Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 2 giugno 2017

Comune. Di Biase (PD): ”Da fondi regionali risorse per invertire declino capitale. Raggi batta un colpo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

zingarettiIl presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti ha stanziato 2,6 miliardi per il Comune di Roma. Una scelta importante che tenta di arginare la fuga delle aziende dalla capitale innescando un meccanismo virtuoso che faccia da volano economico per la ripresa di Roma. I fondi stanziati si vanno ad aggiungere a quelli già assegnati sulla mobilità, sulle politiche sociali e sull’ambiente. I nuovi stanziamenti regionali sono destinati a nuove infrastrutture per il trasporto pubblico, alle case della salute, allo sviluppo economico per favorire la competitività delle imprese, all’occupazione, alla formazione, alla qualità urbana e ambientale, alla cultura e all’inclusione sociale. E’ una opportunità che Roma deve saper cogliere ma di cui la giunta Raggi sembra non essersi accorta. L’M5S sempre pronto a manifestare il proprio vittimismo teso a colpevolizzare le altre istituzioni stranamente non risponde alla diponibilità mostrata in questa occasione dal Presidente Zingaretti. La decisione della regione Lazio non va sottovalutata, si tratta di un passo concreto per bloccare l’emorragia imprenditoriale che colpisce la città da alcuni mesi. Chi è alla guida della capitale deve saper cogliere questa grande opportunità e cimentarsi sul piano dell’ammodernamento infrastrutturale e dei servizi erogati alla cittadinanza. L’iniziativa del Presidente Zingaretti è un messaggio importante indirizzato ad aziende e imprenditori che reputano Roma non grado di valorizzare progetti industriali e investimenti. Al tempo stesso è anche un sostegno economico alla capitale di cui l’amministrazione capitolina dovrebbe far tesoro. Raggi batta un colpo”. E’ quanto dichiarato dalla capogruppo del PD Capitolino Michela Di Biase.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Domenica 4 giugno gratis al museo

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

campidoglioRoma Anche domenica 4 giugno 2017, come tutte le prime domeniche del mese, torna l’ingresso gratuito nei Musei Civici della città per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana con molte iniziative per bambini e adulti e una grande varietà di mostre da visitare.Inoltre, come prima domenica del mese, il percorso di visita nell’area dei Fori Imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle ore 8.30 alle 19.15, con l’ultimo ingresso alle 18.15. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva che permette di accedere al Foro Romano, mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato.Iniziative ideate e promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Servizi museali Zètema Progetto Cultura.
Ai Musei Capitolini è in corso la mostra Pintoricchio pittore dei Borgia. Il mistero svelato di Giulia Farnese in cui è esposta per la prima volta la Madonna del Pintoricchio, ritenuta dal Vasari il ritratto di Giulia Farnese, amante di papa Alessandro VI Borgia, accanto al più noto Bambin Gesù delle mani. Presso le Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori, La bellezza ritrovata. Arte negata e riconquistata in mostra.
Ai Mercati di Traiano I Fori dopo i Fori, che illustra le vicende dell’area archeologica dei Fori Imperiali attraverso i rinvenimenti degli scavi degli ultimi 25 anni.
Al Museo di Roma in Palazzo Braschi I pittori del ’900 e le carte da gioco. La collezione di Paola Masino.
Al Museo di Roma in Trastevere le immagini potenti che rivelano una grande fotografa: Vivian Maier. Una fotografa ritrovata, 120 scatti in bianco e nero realizzati tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8. Al primo piano, le foto dell’urbanista, storico, autore di “Roma moderna”, Italo Insolera: il bianco e nero delle città, Immagini 1951-84 e La terra come patrimonio comune – 40 anni d’impegno 1977/2017 con fotografie che documentano gli eventi legati al recupero e messa a cultura di terreni pubblici e privati abbandonati. Dall’occupazione delle terre degli anni ’40 del Novecento fino ad arrivare alle cooperative agricole e sociali dei nostri giorni.
Al Museo Napoleonico Minute visioni. Micromosaici romani del XVIII e del XIX secolo dalla collezione Ars Antiqua Savelli, una delle più importanti in ambito internazionale dedicate a questo peculiare genere artistico, frutto di oltre quarant’anni di acquisizioni e ricerche.
Alla Centrale Montemartini da ammirare, oltre alla magnifica collezione permanente, il treno di Pio IX realizzato nel 1858 dalle società ferroviarie “Pio Centrale” e “Pio Latina”, che lo hanno commissionato ad aziende francesi per farne dono al pontefice.
Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco All’ombra delle piramidi. La mastaba del dignitario Nefer, il preziosissimo rilievo funerario del dignitario Nefer, databile al regno del faraone Cheope: una ricostruzione 1:1 della struttura della cappella funeraria e una ricchissima documentazione grafica, fotografica e multimediale per descriverne lo spazio interno.
Al Museo Civico di Zoologia Litoralis – dalla terra al mare mentre al vicino Museo Carlo Bilotti InMateriale. Lucilla Catania e BIMBA LANDMANN Cultura visiva e immaginario fantastico: illustratrice di libri per l’infanzia, l’artista, attraverso immagini di grande fascino, mira a coinvolgere un pubblico molto vasto, con un’attenzione particolare ai più piccoli.
Sempre all’interno di Villa Borghese, al Museo Pietro Canonica, Benjamin Hirte – Chadwick Rantanen, un progetto ispirato al contesto storico e culturale del Museo.
Al Casino dei Principi di Villa Torlonia Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni e nella vicina Casina delle Civette due mostre: Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli, mostra personale di Walter Guidobaldi in arte Wal, uno dei più originali esponenti della pattuglia dei Nuovi-nuovi organizzata nel 1980 da Renato Barilli. E La Vetrata Artistica. Luce e Colore: in mostra i lavori realizzati dagli allievi del corso di Vetrate Artistiche della Scuola d’Arte e dei Mestieri “Ettore Rolli” del Comune di Roma.Alla Galleria d’Arte Moderna Stanze d’artista. Capolavori del ’900 italianoSironi, Martini, Ferrazzi, De Chirico, Savinio, Carrà, Soffici, Rosai, Campigli, Marini, Pirandello e Scipione.
Molte possibilità, come sempre, al MACRO di via Nizza: OTROS SONIDOS, OTROS PAISAJES; Gea Casolaro – Con lo sguardo dell’altro; I Think Art is… Briciole D’Arte – Un video di Lara Nicoli e Carlo Carfagni; CROSS THE STREETS.
Al MACRO La Pelanda MACROMANARA – Tutto ricominciò con un’estate romana;
Al MACRO Testaccio Pietro Fortuna – S.I.L.O.S; Alfredo Pirri – i pesci non portano fucili.
Non rientrano nelle gratuità: Spartaco. Schiavi e padroni a Roma, un’interessante mostra al Museo dell’Ara Pacis che indaga la realtà della schiavitù nella vita quotidiana e nell’economia della Roma imperiale. Le attività del Planetario Gonfiabile presso Technotown.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ambulantato. Palumbo (PD): “M5S costringe aula tour de Force aula per proteggere interessi consolidati e abusivismo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

aula-giulio-cesare“Quella tracciata sull’ambulantato dal M5S è una incomprensibile linea gotica, un vallo atlantico a difesa delle bancarelle e dei camion bar. L’aula Giulio Cesare è stata costretta ad un assurdo ‘tour de force’ notturno su un provvedimento che ha ricevuto i pareri contrari degli uffici sulla regolarità contabile e tecnico amministrativo e a cui sui è aggiunta anche la bocciatura del I° municipio. Hanno scritto un nuovo regolamento sull’ambulantato all’interno del gruppo M5S e non nell’assessorato di riferimento, di fatto esautorando l’assessore Meloni. Si porta in aula un provvedimento su una materia controversa senza alcuna consultazione con le categorie del commercio e con le associazioni dei residenti che contestano il nuovo regolamento. Dopo un anno di immobilismo l’M5S schiera le truppe a mo’ di testuggine romana a difesa di privilegi monopolistici consolidati e dell’abusivismo. Quale emergenza per la città ha indotto i 5 stelle ad organizzare una furiosa battaglia d’aula che si è protratta fin oltre le sette del mattino senza esito e con costi ingenti di personale e vigilanza? Quale urgenza ha indotto il capogruppo M5S e la maggioranza a voler discutere un regolamento controverso e iniquo, emendato dallo stesso primo firmatario e che potrebbe finire sotto la lente d’ingrandimento della Corte dei Conti?Tanto attivismo comparato ad altrettanta opacità ingenera sospetti. Sospetti più che legittimi perché finora la giunta e la maggioranza su altre questioni spinose come l’emergenza rifiuti, il trasporto, il decoro e la riorganizzazione delle partecipate comunali continuano ad essere latitanti e continuano ad arrampicarsi sugli specchi con l’arroganza di chi non ascolta e non accetta confronti. E guai a chi prova ad avanzare critiche, allora scatta la lista di proscrizione come quella sui giornalisti rei di lesa maestà. Roma rischia di affondare nell’immobilismo e nelle inadeguatezze ma guai a toccare le bancarelle.” Così in una nota il consigliere del PD Capitolino Marco Palumbo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma lido: si viaggia in “carri bestiame”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

roma-lido“Il livello di esasperazione per gli utenti della Roma-Lido ha raggiunto davvero punte elevate in queste ultime settimane e in particolare negli ultimi giorni. I pendolari che usano questo servizio, se si può chiamare così, per spostarsi dal litorale in città viaggiano in vagoni più simili a un carro bestiame che a quelli di una moderna ferrovia. Alcuni cittadini ci hanno scritto lamentando la partenza di convogli ogni mezzora, riportando le giustificazioni ricevute dagli addetti delle stazioni alle loro lamentele, ovvero mancanza di personale o assenza di treni. In entrambi i casi, motivazioni del genere sono irricevibili, e qualunque sia stata la causa, il risultato ottenuto è stato quelli di convogli sovraffollati, al cui interno non esisteva nemmeno lo spazio fisico per spostarsi. Una sorta di deportazione intollerabile, in cui per altro non ci sono i requisiti minimi di sicurezza per gli utenti, la cui incolumità è messa a repentaglio. In queste condizioni, che ricordano quelle in cui si viaggia in alcune ferrovie dell’India, non sappiamo nemmeno come si possa permettere a un treno di circolare. Abbiamo già denunciato i responsabili di questo disastro, il presidente Zingaretti e l’assessore alla Mobilità Civita, incapaci di rendere normale un servizio che, se funzionasse, alleggerirebbe il traffico automobilistico dal mare verso Roma e viceversa, e non farebbe sentire cittadini di serie b le migliaia di persone che ogni giorno devono subire questo insulto alla propria dignità. Allo stesso tempo, è giunto il momento di inchiodare alle proprie responsabilità il Comune di Roma e l’amministrazione Raggi. A quasi un anno di distanza dalla sua elezione a sindaco, non è stato risolto nemmeno uno dei problemi della mobilità romana, tanto meno sul litorale dove non si riescono nemmeno a sincronizzare le partenze dei bus, ad esempio la linea 03 che collega la stazione di Acilia all’hinterland, costringendo i pendolari a ulteriori interminabili attese. Per non parlare dell’assurdo provvedimento di abbassare a 30 km/h la velocità massima sulla Cristoforo Colombo a causa di buche e radici degli alberi, trasformando quest’arteria in un fiume di macchine in coda ogni giorno. Una dimostrazione di incapacità amministrativa senza precedenti che sta creando solo disagi ai cittadini e ai pendolari”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2 giugno al parco Centocelle di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

parco-di-centocelleRoma 10.30 Partenza pedalata da Piazza Vittorio Veneto in direzione Parco Archeologico di Centocelle e dalle 12.00 canti, balli, incursioni musicali, tango, intrattenimento bimbi fino al tramonto al Parco Le famiglie dei tre Municipi V,VI,VII che si affacciano sul Parco Archeologico di Centocelle si ritroveranno il 2 giugno al Parco per maniFESTAre nei fatti l’uso che di un Parco se ne deve fare e per difendere la propria salute, stanche delle numerose inadempienze delle Istituzioni tutte che ad oggi ancora non hanno avviato neanche il processo di caratterizzazione dei rifiuti come previsto dalla Ordinanza della Sindaca dello scorso 10 febbraio, e dalla procedura prevista nel Testo Unico Ambiente (D.Lgs. 152/06) scattata il 1 aprile scorso. Tempi di reazione e azione delle Istituzioni alle urgenze incompatibili con la salute di una cittadinanza romana di quasi 500.000 persone.Al grido “ Bonifica subito per il Parco di Centocelle” appuntamento al Parco Archeologico di Centocelle – entrata da Via Casilina – dove verso le ore 12.00 arriverà una pedalata in partenza da Piazza Vittorio verso le 10.30. Lì ci si ritroverà tutti insieme fino al tramonto per una FESTA con incursioni musicali, tango, balli, cori, intrattenimento bimbi e visite guidate nel “più bel pratone di Roma”. E’ quanto dichiarano Stefania Berrettoni, Silvia Mariotti, Luca Scarnati portavoci dell’iniziativa.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo di Parigi: La decisione di Trump di uscire dall’Accordo è ideologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

trump11Uscire dagli Accordi di Parigi è una decisione ideologica che si ritorcerà contro gli interessi USA. Questo è quanto afferma Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club, che insiste: “prevedo che si allargherà un altro fronte di resistenza come non si vedeva dai tempi della guerra del Vietnam”. La posizione di Kyoto Club sulla dichiarazione del Presidente Trump. “La decisione di Trump è ideologica e si ritorcerà contro gli interessi Usa. Prevedo che si allargherà un largo fronte di resistenza, come non si vedeva dai tempi della guerra del Vietnam.Gli altri paesi, ad iniziare da Cina e India, numero uno e tre per emissioni prodotte, stanno facendo molto di più di quanto promesso a Parigi. L’Europa adesso deve alzare il livello dell’impegno di riduzione al 2030 delle emissioni climalteranti passando dal 40 al 45% rispetto al 1990”. È quanto dichiara Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club, commentando la decisione del Presidente Donald Trump.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

“Limpida e impietosa l’immagine scattata dal governatore di Bankitalia”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

Banca d'ItaliaLo ha fatto nella sua relazione conclusiva. La certificazione che le politiche economiche praticate negli ultimi anni non hanno prodotto i risultati sperati. Vincenzo Visco fa un appello inequivocabile: tornare alla realtà. Visco sottolinea il fallimento della politica economica degli ultimi governi di centrosinistra, che ha portato a un alto debito pubblico, un basso tasso di crescita ed insufficienti cambiamenti strutturali nel sistema produttivo”. Lo afferma, in una nota, Mariastella Gelmini, vice presidente vicario del gruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Le previsioni di Forza Italia – prosegue – non erano sbagliate. La politica del tassa e spendi, propria della sinistra, e le tante regalie fatte di bonus e prebende hanno soltanto illuso gli italiani e drogato i numeri. Servono interventi nell’interesse generale, che liberino l’economia da inutili vincoli, rendite di posizione, antichi e nuovi ritardi, insiste Visco. Un manifesto elettorale – conclude l’esponente azzurra – da sottoscrivere”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’incremento dei prezzi del burro dipende dal minore utilizzo di olio di palma?

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

olio di palmaSe fosse vero, come sostiene Coldiretti, le aziende che hanno abbandonato l’olio di palma dovrebbero averlo sostituito quasi tutte con il burro vista la denunciata carenza di questo prodotto. Così non è: basta verificare le tabelle nutrizionali e le etichette dei prodotti “senza olio di palma”.Coldiretti sa benissimo che il burro non ha meno grassi saturi dell’olio di palma. Per questo motivo se le aziende avessero sostituito il palma con il burro, allora si avvalorerebbe l’idea che le imprese hanno eliminato il palma per ragioni unicamente commerciali, di trend competitivo o, ancora peggio, per pressioni fatte da interessi particolari.A Coldiretti sanno anche che il burro è meno sostenibile del palma, dal momento che la principale causa dello sfruttamento intensivo della terra e della deforestazione, non sono le piantagioni di palme, ma gli allevamenti come sostenuto dai report annuali dell’ONU e della FAO. Ci sono alcuni dolci che richiedono il burro, è vero, ma le aziende che hanno sostituito l’olio di palma, oggi usano altri oli vegetali come quello di mais e di semi di girasole e non il burro.Inoltre, come Campagne Liberali ha dimostrato con il recente studio comparativo “Senza palma, ma più saturi” la sostituzione dell’olio di palma con altri oli vegetali non ha comportato una riduzione del livello di grassi saturi rispetto ai prodotti che lo contengono come ingrediente.
Il palma resta il migliore ingrediente per i prodotti confezionati e i dolci industriali: le imprese ne sono consapevoli, così come lo sono i consumatori, che a volte sono costretti a consumare prodotti di qualità inferiore, ed infatti – a breve uscirà un nostro studio in proposito – le lamentele stanno aumentando. Nel medio lungo termine chi ha abbandonato il palma in seguito ad allarmismo e fobie commerciali sarà costretto a tornarvi. Le bufale non durano in eterno.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »