Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 27 giugno 2017

Grifols ha ricevuto l’approvazione del marchio CE per ID RHD XT

Posted by fidest press agency su martedì, 27 giugno 2017

barcellonaBARCELLONA, Spagna/PRNewswire/ — Grifols (MCE: GRF, MCE: GRF.P e NASDAQ: GRFS), una delle aziende leader nel mondo di medicinali biologici plasma-derivati e medicina trasfusionale, ha ottenuto la conformità europea – marchio CE – per il suo test diagnostico innovativo ID RHD XT. Il kit è stato creato per essere utilizzato nella stessa piattaforma di ID CORE XT ed ID HPA XT, che, dal 2014, consente agli immunoematologi di costruire database dettagliati di donatori e di rispondere alle necessità dei pazienti che richiedono trasfusioni frequenti o multiple.La genotipizzazione RHD, quando esistono dei risultati discordanti RhD o quando viene individuato un fenotipo D debole, è stata raccomandata dal gruppo di lavoro sulla genotipizzazione RHD convocato dall’AABB e CAP (Sandler, et al. Transfusion 2015). La genotipizzazione RHD può ridurre la somministrazione non necessaria del RhIG nelle donne incinte e diminuire le trasfusioni inutili di globuli rossi RhD negativo ai pazienti utenti con un fenotipo sierologico D debole. ID RHD XT include le varianti specificate in queste raccomandazioni.
ID RHD XT è prodotto da Progenika, un’azienda Grifols che sviluppa esami di genotipizzazione del gruppo sanguigno e che offre facilità di utilizzo e risultati rapidi. L’affidabilità, la precisione e la velocità dell’ID RHD XT è equiparabile a quella dell’ID CORE XT e dell’ID HPA XT, e offre agli immunoematologi la possibilità di ottenere risultati entro 4 ore dall’estrazione del DNA.”Siamo orgogliosi di questo traguardo chiave, che rafforza il nostro impegno a fornire soluzioni di alta qualità per migliorare i metodi della medicina trasfusionale.” – Carsten Schroeder, Presidente delle Operazioni Commerciali Diagnostiche di Grifols
Grifols è una società mondiale del settore sanitario con oltre 75 anni di esperienza tesa al miglioramento della salute e del benessere delle persone attraverso lo sviluppo di medicinali salvavita plasma-derivati, sistemi diagnostici e prodotti farmaceutici ospedalieri.L’impegno verso la salute porta la nostra attività ad organizzarsi in tre divisioni: Bioscience, Diagnostic, e Hospital che sviluppano, producono e commercializzano prodotti innovativi per i professionisti del settore medico in più di 100 paesi di tutto il mondo.
ID RHD XT, ID CORE XT, ID RHD XT, e BIDS XT possiedono il marchio CE e sono disponibili per la vendita commerciale nell’UE. La registrazione e la disponibilità dei prodotti possono variare a seconda del paese. Per maggiori informazioni rivolgersi al rappresentate Grifols locale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Saldi: sconti in calo, -21,5% per Abbigliamento e calzature

Posted by fidest press agency su martedì, 27 giugno 2017

saldiSabato prossimo, 1° luglio, iniziano i saldi. Si prevedono sconti in leggera discesa rispetto a gennaio, salvo per l’Abbigliamento.Secondo la stima dell’Unione Nazionale Consumatori, che ha analizzato i ribassi effettivamente praticati dai commercianti negli ultimi anni secondo le rilevazioni dell’Istat, stimando il trend di quest’anno, Abbigliamento e Calzature registreranno un abbassamento dei prezzi del 21,5%, in diminuzione sia rispetto a gennaio 2017, -21,7%, sia rispetto a luglio 2016, -22,1%, e lontani dal record raggiunto nel gennaio 2015, -23,4%.L’Abbigliamento, con un abbassamento dei prezzi del 21,8%, registra un ribasso leggermente superiore rispetto a questo inverno (-21,7%), anche se inferiore alla scorsa estate (-22,3%). All’interno di questa voce, spicca lo sconto degli Indumenti, -23,9%, la riduzione maggiore per quest’anno.Ribassi inferiori per le calzature, i cui prezzi scendono del 21,3%, stabili rispetto a luglio 2016 ma in tenue flessione rispetto a gennaio 2017, -21,4%, o al record toccato nel 2015: -23,6%.Il calo minore, come sempre, spetta agli accessori (guanti, cravatte, cinture…), con una diminuzione dei prezzi del 14,6%, in rialzo rispetto ai saldi invernali (-13,1%) ma in attenuazione rispetto al record del luglio 2016 (-15,5%).
“Dall’indagine dell’Unione Nazionale Consumatori emerge che dopo i ribassi record registrati nel gennaio 2015, i commercianti, a fronte di una leggera ripresa dei consumi, hanno iniziato a diminuire gli sconti, anche se con un andamento altalenante” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “I dati Istat ci confermano inoltre che gli sconti solitamente pubblicizzati in vetrina, 70% e 50%, sono gonfiati e ben lontani da quelli effettivamente praticati” prosegue Dona. “Insomma, l’abitudine di ritoccare il prezzo vecchio, così da alzare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto, è dura a morire. Per questo suggeriamo ai consumatori di guardare sempre al prezzo effettivo da pagare e di non farsi incantare da ribassi troppo elevati. L’ideale, in questi giorni che precedono i saldi, è di andare nei negozi a cercare quello che interessa, segnandosi il prezzo. Si potrà così verificare lo sconto reale e, alla partenza dei saldi, andare a colpo sicuro a prendere quello che piace, evitando inutili code” conclude Dona.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo commerciale fra Unione europea e Giappone noto come JEFTA

Posted by fidest press agency su martedì, 27 giugno 2017

senato-della-repubblica[1]Roma. Per ribadire il forte no al CETA, in occasione del voto in Commissione Affari esteri del Senato, martedì 27 giugno Greenpeace scenderà in piazza a Roma insieme ad altre associazioni ambientaliste, agricole e sindacali, a partire dalle 10 al Pantheon. Greenpeace Olanda ha pubblicato nelle ultime ore circa 200 pagine delle negoziazioni segrete dell’accordo commerciale fra Unione europea e Giappone noto come JEFTA. Secondo l’associazione, i documenti – disponibili su trade-leaks.org – evidenziano il fallimento della Commissione europea e dei governi nazionali sul rispetto degli impegni presi per una maggiore trasparenza in trattative come questa. Greenpeace rileva anche un approccio debole in relazione alla tutela ambientale, nonostante nel recente passato l’Unione europea abbia fatto rassicurazioni sul rispetto dei più alti standard ambientali nell’ambito degli accordi commerciali.«I documenti pubblicati mostrano ancora una volta come Commissione europea e governi nazionali stiano portando avanti negoziati commerciali in segreto, a scapito degli standard ambientali», dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura e Progetti speciali di Greenpeace Italia. «La politica commerciale europea deve invece diventare un volano per rafforzare i nostri diritti sociali e la salvaguardia del Pianeta, non uno strumento per il commercio fine a se stesso. Questi accordi sono un disastro e nessuno di essi sarà accettabile fino a quando non avverrà un vero cambio di rotta. Per questo chiediamo al governo italiano di non ratificare il CETA, accordo commerciale con il Canada attualmente in discussione in Commissione Affari Esteri del Senato, dove a Greenpeace non è stata nemmeno concessa la possibilità di essere audita».I documenti sul JEFTA resi noti da Greenpeace Olanda sono in prevalenza datati tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, appena precedenti al diciottesimo round di negoziati. I negoziatori sperano di concludere il nuovo accordo nelle prossime settimane. Qualora venisse siglato, l’accordo commerciale con il Giappone potrebbe essere il più grande mai sottoscritto dall’Ue e coprire un volume commerciale pari a circa il doppio del CETA.Le disposizioni al momento presenti nell’accordo Ue-Giappone sulle “corti speciali” per la tutela degli investimenti sono addirittura più deboli di quelle già estremamente preoccupanti previste dall’accordo commerciale con il Canada. Sia CETA che JEFTA mancano di impegni concreti e vincolanti per aspetti legati ad ambiente, sviluppo sostenibile e lavoro.Secondo Greenpeace, per riuscire ad avere un sistema commerciale trasparente, giusto ed equo, la globalizzazione deve essere governata da regole. Queste regole devono rispettare i valori nazionali e culturali, consentire uno sviluppo sostenibile e attuare efficacemente gli obiettivi degli accordi delle Nazioni Unite quali l’Accordo sul clima di Parigi, la Convenzione sulla Biodiversità e gli obiettivi di sviluppo sostenibile. I trattati ambientali, gli accordi sui diritti umani e gli standard internazionali del lavoro devono avere la precedenza sulle norme commerciali. Per questo l’organizzazione ambientalista ha definito dieci principi per garantire che il commercio operi a favore delle persone e del Pianeta, e non il contrario.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »