Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 229

Archive for 1 maggio 2017

Settimana italiana del docente

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

ringrazia un docenteQuest’anno la “Settimana Italiana dell’Insegnante” coincide con la Festa del Lavoro, si celebra dall’1 al 7 maggio, è alla sua terza edizione e, anche quest’anno, l’hashtag che la rappresenta è RingraziaUnDocente, attraverso il quale tutta la popolazione (non solo chi è a scuola oggi) può postare sui social network un proprio “ringraziamento” ad una o ad un insegnante che ha rappresentato qualcosa di importante nella propria vita e crescita.
Promuovere la Settimana sono i ragazzi dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce che curano il progetto “MasterProf” (la classe 5°A AFM), in stretta collaborazione con il sito dedicato all’istruzione Your Edu Action.
Resta invariato il logo, una margherita multicolore, che raccoglie in sé diversi significati e simbolismi, è in assoluto il fiore più semplice, si trova ovunque, evoca una continua primavera del sapere, nel linguaggio dei fiori rappresenta la pazienza, nei colori ci sono tutte le sfumature della professione e poi, come non sottolineare che è anche un logo …petaloso? Se quindi negli Usa e nei paesi anglofoni è la “mela” il classico dono riservato all’insegnante, qui in Italia i docenti si meriteranno una “margherita” in ogni possibile forma, da quella reale, appena colta, bella e profumata fino a quella anche semplicemente disegnata, sul quaderno, su un foglio, su un cartoncino o su un poster.
Tra i testimonial della Settimana, grandi nomi come: Massimo Inguscio, Franco di Mare, Beppe Severgnini, Gian Luigi Beccaria, Carlo Verdone, Paolo Ruffini, Paolo Crepet, Alessandro ringrazia un docente1D’Avenia, Oscar Farinetti e il comico Pintus, tanto amato dai bambini e dai ragazzi in età scolare. Ai tanti VIP della cultura, della scienza, del giornalismo e dello spettacolo si rivolgono i ragazzi di MasterProf, chiedendo loro di pubblicare sui social una foto con in mano un semplice foglio su cui c’è scritto “Gli Insegnanti sono Importanti” (e, se lo desiderano, con l’hashtag #ringraziaundocente).
MasterProf è un progetto che si è ispirato al Global Teacher Prize (conosciuto anche come Premio Nobel per l’Insegnamento) ma, a sua differenza, non è una competizione, non ci sono giurie, scadenze, finalisti e vincitori, qui valgono e verranno pubblicate tutte le storie di docenti extra-ordinari che i ragazzi riusciranno ad individuare. Sul sito del progetto c’è sia la possibilità di effettuare delle segnalazioni (da parte di studenti, dirigenti, colleghi, amici, parenti) che di autoproporsi. Tra le caratteristiche ricercate vi sono, tra le altre, metodi e pratiche innovative, riconoscimenti professionali, contributo nell’aprire le menti, nell’educare cittadini globali, nel rendere la docenza accessibile, nel coinvolgere il territorio.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spettacolo: Il dolce inganno dell’amore

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

il dolce ingannoRoma dal 4 al 14 maggio 2017 teatro L’Aura vicolo di Pietra Papa, 64 dal giovedì al sabato alle ore 21.00 domenica alle ore 18.00 Biglietti Intero 13.00 + 2.00 (tessera associativa)
Ridotto 10.00 + 2.00 (tessera associativa) va in scena “Il dolce inganno dell’amore”
Sul palco, insieme all’attore Maurizio Canforini che firma anche la regia, troviamo Alessia Tona, Antonello Coggiatti, Angela De Prisco e Valerio Rota.
Riccardo e Valeria si incontrano, si scontrano, si piacciono ma lo negano a loro stessi e agli altri. Quando finalmente stanno per avvicinarsi, ci si mette di mezzo WhatsApp…
Il dolce inganno dell’Amore è una commedia romantica che, sin dal suo debutto del 2014, emoziona il pubblico per la sua natura ironica e sognante. È impossibile non immedesimarsi nella vicenda sentimentale dei due protagonisti e non sorridere di fronte alla verve comica degli altri personaggi che ruotano intorno a loro. Lo spettacolo perfetto per chi ha voglia di innamorarsi.Maurizio Canforini. (foto: dolce inganno)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Shaping a prosperous future for nautical tourism in Europe

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

europeThis sector can provide economic opportunities for coastal communities, and the paper describes several areas where action is needed to unleash this potential and overcome existing obstacles to growth. It also stresses the need to minimise adverse environmental impacts.About one in ten EU citizens (48 million) participate regularly in water sports. 36 million participate regularly in boating activities, keeping about 6 million boats in European waters. Related services like equipment repair, boat charter, marinas and others generate a significant number of jobs and revenue. In total, the EU’s nautical tourism sector comprises up to 234 000 jobs and generates € 28 billion in revenue each year.
Issues addressed in the paper include:recognition of professional and private skippers licences – 74% of professional skippers confirm that they are unable to work freely within the EU because their professional qualifications are not recognised in other EU member states; on-board safety equipment – a variety of rules and equipment required on board is hindering freedom of movement across the EU single market;
innovation for marinas and boating development – marinas need to become more innovative to keep them accessible to an ageing population and to make them attractive to younger people and families; the potential of combined nautical and coastal tourism products – combined products can help the tourism sector cope with seasonality and volatile demand;
what happens to end of life boats – at least 80,000 boats reach their ‘end of use’ each year but only around 2,000 of those are dismantled. The rest are left abandoned, stored by their last owners, sent to landfill or incinerated. This poses a threat to the environment and a recycling challenge, and should be addressed properly.
The paper follows from the 2014 Commission Communication “A European Strategy for more Growth and Jobs in Coastal and Maritime Tourism”, which touched upon some of the challenges faced by the nautical tourism sector. They include a lack of innovation and diversification, volatile demand and seasonality, mismatch of skills and qualifications as well as growing environmental pressures.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

‘The Future of our Seas’ begins

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

bruxelles-1Bruxelles. Celebrating 10 years of the European Maritime Day we have put together an attractive programme focusing on the sustainability transformation, featuring leaders from the world of politics, business and NGOs from the UK, other European countries and Canada. There are still places left. Don’t miss out this great networking & learning opportunity. Register now!This year we will host three inspirational speakers (Barbara Jackson, Alan Atkisson and Jon Copley), who will share their unique insights and experiences. We also have nearly 30 stakeholder workshops on offer, which cover a broad range of topic in four thematic areas: Innovation & Growth, People & Skills, Sustainability & Governance and Safety and Security.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Western Mediterranean: Actions for the sustainable development of the blue economy

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

blue economyBrussels, the European Commission launches a new initiative for the sustainable development of the blue economy in the Western Mediterranean region.The region covers economic hubs like Barcelona, Marseille, Naples and Tunis. It also includes tourist destinations like the Balearic Islands, Sicily and Corsica.
The sea’s biodiversity is under severe pressure with a recent report by scientists from the Joint Research Centre indicating that 50% has been lost in the last 50 years. In addition to this are recent security and safety concerns from the increase in migration from the South to the North.This initiative will allow EU and neighbouring countries to work together to increase maritime safety and security, promote sustainable blue growth and jobs, and preserve ecosystems and biodiversity.
Karmenu Vella, Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries said: “Millions of holiday makers have a happy association with the Western Mediterranean. Like the millions more who live across the region, they understand the fragile link between conserving national habitats and traditions and ensuring economic viability. Blue economy is important for each of the countries involved and they have recognised the strength of working together.”
Johannes Hahn, Commissioner for European Neighbourhood Policy and Enlargement Negotiations, said: ”This new regional initiative recognises and taps into the economic potential of the Mediterranean Sea and its coast lines to further enhance economic growth, contribute to job creation and eventually the stabilisation of the region. It is an important step towards closer coordination and cooperation among participating countries.”
The initiative is the fruit of years’ of dialogue between ten countries of the Western Mediterranean region who are ready and willing to work together on these shared interests for the region: five EU Member States (France, Italy, Portugal, Spain and Malta), and five Southern partner countries (Algeria, Libya, Mauritania, Morocco and Tunisia). It follows up on the Ministerial Declaration on Blue Economy endorsed by the Union for Mediterranean (UfM) on 17 November 2015. (photo: blue economy)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima edizione del ChROMAtica Festival

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

molaroSoares AdrianaRoma Venerdì 5 maggio 2017 alle ore 17.00 nello Spazio Factory del Macro Testaccio Piazza Orazio Giustiniani, 4 verrà inaugurata la prima edizione del ChROMAtica Festival, che nasce da un’idea di Laura Pietrocini e Giuliana Bof, in seguito a un progetto da loro realizzato sul compositore russo Alexander Scriabin. La direzione artistica è di Laura Pietrocini, la consulenza artistica è curata da Eduardo Tasca con la collaborazione di Flavia Frazzi. Madrina del Festival è l’attrice Simona Borioni, con la partecipazione straordinaria fra gli altri di Cristina Caruso, Giada Desideri, Myriam Fecchi, Pino Gagliardi, Cinzia Malvini e Marzia Ponzi.La giornata di inaugurazione verrà presentata da Myriam Fecchi nota voce di RTL e da Eduardo Tasca.
ChROMAtica è un evento unico nel suo genere. Prima edizione assoluta a Roma del festival multidisciplinare che coinvolge tutte le forme d’arte e fa della “SINESTESIA” l’anima del progetto. Linea conduttrice sono i Colori per “percepire insieme”, per esempio il colore di un suono, il profumo di una parola, il gusto di una luce. ChROMAtica Festival, rivolto a qualsiasi fascia di età riuscirà, inoltre, a creare un’ambita comunione e interazione tra tutte le arti.L’idea nasce dalla ricerca del compositore Scriabin, del rapporto tra suono e colore, che ha stimolato le due ideatrici ad ispirarsi ai Colori come veicoli in grado di coinvolgere ed attrarre le diverse discipline artistiche. Promosso da Roma Capitale, Assessorato Sport e Politiche giovanili, Spazio Factory, Gabriele fiorucci.pngCarullo RobertoZetema – Servizi museali, con il patrocinio della Regione Lazio. Prodotto dall’Associazione Ars Trio di Roma in collaborazione con Arte2o e Ottava Srls.
ChROMAtica presenta un nuovo modo di fruire la cultura e di concepirne le molteplici declinazioni. Le capacità recettive dello spettatore saranno messe alla prova grazie alla fusione delle molteplici forme di espressione artistica, ciascuno dei partecipanti ne uscirà con un messaggio diverso, senza imposizioni dualistiche “pubblico/artista”. Non solo: il Festival avrà l’obiettivo di avvicinare alla cultura considerata ‘alta’ anche i target generalmente esclusi attirando un ampio pubblico, soprattutto giovane, e sfruttando una location alternativa.Il coinvolgimento dell’Università John Cabot di Roma, dell’Accademia Internazionale Musicale di Roma, dell’Accademia del Lusso di Roma, del Liceo Coreutico – Convitto V. Emanuele II e del Conservatorio Ottorino Respighi di Latina prevedrà attività laboratoriali alla fine delle quali ars ludisaranno prodotte delle opere che entreranno a far parte del festival.Quest’anno sono stati scelti i colori: BIANCO-NERO, ROSSO, VERDE, GIALLO, BLU e la POLICROMIA per la giornata di chiusura. Ad ogni colore saranno abbinate delle parole chiave, utilizzate per richiamare i diversi punti di vista emozionali ed associativi (segue programma e elenco esposizoni permanenti).
Radio Incontro donna, media partner della manifestazione, seguirà il festival con interviste e collegamenti in diretta, attraverso una postazione permanente. Le esposizioni e performance si svolgeranno ogni giorno fino alle 22,30 per poi proseguire con un Dj set che intratterrà gli ospiti presenti. Il Festival sarà presente nello Spazio Factory del Macro dal 5 al 7 maggio e dal 12 al 14 maggio 2017.
(Dal 5 al 7 maggio e dal 12 al 14 maggio 2017 ORARI FESTIVAL: dalle ore 17,00 alle 22,30 dopo le 22,30 Dj set. CONTRIBUTO ASSOCIATIVO MINIMO: 15,00 euro) (foto: molaro, Soares Adriana, Carullo Roberto, Gabriele fiorucci, ars ludi)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro di Alessandra Minervini “Overlove”

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

minervini1.pngminerviniRoma sabato 6 maggio alle ore 17 alla libreria bistrot “Le Storie” (via Giulio Rocco, 37/39 – metro B “San Paolo”) presentazione del libro di Alessandra Minervini “Overlove”. All’incontro con l’autrice, moderato da Federica Albano di Ghigliottina, saranno presenti l’editore Carlotta Colarieti e Giorgia Antonelli, editore di LiberAria.
Cosa siamo disposti a fare per amore? Tutto, anche lasciarci. Anna sta con Carmine da tre anni. Carmine è sposato e ha una figlia. Anna no. Si prendono e si lasciano diverse volte in un tira e molla di passione e senso di colpa. Carmine è un sofisticato cantautore indipendente che tenta la carriera nazional popolare per sbarcare il lunario. Passa le giornate rinchiuso nel suo studio di registrazione, alternando la fase creativa all’ossessione del controllo del peso. Rancoroso e frustrato, non ha il coraggio di cambiare vita. Fino a quando il cambiamento non glielo serve Anna su un piatto d’argento. Un pegno d’amore. In una Puglia dai colori vivi e velata di un’ironica malinconia, Anna lascia Carmine. Fino al momento prima, niente sembra essere cambiato. Ben presto la mancanza diventa un sentimento ambiguo: non è dolore per qualcosa che non c’è più ma per qualcosa che è avanzato e non è abbastanza. Intorno ai due protagonisti gravita la sgangherata umanità contemporanea: anaffettivi cronici, artisti egocentrici, goffi ipocondriaci, i nuovi ricchi dell’Est europeo e gli ex benestanti italiani minacciati dalla povertà borghese. La scrittura di Alessandra Minervini procede per sottrazione e frammenti, creando nel lettore un senso di dipendenza. Si perde e si ritrova qualcosa: un amore, una vita, un desiderio, se stessi.“OVERLOVE” di Alessandra Minervini LiberAria Editrice, 2016208 pagine, euro 12 isbn 978-88- 97089-93 – 3
Alessandra Minervini è nata a Bari, dove ora vive. I suoi racconti sono stati pubblicati da alcune riviste tra cui “Colla”, “EFFE”, “Cadillac”. (foto: minervini)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sculpture in the Square

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

sculptureLondon Christie’s will present Sculpture in the Square an outdoor sculpture garden set within St James’s Square, London, on view to the public from 23 May to 29 June 2017. The exhibition will display a dozen works that will be offered in the Modern British Art and Impressionist & Modern Art sales as part of 20th Century at Christie’s, a series of sales that take place from 26 to 29 June 2017. Artists include Anthony Caro, Lynn Chadwick, Barry Flanagan, Elisabeth Frink, Barbara Hepworth and Henry Moore. Presented in the garden square adjacent to Christie’s headquarters on King Street, the one-off exhibition will showcase the works as they were intended to be seen, in a landscape setting. Sculpture in the Square will coincide with the opening of this year’s Chelsea Flower Show, which runs from 23 to 27 May 2017.
Exhibition curator Nicholas Orchard, Senior Director, Modern British & Irish Art at Christie’s: “This exhibition offers viewers an opportunity to appreciate leading Modern sculptures within the landscape surroundings that the artists intended for them. These monumental forms will lead the Modern British & Irish Art Evening Sale and are a key element of the 20th Century season at a time when London is a focal point for the cultural and horticultural worlds. It is an honour to present these pieces within the prestigious garden setting of St James’s Square at a moment when the artworks will be complemented by the flora and fauna of this landscape.” (photo: sculpture)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dostoevskij, uno scrittore che vuole guarire

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

DostoevskijROMA. Dostoevskij è uno scrittore vivo che incide nelle esperienze di altri autori odierni, suscitando interrogativi su come svolgere al meglio il compito di raccontare la realtà. Su questi temi si sono confrontati Eraldo Affinati e Alessandro D’Avenia, entrambi insegnanti e scrittori, intervenendo alla tavola rotonda conclusiva del VII Convegno di Poetica&Cristianesimo, promosso dalla Facoltà di Comunicazione della Pontificia Università della Santa Croce sul tema Dostoevskij: abitare il mistero.Dostoevskij è “l’uomo della ricucitura, del risanamento: mette a posto le piaghe”, ha esordito Affinati, ricordando come nella sua opera traspaia al tempo stesso una forte “radice pedagogica”. Lo scrittore, in fondo, “vuole guarire, non vuole ammalarsi: punta alla guarigione e alla speranza, anche se tutta la ferita se la porta dentro”. Quanto alla letteratura in generale, Affinati – che nel 1992 ha esordito con Veglia d’armi. L’uomo di Tolstoj – ha spiegato come sia qualcosa che “serve a intensificare l’esperienza” umana, “ad aggiungere, non a togliere, e a darci una carta in più”.Per D’Avenia, Dostoevskij è colui che “in ogni pagina fa sentire dentro di te uno spazio aperto al sacro” e trasmette l’idea “che in una visione cristiana del mondo l’amore ha la priorità rispetto alla conoscenza”. Infatti, “non c’è aumento di conoscenza del mondo che non sia preceduto da un aumento di conoscenza dell’amore”. Porsi davanti ad un’opera letteraria è come “abitare un mistero”: “mentre ti fa accadere una storia interessantissima”, in realtà ti sta facendo sperimentare “un’altra storia molto più grande che risuona nella vita di ogni essere umano ogni giorno”.
Che lo scrittore russo continua ad offrire spunti di riflessione in ambiti molto diversi è emerso nel corso degli interventi che si sono succeduti al Convegno. Per l’antropologa Federica Bergamino, il “vissuto d’insieme” che traspare dai personaggi di Dostoevskij, mostra che “la debolezza è la fessura in cui può entrare la luce dell’altro e in ultima istanza di Dio”. L’uomo – ha aggiunto – ha il potere “di far entrare questa luce o rifiutarla, chiudersi per la paura determinata da uno sguardo ideale e finito sulla nostra miseria”.Nell’analisi di alcuni passaggi delle opere di Dostoevskij, Tat’jana A. Kasatkina, docente all’Istituto mondiale dell’Accademia delle Scienze di Mosca, ha messo in evidenza la difficoltà di realizzare una traduzione che rispecchi con fedeltà il pensiero e la profondità del vocabolario usato dallo scrittore russo.Sulla famosa espressione di Dostoevskij “la bellezza salverà il mondo”, Adriano Dell’Asta, docente di letteratura russa all’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha spiegato che dal rapporto tra “esigenza della bellezza ed esigenza umana di armonia, serenità e piena umanità”, “non è poi così difficile passare al rapporto tra bellezza e salvezza”.Giuseppe Ghini, dell’Università di Urbino, ha sottolineato come nelle opere del scrittore russo “i personaggi hanno come punto di convergenza e di paragone l’immagine di Cristo, un’immagine presente dentro il romanzo stesso e a cui essi cercano di conformarsi”. Tuttavia, “il conformarsi a Cristo è l’esito di un processo mai concluso, di una impresa spirituale che comporta una lotta”.Lungo i decenni ci sono stati molti adattamenti dell’opera dell’autore russo in ambito cinematografico; il critico José García ha evidenziato come sono ancora molto più interessanti i riferimenti indiretti che emergono dall’opera di registi come Woody Allen e Aki Kaurismäki, influenzati soprattutto dai romanzi Delitto e Castigo e L’Idiota.Tradurre l’esperienza letteraria in arte visiva è stata la sfida intrapresa dall’artista Cristina Aymerich, che ha realizzato una mostra di cinque opere su altrettanti personaggi de I fratelli Karamazov. Presentando la sua proposta, Voces en el silencio, la Aymerich ha raccontato come questo incontro con i personaggi abbia prodotto in lei “una eco interiore”, trasformando l’esperienza in “mezzo di conoscenza e approccio al mistero”.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LXVI Congresso Nazionale della FUCI

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

fuci1Pavia martedì 2 maggio ore 14:30 presso la Sala conferenze del Comune, piazza Municipio n. 2 si terrà la conferenza stampa, aperta al pubblico, per l’apertura del congresso nazionale della Federazione Universitaria Cattolica Italiana che si terrà dal 4 all’7 Maggio a Pavia e Vigevano e dove si incontreranno 200 giovani studenti universitari da tutta Italia per riflettere, analizzare e confrontarsi sulla tematica del Mediterraneo, in riferimento al contesto sociale ed ecclesiale italiano e, soprattutto, europeo.
Gli universitari della FUCI guidati da relatori d’eccezione scelti per l’occasione, si propongono di analizzare il tema nelle giornate di Congresso, costruendosi un’opinione critica ed approfondita della situazione attuale. Come giovani, ci vogliamo prendere la responsabilità di provare a creare un cambiamento, creare luoghi in cui accogliere l’altro, unendo le diversità. Il cambiamento sta anche nell’interpretare diversamente il concetto di frontiera, ovvero vederlo come luogo di confronto e non di affronto.
fuciL’inizio dei lavori è previsto per giovedì 4 maggio ore 16:30 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Pavia con la prolusione di S.E.R. Mons. Ambrogio Spreafico, in qualità di Presidente della Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso. Seguiranno gli approfondimenti che toccano vari aspetti con il Prof. Andrea Pase, Professore associato di Geografia Storica presso l’Università degli Studi di Padova, e con la Prof.ssa Roberta Ricucci, Professore associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Torino.
Seguiranno nella mattinata di venerdì in una Tavola Rotonda gli interventi del Dr. Paolo Magri, Vice Presidente Esecutivo e Direttore dell’Istituto per gli studi di Politica Internazionale, dell’On. Michele Nicoletti, Presidente della Delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e Professore ordinario di Filosofia Politica presso l’Università degli Studi di Trento, e di P.Camillo Ripamonti SJ, Presidente Centro Astalli-Servizio dei gesuiti per i rifugiati in Italia.
Nel pomeriggio i ragazzi si ritroveranno per elaborare in gruppi di lavoro una sintesi e una rielaborazione delle riflessioni portate avanti nel congresso, che verranno poi divulgate attraverso delle tesi congressuali al termine dei lavori.
Nei giorni di sabato e domenica si svolgeranno i lavori dell’Assemblea Federale, il momento di più alta espressione di democrazia all’interno della Federazione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spettacolo: “LO SHOW”

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

Lo ShowRoma 7 maggio, ore 21.00. Teatro Lo Spazio – Via Locri 42/44 (Metro San Giovanni) Marianna Valentino sarà la protagonista del terzo appuntamento al Teatro Lo Spazio con lo Show: lo sgangherato e irresistibile format teatrale ideato da Giorgia Mazzucato e Maria Beatrice Alonzi per La Siti.Dopo due date sold out con l’ospite internazionale Yann Van Den Branden (direttore artistico della Quicksilver Productions ad Anversa, e vincitore del torneo mondiale di Theatresports nel 2006) sarà questa volta un’attrice e improvvisatrice italiana, molto attiva all’estero, a tenere la pista di un progetto teatrale che al Teatro Lo Spazio di Roma finora ha coinvolto centinaia di spettatori, chiamati ad affrontare la scena in un gioco tutto da vivere in prima persona.Finti domatori, improbabili attrazioni, stupidi acrobati, funamboli zoppi e tutte le più assurde figure del circo, pronti a sfidarsi a colpi di numeri di Improvvisazione teatrale: questo è, infatti, Lo Show.
Comicità e salti mortali, per lo spettacolo “più brillante che ci sia”, accompagnato dalle musiche del dj e producer Dario Giuffrida (Donatella Rettore, Bob Sinclair, Raffaella Carrà, etc.).
Sul palco, con l’istrionica Marianna Valentino, la squadra di attori de La SITI, capitanata da Giorgia Mazzuccato (allieva, fra gli altri, di Dario Fo, Franca Rame, Marco Baliani, vincitrice del Roma Fringe Festival e Miglior Spettacolo al Teatro L’Avogaria di Paolo Poli) e Maria Beatrice Alonzi, definita dall’Agenzia Stampa Internazionale AFP “the italian digital artist” e che negli ultimi mesi ha avuto oltre 4.000.000 di views attraverso i suoi progetti e mockumentari social: “Stiamo tutti bene”. Biglietto 10 euro. (foto: Lo Show)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guccio! uno spettacolo-concerto sull’Opera musicale

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

guccioRoma 2 – 3 maggio 2017 Martedì e mercoledì h 21 Teatro Vascello via Giacinto Carini, 78 Guccio! uno spettacolo-concerto sull’Opera musicale di Francesco Guccini da un’idea di Giuseppe Gandini e Roberto Manuzzi con Valentina Bruscoli e Giuseppe Gandini canzoni dal vivo di Francesco Guccini eseguite da Marco Morandi, Luca Longhini e Roberto Manuzzi drammaturgia e regia Giuseppe Gandini produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello Roma
Lui e Lei, due conoscenti dei tempi dell’Università di Bologna degli anni ‘90, raccontano nel tempo dell’oggi, attraverso due paralleli monologhi interiori, la loro unica comune esperienza: aver partecipato ‘venti anni fa o giù di lì’ ad un concerto di Guccini al palasport di Bologna. Lui come fan sfegatato e speranzoso di sedurre Lei; lei completamente priva di qualsiasi conoscenza gucciniana e assai mal disposta all’evento cui deve partecipare suo malgrado, per non ferire Lui. La narrazione procede parallela e serrata, le sensazioni reciproche descritte sono intervallate e sottolineate dalle varie canzoni classiche e non del Poeta di Pavana. Il tono è quello della commedia, ilare, ma al tempo stesso sincero e profondo.
Abbonamenti: 10 spettacoli a scelta 100,00 € tra prosa, danza, musica, 5 spettacoli a scelta 60,00 € tra prosa, danza, musica, 3 spettacoli a scelta 30,00 €. Intero € 15,00 Ridotto over 65 e studenti € 12,00 Servizio di prenotazione € 1,00 a biglietto(foto: guccio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Developer Academy Apple a Napoli apre il bando per nuovi studenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

Università di Napoli “Federico II”JPGNapoli. E’ aperta la procedura di iscrizione per i giovani imprenditori e futuri sviluppatori che vogliono frequentare i corsi della prima Developer Academy in Europa offerti dall’Università Federico II in collaborazione con Apple. Sul sito http://www.developeracademy.unina.it si possono trovare le informazioni sulle modalità di iscrizione e presentazione delle candidature per l’Academy, che inizierà il suo secondo anno di attività in autunno. Le iscrizioni rimarranno aperte fino al 31 Maggio 2017.
L’Academy raddoppierà il numero di studenti accolti per il nuovo anno accademico, che avrà inizio nel mese di ottobre; saranno infatti circa 400 – rispetto ai 200 del primo anno – gli studenti selezionati, che avranno accesso alla formazione sullo sviluppo di applicazioni iOS per l’ecosistema di app più innovativo e vivace al mondo. Il programma si concentrerà sullo sviluppo di software, la creazione di start up e il design di app iOS, con un’enfasi particolare posta sulla creatività e sul processo collaborativo; l’obiettivo è dare la possibilità agli studenti di acquisire le competenze necessarie per avere successo. L’Academy si propone di attrarre studenti con curricula e interessi eterogenei; il percorso formativo è stato progettato infatti per supportare non solo individui che hanno già maturato esperienze nella scrittura di codice o di informatica, ma anche giovani interessati a settori quali design e business.
Il programma è aperto a studenti provenienti da tutta Italia e da tutto il mondo; il primo anno di corso ha ospitato studenti provenienti da Germania, Olanda, Messico e Turchia.
Apple sta facendo un investimento di diversi milioni di euro in modo da rendere il corso gratuito per tutti gli studenti. Il curriculum è stato progettato da esperti tecnici dell’azienda; gli ingegneri e i docenti del corso portano competenze eterogenee fra cui design, business e marketing, e programmazione.
Apple fornisce inoltre hardware e software per l’Academy, tra cui un iPhone e Mac per ogni studente; la struttura, inoltre, è stata appositamente progettata da Apple e dall’Università Federico II con una particolare attenzione per gli spazi di lavoro collaborativi e aperti.
L’Academy – prima in Europa – è stata inaugurata nel mese di ottobre 2016 accogliendo i primi cento studenti e altri 100 hanno iniziato i corsi a gennaio 2017, tutti selezionati fra 4000 candidati. In tre anni, 1000 sviluppatori e imprenditori studieranno all’Academy.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Udine: l’ora di economia in Cciaa

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

ora di economiaAnche quest’anno i giovani giornalisti selezionati per il Feff Campus hanno frequentato l’“ora di economia” in Camera di Commercio di Udine, ente che assieme ad altri ha sostenuto questa speciale scuola di giornalismo realizzata dal Far East Film Festival durante le giornate della manifestazione cinematografica. Il progetto formativo è coordinato da Mathew Scott (firma storica della stampa internazionale) e ha il supporto e la collaborazione anche di Europa Cinemas, Asia Times, Danieli Academy, Foreign Correspondents’ Club di Hong Kong e ASEF (Asia-Europe Foundation) di Singapore, Coop Alleanza 3.0 e Porto Piccolo di Trieste.
I giovani giornalisti provengono dall’Europa e dall’Asia: David Pountain (Regno Unito), Maja Korbecka (Polonia), Polina Zelmanova (Cipro), Barbara Sorger (Austria), Francesco Franz (Italia) Natalie Ngai Tsz-lam (Hong Kong/Cina), Paige Lim (Singapore), Megumi Arita (Giappone), Joshua Lim (Malesia). In questi giorni hanno potuto affiancare alla didattica l’esperienza “sul campo” al Festival, nell’ottica dello scambio fra media orientali e occidentali.In Camera di Commercio, accompagnati da Tom Kelland, hanno dato uno sguardo alla nostra regione, dove ora si trovano a studiare e operare, anche da una prospettiva economica. Tante le domande arrivate dai ragazzi, che con curiosità e attenzione hanno approfondito dati statistici – anche relativi alle percentuali e ai beni maggiormente esportati dal Fvg verso i loro singoli Paesi di provenienza – e i principali elementi di interscambio commerciale, di produzione, delle specializzazioni produttive delle aziende regionali e delle opportunità di sviluppo, a partire dalla cultura e dal turismo. (foto: ora di economia)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma 1 maggio: Meleo, trasporto pubblico potenziato

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

atac-romaRoma “Durante la giornata del 1 maggio il trasporto pubblico seguirà l’orario di un normale giorno festivo. Non sarà quindi prevista alcuna interruzione, così da garantire la mobilità a romani e turisti. Sono, infatti in programma numerosi eventi di vario genere e vogliamo assicurare a tutti la possibilità di parteciparvi”. Lo annuncia, in una nota, l’assessora alla Città in movimento di Roma Capitale Linda Meleo. “Il servizio delle linee della metro A, B e C sarà prolungato fino all’1.30 del mattino (ora di partenza dell’ultima corsa dai capolinea) per consentire il deflusso dal concerto in piazza San Giovanni. Rispetteranno l’orario di un normale giorno festivo anche per le ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo”, conclude.

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: I musei si raccontano

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

campidoglioRoma Lunedì, ore 11:30 Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, Via Quattro Novembre, 94
Martedì, ore 11.30 Galleria Comunale d’ Arte Moderna,Via Francesco Crispi, 24
Martedì, ore 17.00 Centrale Montemartini, Via Ostiense, 106
Martedì, ore 17.00 Museo Civico di Zoologia, Via Ulisse Aldrovandi, 18
Mercoledì, ore 11.30 Museo di Roma in Trastevere, Piazza di S. Egidio, 1b
Mercoledì, ore 17.00 Musei Capitolini, Piazza del Campidoglio, 1
Giovedì, ore 11.30 Musei di Villa Torlonia, Via Nomentana, 70
Giovedì, ore 17.00 Museo di Roma a Palazzo Braschi, Ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10
Da oggi c’è un nuovo patrimonio da scoprire: i Curatori museali. Chi sono i protagonisti del ‘dietro le quinte’ dei musei comunali? Sono domande non comuni, eppure sarà capitato a tutti di interrogarsi sul perché di una scelta allestitiva, sul come di un rinvenimento archeologico o sul quando una certa opera sia stata studiata e dunque interpretata e compresa.A questi interrogativi intende dare risposta il ciclo di incontri Curatore in sala – promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura – che prevede dal 2 maggio al 3 agosto un calendario fittissimo di offerte all’interno di alcuni musei del Sistema Musei Civici di Roma Capitale: Musei Capitolini, Galleria d’Arte Moderna, Museo di Roma in Trastevere, Musei di Villa Torlonia, Museo di Roma a Palazzo Braschi, Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali, Centrale Montemartini, Museo Civico di Zoologia.Gli incontri del Curatore in sala propongono veri e propri ‘zoom’ su aspetti della sede museale o delle opere esposte, dove i temi trattati sono molteplici – come varie sono le collezioni dei musei coinvolti. Ogni appuntamento, condotto da un curatore del museo vuole suscitare nel pubblico la curiosità nei confronti di un’opera o di un personaggio, di una vicenda legata al restauro o al rinvenimento archeologico di un reperto. Non una lezione, dunque, ma una breve chiacchierata, un piccolo approfondimento molto mirato ad un aspetto specifico della collezione. Gli incontri, ai quali si partecipa con il solo pagamento del biglietto di ingresso al museo, si svolgeranno nelle sale che ospitano le opere in oggetto. Tutti gli appuntamenti hanno cadenza settimanale e sono proposti all’interno dei singoli musei di mattina alle 11.30 oppure di pomeriggio alle 17.00. La durata degli incontri, altra novità di questa iniziativa, non supera i 30 minuti.Un vero e proprio unicum nell’offerta museale di Roma: rispetto alla visita guidata o conferenza, gli appuntamenti propongono più propriamente un “talk” nelle sale. Curatore in sala propone dunque un approccio diverso e innovativo rispetto alla tradizionale conferenza o visita guidata: senza la pretesa di esaurire il discorso sulla conoscenza dell’oggetto o del suo contesto di appartenenza, questi incontri vogliono piuttosto avvicinare il pubblico dei non esperti (e non solo) alla frequentazione del museo come luogo di conservazione e mediazione culturale di un patrimonio vario e complesso, di forte interesse sociale oltre che strettamente culturale.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aeroporto di Comiso, le scelte di Ryan Air evidenziano la crisi

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

aeroporto-di-comiso“Necessaria una riflessione seria e condivisa, al di là della propaganda, che prenda atto della crisi attuale e rilanci l’Aeroporto.La presentazione delle nuove tratte da e per la Sicilia da parte di Ryan Air, avvenuta nei giorni scorsi, ha chiarito le intenzioni della compagnia irlandese e soprattutto le sorti dell’aeroporto di Comiso.
Non solo infatti Ryan Air non ha varato alcuna nuova rotta, né nazionale, né internazionale, ma ha addirittura sottratto a Comiso il collegamento per Francoforte, trasferendolo a Catania ed indebolendo la principale rotta di collegamento con la Germania dallo scalo ibleo.” Lo scrive in una nota il deputato di Alternativa popolare, Nino Minardo.”Una decisione che, se letta anche alla luce del rafforzamento dei servizi operati da Palermo e Catania e del mantenimento di quelli operanti da Trapani, è una sorta di “de profundis” rispetto alla possibilità che Ryan Air stessa potesse diventare l’operatore di riferimento per lo scalo comisano. Né possiamo certamente attendere notizie migliori da Alitalia, la quale, già prima della crisi profonda che sta attraversando, aveva lentamente manifestato il proprio disimpegno da Comiso, diminuendo frequenze e destinazioni dei voli”, prosegue Minardo. Anche gli annunciati nuovi arrivi di compagnie aeree europee si limitano ad occasionali voli charter, per lo più da destinazioni improbabili ed assolutamente poco appetibili da un punto di vista turistico, anche in relazione alla tipologia di viaggiatori trasportati in terra iblea.Un quadro che, unito ai dati di bilancio, se letti attentamente e senza l’enfasi legata ai toni propagandistici, desta grandi preoccupazioni sulla sorte dello scalo ibleo, evidenziando, ancora una volta, come legare le sorti di Comiso a quelle della società di gestione dell’Aeroporto di Catania, rispetto a quella di Milano, abbia in maniera evidente messo in risalto tutti i suoi limiti; pensare infatti che Catania potesse avere un minimo interesse a rafforzare un potenziale concorrente che insiste sulla stessa area geografica di interesse commerciale e turistico era una semplice utopia, rivelatasi in maniera eclatante come tale.
Per tali motivi, oltre all’allarme desidero lanciare l’idea, a tutti i protagonisti della vicenda, di insediare immediatamente un tavolo tecnico che esamini l’attuale situazione dell’aeroporto, pretenda coscienza e conoscenza dei numeri veri e solo dopo, elabori una strategia coerente da sottoporre all’attenzione dei governi regionale e nazionale”, conclude Minardo.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il patron di Geox agli studenti: “La soluzione alla crisi economica?”

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

UCBM - Vista aerea campus universitarioRoma Trigoria. “La chiave per uscire dalla crisi economica? Siete voi. Per noi italiani, che abbiamo inventato tutto quello che di più bello esiste sul pianeta, vuol dire organizzarci. E per farlo occorre che il nostro attuale capitalismo industriale si trasformi in capitalismo culturale. Meno cemento e più investimenti in scuola e cervelli umani. È il grande messaggio che il nostro Paese ancora stenta a recepire. E siete voi a doverlo urlare al nostro establishment arretrato”. È quanto ha detto Mario Moretti Polegato, Presidente di Geox, incontrando oggi studenti, dipendenti e docenti dell’Università Campus Bio-Medico di Roma nell’Aula Magna dell’Ateneo. L’incontro è stato organizzato nell’ambito del progetto Job Space, contenitore aperto a lectures e momenti di confronto periodici per promuovere la diffusione della cultura del lavoro, dell’innovazione e del networking sia all’interno che all’esterno di UCBM. A introdurlo il pro-Rettore alla Formazione Universitaria, Simonetta Filippi, che ha sottolineato l’importanza di “ascoltare un’esperienza di successo e coraggio nel lavoro, che ha saputo superare barriere per diffondersi a livello globale”.A capo di un gruppo imprenditoriale in grado di rivoluzionare il mondo delle calzature, Moretti Polegato ha raccontato quando e dove è nata l’intuizione che lo ha reso famoso: “Vengo da una famiglia trevigiana di produttori di vino – ha detto – ed a metà degli anni Novanta ero andato in Nevada a negoziare con vari importatori. In quel contesto, ho deciso di fare una passeggiata nel deserto. Avevo scarpe con la suola di gomma e faceva molto caldo. I miei piedi soffrivano. Con me, in tasca, avevo un coltellino. Così ho deciso di fare un buco nella suola destra e uno in quella sinistra, realizzando una ventilazione”.
Ma l’intuizione non è rimasta nel cassetto. “Tornato in Italia – ha sottolineato Moretti Polegato – anziché buttare quelle scarpe, ho cercato di capire se ne esistessero con quella miglioria: nulla”. Da lì, mille tentativi per realizzare un prodotto che consentisse ai piedi di respirare, senza metterli a contatto con acqua o altro. “Grazie alla ricerca ho scoperto un materiale, una speciale membrana prodotta in USA, impermeabile all’acqua e che però respira. Veniva usata per le tute degli astronauti. Ho chiesto e ottenuto un brevetto e poi per tre anni ho offerto questa tecnologia a tutte le più grandi compagnie di produzione di scarpe al mondo”. Quando ha capito che non erano interessate, non si è scoraggiato, ma ha deciso di inserirsi in prima persona nel mercato. “Eravamo in 4, poi siamo diventati 40, quindi 400, dopo 4mila. Oggi in Geox lavorano 30mila persone, tra dipendenti diretti e indiretti”.Il patron di Geox ha evidenziato come “la mia esperienza la può ripetere ognuno di voi: basta avere un cervello e quindi la capacità di creare, non solo scarpe, ma qualsiasi cosa. Ma dovete capire il significato del termine ‘innovare’”. Che per Moretti Polegato è basato essenzialmente su tre elementi: “Innanzitutto, creare o modificare in meglio qualcosa. In questo, noi italiani siamo da sempre maestri. Ma poi occorre registrare l’idea, perché altrimenti te la copiano tutti. Si chiama brevetto, una cosa che nel nostro Paese è ancora un tabù. E, quindi, continuiamo ad avere americani che vengono a Napoli, assaggiano il caffè espresso e poi aprono 15mila Starbucks o che mangiano la pizza e registrano un marchio con migliaia di negozi di pizza sparsi nel mondo”. Il terzo fattore-chiave per avere successo nell’innovazione è la sperimentazione. “In un Paese di piccole e medie imprese, chi ha i soldi e il know-how per fare ricerca?”, ha chiesto, aggiungendo subito: “Ci sono i centri studio, i politecnici, le università. Per questo, qualche giorno fa in Confindustria ho proposto di portare più professori nelle aziende e più industriali negli atenei. Solo così possiamo rinnovare l’Italia. Non invento nulla, negli Stati Uniti si fa così da sempre. Basta che i nostri responsabili del sistema-formazione siano interessati…”.Secondo Moretti Polegato, il futuro dell’Italia “di fronte a una situazione così drammatica non sono certo i 50-60enni. Siete voi. Dovete capire che è finito il tempo delle ‘spintarelle’, perché oggi il principio internazionale è che una persona vale per quello che sa. Rispetto a questo, invece, nel nostro Paese c’è ancora una mentalità arretrata, la stessa che si può vedere nelle lamentele di molti talk-show televisivi o leggere sui giornali”. In un mondo fortemente competitivo e globalizzato, secondo il patron di Geox “non dobbiamo permettere agli stranieri di rubarci le nostre caratteristiche. Ma dobbiamo vendere loro i nostri progetti. Non dobbiamo più esportare prodotti o fabbriche, ma progetti”.L’ospite del Job Space UCBM ha fatto anche un cenno alla geopolitica globale: “Sono membro del World Economic Forum di Davos – ha spiegato – che da 30 anni si svolge nella seconda settimana di gennaio. Per me è un’ottima opportunità per intuire come potrà andare l’annata economica. Finora si è sempre puntato sulla globalizzazione, l’unificazione. Quest’anno, per la prima volta, si è parlato della divisione dei popoli. I cinesi, con il loro presidente, hanno detto: noi siamo il futuro del mercato. Mi sono chiesto: possiamo affidarci a un fondamento comunista di base nell’industria? Dall’altra parte, però, ci sono gli americani, che non si sono neppure presentati perché hanno intrapreso politiche protezionistiche. Ora, se davanti a Cina e Usa, giganti economici mondiali contrapposti, non esiste un’Europa forte che fa da cuscinetto, che cosa succederà?”.
Rispondendo a una domanda del pubblico, il fondatore di una tra le più importanti realtà imprenditoriali italiane ha svelato un piccolo ‘segreto’ sui piani futuri della propria azienda: “Investiamo continuamente in innovazione. Abbiamo sviluppato una novità tecnologica traspirante anche per le suole in cuoio e per le giacche. Ma abbiamo già in cantiere altre 60 nuove idee e progetti, che formeranno il nostro asset del futuro. Tutto sviluppato attraverso la formazione interna delle nostre persone”.
Prima dei saluti di ringraziamento di Paolo Arullani, Presidente della Rome Biomedical Campus University Foundation, che ha consegnato a Moretti Polegato una targa in ricordo della sua presenza in Ateneo, il patron di Geox ha fatto gli auguri agli universitari che lo hanno ascoltato, chiudendo con l’auspicio per tutti “anche di un colpo di…fortuna, com’è stato per me. Perché pure quella non deve mancare”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Discarica Le Lame, avanti con la soppressione

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

frosinoneFrosinone. Nell’ultima seduta della giunta Ottaviani, è stata approvata la richiesta di finanziamento da proporre alla Regione Lazio e al Ministero per l’ambiente, sulla scorta delle manifestazioni di interesse pervenute da parte di privati, che intendono riqualificare il sito della ex discarica di via Le Lame. Sull’area, sono presenti attualmente circa 650.000 metri cubi di rifiuti solidi urbani, corrispondenti a circa 70.000 tonnellate di materiale in buona parte mineralizzato, risalente nel tempo, in parte, anche a 20 anni fa. Purtroppo, però, come è emerso anche dalla consulenza tecnica redatta dai professionisti incaricati dalla Procura della Repubblica di Frosinone, l’area attorno alla discarica risulterebbe contaminata, molto probabilmente dal percolato che rischia di finire all’interno del corso d’acqua, distante dall’invaso principale pochi centinaia di metri. È questo il motivo per il quale il sindaco Nicola Ottaviani ha chiesto all’ufficio tecnico di interrompere il progetto di cinturazione idraulica, in atto da circa 10 anni, che non avrebbe sortito gli effetti sperati, optando per la nuova soluzione condivisa con l’autorità giudiziaria, ossia la totale eliminazione dei rifiuti presenti sull’area, con la procedura del landfill, già attuata in altre realtà similari a livello europeo. Le proposte elaborate dai privati, che riceverebbero in parziale compensazione dall’amministrazione comunale anche la possibilità di acquisire la proprietà di un’area, da riconvertire in commerciale o servizi, presuppongono, però, un impegno finanziario complessivo oscillante tra i 40 e i 60 milioni di euro. A questo proposito, a seguito del recente reinserimento del sito all’interno della tipizzazione di interesse nazionale, il Ministero dell’ambiente e la Regione Lazio potrebbero, ora, finanziare l’operazione di riqualificazione ambientale, supportando finanziariamente il quadro economico che, diversamente, non potrebbe risultare alla portata di alcun Comune della Penisola. “Con la richiesta di finanziamento approvata dalla giunta – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – stiamo cercando di dare attuazione pratica al principio espresso dalla nostra legislazione, secondo il quale chi inquina, paga. I rifiuti presenti sul sito dell’ex discarica, infatti, provengono solo in parte dal Comune di Frosinone, mentre in dosi massicce vennero veicolati a Frosinone da mezza Italia quando, molti anni fa, altri Comuni ebbero la forza di opporsi alle decisioni romane di Regione e Ministero. In realtà, stiamo cercando semplicemente di ripristinare un equilibrio ambientale e territoriale danneggiato da altri enti per troppi anni”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Defending Europe to Defend Real Sovereignty/Défendre l’Europe pour défendre la vraie souveraineté

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 maggio 2017

europeThe presidential campaign in France illustrates the extent to which the central issues of the debate all have a dimension which is at least as European as it is national: economic uncertainty, terrorism, migration crisis, climate challenge, rise in populist and extremist discourse, the role of France and Europe in the new global “disorder”.
In this Policy Paper, Thierry Chopin, research director of the Fondation Robert Schuman, analyses the need of a clear political project, without going back to the “Europe of the past” and without coming to terms with national retrenchment.
1. The ineffective and perilous gamble of going back to the “Europe of the past”
The European Union is facing major challenges (financial and economic crisis, terrorism, migration crisis, Brexit, rise in populism and extremism) which expose its weaknesses, in particular in several sovereign areas. In-depth reforms are necessary, and national retrenchment will bring about more new problems rather than real solutions.
2. “Sovereign Europe”: a new political project for the EU
After peace and the market, the current European situation involves putting forward a clear political message on what the EU’s foundations are and its legitimacy in dealing with the present challenges. This means identifying the collective objectives that unify Europeans, and the common interests and goods that require common action (currency, financial stability, control of the EU’s external borders, foreign and security policy, etc.). In these areas, the EU and its member states must jointly exercise sovereign powers. Coordination of member states’ resources must be enhanced in order to tackle the current challenges, both on a European level (justice, police, intelligence, the fight against terrorism) and an international level (diplomacy, defence).
3. The importance of the method: working towards a “differentiated” Europe
Given the joint exercise of sovereign prerogatives that this project implies, it is not likely that it could bring together all EU member states, at least not initially. All future EU policies cannot concern all member states in the same way, which must result in cooperation being negotiated between States in order to make progress in certain areas. This is what the “differentiated” Europe project proposes.
Differentiation is, however, criticised and may give rise to some risks if deployed poorly. It is therefore of the utmost importance to ensure that differentiated integration is an open process and that, should it be subject to conditions (as is participation in the Eurozone), this is legitimate and transparent.
La campagne présidentielle en France montre à quel point les thèmes au cœur du débat présentent tous une dimension au moins autant européenne que nationale: incertitude économique, terrorisme, crise migratoire, défi climatique, montée des discours populistes et extrémistes, place de la France et de l’Europe dans le nouveau « désordre » mondial.
Dans ce Policy Paper, Thierry Chopin, directeur des études de la Fondation Robert Schuman, analyse la nécessité d’un nouveau projet politique clair, sans retourner à « l’Europe d’avant », ni se résoudre au repli national.
1. Le pari inefficace et risqué du retour à « l’Europe d’avant »
L’Union européenne est confrontée à des défis majeurs (crise financière et économique, terrorisme, crise migratoire, Brexit, montée des populismes et des extrémismes) qui exposent ses faiblesses, notamment dans plusieurs domaines régaliens. De profondes réformes sont nécessaires, et le repli national apportera plus de nouveaux problèmes que de réelles solutions.
2. Une « Europe régalienne » : un nouveau projet politique pour l’Union
Après la paix et le marché, la situation européenne actuelle suppose de porter un message politique clair sur ce qui peut fonder l’Union et sa légitimité face aux défis actuels, en identifiant les objectifs collectifs qui unissent les Européens, les intérêts et les biens communs qui requièrent une action commune (monnaie, contrôle des frontières extérieures de l’UE, politique étrangère et de sécurité, etc.). Dans cette perspective, l’UE et les États membres doivent exercer en commun des compétences de souveraineté et coordonner leurs actions à l’échelle européenne et internationale.
3. L’importance de la méthode : vers une Europe «différenciée». Compte tenu du partage de l’exercice en commun de prérogatives régaliennes que ce projet implique, il est peu probable qu’il puisse rassembler — au moins dans un premier temps — l’ensemble des États membres de l’UE. L’ensemble des politiques à venir de l’Union ne peut pas concerner de la même manière tous les États membres, ce qui doit conduire à négocier des coopérations entre États pour progresser dans ces domaines. C’est le fameux projet d’Europe « différenciée ». La différenciation fait néanmoins l’objet de critiques et peut présenter en effet un certain nombre de risques si elle est mal utilisée. Il est donc indispensable de s’assurer que l’intégration différenciée est un processus ouvert et que, si elle fait l’objet d’une conditionnalité (comme dans le cas de la participation à la zone euro), celle-ci est légitime et transparente. (foto. europe)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »