Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 28 aprile 2017

New Avinor Oslo Airport officially open

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Avinor Oslo AirportAt noon today, the new Oslo Airport was officially opened, courtesy of Minister of Transport and Communications, Ketil Solvik-Olsen. Norway’s main airport opened within budget and on time. The increased capacity is at approx. 32 million passengers annually.
Representatives from the government, Norwegian aviation authorities and other specially invited guests were gathered today for the official ceremony at Oslo Airport. Just before noon, Norway’s main airport was officially opened when the Minister of Transport and Communications and the CEO of Avinor tied together a ribbon, to symbolise that “Avinor ties Norway together”. Solvik-Olsen told the attendees that Norway’s main airport is important to the whole nation:”Norway depends on a well-functioning main airport. We now have a large international airport that will be the pride of the entire nation. This is a state-run flagship project that has been on schedule and within budget. Avinor can safely be proud of the work put into this expansion”, says Solvik-Olsen.
Since construction began in 2011, there has been great focus on not letting the expansion work affect the passengers and airlines. This has been challenging, as Oslo Airport has experienced an increase in traffic each year, and surpassed 25 million passengers in 2016.”This is an important day for Norwegian aviation, and we are very proud of the new Oslo Airport. We are happy that it was delivered on time and within budget, while maintaining a high quality. The thousands of people that have worked day and night since the resolution to expand was made in the spring of 2011 deserve a big round of applause”, says Avinor Chairman, Ola Mørkved Rinnan.
Avinor CEO Dag Falk-Petersen has been following the expansion closely throughout the process and is very pleased with the result. He feels that Norway now has an airport that will benefit the entire country.(photo: Avinor Oslo Airport)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Science Offers New Clues About Paintings by Munch and da Vinci

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Mother-of-pearlArt is on the minds of some scientists this week at Europe’s largest annual geosciences meeting. For two of the world’s most famous paintings, researchers say scientific clues lurking in their portrayals of rock layers or moist air raise new questions about the inspiration for one iconic work of art and the authenticity of another.One of four versions of the 1893 painting The Scream by Edvard Munch. Credit: In the public domain in countries with a copyright term of life of the author plus 70 years or less.
A poster presentation Monday by a Norwegian meteorologist shed doubt on the current favorite theory of what inspired the striking red and orange sky over Oslo seen in the painting The Scream by Edvard Munch. Today, an Italian American scientist will present geological and botanical reasoning in a talk arguing that a painting in the National Gallery in London attributed to Leonardo da Vinci, called The Virgin of the Rocks, cannot be from the hand of that Renaissance painter. The researchers are making their cases at the General Assembly of the European Geosciences Union (EGU) in Vienna, Austria.
Regarding The Scream, it’s not dust from the 19th century eruption of Krakatoa volcano that gave the sky the appearance that awed Munch so much, said Helene Muri of the Department of Geosciences of the University of Oslo in a Monday press conference about the poster. More likely, it’s a rare breed of cloud. “This is a painting that is known worldwide, and we are just not convinced by the previous hypotheses, that it was Munch’s internal turmoil or that is was the Krakatoa eruption,” Muri said.As for the supposed Leonardo masterpiece, it’s the far superior scientific accuracy of a second version of The Virgin of the Rocks at the Louvre Museum in Paris that has convinced Ann Pizzorusso, an independent scholar who is both a geologist and an expert on the Italian Renaissance, that the London painting is by someone else. She spoke with Eos earlier this week.
Looking at the Louvre painting is like being in the field.Looking at the Louvre painting is like being in the field, Pizzorusso told Eos. “If I look to the foreground, there’s marvelous bedded sandstone. With his sfumato technique, Leonardo made visible the layers and texture,” she said, referring to the artist’s practice of shading colors gradually into one another to produce blurred, softened outlines. She also noted a sill, an intruded layer, of a different kind of rock, diabase. “And above it, you can see spheroidally weathered sandstone, which again his painting technique allows you to accurately identify.”The new Munch hypothesis that Muri unveiled at the EGU meeting came from her late colleague Jón Egill Kristjánsson. The 1883 eruption of Krakatoa, in what is now Indonesia, injected dust into the stratosphere, and the particles formed a thin, homogeneous layer that caused colorful sunrises and sunsets. However, they didn’t produce the wavy texture seen in Munch’s painting, Kristjánsson had contended.Another natural phenomenon, polar stratospheric clouds, also called nacreous or mother-of-pearl clouds, looks very much like the sky in Munch’s painting, Muri offered. The sky’s look so affected Munch that he wrote a poem about the spectacle before depicting it on cardboard.
The ScreamMother-of-pearl clouds arise when stormy weather drives moist air up against a mountainside into the normally parched stratosphere Muri explained. On the leeward side of the mountain, as the air cools, ice crystals form. Too thin to be visible by day, those crystals are lit from below just after sunset or before sunrise and will display the exact color and texture that Munch captured, she said. The phenomenon occurs rarely enough—about four times a year, Muri estimated—to trigger surprise and awe.
Pizzorusso has harbored doubts about the London Leonardo for about 20 years, advocating for her point of view in articles and in a popular geology book, Tweeting Da Vinci. In Vienna, she is presenting her analysis of new, high-quality photographs of the Louvre version that have become available. “On those you can see fossil imprints on the front of the sandstone and geologic features that would have been caused by sedimentation,” she told Eos.
The Virgin of the Rocks by Leonardo da Vinci at the Louvre Museum in Paris.  Another Virgin of the Rocks painting at the National Gallery in London, attributed by the museum also to Leonardo da Vinci. Geologist and Italian Renaissance scholar Ann Pizzorusso will argue this week at the European Geosciences Union meeting in Vienna, Austria, that the London painting is not by da Vinci. Credit: In the public domain in its country of origin and other countries and areas where the copyright term is the author’s life plus 100 years or less.She also noted what botanists have said about the plants in both versions. Those in the National Gallery painting do not even exist in nature, she said. “The plants are correct in the Louvre version, Iris germanicus, for example. And they are growing in the soft, sandy soil, whereas a lot of the plants in the London version are trying to grow out of hard diabase, where it’s very hard for roots to take hold.”
The Virgin of the RocksPizzorusso noted that the existence of two Virgin of the Rocks paintings goes back to a dispute about payment between Leonardo and two coworkers and the religious organization that ordered the painting. It is thought that Leonardo sold the first version he made, the Louvre one, to someone else and eventually delivered the London version as fulfillment of his contract. If the London version isn’t his, it is possible that his coworker Giovanni Ambrogio de Predis made the painting after Leonardo’s example.Even with help from science, a definitive answer may prove elusive.Looking at that painting in London, however, it’s obvious to see that its creator shared none of Leonardo’s urge to draw nature as perfectly as possible, Pizzorusso told Eos. “Basically, the rocks are unidentifiable,” she said. “You cannot tell whether they are sandstone or limestone. It almost looks like a stage setting, with Styrofoam rocks.”In either of these art-sleuthing cases, even with help from science, a definitive answer may prove elusive. However, as Muri of the new proposal about The Scream contends, advancing an unprovable hypothesis is good science if it can replace another hypothesis that is less plausible. “We researchers ask questions; that is our job,” she said. “We’re not trying to sow confusion, but to clarify what the cause could be.” Bas den Hond Freelance Science Journalist Citation: den Hond, B. (2017), Science offers new clues about paintings by Munch and da Vinci, Eos, 98, https://doi.org/10.1029/2017EO072591. Published on 27 April 2017.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Troppi italiani affetti da “fegato grasso”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

antonio craxiUn italiano su 4 è affetto da ‘fegato grasso’, ovvero da ‘steatosi epatica non alcolica’ (Nafld), una patologia un tempo ritenuta innocua ma che è ormai noto essere un fattore predisponente alle malattie croniche di fegato (fino alla cirrosi) e alle malattie cardiovascolari. “Nel corso degli ultimi millenni – spiega Antonio Craxì, presidente SIGE – l’evoluzione costante della specie umana ha selezionato gli individui più capaci di accumulare grassi, premiandone la maggiore resistenza alla malnutrizione. Questo assetto genetico “’frugale’ costituiva un importante vantaggio in tempi di fame e carestie, ma si è trasformato in uno svantaggio potenzialmente letale, per le conseguenze metaboliche (diabete, malattie cardiovascolari) nel momento in cui il nostro profilo alimentare si è arricchito a dismisura di fonti caloriche e nel contempo l’attività fisica si è ridotta. Il fatto poi che si viva assai più a lungo, grazie ai progressi nel curare malattie e traumi, favorisce ulteriormente la comparsa delle malattie degenerative legate all’accumulo di grassi in molti organi e sistemi del nostro corpo”. Se dunque nasciamo già predisposti ad accumulare troppo, a peggiorare le cose generando una vera e propria epidemia di ‘fegato grasso’ (al momento è la più comune malattia di fegato nel mondo, presente nell’80-90 per cento degli obesi e nel 30-50 per cento dei diabetici) interviene un fattore potenzialmente correggibile, e cioè una dieta ricca di grassi e di calorie, tipica dei regimi dietetici di tipo ‘occidentale’, che si sono troppo discostati dalle nostre radici alimentari, dal regime dietetico amico della salute per eccellenza, la dieta mediterranea. Negli ultimi anni tuttavia ci si è resi conto che questo effetto negativo delle diete piene di ‘cibo spazzatura’ non è sempre diretto, ma anche mediato da un ospite silenzioso e importantissimo per la salute, il microbiota intestinale.“Per microbiota intestinale – spiega Ludovico Abenavoli, professore associato di gastro-enterologia dell’Università Magna Graecia di Catanzaro – si intendono quei miliardi di batteri localizzati in particolare nel piccolo intestino, che possono raggiungere una massa di 2-3 chili”. Il microbiota facilita la digestione e l’assorbimento degli alimenti che passano dallo stomaco nell’intestino. Ma la relazione tra il microbiota e il suo ospite, cioè l’uomo, è ‘bidirezionale’, nel senso che il tipo di alimenti che compongono la dieta abituale di un individuo è in grado di ‘modellare’ la composizione del microbiota.Di anno in anno si vanno moltiplicando i lavori a conferma di questa osservazione, che risale ad uno studio molto importante di Carlotta De Filippo e colleghi pubblicato nel 2010 su PNAS. Questa ricerca ha valutato la flora batterica intestinale di un gruppo di bambini di Firenze, paragonandola a quella di un gruppo di bambini del Burkina Faso. I bimbi africani, che hanno una dieta a base di verdura, frutta e fibre, presentavano una maggiore variabilità nella composizione del microbiota intestinale, rispetto a quello dei bambini italiani, che seguono un regime alimentare ricco di carne, fruttosio e altri zuccheri complessi. “E oggi sappiamo – spiega Abenavoli – che una ridotta variabilità del microbiota intestinale predispone ad una serie di patologie: aumenta la suscettibilità allo stress ossidativo, altera il metabolismo degli zuccheri e dei grassi e quindi predispone al sovrappeso-obesità, in particolare a livello viscerale, all’insulino-resistenza e al diabete mellito, alle patologie cardiovascolari, ai tumori e, come scoperto più di recente, anche alla steatosi epatica non alcolica.
Chi consuma una dieta ricca di frutta e verdura – aggiunge Abenavoli – ha un microbiota ricco di tante specie batteriche diverse (Actinobatteri, Bacteroides, Firmicutes, Proteobatteri), mentre chi indulge in una dieta occidentale o nel cibo da fast food presenta un microbiota ricco solo di Firmicutes. Questo squilibrio predispone a maggior stress ossidativo, ad un aumento della permeabilità a livello dell’intestino (soprattutto del piccolo intestino), con conseguente passaggio delle tossine batteriche (soprattutto del lipopolisaccaride batterico) e di altre componenti tossiche nel circolo portale, che le veicola al fegato,dove provocano danni e facilitano l’infiammazione.Questo microbiota dalla composizione squilibrata e dalla scarsa variabilità induce un aumento dei livelli circolanti di citochine infiammatorie, che predispongono alla formazione della placca ateromatosa e favoriscono l’aggregazione piastrinica; fattori questi che a loro volta Ludovico Abenavolipredispongono allo sviluppo di eventi cardiovascolari nel medio-lungo termine. Avere il fegato grasso (cioè le cellule epatiche piene di trigliceridi) va dunque considerato un campanello d’allarme non tanto per oggi, quanto per gli anni futuri. Secondo stime americane, entro il 2030 il fegato grasso sarà la principale causa di cirrosi e la prima causa di ricorso al trapianto di fegato, superando le epatopatie croniche da virus dell’epatite B e C (che grazie alle nuove terapie e al vaccino sono destinate a ridursi nel tempo) e la cirrosi alcolica. Ma il modo per contrastare questa epidemia di malattie epatiche e cardiovascolari dei prossimi decenni esiste. “La dieta mediterranea – afferma Abenavoli – è una nostra caratteristica culturale e la nostra ricchezza, anche da un punto di vista economico. Investire in dieta mediterranea significa avere un importante ritorno in salute per la società. La dieta mediterranea, bilanciata e facilmente accessibile, non determina quegli squilibri nutritivi tipici delle diete vegetariane o peggio di quella vegana, che a lungo andare possono avere importanti ripercussioni sulla salute (anemia, problemi neurologici, possibile predisposizione dei vegani Alzheimerall’Alzheimer). Allo stesso tempo ci consente di ‘coltivare’ il nostro amico microbiota intestinale che è molto importante, ci accompagna per tutta la vita e ci protegge da una serie di malattie”.
Di recente si è visto che la dieta vegana può influenzare la salute di un individuo, agendo sul suo microbiota intestinale. Ma non si può certo affermare che questa sia una dieta ideale. “Dieta mediterranea o dieta vegetariana/vegana – afferma Abenavoli – hanno effetti simili per quanto riguarda il microbiota intestinale, anche se gli studi pubblicati non hanno fatto confronti diretti tra queste tre diete, ma tra dieta vegana-vegetariana o dieta mediterranea e dieta occidentale, piena di grassi e cibi da fast food. Posto che dieta vegetariana, vegana e mediterranea hanno tutte un effetto positivo sulla composizione del microbiota intestinale, esistono tuttavia grandi differenze tra questi tre regimi alimentari per quanto riguarda il deficit di alcuni nutrienti. Una dieta mediterranea bilanciata non determina deficit nutritivi, cosa che invece è possibile osservare nei soggetti che seguono una dieta vegetariana e ancor di più in quelli a dieta vegana. Non consumare carne determina un deficit di vitamine del gruppo B e di ferro. Nei vegani stretti si possono verificare deficit di vitamine del gruppo B, D, ferro, zinco e altri micronutrienti. (foto: antonio craxi, Ludovico Abenavoli)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Objets trouvés – Archivi per un grande magazzino

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Man RayStrada Viazza di Paradigna, 1 (Parma) 7 maggio- 30 ottobre 2017 Abbazia di Valserena alle ore 11.00 l’Archivio-Museo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma inaugura la mostra Objets trouvés – Archivi per un grande magazzino: un percorso espositivo tra fotografia, grafica, architettura, design e moda, che occuperà gli spazi di diverse sezioni della Chiesa e della Sala delle Colonne all’interno dell’Abbazia di Valserena, a pochi chilometri dal centro di Parma, nell’ambito di Fotografia Europea 2017 dal titolo Mappe del tempo. Memoria, archivi, futuro, in programma a Reggio Emilia dal 5 maggio al 9 luglio.Il ‘grande magazzino’ – e in particolare un committente d’eccezione come la Rinascente – nella sua duplice dimensione di grande oggetto urbano e di labirinto di merci e di desideri, è stato assunto dallo CSAC come un campo di indagine particolarmente calzante per rappresentare un archivio di immagini e progetti del ‘900 come l’Archivio-Museo CSAC. La fotografia è assunta nella sua specificità, ma è anche analizzata e restituita come una delle tante componenti della ricostruzione della memoria, così come i bozzetti, i cataloghi di moda, le pubblicità, i disegni esecutivi, il packaging, i prodotti finali: sono tutti objets trouvés che ricompongono e suggeriscono per frammenti innumerevoli potenziali narrazioni e microstorie. Il punto di avvio dell’indagine sono state le campagne fotografiche commissionate a Publifoto Roma che hanno sistematicamente documentato la costruzione della nuova sede de la Rinascente progettata da Franco Albini, in piazza Fiume a Roma (1959/62), e gli allestimenti di vetrine del grande magazzino romano che cadenzano le stagioni della moda e della vita della famiglia italiana dal 1955 al 1957. Da queste campagne si irraggiano molteplici storie di progetto e rappresentazione di oggetti, abiti e architetture. Altri objets che emergono dagli archivi consentono un discorso sulla specificità della fotografia. Si tratta di quelle ricerche che indagano la dimensione del doppio, il tema del riflesso, del frammento, oppure della dimensione urbana della vetrina, dagli anni Venti e Trenta (Florence Henri, Man Ray, Stefani), agli anni Ottanta Luigi GhirriUgo La Pietra(Fabio Mauri, Paola Mattioli, Ugo la Pietra, Luigi Ghirri).Per la moda il percorso va dagli anni Venti agli anni Sessanta e mostra la presentazione dell’abito attraverso diversi media, dalla pubblicità su rivista alla fotografia delle sfilate e delle vetrine, al catalogo di moda; saranno presenti anche diversi bozzetti tra cui alcuni di Ballester, John Guida, degli Atelier Antonelli e Albertina, di Schubert, i disegni di Brunetta e il progetto grafico di Roberto Sambonet in dialogo con i manifesti anni Sessanta di Giancarlo Iliprandi. Verrà inoltre messa in scena l’interazione tra i diversi archivi, a partire dalla documentazione della storia del Compasso d’oro (Marcello Nizzoli, Roberto Sambonet, Roberto Menghi tra gli altri), premio istituito proprio da la Rinascente, per poi proseguire con il progetto della presentazione del prodotto all’esterno e all’interno del Grande Magazzino da parte di Gio Ponti, Sambonet e Pino Tovaglia (vetrine, allestimenti interni e segnaletica). Il progetto d’architettura sarà invece raccontato attraverso due casi dagli archivi CSAC: l’edificio la Rinascente a Milano di Ferdinando Reggiori e il progetto non realizzato di Ignazio Gardella per la Rinascente di Roma a Piazza Colonna.
Bruno StefaniLo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, fondato nel 1968 da Arturo Carlo Quintavalle e situato nell’Abbazia cistercense di Valserena, raccoglie e conserva materiali originali della comunicazione visiva, della ricerca artistica e progettuale italiana a partire dai primi decenni del XX secolo. Un patrimonio di oltre 12 milioni di pezzi suddivisi in cinque sezioni: Arte (oltre 1.700 dipinti, 300 sculture, 17.000 disegni), Fotografia (con oltre 300 fondi e più di 9 milioni di immagini), Media (7.000 bozzetti di manifesti, 2.000 manifesti cinematografici, 11.000 disegni di satira e fumetto e 3.000 disegni per illustrazione), Progetto (1.500.000 disegni, 800 maquettes, 2000 oggetti e circa 70.000 pezzi tra figurini, disegni, schizzi, abiti e riviste di Moda) e Spettacolo (100 film originali, 4.000 video-tape e numerosi apparecchi cinematografici antichi). A fronte della presentazione del biglietto CSAC, il biglietto di Fotografia Europea sarà ridotto a 12 euro. Riduzioni per gruppi, giovani sotto i 18 anni, studenti, docenti e persone con disabilità. Gratuità per i bambini sotto i 12 anni. (foto: Man Ray, Luigi Ghirri, Ugo La Pietra, Bruno Stefani)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È arrivata la stangata di primavera

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Il premier Paolo Gentiloni al termine del CdmBy MoVimento 5 Stelle. E’ arrivata la stangata di primavera, che ne preannuncia una ancora peggiore in autunno. Con la manovra correttiva siamo agli illusionismi da bancarella, ai trucchetti contabili di quart’ordine, conditi da fake news, per mascherare quello che si prepara ad essere un altro bagno di sangue.Leggiamo che l’anno prossimo l’Iva dovrebbe “ridursi” dal 13 all’11,5%. In realtà, proprio nel ponte del 25 aprile, il governo ha messo nero su bianco, per la prima volta, un aumento di un punto e mezzo che, unito alla stangata dell’aliquota principale che sale dal 22 al 25%, fa per il momento una mazzata dal oltre 600 euro l’anno per una famiglia media, come calcolato da Adusbef e Federconsumatori. E’ come se l’esecutivo dicesse agli italiani: “Intanto mi prendo i soldi, anche se meno di quanto vi avevo detto. Poi, tranquilli, vi restituisco tutto in autunno”. Le alchimie contabili di Gentiloni e Padoan, dettate dall’ignobile austerity imposta dalla Commissione Ue, creano solo opacità. Ma gli italiani hanno compreso il tentativo disperato di arrampicarsi sullo specchio liscio di una politica economica ridotta a mero ragionierismo sugli zerovirgola che non affronta i problemi del Paese.
Quindi c’è il prestito forzoso che lo Stato chiede a imprese piccole e piccolissime, ma pure ai malcapitati professionisti sotto forma di split payment, combinato con la stretta sulle compensazioni. Parliamo di oltre 5 miliardi, di cui soltanto 1,5 di presunto recupero di evasione. Per il resto abbiamo quasi 4 miliardi a titolo, soltanto, di anticipo di cassa che poi lo Stato dovrà restituire, anche se con maggiori ostacoli a causa del giro di vite sulle compensazioni (tra crediti e debiti fiscali), appunto.
Per le imprese è una mazzata sul fronte della liquidità che le costringe spesso a contrarre prestiti bancari con centinaia di milioni di interessi passivi a carico. E pensare che il direttore dell’Agenzia entrate, Rossella Orlandi, aveva promesso rimborsi veloci per bilanciare split payment e reverse charge. Vedremo cosa avrà da dire la Ue sull’abuso di questa inversione contabile. C’è inoltre, nella manovra, la stretta sui pignoramenti dei beni immobiliari di un governo ipocrita che ha abolito Equitalia solo a chiacchiere e infine l’ennesimo condono sulle liti fiscali che tra l’altro è strutturato in modo del tutto insensato, perché implica il pagamento di tutte le imposte contestate anche a chi ha già vinto in primo o secondo grado di giudizio. Siamo all’improvvisazione disperata di chi non sa da che parte tirare una coperta sempre più corta per colpa di un approccio ragionieristico e succube dei diktat dell’Europa germano-centrica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parco Colosseo e riforma Franceschini

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

colosseo-interno“Fa davvero sorridere il fatto che la riforma voluta dal ministro Franceschini per l’istituzione del parco Archeologico del Colosseo, e contro cui il Campidoglio ha presentato ricorso al Tar, raccolga attorno a sé un ampio fronte del dissenso, capitanato – si badi bene – proprio da esponenti del Partito Democratico. Walter Tocci, senatore Pd e membro della Commissione Cultura a Montecitorio, si è espresso dichiarando tutto il suo sdegno per quello che lui stesso ha definito ‘il pastrocchio Franceschini’: una pseudo-riforma fatta con i piedi che mortifica le professionalità esistenti ed esalta un penoso concetto del ‘divide et impera’. Ma non è solo il Pd con Tocci a dire tutto il male possibile della riforma: anche Adriano La Regina, ex soprintendente di Roma, ha parlato di stupidità economica riferendosi al ticket di 2 euro per visitare il Pantheon. Per non citare, infine, la lettera di Italia Nostra che teme la fuoriuscita dalla lista Unesco del Colosseo e del Centro storico della Capitale qualora la tremebonda riforma Franceschini andasse in porto. Navighiamo – non troppo a vista – nell’assurdo, sfiorando l’abisso”: lo dichiara in una nota Eleonora Guadagno, presidente M5S della Commissione Cultura capitolina.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pressione arteriosa negli anziani, meglio bassa ma non troppo

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

ipertensione2L’ipertensione rappresenta uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Ma quali sono le conseguenze dell’ipertensione in precise categorie di persone, come gli anziani e le donne? A questa domanda ha cercato di rispondere il simposio internazionale “Age and gender factors in hypertension”, svoltosi a Dubrovnik (Croazia) il 21 e 22 aprile 2017. Il simposio è stato organizzato dalla Scuola di Medicina dell’Università di Zagabria, dalla Società Croata di Ipertensione e dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano-Bicocca, ed è stato promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini. Tra i numerosi argomenti delle due giornate le linee guida della Società Europea di Cardiologia riguardanti l’ipertensione negli anziani, il trattamento dell’ipertensione nei bambini e negli adolescenti, l’ipertensione nelle donne in gravidanza e dopo la menopausa e le differenze di genere in presenza di ipertensione.
«Il rischio assoluto di eventi cardiovascolari è minore nelle donne rispetto agli uomini ma il rischio determinato dall’ipertensione è maggiore nelle donne e la pressione elevata causa più spesso ictus nelle donne» avverte Kostis Tsioufis, della Clinica Cardiologica all’Ospedale Hippocratio-Università di Atene. «L’ipertensione aumenta in entrambi i sessi, ma maggiormente nelle donne: si calcola che entro dieci anni sarà del 9% negli uomini e del 13% nelle donne. Nel 2000 le donne con ipertensione nel mondo erano 483 milioni, mentre si prevede che nel 2015 saranno 793 milioni. Eppure solo il 24 per cento degli studi riguardanti le patologie cardiovascolari riporta dati differenziati per genere. E nonostante le donne anziane siano la popolazione predominante con ipertensione sistolica isolata, in diversi studi, per esempio anche nel recente studio Sprint, soltanto il 28% delle persone coinvolte erano oltre i 75 anni d’età e il limite massimo d’età era di 80 anni».Un altro argomento affrontato durante il simposio è stata la prevenzione dell’ipertensione e degli eventi cardiovascolari associati. «Le patologie cardiovascolari possono essere contrastate grazie a una diagnosi precoce e al trattamento dei fattori di rischio, come l’ipertensione, l’obesità e il sovrappeso» spiega Guido Grassi, Dipartimento di Medicina e Chirurgia “San Gerardo dei Tintori”, Ospedale Universitario Milano-Bicocca. «Modificare il proprio stile di vita può essere il primo passo per ridurre la pressione, a cominciare dall’alimentazione, a partire da un minore consumo di sale». L’American Heart Association raccomanda ai soggetti a rischio, fra i quali rientrano, oltre a ipertesi, diabetici o nefropatici cronici, anche tutti gli ultracinquantenni, di non superare un apporto di 1,5 grammi al giorno di sale, cioè poco più di mezzo cucchiaino. «L’Organizzazione Mondiale della Sanità dice di non superare i 5 grammi al giorno, mentre nei Paesi occidentali se ne consuma generalmente il doppio.» commenta Denis Clement, Ospedale Universitario di Ghent, Belgio. «È vero che la riduzione del sale non è una misura che ha successo al cento per cento, però aiuta in un largo gruppo di pazienti e può normalizzare la pressione, soprattutto in persone con ipertensione lieve. Si tratta di una misura a basso costo, che consente di risparmiare perché riduce il ricorso ai farmaci. Secondo diversi studi, tre grammi in meno di sale al giorno riducono i casi di malattie cardiovascolari, infarto e ictus. I benefici maggiori si osservano nelle donne, con una maggiore prevenzione di ictus, e negli anziani, con una riduzione delle malattie cardiovascolari».
Attenzione però a non esagerare con le restrizioni: «Ridurre il sale in chi ne consuma tanto, più di 12 grammi al giorno, riduce gli eventi cardiovascolari, ma andare sotto i 2-3 grammi al giorno, al contrario, aumenta il rischio di infarto e ictus» aggiunge Clement. E Grassi aggiunge che «non sempre ridurre la pressione va bene. Portare la pressione sistolica (la massima) sotto i 120 mmHg si associa nell’anziano a un rischio maggiore di ipotensione, che può provocare vertigini e la caduta del paziente aumentando il rischio di fratture».
Senza arrivare agli eccessi, comunque, ridurre i fattori di rischio di rivela vincente. «È necessario tenere sotto controllo il sovrappeso, l’obesità, la quantità di sale assunto, l’apnea ostruttiva notturna, i farmaci che possono aumentare la pressione» precisa Tsioufis. «Per le donne, attenzione ai contraccettivi orali, soprattutto nelle donne obese o di età più avanzata, e alla terapia ormonale sostitutiva in post-menopausa».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sicilia: urgenti chiarimenti sulle risorse destinate alla continuità territoriale

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

sicilia-regione-default-120718100156_big“Una istanza inviata ieri al ministero e all’assessorato regionale per chiedere urgenti chiarimenti riguardo la continuità territoriale in Sicilia. Dopo tanto tempo ritengo sia doveroso informare e rendere edotta l’opinione pubblica sui “famosi” 20 milioni di euro destinati a questo scopo: che fine hanno fatto? Come mai queste risorse, già stanziate, non sono state spese e quali sono le eventuali responsabilità e a chi vanno addebitate? Qual’è l’importo già utilizzato, nonostante l’emendamento fosse finalizzato ad altro scopo, per i collegamenti tra la Sicilia e le due isole minori di Pantelleria e Lampedusa?” Così in una nota il deputato di Alternativa popolare, Nino Minardo che continua : “L’emendamento a mia prima firma approvato di 20 milioni di euro nella legge di stabilità 2016 era molto comprensibile e destinava queste risorse per “un efficace ed efficiente sistema di collegamenti da e per la Sicilia che garantisse la riduzione dei disagi derivanti dalle condizioni di insularità ed assicurasse la continuità del diritto alla mobilità anche ai passeggeri non residenti”. In poche parole, rendo ancora più chiaro il concetto “tariffe scontate da e per la Sicilia”. Ritengo urgente e improcrastinabile avere questi chiarimenti perché a distanza di un anno e mezzo rischiamo di dare l’impressione di voler seppellire nel dimenticatoio la continuità territoriale in Sicilia e questi fondi ad essa destinati. Cosa inaccettabile e grave,” conclude Minardo.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migration: MEPs to assess deal with Turkey and situation in the Western Balkans

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

turchiaCivil Liberties MEPs will assess this afternoon with the European Commission the results of the deal concluded with Turkey one year ago to better manage the refugee and migration flows, as well as the situation in the Western Balkan route. The debate will take place from 16.00 to 18.00.Mr Maarten Verwey, appointed by Commission President Jean-Claude Juncker to coordinate the implementation of the deal, will present the fifth progress report on the cooperation with Ankara since the signature of the EU-Turkey statement, on 18 March 2016.
The Commission will also report to the Committee on the financial aid provided so far to the country for assisting refugees. Through the Facility for Refugees in Turkey, the EU committed at the end of 2015 to mobilise 3 billion euro for the period 2016-2017 to assist Syrian refugees and asylum-seekers in the country (1 billion from the EU budget, 2 billion from Member States).According to Commission´s data, by the end of February 2017, 2.2 billion had already been allocated, with half of the financial envelope already contracted (1.5 billion) and 750 million effectively disbursed.MEPs will also be presented with an assessment on the provision of emergency support within the Union, exceptionally activated to provide assistance in those member states more affected by the influx of refugees and migrants. The Commission will release up to €700 million for the period 2016 to 2019 to fund emergency support.Finally, representatives of the Commission will update the committee on the situation in the Western Balkan migration route, following its intended closure in March last year.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Alle origini dell’impressionismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

monet impressionMartigny (Svizzera) 3 febbraio – 11 giugno 2017 Fondation Pierre Gianadda, tutti i giorni ore 10-18. la mostra riunisce presso la Fondation Pierre Gianadda una bella serie di opere di Ferdinand Hodler (Berna 1853 – Ginevra 1918), Claude Monet (Parigi 1840 – Giverny 1926) ed Edvard Munch (Løten 1863 – Oslo 1944) si arricchisce di un’opera famosisissima di Monet – Impression, Soleil levant proveniente dal Musée Marmottan Monet – dal cui titolo ha preso ispirazione il termine “impressionismo” che avrebbe connotato, da allora in poi, la produzione artistica di Monet e di altri autori attivi in Francia nella seconda metà dell’Ottocento.
Varie le considerazioni che si possono fare sul dipinto di Monet.”Si sa – scrive in catalogo il curatore Philippe Dagen – che il sole era couchant (al tramonto) nel titolo, prima di essere considerato levant (all’alba)… per limitarci a considerazioni strettamente pittoriche, si segnala che, per dipingere il sole, Monet si affida a una modalità semplice: un disco vivacemente colorato di rosso che è l’unica forma nettamente definita della tela, essendo il bacino e le barche individuate da tracciati imprecisi di gradazioni di grigio, in modo che appaiano come delle ombre e dei fantasmidi e che la vivacità dell’astro solare si imponga così fortemente, essendo l’unico riferimento visivo stabile. Si segnala inoltre che questo motivo è assente dalla sua opera, fatto che potrebbe sembrare un paradosso. Consacrata dunque quasi esclusivamente alla luce, l’opera non fronteggia la sua sorgente luminosa così che questo lavoro può considerarsi una vera eccezione….”. L’opera si inserisce nel contesto di questa mostra organizzata dal Musée Marmottan Monet di Parigi e dalla Fondation Pierre Gianadda con la collaborazione del Munch-Museet di Oslo e che ha come titolo “Dipingere l’impossibile”, perché sviluppa la narrazione dei modi in cui tre artisti di rformazioni culturali diverse – uno svizzero, un francese e un norvegese – affrontano temi complessi da rappresentare: le sezioni in cui l’esposizione si articola hanno come riferimento la rappresentazione dell’acqua, della neve, della luna e del sole, per concludersi con quelli che vengono definiti i “limiti dello sguardo”, tutti argomenti che mettono alla prova le capacità percettive dell’artista che deve andare oltre le consuetudini sfruttando al massimo le proprie competenze tecniche e narrative mettendo a punto nuove, inedite e sorprendenti modalità espressive.
Ingresso: adulti CHF 18 (€ 16,50) terza età: CHF 16 (€14,50) famiglie: CHF 38 (€ 34,50) (foto: monet impression)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: “l’Arlecchino Tristano Martinelli – la Commedia dell’Arte nell’Arte

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

arlecchinoCastel d’Ario (Mantova) 30 aprile ore 11. La Casa Museo Sartori di Castel d’Ario (Mantova) in via XX Settembre 11/13/15, dal 30 Aprile al 28 Maggio 2017 presenta la rassegna “l’Arlecchino Tristano Martinelli – la Commedia dell’Arte nell’Arte Contemporanea”.
La mostra, che nasce da un’idea e progetto di Adalberto Sartori, gode dei patrocini di Regione Lombardia, Provincia di Mantova, Comune di Castel d’Ario, Comune di Bigarello e San Giorgio, Comune di Mantova, Accademia Teatrale Campogalliani Mantova, Ecomuseo della risaia, dei fiumi, del paesaggio rurale mantovano, Pro Loco di Castel d’Ario si inaugura Domenica 30 Aprile alle ore 11.00, con interventi di Arianna Sartori curatrice della mostra e del catalogo, Daniela Castro Sindaco di Castel d’Ario, Barbara Chilesi Sindaco di Bigarello, Mattia Palazzi Sindaco di Mantova, Beniamino Morselli Presidente Provincia di Mantova e Maria Gabriella Savoia ‘Casa Museo Sartori’ e autrice del testo critico pubblicato nel catalogo, e alla presenza degli artisti che sono stati invitati dalla curatrice Arianna Sartori a presentare un’opera in questa rassegna.
Alle ore 11.30, Diego Fusari attore della Accademia Teatrale Campogalliani di Mantova, interpreterà brani di Tristano Martinelli e dai canovacci della Commedia dell’Arte.
In mostra si possono ammirare 58 opere, tra dipinti e sculture, realizzate da Baldassin Cesare, Baratella Paolo, Bedeschi Nevio, Bellomi Federico, Benedetti Laura, Benghi Claudio, Bianco Lino, Bobò Antonio, Bonafini Annalisa, Bongini Alberto, Budini Gianfranco, Calabrò Vico, Calvi Cesare, Capraro Sabina, Castagna Angelo, Castaldi Domenico, Cattaneo Claudio, Crestani Cristina, De Micheli Gioxe, Desiderati Luigi, Dugo Franco, Dulbecco Gian Paolo, Faccioli Giovanni, Falco Marina, Ferraris Giancarlo, Fioravanti Ilario, Fonsati Rodolfo, Galante Sabino, Galbiati Barbara, Grilanda Alberta, Guala Imer, Lavagna Silvana, Lo Presti Giovanni, Luchini Riccardo, Macaluso Marisa, Masserini Patrizia, Merik Milanese Eugenio Enrico, Molinari Mauro, Nastasio Alessandro, Nigiani Impero, Pantaleoni Ideo, Pedroli Gigi, Pilon Valerio, Poggiali Berlinghieri Giampiero, Previtali Carlo, Rossato Kiara, Sandrone Manuela, Santoli Leonardo, Scotto Aniello, Sironi Fabio, Soravia Sandro, Staccioli Paolo, Terreni Elio, Timoncini Luigi, Venditti Alberto, Vigliaturo Silvio, Zoli Carlo, Zucchellini Maurizio.
Nello stesso periodo è possibile vedere, al primo piano di Casa Museo Sartori, la mostra antologica “Omaggio a Vanni Viviani”, organizzata da Vincenzo Bruno e Arianna Sartori, a quindici anni dalla scomparsa del maestro. In mostra sono esposte una cinquantina di opere realizzate a partire dagli anni Sessanta fino alla sua scomparsa avvenuta nel 2002. Per l’occasione è stato edito un catalogo con testo di Francesco Martani.Durante la mostra è possibile visitare il Museo d’Arte Ceramica “Terra Crea – Sartori”. Nel Museo, ancora in divenire, è presentato il primo nucleo della raccolta di Opere ceramiche, collocate in modo permanente negli spazi predisposti nel cortile interno del palazzo. Oltre 120 è il numero delle piastre ceramiche che, modellate ed elaborate secondo le varie tecniche e ispirazioni dagli artisti, sono fissate alle pareti.
• Domenica 7 maggio alle ore 17.00, si svolgerà la presentazione del volume a cura degli autori: Emanuela Chiavarelli e Luigi Pellini “Arlecchino: Dio, Demone e Re” Origini Sciamaniche di un Culto Arcaico (Libreria Editrice Aseq – Roma).
Stefano Paiusco, attore, proporrà un brano sulla commedia all’improvviso, tratta dal suo spettacolo “Comici Giullari Buffoni e Maghi ciarlatani”. (foto: arlecchino)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mercato Immobiliare USA: boom di vendite a marzo

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

mercato usaMarzo ha aperto la stagione dedicata all’acquisto della casa, con record di vendite e diminuzione dell’offerta, come affermato dal National Housing Report di RE/MAX che ha analizzato 53 città degli Stati Uniti.Il mese scorso le vendite sono state del 6,6% più alte rispetto al mese di marzo degli ultimi nove anni. Trentotto delle 53 città analizzate hanno registrato un aumento su base annua.Nel frattempo, l’offerta mensile è crollata in meno di tre mesi per la prima volta nella storia del report; questo indica un mercato a favore dei venditori.L’offerta attiva continua a diminuire di circa il 17% di anno in anno. Come risultato, il prezzo mediano di vendita è di $225,000 – record di marzo – che segna un aumento dell’11% rispetto all’anno scorso. Questo è stato il 12esimo mese consecutivo di crescita.Gli immobili continuano ad essere venduti in modo veloce, con una media di 64 giorni sul mercato rispetto ai 68 di febbraio e ai 71 di marzo 2016.
“Prevediamo un piccolo miglioramento delle vendite quest’anno e marzo ha superato sicuramente le nostre aspettative” dichiara Dave Liniger, Amministratore delegato RE/MAX e Presidente del consiglio di amministrazione “non ci aspettiamo una serrata offerta che calmi alcuni mercati fino al momento in cui la costruzione di nuovi immobili ritorni al “passo” giusto. Fino a quel momento, i venditori si godranno il momento e gli acquirenti dovranno lavorare duramente con i loro agenti per ottenere la giusta casa.”
mercato usa1Nelle 53 aree metropolitane coinvolte nell’indagine condotta da RE/MAX a marzo 2017, il numero medio degli immobili venduti è aumentato del 6,6% rispetto allo scorso anno. 53 delle 38 aree analizzate hanno visto un aumento delle vendite e sedici di queste con aumento percentuale a doppia cifra. Le città con l’aumento maggiore sono state Richmond, VA +23,3%, Wilmington/Dover, DE +22,6%, Trenton, NJ +19,7%, Las Vegas, NV +15,3% e Chicago, IL +14,8%.
A marzo 2017, il prezzo mediano di vendita degli immobili venduti nelle aree analizzate è stato di $225.000, maggiore del 7,1% rispetto al mese scorso e maggiore dell’11,0% rispetto a marzo 2016. Delle 53 aree, solo quattro hanno visto un aumento. Quindici di queste hanno registrato un aumento percentuale a doppia cifra. Gli aumenti maggiori si sono verificati a Manchester, NH +15,9%, Orlando, FL +13,7%, Charlotte, NC +13,3%, Trenton, NJ +12,8% and Nashville, TN +12,8%.
A marzo la media dei giorni sul mercato delle case vendute è stata di 64 giorni, quattro giorni in meno rispetto alla media registrata a febbraio 2017 e minore di sette rispetto allo scorso anno a marzo. I tre mercati con la più bassa offerta di immobili sono San Francisco, CA e Omaha con 27. Si continua a registrare un maggior numero di giorni sul mercato ad Augusta, ME con 159, e Burlington, VT con 118. Con numero di giorni sul mercato si intende il numero medio di giorni che intercorre dalla presa dell’incarico alla firma del contratto. Il numero degli immobili in vendita a marzo 2017 è aumentato dell’1,2% rispetto a febbraio e diminuito del 17% del rispetto a marzo 2016. Basata sul tasso di immobili in vendita a marzo, l’offerta mensile di immobili è stata di 2.7, rispetto a febbraio in cui ammontava a 3.6 e all’anno scorso in cui era a 3.2. Un’offerta di immobili a 6.0 rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori.
Burlington, VT è stata l’unica città che ha toccato il 6.3; un’offerta minore di 6.0 che viene tipicamente considerata adeguata per “un mercato di venditori”, al rialzo. Le città con l’offerta più bassa sono state Seattle, WA a 0.9, San Francisco, CA e Denver, CO a 1.0. (foto: mercato usa)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: “OLD TIMES – Vecchi Tempi”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Old TimesRoma dal 2 al 14 maggio al Teatro dei Conciatori Via dei Conciatori, 5 andrà in scena “OLD TIMES – Vecchi Tempi”, del Premio Nobel Harold Pinter. Una coppia sposata da vent’anni riceve la visita di una vecchia amica della moglie. Nella conversazione si insinuano i ricordi, e gli interrogativi si fanno sempre più pressanti. Chi dice la verità? Chi mente e a chi? Forse è tutto un sogno? Oppure è un inganno della memoria?
Come spesso accade in Pinter, il protagonista della pièce è il passato: inconsistente, contraddittorio e di conseguenza inconoscibile. “Vecchi tempi” drammatizza il problema dell’impossibilità di conoscere il passato mettendo in scena un triangolo di personaggi/avversari che si danno battaglia su ciò che è realmente accaduto.
Nella loro fattoria adibita a residenza di campagna Deeley e Kate, quarantenni benestanti, parlano di Anna e attraverso la loro conversazione in un certo senso la evocano. Anna è la donna con cui Kate ha conosciuto l’effervescente Londra degli anni cinquanta. Anna è stata probabilmente l’unica amica di Kate e un tempo forse ne ha posseduto il cuore.
Per il marito Deeley, spinto prima dalla curiosità e poi da un dichiarato timore, questa donna rappresenta una minaccia al proprio lineare rapporto matrimoniale. Fra Deeley e Anna dunque la lotta è inevitabile. Inizialmente Deeley, canticchiando vecchi motivi, cerca la sua complicità, ma poi sempre più livido di fronte alle due donne sprofondate nella rievocazione del passato, Deeley sputa in faccia ad Anna un disgusto che non trova altra origine se non nella paura. Chi alla fine soccomba, Pinter non lo dice.
“In realtà, come spesso accade in Pinter, non sapremo nemmeno se Anna sia davvero ospite in casa di Deeley e Kate, o non sia piuttosto una proiezione delle fantasie della coppia, o se addirittura Anna e Kate non rappresentino in realtà due facce diverse di una stessa donna. Perché come dice Pinter il passato è ciò che tu ricordi, che immagini di ricordare, che ti convinci di ricordare, oppure fingi di ricordare.
É una storia semplice, dove in realtà non succede nulla. Ma si tratta di Harold Pinter, il maestro del non-detto, del silenzio, della pausa. Lʼambivalenza di ogni possibile interpretazione della definizione, la violenza in potenza, la minaccia degli intrusi, lʼarte della guerra portata avanti tramite le parole, il bisogno mai sopito di esercitare il proprio potere su qualcuno, lʼinteresse per gli eventi passati: tutto questo è maestosamente incastonato allʼinterno di una strana e distorta civiltà che induce a porsi delle domande senza aver mai la possibilità di trovare delle risposte.Le domande sono lʼaspetto che più mi interessa della pièce. Fin dal principio ci troviamo davanti a una situazione che esige la partecipazione dello spettatore. Pinter non ci lascia mai “al di fuori” dallʼopera: ci assilla e ci costringe a farci delle domande tramite i suoi personaggi, che riflettono le questioni non risolte nella nostra vita.
Ovviamente, da regista, a un certo punto bisogna fare delle scelte e ciò diventa particolarmente difficile sapendo che la moltitudine delle ambiguità di significato è quello che Pinter voleva ottenere. Tale è stato e rimarrà il mio obiettivo nel percorso registico”. (Dalle note di regia di Michael Rodgers) (€ 18,00 + tessera obbligatoria di 2 € dal martedì al sabato ore 21,00 domenica ore 18,00) (foto: Old Times)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Peach: l’innovativa tecnologia a cristalli liquidi rende lo schermo duro come lo zaffiro

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

peachIl vetro liquido sostituisce le classiche pellicole di protezione dello schermo. Il vetro liquido, che si applica con un panno, forma in pochi minuti un nanorivestimento estremamente duro che non soltanto protegge da graffi il display e le superfici in vetro (di smartphone, tablet e obiettivi delle fotocamere) ma riduce anche sensibilmente la visibilità delle ditate.
Il Peach Liquid Glass Screen Protector Kit è completo ed estremamente facile da usare. Dopo aver accuratamente pulito il display con il panno di pulizia in dotazione, applicare uniformemente il vetro liquido sulla superficie dello schermo con il panno sigillante, anch’esso incluso nella confezione. Lasciare asciugare per 10 minuti e lucidare con il panno in microfibra fornito. Dopo circa 30 minuti lo strato protettivo è talmente duro che è già possibile utilizzare il dispositivo. L’indurimento finale sarà completo dopo circa 10 ore. Il risultato è una sigillatura invisibile, idrorepellente con una durezza pari a 9H (sulla scala di Mohs, adottata a livello internazionale), che protegge in maniera significativa il display da ogni tipo di graffi, ad esempio causati da oggetti metallici, quali chiavi o monete. La durezza 9H corrisponde a quella dello zaffiro ed è superata solo dal diamante, con valore di 10H. Lo strato protettivo è anche biostatico e riduce la proliferazione microbatterica di oltre il 99%. Anche la visibilità delle ditate è ridotta grazie all’effetto loto. La resistenza dello strato protettivo, dimostrata in test pratici, è di 12 mesi o di 200.000 operazioni di pulizia.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incontro con Antoni Muntadas

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Antoni MuntadasRoma 2 maggio 2017, ore 19.30 Reale Accademia di Spagna Tempietto del Bramante Piazza San Pietro in Montorio, 3 ospite del secondo appuntamento stagionale de «I Martedì Critici», realizzato in collaborazione con l’Accademia di Spagna, sarà Antoni Muntadas (Barcellona, 1942). Entre/Between, la grande mostra che il Reina Sofia di Madrid dedicò nel 2011 ad Antoni Muntadas ripercorrendone gli oltre quarant’anni di carriera, non era strutturata secondo un ordine cronologico delle opere, né basata sulla specificità dei media utilizzati. Articolata in nove nuclei tematici, o meglio, nove costellazioni, l’esposizione rivelava in maniera immediata la natura della pratica artistica di Muntadas, basata su una costante, approfondita ricerca protratta negli anni, accompagnata parallelamente dalla formazione di uno spirito critico, sempre presente nella realizzazione dei suoi progetti. Le nove costellazioni in cui la mostra era articolata – microspazi, paesaggio dei media, sfere di potere, costruzione della paura, luoghi dello spettacolo, spazi pubblici, archivio, traduzione, sistemi dell’arte – tracciano l’orizzonte tematico verso cui si orienta l’opera dell’artista, da sempre impegnato nello svelamento dei meccanismi di potere che regolano alcuni contesti. La presentazione dei lavori avviene attraverso l’impiego di media diversi, alcuni provenienti dal vocabolario concettuale, come l’archivio, l’inchiesta, la documentazione, e i libri, integrati con altri, come serie fotografica, il video, l’installazione, ma anche il web: ogni elemento di questa complessa struttura concorre nel presentare i risultati delle ricerche dell’artista condotte sul campo. Si tratta di dispositivi relazionali, organizzati secondo un certo montaggio, che forniscono al pubblico gli strumenti e il contesto per poter riflettere in prima persona sugli argomenti esaminati, sul potere, le istituzioni che lo rappresentano e le contraffazioni su cui spesso si basa la loro autorità.
Tra i lavori più celebri di Muntadas vi è The File Room (1994-2011), consistente in un archivio, ora consultabile online, che raccoglie una vasta documentazione su casi storici e più recenti di censura, mentre in Between the Frames (1982-1993), l’obiettivo della sua indagine critica è puntato dritto verso il sistema dell’arte, il ruolo dei musei, delle gallerie, dei collezionisti, svelando il sostrato economico che lo governa, attraverso centocinquanta interviste ai suoi diversi attori, tra cui figurano Harald Szeemann e Pierre Restany. Muntadas è un precursore sia nel display, nella presentazione dell’opera, che ha incluso precocemente l’impiego di internet e la conversazione tra media diversi attraverso un originale “montaggio” che ha l’obiettivo di comporre nella sua totalità il progetto, sia nelle tematiche affrontate, ancora attuali, come le problematiche legate alla conoscenza trasmessa dai mass media, o la paura come esercizio di potere e sistema di controllo. Al 2005 data il progetto On Translation: Fear/Miedo, un’indagine che pone a confronto la paura sul piano personale, politico e mediatico, condotta in un territorio di confine tra Stati Uniti e Messico, tra San Diego e Tijuana. Il progetto è stato portato avanti nel 2007 tra il Nordafrica e la Spagna, col titolo On Translation: Miedo/Jauf, (“Jauf” è la parola araba per paura). In entrambi i casi, si tratta di territori di confine tuttora teatro di flussi migratori e incomprensioni, ancora un argomento di scottante attualità, come lo è Alphaville e Outros (2011), un’indagine sulla paura che genera barriere, che in questo caso ha come oggetto della ricerca le gated communities in Brasile.Fin dalla sua partecipazione negli anni Settanta al Grup de Treball, collettivo di artisti e intellettuali di matrice concettuale, politicamente attivo contro il regime dittatoriale franchista, Muntadas è un artista impegnato che, lontano da ogni slogan o propaganda, ha messo al centro della sua ricerca indipendente l’urgenza di porsi interrogativi, di riattivare negli spettatori una coscienza critica.Antoni Muntadas vive e lavora a New York dal 1971. (foto: Antoni Muntadas)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ritorna lo spettro del protezionismo e della guerra commerciale?

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Donald TrumpMentre si aspetta ancora di conoscere come intende realizzare il suo annunciato piano di investimenti di mille miliardi di dollari per le infrastrutture, Trump ha dato inizio alla sua politica protezionista dell’ “America First “che rischia di sconvolgere l’intero sistema commerciale mondiale. Ha già firmato due decreti esecutivi per rivedere la politica commerciale finora attuata e osteggiare i partner responsabili degli enormi deficit. Come è noto, nel 2016 il deficit è stato di 500 miliardi di dollari. Preoccupante, in verità, è la parte relativa ai settori manifatturieri che ammonta a oltre 750 miliardi, di cui 347 nei confronti della Cina! E’ stato un trend decennale. Ovviamente ciò ha inciso non poco sui livelli occupazionali. Secondo l’Ufficio di statistica dal 2001 si sarebbero persi ben sei milioni di posti di lavoro nelle sole attività manifatturiere. Secondo Trump il deficit con Cina, Giappone, Messico ed Europa è provocato dal fatto che questi Paesi hanno approfittato della disponibilità degli Stati Uniti. Perciò propone nuovi dazi e tariffe.
Le misure protezionistiche, combinate con la promozione delle produzioni nazionali e del consumo del “made in Usa”, sono una questione estremamente complessa. Una cosa è operare attraverso il sostegno agli investimenti, un’altra è l’imposizione di dazi verso il resto del mondo. Probabilmente una certa forma di protezionismo potrebbe temporaneamente essere accettabile per l’economia di un Paese in via di sviluppo. Ma gli Stati Uniti d’America e il dollaro, invece, a livello mondiale rappresentano l’economia e la moneta dominanti in grado di determinare ogni rapporto commerciale e monetario. Perciò i dazi potrebbero scatenare una guerra commerciale. Secondo Wilbur Ross, il nuovo segretario per il Commercio, saremmo “già in una guerra commerciale” e con un’immagine militaristica ha aggiunto: “Lo siamo stati per decenni. La sola differenza è che i nostri soldati stanno finalmente arrivando al bastione. Non abbiamo un deficit commerciale per caso”.
Intanto Trump ha stracciato i due trattati commerciali, quello con il Pacifico e quello con l’Unione europea, anziché cercare un condiviso modus operandi.
E’ il caso di ricordare che il deficit commerciale americano ha origini lontane. Comincia nel 1975, quando la Cina era ancora un Paese agricolo del terzo mondo, con poche manifatture e senza export. Negli Usa allora c’era la spinta verso la progressiva finanziarizzazione dell’economia nel contesto del processo di globalizzazione. Invece di sviluppare le attività manifatturiere e le nuove tecnologie, nei settori dell’energia, ad esempio, si preferì importare petrolio dai grandi produttori, quali l’Arabia Saudita.
L’accordo di libero scambio del Nafta con il Messico e il Canada del 1994 fu promosso dalle grandi industrie e dalle banche americane che preferivano de localizzare le loro produzioni industriali nelle terribili maquilladoras messicane, città di confine dove si produceva a prezzi stracciati, sfruttando al massimo il lavoro quasi schiavistico e per niente sindacalizzato. Successivamente un processo simile è stato avviato anche con la Cina, che si è assunta l’impegno di acquistare i titoli di stato americani emessi per sostenere i deficit commerciali di Washington. Ancora oggi Pechino detiene oltre mille miliardi di dollari di Treasury bond.La storia insegna che, in un mondo globalizzato, la politica protezionistica provoca effetti negativi anche per il Paese che la inizia.
Così avvenne dopo il crac borsistico del’29, quando gli Usa approvarono la legge Smoot-Hawley Tariff che impose misure e dazi protezionistici alle importazioni di prodotti esteri, accelerando la Grande Depressione.
Di conseguenza dal 1929 al 1933 il commercio mondiale si ridusse di due terzi, da 5,3 a 1,8 miliardi di dollari. Le prospettive, quindi, sono piuttosto preoccupanti, per l’Europa e per l’Italia. L’Amministrazione di Washington sembra voglia già imporre dazi su alcuni prodotti europei, dagli scooter Vespa all’acqua minerale San Pellegrino e Perrier, fino ai formaggi più noti, ecc.
La Cina, essendo un colosso economico e politico, è in grado di trovare i necessari accomodamenti commerciali con gli Usa. Ma l’Europa, divisa e senza una vera politica economica unitaria, è purtroppo assai debole rispetto alle scelte e alle imposizioni americane. E rischia di pagare il conto più salato.(Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Alitalia: Enac, Governo e Commissario garantiscano rispetto diritti dei passeggeri

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

alitalia“Sulla vicenda Alitalia, non basta prendere atto che al momento esistono le condizioni per il mantenimento della piena operatività o fare un prestito ponte” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Nell’interesse della stessa Alitalia, Governo, Enac ed il futuro Commissario devono prendere l’impegno che chi sta per prenotare le proprie vacanze non si trovi all’ultimo momento con i voli cancellati e le vacanze rovinate. Va garantita, insomma, anche l’operatività a medio termine, altrimenti, in caso di mancata vendita ed eventuale fallimento, i consumatori rischiano di rimanere con un pugno di mosche” prosegue Dona.
“Inoltre, chiediamo un impegno per il rispetto della Carta dei diritti del passeggero, ossia che anche in caso di fallimento, la tempistica possa consentire il rimborso del biglietto e, se dovuta, la compensazione pecuniaria” prosegue Dona.
“Dopo l’avvio della procedura fallimentare, infatti, i viaggiatori non riuscirebbero a far valere i loro diritti e la Carta dei diritti del passeggero rischierebbe di diventare carta straccia. Gli utenti, infatti, sono, purtroppo, l’ultima ruota del carro nell’elenco dei creditori che devono essere soddisfatti. Inutile, quindi, insinuarsi al passivo” conclude Dona.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella Wohnen Europa fund acquires ten German portfolio properties for EUR 118 million

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

Xavier JongenThe acquired portfolio has properties in the metropolitan regions of Düsseldorf, Hamburg and Frankfurt, as well as in Göttingen and Reutlingen. The portfolio’s diversified nature across primary cities, university cities and major regional centres is the reason for its attractiveness. “This acquisition is very important, because it increases the assets under management of Catella Wohnen Europa fund to approximately EUR 450 million after only one year. It also gives the fund a large proportion of portfolio properties in Germany and this will help stabilise the fund’s performance and provide room for further international expansion,” says Xavier Jongen, head of Catella’s initiative in residential property funds.Occupancy across all properties stands at 99%, reflecting the portfolio’s positive aspects. The ten properties consists of 1,041 residential and 14 commercial units, comprising in total more than 62,000 m². All the buildings in the portfolio are in good to very good condition.“We have acquired an established portfolio with a stable cash return in one of the most attractive property segments. By making more than EUR 100 million available for this project, our investors have shown immense trust in our work,” explains Markus Wiegleb, portfolio manager at Catella. (photo: Xavier Jongen)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maxi-operazione: sequestrate migliaia bottiglie di acqua minerale contraffatta e vino adulterato

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

giustiziaNonostante i sequestri siano sempre più frequenti, risulta assai difficile monitorare i prodotti che giungono nelle nostre case e sulle nostre tavole. La salute dei consumatori è continuamente messa in pericolo da cibi e bevande prodotti e confezionati al di fuori di ogni regolamentazione sulla sicurezza alimentare. L’ultima operazione condotta da Europol e Interpol ha portato al sequestro di duecentotrenta milioni di euro di cibo e bevande contraffatte e dannose per la salute. Il maxi sequestro ha coinvolto 61 Paesi, tra cui anche l’Italia.
Nel Lazio, in particolare, sono stati sequestrati 266 mila litri di acqua minerale, per un totale di 32 mila bottiglie: l’acqua, anche se proveniente dalla fonte originale, veniva imbottigliata senza autorizzazione e senza tenere conto di alcun regolamento su salute e sicurezza, utilizzando etichette e forme di contenitori di plastica simili all’originale.
In Toscana, invece, è stata smantellata un’organizzazione che produceva e distribuiva falso vino rosso Igp. Per aumentare la gradazione alcolica, al vino di bassa qualità veniva aggiunto alcool puro. La produzione e la vendita di tali prodotti mina continuamente l’incolumità dei consumatori, mettendo in grave pericolo la loro salute: per tale motivo, Codici chiede alle autorità competenti che siano intensificati in modo stringente i controlli, soprattutto se si considerano le nuove tendenze in materia di contraffazione emerse dagli ultimi sequestri.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra. “La Grande Guerra nella cartografia satirica europea”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 aprile 2017

satira1Milano marittima sabato 29 aprile, alle ore 18,00 in via Gramsci Mostra. “La Grande Guerra nella cartografia satirica europea”. La mostra ha lo scopo di ricostruire, in chiave ironica, gli scenari storici, politici, sociali e letterari dell’Europa negli anni del conflitto.L’evento ha ottenuto il logo ufficiale per le celebrazioni della Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale – Presidenza del Consiglio dei Ministri e il patrocinio del Comune dell’Aquila.Si tratta di una raccolta preziosa di tavole geografiche del collezionista Gianni Brandozzi dell’Associazione culturale “Giovane Europa” di Ascoli Piceno, che consente di approfondire, attraverso le immagini, la storia comune dei popoli europei e le tensioni politiche esistenti tra i vari Paesi del Vecchio Continente, che hanno condotto alla deflagrazione del conflitto.L’offerta culturale è arricchita dall’applicazione “Satiricapp” che accompagnerà il visitatore lungo il percorso espositivo con un audio guida e schede di approfondimento delle opere.
satira2L’offerta culturale è arricchita dall’applicazione “Satiricapp” che accompagnerà il visitatore lungo il percorso espositivo con un audio guida e schede di approfondimento delle opere.
La mostra estende la visione su quanto accadeva in Europa nel 1870, l’anno della guerra franco-prussiana, che si potrebbe chiamare la prima delle tre guerre civili europee. A questo riguardo la mappa satirica francese ha cercato di sdrammatizzare le diverse tensioni, mostrando una carta antropomorfa d’Europa, dove ogni paese è stato rappresentato da una caricatura del suo ‘personaggio’ nazionale. La Prussia guarda come il suo ‘Cancelliere di ferro’ Otto von Bismarck si pone ai suoi vicini: in ginocchio sull’Austria che è un soldato addormentato e con la mano destra appoggiata che occupa l’’Olanda; la Francia, vestita satirada feroce soldato Zuavo, sta puntando una baionetta nel cuore dell’ ingombrante mostro militare prussiano. L’Inghilterra è una vecchia donna, alle prese con l’Irlanda, il suo cagnolino ribelle al guinzaglio (simile a un piccolo orso). La Spagna è una signorina che fuma mentre giace sulla schiena quasi schiacciando il piccolo soldato portoghese sotto di lei; L’Italia, realizzata come Garibaldi, sta cercando di allontanare la pressione dalla Prussia. La Danimarca è un piccolo spavaldo soldato che spera di recuperare Holstein, il territorio perso alla Prussia in una guerra di qualche anno prima.
Norvegia e Svezia stanno insieme trasformato un cane feroce. La Svizzera è un cottage chiuso. La Turchia in Europa è “un orientale schiacciato dalla pressione sovrastante degli altri paesi” mentre la Turchia in Asia è una ragazza che fumare il narghilè. La Russia è un viandante in un cappotto rattoppato, la Crimea è scritta sulla toppa cucita in basso.
(foto: Satira)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »