Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica

Posted by fidest press agency su sabato, 13 maggio 2017

emanuele bartolettiRoma Congress Centre Rome Cavalieri Walford Astoria Hotels & Resort cia Cadlolo 101. Ha preso il via il 38esimo congresso della Società Italiana di Medicina Estetica, quest’anno puntato sulle strategie d’intervento per garantire una terza età con un fisico al passo con una buona salute. “Sta nascendo un vero e proprio ‘movimento culturale’ – sottolinea il presidente Sime Emanuele Bartoletti – che parte da un presupposto molto semplice: non si possono curare pazienti di 70 anni con gli stessi interventi che si praticano a 40”. Ecco allora l’utilizzo di tecniche totalmente nuove e sperimentazioni di nuovi farmaci e sostanze che hanno un’indicazioner specifica per il paziente adulto. “E’ ovvio che la biostimolazione praticata ad una settantenne non potrà avere le medesime caratteristiche di quella per una giovane trentenne – precisa Bartoletti – perchè il derma a quell’età reagisce in maniera molto diversa da quella di una giovane, come anche l’attività fisica consigliata ad una ragazza è ben diversa da quella di una signora over 65”. Il congresso Sime è ormai un punto di riferimento a livello internazionale per la comunità della medicina estetica, che cosa gli ha conferito questa centralità?
Sicuramente la qualità dei partecipanti e il respiro internazionale sono fattori importanti, riguardo a quest’ultimo punto ci tengo a sottolineare che il congresso sarà “bilingue” come gli anni scorsi – si parlerà cioè inglese e italiano – e addirittura durante una sessione di lavoro ci dovremo avvalere di traduzioni in russo. Questo ci ha portato quest’anno a ricevere un gran numero di abstract, 511: un numero record mai raggiunto. Ma il vero punto credo sia un altro: nel 99 per cento dei casi i medici estetici lavorano da soli nel proprio ambulatorio o nel proprio studio per cui il confronto con l’esterno non è molto frequente nè facile. Il nostro congresso è un’occasione per raccontare la propria esperienza e confrontarla con quella di altri. Secondo me è un momento fondamentale per la crescita clinica e professionale di tutti i medici estetici di un certo livello.
Il titolo ‘La nuova età del benessere – il progresso della medicina estetica rigenerativa’ allude al tema principale del congresso, ovvero la gestione del paziente in età avanzata in medicina estetica. Perché è stato scelto questo argomento?
Perché si prende atto di un cambiamento: l’aspettativa media di vita è in aumento e si fortunatamente si invecchia sempre meglio in salute, quindi è giusto voler curare anche il benessere psicofisico, attualmente tutti noi abbiamo pazienti di 83/84 anni che vengono regolarmente per cui è ovvio che imparare a gestirli è una cosa estremamente interessante. Tuttavia è ovvio che non si possano trattare pazienti di 70 anni come si trattano quelli di 40, per cui si sta creando un vero e proprio movimento culturale nuovo attorno alla medicina estetica eche indaga nuove tecniche, nuovi farmaci, e delle nuove sostanze che possono essere utilizzate: la biostimolazione che si può fare in un paziente di 30 anni non avrà le stesse caratteristiche di quelle che si può fare in un paziente di 70 anni perché il derma avrà una capacità di reazione completamente diverse rispetto a quelle che ha un cellulite-centro-medicina-estetica-roma-centroderma giovane. Durante la ricchissima sessione dedicata alla terza età, si prenderanno in esame sia le modalità d’invecchiamento cerebrale che le modalità di invecchiamento ormonale quindi quello che si può fare per prevenirle e correggerle. Si terrà conto delle specificità di genere e, per quanto riguarda la donna, si parlerà di post menopausa, un periodo della vita con caratteristiche ben precise anche da un punto di vista sessuale, ambito nel quale la medicina – non solo estetica ma anche funzionale -offre numerose soluzione per continuare ad avere un’attività sessuale sana e soddisfacente il più a lungo possibile. Ovviamente l’altro punto fondamentale del congresso è la medicina rigenerativa che come tutti gli anni ci riserva delle belle sorprese, ad esempio scoprendo nuove potenzialità delle cellule staminali, del tessuto adiposo o delle piastrine. Quest’anno inoltre ci sarà un corso precongressuale di medicina rigenerativa che avrà come ospite d’onore Guy Magalon che è un opinion leader sulla medicina rigenerativa a livello mondiale. Ma non si parlerà solo di questo…
Quali sono gli altri argomenti?
Ci sono le sedute istituzionali, dove si potranno ascoltare opinion leader riconosciuti in tutto il mondo dibattere su temi importanti in medicina estetica, ad esempio ‘come ottenere il massimo risultato con il minimo trattamento’ raggiungendo quindi risultati più naturali con meno effetti collaterali e complicanze. Poi abbiamo una sessione molto interessante sulla cellulite, sulla quale sono state recentemente fatte nuove ricerche scientifiche che forse ci consentiranno un migliore inquadramento di questa patologia, che è molto comune ma su cui ancora non c’è convergenza di opinione soprattutto per quanto riguarda i trattamenti. Ci sarà poi una sessione sulla staffetta medico-chirurgica che servirà a tracciare un percorso che va dalla prevenzione fino alla correzione chirugica, e poi dopo ancora fino alla medicina estetica per consentire al paziente di arrivare a 80/90 anni in condizioni perfette. Avremo quindi una sessione fondamentale sul rilassamento della cute, che soprattutto a livello del corpo è un argomento molto trattato in medicina estetica ma attualmente ben pochi sono i rimedi che sono stati trovati, e la più parte lascia il tempo che trova. Forse una strada percorribile è quella delle metodiche combinate, sempre però facendo la massima attenzione al benessere del paziente. Si affronteranno inoltre le complicanze dovute alla medicina estetica Verranno poi presentate le novità: nuovi filler, una sostanza in grado di ridurre il grasso sottomentaliero con semplici iniezioni e sulle nuove applicazioni della tossina botulinica, farmaco dalle fortissime potenzialità che ogni 3/4 mesi si rivela adatto per nuove e inaspettate indicazioni terapeutiche. Ma gli argomenti non sono finiti: si discuterà della rimozione dei tatuaggi, delle peculiarità della medicina estetica maschile – troppo poco considerate purtroppo, tant’è che spesso in giro si vedono veri e propri disastri dovuti a trattamenti non idonei e tarati sulle caratteristiche anatomiche femminili – fino ad arrivare alla medicina estetica sociale che s’inserisce nei reparti di oncologia, in modo da migliorare la sopportazione di terapie spesso molto aggressive da parte dei pazienti. Sarà poi presentato da Raimondo Cagiano de Azevedo dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma e da Cinzia Castagnaro dell’Università telematica ‘Guglielmo Marconi’ nell’ambito del Congresso un lavoro sui nuovi cicli della vita in Italia, un’opera che fornirà numerosi dati estremamente interessanti per capire i cambiamenti della popolazione italiana dal 1931 ad oggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: