Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 14 luglio 2017

The man who called himself “Doomsday’s survivor” died on July 13th, aged 61

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

Liu Xiaobo“I HAVE no enemies and no hatred,” Liu Xiaobo told a court in Beijing during his trial for subversion in 2009. Hatred, he said, “can rot away at a person’s intelligence and conscience”. He had every reason to despise the government; he was about to go to jail for simply petitioning for democracy in China and asking people to sign up. But the forgiveness he offered was never reciprocated by the Communist Party. Officials did not allow him to pick up the Nobel peace prize he won a year later, as the “foremost symbol”—in the Nobel committee’s words—of the struggle for human rights in China.
He not only made an enemy of the government, but also riled fellow intellectuals and activists with his acerbic, rough, often coarse, observations of their weaknesses. As a writer and lecturer, deeply read in both Chinese and Western philosophy, from the 1980s he tirelessly attacked China’s boring cultural consensus. He saw himself as a Nietzschean lone wolf, a nihilist, even a renegade, a stammering loner who would stand out from the crowd and shout; but there ought to be room for him, he thought, and people like him.
He scorned those who watched from the sidelines as pro-democracy unrest erupted across China in 1989, and could not wait to get back from America, where he had a fellowship at Columbia, to join in. It was his moral duty to do so, as it was to chastise student protesters in Tiananmen Square for their lack of democracy. A day before the troops moved in, he and three other intellectuals began a hunger strike in the square as an act of individual repentance, lamenting the student movement’s lack of efficiency. When young people got into politics, he had grumbled earlier, it was too often superficial, just a crowd reaction. True liberation for the Chinese would come only when people learned to live and think for themselves: to be personally brave and free. The hunger strike was a bid not for death, but for “true life”.He stayed in the square to the end, helping to persuade the occupying students to accept a deal to withdraw. That probably saved many lives. A few months later, in prison, he again angered fellow activists by saying, on state television, that he had seen no one killed at Tiananmen. He was scorned for seeming to lend credence to the party’s propaganda. Yet he was just telling it as it was, with his usual blistering honesty. Most of the bloodshed had indeed occurred outside the square itself.He spent 19 months in prison for his role in the Tiananmen protests. Eventually he was convicted of “counter-revolutionary incitement and propaganda”, but was released for encouraging the students to withdraw. He was quick to resume his provocations, his habit of “crashing into brick walls”. His “Monologues of a Doomsday Survivor” (1992) attacked students who had fled to America. Those damned people who ran away overseas, he co-wrote, had no right to comment on his behaviour.
Pessimistic by nature, gloomy about mankind’s future in general, he might have been referring to any sort of doomsday. But the one he meant was communism’s. It was easy then to imagine a world free of it. China’s party was still clinging to power, but many others had collapsed; China’s would follow, he believed, in just a few years. As a survivor of the bloody crackdown in Beijing, he had witnessed the party’s last gasp.
It was not to be. The “lonely forerunner” had to go on needling the party, struggling against the odds, petitioning for democracy and an official reassessment of Tiananmen. In 1996 he was sentenced to three years in a labour camp, emerging unbowed to go on writing about politics at his usual terrific rate. In 2008, after an explosion of unrest in Tibet (where he demanded “genuine autonomy”), he and many other intellectuals urged the government to talk to the Dalai Lama.Later that year, to mark the 60th anniversary of the UN’s Universal Declaration of Human Rights, he wrote the appeal that was to land him in prison for the last time. It was inspired by Charter 77, an appeal issued by dissidents in Soviet-era Czechoslovakia in 1977. His version was called Charter 08. It demanded an end to one-party rule and a new government that embraced democracy and human rights. Hundreds signed, but the timing was bad. With the Beijing Olympics over, China no longer needed to impress visiting foreigners. Mr Liu was arrested in December 2008, two days before the charter’s release.
China scoffed at his Nobel peace prize (he was the first Chinese person still living in the country to receive a Nobel award of any kind). And it brushed off appeals for clemency from Western governments. The global financial crisis proved that the West was in decline; China’s day had come. When Xi Jinping took over as China’s leader in 2012 he cracked down even harder on dissent, and kept Mr Liu’s wife, Liu Xia, under house arrest. The party made a token gesture of sympathy at the end, allowing her to visit her husband as he faded from liver cancer, but refused to let him get treatment abroad.His vow at his trial, to “dispel hatred with love”, cut no ice with the party. As his death approached, it mobilised an army of censors to scrub the internet of any expression of sympathy for him. (This article appeared in the Obituary section of the print edition under the headline “Doomsday’s survivor” by The Economist)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Registry identifies early onset of heart failure and lack of defibrillators in Asia

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

singapore-marinaSingapore. For the first time this year a late breaking clinical trials session will be held at the Asian Pacific Society of Cardiology (APSC) Congress to highlight world-class research coming out of the region. The 21st APSC Congress, which is taking place 13-15 July in Singapore, will show-case original research from six late breaking clinical trials and 250 abstracts. The meeting is expected to be attended by over 2000 delegates from 45 countries.“The epidemic of cardiovascular disease is rising in Asia, and with this comes the growing realization that the disease phenotype may be different from that of other parts of the world. There are unique risk factors, genetics and public health issues which taken together mean that the findings of studies undertaken in the West may not automatically translate to Asian populations, “said Dr Jack Tan, the APSC Congress chair. “All this makes it really important to have a platform for Asian cardiovascular research. We hope new opportunities to present research at an Asia centered meeting will encourage more researchers from our region to get involved in clinical trials and registries.”For example, the ASIAN-HF registry1, which is being presented at the late breaking clinical trials session on 13 July 2017, demonstrates how heart failure patients in Asia are younger and have more co morbidities than their western counterparts.
The scientific content of the APSC, added Dr Tan, will be enhanced by European Society of Cardiology (ESC) hosted sessions. On Friday 14th July at 14:00- 15:30 (Room 335) ESC President Prof. Jeroen Bax will chair a session exploring new ESC Guidelines on prevention, atrial fibrillation, and heart failure. Then at 16:00-17:30 (Room 335) a second ESC session will look at cutting edge cardiology including the role of TAVI, Computed Tomography in Imaging and percutaneous coronary intervention for left main disease.In the late breaking clinical trial session Prof. Carolyn Lam, from the National Heart Centre, Singapore and Duke-National University of Singapore, will present the results of The Asian Sudden Cardiac Death in Heart Failure (ASIAN-HF) registry1 which set out to gather real-world data on the demographics, risk factors and outcomes of heart failure patients in Asia.The prospective registry reviewed clinical characteristics and outcomes of 5,276 patients with heart failure with reduced ejection fraction (HFrEF; EF<40%) and 1204 patients with heart failure with preserved ejection fraction (HFpEF; EF>50%). Subjects were recruited from 46 centres across 11 regions (including Hong Kong, Taiwan, China, Japan, Korea, India, Malaysia, Thailand, Singapore, Indonesia and the Philippines). For the study, ICD-eligible patients were defined as those with ejection fractions ≤35% and New York Heart Association Class II-III.Among patients with HFrEF, the mean age was 59.6 year (this contrasts with a mean age in the US of 70 years).Among patients with HFpEF, the mean age was 68 years (this contrasts with a mean age in the US of 72 year).Two thirds of subjects had two or more co morbidities.
Having two or more co morbidities increased the odds of HFpEF (vs. HFrEF) by around 50%.
Being a woman increased the odds of HFpEF (vs. HFrEF) threefold.
At six months, 13.1% of patients had died or were hospitalized for HF (13.9% in HFrEF; 8.9% in HFpEF).Among 3240 ICD eligible patients only 389 (12%) were ICD recipients. Utilization of ICDs varied widely across Asia from 1.5% in Indonesia to 52.5% in Japan.
Over a median follow-up of 417 days, ICD implantation reduced risks of all-cause mortality (HR=0.71, 95% CI 0.52-0.97) and sudden cardiac death (HR=0.33, 95% CI 0.14-0.79).
“In our registry we are seeing that despite being much younger than patients in the rest of the world, Asian patients with heart failure have a high burden of co morbidities and risk factors, many of which are modifiable,” said Prof. Lam.The study revealed underutilization of potentially life-saving implantable cardiac defibrillators. “This we believe may be due to lack of understanding around the device and cultural resistance to the idea of having a foreign body implanted, which represent opportunities for patient education,” said Prof. Lam. The public in Asia, she added, need to be educated to take heart failure more seriously.The registry, she added, showed that there were distinct differences between Asian and Western patients with heart failure. “The results show that we can’t just extrapolate the characteristics and outcomes of Western patients with heart failure to Asians, and that even within Asia we can’t extrapolate results from one region to another. As cardiologists we need to be conducting more heart failure trials in Asia.”The registry, said Prof. Lam, puts an infrastructure in place that can be extended to clinical trials. “We have shown that despite the language and cultural differences across Asia we can get together to successfully recruit thousands of patients. Our dream is that once we have completed the first observational phase we can move on to become an interventional trial network.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per le Aziende conoscere il cliente è fondamentale

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

pirellone-milanoMilano. Le aziende credono di conoscere i loro clienti, ma non è vero o non li conoscono abbastanza. In realtà, infatti, il 42% dei consumatori non si sente né ascoltato né compreso, come emerge da una recente ricerca internazionale realizzata da ResearchScape per Talend. La survey ha indagato su un campione di 1094 consumatori dai 18 anni in avanti, di 4 nazioni diverse, con interviste on line avviate in marzo 2017. Lo scopo dello studio era di capire tra l’altro il comportamento dei consumatori per influenzare le loro decisioni di acquisto e migliorare il servizio clienti, con lo scopo ultimo di aumentare i fatturati e creare fidelizzazione a fronte di una tendenza all’infedeltà ai brand, al calo dei consumi e a scelte sempre più autonome.
Di quanto sia necessario oggi conoscere meglio i propri clienti e delle tecnologie disponibili, si è discusso nel corso di una tavola rotonda dal titolo “La Centralità del cliente: metodi per un dialogo diretto ed efficace”.
Hanno partecipato al confronto: Angela Perego, SDA Bocconi School of Management, Alberto Bruno, Amministratore unico di BRAL, distributore Perfetti Van Melle (confetteria); Alfonso Marra, AD di Klompan International (multinazionale dei tessuti tecnici da lavoro), Carlo Scarbolo, Business Analysis e CRM di Cattolica Assicurazioni, Matteo Rivolta, Presidente e AD di RIFRA Milano (arredi), Michele Pagani, AD, CRO e General Manager di Serralunga (arredi) e Bernard Cantournet, che propone BES, una nuova metodologia di ricerca di mercato cross channel, che utilizza un algoritmo proprietario e un nuovo approccio visual e raggiunge i soggetti con strumenti multipiattaforma.
Il messaggio complessivo emerso dal workshop è stato quindi incentrato sulla necessità di cambiare i paradigmi di analisi dei consumatori, esplorando nuove strade per sviluppare il necessario dialogo confidenziale con il proprio cliente.
“La raccolta e l’analisi dei dati deve essere velocissima – insiste Angela Perego – per permettere all’impresa d’interagire con il suo mercato di riferimento attraverso proposte collegate al comportamento attuale dei clienti”.
“Sfide importanti – sottolinea Angela Perego – determinate dal fatto che non è più l’azienda a guidare gli acquisti del consumatore, ma è il cliente a decidere quando, se e come comprare”. Anche nel B2B si sente l’esigenza di una relazione costante con l’end-user: “C’è distonia tra canale commerciale e produttore, che non sa nulla del mercato a cui rivolge l’offerta – dice Michele Pagani di Serralunga, azienda del settore arredo che conta € 30 mld di fatturato in Italia -. Per questo occorre mettere in comune quello che si sa del cliente con un CRM dotato dei campi necessari secondo una strategia commerciale evoluta e personalizzata. Per aumentare i ricavi la conoscenza del consumatore finale è fondamentale”.
Per Alfonso Marra di Klopman, azienda manifatturiera che produce tessuto tecnico per l’abbigliamento da lavoro e che utilizza le survey di BES, “il passaggio, per la nostra azienda, dal monopolio al regime di concorrenza ci ha spinto a creare differenziazione competitiva sviluppando la comunicazione non solo col cliente diretto B2B, ma anche con il brand che adotterà la divisa, ovvero l’end-user. Un processo conoscitivo molto complesso, ma siamo arrivati ad un livello soddisfacente.” Sempre nel B2B un originale punto di vista lo porta Matteo Rivolta, Presidente e CEO di RIFRA Milano: “A guidare le nostre scelte di mercato non è il singolo cliente bensì la concorrenza. Questa strategia aziendale è data dal fatto che produciamo prodotti innovativi sui quali quindi eventuali clienti non potrebbero esprimere richieste. Proprio per questo motivo, la comunicazione on e off line è mirata non ai prodotti ma al brand, per creare una relazione di fiducia continuativa”.
“Anche l’esperienza di BES conferma i dati della ricerca, – conclude il CEO di BES, Bernard Cantournet -. Oggi le aziende sostengono di voler conoscere bene il cliente, cercano risposte sui social e con i Big Data, ma non fanno la cosa più semplice che è chiedergli direttamente cosa vuole, chi è, cosa si aspetta. La comunicazione monodirezionale azienda-cliente è una strategia superata. I clienti non sono più dei soggetti passivi da spingere all’acquisto, ma chiedono di essere ascoltati attivamente dai brand così come dalle istituzioni. I tradizionali metodi di intervista dei consumatori, però, risultano spesso inefficienti e rischiano di diventare addirittura controproducenti, se riportano in azienda una visione parziale e faziosa della realtà. In un contesto economico mutevole, dato da una concorrenza esasperata, da un ridotto potere d’acquisto e da una tecnologia pervasiva, serve innovazione anche nel settore delle indagini di mercato. I nuovi strumenti basati sulla Business Intelligence e sugli algoritmi permettono di instaurare un dialogo con i soggetti come se ci si trovasse a prendere un caffè con ognuno di loro. Questo è quanto offre il Metodo BES Sapere, Comprendere, Decidere, già applicato con successo in diverse aziende come la rivista ‘L’Impresa’ – Gruppo Il Sole 24 Ore, la onlus ‘Rondine’, nota come Cittadella della pace, Klopman International, Assicurazioni Generali, IPSEN Innovation for patient care, VITEC Group, BNP Paribas e Carrefour. (foto: Bernard Cantournet)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutela dei diritti dei pazienti oncologici

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

tumore metastatico1Roma. Il progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere” ideato e coordinato da Salute Donna onlus promuove con successo anche nel Lazio un Intergruppo consiliare regionale per favorire il confronto fra Associazioni pazienti, politici ed esperti e migliorare così la presa in carico e la tutela dei diritti dei pazienti oncologici.Nel Lazio sono oltre 265.000 le persone che convivono con un tumore mentre le nuove diagnosi stimate nel 2016 sono circa 33.000. Incremento delle risorse per i pazienti oncologici, mutazioni genetiche BRCA1 e BRCA2, qualità dei percorsi diagnostico-terapeutici, attuazione e gestione della Rete oncologica regionale, sistema informatico “user-friendly” sono i principali obiettivi da raggiungere.L’Intergruppo, che sarà presieduto da Rodolfo Lena, Presidente della VII Commissione Consiliare Politiche Sociali e Salute, avrà come scopo quello di favorire un dialogo efficace e costruttivo fra i principali attori del sistema oncologico ed ematologico ed indirizzare la Giunta regionale verso obiettivi raggiungibili ed utili per migliorare l’offerta sanitaria in oncologia.«Con gli Intergruppi regionali vogliamo dare una nuova concretezza alle azioni intraprese a livello nazionale», dichiara Annamaria Mancuso, Presidente di Salute Donna onlus. «Con essi vogliamo far sentire ancora di più la nostra vicinanza ai pazienti e dare una risposta autentica ai loro bisogni nell’ottica di una tutela ottimale dei loro diritti».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Banche e il “pasticcio” istituzionalizzato

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

montecitorio

“Ovviamente voteremo ‘no’ alla centesima fiducia del governo Renzi-Gentiloni, questa volta sul decreto di salvataggio delle due banche venete. Certamente si doveva intervenire, ma non in questo modo. Lo si è fatto tardi, male, e a pagare saranno i contribuenti, senza nessuno a giustificarsi davanti alla magistratura per quello che è successo”.Lo ha detto Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, parlando con i giornalisti in Sala stampa a Montecitorio.“Chi ha rubato? Chi ha portato via i soldi? Chi dei banchieri – ha proseguito – si è comportato in maniera scorretta? Chi doveva vigilare, perché non lo ha fatto? È possibile tutto questo?Opacità. Nessuna trasparenza, improntitudine. Padoan incapace e indecente rispetto ai rapporti con il Parlamento e all’opinione pubblica. Quindi, un pessimo decreto, una pessima prova da parte del governo.Noi abbiamo detto che saremmo stati responsabili, ma non conniventi, lo ribadiamo. Dietro questo decreto del salvataggio delle banche venete c’è molta oscurità, la Commissione parlamentare d’inchiesta avrà molto da lavorare anche su questo capitolo”, ha concluso l’esponente azzurro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migranti: Fontana (FI), Renzi disco rotto per coprire errori del suo governo

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

migranti“Sono assolutamente inaccettabili le reiterate affermazioni del segretario del PD Matteo Renzi che, come un disco rotto, continua a straparlare per nascondere le gravissime responsabilità sue e del suo governo sulla questione migranti. Il regolamento di Dublino, al quale scarica le colpe, fu sottoscritto nel 2003 quando sbarcava in un anno l’equivalente degli sbarchi che oggi avvengono in soli due giorni. Mentre gli accordi capestro sui ricollocamenti negoziati dal suo Governo nel 2015 e che consentono il trasferimento in Europa esclusivamente di Siriani ed Eritrei, interessano una percentuale quasi impercettibile rispetto all’enorme esigenza che ha l’Italia di ricollocare i migranti presenti oggi in Italia, pari all’1,64%. Accettare le condizioni dell’operazione Triton del 2015 e firmare gli accordi sui ricollocamenti è stato un vero e proprio tradimento degli interessi nazionali e questo tradimento è stato sottoscritto da Renzi, Gentiloni, Alfano e Minniti, ovvero da chi ancora governa l’Italia o ha la maggioranza politica che tiene in piedi l’Esecutivo di questo Paese. In questa situazione, solo pensare vagamente di attribuire responsabilità al Governo Berlusconi, evidenzia la disperazione dell’ex premier Renzi a fronte di scelte politiche sbagliate di cui tutti oggi gli italiani pagano le conseguenze.” Ad affermarlo, il deputato di Forza Italia Gregorio Fontana, componente della Commissione d’inchiesta sui migranti, in replica alle affermazioni di Renzi sull’accordo di Dublino.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immigrazione: continua la presa in giro dell’U.E.

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

triesteTrieste. “Grande preoccupazione per il nulla di fatto dopo i vertici di Tallinn e Varsavia in merito all’emergenza immigrazione nel nostro Paese e in relazione ad aiuti concreti che, anche in considerazione delle aspettative del ministro Minniti e del governo, dovevano arrivare e non sono arrivati all’Italia.Dopo l’inutile vertice di ieri – otto ore, tanto fiato al vento, zero risultati concreti –, quest’oggi il direttore dell’agenzia Frontex, Fabrice Leggeri, in audizione al Parlamento europeo conferma le sbiadite conclusioni lette negli organi di informazione: ‘Ho sentito la richiesta dell’Italia’ di predisporre lo sbarco dei migranti salvati in mare anche nei porti di altri Paesi oltre all’Italia, ‘ma non ho sentito disponibilità da parte di nessuno degli altri Stati membri partecipanti alle operazioni navali di Frontex’. ‘Ci sarà un gruppo di lavoro tecnico che si occuperà di elaborare proposte per cambiare il piano operativo dell’operazione Triton’. ‘Ci sarà un bilaterale tecnico Frontex-Italia per elaborare una serie di proposte che saranno poi condivise con tutti gli Stati che partecipano all’operazione’. Niet deciso, dunque, dai partner Ue e una serie di pensierini con tanti buoni propositi… ma il governo italiano si ritrova ancora una volta con un pugno di mosche in mano”.Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.“Dispiace dirlo, ma basta analizzare il lessico usato da questi burocrati Ue per capire che ci troviamo di fronte ad un’ennesima presa in giro. ‘Gruppo di lavoro tecnico’, ‘proposte’, ‘piano operativo’, ‘bilaterale tecnico’, il tutto condito dall’onnipresente ‘ci sarà’… Tutto, sempre rinviato.A questo punto ci aspettiamo un intervento chiarificatore da parte del ministro dell’Interno, Marco Minniti, che magari potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di riferire in Parlamento in merito alle ultime novità (???) emerse dopo i vertici di Tallinn e Varsavia.Ad ogni modo il Paese e i cittadini italiani vogliono conoscere la posizione del governo. Che farà l’esecutivo Gentiloni dopo le porte in faccia ricevute nelle ultime settimane in Europa? Come agirà? Come difenderà i nostri territori e il nostro tessuto sociale? Al momento registriamo solo un imbarazzato silenzio.Sullo sfondo l’emergenza continua, e l’Italia dovrà affrontare, ancora una volta, da sola i mesi estivi con migliaia e migliaia di disperati che arriveranno nei porti delle nostre regioni del Sud. E Renzi, il segretario del partito azionista di maggioranza del governo, che per pubblicizzare il suo libro, parla di numero chiuso e di altre corbellerie irrealizzabili di questo tipo. Siamo alla frutta”, conclude Brunetta.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mediterranean migration route: help for Italy and long-term solutions

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

mediterraneoTo avoid migrants continuing to drown while trying to reach Italy, EU countries must offer their help, say MEPs. The Civil Liberties Committee held on Wednesday a hearing on search-and-rescue operations, the relations between the different actors including EU military vessels, Frontex staff and NGOs, the need to fight people smugglers as well as cooperation with Libyan authorities.Italian Coast Guard Captain Sandro Gallinelli, Frontex executive director Fabrice Leggeri, as well as representatives of Doctors without Borders and Human Rights Watch presented the committee with their views.NGOs’ role, cooperation with Libya, long-term solutions. Most MEPs in the debate defended the work of NGOs from criticism that their presence and rescue interventions are encouraging perilous journeys and even supporting human traffickers. Nevertheless, some MEPs also agreed that a code of conduct is needed to create order in operations at sea.Many voiced doubts about the cooperation with Libya, pointing to the political instability in the country, the unreliability of its authorities and the heightened risk of abuse and violence faced by migrants who are returned to its shores. Finally, most MEPs considered that a longer-term solution is needed, via a well-functioning asylum system, based on fair burden-sharing by all member states, combined with legal ways for migrating to the EU as well as a strategy to address the root causes of migration in the countries of origin. Italy is the main EU arrival point for migrants and asylum-seekers since the closure of the Balkans route and the EU-Turkey deal. In the first six months of 2017, already over 85 000 people arrived on its shores, an increase of almost 10% compared to the same period last year.According to UNHCR data, 2 253 persons have died or gone missing trying to cross the Mediterranean Sea between 1 of January and 30 of June, almost all of them (2 171) in the Central.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eurodeputati all’Ilva di Taranto

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

TarantoTaranto Dal 17 al 19 luglio 2017 una delegazione di eurodeputati della Commissione per le Petizioni (PETI) del Parlamento europeo si recherà in visita a Taranto per incontrare le autorità italiane e approfondire le problematiche e i recenti sviluppi legati all’impatto dello stabilimento industriale dell’Ilva e della raffineria dell’Eni sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.Durante il primo giorno di visita istituzionale in Italia, 17 luglio 2017 gli eurodeputati saranno accolti presso la Prefettura di Taranto, dal Prefetto Donato Cafagna e dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e incontreranno una rappresentanza di cittadini per un breve scambio di vedute.Nella mattinata del 18 luglio 2017 gli europarlamentari visiteranno gli stabilimenti dell’Ilva, dove incontreranno gli amministratori e i commissari dell’impianto. Nel pomeriggio, in Prefettura, gli eurodeputati incontreranno:
esperti dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), il direttore generale dell’Agenzia Regionale Protezione dell’Ambiente (ARPA Puglia) Vito Bruno, la Commissaria alle Bonifiche Vera Corbelli, il direttore generale dell’ASL di Taranto Stefano Rossi e i rappresentanti dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e USB. La delegazione vedrà anche rappresentanti delle Ong locali (Legambiente, WWF, Peacelink, Taranto LIDER AIL). Nella mattinata del 19 luglio 2017 gli eurodeputati visiteranno lo stabilimento dell’ENI di Taranto e incontreranno il direttore della raffineria Remo Pasquali, l’amministratore delegato Carlo Guarrata e i rappresentanti dell’Ong Legamjonici.Alle ore 12.00 del 19 luglio 2017 è prevista una conferenza stampa presso la Prefettura di Taranto.La Delegazione sarà composta dai seguenti europarlamentari:
Cecilia WIKSTRÖM (ALDE, SV) Presidente
Angela VALLINA DE LA NOVAL (GUE/NG, ES)
Josep-Maria TERRICABRAS (Greens/EFA, ES)
Aldo PATRICIELLO (PPE, IT)
Andrea COZZOLINO (S&D, IT)
Eleonora EVI (EFDD, IT)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Non bisogna avere paura del nuovo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

auto fordCosì il presidente dell’Autorità dei Trasporti, Andrea Camanzi, parlando dei casi Filxbus e Uber, in occasione della relazione annuale al Parlamento.
“Giustissimo! Aggiungiamo: basta con il difendere i vecchi privilegi. Il presidente Camanzi ha fatto bene a ricordare questi due casi clamorosi e come il legislatore, certo sovrano, abbia finora ostacolato il nuovo invece di promuoverlo” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Inoltre ha opportunamente respinto le strumentalizzazioni di chi lo ha accusato di voler aprire indistintamente a Uber. Da sempre, infatti, l’Authority ha proposto una regolamentazione: requisiti di idoneità del guidatore e del veicolo, assicurazione per responsabilità civile aggiuntiva, conducente con più di 21 anni e almeno 3 anni di guida, nessun provvedimento di sospensione della patente, riconduzione al regime del lavoro occasionale delle prestazioni dei conducenti non professionisti” conclude Dona.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola e mondo del lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

ingrandUn binomio invocato, ma che spesso rischia di restare un semplice proclama. Non così con la web agency InGrandiMenti di Legnano che si è aperta ai giovani ospitando negli ultimi tre mesi più di venti studenti provenienti dal liceo Clemente Rebora di Rho, dall’Isis Bernocchi di Legnano e dall’Itis Giulio Riva di Saronno. Più che una moda, la precisa volontà di «creare un ponte tra le nuove generazioni e il mondo del lavoro. Perché, se è vero che per molti ragazzi oggi non ci sono ancora le qualifiche del lavoro che faranno domani, il mondo del lavoro ha bisogno già oggi delle loro competenze, del loro modo di guardare la realtà. E questo vale soprattutto per un’agenzia di comunicazione digitale come la nostra», premette Enrico Piacentini, amministratore e fondatore di InGrandiMenti, società che per quanto giovane vanta un organico composto da 25 dipendenti e cinque collaboratori esterni la cui età media oscilla tra i 25 ed i 27 anni. «Le nuove tecnologie, i social e gli strumenti di marketing a loro collegati richiedono una formazione costante non solamente in termini di conoscenze tecniche, ma anche di linguaggi. La presenza degli studenti è l’occasione per noi di confrontarci con le generazioni più giovani, per loro di avvicinare concretamente il mondo del lavoro». Dell’esperienza maturata gli stessi studenti hanno parlato con toni entusiasti: «Il nostro lavoro è stato preso in considerazione seriamente», hanno scritto diversi alunni nel questionario finale. Anche se il lavoro non era quello che si aspettavano – la complessità riscontrata è stata maggiore delle attese -, tutti hanno rilevato l’utilità dell’iniziativa. «Mi piacerebbe un lavoro, come quello del copywriter o di social strategist, capace di stimolare la creatività», ha scritto Federica del liceo Rebora; Matteo dell’Isis Bernocchi si vedrebbe bene in futuro come «front-end developer perché si occupa di tutta la parte del sito dal lato dell’utente». Nicholas dell’Itis Riva è strato colpito dal clima di amicizia: «Se c’è competenza e collaborazione, i risultati sono di efficienza».Del resto, il progetto di alternanza scuola-lavoro si prefigge non solamente di accorciare le distanze tra aula e ufficio, ma soprattutto di creare una sinergia tra due mondi che spesso appaiono così distanti. «Prima ancora che diventasse un obbligo ministeriale, lo proponevano ai nostri alunni», ricorda Giuseppina Rognoni, docente di Italiano, Greco e Latino al Rebora di Rho e tra i referenti del progetto per l’istituto rhodense. «Non si tratta esclusivamente di offrire l’opportunità ai ragazzi di poter meglio comprendere il mondo del lavoro e di conseguenza fare anche le scelte formative più in linea con la loro indole, ma anche di rimotivarli allo studio. L’esperienza con InGrandiMenti si è rivelata positiva perché gli studenti si sono misurati con problemi concreti, capendo anche i loro limiti e lavorando per superarli».
InGrandimenti ha un team composto da esperti di web marketing, strategia digitale e IT, SEO e SEM specialist, web developer e designer, copywriter, sviluppatori di software e new business, graphic designer. Fondata nel 2011 per le imprese che operano nella digital economy, InGrandimenti in questi anni ha puntato su risorse umane giovani, prima inquadrate all’interno di stage o come free lance, poi assunte a tempo indeterminato. http://ingrandimenti.eu/ (foto: ingrand)

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Professione docente, malgrado tutto rimane le più ambita

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cÈ record di adesioni per l’inserimento nelle graduatorie degli 8.400 istituti scolastici italiani, valide per il triennio 2017-2020. Questo, malgrado, l’insegnamento in Italia sia malpagato, preveda in media un precariato senza fine e ora pure una formazione triennale, dopo aver vinto il concorso a cattedra, al termine della quale si potrebbe essere addirittura bocciati. Per favorire questo processo di avvicinamento all’insegnamento, lo studio legale del sindacato Anief, subissato di richieste, ha organizzato una serie di ricorsi, al Tar del Lazio, contro le tante esclusioni contenute nel D.M. 374/2017 e la nota Miur di trasmissione prot. n. 25196 del 1° giugno 2017, perché contenenti elementi di ingiustizia e irragionevolezza macroscopici, spesso in contrasto con chiare pronunce della magistratura amministrativa e persino rispetto ai recenti decreti delegati. Medesimo copione per l’aggiornamento/reinserimento annuale delle GaE, i cui candidati puntano all’ottenimento delle supplenze più lunghe, con il giovane sindacato costretto a riaprire i termini per in GaE 2017 sino a dopodomani.Intanto, dai tribunali giungono conferme sulla correttezza della linea assunta: stavolta a fornirle è il Consiglio di Stato che, con un provvedimento cautelare d’urgenza, ha disposto l’immediato inserimento proprio nelle Graduatorie a Esaurimento dei docenti abilitati con Scienze della Formazione Primaria, prevedendo anche il diritto alla stipula nei loro confronti dei contratti a tempo determinato e indeterminato da effettuare già nelle prossime settimane nell’ambito del contingente da oltre 52mila immissioni in ruolo fissate dal Miur.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): nei prossimi giorni, sono previsti nuovi decreti monocratici, sempre da parte del Consiglio di Stato, riguardanti altri ricorsi. Per le ultime impugnazioni contro l’esclusione immotivata dalle GaE, contiamo di ridurre al massimo i tempi, pur considerando le tempistiche non sempre celeri della macchina giudiziaria. L’obiettivo è sempre quello di assistere gli insegnanti precari nel loro percorso di avvicinamento alla cattedra, alla luce anche del sempre maggiore interesse che i giovani laureati italiani mostrano per questa bistrattata ma sempre amata professione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regolamento di Dublino: Non è il solo ad essere demenziale

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

dublino“Nessuno dica più che i Governi di sinistra non riescono ad ottenere deroghe alla normativa internazionale in materia di migranti. Il problema è che bisognerebbe spiegare a questi Governi, e in particolare al Governo Renzi, che le deroghe devono essere fatte per favorire il nostro Paese, non contro. Concetto complesso che tuttavia davamo per scontato: illusi”. Lo dichiara l’On. Sandra Savino, esponente di Forza Italia.“A chiarire il paradosso – prosegue la parlamentare – sono le parole della collega Laura Ravetto, Presidente del comitato parlamentare di controllo su Schengen. L’astutissimo ex Premier ha infatti deciso che il nostro centro marittimo di coordinamento fosse responsabile dell’intero Mediterraneo e che si derogasse al regolamento di Dublino, che avrebbe permesso di assegnare il migrante allo stato di appartenenza della nave soccorritrice”.“Questa storia insegna che, se il regolamento di Dublino è demenziale, esiste sempre qualcosa di più demenziale. Peccato che questo non sia un film comico ma l’ennesima occasione in cui il nostro Governo ha dimostrato tutta la sua debolezza e idiozia a livello internazionale”, conclude Sandra Savino.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ius soli – Lupi: “Al Pd dico: perché la fiducia? Dov’è la fretta?”

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

camera deputati“Il Partito democratico più che ad attuare il programma di governo, di cui esprime il presidente del Consiglio oltre che costituirne il perno della maggioranza, sembra da tempo dedito alla provocazione. Il suo presidente, Matteo Orfini, si è fissato sul fatto che la legge sullo ius soli debba essere approvata entro il mese di luglio. E pur di riuscirci chiede con insistenza che su questo provvedimento, che è di iniziativa parlamentare e non è nel programma del governo, venga messa la fiducia. Non una, ben quattro volte! A chi gli chiede il perché di tanta fretta risponde che 637 giorni di riflessione su questa legge sono abbastanza. Potrei rispondergli che 872 sono di più, tanti sono infatti i giorni che il ddl sulla concorrenza ha accumulato in attesa di diventare legge, e ancora non c’è riuscito per i continui rinvii del Pd. Quello sulla concorrenza è un provvedimento ben più urgente oggi: è nel programma del governo ed è un impegno che l’Italia si è presa in Europa. Lo aspettiamo dal 20 febbraio 2015. Orfini vuole che il Senato ne parli in questo mese di luglio o preferisce imporre a colpi di fiducia una legge in una materia delicata come la cittadinanza, che ha implicazioni culturali significative e un deciso impatto sociale? Su una materia come questa Orfini vuol concedere al Parlamento di discuterne ancora o ha deciso lui che è arrivato il tempo di cassare ogni discussione? Dobbiamo fidarci di lui che va bene così o possiamo discuterne liberamente in Aula? Se lo ius soli viene approvato a forza in luglio o dopo un argomentato dibattito in settembre, che cosa cambia per le urgenze del Paese? C’è un detto siciliano che forse ben spiega questi continui tentativi del Pd di forzare la volontà del Parlamento: la fissazione è peggio della malattia”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia in fiamme

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

vigilidelfuoco14“Come ogni anno, puntualmente arriva l’estate e come ogni anno l’Italia, soprattutto lo splendido Mezzogiorno, va in fiamme a causa della mancanza di una manutenzione dei boschi e del taglio di sterpaglie, ma soprattutto a causa dei piromani che addirittura usano gli animali per propagare le fiamme. Persone ignobili, senza alcuna parvenza di umanità, le quali andrebbero fatte marcire in carcere senza alcuna pietà. Che cosa si aspetta a inasprire le pene? Per quale motivo non s’investono risorse adeguate per realizzare una prevenzione efficace contro gli incendi da ipercombustione naturale e contro la criminalità più o meno organizzata che fa di queste tragedie un business per lucrare sul mercato immobiliare e lavorativo? Cosa attendiamo a rinfoltire con nuove assunzioni le fila dei Vigili del Fuoco, veri eroi moderni?”. È quanto dichiara il deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Walter Rizzetto.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lazio: rigenerazione urbana

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

regione-lazioIl Consiglio regionale del Lazio ha approvato la Legge per la Rigenerazione Urbana e per il Recupero Edilizio. Si tratta di un provvedimento che oltre ad archiviare definitivamente il Piano Casa apre la possibilità di avviare la tanto attesa cura del bello per intervenire attraverso la rigenerazione sull’immenso patrimonio immobiliare della periferia romana. Auspico che Roma Capitale sappia cogliere al meglio, insieme agli altri comuni regionali, la nuova opportunità per sviluppare un incisivo protagonismo nel rilancio qualitativo del suo patrimonio immobiliare e al tempo stesso possa esercitare una funzione di volano per il rilancio del settore edilizio, da anni in forte affanno.” Così in una nota in consigliere capitolino del Pd Antongiulio Pelonzi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasporto pubblico a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

atac-romaRoma. “I dati diffusi oggi da Legambiente sulla mobilità certificano solo lo stato di abbandono in cui versava il settore del trasporto pubblico locale a Roma e illustrano a chiare lettere quello che abbiamo sempre sostenuto, fotografando con esattezza ciò che le precedenti Amministrazioni ci hanno lasciato come pesante eredità. I numeri indicano una diminuzione del 6% dell’offerta di trasporto pubblico dal 2005 al 2015. Parliamo, quindi, della situazione che abbiamo dovuto affrontare, partendo dalla mancanza di investimenti nelle infrastrutture e un parco mezzi vetusto. Ricordiamo i 45 filobus fermi e abbandonati in un deposito Atac che grazie a noi sono stati restituiti ai cittadini e che erano stati pagati dai cittadini con un costo pari a 25 milioni di euro. E ancora, voglio chiarire che sempre dalle Amministrazioni passate sono state fatte assunzioni poco trasparenti, tanto per citare il caso Parentopoli. Siamo stati noi a cambiare rotta licenziando i dipendenti assunti in modo irregolare”, lo dichiara l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale Linda Meleo.“Noi abbiamo dato sin da subito un segnale di cambiamento investendo 430 milioni di euro per il trasporto pubblico e abbiamo stanziato 18 milioni di euro per la manutenzione della Metro A, già disponibili da agosto 2016. Con l’apertura della stazione di San Giovanni e il collegamento di due linee metropolitane, aumenteranno i chilometri e l’intervento garantirà un maggior numero di passeggeri, dando nuova linfa al servizio”, spiega.
“Inoltre abbiamo messo al centro del nostro programma iniziative che vanno dalle corsie preferenziali a opzioni di mobilità e intermodalità, come le piste ciclabili, da quella di via Nomentana che collega la parte est della città fino a Porta Pia, i cui lavori partiranno a fine agosto, alla ciclabile di via Tuscolana, attualmente in corso di progettazione. Obiettivo è disincentivare l’utilizzo dell’auto privata e noi ci stiamo orientando in questa direzione, nonostante gli errori commessi e gli enormi debiti che ci hanno lasciato”, conclude Meleo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuova governance AequaRoma pienamente operativa

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

andrea-mazzillo-assessore-bilancioRoma “Il Consiglio d’amministrazione di AequaRoma ha proceduto alla nomina del Direttore generale, ingegner Diego De Iorio. La nuova governance della società è dunque pienamente operativa ed è già impegnata nel potenziamento delle attività di controllo e accertamento delle entrate capitoline, nonché sul progetto di internalizzazione della gestione del Patrimonio che la Giunta le assegnerà a partire da settembre. Rivolgo pertanto i miei migliori auguri di buon lavoro al Presidente e Amministratore Delegato Paolo Valle, ai consiglieri Federica Trovato e Filippo Varazi e al nuovo Dg”.È quanto dichiara l’assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Capitale, Andrea Mazzillo.
“La nostra Amministrazione sta implementando un sistema nuovo di gestione e valorizzazione complessiva del Patrimonio capitolino – aggiunge Mazzillo – e sarà fondamentale il contributo di tutte le società partecipate del Campidoglio che operano in questo ambito: non solo di AequaRoma, quindi, ma anche di Risorse per Roma che conserverà le sue funzioni di supporto alle attività di alienazione e presidio degli immobili comunali, di pianificazione, progettazione e trasformazione del territorio. Gli assessori Massimo Colomban e Luca Montuori, con i quali lavoriamo in piena sintonia, avranno il compito di proporre alla Sindaca i nomi per i componenti del nuovo Cda anche per questa azienda capitolina e sono certo che sapranno individuare le migliori figure possibili per rafforzarne la mission e l’operatività”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vacanze a tutti i costi! I debiti degli italiani per un posto al sole

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

vacanzeProdeitalia: il 2,1% ricorre a prestiti di circa 4.000 euro per prenotare una vacanza E’ estate e con il caldo torrido che si fa sentire cresce il desiderio di vacanze. In tempo di crisi, però, spesso sognare un momento di relax diventa un lusso e così sono molti gli italiani disposti a contrarre debiti, anche solo per una settimana di villeggiatura. Da un’indagine condotta dall’Osservatorio Prodeitalia ( HYPERLINK “http://www.prodeitalia.it&#8221; http://www.prodeitalia.it), che nell’ultimo anno ha analizzato la situazione economica di circa 200 famiglie assistite, risulta come il 2,1% di queste ricorre a prestiti per poter avere la possibilità di distrarsi e concedersi un momento di riposo. Le famiglie italiane tendono ad utilizzare sempre di più lo strumento del credito per progettare il proprio futuro, una tendenza che ha le sue declinazioni territoriali, ma che è molto evidente lungo tutta la Penisola. “Colui che richiede un prestito per una vacanza è uomo, ha 43 anni e possiede un regolare contratto di lavoro. – Afferma l’Avvocato Francesca Scoppetta, uno degli ideatori del Progetto Prodeitalia – Dal campione analizzato è in aumento anche la domanda da parte di pensionati. In questo caso specifico l’1,4% dichiara di aver usufruito almeno una volta di un prestito per un viaggio. Dalle nostre statistiche emerge come le Regioni considerate tradizionalmente più ricche siano quelle che si indebitano di più anche per una vacanza. In media vengono richiesti 4.000 euro, con rateizzazioni fino a 3 anni. Purtroppo – continua l’Avvocato Scoppetta – abbiamo registrato come siano sempre più frequenti situazioni in cui tali prestiti vanno a gravare o a peggiorare una condizione di indebitamento già esistente. Questo perché il reddito attuale di queste persone appare inadeguato allo stile di vita a cui erano abituati in precedenza e ciò genera frustrazione. In alcuni casi la volontà di non rinunciare a certe abitudini che definiscono un particolare status symbol, genera una spirale senza fine”.
Nasce allo scopo di offrire un aiuto a chi per motivi di salute, economici, organizzativi o di varia natura, non riesce più a onorare i propri debiti. Sulla base della legge 3/2012 che regola il sovraindebitamento e introduce nell’ordinamento giuridico italiano la procedura di esdebitazione, Prodeitalia assiste e aiuta le aziende e i cittadini che, almeno in una prima fase, hanno la necessità di essere guidati. I professionisti che hanno aderito al Progetto offrono le proprie competenze fornendo una prima consulenza gratuita sugli strumenti che la legge mette a disposizione, trovando lo strumento giuridico utile a risolvere il problema e riducendo i debiti fino all’80%.
Ideato dalla squadra di professionisti dell’omonimo Progetto, l’Osservatorio si pone l’obiettivo di rilevare dati sulla crisi economica che non compaiono nelle statistiche istituzionali. Le ricerche, infatti, si basano sulla raccolta e analisi di dati in riferimento alle esperienze concrete dei soggetti intervistati, allo scopo di fornire numeri e informazioni più aderenti possibili alla realtà.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Menarini: 15000 pasti solidali per l’Africa

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 luglio 2017

africaLa formazione dei dipendenti che fa bene anche alla solidarietà: nell’ottica di questo connubio si è svolta oggi un’attività formativa per alcuni dipendenti della farmaceutica Menarini, impegnati a realizzare 15.000 pasti in risposta alle esigenze dei paesi in grave stato di crisi.Una iniziativa che nasce in collaborazione con l’Associazione Stop Hunger Now (Rise against Hunger), una Onlus determinata a fornire un contributo tangibile nella lotta alla fame nel mondo ed al sostegno dei diritti dell’infanzia, Dynamo Academy, impresa sociale attiva nella formazione sui temi dell’imprenditoria sociale, e Giunti O.S. Psychometrics, azienda specializzata in interventi di valutazione e sviluppo delle risorse umane.La sede di questa attività di formazione è stata il Campus toscano di Dynamo Academy a Limestre (Pistoia).Alcuni dipendenti Menarini hanno lavorato in squadra un giorno intero per confezionare 15.000 pasti che consentiranno ad una delle comunità assistite dall’Associazione in Zimbabwe l’accoglienza di 50 nuovi ragazzi per un intero anno scolastico. Il corso di oggi ha consentito di sviluppare e migliorare varie competenze quali: efficacia organizzativa, team working, problem solving e anche la negoziazione tra i colleghi, oltre alla adattabilità ad un contesto nuovo, lontano dalle solite pareti di un normale ufficio aziendale. Di grande valore anche il riscontro sociale della giornata, che consentirà a bambini che hanno difficoltà quotidiane ad alimentarsi, di ricevere una scorta di pasti per se stessi e le loro famiglie. Un contributo che “fa bene al cuore” di chi ha preparato i pasti e di chi li riceverà.Il contesto in cui sono state svolte le attività dei dipendenti Menarini ha rappresentato metaforicamente quello di una azienda complessa, dove pianificare con attenzione, produrre con elevati standard qualitativi e distribuire in modo capillare sono attività in cui è strategico ed essenziale lavorare tutti insieme e comunicare efficacemente tra colleghi. Tutti per uno, uno per tutti.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »