Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Scuola Precariato: le GaE rimangono ‘ingessate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 luglio 2017

ministero-pubblica-istruzioneLe Graduatorie a Esaurimento aperte fino all’8 luglio solo per sciogliere delle riserve e per dei casi particolari. Mentre l’aggiornamento e la possibilità di sportarsi valida per tutti è slittata, attraverso il Milleproroghe dello scorso anno, addirittura al 2019. Eppure, mentre all’ultimo concorso a cattedra le commissioni facevano stragi di candidati, decretando nella maggior parte dei casi meno vincitori e idonei rispetto ai posti messi a bando, le GaE potevano rappresentare una buona opportunità per stabilizzare decine di migliaia di precari storici. E combattere la supplentite che invece imperversa più che mai. Come a Roma, a Torino e in Lombardia, dove è lungo l’elenco delle classi di concorso senza più candidati nelle GaE: matematica, lingue straniere e strumenti musicali alle medie, mentre alle superiori continuano ad andare a supplenza tantissime cattedre di discipline tecniche e di laboratorio.Per ricorrere al TAR dela Lazio contro questa ennesima ingiustizia verso i precari – forti delle sentenze della Consulta, Tar e Consiglio di Stato – c’è tempo fino a sabato prossimo. È lungo l’elenco delle motivazioni: per il mancato aggiornamento della provincia e del punteggio del personale già inserito in III fascia, per il mancato accorpamento della IV fascia con la III, per il fallito inserimento in III fascia dei docenti abilitati con diploma magistrale anche linguistico e AFAM, ITP, educatori, estero, TFA e PAS, abilitati concorso, depennati da reinserire, in vista delle prossime 50mila immissioni in ruolo e delle supplenze annuali.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il precariato e la supplentite hanno tratto giovamento da questo ulteriore blocco per così tante categorie di docenti abilitati. Quello che fa pensare è che al Miur conoscevano bene la situazione delle tante classi di concorso esaurite e dei molti posti vacanti che da anni vanno a supplenza anziché essere coperti con l’immissione in ruolo. Non è tollerabile continuare a dire che si vuole favorire la continuità didattica e poi cadere in questi errori grossolani. A questo punto, è bene che i precari danneggiati facciano valere i loro diritti, chiedendo subito di essere inseriti nelle GaE: noi, come sempre, li tuteleremo e saremo al loro fianco in questa ennesima battaglia legale e dei diritti dei lavoratori della scuola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: