Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 12 giugno 2017

Saudi Arabia cuts off Qatar

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

Qatar(By The Economist) TRIBAL feuding among the Al Thanis, Al Khalifas, Al Sabahs and Al Sauds has been the norm for centuries. From their beginnings in Nejd, the barren interior of the Arabian peninsula, they sparred for the best coastal spots from which to launch pirate raids into the Gulf. But even at the height of acrimony, they always observed unwritten rules of refuge and hospitality. When the tribes became states five decades ago, their people still travelled, lived and intermarried across lines in the sand. Their sheikhs might withdraw their ambassadors when tempers flared, but even when King Salman of Saudi Arabia went to war in Yemen in 2015, he let more than a million Yemenis in his kingdom stay.For Gulf Arabs, the expulsion of Qataris by Bahrain, the United Arab Emirates (UAE) and Saudi Arabia ordered on June 5th is more shocking than a declaration of war. It has torn up their code of conduct. With two weeks’ notice to leave, Saudi husbands fear they might forfeit their livelihoods if they follow their Qatari wives. The queues at Qatar’s only land border, with Saudi Arabia, already tail back for miles. The dunes have become barriers, preventing the entry of people and goods, including much of Qatar’s food supply. Short-haul tourism has collapsed. The UAE has criminalised any expression of sympathy for Qatar, tweets included. Diplomatic ties have been severed, and air, land and sea links closed by the three neighbours, as well as by Egypt and Yemen.
Protruding like a sore thumb from the Arabian peninsula, tiny Qatar has long bugged its neighbours. But the explanations offered for the sudden, unprecedented closure seem inadequate. Only a fortnight beforehand, the Qatari emir had stood smiling alongside those who have now banished him. In a show of unity, they feted Donald Trump, the American president, in Riyadh. Saudi Arabia blames Qatar’s involvement in terrorism, which to those recalling the role Saudi jihadists played on 9/11 sounds rich. Qatar’s ties to Iran, too, irk Saudi clerics and kings, particularly the joint and expanding development of South Pars, the world’s largest gasfield. But Kuwait and Oman are on similarly good terms with the Islamic Republic, and Dubai, one of the UAE’s seven emirates, provided the biggest back door into Iran when the world imposed sanctions on it.The pretensions of Qatar’s ruling Al Thani family to global grandeur have also vexed other rulers. The statelet has sought significance by offering a sanctuary to the Muslim Brotherhood, the Arab world’s foremost Islamist movement. Diplomats found in Qatar a place in which to talk to Islamists, including Yousef Qaradawi, the Brotherhood’s favourite preacher; Khaled Meshal, until recently the leader of Hamas, the militant Palestinian group; Abbassi Madani from Algeria; and several of the Taliban’s leaders. A media empire led by Al Jazeera, a satellite TV channel, has for decades helped Qatar find a mass audience. It offered a platform to dissidents from across the region (except Qatar), giving voice to popular anger which erupted in the Arab spring of 2011. It then goaded revolutionaries to take up arms, and endorsed Islamists who stood in elections. Qatar bankrolled their campaigns and filled their coffers when they took power.The Arabian peninsula is not big enough, however, to realise all its rulers’ ambitions. Rivalries have grown as each struggles to create global shipping hubs, airlines, media arms, expeditionary forces and financial districts. A generation ago the Gulf was led by consensus-builders, whose prime concern was stability. But petrodollars, vast arsenals and Mr Trump’s blessing risk turning their descendants into vainglorious autocrats with talents for inflaming, not compromising. Saudi Arabia’s young deputy crown prince and de facto ruler, Muhammad bin Salman, it is said, likes to be called Alexander [the Great]. Their intelligence agents run amok, spreading dirt on each other, true or false. One of the triggers offered for the latest showdown is the revelation in Qatari-owned media of e-mails purportedly hacked from the account of the UAE’s ambassador in Washington, Yousef Otaiba.For now, the Al Thanis have the qatar1means to withstand the pressure. The sheikhdom is the world’s biggest supplier of liquefied natural gas. Mr Trump might celebrate Qatar’s come-uppance in tweets, but he must still consider the roughly 10,000 soldiers stationed there at al-Udeid, America’s largest air base in the Middle East (though the Emiratis would prefer he move it their way). Egypt, which has also severed ties, knows that Qatar may retaliate by expelling its workers if it hinders Qatari exports through the Suez canal. Even the UAE worries that Qatar might shut off the gas pipeline supplying its domestic market.But things can get much nastier. After Saudi Arabia closed Qatar’s only land border, Iran offered to make up the shortfall. If Qatar drifts further into Iran’s orbit, Gulf officials warn that more “punitive, economic measures” could follow. An attack, claimed by Islamic State, on Tehran’s parliament on June 7th has heightened the tension: Iran is blaming Saudi Arabia, though without evidence.There will be few winners. Airline embargoes harm tourism across all Gulf states, in the eyes of foreigners who cannot tell one sheikhdom from other, just when they are trying to diversify their economies. Investors already unnerved by Yemen’s protracted war have further cause to fear Arabian instability. Mr Trump’s recent proposal for an Arab NATO looks aborted. Plans for the Gulf Co-operation Council to forge a common foreign and economic policy lie in tatters. If only the world had a superpower focused more on diplomacy and less on selling weapons. (foto: Qatar)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge elettorale e i franchi tiratori del PD

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

camera deputati“Forza Italia esce vincitrice morale” dall’affondamento della legge elettorale, “per il senso di responsabilità dimostrato portando la croce mentre altri deliravano”. Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un’intervista a “La Verità”.Sull’emendamento sul Trentino “noi siamo stati così seri da aver votato tutti contro, tranne l`onorevole Biancofiore – che aveva ragione – e un paio di dissidenti fisiologici”. Michaela “era autorizzata a votare per ragioni di libertà di coscienza. L`unica deroga era per lei. Ho fatto il consigliere comunale a Bolzano per due mesi, so di che parlo”.Lei aveva capito che si andava nel burrone? “Sinceramente? All`inizio, no. Dopo il voto sulle pregiudiziali, sì”. Di chi è la colpa principale? “Dei tacchini democratici. Di quelli convinti di finire come tacchini nel forno. Per colpa della fregola di andare a votare: quasi ottanta, glielo posso dimostrare. Allora: togli gli oppositori legittimi: togli gli alfanidi, togli i fratelli di Giorgia, i sinistri, un po` di magmatici incerti o civici nel misto… I quattro partiti dovevamo avere comunque 430-440 voti. Fatta un po` di tara dovevi stare a 400. Il problema è che fin dai primi voti eravamo già 320-317, cioè in emergenza! E i franchi tiratori erano quasi tutti dentro il Pd”.Come si spiega un esercito di franchi tiratori del Pd? “La fretta di andare a votare ha fatto crescere il mal di pancia e l`istinto di autoconservazione contro le elezioni anticipate”. Perché proprio nel Pd? “Il Pd senza premio prende 210 seggi: ne restano fuori 70-80”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intersolar Europe: my-PV shows itself to be the market leader for solar powered hot water boilers and establishes sales partnership for the Italian market

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

Neuzeug, AustriaNeuzeug, Austria. At this year’s Intersolar Europe trade fair, the photovoltaic firm my-PV GmbH, based in Neuzeug, Austria, introduced its new sales partner for Italy. ARTHA Consulting will be marketing the innovative manufacturer’s ELWA (ELectric WAter) boilers on the Italian market with immediate effect. “An increasing number of experts recognise us to be the driving force in the area of solar powered water heating and value our technical expertise – and this year’s Intersolar Europe has accentuated this”, says Dr Gerhard Rimpler, managing director of my-PV. The company is already the market leader in the area of providing photovoltaic hot water boilers in Germany and Austria. “We also want to be the leader in Italy in the near future.”The market is large, because although there has not been any increased feed-in remuneration for photovoltaic systems in Italy for some time, 5,000 new house roof plants are still being installed every month. “The my-PV electric hot water boilers are perfect for this”, says Giuseppe Sofia, managing director of ARTHA Consulting. They are an ideal alternative to solar heating plants. “You can not only save energy with these products, but also increase your own consumption. my-PV is currently one of the most highly regarded firms in this area.” Sofia will initially market my-PV´s products through wholesalers in Italy. In the next phase he will realise larger projects for storing hot water – for example in sport centres and the food industry.In addition to the new sales partner for Italy, my-PV also introduced the new online portal http://www.my-pv.live at Intersolar Europe in Munich, as well as the AC ELWA-E Multi functionality, with which multiple hot water appliances can be installed in one system.The announcement about the AC voltage regulator AC•THOR with a drumroll at the exhibition stand also attracted a great deal of interest. “Numerous visitors to the trade fair made a note of the date for the product presentation on 30 November. The appliance is a milestone in the maximisation of own consumption”, says Rimpler.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grande successo per stilista Milena Bonaccorso con le sue creazioni a Bassano del Grappa e Venezia

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

bonaccorso5bonaccorso4La moda di Milena Bonaccorso si distingue per l’eleganza e l’essenzialità delle linee. Come tutti gli stilisti ha seguito una cartella colori ispirandosi principalmente a tutte le donne che amano sentirsi più belle in ogni occasione. Non mancano silhouette pulite, tessuti lisci e tagli essenziali. Per questo la stilista propone alcuni abiti della nuova collezione S-S 2018. La prima scelta è un abito rosso asimmetrico con scollatura all’americana e fiocco in chiffon. A seguire un abito color oro di linea svasata con spalline arricchite con strass e giacchetta smanicata in tulle di seta con ruches. Abito stile impero a fiori scollatura asimmetrica in chiffon che si annoda dietro con fiocco con lunghe code. Abito color corallo con lembi laterali che donano sinuosità ed eleganza. Per finire un abito lungo nero smanicato con inserti in tulle e pelle. Abiti creati per esaltare due diverse tipi di femminilità dal romanticismo al glamour per la sera.
Scrive di sè Milena Bonaccorsi: “Sono nata a Catania, formo i miei studi e le mie conoscenze nella mia città natia conseguendo il titolo di studio di “Disegnatrice Stilista di Moda” ed iniziando da subito a creare e sperimentare nuove idee.Amo la moda in tutte le sue sfaccettature, ho la fortuna di vivere in Sicilia e sfrutto al massimo l’influenza dei luoghi suggestivi che mi circondano e che renderanno ancor più particolari nei colori e nelle dinamiche le mie creazioni. Realizzo abiti da cerimonia e non solo, rivolti ad un ampio pubblico femminile seguendo diversi stili per diverse occasioni dall ‘elegante al bonaccorso1bonaccorso2.pngbonaccorso3glamour. Negli ultimi anni mi affermo, inoltre, con la mia personale linea mare apprezzata sia dalle teenager che dalle giovani donne. Lo stilista che ammiro di più per eleganza e raffinatezza è Armani, credo fermamente che l’abito parli di noi del nostro modo di essere rispecchiando la nostra personalità.” Pensando poi alle donne pre la prossima stagione autunno inverno precisa: “Le festività sono ormai alle porte e i look variano da persona a persona, almeno per il 25 dicembre dobbiamo stupire amici e parenti con un look nuovo e inaspettato. Io personalmente proporrei degli abiti audaci, magari per i più tradizionalisti sceglierei il nero o il rosso, chi vuole essere trendy l’oro e chi invece vuole rimanere sul classico l’ intramontabile accostamento tra il nero e il bianco. Per le donne curvy sceglierei un capo per eccellenza come il tubino nero impreziosito con accessori brillanti e luminosi, collant e scarpe con plateau alto magari rosse .Invece come alternativa il rosso impreziosito con del pizzo! Per i capodanno, sceglierei l’abito lungo sempre impreziosito da accessori luccicanti”.
Infine chi le chiede come veste la nuova First Lady americana risponde:” Da un punto di vista stilistico ha già di suo un eleganza innata, quindi facile da vestire grazie al suo fisico, mi piacerebbe averla fra le mie clienti”. (foto: bonaccorso)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Igino Stella: “Il mio mondo lontano dal mondo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

Igino StellaRoma 17 giugno 2017 ore 18.30 Case Romane del Celio Clivo di Scauro, adiacente Piazza SS. Giovanni e Paolo si inaugura presso le Case Romane del Celio la mostra Igino Stella. “Il mio mondo lontano dal mondo”, a cura di Rita Stella e Davide Pica, in collaborazione con Spazio Libero soc. coop. soc, sotto l’alta sorveglianza del MiBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e con il patrocinio del Ministero dell’Interno – Fondo Edifici di Culto. L’antologica dedicata al pittore ascolano Igino Stella raccoglie una serie di opere realizzate durante la sua quarantennale produzione artistica, coprendo un arco di tempo che va dalla fine degli anni sessanta fino a raggiungere la prima decade del nuovo secolo. Il percorso espositivo all’interno delle sale delle Case Romane del Celio è composto da venti opere suddivise tra tele e sculture: 14 oli su tela e un olio su legno posto a conclusione della mostra, un’opera dove le colorate e fluttuanti forme protagoniste delle tele precedenti lasciano il posto ad un profondo ed intenso spazio rosso con un guerriero immaginario che traghetta l’arte di Igino Stella verso un’infinito mondo lontano dal mondo. Igino Stella approda alla pittura dopo un vissuto caratterizzato da eventi personali tristi e dolorosi che lo segnano per sempre e formano una profonda e originale sensibilità, orientandolo verso la poesia e la pittura. Il suo lavoro parte dall’astrazione geometrica e approda alla forma scultorea: alle forme elementari – quadrati, cerchi e triangoli – si accostano quelle più complesse, capaci di fornire il senso del moto continuo della vita. Nelle tele risalenti agli anni ‘70 e ‘80 traspare un sentimento sofferente e tumultuoso, evidenziato da forme geometriche spigolose e toni forti e accesi. Dagli anni ‘90 in poi l’artista evolve verso una distensione quasi contemplativa e si concentra su una ricerca più attenta del colore, nella quale emerge una rifiorente gioia di vivere e grande entusiasmo per l’arte. Le cinque sculture scelte per rappresentare un’altra espressione della propria emotività sono legate ad un periodo molto recente, quello che va dalla fine degli anni novanta fino agli ultimi anni della sua carriera. Il materiale utilizzato è un legno molto resistente e pregiato quale il ciliegio, il noce e il castagno. Evidente e prepotente è la caratteristica che scaturisce da queste sculture: il rapporto con la natura da sempre fonte di ispirazione primaria.
Nel corso dei primi anni della sua attività artistica, Igino Stella entra in contatto con il gruppo di pittori firmatari del Manifesto Immanente: il fondatore Diego Pierpaoli instaura con Stella un rapporto di profonda amicizia e stima reciproca, tanto da volerlo come firmatario del manifesto, pur avendo una ricerca artistica molto differente. Già a partire dagli anni ‘70 Stella espone le sue opere in numerose mostre personali a Roma, Milano e nel centro Italia.
Oggi, a 45 anni esatti dalla sua prima esposizione personale a Roma e a sei dalla sua morte (agosto 2011), la figlia Rita Stella, che nel corso degli anni ha catalogato e conservato le opere del padre, propone di ospitare una antologica nella città da cui tutto è partito. Dal 18 giugno al 10 luglio 2017 Apertura al pubblico: 10-13 / 15-18 Chiuso martedì e mercoledì Biglietti: intero: € 8.00 – ridotto € 6.00 (foto: igino stella)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra dedicata ai due elementi del cielo e della terra

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

cielo terraMilano martedì 13 giugno 2017, ore 18,30 fino a settembre 2017 Orari della Galleria Milano Via Daniele Manin, 13: da martedì a venerdì dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 20,00. Lunedì dalle 16,00 alle 20,00 e sabato dalle 10,00 alle 13,00.
Da una parte il cielo, lo spazio siderale visibile dalla terra, con gli astri e i suoi agenti atmosferici. Le fotografie di Aurelio Andrighetto tentano di ricostruire l’esperienza percettiva del passaggio dalla visione diurna a quella notturna. Le potenzialità del pensiero davanti al cosmo e il metodo di osservazione del reale sono anche al centro della ricerca di Pierluigi Fresia in Constellations. La serigrafia con collage di Jim Dine proviene da un portfolio commissionatogli dalle Edizioni Alecto nel 1966, dove gli oggetti della realtà quotidiana, costante della sua poetica, sono caricati di nuove potenzialità con attenzione al contesto enviromental. Anche Joe Goode, esponente del movimento “Light and Space” – sviluppatosi sulla West Coast negli anni Sessanta – guarda all’ambiente e agli agenti atmosferici, sfidando il confine tra rappresentazione e astrazione. Così Francesco Pedrini, che immortala i tornado e l’effimera vita di una nuvola lanciandosi nella sfida impossibile di “registrare l’irregistrabile” (Elio Grazioli). Davide Mosconi tenta di disegnare l’aria regalando immagini cosmiche, dove le costellazioni sono costituite da oggetti congelati in volo da uno scatto fotografico. Fabio Zonta nei suoi vortici, elementi d’acqua che sembrano buchi neri nella galassia, mette in atto “una sorta di evasione dalla realtà fisica” (Mario Guderzo). Anche i lavori di Sandro Somarè indagano l’incerta liminalità visiva tra cielo e acqua: i colori tenui del mare sono rarefatti nelle sfumature di grigio disperdendo la linea dell’orizzonte; ciò che interessa non è il luogo in sé, ma la sua luce. Una lettura ironica, in chiave pop, è quella di Richard Smith che utilizza l’aquilone come supporto e tecnica.E poi c’è la terra, spazio della materialità e delle radici, ma anche dell’imperscrutabilità della natura. Non al polo opposto del cielo, ma complementare, come ci ricorda Aldo Tagliaferro nei suoi rapporti intimistici con entrambi gli elementi. La terra è utilizzata in tutta la sua potenza materica nell’opera di Nanni Valentini così come nel lavoro di Adelio Maronati che la utilizza direttamente sulla tela, unita ai colori a tempera. La proposta elaborata da Giannetto Bravi, concepita per Operazione Vesuvio, è costituita da un invaligiamento metaforico delle proprie origini. Nelle fotografie di Arno Hammacher, cresciuto a contatto con la natura sulla costa del Mare del Nord, tornano ricorrentemente il mare e le dune sabbiose. Luca Maria Patella riflette sulla funzione conoscitiva dell’arte applicando metodi proto-concettuali che aprono al dialogo con la scienza. Marco Vaglieri indaga la Storia con le sue storyboard, frutto di uno studio sulle zone della Prima Guerra Mondiale. Le trincee e i loro scavi, di cui racconta Vaglieri, ricordano ciò che è sotto terra: la coppia Ottonella Mocellin + Nicola Pellegrini scende nelle sue profondità in Il carbone sotto la pelle, intervento partecipativo realizzato a Barbarano in Puglia (2003) al fine di dare voce ad una comunità di ex minatori, mentre al centro di I Wanna Hold Your Hand If I Can Be So Bold (2006) sono i rapporti di coppia. Jae-Eun Choi seppellisce duecento fogli di carta giapponese Wa-shi, prodotta per resistere ad ogni danno del tempo, in varie parti del mondo, per disseppellirli dopo qualche anno e registrare il loro deterioramento in base ai diversi tipi di terreno nel quale erano permasti. Il “potere del sottosuolo” (Choi) è sviluppato in chiave lirica e suggestiva da Luca Vitone in Et in Arcadia Ego (Lach), del 2001, dove lo scavo archeologico riporta alla luce la cultura sonora del luogo. Peter Fend, infine, offre visioni satellitari e mappe con attenzione all’ecologia globale e a questioni geopolitiche. (foto: cielo terra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anteprima della sessione plenaria – 12-15 giugno 2017

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo Cambiamento climatico: dibattito sul ritiro degli USA, votazione su nuovi limiti a emissioniMercoledì sarà discussa la decisione del Presidente americano Trump di ritirarsi dall’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Sempre mercoledì, il Parlamento voterà nuovi obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni per il 2030. Nuove etichette energetiche per elettrodomestici, da A a G Per indicare il livello di consumo energetico, gli elettrodomestici saranno etichettati seguendo una scala che va da A a G, piuttosto che A+/A++/A+++ come attualmente.
30 anni di Erasmus Il Parlamento europeo celebrerà il programma Erasmus+, che per 30 anni ha aiutato più di nove milioni di persone a studiare, lavorare o fare volontariato all’estero.
Ridurre il divario pensionistico di genere La diseguaglianza di genere nel lavoro e nei salari deve essere affrontata meglio, anche al fine di prevenire il divario pensionistico, che nell’UE sfiora il 40%.
Le priorità dei deputati in vista del Consiglio europeo I deputati discuteranno i temi, quali l’immigrazione, la sicurezza e la difesa, che saranno affrontati dal Consiglio europeo del 22 e 23 giugno. Anche i negoziati sulla Brexit dovrebbero far parte di questo dibattito, che si terrà mercoledì alle 9.00, con il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, e con la Presidenza maltese del Consiglio.
Le Capitali europee della cultura 2020-2033 L’elenco dei Paesi che ospiteranno le Capitali europee della cultura sarà deciso dal Parlamento martedì.
Glifosato: interrogazione alla Commissione su possibile interferenza di Monsanto L’organo esecutivo dell’UE dovrà spiegare se intende investigare sulle accuse di indebito condizionamento della Monsanto riguardo all’approvazione nell’UE della sostanza erbicida glifosato.
Europa digitale: sharing economy e ruolo delle piattaforme online Fondo europeo per gli investimenti: più fondi alle economie più bisognose.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni e la classificazione sismica degli edifici

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma Lunedì 12 e martedì 13 giugno, nell’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12), con inizio alle ore 10, si terrà il convegno “LA NUOVA NTC 2017 E LA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEGLI EDIFICI (SISMABONUS)”.
Il 12 giugno, dopo i saluti del Rettore, rappresentato dal Pro Rettore Vicario, prof. Giovanni Franceschini, i lavori saranno aperti dal Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, ing. Massimo Sessa, che presiederà entrambe le giornate.Il Convegno è stato organizzato sotto gli auspici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, su iniziativa della prof.ssa ing. Lorella Montrasio, docente di geotecnica dell’Università di Parma nonché componente del Gruppo di lavoro NTC del CSLLPP.Interverranno al convegno l’on. Umberto Del Basso De Caro, Sottosegretario di Stato alle Infrastrutture e ai Trasporti, l’ing. Angelo Tedeschi, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Parma, il Vice Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, ing. Giovanni Cardinale, il prof. ing. Franco Braga, dell’Università di Roma La Sapienza e Coordinatore del Gruppo di lavoro NTC del CSLLPP nonché Presidente dell’ANIDIS, i professori che hanno partecipato al Gruppo di Lavoro NTC del CSLLPP: Pietro Croce (Università di Pisa), Piero D’Asdia (Università di Chieti e Pescara), Walter Salvatore (Università di Pisa), Claudio Modena (Università di Padova) e l’ing. Emanuele Renzi, Coordinatore del Servizio Tecnico Centrale del CSLLPP. Alla seconda giornata interverranno il Presidente di ANCE, geom. Gabriele Buia, e i relatori del Gruppo di Lavoro sulla Classificazione del Rischio Sismico del CSLLPP: proff. Mauro Dolce (Università di Napoli Federico II), Walter Salvatore, Franco Braga e il dott. Biagio Eramo.La prima giornata ha lo scopo di tracciare un quadro delle principali novità introdotte dalle Norme Tecniche per le Costruzioni 2017 e di chiarire i contenuti della Circolare Applicativa ed Esplicativa che verrà pubblicata immediatamente dopo la pubblicazione delle Norme. La seconda giornata sarà rivolta ad illustrare i contenuti delle linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni. Gli interventi, che da un lato illustreranno la filosofia che ha mosso il legislatore nella costruzione delle Nuove Norme Tecniche – a garanzia della sicurezza delle costruzioni – e del Sismabonus -introdotto per agevolare la riduzione della classe di rischio degli edifici, valutabile, quest’ultima, anche sulla base delle stesse NTC -, dall’altro evidenzieranno il ruolo del Consiglio Superiore e delle Commissioni che hanno lavorato alla stesura delle Norme Tecniche e delle Linee Guida. I relatori dei contenuti tecnici di entrambe le giornate saranno gli stessi coordinatori e relatori dei Gruppi di Lavoro che, essendo stati attori protagonisti nella redazione, saranno in grado di approfondire gli argomenti con massima competenza. In entrambe le giornate, il focus verterà, oltre che sugli aspetti tecnici, su quelli professionali, fiscali e sulla ricaduta positiva per il comparto dell’edilizia e della progettazione, settori trainanti per l’economia del Paese.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ad Al-Raqqa 40.000 bambini in pericolo a causa dei combattimenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

siria“Le terribili violenze nella città di Al-Raqqa stanno mettendo in pericolo le vite dei bambini. L’UNICEF ha ricevuto notizie allarmanti di almeno 25 bambini uccisi e di molti altri feriti nella città di Al-Raqqa. Circa 40.000 bambini sono ancora intrappolati nella città in condizioni estremamente pericolose. Molti sono bloccati dagli scontri. Sono state riportate notizie di attacchi contro ospedali e scuole. Tutti coloro che tentano di scappare rischiano di essere uccisi o feriti.I bambini sono deprivati della maggior parte dei beni di base e salva vita. A causa delle violenze e dell’accesso limitato dal 2013 le persone ad Al-Raqqa hanno ricevuto pochi aiuti.I combattimenti hanno causato sfollamenti di massa: circa 80.000 bambini sono sfollati interni e vivono in rifugi di fortuna e campi per sfollati.L’UNICEF chiede alle parti in conflitto di proteggere i bambini all’interno di Al-Raqqa, di garantire a tutti coloro che desiderano lasciare la città un transito in condizioni di sicurezza e garantire ai civili in fuga un ambiente protetto”.
La risposta dell’UNICEF:Per rispondere ai bisogni immediati dei bambini e delle famiglie scappati dalle violenze alla ricerca di sicurezza nei campi e presso gli insediamenti informali, l’UNICEF sta:trasportando 975.000 litri di acqua al giorno per circa 120.000 persone sfollate interne nei campi nei governatorati di Raqqa e Hassakeh;
vaccinando 58.100 bambini sotto i 5 anni contro la polio e altre malattie;
distribuendo 11.260 zaini scolastici ai bambini nei campi e nelle comunità ospitanti a nord di Raqqa e predisponendo spazi per l’apprendimento per 3.100 bambini;
distribuendo abiti per bambini e garantendo sostengo psicosociale di emergenza per aiutare i bambini ad affrontare i traumi che hanno vissuto.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni UK: il commento delle due affiliate obbligazionarie del gruppo Legg Mason

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

city of londonLondon. By Andrew Belshaw, Head of Investment Management London di Western Asset (Gruppo Legg Mason) “Devi sapere quando continuare a giocare e quando lasciare la mano. Un concetto che il primo ministro Theresa May avrebbe fatto meglio a tenere a mente, quando ha deciso di giocarsi la sicurezza di tre anni di governo con la possibilità di un mandato più forte e duraturo. Il risultato di è chiaro: May ha scommesso e ha perso. Dopo aver fatto una delle peggiori campagne di sempre, il partito conservatore ha ottenuto meno seggi di quanti ne avesse nel Parlamento uscente, insufficienti per formare una maggioranza assoluta, ma abbastanza per rimanere il primo partito in Gran Bretagna. E’ probabile che i Conservatori restino al potere, o con un governo di minoranza o in coalizione con il Northern Ireland’s Democratic Unionist Party (DUP).Adesso entriamo in un periodo di incertezza. La questione più importante è capire che cosa significa per la Brexit. May ha deciso di fare le elezioni anticipate per ottenere un mandato più forte. Ora non ce l’ha. Questo significa che la Brexit sarà più morbida e che il Paese rimarrà all’interno dell’unione doganale europea? Possibile, e la risposta relativamente diversa della sterlina (che ha perso solo il 2% circa rispetto a dollaro e euro) potrebbe riflettere questa eventualità. Ma potrebbe anche non succedere, dato che il DUP è a favore della Brexit e il governo sarà riconoscente con la sua frangia più euroscettica per far passare la legislazione. Vista la portata del voto anti-austerity, un atteggiamento fiscale più morbido/accomodante non può essere escluso dall’agenda del governo, perciò i premi al rischio sui Gilt e altri asset britannici potrebbero aumentare. Qualsiasi governo si formerà nei prossimi giorni, il prossimo primo ministro dovrà fare i conti con altre elezioni a breve termine. Dovrà essere un premier abbastanza forte da guidare il parlamento nei prossimi mesi, anche se è chiaro che il Paese ha perso fiducia nei confronti di Theresa May e della sua leadership.
Siamo sottopesati sulla duration britannica e generalmente neutrali sulla sterlina nei portafoglio dei nostri clienti, e con i rendimenti dei Gilt e i differenziali delle obbligazioni corporate UK che sono un po’ mutati, non anticipiamo nessun cambio immediato nelle strategie di portafoglio. Continueremo a valutare il mercato una volta che le conseguenze politiche diventeranno più chiare.”
By Jack McIntyre, portfolio manager di Brandywine Global (Gruppo Legg Mason)
“Fino al voto, i mercati avevano prezzato una maggioranza del partito conservatore, compresa la possibilità di aumentare il numero di seggi all’interno del Parlamento. Il Primo Ministro May e il partito conservatore non potranno più godere di quella maggioranza e probabilmente dovranno affrontare una situazione di blocco legislativo nei negoziati per la Brexit. Riteniamo che la retorica del Primo Ministro sia stata utilizzata semplicemente a fini politici, per cui forse un parlamento “sospeso” potrebbe portare la May a rivalutare il suo stile e a cambiare approccio nell’affrontare i negoziati per la Brexit, dato che un divorzio con attriti con l’UE non sarebbe nell’interesse del partito.
Tuttavia, i mercati non vedono di buon grado la mancanza di una salda leadership governativa, quindi ci aspettiamo un crollo nella sterlina nel breve periodo, così come nei rendimenti dei Gilt. Sebbene la nostra view di lungo periodo suggerisca che una migliore crescita economica consentirà alla Banca d’Inghilterra una politica più restrittiva, riteniamo che la BoE mantenga il suo attuale atteggiamento accomodante alla prossima riunione del 15 giugno e, più in generale, nel breve termine. Questa elezione è stata sicuramente più impattante sulla sterlina che sull’euro, quindi non ci aspettiamo che l’euro si muova molto contro il dollaro Usa in conseguenza di questi risultati. Ci sono stati altri fattori, come una più forte crescita della zona euro e la recente riunione della BCE che potrebbero influenzare la valutazione dell’euro.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salvare il cristianesmo in Iraq

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

cristiani«Dobbiamo conservare la speranza. È una enorme sfida, ma possiamo superarla grazie alla forza della nostra fede». Queste le parole dell’allora arcivescovo caldeo di Mosul, monsignor Emil Shimoun Nona, ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, pronunciate poche ore dopo la presa di Mosul da parte dello Stato Islamico, nella notte tra il 9 e il 10 giugno 2014.
In questi tre anni la comunità cristiana d’Iraq ha subito un vero e proprio genocidio e la seconda città del Paese, un tempo casa di decine di migliaia di fedeli, è divenuta roccaforte del Califfato. Ma ora che il tragico capitolo dell’ISIS sembra giunto alle pagine finali, i cristiani intravedono la possibilità di tornare alle proprie case.
Per ricondurre alla cristianità la Piana di Ninive, ACS ha varato un piano di interventi mirati a ricostruire le abitazioni cristiane, che richiederà un impegno di circa 230 milioni di euro. Un vero e proprio Piano Marshall per i cristiani iracheni, coordinato dal Niniveh Reconstruction Commitee (NRC), un comitato composto da rappresentati ACS e delle Chiese caldea, siro-cattolica e siro-ortodossa.
«Il nostro compito è quello di ridare un’identità cristiana a queste terre, donando nuovamente una casa alle tante famiglie che ogni giorno ci chiedono di poter tornare nei loro villaggi», spiega don Salar Boudagh, vicario generale della Diocesi caldea di Alqosh e membro del NRC. Il sacerdote è responsabile della ricostruzione nell’area orientale della Piana di Ninive. «Quando, dopo la liberazione dall’ISIS, le famiglie hanno rivisto i propri villaggi distrutti, in molti hanno perso la speranza ed hanno pensato di lasciare il Paese. Ma ora che stiamo ricostruendo le loro abitazioni sempre più cristiani resteranno». Don Salar spiega quanto sia importante agire in tempi brevi, per evitare che altre famiglie si uniscano alle numerose emigrate in questi anni. Una scadenza importante è quella dell’inizio del nuovo anno scolastico, che in molti sperano i propri figli possano incominciare nei rispettivi villaggi d’origine. L’impresa non è semplice. A Tellskuf sono già rientrate 500 delle 1450 famiglie, ma le abitazioni agibili sono solamente 300. A Baqofa 35 famiglie attendono una casa, mentre a Batnaya l’80 percento delle abitazioni è stato distrutto dall’ISIS e le famiglie dovranno attendere. «Viviamo un momento cruciale della nostra storia – afferma don Boudagh – e la possibilità di salvare il Cristianesimo in Iraq dipende totalmente dall’aiuto che riceveremo. In questi tre anni drammatici i benefattori di ACS ci sono stati sempre accanto e non ci hanno mai fatto mancare nulla. E siamo sicuri che non ci abbandoneranno ora. Facciamo tornare cristiana la Piana di Ninive». (foto: cristiani)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF-OMS: oltre 100 mila casi sospetti di colera in Yemen

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

YemenIl numero di casi sospetti di colera in Yemen continua a crescere, raggiungendo, al 7 giugno 2017, la quota di 101.820 con 791 morti. I più vulnerabili del paese sono quelli maggiormente colpiti: il 46% dei casi colpisce bambini sotto i 15 anni, il 33% delle vittime hanno più di 60 anni.L’UNICEF e l’OMS si stanno concentrando in quelle zone del paese col numero maggiore di casi per fermare l’ulteriore diffusione della malattia. “Questi ‘punti caldi’ per il colera sono la fonte principale della trasmissione della malattia nel paese,” ha dichiarato il dottor Nevio Zagaria, a capo dell’ufficio dell’OMS in Yemen. “Sconfiggere il colera in queste zone significa poter rallentare la diffusione della malattia e salvare vite. Allo stesso tempo, stiamo continuando a supportare un trattamento precoce e adeguato per i malati e a condurre attività di prevenzione nel paese.”“L’epidemia di colera sta rendendo una situazione già terribile per i bambini ancora perggiore. Molti dei bambini che sono morti a causa della malattia erano anche affetti da malnutrizione acuta”, ha dichiarato Meritxell Relaño, rappresentante dell’UNICEF in Yemen. “Oggi, la vita per i bambini in Yemen è una lotta disperata per la sopravvivenza, con il colera, la malnutrizione e le violenze ininterrotte che suonano quasi come una condanna a morte,” ha concluso la Relano.La battaglia per contenere l’epidemia di colera non sarà vinta facilmente. Oltre due anni di conflitto intenso hanno quasi completamente distrutto il sistema sanitario del paese. Meno della metà dei centri sanitari del paese sono pienamente operativi. Le forniture mediche che entrano nel paese sono un terzo rispetto a quelle che entravano prima di marzo 2015. A causa delle violenze sono state danneggiate infrastrutture importanti, tagliando fuori 14,5 milioni di persone dall’accesso regolare all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari. Gli operatori igienico-sanitari non hanno ricevuto i loro stipendi da oltre otto mesi.
L’UNICEF, l’OMS, insieme ai loro partner, stanno lavorando in una situazione estremamente difficile per rispondere a quest’ultima epidemia. Circa 3,5 milioni di persone nel paese sono state raggiunte da stazioni per il rifornimento delle cisterne per potabilizzare l’acqua, è stata clorata l’acqua da bere, sistemati gli impianti per il trattamento delle acque, riabilitati i sistemi di approvvigionamento idrico, sono stati forniti alle famiglie kit per il trattamento delle acque e kit igienici (sapone e detersivi). L’UNICEF e l’OMS stanno fornendo supporto e kit medici ai centri per la reidratazione orale e ai centri per il trattamento dei casi di diarrea nel paese, dove i pazienti vengono controllati e viene fornita assistenza medica immediata. Inoltre, vengono diffuse informazioni di base sulle pratiche igieniche alle popolazioni colpite.I fondi necessari per le attività di risposta congiunta insieme ai partner che operano nei settori della salute, dei servizi idrici e igienico-sanitari sono 66,7 milioni di dollari per sei mesi. I donatori fino ad ora sono stati generosi, ma sono necessari ulteriori fondi, in particolare per interventi idrici e per i servizi igienico-sanitari. Il bisogno maggiore, tuttavia, è quello di avere un numero maggiore di collaboratori sul campo nel paese, anche in quelle aree in cui l’accesso è difficile a causa del conflitto.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Povertà: reddito inclusione

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

povertàArriva in Consiglio dei ministri per un primo esame il decreto legislativo che introduce la misura contro la povertà. Il reddito d’inclusione (Rei) nelle intenzioni del Governo si dovrebbe rivolgere ad una platea di 400 mila famiglie, pari a 1 mln e 770 mila persone.
“Se anche prendessimo per buone le ottimistiche previsioni del Governo, in realtà forse raggiungibili solo dando una miseria pari ad 80 euro a persona, importo ufficialmente non prefissato, si tratterebbe di una platea pari ad appena il 25,3% delle famiglie povere, 1 mln e 582 mila e al 38,5% degli individui poveri, pari a 4 milioni e 598 mila” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Ricordiamo che l’Ufficio Parlamentare di Bilancio, le risorse effettivamente stanziate nel Def per la lotta alla povertà sono solo 1,2 miliardi nel 2017 e 1,7 nel 2018 e che, invece, ne servirebbero come minimo tra 5 e 7 miliardi. Peraltro i 7 mld si riferiscono ad una stima fatta dal Gruppo di lavoro sul reddito minimo del Ministro del Lavoro nel 2013, quando i poveri assoluti erano il 7,3% della popolazione residente, pari a 4 mln e 420 mila, mentre nel 2015 si è raggiunto il record dall’inizio delle serie storiche” conclude Dona.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lake Como School: Accesso al sistema vascolare dell’emodialisi

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

villa del grumelloComo 12-16 giugno Villa del Grumello. Il meeting si articolerà attorno a un corso teorico e pratico sull’accesso al sistema vascolare dell’emodialisi e sulla cannulazione la sesta scuola della Lake Como School of advanced studies 2017 – l’iniziativa promossa dalla Fondazione Alessandro Volta di Como che realizza attività di formazione post universitaria rivolte soprattutto a giovani ricercatori.
L’insufficienza renale cronica (IRC) è una malattia molto diffusa. L’aumento dell’invecchiamento generale della popolazione e delle malattie che danneggiano reni causa un aumento della prevalenza e l’incidenza di IRC e di malattie cardiovascolari (il rischio aumenta di 2-4 volte rispetto alla popolazione generale e 20 volte nel caso di IRC terminale). Un maggior numero di pazienti con una malattia renale allo stadio terminale (ESRD) richiede l’emodialisi (in Europa 65.000 nuovi pazienti ogni anno), con un aumento della mortalità, e un peggioramento della qualità della vita del paziente, con un notevole impatto economico e sociale. Un accesso vascolare è importante per la dialisi efficace ed efficiente per rimuovere le sostanze tossiche esogene e endogene dal sangue che causano la morte del paziente. Il corso ha parti teoriche e pratiche e la sua destinazione sarà un ampliamento delle conoscenze di accesso vascolare ma soprattutto un miglioramento della tecnica chirurgica del packaging FAV. In una prima parte teorica, i partecipanti saranno istruiti da esperti di epidemiologia sui costi dell’assistenza sanitaria e sulle diverse tecniche del packaging dell’accesso vascolare emodialitico. Successivamente ci sarà una parte pratica eseguita su modelli umani crioconservati dal Medcure Surgical Training Center di Portland. Una seconda parte del corso sarà dedicata agli infermieri di nefrologia o dialisi che usualmente cannulano FAV e ai medici interessati a imparare la tecnica della cannulazione dell’accesso vascolare. Infine, una terza parte del corso mostrerà le complicazioni della FAV (ematoma, invecchiamento ritardato, sindromi di acciaio, infezioni, trombosi, aneurisma e pseudoaneurisma, stenosi anastomotica) e il trattamento chirurgico, endovascolare o farmacologico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione “Centro per la promozione della lingua e cultura cinese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

Università per Stranieri di PerugiaPerugia Giovedì 15 giugno, ore 15.30 Aula Magna di Palazzo Gallenga sarà inaugurato dopo una cerimonia in programma nell’Aula Magna di Palazzo Gallenga alle 15,30, il “Centro per la promozione della lingua e cultura cinese” dell’Università per Stranieri di Perugia. Parteciperanno all’evento la Prorettrice dell’Università per Stranieri di Perugia la professoressa Giuliana Grego Bolli, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, il Direttore dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano prof. Jin Zhigang, la professoressa Alessandra Lavagnino, direttrice dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, tra le sinologhe più importanti d’Italia, i docenti e collaboratori dell’Istituto di Milano Marta Valentini, Valentina Ornaghi, e Shi Guansheng. Nel corso della cerimonia, dopo i saluti istituzionali, ci sarà l’inaugurazione del Centro con taglio del nastro ed esposizione della targa. Al nuovo Centro di Palazzo Gallenga, a partire dal mese di settembre prossimo, il Ministero cinese invierà un docente cinese incaricato di insegnare la lingua cinese, attivando anche una serie di corsi aperti e dedicati alla cittadinanza, e di collaborare alla realizzazione di iniziative per la promozione della cultura cinese sotto l’egida dell’Istituto Confucio di Milano. All’Università per Stranieri di Perugia, verrà sperimentata, per la prima volta in Italia, la nuova formula che consiste nell’istituzione di un “Centro per la promozione della lingua e cultura cinese”, che ingloba in sé le caratteristiche di un’”Aula Confucio” e di un “Polo didattico”.
Le Aule Confucio (ketang), punti di riferimento sul territorio per lo studio della lingua e della cultura cinese, sono centri di insegnamento distaccati che svolgono attività didattica e di promozione, aperti dall’Istituto Confucio presso scuole medie inferiori/superiori e Università in cui è già attivo l’insegnamento del cinese. Le Aule Confucio, grazie al sostegno di Hanban (la sede centrale degli Istituti Confucio), oltre a corsi di lingua e cultura cinese, organizzano incontri di aggiornamento e formazione del personale docente, sessioni d’esame per conseguire le certificazioni internazionali di lingua cinese, occasioni di scambi interculturali fra l’Italia e la Cina, nonché forniscono materiale didattico e testi utili all’apprendimento della lingua o della cultura cinese in generale. I Poli didattici (jiaoxuedian) possono essere fondati sia presso scuole in cui è già attivo l’insegnamento della lingua cinese sia presso scuole in cui non è ancora presente, con l’obbiettivo di avvicinare gli studenti alla cultura cinese o di fornire un supporto all’introduzione di nuovi corsi di lingua. Dal 2013 ad oggi, l’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, ha aperto 4 Aule Confucio e 5 Poli didattici in Lombardia.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A scuola le “bufale” sull’olio d’oliva

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

olio-delle-colline2“L’ideologia alimentare può danneggiare la salute e lo sviluppo degli studenti”. E’ quanto sostiene la piattaforma di Campagne liberali nella lettera aperta inviata al ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e a molti assessori regionali e comunali che operano sul territorio nell’ambito delle politiche sulla salute e sulla scuola.”Sempre più scuole hanno indetto bandi di gara per la distribuzione automatizzata di merendine, cibi e bevande, stabilendo l’esclusione di prodotti che contengono olio di palma e con contenuto di grassi saturi oltre il 50%. E ci arrivano testimonianze di insegnanti che educano i propri alunni a evitare il consumo di olio di palma: una posizione ideologica – puntualizza la nota – molto simile alle bufale o ai fake combattuti su Internet per i rischi che fanno correre a persone e consumatori e che si va a inserire in una guerra commerciale piuttosto che in una reale valutazione dei valori nutrizionali di certi ingredienti”.
“Numerosi studi hanno dimostrato che il consumo di olio di palma in una dieta bilanciata non è nocivo, anzi è una sostanza naturale che migliora la qualità di molti prodotti. In particolare poi, abbiamo realizzato una ricerca che– afferma Campagne liberali – ha preso in esame le etichette che riportano la dicitura “senza olio di palma” e quelle di prodotti che continuano ad usare olio di palma: dal confronto è emerso che non solo le prime non spiega ai consumatori “con cosa” sia stato sostituito l’olio di palma, ma soprattutto si evidenzia che tale sostituzione ha comportato in uno stesso prodotto grassi saturi in maggiore quantità e magari più dannosi”.Per Campagne Liberali: “Invece di un’imposizione ideologica mascherata da salutismo, si devono fornire a giovani e studenti il metodo e gli strumenti per compiere scelte libere e consapevoli, tanto più per ciò che riguarda la propria dieta alimentare e la propria salute. Per questo abbiamo invitato i ministri e gli amministratori locali ad avviare, proprio a partire dalle aule delle scuole un “dibattito scientifico che non sia discriminatorio, ma che operi a garanzia dell’educazione e della libertà di scelta”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proiezione documentario “Napoletani en Barcelona”

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

napoletani en barcellonaRoma Giovedì 15 giugno dalle ore 18.50, al Cinema Trevi di Roma, Vicolo del Puttarello, 25, proiezione del documentario “Napoletani en Barcelona” del documentarista e sociologo visuale Marco Rossano nella programmazione della IIª edizione di “S-Cambiamo il Mondo”rassegna di cinema e culture organizzata da Eidos Cinema Psyche e Arti Visive e da Dun-Onlus con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e Amnesty International. A seguire tavola rotonda “Nuove Identità”: dialogo interculturale. Interventi di Marco Rossano, Suranga Deshapriya Katugampala, Chiara Tozzi, Celestino Victor Mussomar.Il documentario “Napoletani en Barcelona” è un saggio di Sociologia Visuale, parte di un più ampio progetto che l’autore, Marco Rossano ha condotto all’Università di Barcellona. Protagonista la comunità napoletana in Catalogna parte dei movimenti migratori transnazionali che caratterizzano la nostra epoca e che, a differenza di quanto accadesse in passato, grazie alle nuove tecnologie e ai mezzi di trasporto veloci ed economici mantiene il legame con la propria terra d’origine alimentandolo quotidianamente e, spesso, rafforzandolo attraverso la rielaborazione della propria identità nel nuovo contesto. Cosa fanno i napoletani che vivono a Barcellona? Che attività svolgono? Quali sono le occasioni di incontro? Perché hanno lasciato Napoli? Che rapporti mantengono con le proprie radici? Quali sono le differenze e quali le analogie tra le due città? Tra calcio, pizza, ‘sasicce e friarielli’, cornetti portafortuna, teatro, musica, attività politica e vita quotidiana, il saggio sociologico visuale descrive uno spaccato di napoletanità lontano da Napoli, senza la presunzione di analizzare il fenomeno nella sua globalità, ma solo con la volontà di puntare l’obiettivo su una parte della vita dei napoletani che vivono a Barcellona e raccontarne i momenti di aggregazione e socialità. Senso di continuità con le proprie origini, la nostalgia rafforza il senso di identità personale, alimentando la speranza che si traduce in progetto, che si fa storia. Anzi tante storie. Quella di Chiara, tifosa del Napoli, di Matteo, ricercatore, di Alex pizzaiolo e di Diego, proprietario di un piccolo ristorante, ma ci sono anche gli attori Sergio, Stefania e Daniela e Pasquale, che fa il drammaturgo, mentre Sandra è architetto, Emanuele farmacista, Marcello ha una società di comunicazione. Cosa li unisce? Sono napoletani e vivono a Barcellona. Il documentario racconta i loro sogni, le loro speranze, i successi e le sconfitte, gli aspetti positivi e quelli negativi legati alla scelta di vivere in un paese straniero.
L’autore – Marco Rossano (Napoli, 1976) è un documentarista sociologo visuale che dal 2002 vive in Spagna dove si occupa di sociologia visuale all’Università di Barcellona dove ha terminato un Dottorato in Sociologia. Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Napoli Federico II, diplomato in regia cinematografica presso il Centre d’Estudis Cinematogràfics de Catalunya, esperto di produzione video e organizzazione di eventi culturali e teatrali, ha lavorato al Piccolo Teatro di Milano (2006) e al Napoli Teatro Festival Italia (2009-2010). Tra i documentari realizzati, selezionati da diversi festival internazionali di cinema, Memini (2017), Sulla via dei Mille con mio padre (2016), Napoletani en Barcelona (2015), Mondo Azzurro (2012), Cento passi per la libertà (2011), El Diego – concerto nº10 (2010), Stati d’ansia (2008). Oltre a vari articoli accademici è autore del racconto “La grande illusione” (2011) e del libro “Mondo Azzurro” (2013) entrambi pubblicati con Edizioni Eracle.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assemblea capitolina approva il Regolamento sale da gioco e giochi leciti

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

slot machinesRoma. “In Assemblea Capitolina questa maggioranza ha ottenuto oggi un risultato storico approvando il Regolamento sale da gioco e giochi leciti, che va a disciplinare le licenze e le autorizzazioni di competenza comunale relative all’esercizio di giochi leciti in conformità a quanto previsto dal TULPS e dalla Legge Regione Lazio n. 5 del 2013. Le tipologie di giochi trattate dal Regolamento sono quelle previste dall’art. 110 comma 6 del TULPS, ovvero new slot e Videolottery (VLT), giochi leciti esercitati in apposite sale pubbliche da gioco, sale dedicate, sale biliardi, agenzie per la raccolta di scommesse ippiche e sportive, agenzie di scommesse, sale bingo, alberghi, locande e pensioni, trattorie, osterie e ristoranti caffè, enoteche e bar con somministrazione di bevande alcoliche e non, stabilimenti balneari e piscine, rivendite di tabacchi e attività commerciali. Grazie a questo Regolamento Roma Capitale potrà garantire che la diffusione dei locali in cui si pratica il gioco lecito avvenga evitando effetti pregiudizievoli per la sicurezza urbana, la viabilità, l’inquinamento acustico e la quiete pubblica, nonché la dequalificazione territoriale e del valore degli immobili; sarà inoltre ristabilito il corretto rapporto con l’utenza, facendo in modo che il gioco non porti a pericolosi fenomeni di dipendenza. Questa amministrazione intende infatti prevenire il gioco patologico, anche mediante iniziative di informazione e di educazione e valorizzare le forme di aggregazione sociale e di gestione del tempo libero che stimolino la creazione di relazioni positive, la comunicazione e la creatività. A tal fine, abbiamo previsto una serie di prescrizioni: all’interno dei locali autorizzati a detenere apparecchi da gioco dovrà infatti essere esposto in modo chiaro e ben visibile un cartello contenente le indicazioni di utilizzo degli apparecchi in uso e il divieto di utilizzo degli apparecchi e congegni ai minori di anni 18 nonché per quei videogiochi che, per il oro contenuto osceno e violento, siano menzionati nella tabella dei giochi proibiti.
Il risultato ottenuto oggi in Aula è tanto più importante in quanto il fenomeno del gioco d’azzardo appare ormai profondamente radicato nel tessuto socio-economico italiano e della città di Roma, dove si sono moltiplicate le Sale da Gioco e di Bingo ed è sempre più frequente imbattersi in locali aperti al pubblico che, tra i vari servizi riservati alla propria clientela, offrono la possibilità di giocare d’azzardo; la dimensione del fenomeno in Italia ha assunto connotati assolutamente preoccupanti. La popolazione italiana totale è stimata in circa 60 milioni di persone, di cui il 54% giocherebbero d’azzardo almeno una volta l’anno. La stima dei giocatori d’azzardo problematici varia dall’1,3% al 3,8% della popolazione generale, mentre la stima dei giocatori d’azzardo patologici varia dallo 0,5% al 2,2% (dati diffusi dal Ministero della Salute nel 2012).
Il M5s oggi lancia un segnale forte e chiaro nella lotta alla Ludopatia. Anzi, chiamiamola come si deve: Azzardopatia! E lo fa proprio dalla Capitale, città divenuta nei decenni una vera e propria Las Vegas italiana a causa dell’assenza di normativa che disciplinasse la distribuzione sul territorio delle slots e macchinette varie. Con l’approvazione del regolamento sulle sale slot il M5s riporta l’interesse e la tutela dei cittadini al centro dell’azione amministrativa. Auspichiamo che i governi nazionale e regionale non indugino oltre nell’adozione di misure serie che vadano a sostegno delle azioni degli enti locali”. Lo dichiarano in una nota congiunta i consiglieri proponenti del M5S Sara Seccia e Nello Angelucci.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In ricordo di Vito Acconci

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

vito acconciNew York. Gregorio Carboni Maestri ha scritto su un grande uomo deceduto da poco: Vito Acconci. “L’ho scritto – confida – di getto appena saputo della sua morte. Ma chi è Vito Hannibal Acconci? (New York, 24 gennaio 1940 – New York, 27 aprile 2017). E’ stato un architetto, fotografo e insegnante statunitense, esponente della body art. Divenne noto soprattutto per le sue installazioni. Come e quando Gregorio lo ha conosciuto? “Ero arrivato da poco a New York per realizzare ricerche sull’architettura degli anni 60′, 70′, 80′. Smarrito, senza amici né contatti accademici, erravo tra biblioteche comunali. I miei unici rapporti umani erano spesso i senza tetto che vi soggiornavano facendo finta di leggere per riposarsi all’asciutto, in una sedia comoda. Era uno dei periodi intellettualmente più intensi della mia vita e nel contempo uno dei più duri. In un caldo luglio, dopo una giornata di ricerca, un’ora di metropolitana e una cena a base di bagel, rientrai a casa. Inviai un rapporto ai miei professori: la ricerca, che stava andando lentamente; gli articoli che avevo scritto e che non erano stati pubblicati; la battaglia per salvare il Memoriale di Primo Levi ad Auschwitz, che sarebbe stato distrutto da lì a poco, e la traduzione di un testo inedito di Aldo Rossi che non sarebbe mai stato pubblicato per problemi di diritti d’autore. Una lista di sconfitte. Alle mie mail non rispondeva nessuno a quell’ora per motivi di fuso orario. Eppure, quella sera, dopo pochi minuti, una risposta arrivò. La mail era di un certo Vito Acconci. Vito Acconci?!? Per un misterioso motivo l’indirizzo elettronico di Acconci, che avrei voluto intervistare per il dottorato, e che avevo messo nella scheda “importanti da contattare”, era finito per errore tra quelli del mio invio. Mi dissi che si trattava di una risposta automatica. No. Era proprio Vito Acconci. Mi ringraziava per la mail. Spiegava che, seppur dal nome e origini italiane, non parlava quella lingua, ma che tra le linee aveva capito abbastanza del mio messaggio al punto da incuriosirlo e chiedermi elucidazioni. Voleva che gli traducessi un po’ dei miei testi e che c’incontrassimo per parlargli delle mie ricerche. Quello fu il primo rapporto con quello che – lo capì più tardi – è la generosa intellighenzia newyorkese. Per certi versi il mio dottorato cominciava difatti quel giorno”. Così incominciò un rapporto ricco d’impulsi culturali tra i due dove l’amore per l’arte si coniugava con una franca e sincera amicizia. Come non poteva esserlo? “Figlio dei fertilissimi Stati Uniti del post-68′, Vito Acconci fu uno dei predecessori dei caratteri propri dell’arte e dell’architettura di oggi. Fu tra i primi a mescolare, senza frontiere definite, arte, poesia, multimedia, auto-referenzialità, multidisciplinarietà, critica, teoria, caos, provocazione, pornografia, sé stesso e lo spettatore. Una crisi perpetua, cortocircuiti espressione di un mondo caotico, interconnesso. Perfezionista cronico, malato di pessimismo, vedeva in ogni cosa il suo aspetto più negativo, problematico, vivendo una costante ansia, ma nel contempo, anche una rivoluzione permanente. In un video, Centers (1971), Acconci si filmò puntando il dito, per 20 lunghi minuti, il centro di una televisione, cioè il centro di una telecamera, ergo, lo spettatore”. E Gregorio Carboni Maestri scrive ancora di lui: “Nel contesto fertile della New York degli anni ’70, tra crisi economica, sociale e politica, tra artisti come Gordon Matta Clark, l’Istituto per l’Architettura e Studi Urbani, architetti come Peter Eisenman,​ ​di cui amico, ma anche​ ​Raimund Abraham e Kenneth Frampton, in una tensione tra critica, politica, arte, architettura, Acconci decise di dedicarsi all’architettura verso gli inizi degli ’80, fondando nel 1988 il collettivo Acconci Studio, con artisti e architetti. Vito rifiutava ossessivamente il bollino d’artista (“Non ho mai amato l’arte!”) e quello d’architetto. Per Acconci, in modo del tutto contemporaneo, non vi erano distinzioni tra queste due arti e insisteva sul parlare dell’ “oggi, ora, adesso”, del progettista di spazi, e non del passato artistico-performativo-poetico. La sua carriera d’architetto gli diede meno successo, malgrado progetti di grande interesse. Un riconoscimento che la società, i musei, le università non gli diedero, e questo perché in pochi capiscono come l’opera architettonica e artistica di Acconci sia frutto di una stessa ricerca. Vito entrò a far parte, suo malgrado, di una certa scuola detta “parametrica”, in cui nuove curve e forme complesse erano possibili grazie all’uso dei computer. Più che una moda, Vito Acconci seguì una possibilità di crisi per l’architettura, unendo energie, persone, sistemi. Non è un caso se, sul suo sito, vi sono prima di tutto i nomi dei tanti che hanno lavorato con lui, una cosa poco vista tra i grandi nomi dell’architettura”.
E Gregorio Carboni Maestri conconclude il suo lungo elaborato che abbiamo riprodotto in abstract con queste parole: “Acconci spiegava che cessò di fare quello che altri chiamano arte ma che per lui erano semplici esplorazioni, quando comprese che ciò che lo interessava erano i materiali del quotidiano. Diceva che se un cambiamento può avvenire attraverso la nostra opera (di artisti, architetti, ecc.) tale cambiamento avrebbe potuto avvenire non contemplando qualcosa o qualcuno (l’artista, l’opera d’arte) bensì usando qualcosa, essendo nel mezzo di qualcosa. Un qualcosa che dev’essere pubblico, non privato, né semi-privato, altrimenti non si arriva al carattere pubblico. E questo, quei senza tetto, nelle biblioteche di New York, lo capivano bene.” (foto: vito acconci)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da Casacalenda ai 5.000 chilometri in Medio Oriente: è un libro il viaggio di Giovanni Di Pompeo negli anni ’70

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 giugno 2017

viaggioRoma giovedì 15 giugno 2017, dalle ore 18,30, presso la Libreria del viaggiatore in via del Pellegrino 94 (Campo de’ Fiori) l’autore, Giovanni Di Pompeo, sarà intervistato dal giornalista Giampiero Castellotti. Un evento in collaborazione con l’associazione “Forche Caudine”, che si avvicina alle sue trecento attività promosse in 29 anni di vita.
Un ricordo indelebile, anche perché un viaggio del genere non capita a tutti. Un’esperienza certamente da raccontare, perché unica nel suo genere e oggi irripetibile. Uno spaccato di gioventù di cui lasciare traccia alle nuove generazioni. Specie oggi. Perché l’affascinante Medio Oriente deve riconquistare una sua “normalità”.
Nasce da queste considerazioni il libro “5000 chilometri in Medio Oriente” di Giovanni Di Pompeo, una testimonianza sotto forma di diario di un viaggio di molti anni fa, quando l’autore e un amico – con l’adrenalina tipica di giovani degli anni Settanta, con l’irrefrenabile bisogno di conoscere e di misurarsi con il resto del mondo, solcarono con una vecchia Giulia Alfa Romeo targata Campobasso numerosi territori dove oggi nessuno si sognerebbe di andare. Una macchina targata Campobasso non a caso. L’autore, per quanto sia nato a Roma e viva in Toscana da molti anni, è legatissimo alle sue origini molisane di Casacalenda, grazie alle quali ha potuto esibire lungo ben cinquemila chilometri orientale la targa CB. Un viaggio in Libano, Siria, Iraq, Iran, Turchia. Un tuffo nell’Oriente più vero e affascinante e un ritorno in Occidente ripartendo proprio dalla Turchia, il Paese che è la perfetta simbiosi dei due continenti. Due protagonisti in un reportage nella “normalità” di Paesi oggi sconvolti dalle guerre, dalle ostilità, dagli squilibri.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »