Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Niente più bisturi per la tiroide

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 marzo 2017

equipePrato. E’ un trattamento alternativo per la tiroide quello applicato dall’equipe dell’ospedale Santo Stefano di Prato. Non più il bisturi per eliminare i noduli, la loro distruzione viene effettuata con la termoablazione a radiofrequenza.
La tecnica consiste nell’introduzione all’interno delle lesioni, sotto guida ecografica, di aghi che trasmettono onde a radiofrequenza. Le onde, a contatto con i tessuti, sviluppano calore e permettono di raggiungere risultati terapeutici soddisfacenti. Si provoca così la necrosi cellulare del tessuto, cioè la sua distruzione che consente la riduzione volumetrica della lesione. Dall’inizio di marzo all’Ospedale pratese sono stati eseguiti sei trattamenti con termoablazione a radiofrequenza. I pazienti, dopo avere eseguito tutti gli esami diagnostici di preparazione ed essere stati valutati dagli specialisti, sono stati sottoposti a questo trattamento in anestesia locale e grazie alla scarsa invasività della metodica, sono potuti tornare a casa dopo due ore dalla fine dell’intervento senza nessuna cicatrice cutanea.
Le termoablazioni sono state eseguite dal dottor Francesco Feroci, specialista in chirurgia, dalla dottoressa Angela Coppola, specialista in medicina nucleare, coadiuvati dal professor Stefano Spiezia di Napoli, esperto internazionale in questo tipo di trattamenti.“Non tutti i pazienti possono eseguire questo tipo di trattamento – ha spiegato il dottor Feroci – solo alcuni sono candidati a questa nuova tecnica. La chirurgia resta la prima scelta terapeutica, ma esistono alcuni casi di neoplasie tiroidee, sia benigne che maligne, nelle quali la termoablazione può essere una valida alternativa terapeutica. Per la patologia nodulare benigna questa tecnica è indicata nei pazienti con gozzo nodulare che è causa di deviazione e compressione della trachea o dell’esofago e che presentano controindicazioni all’intervento chirurgico come per esempio i pazienti cardiopatici. E’ indicata anche nei pazienti che presentano gozzi voluminosi con deviazione della trachea e che non possono essere intubati. In questi casi la termoablazione riduce il volume della massa e conseguentemente l’effetto della compressione. Rispetto alla chirurgia tradizionale, questo tipo di tecnica è più tollerata, comporta minor dolore, può essere eseguita in day hospital e le proprie attività quotidiane possono essere riprese dopo 24-48 ore.” “I pazienti candidati a questo tipo di metodica, nell’ambito delle lesioni maligne – ha aggiunto la dottoressa Angela Coppola – sono soprattutto quelli che sviluppano recidiva neoplastica a livello del collo, inoperabili o comunque non trattabili con altre strategie terapeutiche come la chemioterapia o quella radiometabolica. Un gruppo più ristretto è rappresentato poi dai pazienti che rifiutano l’intervento chirurgico o da quei casi di patologia nodulare che si accompagna ad ipertiroidismo, nei quali la termoablazione può essere proposta in alternativa ai trattamenti radiometabolici.”I noduli alla tiroide sono tra le patologie endocrine più frequenti. Studi epidemiologici hanno riportato come la prevalenza di noduli clinicamente evidenti sia pari a circa il 5% della popolazione, percentuale che subisce un importante incremento in corso di studi ecografica, raggiungendo dei valori fino al 50 % dei soggetti esaminati.Sono circa 5.000 i pazienti che annualmente vengono seguiti dalle strutture (mediche, specialistiche, ambulatoriali, ecc…) all’Ospedale di Prato per la patologia tiroidea. (by Vania Vannucchi) (foto nella foto da sinistra: Francesco Feroci, Angela Coppola e Stefano Spiezia: equipe)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: