Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

A proposito dell’impianto di Tor di Valle

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 febbraio 2017

paolo berdiniRoma «L’epilogo del percorso di Paolo Berdini nella Giunta capitolina non poteva essere diverso. La pubblicazione di alcune sue dichiarazioni confidenziali su Virginia Raggi ha solo fatto da detonatore a una situazione divenuta ormai insostenibile per le posizioni antitetiche riguardo allo stadio della Roma: la contrarietà al progetto da parte dell’assessore all’Urbanistica non era più conciliabile con l’improvviso cambio di vedute operato dal Sindaco e dai vertici del Movimento 5 Stelle, evidentemente convinti della necessità di tentare di recuperare parte del consenso dilapidato dopo mesi di passi falsi, polemiche e incertezze».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«È singolare – prosegue Simoncini – che gli stessi che avevano apertamente sfidato Governo, Coni e multinazionali rinunciando alla candidatura alle Olimpiadi si dimostrino oggi così disposti a chinare il capo a proposito dell’impianto di Tor di Valle, i cui intenti speculativi sono così palesi. Rimproverare a uno come Berdini eccessiva rigidità sull’argomento vuol dire rinnegare gli stessi presupposti ideologici che avevano portato alla sua scelta per un ruolo tanto delicato, in particolare in una città con una catastrofica storia urbanistica come Roma. Quel famoso segnale di discontinuità con il passato, che era stato da più parti salutato come non più rinviabile, viene di fatto cancellato. A differenza di quanto accaduto con l’avventura olimpica, stavolta la Raggi e il suo staff non hanno dimostrato altrettanta capacità di reggere alle pressioni esterne, optando per un cambio di prospettiva e per una accelerazione del processo decisionale che non possono che destare perplessità. Soprattutto perché sembrano più che altro strizzare l’occhio a un potenziale bacino elettorale, quello dei tifosi romanisti, anche in prospettiva della prossime consultazioni politiche. Un compromesso al ribasso avvilente e inquietante, che scatenerà gli appetiti degli speculatori e che rischia di far scivolare ulteriormente Roma lungo una china di decadenza che non sembra avere fine».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: