Inoltre Hamon nel referendum del 2005 votò contro il Trattato Costituzionale europeo, e dunque finisce per non essere credibile al cospetto di chi predica l’azzeramento dell’euro e si dice sovranista. Ergo non arriverà al ballottaggio. La situazione tedesca è più consolidata e la prospettiva di una nuova fase di grande coalizione rende tutto più ovattato, ma escludiamo che a Schulz – che conosciamo personalmente – scappino slogan che vellichino i bassi istinti populisti e giustizialisti dei suoi concittadini.Da noi, invece, Renzi quando avrebbe potuto – e dovuto, noi glielo dicemmo apertamente su Terza a più riprese – rompere il Pd e giocare in proprio come ora sta facendo Macron, preferì il gioco del potere, inebriante, certo, ma capace di procurare ustioni con grande facilità. E si è bruciato. Ora che dovrebbe aver imparato la lezioni e dovrebbe imitare il solido Schulz tessendo la tela del rinnovamento nella concordia nazionale, fa lo sfasciatutto. Mentre al centro dello schieramento politico, dopo il veloce evaporarsi di Mario Monti, manca clamorosamente un soggetto politico capace di guardare ai riformisti e ai moderati e quindi di tessere la tela di alleanze politiche che, siamo sicuri, dopo il voto – quando sarà e con qualunque sistema elettorale sarà – si riveleranno indispensabili. Insomma, il “partito che non c’è” e che va costruito al più presto. Ma di questo parliamo prossimamente. (Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Informazione di Stato. Perchè non può competere al livello dei media mondiali. Ora o mai più!

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

televisioneTg delle ore 13,30 di una domenica, ora di punta. Qual è la prima notizia? Il Festival di Sanremo. E poi le altre. Ma la prima e’ la prima, anche molto accurata e lunga. Poi ci sono quelle del missile della Corea del Nord, delle vicende del maggiore partito italiano (PD), delle vicissitudini della Sindaca di Roma, della violenza sui treni pendolari, delle balene spiaggiate in Nuova Zelanda, etc… insomma, a parte alcune legate alle vicende italiane, per il resto quasi tutta roba riciclata dalla carta stampata o dei giorni scorsi che, ironia del mezzo, viene anche fatta vedere in video come se un titolo di giornale fosse di per se’ la notizia. Per carita’, non pretendiamo che la nostra tv di Stato sia la Bbc o la Cnn o France24, ma almeno provarci.
Non bisogna parlare del Festival di Sanremo? Ovviamente crediamo che bisogna parlarne, ma nutriamo piu’ di un dubbio sul fatto che sia, alle 13,30 di domenica 12 febbraio, la notizia piu’ importante al mondo dall’ottica italiana. Il dubbio ci nasce solo da un fatto: la tv di Stato e’ pagata da noi contribuenti per informarci e -sara’ perche’ siamo fatti male?- non riusciamo a comprendere perche’ con tutto quello che accade nel mondo, debba essere la notizia a cui dare il maggiore rilievo. O meglio, lo comprendiamo, ma non siamo d’accordo: c’e’ l’audience, ci sono i contratti pubblicitari che vanno a ritroso e/o motivano le scelte editoriali. Cioe’ tutto quello che motiva un’emittente che vive delle sue capacita’ di produrre utili per decidere di fare una scelta piuttosto che un’altra. Ma qui stiamo parlando della tv di Stato, quella che tutti noi contribuenti paghiamo perche’ ci informi, quella che proprio l’altro giorno ha registrato un record di incassi grazie al nuovo metodo di esazione del cosiddetto canone/abbonamento. Quella tv che gli italiani vorrebbero privata ma che invece continua ad essere foraggiata da una imposta che la rende in smaccato abuso di posizione dominate con gli altri attori del panorama televisivo (a cui, ovviamente, vengono anche elargite delle briciole grazie alla legge sull’editoria che si alimenta anche dal canone).
Noi siamo molto preoccupati. Il nostro Paese e l’Unione Europea sono in condizioni critiche e, come nelle democrazie che vogliono esser tali, l’informazione ha un ruolo principale e determinante. Gli investimenti, i palinsesti e le scelte redazionali, invece, non cercano di portare i nostri media di Stato a competere nel mondo, ma solo a far godere gli indici di ascolto di una canzone italiana che esiste solo nella testa di alcuni giornalisti e contabili del rapporto audience/pubblicita’. Eppure, ci avevano detto del ruolo internazionale che, grazie al ripianamento della cronica evasione del canone, avrebbero avuto i nostri media…. Ci avevano detto. Per l’appunto.
Ribadiamo che, anche e soprattutto di fronte a questo sciupìo di professionalita’ e di denaro, parzialmente risolti i problemi di evasione dell’imposta di finanziamento, e’ il caso di rimettere in discussione tutto. Ora o mai piu’. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Genova un meeting internazionale dedicato alle malattie respiratorie

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

porto antico genovaGenova dal 16 al 18 febbraio 2017 Palazzo Ducale, in Piazza Giacomo Matteotti 9 il primo meeting internazionale dal titolo “Focus on upper & lower airways distasse”, promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. Presidente è Giorgio Walter Canonica, Docente di Asma e Allergia Clinica al Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università Humanitas di Rozzano, Milano e al Dipartimento di Medicina Interna all’Università di Genova. l meeting si apre con due sessioni dedicate agli aspetti fisiologici diagnostici per proseguire con sessioni riguardanti l’immunoterapia e la medicina di precisione nelle allergie, l’aderenza alle terapie nell’asma e le terapie con i farmaci biologici, l’evoluzione e l’epidemiologia della BPCO-Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva, la doppia e tripla terapia, le innovazioni negli inalatori per la BPCO.
«Lo scopo del meeting è la segnalazione e la diffusione dei più recenti dati riguardanti queste malattie» spiega Canonica. «Dobbiamo sottolineare che entro il 2020 la BPCO diventerà la quarta causa di morte nel mondo e anche l’asma è destinata a diventare un’importante causa di morte. Saranno presentati dati davvero recenti riguardanti le difficoltà nel gestire le malattie respiratorie, sia da parte dei medici sia da parte dei pazienti, i problemi riguardanti l’aderenza alla terapia, soprattutto nei pazienti più giovani.
Un altro argomento che tratteremo sarà il rapporto tra malattie respiratorie e altre patologie. Oggi non curiamo malattie, ma curiamo pazienti, che spesso sono affetti anche da altre patologie concomitanti e di questo dobbiamo tenerne conto».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Intelligence e Magistratura

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

intelligence-e-magistraturaNapoli mercoledì 15 febbraio 2017 alle ore 17 a Napoli presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Via Monte di Dio 14) presenterà il suo ultimo libro “Intelligence e Magistratura. Dalla diffidenza reciproca alla collaborazione necessaria”, edito da Rubbettino. Interverranno alla manifestazione Florinda Li Vigni (Direttore dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici),
Giuseppe Esposito (Vice Presidente del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica) ed Ermanno Bocchini (Università “Federico II” di Napoli). “L’intelligence è il cuore dello Stato. Difronte a minacce epocali, come la criminalità e il terrorismo, non solo tra gli Stati, ma sopratutto all’interno degli Stati occorre fare fronte comune, superando limiti e incomprensioni”.
Mario Caligiuri dal 1999 promuove l’insegnamento dell’intelligence nelle università italiane. Autore di decine di pubblicazioni sul tema, dirige il Master in Intelligence dell’Università della Calabria dal 2007, primo ad essere attivato nel nostro Paese, grazie al sostegno di Francesco Cossiga.(foto: intelligence)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dimissioni ospedaliere, le nuove schede armonizzate con le regole europee. Ecco che cosa cambia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

ospedale-san-camilloLe schede di dimissione ospedaliera si “europeizzano”. Dal 1° gennaio di quest’anno le regioni e Pa sono tenute a inviare al Ministero della Salute le Sdo dei pazienti secondo regole diverse, che agevolano il confronto dei dati prodotti in Italia con quelli esteri, e dei dati di un’Asl o una regione con quelli prodotti nell’altra regione, così che il governo possa meglio programmare norme per l’equilibrio del settore sanitario e di governo della spesa. Lo afferma il Decreto 7 dicembre 2016 del Ministero della Salute, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 7/2 (serie generale 31). Il nuovo provvedimento adegua le precedenti regole del 2000 all’avvenuto recepimento (dlgs 38 del marzo 2014) della direttiva “transfrontalieri”, che regola l’assistenza ai pazienti provenienti da altre aree dell’Unione Europea. Rispetto agli obiettivi che le SDO si ponevano a dicembre 1991 quando un decreto ministeriale le istituì, e nel 2000 quando furono rimesse a punto, il nuovo decreto mira a consentire un più agevole rilevamento nelle regioni degli standard di qualità e sicurezza della rete degli ospedali pubblici e privati accreditati (anche gli Irccs ora dovranno spedire le schede mensilmente) e dei volumi e degli esiti delle cure erogate. Ulteriore obiettivo: adeguare nel tempo i contenuti informatici resi disponibili per l’analisi dei tecnici ministeriali.
Si rinnovano i contenuti delle due sezioni di cui si compone la scheda. La prima contiene codice istituto di cura; numero progressivo della scheda; dati anagrafici e di residenza del paziente e livello di istruzione. La seconda sezione riporta indicazioni su regime di ricovero; data di prenotazione e di ricovero con ora; classe di priorità, UO di ammissione; costo della degenza; dati patologici e trasferimenti interni o da altri ospedali; data di dimissione o morte; modalità di dimissione; riscontro autoptico; dati ricovero diurno, diagnosi principale e secondarie di dimissione, identificativo di chirurgo e anestesista dell’intervento principale con check list della sala operatoria ma anche identificativi per gli interventi secondari; rilevazione del dolore; stadiazione condensata; PA, creatinina serica e frazione eiezione. Ogni SDO “costituisce parte integrante della cartella clinica, di cui assume le medesime valenze di carattere medico-legale”. Ogni 15 del mese regioni e province autonome devono inviare al Nuovo Sistema Informativo Sanitario del Ministero della Salute le sole info della sezione II, salvo integrazioni da spedire il 31 marzo dell’anno dopo. Alla spedizione, tutti i dati vanno distinti in due tracciati: informazioni anagrafiche e informazioni relative al ricovero. I dati sensibili vanno criptati applicando una procedura descritta nel disciplinare tecnico allegato al decreto. Dal 1° gennaio 2018 l’invio delle schede è condizione perché le regioni accedano al finanziamento integrativo a carico dello Stato.
Accanto a indicazioni sul corretto collegamento informatico con il Ministero e sui criteri d’autenticazione per chi, utente del sistema Nsis, tratta dati sensibili, nel disciplinare vi sono informazioni pratiche. Ogni cartella clinica deve avere un suo identificativo “stabile”, che non cambia se il paziente è spostato da un reparto all’altro, ma solo se muta il regime di ricovero: ad esempio, se da diurno passa ad ordinario o da acuto a lungodegenza. In caso di ricovero diurno, la cartella clinica, e la corrispondente SDO, devono raccogliere la storia e la documentazione del paziente relative all’intero ciclo di trattamento; ogni singolo accesso giornaliero del paziente è conteggiato come giornata di degenza e la data di dimissione corrisponde alla data dell’ultimo contatto con l’istituto di cura in cui si è svolto il ciclo assistenziale. (by Mauro Miserendino da Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Invecchiamento in Salute e Silver Economy”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

anzianiRoma 14 febbraio 2014 ore 11 Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro in Piazza Capranica, 72 Incontro “Invecchiamento in Salute e Silver Economy” – Proposte di Legge N. 3528 e N. 3538 depositate alla Camera dei Deputati e altre. Relazione introduttiva Lucio Romano, Senato della Repubblica Coordinatore Intergruppo Invecchiamento attivo.
Intervengono: Carlo Dell’Aringa, Camera dei Deputati, Silver Economy: demografia e opportunità, Vittoria D’Incecco, Camera dei Deputati
Anziano attivo e invecchiamento in salute, Anna Giacobbe, Camera dei Deputati Ambienti elder-friendly Manuela Granaiola, Senato della Repubblica Quale welfare per la terza e la quarta età
Segue una tavola rotonda su: Le istanze e le risposte della scienza, della società e del territorio con Michele Conversano, HappyAgeing
Serafino Zilio, Segretario nazionale FAP ACLI, Lucio Alessio D’Ubaldo, Segretario generale Federsanità ANCI, Paolo Boldrini, Società italiana di medicina fisica e riabilitazione, Nicola Ferrara, Società italiana di geriatria e gerontologia, Raffaele Atti, Segretario Nazionale SPI CGIL Livia Piersanti, Segretaria Nazionale UIL Pensionati Serafino Zilio, Segretario Nazionale FAP ACLI Moderatore: Marco Magheri, Giornalista. Discussant: Componenti Intergruppo parlamentare per l’invecchiamento attivo.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Roma Amor”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

luigi-giordani3luigi-giordani1E’ l’evento dedicato all’arte, al gioiello e alle creazioni d’alta moda, nato da un’idea di Grazia Marino, organizzato nella sua galleria di Via Margutta 86, un contesto artistico e culturale nel quale la contaminazione di linguaggi artistici diversi, vivono in ogni suo progetto, si è concluso la sera di domenica 12 febbraio raggiungendo, nella sua tre giorni di programmazione, quasi cinquecento presenze, fra personalità del mondo dell’arte come il gallerista Fabrizio Russo, della stampa, della cultura e dello spettacolo.La mostra evento ha visto l’esposizione di una collezione inedita di disegni ad inchiostro, realizzati da Roberto Di Costanzo, ritrattista, illustratore, pittore, docente di storia del costume. Dopo l’Accademia di Belle Arti di Roma indirizzo scenografia teatrale, spinto dal grande amore per il cinema, accede al prestigioso Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dove seguito dal Maestro costumista Piero Tosi, suo mentore, e dallo scenografo Andrea Crisanti. Si diploma in scenografia, costume ed arredamento per il cinema, Le sue opere grafiche figurano in collezioni private e in prestigiose gallerie tra Roma, Milano e Parigi. Protagonista dell’iniziativa anche Gaia Caramazza, jewelry designer dal 2012, che dopo il successo di Altaroma ha presentato in Via Margutta la sua Collezione “Petra”. Sei pendenti, realizzati in bronzo e in argento abbinati alla cromaticità delle proposte beauty e alla relativa proprietà delle pietre: serenità per luigi-giordani4luigi-giordani2l’ambra, equilibrio per l’ametista, armonia per lo zaffiro, successo per il verde smeraldo, energia per il topazio giallo ed infine empatia per il quarzo rosa. Alla base della filosofia della designer c’è una visione romantica e consapevole del ruolo della donna contemporanea. Passato e presente si fondono dando vita a un’interpretazione originale e senza tempo, di cui femminilità, seduzione e bellezza ne sono l’essenza.Il concetto dell’Arte come mezzo di comunicazione più puro e spontaneo, ha ispirato lo stilista Filippo Laterza presente con le sue creazioni nella Galleria della P&G Events con abiti da sogno, per donne protagoniste e regine del proprio cuore, dove la creatività, l’estrema abilità artigianale e la sapienza esecutiva, sono riuscite a plasmare piccoli capolavori sartoriali, unici e inimitabili, ispirati a dieci “Maestri” dell’Arte Contemporanea, fra questi: Georgia O’Keeffe, Gustav Klimt e Vincent Van Gogh. Il confine tra arte e artigianato è il risultato di una ricerca, di una capacità di innovazione e trasformazione degli oggetti del quotidiano che è intrisa anche dei cambiamenti culturali, che in Via Margutta, ancor oggi, è possibile vivere e riscoprire.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XVII edizione di “Coniolo fiori”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

coniolo-fioriconiolo-fiori1Coniolo sabato 20 e domenica 21 maggio 2017 ad iniziativa dell’’Associazione culturale “Coniolo è…”con il patrocinio e il contributo del Comune di Coniolo (AL) e con la collaborazione di Sponsor sostenitori. La manifestazione è a orario continuato dalle ore 9,00 alle ore 20,00. Le premiazioni avverrano nella giornata di sabato pomeriggio alle ore 15,00. La manifestazione è trainante all’interno della rassegna “Riso & Rose in Monferrato” e si avvale, ogni anno, della presenza di tantissimi Visitatori ed Estimatori italiani e stranieri.
I nostri concorsi riguarderanno le piante più belle di Rose di ogni categoria che verranno esposti con estro da competenti ed estrosi Espositori. Premiate anche la più bella pianta sempreverde, la caducifoglia, la mediterranea, la strana, il miglior allestimento e lo stand più bello. Tutti noi Coniolesi parteciperemo al concorso “Il giardino più bello”.
La nuova rosa Eos ibridata dall’ azienda Barni, di Pistoia, per le vittime dell’amianto sarà presentata e pronta ad essere acquistata in questo evento. Sempre grazie a Pistoia sarà presentato l’evento internazionale “Vestire il Paesaggio”.
Il pubblico potrà dedicare queste due giornate partecipando a corsi verdi e ad interessanti colloqui con esperti del giardinaggio e del verde. Il Parco Fluviale del Po e dell’Orba sempre attento alle iniziative riguardanti il territorio collaborerà con “Coniolo fiori” affinchè i corsi didattici per i bambini siano divertenti ed educativi.
Un’area esclusiva verrà riservata agli stand Monferrini, Pistoiesi e di tutto il territorio con prodotti con marchi di qualità.
Diversi punti di ristoro con agnolotti, riso e specialità del territorio potranno essere degustate ammirando il bellissimo panorama che si vede dal punto panoramico del Paese, con Alpi che svettano e il nostro mare a quadretti della Pianura Padana. (foto. coniolo fiori)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, Roma partecipa al bando Urban Innovative Actions

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

migranti1C’è tempo fino al 14 aprile per concorrere all’Urban Innovative Actions (UIA); in palio ci sono 50 milioni di euro per le 10 città in Europa che presenteranno i migliori progetti di sviluppo urbano innovativo. Roma ha accettato la sfida ed è innovativa fin dall’inizio, chiedendo ai suoi cittadini di partecipare alla scelta della tematica sulla quale realizzare il proprio progetto. Tre le aree previste dal bando: Integrazione dei migranti e dei rifugiati; Economia circolare; Mobilità urbana sostenibile. Tre sfide che prevedono il coinvolgimento della comunità di cittadini. Roma Capitale chiede a tutti i suoi cittadini di contribuire a individuare il tema per il quale concorrere: dovranno soltanto iscriversi al sito web del Comune di Roma Capitale e votare online nei prossimi giorni. La Giunta è già al lavoro ed impegnata su questi temi. In prima linea ci sono le Assessore Laura Baldassare, Flavia Marzano, Linda Meleo e Pinuccia Montanari. Sul sito internet del Comune, a breve, saranno presentate le aree tematiche e illustrate le modalità di voto online.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Apertura Corso di Perfezionamento Differenza di genere, pari opportunità e modelli educativi per una nuova cittadinanza

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Onu palaceRoma Venerdì 17 Febbraio 2017, ore 16:00 Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula 2 Piazza della Repubblica, 10 Francesca Brezzi, già delegata del Rettore per le pari opportunità, Maria Teresa Russo, Direttrice del corso, e Laura moschini, coordinatrice, inaugureranno il Corso di perfezionamento Differenza di genere, pari opportunità e modelli educativi per una nuova cittadinanza. Il corso si caratterizza come offerta formativa dell’Università Roma TRE in risposta alle sollecitazioni e agli indirizzi europei dell’Agenda 2020, dai 17 obiettivi ONU sulla sostenibilità (UN 17 SDG) sociale oltre che economica ed ambientale fissati per il 2030, della Convenzione di Istanbul. In ambito nazionale, Il corso risponde alle indicazioni del MIUR espresse nella legge 107/2015 sulla necessità e l’urgenza di preparare personale docente e formatore a percorsi di Educazione alla cittadinanza attiva e responsabile, con interventi sensibili al genere e alle pari opportunità. L’Educazione alla cittadinanza si rivela infatti strategica per il vivere civile, per il pieno sviluppo delle “capacità”, per la prevenzione di discriminazioni, violenza, bullismo e, di conseguenza, per la formazione di futuri cittadini e delle future cittadine responsabili e consapevoli. La cultura e l’educazione di genere costituiscono una chiave fondamentale per un ripensamento dei rapporti sociali basato sulla restituzione di valore ad ogni differenza, per promuovere comportamenti di rispetto e incentivare una sana competizione tra pari volta al miglioramento di ogni individuo per il bene comune.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF su Giornata internazionale contro l’uso dei bambini soldato

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

unicefIn occasione della Giornata internazionale contro l’uso dei bambini soldato (oggi) l’UNICEF ricorda che decine di migliaia di bambini vengono reclutati e utilizzati nei conflitti in tutto il mondo.Ad oltre tre anni dall’inizio del conflitto in Sud Sudan, i bambini continuano a essere reclutati da forze e gruppi armati: secondo l’UNICEF nel 2016 sono stati reclutati 1.300 bambini. Questo porta il numero totale di bambini utilizzati nel conflitto dal 2013 a oltre 17.000. Dal 2013, l’UNICEF e i suoi partner hanno registrato: 2.342 bambini uccisi o mutilati; 3.090 bambini rapiti; 1.130 bambini sono stati vittime di abusi sessuali. In totale 1.932 bambini sono stati rilasciati da forze e gruppi armati, 1.755 nel 2015 e 177 nel 2016. “Non possiamo aspettare la pace per aiutare i bambini intrappolati nelle guerre. Dobbiamo investire in interventi concreti per tenerli lontani dalle linee di combattimento, soprattutto attraverso l’istruzione e il sostegno economico – ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera –L’UNICEF opera per rispondere ai bisogni specifici e ai diritti dei bambini e delle bambine vittime dei conflitti armati, promuovendo interventi immediati e a lungo termine di sostegno psico-sociale, educativo e di formazione professionale. Solo nel 2015, l’UNICEF ha assicurato il rilascio di più di 10.000 bambini da forze o gruppi armati e ha contribuito a reintegrare 8.000 bambini”.Un bambino soldato è una persona sotto i 18 anni di età, che fa parte di qualunque forza armata o gruppo armato, regolare o irregolare che sia, a qualsiasi titolo – tra cui i combattenti, i cuochi, facchini, messaggeri e chiunque si accompagni a tali gruppi, diversi dai membri della propria famiglia; questo dramma riguarda anche le ragazze reclutate per fini sessuali e per matrimoni forzati.Gli obiettivi dell’azione dell’UNICEF per aiutare i bambini-soldato sono:
allontanare dei bambini dai gruppi armati o dagli eserciti
assicurare loro l’accesso ai servizi sanitari e sociali di base
consentire il reinserimento familiare e sociale presso le comunità di origine degli ex bambini soldato
offrire loro alternative concrete attraverso percorsi di scolarizzazione, formazione psico-attitudinale, supporto psicologico, mediazione familiare e supporto alle comunità di provenienza
proporre progetti specifici rivolti alle bambine e ragazze vittime di violenza sessuale e alle giovani madri
La Giornata internazionale contro l’uso dei bambini soldato ricorda il giorno in cui nel 2002 è entrato in vigore il Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti dell’infanzia sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Participi in greco antico: espressione del tempo o dell’aspetto?

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Roma Venerdì 17 Febbraio 2017, ore 15:00 Dipartimento di Studi Umanistici, Aula Radiciotti Via Ostiense 234/236 dell’Area di Studi sul Mondo Antico del D.S.U., Università degli Studi Roma Tre, la Prof.ssa Anna Pompei (Università Roma Tre) terrà un seminario sul tema: Participi in greco antico: espressione del tempo o dell’aspetto?

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seminario di Logica. Laver tables

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Roma Venerdì 17 Febbraio 2017, ore 11:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula 311 Largo San Leonardo Murialdo, 1 Laver tables Patrick Dehornoy (Université Caen-Normandie) Discovered (or invented?) by Richard Laver in the 1990s, the tables that are now known as Laver tables are finite structures obeying the self-distributivity law x(yz)=(xy)(xz). Although their construction is totally explicit, some of their combinatorial properties are (so far) established only using unprovable set theoretical axioms, a quite unusual and paradoxical situation. We shall explain the construction of Laver tables, their connection with set theory, and their potential applications in low-dimensional topology via the recent computation of some associated cocycles.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Seminario di Geometria

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Roma Giovedì 16 Febbraio 2017, ore 14:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula 211 Largo San Leonardo Murialdo, 1. On the Morin problem Grzegorz Kapustka (University of Cracow/University of Zurich) Abstract. I will discuss the problem of classification of finite complete families of incident planes in P^5. First i will present a construction of a complete family of incident planes of maximal cardinality 20 (a joint work with M.Donten-Bury, B.van Geemen, M.Kapustka, J. Wisniewski). Then show that the Morin problem is equivalent to the problem of classification of nodal (2,2) divisors in P2xP2. The methods consist of studying projective models of special hyper-Kaehler fourfolds.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Offerta formativa dei Corsi di Laurea in Fisica e di Matematica

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Roma Giovedì 16 Febbraio 2017, ore 9:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aule F e G Largo San Leonardo Murialdo 1 Durante la Giornata di Vita Universitaria presso il Dipartimento di Matematica e Fisica verrà presentata l’offerta formativa dei Corsi di Laurea in Fisica e di Matematica. L’incontro si svolgerà presso l’Aula F e G del Dipartimento di Matematica e Fisica. Durante la GVU gli studenti avranno la possibilità di assistere alla presentazione dei suddetti Corsi di Laurea da parte dei docenti e degli studenti seniores del Dipartimento, nonché di assistere a delle lezioni. Il programma dell’incontro sarà costantemente aggiornato online nel sito orientamento nell’apposita sezione dedicata: http://host.uniroma3.it/progetti/orientamento/ Per informazioni relative all’offerta didattica del Dipartimento è possibile consultare il sito: http://www.matfis.uniroma3.it

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Learning city and cultural diversity

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

unescoRoma Giovedì 16 Febbraio 2017, ore 9:00 Palazzo Firenze, Loggia del Primaticcio Piazza di Firenze, 27 International Conference Learning City and Cultural Diversity Roma, Il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre, in collaborazione con la Commissione Italiana Nazionale per l’Unesco, intende realizzare, un convegno scientifico a carattere internazionale sui temi relativi a learning city e diversità culturale, che rappresentano anche alcune delle priorità dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. L’obiettivo dell’iniziativa è di presentare, in una prospettiva nazionale ed internazionale, il quadro d’insieme, teorico, metodologico ed esperienziale, sul tema delle learning cities. Le città, intese come metafora ed espressione territoriale, sociale, politica e culturale, possono essere mobilitate per dimostrare come usare efficacemente le loro risorse in tutti i settori, al fine di promuovere e arricchire il loro potenziale umano, sostenere la crescita personale lungo l’arco della vita, ma soprattutto dare impulso allo sviluppo dell’uguaglianza e della giustizia sociale, insieme con il mantenimento di una coesione sociale armoniosa. Tale posizione è inoltre arricchita dal concetto di human security, ormai parte integrante del lessico del settore politico, dei governi, del personale militare e non-governativo, che abbraccia questioni quali il crimine organizzato e non, i diritti umani e la buona governance, i conflitti armati, il genocidio e i crimini di massa, la salute e lo sviluppo, le risorse e l’ambiente. Inoltre il convegno si presenta come opportunità per stabilire e consolidare rapporti di collaborazione tra soggetti e istituzioni interessate al tema, appartenenti a diversi sistemi e ambiti istituzionali, culturali e della società civile; si prefigge così l’obiettivo di pervenire alla costituzione di un tavolo inter-istituzionale teso alla definizione di un documento condiviso di cui l’Ateneo di Roma Tre possa essere promotore. Gli attori coinvolti che hanno manifestato la volontà di partecipare attivamente al convegno sono, oltre alla Commissione Unesco già menzionata, il Centro Unesco per l’Apprendimento permanente con sede ad Amburgo, il Ministero dell’Interno, il Comando generale della Guardia Costiera – Capitanerie di Porto, l’Università di Glasgow, l’Università di Helsinki, l’amministrazione comunale della città di Torino che lo scorso anno ha ottenuto il riconoscimento quale learning city, il CNR, Il MIUR, la Rete Universitaria Italiana per l’Apprendimento Permanente (RUIAP), l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS), il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sentenza Operazione Condor. Diritto, Verità storica, Memoria, Giustizia

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

corte europea giustiziaRoma Mercoledì 15 Febbraio 2017, ore 17:00 Dipartimento di Giurisprudenza, Sala del Consiglio, I piano Via Ostiense 161 si terrà un incontro di studi dedicato al Plan Condor. L’incontro sarà introdotto dal Rettore, Mario Panizza, dal Direttore di Giurisprudenza, Giovanni Serges, dal Direttore di OAK Foundation, Adrian Arena, e dal Presidente di CILD, Patrizio Gonnella. Interverranno i protagonisti del Processo Condor (avvocato di parte civile, PM, Avvocato dello Stato), nonché rappresentanti dell’Ambasciata della Bolivia e del Cile. Coordinerà l’incontro il giornalista Alessandro Leogrande. Le conclusioni sono affidate al Prof. Marco Ruotolo.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Colloquium di Matematica

Posted by fidest press agency su martedì, 14 febbraio 2017

Roma Mercoledì 15 Febbraio 2017, ore 16:00 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula F, Edificio Aule Largo San Leonardo Murialdo, 1 – Set theory fifty years after Cohen Patrick Dehornoy (Université Caen-Normandie) Abstract. We present a few results of modern Set Theory, with a special emphasis on the Continuum Hypothesis and the possibility of solving the question after the well known negative results of Godel and Cohen. The developments of the past two decades arguably prove that the problem makes sense, and very recent results seem to pave the way for a possible solution.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »