Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Contratti di servizio pubblico locale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 giugno 2017

consiglio di statoL’Associazione CODICI Lombardia ha vinto, dinnanzi al Consiglio di Stato, il suo ricorso in merito al silenzio/rifiuto di alcuni Comuni ad acconsentire l’accesso agli atti relativi ai contratti di servizio pubblico locale.La vicenda ha inizio, con la richiesta avanzata da CODICI Lombardia, di accedere all’elenco dei contratti di servizio pubblico locale avanzata a tutti i Comuni – Capoluoghi di provincia lombarda per avere conto di quali contratti di servizio fossero in essere e le loro prossime date di scadenza.Questo è sancito dalla vecchia finanziaria 2008 (comma 461 dell’art.2), che prevede: “che con lo scopo di tutelare i diritti dei consumatori, vi è un obbligo da parte di tutti i Comuni italiani, di coinvolgere i cittadini consumatori utenti attraverso il loro rappresentante, sin dalla definizione delle linee guida per la redazione dei contratti di servizio pubblico locale”. Ci riferiamo a servizi di non poco conto quali trasporti, nettezza urbana, mense scolastiche ecc., oltre alla consultazione preventiva, vi sono altri obblighi per l’ente gestore e il Comune, come:
1. Redigere una carta dei servizi per ogni singolo servizio pubblico locale,
2. verificare periodicamente, con la partecipazione delle associazioni dei consumatori, l’adeguatezza dei parametri qualitativi e quantitativi del servizio erogato,
3. realizzare un sistema di monitoraggio permanente del rispetto dei parametri stabiliti nella “Carta della qualità dei servizi”, svolto sotto la diretta responsabilità dell’ente locale con la partecipazione delle associazioni dei consumatori,
4. istituire una sessione annuale di verifica del funzionamento dei servizi tra ente locale, gestore dei servizi ed associazione dei consumatori.
Visto che dal 2008 ad oggi nessuno, o pochi Comuni si sono adeguati a questa legge, CODICI Lombardia ha deciso di passare all’attacco, e prendendo solo i Comuni capoluogo di provincia ha iniziato a chiedere il mero elenco dei contratti, per capire la portata di questa vicenda e per poter avanzare per tempo la richiesta di partecipazione alle consultazioni in sede di stipula e di rinnovo dei contratti.Quasi tutti i Comuni hanno risposto in modo positivo, solo Sondrio e Como hanno ignorato le nostre richieste o perso tempo con motivazioni poco chiare.A questo punto non potevamo lasciare che, anche di fronte a questa richiesta formale, i Comuni “facessero melina”.Ci siamo quindi rivolti al TAR, che purtroppo non ha ben compreso le nostre motivazioni ed ha rigettato il nostro ricorso, ma caparbiamente siamo arrivati in Consiglio di Stato, che il giorno 25 maggio 2017 ha finalmente deciso in favore dell’Associazione e costretto i Comuni ad esibire quanto richiesto.“E’ incredibile che per far valere una legge e un diritto sacrosanto – dichiara Davide Zanon, Segretario regionale di CODICI Lombardia – ovvero quello di permettere alle rappresentanze degli utenti di avere voce in capitolo quando si vanno a siglare accordi sui servizi pubblici locali, si debba arrivare alla magistratura.L’Associazione Codici continuerà a lavorare su questo fronte, andando a chiedere ai Comuni copia dei contratti dei servizi pubblici locali, per potersi far trovare pronti quando vi saranno i rinnovi.Ovviamente, tutti i cittadini saranno poi invitati a partecipare per tramite dell’Associazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: