Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Cardiomiopatia non ischemica, confermati i benefici dell’impianto di defibrillatore

Posted by fidest press agency su lunedì, 17 luglio 2017

pacemakerSecondo una nuova metanalisi pubblicata su Annals of Internal Medicine, i defibrillatori impiantabili hanno un valore nella prevenzione primaria sia nei pazienti con cardiomiopatia ischemica che in quelli con cardiomiopatia non ischemica. «Quando confrontata con la cura convenzionale, la terapia di prevenzione primaria con defibrillatori impiantabili ha ridotto l’incidenza di morte improvvisa e per tutte le cause in pazienti a rischio di aritmie ventricolari pericolose per la vita in entrambi i tipi di cardiomiopatia» afferma l’autrice principale dello studio Michalina Kolodziejczak, della Nicolaus Copernicus University di Bydgoszcz, in Polonia. Lo studio DANISH aveva messo in discussione i benefici di tali dispositivi nei pazienti con malattia non ischemica e, per fare chiarezza sulla questione, i ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da 11 studi randomizzati che confrontavano la terapia con defibrillatore impiantabile con la cura convenzionale, terapia medica contemporanea e terapia antiaritmica, per la prevenzione primaria in circa 8.700 adulti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione. Il follow-up è durato circa tre anni, alla fine dei quali i risultati hanno mostrato che la mortalità per tutte le cause è stata significativamente più bassa con defibrillatore rispetto alla cura convenzionale nei pazienti con cardiomiopatia non ischemica (20% rispetto a 24%) e più bassa con defibrillatore in quelli con malattia ischemica anche se non in maniera significativa (22% rispetto a 30%). La morte improvvisa era significativamente minore con defibrillatore nei pazienti con cardiomiopatia non ischemica (3% rispetto a 7%) e significativamente inferiore con defibrillatore in quelli con malattia ischemica (5% rispetto a 15%).
Limitazioni dell’analisi includono tempi diversi di posizionamento del dispositivo e contemporanei interventi farmacologici e di re-sincronizzazione, oltre al fatto che gli studi sono stati compiuti in periodi diversi, e che gli eventi avversi e le complicazioni non sono state riviste. «Nel complesso i nostri risultati, che rispecchiano con le linee guida attuali, supportano il valore della strategia con defibrillatore impiantato in ambito di prevenzione primaria con cardiomiopatia ischemica o non ischemica» concludono gli autori. (fonte doctor33 – Ann Intern Med. 2017. doi: 10.7326/M17-0120
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28632280) (foto: defibrillatore)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: