Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 229

Archive for 18 maggio 2017

Laurea honoris causa in Biologia al professore Maurizio Brunori

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

Maurizio BrunoriMaurizio Brunori2Roma Ieri nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università Roma Tre, si è svolta la cerimonia per il conferimento della laurea honoris causa in Biologia per la ricerca molecolare, cellulare e fisiopatologica al professore Maurizio Brunori. Il professor Brunori ha svolto ricerche fondamentali di rilevanza mondiale relative alla struttura, alla funzione e all’evoluzione delle proteine, con particolare riguardo alle metalloproteine coinvolte nel trasporto e nell’attivazione dell’ossigeno molecolare, nel trasferimento di elettroni e nella trasduzione dell’energia. Inoltre, ha rappresentato un riconosciuto riferimento internazionale per lo studio della dinamica strutturale di proteine. Particolarmente rilevante è stato anche il suo contributo al chiarimento delle basi molecolari della patogenesi delle malattie neurodegenerative. Infine, di particolare pregio è stato anche il suo apporto nello sviluppo delle metodologie di cinetica rapida e di spettroscopia delle macromolecole.«L’impegno e la ricerca del prof. Brunori si è svolta in un campo molto ampio e di grande rilievo è stata la sua produzione scientifica in un ambito estremamente importante, quello che si potrebbe chiamare “Scienze della Salute”», ha dichiarato il rettore, Mario Panizza, nella sua allocuzione.Il professor Brunori ha quindi tenuto la sua lectio magistralis dal titolo “Malattie neurodegenerative ed invecchiamento della popolazione”, preceduta dalla laudatio di Giovanni Antonini, professore ordinario di Biologia Molecolare del Dipartimento di Scienze di Roma Tre. A seguire, si è svolto il simposio Proteins, the Molecular Machines of Life al quale hanno partecipato relatori di fama internazionale. (foto: Maurizio Brunori)

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

All’Istituto Regina Elena meeting di esperti in ricordo di Fabrizio Caroli

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

ospedale regina elenaRoma 18 -19 maggio ore 9 Centro congressi multimediale Ifo Via Fermo Ognibene 23. L’avanzamento delle conoscenze nel campo della neuro-oncologia procede costantemente, tanto che negli ultimi 15 anni la percentuale di sopravvivenza dei pazienti colpiti da un tumore al sistema nervoso centrale è a 5 anni, ed è cresciuta del 5%, di pari passo con il progresso delle tecnologie diagnostiche e delle potenzialità terapeutiche, aprendo nuovi percorsi per il trattamento dei principali oncotipi del sistema nervoso.
La lotta ai tumori del sistema nervoso centrale è quindi faticosa ma non si arresta. Imaging intraoperatorio, nuove potenzialità del trattamento chirurgico, avanzate tecniche di radioterapia, farmaci di ultima generazione sono le novità che gli esperti discuteranno a Roma all’Istituto Regina Elena. Coordinatori dell’evento clinico scientifico sono Carmine Carapella, Responsabile della Neurochirurgia IRE, Andrea Pace, Responsabile della Neurologia IRE e Giuseppe Sanguineti Responsabile della Radioterapia IRE.I tumori neurologici costituiscono un importante problema sanitario sia in termini di gravità delle conseguenze cliniche per il paziente, sia per le difficoltà nella diagnosi e nelle terapie integrate che incontrano i ricercatori e i clinici, con tassi di sopravvivenza globale a 5 anni che in Italia si collocano intorno al 25 %, con una forte caduta nelle prospettive di sopravvivenza nei pazienti al di sopra dei 40 anni.
“Fondamentale in un campo così difficile – spiegano Carmine Carapella, Andrea Pace, e Giuseppe Sanguineti – è la reale integrazione dei vari specialisti impegnati, così da creare quotidiane occasioni di collaborazione e di interscambio di conoscenze e competenze. Organizzare questa riunione, infine, ci è sembrato il modo migliore per ricordare Fabrizio Caroli, un collega e un amico che ha dedicato tanta parte della sua attività professionale allo studio di nuove strategie chirurgiche nel campo dei tumori spinali, alla messa a punto di strumentazioni innovative, ed anche alla formazione di tanti giovani neurochirurghi.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antonio Tajani incontra Guterres segretario generale delle Nazioni Unite

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

antonio guterresStrasburgo. Su invito del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha tenuto oggi un discorso davanti alla plenaria del Parlamento europeo. Prima del suo intervento, il Segretario generale ha avuto un incontro bilaterale con il Presidente Tajani. Al centro dei colloqui, la necessità di rafforzare la cooperazione tra Unione europea e Nazioni Unite per affrontare le sfide globali. All’apertura del dibattito in plenaria con il Segretario generale delle Nazioni Unite, il presidente Tajani ha dichiarato:“I nostri cittadini si aspettano un’Europa che faccia sentire con forza la sua voce e sia più efficace nell’affrontare le crisi mondiali. Non possiamo girarci dall’altra parte d’innanzi ai massacrati in Siria, all’emergenze alimentare in l’Africa, a donne e bambini vittime di mercanti di schiavi, alle migliaia di disperati che muoiono nel deserto o nel Mediterraneo. Non possiamo restare indifferenti alle crescenti violazioni dei diritti fondamentali.Oggi più che mai, è necessario lavorare insieme per dare risposte ai nostri cittadini su instabilità, terrorismo, radicalizzazione, gestione dei flussi migratori, cambiamento climatico, povertà, disoccupazione.Nazioni Unite e Unione Europea sono nate entrambi dalle ceneri del conflitto mondiale, condividono gli stessi valori e perseguono lo stesso obiettivo: promuovere la pace e la prosperità attraverso la cooperazione multilaterale”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Online Abortion Service Women on Web: a vital alternative

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

dublinoDublino. A new scientific study published today in the BMJ shows that telemedical abortions are highly effective. The study was conducted by researchers from the University of Texas in Austin, Princeton University and the University of Edinburgh. They looked at the data of 1,000 women in Ireland and Northern Ireland who used the service of Women on Web. Women on Web is an online service of telemedicine initiated ten years ago by Women on Waves. Women living in countries where access to safe abortions is restricted can use it to access information and be referred to a medical doctor to receive a medical abortion The results provide the best safety evidence to date for self sourced medical abortion through telemedicine – and have important implications for millions of women worldwide, say the researchers.About a quarter of the world’s population lives in countries with highly restrictive abortion laws. Globally, each year an estimated 43,000 women die as a result of lack of access to safe legal abortion services through their countries’ formal healthcare systems. Millions more have complications.Yet little is known about the safety and effectiveness of medical abortion provided through online clinics.So a team of international researchers led by Abigail Aiken at the University of Texas, analysed self reported outcome data submitted to a telemedicine clinic by 1,000 women four weeks after receiving and using the drugs mifepristone and misoprostol to end an early pregnancy.
Almost 95% reported successfully ending their pregnancy. Seven women (0.7%) reported receiving a blood transfusion and 26 (2.6%) reported receiving antibiotics. No deaths were reported.Ninety three women (9.3%) reported experiencing any symptom for which they were advised to seek medical attention and, of these 87 (95%) sought attention. None of the five women who did not seek medical attention reported experiencing an adverse outcome.
“For the millions of women worldwide living in areas where access to abortion is
restricted, the findings show the vital role played by self sourced medical abortion in
providing an option with high effectiveness rates and few reported adverse outcomes,” they conclude.In a linked editorial, researchers in Canada say, while findings from self reported data must always be treated with some degree of caution, these “reassuring study data support growing calls for reform.” They point out that repeal of legal restrictions “would support the safest and most equitable abortion care for women in Irish jurisdictions. Until then, for the first time in history, women of all social classes in a legally restricted yet high resource setting have equitable access to a reasonable alternative: medical abortion guided by physicians through telemedicine,” they conclude.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

High Net Worth Marketing, a tailored approach

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

londonLondon. The word exponential is often used to describe the pace of technological change which has come to define the world we live in. And with new technologies such as artificial intelligence, 3D printing and virtual reality only just warming up, the pace is unlikely to let up. In this environment is it easy to become convinced that, when competing in a global marketplace, speed is the greatest of virtues. Indeed, in The Great Acceleration, author Robert Colvile argues that speed has become the defining feature of the modern economy, the driving force behind wealth creation in the 21st century.The High Net Worth (HNW) marketing space is no exception and here also, the trend is towards speed, automation and algorithms. Some companies now use machine learning and natural language processing to target their HNW marketing. Even HNW financial advice is now being automated by companies looking to stay ahead of the technological curve and increase market share.
A recent survey from the CFA (Chartered Financial Analyst) Institute found that, contrary to prevailing trends, while 70% of respondents agreed that automation would bring benefits, a majority still preferred some degree of human interaction.Automated marketing can also sometimes find itself on the wrong side of the fine line between mass electronic communications and spam. While approaches based on machine learning and other emergent technologies can be useful in building initial relationships, the simple act of clearing cookies has the potential to reset the system – in effect undoing any relationship and sending a marketing campaign back to square one.There are also policy dimensions to consider. Recently a whole host of organisations have pulled advertising from YouTube following the discovery that the marketing campaigns into which they have poured a great deal of time, energy and finance, are running alongside extremist videos which have been uploaded to the site2. To a large extent governments and policy makers are engaged in a constant game of catch up when it comes to new technologies. For a HNW marketing campaign that finds itself promoted alongside a video glorifying extremist causes however the damage is already done, irrespective of whatever the government policy might be towards managing these issues.
Another problem posed by the one-size-fits-all approach to HNW marketing is that those who fall into the HNW and Ultra-HNW categories are an increasingly diverse and transnational demographic. There is now a broad spread of HNW individuals, spread both geographically, generationally and socially. Whether it’s industrial magnates from China, energy bosses from Russia or 20-something tech entrepreneurs from Silicon Valley, the days when HWN individuals could be easily categorised or understood as a homogeneous mass are long-gone.
The tastes and habits of this group are just as diverse and as a result patterns of luxury consumption are changing. The trend is away from mass produced items and towards individually created and bespoke products. Indeed, as Margaret Wolhunter of luxury brand strategists The Partners has argued: “Luxury can begin for the individual with a special interest which can become a passion – investing which can focus more on craftsmanship, limited editions and one-off items.”Is there a balance to be struck then between making the most of what new technologies allow when it comes to HNW marketing, while also remembering that those you are targeting are diverse and discerning individuals?For example, SKS Media has built a business around a granular, one-by-one approach which treats each campaign and each client individually. The focus of each campaign always remains very simple: return on investment. While the trend in HNW marketing is often towards expensive events and brand awareness campaigns, the returns on these significant expenses can often be ephemeral. This is why an established agency remains focused on tangible returns which actually grow a client’s business. And while, in a sped-up and interconnected world, this might feel like swimming against the tide, there are growing numbers of people willing to question the narrative that tech is always best. Snapchats recent $29 billion IPO (despite the company having never made a profit) have led many to speculate that we are in the midst of a tech bubble akin to the dot-com bubble of the late 90’s.John Winters, Director at SKS Media’s Singapore office, says: “Technology gives anybody working in the HNW marketing space a whole range of exciting tools with which to better develop and reach out to new audiences. The HNW market is increasingly diverse and increasingly global however and this makes it increasingly difficult to develop systems or approaches which can be applied to this audience as a whole.”The key to HNW marketing is relationships and while working with new technologies needs to be part of the mix for anybody looking to make an impact, there is still a preference in this audience demographic for a more traditional approach focused on ROI, detailed bespoke campaigns and personal attention to relationships.”Highly targeted campaigns, adapted for a range of mediums from broadcast, direct response, networking, events and digital, usually prove to be the most effective. So, when looking at tech trends and the possibilities they promise, the lesson for HNW marketers has to be, don’t not believe all the hype, but take it with a pinch of salt. Or is that silicon?!”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

$1Million Al-Sumait Prize For African Development Nominations Deadline Extended to end of July for Education Prize

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

Al-Sumait PrizeKuwait City, Kuwait. Kuwait’s Al-Sumait Prize for African Development has announced an extension for nominations for its 2017 award for education to the end of July 2017. Applications for the prize need to be received by Al-Sumait’s Prize office no later than July 31, 2017.The aim of Al-Sumait’s Education Prize is to recognise pioneering contributions to education across Africa, said Dr. Adnan Shihab-Eldin “Al-Sumait’s 2017 Education Prize is open to individuals and organizations delivering pioneering contributions across the education spectrum in Africa,” said Dr. Adnan Shihab-Eldin, Director General of the Kuwait Foundation for the Advancement of Sciences (KFAS), which administers the prestigious prize.Dr. Adnan Shihab-Eldin said the aim of the prize is to recognize efforts to improve access throughout the African continent to basic or advanced education, boost literacy and decrease dependence of children’s education on the socio-economic status of their parents.
Key conditions for the prize include being able to demonstrate research work or projects that are innovative and have achieved high-impact in line with the international standards established for the prize. The nomination form can be found at Dr. Shihan-Eldin said the one million dollar Al-Sumait’s Education award will build on the success of the recently awarded Al-Sumait 2015 Health and 2016 Food Security awards in creating a legacy of solid transformation in the lives of countless underprivileged individuals and societies. Al-Sumait’s education prize aims to recognise efforts to further educational development in Africa at all levels, from basic school through university and beyond.“The winners of Al-Sumait’s 2015 health and 2016 food security awards demonstrated initiatives of paramount importance in promoting significant economic, social, human resources and infrastructure development in the African continent. Now educationalists have their opportunity to put forward their innovative work and projects to furthering development in Africa,” said Dr. Shihab-Eldin.Initiated in 2013 by His Highness Sheikh Sabah Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, the Al-Sumait Prize for African Development is designed to reward innovative and inspiring initiatives and research by individuals and organizations that address the challenges facing the African continent. The award recognizes and honors individuals and institutions who help advance economic and social development, human resources development and infrastructure in Africa.(photo: Al-Sumait Prize)

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: Budget and luxury hotels expected to give highest returns and best prospects

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

catella10The new Catella Market Tracker, The European Hotel Market, shows a clear shift in the structure of hotels in recent years – the budget and luxury segments are the two winners from this development. In 2016, approximately EUR 17.8 billion was invested in the hotel asset class, and growth is expected in almost all European countries, especially Spain, Germany, Austria, Ireland and Sweden.The increasing connection of destinations through transport links, the global emergence of an Asian middle class with a high willingness to spend, and changed social preferences in terms of exotic locations, length of holidays, entertainment and individualisation all illustrate the strong attraction of the tourism sector.In this structurally growing market, the established hotel asset class is a key element of portfolio diversification, putting it increasingly at the focus of investor attention. Germany is the most popular European investment location for hotel properties, with a transaction volume of EUR 4.4 billion last year, followed by the UK. Of the European transaction volume in 2016 of EUR 17.8 billion, EUR 10.6 billion was invested in single-asset deals.“However, we assume the transaction volume for specific countries is likely to be well above this, due to the substantial systemic lack of market transparency due to single deals,” says Dr. Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella, explaining the challenges of the semi-transparent market.“No uniform certification system exists for European hotels, which complicates comparisons between countries. Secondly, some of the new providers avoid classification, claiming “We are the benchmark, including a cool brand,” continues Beyerle.Also, for better or worse, online travel agencies (OTAs), complemented by metasearch engines, determine occupancy rates, or rather economic success. Nevertheless, Catella still sees no really disruptive threat to the European hotel market from sharing portals.
In general, it can be noted that positive growth will be generated in nearly all countries, with Spain, Germany, Austria, Ireland and Sweden set to benefit most. Budget and luxury hotels will be the most investor-friendly hotel types, with the highest returns and best prospects.The complete Catella Market Tracker, The European Hotel Market, is now available at catella.com/research.

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I dati dell’Istat confermano il disastro della politica economica italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

istat“Ha poco da esultare il ministro Padoan. I dati dell’Istat confermano il disastro della sua politica economica. L’Italia cresce nel primo trimestre del 2017, rispetto al trimestre precedente, dello 0,2%, mentre la media dell’eurozona è dello 0,5% (più del doppio) e addirittura la Germania cresce dello 0,6% e la Spagna dello 0,8% (rispettivamente il triplo e il quadruplo).
Altro che previsioni in linea con le attese. Di questo passo sarà difficile che l’Italia raggiunga quell’1,1% di crescita del Pil auspicato dal governo per il 2017, tanto più che il debito, in continuo aumento (a marzo 2017 al livello più alto della storia, pari a 2.260 miliardi di euro), rappresenta una zavorra sempre più pesante per i nostri conti pubblici Allo stesso modo, il ministro Padoan ha già perso, ma non è per noi una novità, il suo braccio di ferro con la Commissione europea per il dimezzamento dell’aggiustamento dei conti richiesto al governo italiano a ottobre. Non basta la ‘manovrina’ in discussione in questi giorni in Parlamento: in autunno servirà una correzione dei conti di circa 30-40 miliardi, che il governo andrà a chiedere, come sempre, agli italiani.Altro che riduzione della pressione fiscale: saremo ancora una volta chiamati a tirare la cinghia per pagare le mance elettorali e i bonus di più di tre anni di governi Renzi-Gentiloni”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europe de l’Énergie: une chance pour les Français

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

paris

Paris. Parmi les nouvelles frontières de l’intégration européenne, il y en a une qui avance : l’Europe de l’Énergie, certes incomplète et imparfaite, mais réelle et bénéfique. Dans cette tribune, Yves Bertoncini, directeur de l’Institut Jacques Delors, et Thomas Pellerin-Carlin, chercheur à l’Institut Jacques Delors, analysent les réussites et les avancées de l’Europe de l’Énergie, qui vise à assurer la sécurité énergétique de l’Europe, combattre le dérèglement climatique et maîtriser la facture énergétique en créant une véritable politique énergétique commune. Parmi les succès marquants de l’Europe de l’Énergie, on compte: la réduction des émissions de gaz à effet de serre en Europe, qui protège les Français d’un déréglement climatique catastrophique;
l’amélioration de l’efficacité énergétique, ce qui rend le continent plus indépendant et permet aux Européens de gagner du pouvoir d’achat;
le rapprochement de l’objectif de 20% d’énergies renouvelables dans le bouquet européen, ce qui crée des centaines de milliers d’emplois.
Si le nouveau Président de la République tient à protéger les Français contre l’insécurité énergétique,
la pollution de l’air, le changement climatique ou la faillite annoncée du système énergétique hérité des choix des années 1960, il devra s’engager pour une Europe de l’Énergie ambitieuse. Dans le secteur de l’énergie comme dans d’autres, le véritable patriotisme français consiste à engager la France en Europe.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda europea sulla sicurezza

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

Strasburgo, la Commissione europea presenta la settima relazione sui progressi compiuti verso la creazionestrasburgo di un’autentica ed efficace Unione della sicurezza.
Oltre ad aggiornare sui progressi compiuti sui principali fascicoli, la relazione si concentra sui lavori in corso per migliorare la gestione delle informazioni per le frontiere e la sicurezza, e delinea il nuovo approccio della Commissione verso l’interoperabilità dei sistemi di informazione dell’UE per la sicurezza e la gestione delle frontiere e della migrazione entro il 2020. A seguito del recente attacco informatico su scala mondiale, la relazione sottolinea inoltre l’impegno della Commissione ad accelerare i lavori per riesaminare la strategia dell’UE per la cibersicurezza del 2013 al fine di fornire una risposta efficace alle minacce informatiche. Dimitris Avramopoulos, Commissario responsabile per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: “Il valore delle nostre informazioni sulla sicurezza viene massimizzato quando i nostri sistemi dialogano tra loro. La complessità e la frammentazione dei sistemi attuali ci rende vulnerabili. Le informazioni utilizzabili non sono sempre a disposizione dei funzionari delle autorità di contrasto che ne hanno bisogno. Oggi presentiamo una visione chiara su come intervenire per rimediare a questo problema e per collegare i punti ed eliminare le zone d’ombra al fine di aumentare la sicurezza dei nostri cittadini in tutta l’UE”.Julian King, Commissario responsabile per l’Unione della sicurezza, ha dichiarato: “I recenti tragici attentati in Europa hanno sottolineato l’importanza di un efficace scambio di informazioni tra le autorità degli Stati membri. L’approccio che delineamo oggi definisce un modo intelligente e mirato per ottimizzare l’uso dei dati esistenti . Quello che proponiamo è un cambiamento radicale del modo in cui gestiamo i dati sulla sicurezza, aiutando così le autorità nazionali ad affrontare meglio le minacce transnazionali e a individuare i terroristi che operano al di là delle frontiere”.
Nell’aprile 2016 la Commissione ha presentato la comunicazione “Sistemi d’informazione più solidi e intelligenti per le frontiere e la sicurezza” e ha avviato i lavori del gruppo di esperti ad alto livello sui sistemi di informazione e l’interoperabilità. Tale gruppo ha presentato la propria relazione l’11 maggio, confermando i punti di vista espressi nella comunicazione dell’aprile 2016 e formulando raccomandazioni per l’interoperabilità dei sistemi di informazione. La relazione odierna passa in rassegna le raccomandazioni del gruppo di esperti ad alto livello e propone la strada da seguire per affrontare le carenze strutturali nell’ambito delle tre aree principali: i) massimizzare l’utilità dei sistemi di informazione esistenti; ii) se necessario, sviluppare sistemi complementari per colmare le lacune in materia di informazione; iii) garantire l’interoperabilità tra i nostri sistemi.L’anno scorso la Commissione ha presentato una serie di proposte per colmare le lacune in materia di informazione, quali la creazione di nuovi sistemi, come il sistema di ingressi/uscite e il sistema europeo di informazione e autorizzazione per i viaggi (ETIAS), e il potenziamento dei sistemi esistenti, quali il sistema d’informazione Schengen, Eurodac e il sistema europeo di informazione sui casellari giudiziari (ECRIS).
La relazione odierna definisce un nuovo approccio per la gestione dei dati, in base al quale tutti i sistemi d’informazione centralizzati dell’UE per la sicurezza e la gestione delle frontiere e della migrazione saranno interoperabili, nel pieno rispetto della protezione dei dati e dei diritti fondamentali. Gli elementi principali di questo approccio sono i seguenti:
il portale di ricerca europeo – che consente di interrogare i sistemi simultaneamente, nel pieno rispetto delle garanzie per la protezione dei dati ed, eventualmente, con norme semplificate per l’accesso ai sistemi da parte delle autorità di contrasto;
il servizio comune di confronto biometrico – che consente di interrogare i diversi sistemi di informazione con dati biometrici, eventualmente con bandierine “hit/no hit” che segnalano il collegamento con dati biometrici correlati presenti in un altro sistema;
l’archivio comune per i dati relativi all’identità – che, sulla base dei dati identificativi alfanumerici (come la data di nascita o il numero di passaporto), consente di individuare se una persona è registrata con identità multiple in banche dati diverse.
L’approccio proposto consentirà di ovviare all’attuale debolezza dell’architettura dell’UE per la gestione dei dati, eliminando le zone d’ombra. Di conseguenza eu-LISA, l’agenzia dell’UE per la gestione dei sistemi di informazione, svolgerà un ruolo fondamentale nel fornire consulenza tecnica e portare avanti i lavori verso l’interoperabilità dei sistemi di informazione. Al fine di consentire a eu-LISA di attuare questo nuovo approccio, nel giugno 2017 la Commissione presenterà una proposta legislativa per rafforzare il mandato dell’agenzia.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricollocazione e reinsediamento: la Commissione invita tutti gli Stati membri ad attivarsi e rispettare i loro obblighi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo. La Commissione ha adottato oggi la dodicesima relazione sui progressi compiuti per quanto riguarda i programmi di ricollocazione e di reinsediamento di emergenza dell’UE, in cui valuta le azioni intraprese a partire dal 12 aprile 2017.
Grazie ai maggiori sforzi profusi dagli Stati membri, il numero delle persone ricollocate dall’inizio del 2017 ad oggi è quasi uguale a quello dell’intero 2016. Finora sono state ricollocate in tutto 18 418 persone, il che dimostra che la ricollocazione funziona se vi è la volontà di rispettare quanto concordato assieme in uno spirito di leale cooperazione. Tuttavia, sebbene la maggior parte degli Stati membri sia attiva e proceda con regolarità alle ricollocazioni, alcuni Stati membri non ne hanno ancora effettuata nessuna, venendo meno ai loro obblighi giuridici. Per quanto riguarda il reinsediamento, gli Stati membri hanno continuato a compiere progressi significativi, offrendo finora a 16 163 persone percorsi migratori sicuri e legali, pari a oltre due terzi dei reinsediamenti concordati nell’ambito del programma dell’UE. Basandosi sulle raccomandazioni del mese scorso, la relazione odierna si concentra sugli Stati membri che non stanno onorando i loro impegni.
Dimitris Avramopoulos, Commissario responsabile per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: “I risultati conseguiti finora dimostrano che se ci sono la volontà e la determinazione degli Stati membri la ricollocazione può funzionare. Il successo del meccanismo di ricollocazione non può dipendere solo da alcuni Stati membri. La solidarietà in termini giuridici, politici e morali non può essere interpretata in modi diversi. Esorto quindi gli Stati membri che hanno sistematicamente omesso di rispettare i propri obblighi a cominciare ad adempierli immediatamente. I dati globali sul reinsediamento sono la prova di quello che la cooperazione e il coordinamento rafforzati a livello di UE possono fare nella pratica. È tempo ormai che si ottengano gli stessi risultati anche per la ricollocazione”.La tendenza positiva in materia di ricollocazione è proseguita, con altre 2 078 persone ricollocate dopo l’ultima relazione (1 368 dalla Grecia e 710 dall’Italia). Il 12 maggio erano state eseguite in tutto 18 418 ricollocazioni: 5 711 dall’Italia e 12 707 dalla Grecia. Nonostante i continui progressi, tuttavia, l’attuale ritmo delle ricollocazioni è ancora al di sotto di quanto necessario per conseguire gli obiettivi stabiliti per garantire che tutte le persone ammissibili siano ricollocate nei prossimi mesi.
Mentre in Grecia il numero attuale di 12 400 candidati alla ricollocazione registrati dovrebbe rimanere stabile, l’Italia deve garantire che tutte le persone ammissibili alla ricollocazione siano registrate. In aggiunta agli 2 500 candidati alla ricollocazione attualmente registrati in Italia, dovrebbero essere presto registrate 700 persone e gli oltre 1 100 eritrei che sono arrivati in l’Italia nel 2017. Tuttavia, considerato che il numero totale di persone ammissibili alla ricollocazione presenti nei due paesi è di gran lunga inferiore a quello previsto nelle decisioni del Consiglio e tenuto conto dei progressi registrati finora, la ricollocazione di tutte le persone ammissibili entro settembre 2017 è senz’altro possibile se gli Stati membri dimostrano la volontà politica e la determinazione ad agire per tenere fede a quanto concordato insieme. In ogni caso, l’obbligo giuridico di ricollocare le persone ammissibili dalla Grecia e dall’Italia non verrà meno dopo settembre.Sebbene la maggior parte degli Stati membri sia ormai attiva e assuma impegni e effettui ricollocazioni regolarmente, l’Ungheria, la Polonia e l’Austria rimangono gli unici Stati membri che non hanno ancora ricollocato nessuna persona, in violazione dei loro obblighi giuridici, degli impegni assunti verso la Grecia e l’Italia e del principio di equa ripartizione delle responsabilità. L’Austria tuttavia si è formalmente impegnata a ricollocare 50 persone dall’Italia, una decisione che la Commissione accoglie con favore. Inoltre, la Repubblica ceca non è stata attiva nell’ambito del meccanismo da quasi un anno.A tale proposito, le raccomandazioni formulate nella relazione odierna si concentrano soprattutto sugli Stati membri che non hanno ancora attuato le decisioni del Consiglio, e invitano segnatamente l’Ungheria e la Polonia a iniziare immediatamente ad assumere impegni e a procedere alle ricollocazioni, la Repubblica ceca a ricominciare senza indugio a ricollocare e l’Austria, che ha ormai iniziato ad assumere impegni per l’Italia, a iniziare a farlo anche per la Grecia.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I deputati vogliono proteggere i cittadini dagli effetti negativi della globalizzazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

bruxelles-1Bruxelles Durante il dibattito di martedì con il Vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen, i deputati hanno evidenziato che la globalizzazione rappresenta la sfida più grande per i cittadini dell’UE, accogliendo con favore la recente valutazione degli effetti della globalizzazione presentata dalla Commissione.Per molti deputati la globalizzazione crea un’enorme pressione sui posti di lavoro, sui salari e sugli standard, alimentando al contempo il populismo. Hanno quindi richiesto una migliore protezione per l’industria e per i lavoratori dell’UE e di avere un ruolo di guida nel dibattito globale per la promozione di un equo commercio globale. “Dobbiamo essere registi, non governatori”, hanno detto.Altri deputati hanno chiesto un piano d’azione per evitare che il sistema di protezione sociale sia nel tempo ridotto e chiesto una migliore redistribuzione verso i cittadini, da parte degli Stati membri, dei benefici della globalizzazione.Alcuni deputati hanno ritenuto che la forma attuale della globalizzazione sia un vicolo cieco e che il libero scambio abbia gravemente compromesso la democrazia, i diritti sociali e l’ambiente. “Il solo commercio” non aiuterà gli europei, hanno detto. Altri deputati hanno infine chiesto un sistema fiscale equo che non permetta alle grandi compagnie di poter evitare il pagamento delle tasse dovute.Il Vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen ha dichiarato che il commercio mondiale ha rafforzato la crescita economica dell’UE, ma che i benefici non sono né automatici né distribuiti in modo uniforme. L’UE deve spingere per nuove regole per creare condizioni eque e affrontare l’evasione fiscale, le sovvenzioni statali o il dumping sociale. Gli strumenti efficaci di difesa commerciale e un tribunale multilaterale d’investimento potrebbero anche contribuire a questo processo. Sul fronte interno, Katainen ha suggerito che robuste politiche sociali, d’istruzione e di formazione potrebbero aiutare a proteggere i cittadini e dargli maggiori poteri.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ridurre lo spreco alimentare

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

alimentareBruxelles. I deputati europei propongono alcune misure per dimezzare lo spreco alimentare nell’UE, come rimuovere le restrizioni esistenti sulle donazioni di cibo e porre fine alla confusione creata dalle etichette alimentari “da consumarsi preferibilmente entro” e “da consumarsi entro”.Nei paesi sviluppati il cibo viene sprecato soprattutto alla fine della catena alimentare, alla distribuzione e al consumo. Ognuno ha la responsabilità di dover affrontare questo problema”, ha affermato la relatrice Biljana Borzan (S&D, HR).”La mia relazione richiede una risposta coordinata delle politiche in materia di etichettatura, responsabilità e istruzione, poiché la maggior parte dei consumatori non capisce il significato preciso dell’etichettatura da consumarsi preferibilmente entro e da consumarsi entro. Inoltre, dovremmo affrontare le carenze della legislazione comunitaria esistente nei casi in cui si ostacolano le donazioni alimentari”, ha aggiunto.La sua risoluzione è stata adottata martedì da 623 voti a favore, 33 contrari e 20 astensioni.I deputati invitano gli Stati membri a prepararsi a ridurre i rifiuti alimentari del 30% entro il 2025 e del 50% entro il 2030, rispetto ai livelli del 2014 – un obiettivo che il Parlamento ha introdotto nella legislazione sullo spreco alimentare votata a marzo.
Le autorità nazionali dovrebbero informare i consumatori sul significato esatto delle date poste sulle etichette “da consumarsi preferibilmente entro” e “da consumarsi entro”, includendo informazioni sulla possibile fruizione dei prodotti alimentari anche dopo la scadenza della data “preferibilmente entro”. La Commissione dovrebbe inoltre valutare la rimozione delle date di scadenza per i prodotti che non presentano alcun rischio per la salute e per l’ambiente.La Commissione dovrebbe inoltre proporre una modifica della direttiva sull’IVA per autorizzare esplicitamente l’esenzione fiscale per le donazioni di cibo. Il Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD) dovrebbe essere utilizzato per finanziare la raccolta, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione degli alimenti donati.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il presidente Juncker consulta il Parlamento europeo sulla nomina di Mariya Gabriel come commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

junckerBruxelles, il Presidente Juncker ha annunciato l’intenzione di assegnare il portafoglio dell’Economia e della società digitale a Mariya Gabriel, la candidata alla carica di commissario per la Bulgaria.Il presidente Jean-Claude Juncker ha avuto oggi un colloquio con Mariya Gabriel, la candidata proposta come commissario dal governo bulgaro per sostituire l’ex membro della Commissione Kristalina Georgieva. Su tale base, il presidente Juncker ha confermato che Mariya Gabriel possiede le competenze richieste a norma dell’articolo 17, paragrafo 3, del trattato sull’Unione europea (TUE) per poter essere candidati alla carica di commissari e ha annunciato la sua intenzione di assegnarle il portafoglio per l’Economia e la società digitale.La commissaria per l’Economia e la società digitali sosterrà l’attuazione della strategia per il mercato unico digitale che la Commissione europea ha adottato nel maggio 2015 e che è alla base della revisione intermedia del 10 maggio. Essa parteciperà alla realizzazione del mercato unico digitale contribuendo a gettare le basi del futuro digitale dell’Europa incoraggiando la costituzione di reti di comunicazione su scala continentale e di servizi digitali transfrontalieri e stimolando la creazione di una moltitudine di start-up europee innovative.La lettera d’incarico inviata oggi dal presidente Juncker a Mariya Gabriel specifica in dettaglio i suoi compiti e le sue responsabilità principali in qualità di commissaria per l’Economia e la società digitali.La commissaria per l’Economia e la società digitali contribuirà alla realizzazione dei progetti diretti e coordinati dal vicepresidente Andrus Ansip, responsabile per il Mercato unico digitale, e dal vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività.
Il presidente Juncker ha inoltre informato il primo ministro Borissov circa la scelta del portafoglio che intende assegnarle.
Dal punto di vista procedurale, la nuova commissaria di nazionalità bulgara è nominata dal Consiglio dell’Unione europea di comune accordo con il presidente della Commissione, previa consultazione del Parlamento europeo (articolo 246, comma 2, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea). Inoltre l’accordo quadro interistituzionale sulle relazioni tra il Parlamento europeo e la Commissione europea prevede che il presidente della Commissione “prenda seriamente in considerazione” l’esito della consultazione del Parlamento prima di accogliere la decisione del Consiglio di nominare il nuovo commissario (paragrafo 6 dell’accordo quadro).
Il presidente Juncker invierà oggi una lettera ad Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, nella quale lo informa della sua intenzione di assegnare a Mariya Gabriel il portafoglio per l’Economia e la società digitali. Copia della lettera è inviata a Joseph Muscat, primo ministro di Malta, che detiene attualmente la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione europea.
A partire dal momento in cui il Consiglio consulterà formalmente il Parlamento europeo, Mariya Gabriel sarà commissaria designata e godrà allora del diritto di avvalersi dei servizi pertinenti della Commissione per prepararsi allo scambio di opinioni con il Parlamento europeo. Prima della sua nomina da parte del Consiglio, di comune accordo con il presidente della Commissione, essa non parteciperà alle riunioni del collegio.
ContestoA norma dell’articolo 17, paragrafo 6, del trattato sull’Unione europea il diritto di organizzare il lavoro della Commissione è una prerogativa del Presidente. In seguito alla decisione dell’ex vicepresidente Kristalina Georgieva di dimettersi dalla Commissione europea, il 1° gennaio 2017 il commissario Günther H. Oettinger è diventato responsabile per il Bilancio e le risorse umane, mentre il presidente Juncker ha temporaneamente affidato il portafoglio de l’Economia e la società digitali al vicepresidente Andrus Ansip. Il 10 maggio il primo ministro Borissov ha comunicato al presidente Juncker l’intenzione di nominare Mariya Gabriel quale membro della Commissione europea di nazionalità bulgara.In seguito al colloquio di oggi con Mariya Gabriel e all’annuncio del presidente Juncker circa l’assegnazione del portafoglio, la procedura seguirà quanto previsto dall’articolo 246, comma 2, del TFUE e dal punto 6 dell’accordo quadro sulle relazioni tra il Parlamento europeo e la Commissione europea.Nelle prossime settimane dovrebbe avere luogo uno scambio di opinioni tra Mariya Gabriel e la commissione competente del Parlamento europeo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Partiti politici europei e fondazioni politiche: assicurare il rispetto dei valori UE

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

european parliamentBruxelles. La Conferenza dei presidenti ha nominato mercoledì due membri del Comitato di personalità indipendenti che sosterranno il lavoro dell’Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee sul rispetto dei valori dell’Unione europea. Le eminenti personalità nominate dalla Conferenza dei presidenti (Presidente del Parlamento e presidenti dei gruppi politici) sono l’ex presidente della commissione per gli affari costituzionali, Carlo Casini, e Maria Emilia Casas, già presidente del tribunale costituzionale della Spagna.Come indicato nel regolamento (art.11) sullo statuto dei partiti politici e delle fondazioni politiche europee, dal 1° gennaio 2017, i membri del comitato sono scelti in base alle loro qualità personali e professionali. Non devono essere né membri del Parlamento europeo, né aver un mandato elettorale, e esercitare il proprio mandato in maniera indipendente.L’Autorità per i partiti politici e le fondazioni politiche europee può chiedere al Comitato di esaminare questioni legate al rispetto dei valori UE.
L’Autorità è stata istituita ai fini della registrazione, del controllo e dell’imposizione delle sanzioni nei confronti dei partiti politici europei e le fondazioni politiche europee. Essa verifica che i partiti e le fondazioni politiche europee osservino i loro obblighi e i valori fondamentali dell’UE (art. 3 (1c) (2c). Controlla inoltre le donazioni e i contributi ricevuti da questi, nonché come questi sono utilizzati. L’Autorità esercita questo controllo nel rispetto del diritto di associazione e del bisogno di assicurare il pluralismo dei partiti politici europei.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano Juncker: 80 milioni di euro per le PMI italiane

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

lavori in corsoIl piano Juncker ha garantito il proprio sostegno a un accordo del Fondo europeo per gli investimenti (FEI) con la Banca Popolare Pugliese (un intermediario finanziario), che prevede l’erogazione di 80 milioni di EUR in finanziamenti innovativi a piccole e medie imprese (PMI) e a piccole imprese a media capitalizzazione nell’arco dei prossimi due anni. Il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), pilastro centrale del piano Juncker, è stato un fattore determinante nel rendere possibile tale accordo di prestito.
Il Vicepresidente della Commissione europea Jyrki Katainen, responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha dichiarato: “Il piano di investimenti ha già dimostrato di essere un successo, e l’Italia ne è tra i principali beneficiari. Sono lieto del fatto che, che grazie all’accordo odierno, un numero ancora maggiore di piccole e medie imprese italiane otterrà accesso ai finanziamenti di cui le imprese hanno bisogno per innovare, crescere, assumere nuovo personale ed espandere le proprie attività.” In base alle previsioni più attuali (vedere qui le schede per ogni paese), il piano Juncker dovrebbe stimolare investimenti per oltre 31 miliardi di EUR in Italia, e per 183,5 miliardi di euro in tutta Europa. Un comunicato stampa integrale è disponibile qui. (foto: lavori in corso)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Parlamento respinge di nuovo la “lista nera” degli Stati a rischio di riciclaggio di denaro

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

soldi-pubbliciBruxelles. I deputati respingono nuovamente un lista ristretta di Paesi a rischio di riciclaggio di denaro perché inadeguata, con 392 voti favorevoli, 80 contrari e 207 astensioni Nel progetto di risoluzione votato mercoledì, si afferma che l’Unione dovrebbe disporre di un processo indipendente e autonomo per giudicare se determinati Paesi rappresentino una minaccia di criminalità finanziaria piuttosto che fare affidamento sul giudizio di un organismo esterno.La lista presentata dalla Commissione dei paesi terzi ad alto rischio di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo include: Afghanistan, Bosnia Erzegovina, Guyana, Iraq, Lao PDR, Siria, Uganda, Vanuatu, Yemen, Iran e Repubblica popolare democratica di Corea.Nel testo respinto dal Parlamento, la Commissione proponeva di aggiungere l’Etiopia e rimuovere la Guyana dall’elenco.Secondo la direttiva UE antiriciclaggio, la Commissione è responsabile per la creazione di una lista di paesi ritenuti a rischio di riciclaggio di denaro, evasione fiscale e finanziamento del terrorismo. Persone e soggetti giuridici provenienti da paesi iscritti nella blacklist subiscono controlli più rigidi del solito durante la loro attività nell’UE.Attualmente la Commissione si appoggia all’organismo internazionale the Financial Action Task Force (FATF) per la preparazione di tali liste.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

OGM: bloccare le importazioni di mais e cotone

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

mais-agostinelliBruxelles Preoccupazioni espresse per i residui di erbicidi nocivi presenti nei prodotti. Chiesta una revisione della procedura di autorizzazione della Commissione.I deputati hanno contestato la proposta della Commissione di autorizzare l’importazione di prodotti di mais e di cotone geneticamente modificati e resistenti agli erbicidi.In due risoluzioni approvate mercoledì, i deputati hanno sottolineato i dubbi sollevati sia da ricerche indipendenti sia da alcuni Stati membri su alcuni prodotti OGM e reiterato la richiesta di modificare la procedura di autorizzazione degli OGM nell’UE.Nel testo della risoluzione che si oppone alla commercializzazione dei prodotti contenenti mais DAS-40278-9, i deputati hanno affermato che ricerche indipendenti sollevano preoccupazioni in merito ai rischi dell’ingrediente attivo della 2,4-D in materia di sviluppo dell’embrione, difetti congeniti e interferenza endocrina.Gli stessi Stati membri hanno criticato la procedura di consultazione svoltasi tre mesi prima dell’approvazione, in particolare a causa della mancanza o insufficienza dei dati presentati, ma anche per l’inadeguatezza dei test.La risoluzione non vincolante è stata approvata con 435 voti favorevoli, 216 contrari e 34 astensioni.In un’altra risoluzione, approvata con 425 voti favorevoli, 230 contrari e 27 astensioni, i deputati hanno affermato che le importazioni di prodotti derivanti dal cotone GHB119 geneticamente modificato non dovrebbero essere autorizzate, in quanto ciò favorirebbe l’aumento mondiale nell’uso di erbicidi a base di glufosinato ammonio (a cui il GHB119 è resistente), mentre il glufosinato è classificato come tossico ai fini della riproduzione.Il Parlamento europeo ha bocciato nell’ottobre 2015 una proposta di legge che avrebbe consentito a ogni Stato membro di limitare o vietare la vendita e l’uso di alimenti o mangimi OGM nel proprio territorio, anche se già approvati a livello UE. I deputati hanno ritenuto che tale norma sarebbe potuta risultare inattuabile o avrebbe potuto portare alla reintroduzione di controlli alle frontiere tra i paesi pro e anti OGM. Hanno pertanto invitato la Commissione a presentare una nuova proposta.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

21 maggio: giornata europea Natura 2000

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

naturaQuel che inizialmente era nato in Spagna come progetto LIFE di dimensioni locali finanziato dall’UE sta ora per essere ufficialmente dichiarato giornata europea.Nel corso della cerimonia odierna Karmenu Vella, Commissario per l’Ambiente, Adina-Ioana Valean, Presidente della commissione Ambiente del Parlamento europeo, Karl-Heinz Lambertz, primo Vicepresidente del Comitato delle Regioni, e Neil Kerr, Rappresentante permanente aggiunto di Malta hanno siglato una dichiarazione congiunta per proclamare il 21 maggio “giornata europea Natura 2000”, che d’ora in poi sarà celebrata ogni anno in tutta Europa.
Già quest’anno questa giornata dedicata alla natura sarà contrassegnata da centinaia di eventi locali e attività di rete.Karmenu Vella, Commissario per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: “La giornata europea Natura 2000 è un omaggio a questa rete unica e al suo valore per i cittadini e per la nostra economia. A mio avviso si tratta di uno dei successi più eclatanti dell’Unione europea: una rete di oltre 27 000 siti protetti che copre più di 1 milione di chilometri quadrati di zone terrestri e marine, resa possibile dalla collaborazione tra tutti gli Stati membri”.Con la proclamazione della giornata europea Natura 2000 la Commissione europea ha onorato il primo degli impegni enunciati nel piano d’azione per la natura, i cittadini e l’economia. Adottato il 27 aprile sulla scorta di un esame approfondito delle direttive Uccelli e Habitat, il piano prevede quattro linee d’intervento prioritarie, una delle quali consiste nel migliorare la comunicazione e la sensibilizzazione e nel coinvolgere i cittadini, i portatori d’interesse e le comunità.Oggi ha anche preso il via la nuova edizione del premio europeo Natura 2000, un’altra iniziativa della Commissione intesa a riconoscere i meriti di quanti eccellono nella gestione e nella promozione della rete e far conoscere Natura 2000 e i suoi benefici per i cittadini europei. I vincitori di ciascuna delle sei categorie in cui è suddiviso il premio saranno proclamati nella giornata europea Natura 2000 del prossimo anno.
Oltre a proteggere il patrimonio naturale dell’Europa la rete contribuisce al PIL dell’UE in una percentuale compresa tra l’1,7 e il 2,5% e ciò grazie ai servizi ecosistemici che fornisce: lo stoccaggio del carbonio, la depurazione delle acque, l’impollinazione e il turismo.Le due direttive sulla tutela della natura (direttiva Uccelli del 1979 e direttiva Habitat del 1992) sono i cardini della politica europea in materia di biodiversità. Nell’ambito del programma “Adeguatezza ed efficacia della regolamentazione (REFIT)” la Commissione le ha esaminate e ne ha valutato globalmente l’efficacia e l’efficienza. Il controllo dell’adeguatezza ha coinvolto tutti i portatori d’interesse, registrando un livello record di partecipazione, con la mobilitazione di oltre 550 000 cittadini che hanno espresso il proprio sostegno alle direttive nel corso della consultazione pubblica organizzata dalla Commissione.Le conclusioni sul controllo dell’adeguatezza delle direttive Uccelli e Habitat sono state pubblicate il 16 dicembre 2016.Il programma LIFE è lo strumento di finanziamento dell’UE per l’ambiente e il clima. L’obiettivo generale del programma LIFE è contribuire all’attuazione, all’aggiornamento e allo sviluppo delle politiche e della normativa ambientale e climatica dell’UE cofinanziando progetti che presentino un valore aggiunto europeo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caldo in arrivo: i consigli dell’esperto

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 maggio 2017

climateCon l’arrivo delle alte temperature una corretta idratazione è fondamentale per conservare l’equilibrio idrico del nostro organismo, soprattutto per i più piccoli, che proprio per la loro età necessitano di una maggiore attenzione da parte dei loro genitori e di chi se ne prende cura.In età infantile l’acqua assume un ruolo fondamentale per il benessere e lo sviluppo psico-fisico dell’organismo, ma abituare un bambino a seguire una corretta idratazione può essere difficile: nei bambini lo stimolo della sete è meno sviluppato rispetto agli adulti e spesso i più piccoli preferiscono bere bevande diverse dall’acqua. Come riportato da HydrationLab.it (www.hydrationlab.it/news) ecco dagli esperti dell’Osservatorio Sanpellegrino alcuni preziosi consigli per assicurarsi che i più piccoli bevano una quantità d’acqua adeguata a soddisfare il loro fabbisogno giornaliero:
1. Assicurarsi che il bambino abbia sempre con sé una bottiglietta di acqua. Un semplice controllo consentirà ai genitori di monitorare quanta acqua è stata assunta durante la giornata
2. Prima di andare a dormire lasciare sul comodino un bicchiere pieno di acqua, in modo da rendere più semplice al bambino dissetarsi
3. Coinvolgere il bambino in attività ludiche che prevedano l’utilizzo dell’acqua e che abbiamo come finalità comprendere l’importanza di questa preziosa risorsa per la loro crescita.
4. Associare il gesto di bere a precisi momenti della giornata, agevolando un’idratazione costante nel corso della giornata.
5. Con i più piccoli, può essere utile utilizzare bicchieri e cannucce colorate, per catturare la loro attenzione e indurli a bere acqua più spesso
“Si tratta di semplici consigli, o trucchi, che possono essere molto utili per trasmettere ai bambini in maniera giocosa la buona abitudine di idratarsi correttamente” – commenta il Dottor Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation – “In questo periodo, con l’arrivo del caldo e delle prime giornate passate all’aperto, è importante bere in maniera costante, soprattutto per i bambini che sudando, perdono liquidi e sali minerali, che se non reintegrati possono aumentare il rischio di disidratazione.” Anche una modesta disidratazione (2%) può influenzare negativamente il benessere psico-fisico del nostro corpo, con effetti che variano dal mal di testa e senso di stanchezza alla diminuzione della capacità di concentrazione e di esecuzione di semplici atti. I neonati ad esempio hanno una pelle molto sottile e la superficie della testa, dalla quale si disperde molto sudore, maggiore in proporzione al resto del corpo, ciò vuol dire che sono soggetti ad una sudorazione proporzionalmente più intensa rispetto agli adulti e necessitano quindi di un più attento controllo da parte dei loro genitori.
“Per calcolare la quantità di acqua che un bimbo deve assumere nel corso della giornata bisogna considerare diversi fattori, alcuni legati alla persona, come l’età, le condizioni di salute, il tipo di attività fisica svolta, e altri a variabili esterne come il clima, la temperatura e il tasso di umidità dell’ambiente circostante.” – precisa il Dottor Zanasi – “Come per le persone adulte, anche per i bambini (7-10 anni), il consiglio per assicurare il mantenimento dell’equilibrio idrico è bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno, con riferimento ad un bicchiere “a loro misura” (150 ml)”.
Sanpellegrino è l’azienda leader nel campo del beverage in Italia, con acque minerali, aperitivi analcolici, bibite e tè freddi. I suoi prodotti, sintesi di benessere, salute ed equilibrio, sono presenti in 150 Paesi attraverso filiali e distributori sparsi nei cinque continenti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »