Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Visite guidate alle opere custodite all’Ospedale Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 marzo 2017

ospedale-bergamo-papaBergamo domenica 9 aprile a partire dalle 9.30 all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo in occasione dell’open day “Cura e cultura”. Sono disponibili 4 visite guidate: alle 9.30, 11.30, 14.30 e alle 15.30 con ritrovo al Punto Informazioni (ingresso est. Parcheggio consigliato: est e nord). La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria la registrazione entro venerdì 7 aprile scegliendo l’orario più congeniale accedendo allo home page del sito web http://www.asst-pg23.it oppure tramite la pagina Facebook ufficiale dell’ASST Papa Giovanni XXIII. Ogni gruppo può essere composto al massimo da 30 persone e ogni visita dura circa 2 ore. E’ importante portare con sé la ricevuta cartacea dell’iscrizione il giorno della visita e cancellarsi sulla medesima piattaforma se si cambia idea o se si è impossibilitati a partecipare.
“Da sempre l’ospedale di Bergamo offre cura, ma anche cultura – spiega Carlo Nicora, direttore generale dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII -. Abbiamo quindi deciso di dare ai bergamaschi, e non solo, un’occasione unica per scoprire il nostro patrimonio artistico, con un focus sulle opere di artisti contemporanei che abbiamo la fortuna di custodire. Artisti che, attratti dalla reputazione che la nostra azienda ha saputo costruirsi negli anni in tutto il mondo, hanno scelto il contesto del Papa Giovanni XXIII per valorizzare i loro lavori”.Il percorso prevede 5 tappe: si inizia con la chiesa dedicata al San Giovanni XXIII, firmata degli stessi progettisti dell’ospedale, gli architetti Aymeric Zublena, Pippo e Ferdinando Traversi. Scrigno di luce all’ingresso principale del Papa Giovanni, è frutto dell’innovazione tecnologica portata da Italcementi spa e del talento di tre artisti lombardi (Andrea Mastrovito per le absidi, Stefano Arienti per le decorazioni murarie e per il portale, Fernando Frères per la via crucis).
A seguire sarà la volta del monumento di Francesco Pedrini, il bonsai in stile fukinagashi. Ispirato alle piante che crescono sui precipizi delle montagne, dove il vento è costante e forte, questo bonsai incastonato in una pietra di Zandobbio ricorda come sia fondamentale resistere alle avversità della vita, le quali ci modellano, ci plasmano e spesso ci rendono più forti.
Il percorso proseguirà verso Hospital street per il ritratto di Papa Giovanni XXIII, opera dell’artista cinese Yan Pei-Ming, noto in tutto il mondo per i suoi grandi ritratti quasi monocromatici – in nero, grigio e rosso combinati con il bianco – di rappresentanti delle massime tendenze politiche, religiose, del mondo della cultura e dello spettacolo.
Si passerà poi a “Ai nati oggi” di Alberto Garutti, che collega le sale parto dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII con Piazza Dante in centro a Bergamo, dove la luce dei lampioni aumenta di intensità quando nasce un bambino.
Penultima tappa sarà The Tube One, primo esempio in Italia di progetto d’arte pubblica realizzato in ambito ospedaliero, che riunisce le opere di 18 artisti bergamaschi, che hanno donato al Papa Giovanni XXIII i loro lavori più rappresentativi. Le opere sono esposte sulle pareti del corridoio che collega l’ingresso sud con la torre 7, a piano terra della piastra centrale del Papa Giovanni XXIII, cuore pulsante dell’ospedale bergamasco, e anche contenitore innovativo di arte e cultura.Il percorso si concluderà con l’opera di Primo Formenti “Racconto”, installata nei pressi dell’ingresso sud, e donata all’Ospedale di Bergamo dalla ditta Cropelli S.r.l. di Palazzolo sull’Oglio (Brescia), che vuole essere per pazienti e visitatori un messaggio di speranza e di ottimismo.A guidare i visitatori spiegando loro caratteristiche e particolarità delle opere saranno gli studenti della classe quarta del Liceo linguistico “La Traccia” di Calcinate, appositamente formati per fare da “ciceroni” ai visitatori, nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro iniziato lo scorso mese di febbraio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: