Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 22 Mag 2017

Mostra personale d’arte di Patricia M.

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

patriciaMilano 24 maggio 2017 dalle h. 18,30 alle 21,00 e si concluderà il 6 giugno mattina Presso la Galleria d’Arte Contemporanea STATUTO13, in Via Statuto, 13 (corte interna) a Milano, Brera District mostra personale d’arte di Patricia M. a cura di Massimiliano Bisazza. Un mondo di oggetti inanimati popola la creatività di Patricia M, sensibile e talentuosa artista che ama trasmettere al fruitore la propria poetica grazie alla ricontestualizzazione di materiali recuperati dalla spazzatura, dai mercatini…abbandonati. Le installazioni godono di una nuova vita ma riescono a raccontarci il loro passato, lo scorrere del tempo, la loro vita e quella di chi li ha utilizzati e ambiscono a catturare la nostra attenzione a tal punto da renderci così partecipi da subentrare in un loro vissuto “altro” e attuale. Una vecchia macchina da scrivere (“Cut words”), ricoperta di un colore rosso accesso che riporta al pensiero il sangue – sangue della vita ma anche sangue della morte violenta – è nella sala e sembra osservarci. Un paio di forbici è conficcato all’interno e lacerti di parole si intravedono. Quelle parole che possono essere taglienti, violente e spesso manipolate da una società dove la comunicazione veicolata è spesso intrisa di falsità, di ipocrisie. Il rosso della ceralacca può sigillare, sugellare quegli atti scomodi e quelle scomode realtà volutamente celate per evitare l’incontro/scontro con una disagevole realtà che è meglio insabbiare.Un passeggino abitato da bambole e bambolotti, adornato da foglie e piante che possono essere annaffiate in modo interattivo (“Nessuno” è il titolo di quest’opera), sottolineano la cruda realtà di quelle infanzie non vissute; violate, maltrattate, malate…uccise nello spirito e sul nascere ma anche la possibilità di nutrire la vita; scegliendo dunque un percorso che aneli ad un fine costruttivo. E poi, assieme ad ulteriori installazioni e opere – che trattano temi della malattia, dell’incomunicabilità e molto altro ancora, ndr.- , ecco sulla parete “Agua”. Si tratta di fatto di scatti speculari di bambini che attraverso una fase ludica interrazziale si esprimono con quel candore che è tipico della giovanissima età, in quanto tale è ancora puro, inviolato e vero dove l’intento sta rammentare al fruitore quella splendida fase della vita che dovrebbe essere libera da inganni e turbamenti.Una mostra riflessiva, piena di spunti e di contenuti molto attuali – si pensi per esempio al tema della “diversità” – che, vista la loro intensità volgono spesso al riverbero del pensiero o contornano in modo traumatico la nostra contemporaneità più che mai. Una mostra che grazie alla creatività delle arti visive può svegliare la coscienza collettiva, partendo da quella del singolo individuo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Death penalty in Turkey – Illusions in Europe

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Albert Camus and Adnan Menderes1Albert Camus and Adnan MenderesWhat is the future of the EU-Turkey relationship? In two new ESI papers we suggest how to reform a dysfunctional accession process; and when to bring it to an end. We seek to dispel illusions, restore clarity and propose ways how the European Union and the Council of Europe might better protect fundamental human rights.
In his essay “Reflections on the Guillotine” in 1957 French writer Albert Camus takes an uncompromising position against the death penalty, writing that: “A man is destroyed by the wait for death long before he really dies.” At the time Camus’ native French Algeria was in the throes of a ferocious conflict. Routine torture, summary executions of captured prisoners, mass internment and the use of the death penalty characterised the French counter-insurgency strategy. Military tribunals in French Algeria rendered almost 1,500 death sentences between 1954 and 1962. Of these, 198 were carried out. After 1957 all lawyers who used to defend Algerian rebels were arrested or put under house arrest; several were suspended, two murdered.When the European Convention on Human Rights was adopted in Rome in 1950, it explicitly recognised the legality of capital punishment. It did not limit the crimes which could be punished in this way. This created a huge gap for human rights protection, which had terrible consequences. In 1957, the year Camus wrote his essay, Evaghoras Pallikarides, aged 19, was hanged in the British Crown Colony Cyprus. “The offence for which he was executed was that of possessing a weapon. It was a light machine gun, and it was not in a serviceable condition at the time he was apprehended.” This was not an isolated incident. The UK had proclaimed a state of emergency in Cyprus in November 1955, resorted to mass detention without trial, vastly extended the use of the death penalty, imposed draconian censorship laws and enacted extensive powers to requisition property.Cyprus did not remain under British control, and spiralled into further violence soon. France lost Algeria and left behind untold bitterness. The recent history of European powers dealing with colonial insurgencies is a record of immense human rights abuses and abysmal policy failures. It is a reminder of how tempting it has been, even for democratic leaders faced with violence, to resort to repression, intimidation and the use of extreme measures. And how badly this has ended.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Why Israel needs a Palestinian state

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

israelTHE victory of Israel over the Arab armies that encircled it in 1967 was so swift and absolute that, many Jews thought, the divine hand must have tipped the scales. Before the six-day war Israel had feared another Holocaust; thereafter it became an empire of sorts. Awestruck, the Jews took the holy sites of Jerusalem and the places of their biblical stories. But the land came with many Palestinians whom Israel could neither expel nor absorb. Was Providence smiling on Israel, or testing it?For the past 50 years, Israel has tried to have it both ways: taking the land by planting Jewish settlements on it; and keeping the Palestinians unenfranchised under military occupation, denied either their own state or political equality within Israel (see our special report in this issue). Palestinians have damaged their cause through decades of indiscriminate violence. Yet their dispossession is a reproach to Israel, which is by far the stronger party and claims to be a model democracy.
Israel’s “temporary” occupation has endured for half a century. The peace process that created “interim” Palestinian autonomy, due to last just five years before a final deal, has dragged on for more than 20. A Palestinian state is long overdue. Rather than resist it, Israel should be the foremost champion of the future Palestine that will be its neighbour. This is not because the intractable conflict is the worst in the Middle East or, as many once thought, the central cause of regional instability: the carnage of the civil wars in Syria, Iraq and elsewhere disproves such notions. The reason Israel must let the Palestinian people go is to preserve its own democracy.
Unexpectedly, there may be a new opportunity to make peace: Donald Trump wants to secure “the ultimate deal” and is due to visit the Holy Land on May 22nd, during his first foreign trip. The Israeli prime minister, Binyamin Netanyahu, appears as nervous as the Palestinian president, Mahmoud Abbas, seems upbeat. Mr Trump has, rightly, urged Israel to curb settlement-building. Israel wants him to keep his promise to move the American embassy to Jerusalem. He should hold off until he is ready to go really big: recognise Palestine at the same time and open a second embassy in Jerusalem to talk to it.The outlines of peace are well known. Palestinians would accept the Jewish state born from the war of 1947-48 (made up of about three-quarters of the British mandate of Palestine). In return, Israel would allow the creation of a Palestinian state in the remaining lands it occupied in 1967 (about one-quarter). Parcels could be swapped to take in the main settlements, and Jerusalem would have to be shared. Palestinian refugees would return mostly to their new state, not Israel.The fact that such a deal is familiar does not make it likely. Mr Netanyahu and Mr Abbas will probably string out the process—and try to ensure the other gets blamed for failure. Distracted by scandals, Mr Trump may lose interest; Mr Netanyahu may lose power (he faces several police investigations); and Mr Abbas may die (he is 82 and a smoker). The limbo of semi-war and semi-peace is, sadly, a tolerable option for both.Nevertheless, the creation of a Palestinian state is the second half of the world’s promise, still unredeemed, to split British-era Palestine into a Jewish and an Arab state. Since the six-day war, Israel has been willing to swap land for peace, notably when it returned Sinai to Egypt in 1982. But the conquests of East Jerusalem, the West Bank and the Gaza Strip were different. They lie at the heart of Israelis’ and Palestinians’ rival histories, and add the intransigence of religion to a nationalist conflict. Early Zionist leaders accepted partition grudgingly; Arab ones tragically rejected it outright. In 1988 the gerusalemmePalestine Liberation Organisation accepted a state on part of the land, but Israeli leaders resisted the idea until 2000. Mr Netanyahu himself spoke of a (limited) Palestinian state only in 2009.Another reason for the failure to get two states is violence. Extremists on both sides set out to destroy the Oslo accords of 1993, the first step to a deal. The Palestinian uprising in 2000-05 was searing. Wars after Israel’s unilateral withdrawal from Lebanon in 2000 and Gaza in 2005 made everything worse. As blood flowed, the vital ingredient of peace—trust—died.Most Israelis are in no rush to try offering land for peace again. Their security has improved, the economy is booming and Arab states are courting Israel for intelligence on terrorists and an alliance against Iran. The Palestinians are weak and divided, and might not be able to make a deal. Mr Abbas, though moderate, is unpopular; and he lost Gaza to his Islamist rivals, Hamas. What if Hamas also takes over the West Bank?All this makes for a dangerous complacency: that, although the conflict cannot be solved, it can be managed indefinitely. Yet the never-ending subjugation of Palestinians will erode Israel’s standing abroad and damage its democracy at home. Its politics are turning towards ethno-religious chauvinism, seeking to marginalise Arabs and Jewish leftists, including human-rights groups. The government objected even to a novel about a Jewish-Arab love affair. As Israel grows wealthier, the immiseration of Palestinians becomes more disturbing. Its predicament grows more acute as the number of Palestinians between the Jordan river and the Mediterranean catches up with that of Jews. Israel cannot hold on to all of the “Land of Israel”, keep its predominantly Jewish identity and remain a proper democracy. To save democracy, and prevent a slide to racism or even apartheid, it has to give up the occupied lands.Thus, if Mr Abbas’s Palestinian Authority (PA) is weak, then Israel needs to build it up, not undermine it. Without progress to a state, the PA cannot maintain security co-operation with Israel for ever; nor can it regain its credibility. Israel should let Palestinians move more freely and remove all barriers to their goods (a freer market would make Israel richer, too). It should let the PA expand beyond its ink-spots. Israel should voluntarily halt all settlements, at least beyond its security barrier.Israel is too strong for a Palestinian state to threaten its existence. In fact, such a state is vital to its future. Only when Palestine is born will Israel complete the victory of 1967. (font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo israeliano

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

gerusalemmeAd aprile 2017 Israele ha registrato l’arrivo di 349.000 turisti, con un aumento del +38% rispetto all’anno precedente. Nel periodo gennaio-aprile 2017, si registrano 1.09 milioni di ingressi, un aumento del +28% rispetto al 2016.
Da gennaio 2017, il turismo ha portato 6 miliardi di NIS (€ 1.518.890.000 circa) nelle casse dell’economia israeliana. Il turismo è un motore in continua crescita che ha raggiunto risultati record grazie all’aumento dei budget di marketing e allo spostamento delle politiche internazionali di marketing di Israele.
Il ministro del Turismo, Yariv Levin, ha dichiarato: “Con una politica ben definita si vedono i risultati. Ogni mese stiamo registrando dei risultati eccezionali che dimostrano i progressi fatti nell’industria del turismo e il contributo notevole che porta all’economia e alla forza lavoro in Israele. Si tratta di una tappa importante che è parte di un tendenza positiva che ha ormai scavalcato i risultati di più di un anno e mezzo fa. Spero, e sono convinto, che continuando a lavorare così, raccoglieremo i frutti di questo investimento”.
Ad aprile 2017 i turisti italiani sono stati 10.200, il +47% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; mentre se si considera il primo quadrimestre (gennaio – aprile) sono 30.700 gli italiani che hanno visitato Israele, in crescita del +34% rispetto allo scorso anno. Grande soddisfazione del direttore generale per l’Italia dell’ufficio nazionale israeliano del turismo, Avital Kotzer Adari: “Siamo orgogliosi e soddisfatti dei risultati di questo primo trimestre e del mese di aprile, in maniera particolare. Il mercato italiano è di grande importanza per Israele e l’attrazione che la nostra terra turismo israelianoesercita sugli italiani si riconferma forte e in continua crescita. Sia che si voglia creare un viaggio dedicato allo spirito, allo sport, alla movida, alla scoperta della natura, Israele permette di sperimentare tutti questi aspetti: una destinazione unica a cui il mercato italiano sta dando risposta entusiastica con arrivi in crescita e fermento del sistema turistico che sostiene la destinazione con nuovi voli e programmazioni in espansione. Siamo certi che i risultati soddisfacenti continueranno ad entusiasmarci”.
Focus aprile 2017Si registra un aumento del 38% dei turisti ad aprile 2017 rispetto ad aprile 2016 e un aumento del 21% rispetto ad aprile 2015. 309.000 turisti hanno raggiunto il paese in aereo, un aumento del 36% rispetto ad aprile 2016 e del 21% rispetto ad aprile 2015. 40.000 turisti hanno raggiunto Israele via terra, di cui 34.000 attraverso la Giordania e circa 6.000 dall’Egitto: un aumento del +56% rispetto ad aprile 2016 e del +22% rispetto ad aprile 2015. Sono stati circa 24.000 i visitatori giornalieri ad aprile 2017, in aumento del +27% rispetto ad aprile 2016 e del +13% rispetto ad aprile 2015.
Focus gennaio – aprile 2017. A gennaio-aprile 2017, si registra l’ingresso di 1.09 milioni di turisti, un aumento del +26% rispetto allo stesso periodo nel 2016 (850.000) e del +22% rispetto al 2015. 964.000 turisti sono arrivati in aereo, il +24% in più rispetto allo stesso periodo nel 2016 e il +22% in più rispetto al 2015. (foto: turismo)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

What to expect in Iran’s presidential election today

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

persian gulfSINCE the Islamic revolution of 1979, Iran has been a curious mixture of theocracy and democracy. Every four years, it goes through a great bout of electioneering to choose a new president among candidates pre-selected by a group of clerics. But real power lies in the hands of the supreme leader, and of various unelected branches that he controls, such as the judiciary and the Revolutionary Guards.The latest presidential campaign, waged with duelling Instagram videos and in competing Telegram channels, comes to a climax today as Iranians go to the polls. Hassan Rouhani, the country’s reformist president, hopes to be re-elected. He has taken the unusual step of criticising the powerful Revolutionary Guards, warning them “to stay in their own place”. Every Iranian president since 1981 has won a second term. Punters on PredictIt, a political betting website, reckon that Mr Rouhani is, indeed, the clear favourite to win, with the probability of victory above 80%. His main challenger is Ebrahim Raisi, a cleric who oversees Iran’s largest charity. He is the standard-bearer for hardliners disappointed by Mr Rouhani’s nuclear deal with America and other world powers, which has yet to produce a much-promised economic revival. The only other candidate to poll above single digits, Muhammad Baqer Qalibaf, dropped out of the race on May 15th and endorsed Mr Raisi.
IranPoll, a polling firm based in Canada, has provided The Economist with results from its survey taken on May 16th. Among respondents expressing an opinion, 58% said they planned to vote for Mr Rouhani, compared with just 36% for Mr Raisi. That would be enough for the incumbent to win outright in the first round. Even if a late swing in favour of the challenger forces a run-off, the sitting president appears to have little to fear. In a hypothetical second round between the two front-runners, 91% of respondents said their minds were made up, and 60% of those said they preferred Mr Rouhani.
Defeat may be only a temporary setback for Mr Raisi. Ali Khamenei, the current supreme leader, is thought to be grooming Mr Raisi as his successor. But that might be harder if Mr Raisi has been rejected by Iranian voters. (font. The Economist)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: DICÓ Combustioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

JOKERMARILYNRoma dall’8 giugno al 9 luglio 2017 la Sala del Giubileo del Complesso del Vittoriano – Ala Brasini di Roma ospita la mostra DICÓ Combustioni: un’antologica dedicata ad uno degli artisti più dirompenti ed originali dal panorama italiano ed internazionale, che rappresenta ad oggi una delle più innovative manifestazioni artistiche del Neo-Pop.
A essere esposte saranno circa 40 opere, alcune delle quali presentate per la prima volta al pubblico che potrà immergersi in un originale universo espressivo che unisce gli echi di Warhol e Burri con la Street Art.Come è ormai noto, infatti, Dicò avvolge i ritratti di personaggi famosi assurti a icone del proprio tempo e monumenti altrettanto iconici in una lastra di materiale plastico che viene poi bruciato e piegato, dando all’opera una nuova prospettiva. Come sottolinea il curatore Lamberto Petrecca, Dicò “utilizza i miti già ampiamente massificati dai media e li trasfigura rendendoli nuovamente unici grazie alla combustione…Dicò non fa quindi del fuoco un uso distruttivo e iconoclasta, ma un uso rivitalizzante e quasi grazioso”.Queste “Combustioni” non possono non far pensare ad Alberto Burri, anche se Dicò, come ricorda ancora il curatore, “rende plastici e combusti personaggi veri e reali. È la vita stessa – attraverso i suoi esponenti più noti – che si deforma e trasmuta in altro. I ritratti di Dicò diventano così quasi primi piani cinematografici”.Da Burri e Warhol, Dicò trae una sintesi rigeneratrice che gli consente di ridare una vita nuova ai miti contemporanei: da Marilyn alla Gioconda, da Gandhi a Fidel Castro, da Mohammad Alì a Gianni Agnelli.“In fondo Dicò – ricorda Vittorio Sgarbi nel suo testo critico in catalogo – non fa né il Burri redivivo, né l’erede della Pop Art, anche se entrambe le esperienze lo hanno ampiamente ispirato”, la sua, prosegue il critico , è “una concezione pragmatica dell’arte, per cui quello che conta è l’oggetto che riesci a elaborare, non ciò che agiti intorno ad esso”.
Orario aperturaTutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (L’ingresso in mostra è consentito fino a 30 minuti prima)Ingresso Gratuito (foto: JOKER, MARILYN)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: la rapina

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

GiannsantiRoma dal 30 maggio al 4 giugno orari: martedì-sabato h 21.00, domenica h 17.30 Teatro Trastevere – Via Jacopa De Settesoli, 3 in scena “La rapina” Scritto e diretto da Federico Maria Giansanti Con Giacomo Bottoni Luca Cesa Simone Lilliu Daniele Marini Martina Montini Mark Proietti. La pièce, ricalcando i temi della commedia umana, vede come illustre protagonista il ceto popolare romano, dipinto ora con ironia e leggerezza ora con amarezza e crudo realismo, attraverso il racconto di diverse esperienze di vita che, lasciando i personaggi sconfitti e amareggiati, insinua nella loro mente un’idea assurdamente brillante:”organizzare una rapina in banca”, idea che, prendendo forma e diventando realtà, dà vita ad un racconto grottesco e divertente che vedrà i protagonisti in seria difficoltà,esasperati e dubbiosi nella scelta delle proprie priorità: “…Denaro, Amicizia o Famiglia?” (foto: Giannsanti)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Moda all’Ombra del Vesuvio

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Annabella Esposito.jpgEnrico InferreraNapoli venerdì 26 maggio ore 20.00, presso Villa Signorini, a Ercolano (NA). E’ stata presentata alla Camera di Commercio di Napoli la 16° edizione della manifestazione ‘Moda all’Ombra del Vesuvio – Premio Giovani talenti della Moda’, ideata da Annabella Esposito, Presidente dell’Associazione Piazza di Spagna e organizzata in collaborazione con Confartigianato Napoli, che ha indetto la prima edizione del ‘Premio Ulisse, per l’Arte e l’Ingegno’. Sfilata ed evento conclusivo, condotto dalla presentatrice Paola Mercurio e dal giornalista Gianni de Somma.
Si rinnova l’appuntamento con ‘Moda all’Ombra del Vesuvio – Premio Giovani Talenti’, il concorso sartoriale rivolto agli allievi e ai diplomati degli Istituti d’Arte e alle Accademie di Moda. Nella splendida cornice di Villa Signorini le Scuole selezionate, provenienti da Campania, Abruzzo, Lazio e Puglia presenteranno capi d’Alta Moda ispirati agli stili di Capri e Positano per i più grandi e abiti in pelle con intarsi, per i più giovani. I migliori, selezionati da una giuria composta Alessio Visone, Angela Orabona, Anna Guarda, Consiglia Miggione, Enrico Inferrera, Ferdinando Borrelli, Giovanna Panico, Giuseppe Miranda, Lella Fuoco, Leonardo Lasala, Luigi Di Domenico, Maria Laurenza e Vincenzo Conferenza StampaCasapulla, vinceranno degli stage presso importanti Maison. «Questa è una manifestazione per offrire occasioni di confronto» dice Annabella Esposito. Al suo interno la Confartigianato Napoli lancia il ‘Premio Ulisse, per l’Arte e l’Ingegno’ per meriti professionali e reali contributi al territorio. I vincitori della prima edizione sono Virginia Capuano di Che Follia, Annabella Esposito Presidente dell’Associazione Piazza di Spagna, Gennaro Illiano CEO della Install srl e Ernesto Taccogna amministratore della della Energy Total Capital. Soddisfatto il Presidente Enrico Inferrera: «lavorando insieme, dobbiamo creare le condizioni affinchè i nostri giovani restino nella nostra terra». L’edizione 2017 vede il sostegno di Artigiancassa Gruppo BNP Paribas, che ha ideato un piano di aiuto alle piccole e medie imprese e alle aziende in via di costituzione attraverso il microcredito fino a 25mila euro, come spiega il dott. Barbi: «sentiamo il dovere di aiutare i più deboli, assumendoci fino al 30% del rischio e la Campania è la regione con i risultati migliori». Tra gli sponsor anche l’agenzia di viaggi Erima Flying che ha lanciato una card esclusiva per i partecipanti: «se avete idee mettetevi in gioco, creiamo occupazione e non avremo più rivali» dice il titolare Leonardo Lasala, rivolgendosi ai ragazzi. (foto: Annabella Esposito, Enrico Inferrera, Conferenza Stampa)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Sport e dittatura

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

sinagoga romaRoma mercoledì 24 maggio 2017 ore 12:00 Fondazione Museo della Shoah – Casina dei Vallati Via del Portico d’Ottavia 29 conferenza stampa di presentazione della mostra: Sport e dittatura ideata e curata dal Mémorial de la Shoah di Parigi, promossa dalla Fondazione Museo della Shoah e realizzata in collaborazione con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano, della Regione Lazio, di Roma Capitale, della Comunità Ebraica di Roma e dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, approfondisce il rapporto tra sport e dittatura negli anni Trenta e Quaranta. Intervengono Mario Venezia – Presidente della Fondazione Museo della Shoah di Roma, Paolo Masini – Vice Presidente Fondazione Museo della Shoah e Consigliere del Ministro dei beni beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini nel Progetto Migrarti Bruno Boyer -Responsabile Relazioni Internazionali del Mémorial de la Shoah di Parigi Laura Fontana -Responsabile per l’Italia del Mémorial de la Shoah di Parigi.
Non fu solo la Germania nazista di Hitler a servirsi dello sport e della concezione del corpo come affermazione di superiorità e di identità collettiva. Anche l’Italia fascista e la Francia di Vichy, insieme al resto dell’Europa occupata, riuscirono ad associare alla pratica sportiva le teorie razziste che si erano diffuse del primo dopoguerra, adottando misure di discriminazione che toccarono pesantemente il mondo dello sport.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Michel De Certeau e il secondo volume di Fabula Mistica

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Michel De CerteauRoma Mercoledì 24 maggio 2017, ore 17:00 Pontificia Università Gregoriana, Piazza della Pilotta 4 sarà presentato il volume di Michel De Certeau dove interverrano tra gli altri i gesuiti Giuseppe Riggio (Aggiornamenti Sociali, autore di una recente biografia di De Certeau), Fausto Gianfreda (Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, Sezione San Luigi – Napoli) e Paul Gilbert (Facoltà di Filosofia – Gregoriana), oltre a Edoardo Prandi (docente, membro del gruppo di studio “Prendere la parola”) e Giuseppe Bonfrate (Facoltà di Teologia – Gregoriana), moderati dalla prof.ssa Stella Morra (Facoltà di Teologia – Gregoriana).
Proprio la prof.ssa Morra, curatrice di alcune edizione italiane di De Certeau, ci aiuta a comprendere l’importanza di questo autore. «De Certeau si è posto radicalmente la domanda sulla plausibilità del credere oggi. Un uomo contemporaneo, con le sensibilità intellettuali ed emotive proprie di questo tempo, può ragionevolmente dire di credere? E se sì, come?». I due volumi di Fabula Mistica si concentrano sugli autori, soprattutto mistici, che plasmano una nuova lingua per raccontare la fede, dopo l’impatto del mondo medievale con il mondo scientifico. «In queste voci – prosegue Morra – troviamo probabilmente il centro dei molteplici interessi di De Certeau, ossia la storia della spiritualità». E conclude: «Gli autori da lui affrontati accettarono che la fede non è solo un problema di sapere, e che pertanto serviva un linguaggio in grado di parlare non solo agli intellettuali. In questo papa Francesco ha grande consonanza».
P. Elmar Salmann, OSB su Michel De Certeau:«Con De Certeau ci si apre a scenari nuovi: vi è una visione in grado di leggere il postmoderno, che guarda anche a chi è fuori dalla Chiesa. Vi è a mio giudizio, l’idea di una “grammatica del cristianesimo” che si espone all’anonimato e al mistero dell’assenza di Dio.Fino a pochi anni fa nelle università pontificie era visto quasi come un autore marginale ed “esoterico”, era quasi impossibile pensare all’idea di un dottorato su De Certeau. Oggi invece vi è una totale riscoperta di questo autore grazie alla sua “erranza” nei saperi e alla sua arte di aver creato una grammatica capace di comprendere in un certo senso la situazione sociale e religiosa del cristianesimo minoritario in Europa»

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torna il 24 maggio la Giornata Europea dei Parchi

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

villa ada maneggioRoma. Sono tante le iniziative dell’Ente RomaNatura per ricordare il giorno nel quale, nel 1909, venne istituito in Svezia il primo Parco europeo. Un’occasione importante per ricordare che i parchi sono salvaguardia della Biodiversità, contributo per un rilancio dell’economia e dell’occupazione attraverso uno sviluppo sostenibile locale, e protagonisti di una migliore qualità della vita- afferma Maurizio Gubbiotti, Presidente di RomaNatura- sostenibilità ambientale e sociale che vanno declinate attraverso i parchi come luoghi di produzione, di ricerca e di esercizio delle attività e delle professionalità, perché proprio parchi e riserve sono, ora più che mai, titolati a proporsi come modello di sviluppo per l’intero territorio. E’ un’esigenza di prospettiva economica e sociale oltre che di senso infatti, integrare la gestione del Sistema delle aree protette regionale con la tutela della biodiversità e con la gestione dell’intero territorio regionale, anche con la realizzazione e valorizzazione di una adeguata e coerente rete ecologica, in modo da cambiare paradigma generale mettendo al centro la salvaguardia del territorio- prosegue Gubbiotti.
La politica di conservazione delle aree protette va integrata con politiche di protezione e tutela del patrimonio archeologico e paesaggistico e con politiche innovative e sostenibili di sviluppo, valorizzazione e corretta fruizione dei luoghi di pregio- conclude Gubbiotti- e tutte le iniziative in campo stanno a dimostrare l’affetto, la voglia di protagonismo e un vero nuovo modo di sentire propri i parchi, da parte di tante associazioni comitati e cittadini. Ora bisogna continuare a rilanciare il protagonismo attraverso fondamentali azioni di volontariato, ma anche con una scommessa sempre maggiore delle Istituzioni sulle aree protette di Roma e di tutto il Lazio.
Le istituzioni devono impegnarsi di più per garantire manutenzione, vigilanza e controllo, ma è indispensabile una collaborazione con le realtà sociali del territorio, perché le nostre aree verdi siano sempre più fruite e protette”.
Le ultime iniziative di RomaNatura in programma sono:
Lunedì 22 maggio anteprima di “Spiagge e Fondali Puliti” Casa del Mare di Ostia Secche di Tor Paterno per salvaguardare la biodiversità marina con la presenza della Presidente della Camera Laura Boldrini e del Sottosegretario all’Ambiente Silvia Velo;
23 – 25 – 29 -30 – 31 maggio attività di Educazione Ambientale alle Secche di Tor Paterno presso la Casa del Mare di Ostia.
Giovedì 25 maggio, 14:30 – 18:30 “BIENNALE DELLO SPAZIO PUBBLICO 2017 – Costruire lo Spazio Pubblico”, presso ex mattatoio padiglione 2 B, Dipartimento di Architettura Roma 3.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del Campionato Italiano Senior, Pesi Leggeri, Junior e Para-Rowing

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

duomo-milanoA Milano giovedì 1° giugno, alle ore 11.30, presso il Centro Congressi Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61, si svolgerà la Conferenza Stampa di presentazione del Campionato Italiano Senior, Pesi Leggeri, Junior e Para-Rowing in programma per il 3 e 4 giugno all’Idroscalo.
Durante la conferenza saranno presentate alla stampa le vincitrici del concorso “Brand Identity” indetto dal Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP, partner FIC.
L’Incontro con gli Organi di Informazione, al quale parteciperanno i vertici della Federazione Italiana Canottaggio, le Autorità degli Enti che patrocinano l’evento e gli atleti medagliati a Rio de Janeiro, oltre i rappresentanti del Consorzio, si terrà durante la pausa tra la prima e la seconda parte del Convegno dal tema “Una corretta alimentazione per un sano stile di vita” organizzato, nella stessa giornata, insieme al Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XII Giornata del malato oncologico

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Roma. Anche quest’anno, in occasione la XII Giornata del malato oncologico organizzata dalla FAVO (Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia), sono assegnati i premi Cedro d’Oro. Ogni anno vengono assegnati a personalità del mondo istituzionale, accademico, imprenditoriale e del volontariato come riconoscimento per alte benemerenze acquisite in campo oncologico. Quest’anno il Cedro viene consegnato a:
A Leonardo Cenci: Maratoneta che con forza e passione ha saputo superare le criticità della sua esperienza di malattia, promuovendo la pratica sportiva come parte integrante dei protocolli di terapia antitumorale
Ad Antonio Delvino: Per l’appassionato impegno nella promozione della Rete Oncologica Pugliese, premessa essenziale della presa in carico globale dei malati di cancro e dei loro famigliari
A Michele Emiliano: Per aver intuito e realizzato con sensibilità politica l’istituzione della Rete Oncologica Pugliese, in piena sintonia con le richieste del volontariato oncologico.
Ad Oscar Bertetto: Per l’illuminata, sensibile e lungimirante direzione e promozione della Rete Oncologica del Piemonte, modello di riferimento in Italia per l’accoglienza dei malati e la loro presa in carico globale
Ai ragazzi e gli operatori del Progetto Giovani della Pediatria Oncologica della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano: Per la capacità di testimoniare con gioia e caparbietà, attraverso la loro canzone “Palle Di Natale”, la possibilità di vivere, anche in corsia, un Natale sereno e gioioso
L’albero del cedro, con i suoi frutti e i suoi fiori tipicamente mediterranei, definito nella Bibbia “l’albero più bello”, è il simbolo della Giornata dei malati oncologici che celebra la forza di quanti, colpiti dal tumore, lottano per la vita.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Commissione autorizza una joint-venture per la pubblicità cinematografica tra TSC e UCI Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

european commissionBruxelles. A norma del regolamento UE sulle concentrazioni, la Commissione europea ha autorizzato la costituzione di una joint-venture che opererà nel settore della pubblicità cinematografica tra UCI Italia e The Space Cinema 1 (TSC), entrambe italiane. UCI Italia è controllata indirettamente dal gruppo cinese Dalian Wanda attraverso la statunitense AMC. TSC è controllata da Vue International del Regno Unito, a sua volta controllata congiuntamente da due società d’investimento canadesi. Sia UCI Italia che TSC sono fornitori di servizi di proiezione cinematografica in Italia e vendono anche spazi pubblicitari nelle loro sale cinematografiche. La Commissione ha concluso che l’operazione proposta non darebbe luogo a problemi di concorrenza, in quanto rimarrebbe sul mercato dei servizi di pubblicità cinematografica una serie di concorrenti forti a cui i cinema concorrenti potrebbero vendere i loro spazi pubblicitari. L’operazione è stata esaminata secondo la normale procedura di esame delle concentrazioni. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web Concorrenza della Commissione, nel registro pubblico dei casi, con il numero di caso M.8431.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antonio Tajani riceve il Presidente della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

parlamento europeoBRUXELLES, PRN Africa. “Dobbiamo approfondire il nostro partenariato e la nostra cooperazione con l’Unione africana su numerosi temi, come lo sviluppo sostenibile, i giovani e l’occupazione, la lotta ai cambiamenti climatici, la pace, la sicurezza, i diritti dell’uomo e la gestione delle crisi”, ha dichiarato il Presidente del Parlamento europeo al termine del suo incontro con il nuovo Presidente della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat.”L’Africa è una priorità per l’Unione europea”, ha sottolineato Tajani, indicando che: “la presenza in Aula del Presidente Moussa Faki è un segnale politico molto forte che darà un nuovo slancio alle relazioni con i nostri partner africani.”
Il Presidente Tajani ha proseguito affermando che: “l’Europa e l’Africa devono affrontare la stessa sfida anche per quanto riguarda la gestione dei flussi migratori. Bisogna cercare la radice del problema. È necessario investire di più e meglio in Africa, nel quadro di una robusta diplomazia economica, per creare crescita e occupazione. Questo continente è ricco di opportunità e di speranza e sarà, ne sono certo, il continente del futuro” “Rendo altresì omaggio al forte impegno del Presidente Moussa Faki nella lotta contro la minaccia terroristica. Non dobbiamo dimenticare che l’Africa è il continente più colpito dagli attacchi. La cooperazione tra l’Unione europea e l’Unione africana è cruciale in questo settore, in particolare nel Sahel e in Libia”, ha concluso Tajani.
Il Parlamento europeo ha invitato anche il Presidente della Repubblica della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara, a tenere un discorso in seduta plenaria a giugno.Il prossimo vertice Unione europea-Africa si terrà a fine novembre 2017, a Abidjan, in Costa d’Avorio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La bolla del debito dei “corporate bond”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Banca europea per gli investimentiLa bolla dei corporate bond è una seria minaccia al sistema economico e finanziario mondiale. Forse è peggiore di quella dei famigerati mutui subprime e delle ipoteche immobiliari del 2008, in quanto ha abbondantemente superato i 30 trilioni di dollari. Il dato più preoccupante però è che nel settore corporate il tasso debiti/ ricavi, il famoso leverage, è il più alto degli ultimi 12 anni. In Italia i corporate bond ammonterebbero a circa 1.200 miliardi di euro, il doppio del livello raggiunto nel 2007. In Europa si è secondi solo alla Germania che ha un’economia più forte.
Si tratta, come è noto, di prestiti obbligazionari emessi dalle società per cercare finanziamenti. Il ricorso al mercato dei capitali è indubbiamente una strada importante e positiva se imboccata con grande attenzione. Si può ottenere la necessaria liquidità per modernizzare e innovare le strutture produttive e per ampliare il perimetro del mercato. Purtroppo, però, come in molte altre situazioni economiche e finanziarie, l’abuso e la mancanza di oculatezza possono portare a dei disastri.
L’anno scorso le grandi imprese hanno aumentato il loro debito corporate a livello mondiale di ben 3,7 trilioni di dollari. Un nuovo record. Una simile impennata si ebbe nel 2006 alla vigilia della crisi globale. Ora non si può ignorare che recentemente anche il quotidiano economico tedesco Handelsblatt abbia ammonito il governo e gli investitori tedeschi del rischio dell’esplosione di questa nuova bolla.
La “miccia” potrebbe essere accesa dall’atteso e progressivo aumento dei tassi di interesse. Negli Usa la bolla dei corporate bond ha raggiunto i 14 trilioni di dollari, superando di molto anche quella delle ipoteche immobiliari che è di circa 11 trilioni. Perciò gli Stati Uniti potrebbero diventare nuovamente l’epicentro di un’ulteriore e più grave crisi finanziaria globale.
Dal 2008 ad oggi negli Usa l’ammontare dei corporate bond è cresciuto del 75%, tanto da spingere persino il Fondo Monetario Internazionale a riconoscere che un aumento del tasso di interesse potrebbe far crescere il rischio di collasso per un quinto delle grandi corporation americane.
Per quello che possa valere, anche le agenzie di rating ammettono un tale rischio soprattutto per le imprese del settore energetico e delle materie prime. Nel 2016 ci sarebbero stati 162 bond default per un totale di 240 miliardi di dollari, pari a più del doppio del livello del 2015 che era stato di 110 miliardi.
I quantitative easing hanno di fatto permesso alle banche centrali di acquistare una grande quantità di titoli di Stato spingendo nel contempo le banche e gli altri grandi investitori verso il mercato dei corporate bond. Ciò ovviamente è stato molto favorito dalla politica di interesse zero che ha reso i titoli di Stato poco appetibili. Secondo il citato giornale tedesco, il gigante assicurativo Allianz, per esempio, avrebbe in portafoglio ben 250 miliardi di dollari di tali titoli, molti dei quali con un rating a dir poco mediocre.
Secondo uno studio dell’Institute of International Finance, negli Usa e in Europa il 97% dei fondi resi disponibili per le imprese dai corporate bond sarebbe usato per operazioni di “ingegneria finanziaria” e soltanto un misero 3% verrebbe impiegato per l’acquisto di macchinari o per altri investimenti reali di lungo termine.
E’ una palese distorsione, una scelta di vera “finanza creativa” che ha comportato soprattutto operazioni di fusioni e acquisizioni, di riacquisto di quote azionarie e finanche di pagamento dei dividendi. Decisioni fatte solo per migliorare le valutazioni di breve termine in borsa. Infatti a Wall Street l’indice Dow Jones è passato da circa 12.000 punti del 2010 ai 21.000 di oggi! Una crescita assolutamente ingiustificata rispetto all’andamento dell’economia produttiva sottostante.
Il citato studio sottolinea inoltre che, nonostante il fatto che l’attuale tasso di interesse sia inferiore all’1%, circa il 10% delle grandi imprese americane non farebbe un profitto sufficiente a coprire i costi del debito.
Ignorare tutto ciò consegnerebbe l’economia e gli Stati a nuove e forse più drammatiche convulsioni sistemiche.
Ci si augura che al recente meeting di Bari i ministri delle Finanze del G7 abbiano affrontato anche questo tema, che non è di certo secondario rispetto alle più grandi politiche di rilancio economico. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“In Italia ci sono 3,9 milioni di cittadini non comunitari regolari”

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

renato-brunetta“Di questi lavorano meno della metà, vale a dire 1,8 milioni, mentre gli altri sono inattivi (900mila), in cerca di lavoro (300mila) o non in età da lavoro (900mila tra bambini e anziani)”.Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un intervento pubblicato da “Il Giornale”. “Questo vuol dire che a fronte di 1,8 milioni di cittadini non comunitari regolari, che hanno un proprio percorso di contribuzione e di finanziamento del welfare, ci sono 2,1 milioni di individui che rappresentano, di fatto, solo un costo. Ripetiamo: bambini, anziani, inoccupati che non hanno mai lavorato o disoccupati che il lavoro l’hanno perso. A questi bisogna aggiungere una cifra stimata in circa mezzo milione di cittadini (in realtà molti di più) non comunitari irregolari, che non hanno un permesso soggiorno, dunque non possono lavorare. O meglio, lavorano nel mercato nero. In realtà, anche molti di quei 2,1 milioni descritti sopra lavorano in nero, senza quindi contribuire alle casse dello Stato. Vista così, l’immigrazione rappresenta un grande vantaggio più per il sommerso che per le società in cui sono inseriti. Dire che 1,8 milioni di immigrati regolari sono un beneficio per i conti pubblici italiani, come fa Emma Bonino in quanto versano alla previdenza pubblica oltre 10 miliardi di euro, è un grande errore di prospettiva, perché non si fa il conto complessivo, vale a dire comprensivo anche dei costi relativi ai familiari a carico, di quelli che non lavorano, all’istruzione e alla sanità.Se a tutto questo si aggiungono i costi per l’accoglienza legati alla tragedia dei recenti flussi migratori, stimato dal governo in 4,6 miliardi, il bilancio del fenomeno migratorio in Italia diventa ampiamente negativo.Il calcolo di Emma Bonino è parziale e buonista in quanto considera solo i benefici derivanti dagli immigrati ‘regolari-regolari’ (1,8 milioni), mentre non considera i costi degli immigrati ‘regolari-irregolari’ (2,1 milioni), vale a dire che hanno permesso di soggiorno ma non un lavoro regolare, né quelli degli immigrati ‘irregolari-irregolari’ (oltre 500mila), senza permesso di soggiorno e senza lavoro. Ne deriva che, proprio perché da offerta e non da domanda, l’immigrazione ha sempre rappresentato per l’Italia più un costo che un beneficio. Da qui la reazione, il disagio, la paura. C’è poco da sfilare”, conclude Brunetta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma statali, c’è poco da ridere: stanziate un quarto delle risorse utili

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

Palazzo chigi1Il via libera del Governo prevede una serie di novità, tra cui assunzioni ‘extra’ per i precari, un codice dei licenziamenti, la creazione del polo unico Inps per le visite fiscali e il riordino della valutazione sempre legato al piano delle performance. Secondo la Ministra della PA, Marianna Madia, grazie al sì alla riforma ora ‘abbiamo le carte in regola’, dal punto di vista normativo, per lo sblocco dei contratti nel pubblico impiego, perché ‘la legislazione ereditata non ci consentiva’ di muoverci.Replica del sindacato: non bastano i 2,8 miliardi di euro in arrivo, attraverso il Def 2017, in buona parte destinati ai rinnovi 2016-2018 del contratto della Pubblica Amministrazione, sommati agli oneri previsti, sempre nel Def, per il prossimo rinnovo (2,3 miliardi di euro per il 2019 e 4,6 per il 2020). La riforma, inoltre, non risolve il problema endemico dell’alto tasso di personale non di ruolo, perché continua a ignorare le indicazioni UE.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): se consideriamo un reddito medio di 1.500 euro, occorrono 120 euro netti per allineare l’indennità di vacanza contrattuale al 50 per cento dell’aumento dell’inflazione certificata tra il 2008 e il 2015. A cui ne vanno aggiunti altrettanti all’atto della firma del contratto, da considerate come vero e proprio aumento. Altro che 85 lordi medi. Così come non possono essere nemmeno le 12 mensilità massime di risarcimento a sanare uno stato di palese illegittimità rispetto agli altri Stati membri per le mancate assunzioni a tempo indeterminato. Su questa irregolarità, il sindacato ha interpellato gli organismi internazionali, attraverso più canali, ricordando in tutti i casi che la norma sulla stabilizzazione successiva ai 36 mesi di servizio va rispettata.Ecco perché Anief ha deciso di ricorrere per il recupero dell’indennità di vacanza contrattuale nello stipendio, sia per i dipendenti della Scuola che per i lavoratori della Pubblica Amministrazione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’alunno disabile deve fare 22 ore settimanali di sostegno ma gliene concedono solo 12

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

ministero-pubblica-istruzioneA stabilirlo è stato il tribunale di Roma facendo seguito alla pronuncia delle Sezioni Unite della Cassazione (n. 25011/2014): i giudici hanno spiegato che ‘il diritto all’istruzione è parte integrante del riconoscimento e della garanzia dei diritti dei disabili, per il conseguimento di quella pari dignità sociale che consente il pieno sviluppo e l’inclusione della persona umana con disabilità’, perché ‘il diritto all’istruzione dei disabili è oggetto di specifica tutela da parte sia dell’ordinamento internazionale che di quello europeo ed interno’. Nella sentenza è stato fatto riferimento anche all’articolo 24 della Convenzione di New York del 13 dicembre 2006 sui diritti delle persone con disabilità (resa esecutiva in Italia con la legge di autorizzazione alla ratifica del 3 marzo 2009, n. 18). Una linea analoga confermata anche dai giudici ordinari di La Spezia e Savona, che condanna il Miur a 7mila euro di spese di soccombenza.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): la nostra ‘battaglia di civiltà’ avviata con l’iniziativa ‘Sostegno, non un’ora di meno!’ raggiunge un altro importante risultato: abbiamo ribadito al Miur che la presenza del docente specializzato non può essere negata o concessa in parte a discrezione dell’amministrazione, ma costituisce un indispensabile strumento per adempiere alle necessarie forme di integrazione e di sostegno a favore degli alunni disabili. I quali, altrimenti, non vedrebbero adeguatamente garantito il loro diritto all’istruzione e allo studio.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caravaggio e i caravaggeschi nell Italia meridionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 Mag 2017

caravaggioOtranto, Castello Aragonese 11 giugno – 24 settembre 2017 Conferenza stampa e inaugurazione sabato 10 giugno ore 18.30. Dopo lo straordinario successo della mostra dedicata a Steve McCurry nell’estate 2016, il Comune di Otranto e Civita Mostre organizzano, dall’11 giugno al 24 settembre 2017, nei suggestivi ambienti del Castello Aragonese una mostra dedicata a Caravaggio e ai pittori caravaggeschi che hanno operato nell’Italia meridionale. Tutte le opere esposte provengono dalla Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, che custodisce il lascito di quello che è stato il più importante storico dell’arte italiano ma anche uno straordinario collezionista.
Roberto Longhi (Alba 1890 – Firenze 1970) è una delle personalità più affascinanti della storia dell’arte del XX secolo. Alla pittura del Caravaggio (Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, Milano 1571 – Porto Ercole 1610) e ai suoi seguaci, i cosiddetti caravaggeschi, ha dedicato una vita di studi, a partire dalla tesi di laurea sul Caravaggio del 1911. Si trattò, a quella data, di una scelta pioneristica, tanto all’epoca il pittore era uno dei “meno conosciuti dell’arte italiana”. Longhi seppe da subito riconoscere la portata rivoluzionaria della pittura del Merisi, così da intenderlo come “il primo pittore dell’età moderna”.
Nella sua dimora fiorentina – villa Il Tasso –, oggi sede della Fondazione che gli è intitolata, raccolse un numero notevole di opere dei maestri di tutte le epoche, che furono per lui occasione di ricerca e di studio. Tra queste il nucleo più importante e significativo è senza dubbio quello che comprende le opere del Caravaggio e dei caravaggeschi, formatosi attorno al Ragazzo morso da un ramarro del Merisi, da lui acquistato verso il 1928. Il dipinto, che risale all’inizio del soggiorno romano di Caravaggio, all’incirca nel 1596-1597, colpisce innanzitutto per la resa del brusco scatto con cui il giovane si ritrae improvvisamente per il morso di un ramarro, quasi come in una istantanea fotografica, ma anche per la “diligenza” con cui ha reso il brano della natura morta con la caraffa e i fiori, un genere pittorico riportato a dignità autonoma proprio dal Caravaggio.Nella mostra, curata da Maria Cristina Bandera, direttrice scientifica della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, accanto al Caravaggio sono esposti i dipinti dei suoi seguaci meridionali o attivi nell’Italia del Sud, che fanno parte della stessa collezione e offrono una efficace testimonianza del significato storico della sua pittura. Grandi capolavori possono ritenersi cinque tele che raffigurano gli Apostoli, del giovane Jusepe de Ribera e la Deposizione di Cristo di Battistello Caracciolo, il principale caravaggesco napoletano. Il profondo radicamento dell’esempio del maestro nell’arte napoletana è attestato dal David di Andrea Vaccaro e dal drammatico San Girolamo del Maestro dell’Emmaus di Caravaggio StJerome_bisPau. Nelle opere di Matthias Stom, a lungo attivo in Sicilia, si materializza una perfetta sintesi tra la cultura nordica di partenza – legata al caravaggismo olandese – e la pittura italiana. Sono inoltre presentate inoltre opere di Lanfranco, del Maestro dell’Annuncio ai pastori, di Filippo Napoletano e di Giacinto Brandi. Il percorso si conclude con due capolavori di Mattia Preti, l’artista che più di ogni altro contribuisce a mantenere per tutto il Seicento la vitalità della tradizione caravaggesca.È infine prevista la proiezione del film di Mario Martone dal titolo L’ultimo Caravaggio (durata 40‘), realizzato nel 2004. La cinepresa del grande regista scompone e riassembla dettagli rubati ora ai dipinti di Caravaggio, ora ai quartieri popolari e alle estreme periferie di Napoli, ricostruendo così, con un linguaggio che parla anche al nostro tempo, la vicenda artistica ed umana del Caravaggio nei suoi ultimi anni, vissuti nell’Italia meridionale.La mostra, unitamente a quella di Roberto Cotroneo, sarà accessibile al pubblico con il biglietto di ingresso del Castello Aragonese, che consente di visitare tutti gli ambienti della fortezza, dai sotterranei agli allestimenti dedicati alla storia della città. (foto caravaggio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »