Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Migranti: Un piano d’azione Ue?

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 luglio 2017

european commission“Siamo francamente preoccupati dalla lettura delle prime indiscrezioni in merito al Piano d’azione della Commissione europea per alleviare la pressione migratoria sull’Italia. Siamo davanti a un’emergenza senza precedenti e l’Europa se ne esce con delle linee guida da temino delle scuole medie: pannicelli caldi invece di azioni forti e concrete”.
Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.“La Commissione Ue, a quanto si apprende, si dovrebbe impegnare a sostenere l’organizzazione di un fantomatico ‘Centro di coordinamento per i salvataggi in mare pienamente operativo in Libia’. L’Italia – secondo il Piano d’azione – dovrebbe preparare, in consultazione con la Commissione, e sulla base di un dialogo con le organizzazioni non governative, un codice di condotta per le Ong che effettuano attività di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale.La Commissione Ue invita, inoltre, Tunisia e Libia a dichiarare le rispettive aree di ricerca e salvataggio (Sar) e a istituire un centro ufficiale di coordinamento e soccorso marittimo, e sollecita gli Stati membri a contribuire maggiormente al Fondo per l’Africa, per completare il contributo da 2,6 miliardi di euro dal budget europeo; accelerare i ricollocamenti dall’Italia; ad andare avanti sulla riforma del regolamento di Dublino; oltre a mobilitare le loro capacità per sostenere i rimpatri dei migranti irregolari dall’Italia. Infine, udite udite, Bruxelles è pronta a un nuovo esborso da 35 (trentacinque) milioni di euro per la gestione della migrazione in Italia.Con tutto il rispetto per i burocrati Ue, questo Piano d’azione della Commissione è una vera e propria presa in giro nei confronti dell’Italia, del suo governo e dei suoi cittadini. Una favoletta con buoni propositi e buone intenzioni, nulla di più.Il premier Gentiloni e il ministro Minniti – dopo aver fatto mea culpa in merito ad una gestione dilettantistica da parte dei governi di sinistra (Renzi e i suoi inutili mille giorni…) di questa emergenza, gestione che ci ha condotto in queste tragiche settimane sull’orlo del baratro – mostrino finalmente decisione e determinazione. Non serve alzare la voce, non serve sbattere i pugni sul tavolo, ma non è più possibile sopportare oltre questa inaccettabile situazione.
Blocchiamo subito i nostri porti e apriamo una crisi a livello internazionale. Difendiamoci, finché siamo in tempo, dall’immobilismo di questa Europa. Se il governo italiano resterà ancora a lungo inerte ad essere travolta non sarà l’Europa, ma il governo stesso”, conclude Brunetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: