Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 22 luglio 2017

Responses to high numbers of arrivals still causing concern

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

migrantsBruxelles. Some of the main areas of fundamental rights-related concerns identified in the latest summary report include the following: With new arrivals to Italy remaining high, reaching some 22,470 persons in June, the Italian government announced that the country may consider closing its ports to ships engaged in search and rescue operations as accommodation of new arrivals cannot be guaranteed. In other developments, Greek NGOs, the UNHCR and the Council of Europe’s Commissioner for Human Rights expressed deep concerns over alleged pushbacks at the Greek-Turkish land border, and the Greek Ombudsman ordered an investigation of alleged forced returns of Turkish citizens by Greek authorities to Turkey.The number of asylum applications also remains high in various EU Member States, with the Greek Asylum Service registering some 4,200 new applications for international protection in June. Germany received some 16,640 asylum applications in May, an increase of 12.1% compared to April. Also in Germany, several human rights and welfare organisations demanded an improvement of the non-governmental and independent support structures for applicants of asylum and refugees after an internal investigation of 2,000 asylum decisions revealed severe deficiencies in the procedure.The number of forced returns in some Member States remains high, with more than 700 forced returns from Greece conducted by the Hellenic Police in June, compared with close to 420 returns under the IOM Assisted Voluntary Return and Reintegration programme over the same period. Meanwhile returns to Afghanistan were criticised and demonstrated against by various stakeholders in Austria, Finland, Germany, the Netherlands and Sweden, given the allegedly unstable and deteriorating security situation in the country.Reception conditions remain a concern, in particular the formation of informal camps, overcrowding, violence and poor living conditions were reported in in a number of countries.Various aspects of child protection continue to be worrying. In Italy, Save The Children released an ‘Atlas of Unaccompanied Children in Italy(link is external)’, mapping the developments since 2011 which showed, inter alia, a six-fold increase in annual arrivals. Elsewhere, children disappearing from reception centres, reported cases of rape and age assessment methods were issues of concern.A number of legal changes making things more difficult for migrants were introduced in various countries. Incidents of hate crime and acts of violence against migrants also continued to be reported.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden. (photo. migrants)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso internazionale “Queen & Beauty Universe 2017”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

lara roggi e le sue creazioniApproda oggi a Saturnia, in Piazza Vittorio Veneto, alle ore 21.00, con la finale nazionale del concorso internazionale “Queen & Beauty Universe 2017”. Tutte le modelle in concorso, finalisti provenienti da tutta Italia, vestono maremmano indossando, nella prima di apertura, abiti griffati della collezione primavera/estate della stilista grossetana Lara Roggi. 13 splendide bellezze dalle quali verrà eletta la vincitrice assoluta che avrà il diritto di partecipare alla finale internazionale in programma a Malaga in Spagna.
Le creazioni di Lara Roggi, espressione del lavoro, della dedizione e dell’abilità sartoriale della stilista toscana, che nasce negli anni ’80 come modellista e figurinista di moda, in passerella per esprimere tutta la forza e la grandezza del Made in Italy.L’approfondita conoscenza dell’Arte del cucito le lara roggi con la sorella lorettapermette, nel corso degli anni, di creare collezioni ricercate nelle quali la figura femminile viene esaltata attraverso dettagli che lasciano trasparire la grazia e l’eleganza, con quel tocco di sensualità capace di rendere la donna misteriosa ed affascinante. Caratteristiche che ritroviamo negli abiti indossati dalle modelle in concorso, appartenenti a quattro quadri che compongono l’intera collezione: Fleurs, dedicata al tripudio primaverile/estivo di fiori e colori, inteso come rinascita del corpo e dello spirito; Epoque, dedicata alla donna di ogni tempo. Particolari intramontabili che si fondono con la modernità di stoffe e ricami; Carmen, dedicata alla sensualità mai aggressiva di pizzi ed intarsi; Angels dedicata ad una sposa angelicale, per la quale veli e pietre preziose si intrecciano con armonia ed eleganza. “La particolarità delle mie creazioni – afferma Lara Roggi – è lo stile Made in Italy per eccellenza dove predomina la ricerca delle sfumature della personalità delle donne alle quali sono destinate. Donne, dunque, senza età: bambine, adolescenti, ventenni, trentenni, quarantenni e over 40, accomunate da forza, classe e carisma”. (lara roggi con la sorella loretta)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

London Stock Exchange Group collabora con IBM

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

borsa milanoBorsa Italiana, parte di London Stock Exchange Group (LSEG), e IBM (NYSE: IBM) hanno annunciato oggi lo sviluppo di una soluzione basata sulla tecnologia blockchain per digitalizzare l’emissione dei titoli di piccole e medie imprese (PMI) in Europa. Concepito per semplificare la tracciabilità e la gestione delle informazioni sulle partecipazioni, il nuovo sistema intende creare un registro condiviso e distribuito di tutte le transazioni tra gli azionisti, per aprire nuove opportunità di trading e investimento.
“Grazie alla collaborazione con IBM nello sviluppo di questa soluzione, Borsa Italiana vuole assumere una posizione di guida nella trasformazione del modo in cui le PMI europee possono gestire le liste dei propri azionisti e, al contempo, ampliare l’accesso al credito – il tutto su un’affidabile piattaforma digitale”, ha dichiarato Raffaele Jerusalmi, CEO di Borsa Italiana.La soluzione basata sulla blockchain per le PMI europee non quotate è pensata per sostituire i certificati di trading cartacei, che vengono di norma emessi oggi alle società private. Grazie alla tecnologia blockchain – sinonimo di processo più digitalizzato, agile e trasparente – gli stakeholder, come emittenti, autorità vigilanti ed investitori, potranno godere di una panoramica informativa ed esaustiva sulle società coinvolte nella iniziativa. Solitamente, le PMI private non hanno accesso alle reti delle borse valori pubbliche né alle strutture di credito formalizzate (forse istituzionali??). Con questa innovazione, le PMI europee potranno avvalersi di un accesso ottimizzato al credito e di un legame con un ecosistema d’investimento più ampio e maturo, che consentirà loro di tracciare nuove linee di trading e ottenere finanziamenti condividendo i propri dati finanziari in un’arena pubblica trasparente e assolutamente sicura. Con l’implementazione della soluzione blockchain, Borsa Italiana si ripropone di portarsi alla guida di un percorso di trasformazione volto ad aiutare le società private a modificare le proprie modalità di negoziazione, aumentare la trasparenza ed espandere l’accesso al credito.“LSEG sta testando l’impiego della tecnologia blockchain in un ambito finanziario per cui la separazione dei dati e la riservatezza sono aspetti essenziali. Lavorando col supporto di IBM, pioniere nello sviluppo di soluzioni blockchain avanzate per il settore finanziario, siamo impegnati a creare, collaudare e ampliare nel tempo le nostre capacità sul fronte delle tecnologie emergenti”, ha affermato Chris Corrado, COO del Gruppo e CIO di London Stock Exchange Group.Basato sulla blockchain Hyperledger Fabric versione 1.0, il sistema assicura la condivisione dei dati altamente sensibili solo fra i partecipanti autorizzati della rete, garantendone al contempo la sicurezza e la protezione. Sviluppata in collaborazione con IBM, questa soluzione basata su tecnologia blockchain sfrutta un’infrastruttura altamente sicura, dotata dei massimi livelli di crittografia disponibili in commercio . La soluzione è inoltre pensata per un’eventuale interoperabilità con i sistemi LSEG esistenti, all’insegna dell’efficienza e della continuità del business.“Condividere dati critici in una rete sicura e trasparente accessibile agli azionisti è difficile se si utilizza un sistema tradizionale”, ha spiegato Marie Wieck, General Manager di IBM Blockchain. “La blockchain contribuirà a eliminare alcune delle barriere tipiche dei metodi tradizionali di trasferimento del valore, proprio come ha fatto Internet con lo scambio di informazioni alla fine degli anni ‘90.”La soluzione è in fase di collaudo iniziale presso un gruppo ristretto di partner e clienti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nutrition advice aimed at children also improves parents’ diets

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

sophia-antipolis

Sophia Antipolis. Nutrition advice aimed at children also improves parents’ diets, according to research published today in the European Journal of Preventive Cardiology. “Diets high in unsaturated fat and low in saturated fat have been associated with a reduced risk of cardiovascular events and death in adults,” said lead author Dr Johanna Jaakkola, a postdoctoral researcher at the University of Turku, Finland. “Very little is known about the long-term effects of nutrition advice for children on the diets and health of parents.” The longitudinal randomised Special Turku Coronary Risk Factor Intervention Project (STRIP) decreased the saturated fat intake and improved the cardiovascular health of children by recommending foods rich in unsaturated, instead of saturated, fat.The current study examined whether the long-term dietary intervention focused on children was also associated with parental dietary intake and cardiometabolic risk factors over two decades of follow-up.The primary results of the STRIP study have been previously reported.2,3 Briefly, the study included 1 107 infants and their parents who were recruited from well baby clinics in Turku, Finland, between 1989 and 1992. Families were randomly assigned to the dietary intervention (562) or control (545) groups.The intervention group received dietary counselling at least once a year by a nutritionist from the child’s age of eight months to the age of 20 years. Counselling was first given only to the parents, and from the age of seven years, the children were also met alone. The main focus of the dietary intervention was to reduce the child’s intake of saturated fat and concomitantly increase the child’s unsaturated fat intake.As previously reported, the repeated dietary counselling led to decreased saturated fat intake in the intervention children, and lower serum low-density lipoprotein (LDL) cholesterol concentration from infancy until 19 years of age. For the current study, parental dietary intake was assessed by a one-day food record biennially from the child’s age of nine to 19 years. Weight, height, blood pressure, serum lipids, glucose and insulin of the parents were measured repeatedly from the child’s age of seven months until 20 years.The investigators found that the child-oriented dietary counselling increased the intake of polyunsaturated and monounsaturated fats and decreased the saturated fat intake of intervention mothers and fathers compared to control parents between the child’s ages of nine and 19 years.In addition, the child-oriented dietary counselling tended to decrease serum total and LDL concentrations in intervention mothers compared to control mothers. There was a similar trend in fathers but it was not statistically significant.Dr Jaakkola said: “The child-oriented dietary intervention contributed advantageously to the parental diet in the long-term and tended to reflect lipid concentrations, particularly in mothers. Presumably all family members eat the same foods and thus child-oriented dietary counselling also affects parents’ diets.”“Dietary intake may have been more strongly associated with maternal than paternal serum lipids because mothers might have more actively participated in the study and complied better with the diet,” she continued. “There is also the possibility that the improvement in the fathers’ diets was not strong enough to cause a statistically significant difference in serum lipids.”Dr Jaakkola concluded: “Our study emphasises that long-term dietary counselling directed at children may be an efficient way to also improve the diets of parents. These findings could be used to plan public health counselling programmes.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giovanni Iudice “firma” l’opera simbolo del Trofeo del Mare 2017

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

Iudice BagnantiPozzallo (Rg) in occasione della serata di gala sabato 29 luglio, in Piazza Municipio sarà “Bagnanti” dell’artista Giovanni Iudice l’opera simbolo della diciassettesima edizione del Trofeo del Mare Premio Uomini e Storie. Le grafiche tratte dall’omonima opera a olio verranno consegnate agli otto premiati, quale prestigioso riconoscimento per il loro impegno culturale, scientifico e sociale a favore del Mare. Com’è consuetudine, il premio conferito dalla giuria consiste in un’opera grafica realizzata esclusivamente per la manifestazione, in tiratura limitata e impreziosita da ritocchi a mano, ispirata al Mare e affidata di anno in anno a un artista siciliano attivo sulla scena nazionale o internazionale. L’iniziativa è nata anche con l’intento di accostare la passione e l’impegno di personalità che si sono distinte a vario titolo per le loro attività legate al mare con l’opera d’arte di alcuni maestri del colore che lo hanno superbamente raffigurato nelle loro tele. Per l’edizione 2017 la scelta è caduta su Giovanni Iudice, considerato oggi dai critici uno tra i maggiori pittori italiani. Quarantasette anni, originario di Gela (Cl) dove vive e lavora, Iudice ha partecipato a importanti esposizioni, tra cui la Biennale di Venezia del 2011 (Padiglione Italia) e la collettiva “Artisti di Sicilia. Da Pirandello a Iudice” a cura di Vittorio Sgarbi, che tra il 2014 e il 2015 ha fatto tappa in diverse location siciliane. Di recente le sue opere sono state esposte a Palazzo Medici Riccardi a Firenze, nell’ambito di una personale dal titolo “Il rumore del mare”, curata da Giuseppe Iannaccone e dedicata ai migranti sbarcati sulle coste della Sicilia. La sua ricerca artistica più recente verte su tre soggetti: i bagnanti, i nudi, i migranti.E proprio al primo di questi temi, quello dei bagnanti, si ispira l’opera simbolo del Trofeo del Mare 2017. Si tratta di una grafica delle dimensioni di 41 x 51 cm, stampata in dieci esemplari numerati più due prove d’autore, realizzata in collaborazione con la galleria Lo Magno Arte Contemporanea di Modica. L’opera, raffigurante il bagnasciuga di una spiaggia popolata da bagnanti, si distingue per la straordinaria resa artistica del moto delle onde tra riflessi di luce e trasparenze marine. Le grafiche sono state impreziosite dall’artista che è intervenuto per ritoccarle a pastello, rendendole uniche, diverse l’una dall’altra.Nelle passate edizioni, l’opera simbolo è stata realizzata da artisti come Piero Guccione (2011), Giovanni Viola (2012-2013), Francesco Rinzivillo (2014), Claudio D’Angelo (2015), Franco Fratantonio (2016). (foto: Iudice Bagnanti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Partenze estive: i migliori e peggiori aeroporti secondo AirHelp

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

aeroporto-romaValigie pronte per quasi 33,5 milioni di italiani. Sono in molti coloro che hanno già raggiunto le destinazioni programmate, ma si attende l’ultima settimana di luglio per il vero esodo estivo. Si prevede che il 70% dei viaggiatori prenderà un aereo per raggiungere la meta desiderata: non sempre però questo passaggio è esente da problemi.
AirHelp, società che ha aiutato oltre 3 Milioni di passeggeri ad ottenere il rimborso per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati della scorsa estate per determinare quali sono state le mete con maggiori problemi.
Sono stati quasi 265mila (per l’esattezza 264.255) i viaggiatori che nell’estate 2016 hanno visto i loro piani estivi rovinati da un forte ritardo, dalla perdita di una coincidenza o addirittura da un volo cancellato. Gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro dalle compagnie aeree per questi disagi e hanno tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere.Un diritto in molti casi sconosciuto ai passeggeri e omesso dalle compagnie aeree (meno del 2% degli aventi diritto ha richiesto ed ottenuto il risarcimento). Tutte le compagnie aeree, comprese le low cost, devono infatti corrispondere da 250€ a fino 600€ di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato.Lorenzo Asuni, Country Manager di AirHelp, sottolinea: “È ora di muoversi per ottenere quanto in nostro diritto in caso di problemi, le leggi esistono e tutelano i passeggeri con disagi nei loro voli ed esistono strumenti che rendono queste richieste sempre più facili e veloci anche per voli di 3 anni fa”. Quali sono gli aeroporti che hanno registrato maggiori disagi? Nel periodo estivo dello scorso anno, due aeroporti in Italia si sono distinti per la grande quantità di disagi:
Roma Fiumicino: 77.636 passeggeri aventi diritto ad un risarcimento per un totale di 32,4 milioni di euro di rimborsi potenziali;
Milano Malpensa: 61.088 passeggeri e rimborsi per 23,9 Milioni di euro nello scalo milanese.
Spiccano anche le destinazioni tipicamente estive come Olbia quasi 9 mila passeggeri con disagi sui loro voli ed una percentuale di voli afflitti da problemi tra le più alte in Italia. A Napoli potenziali risarcimenti per 4,3 milioni di euro e non se la passano meglio le destinazioni siciliane con Palermo (1,4 milioni) e Catania (1,5 milioni).

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’oro bianco alla volta di Venezia

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

museo saleCervia Martedì 25 Luglio 2017 alle 0re 21:00 area Magazzini del Sale. La Rotta del Sale rievoca il periodo in cui l’influsso veneziano sulla città di Cervia vedeva la presenza in loco di un podestà che dipendeva dalla Signoria veneta. L’interesse per Cervia da parte di Venezia era più che altro commerciale anche se per brevi periodi la città è stata sotto il dominio diretto della Serenissima (1243‐1253 e 1463‐1509). Venezia dominava le vie commerciali dell’Adriatico e del Mediterraneo e il sale rappresentava una merce estremamente preziosa, elemento importantissimo per la conservazione degli alimenti.
La Rotta del Sale, organizzata dal Comune di Cervia in collaborazione con Circolo Nautico “Amici della Vela”, vuole rievocare il rapporto con la Serenissima con uno spettacolo suggestivo che ci riporta indietro nel tempo. Un corteo in costume, che percorrerà le principali vie del centro storico, accompagnerà il pubblico nelle atmosfere del passato e
alla scoperta della storia cittadina e del suo rapporto con l’oro bianco. Alla fine del percorso il corteo giungerà nel piazzale dei Salinari ad assistere il carico del sale sulle barche storiche che rievocheranno la partenza alla volta della Repubblica di Venezia. A Paolo Puzzarini, cervese appassionato del mare e della storia locale, si deve l’idea della rievocazione.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Master di I livello in “International Business and Intercultural Context”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

Università per Stranieri di PerugiaPerugia, 18 luglio – Università per Stranieri di Perugia e ONAOSI realizzeranno, in partnership, un Master in International Business and Intercultural Context.
È questo il contenuto di un accordo presentato oggi nella Sala Goldoniana di Palazzo Gallenga, alla presenza del prof. Serafino Zucchelli, Presidente nazionale di ONAOSI, del Magnifico Rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, prof. Giovanni Paciullo, e dei due Direttori Generali, Cristiano Nicoletti e Mario Carena. All’incontro erano presenti anche Simone Olivieri, capo Area dei Servizi Generali e Rita Mariotti, responsabile del Servizio Ricerca e Alta Formazione.Il Master di I° livello intende modulare profili professionali a misura della crescente domanda che emerge dai mercati internazionali.“I contenuti del Master – ha dichiarato il Rettore Giovanni Paciullo – articolano saperi diretti a guidare le politiche di marketing, attivare analisi dei nuovi mercati di sbocco, individuare linee di credito, contestualizzare l’offerta formativa nei mercati di riferimento”.“Con questo master – ha affermato Serafino Zucchelli, presidente ONAOSI – frutto della collaborazione con l’Università per Stranieri di Perugia, la Fondazione potenzia l’offerta formativa disponibile per i più meritevoli tra i propri assistiti ed i figli dei contribuenti. Il mondo globalizzato di oggi e la crisi economico-sociale in cui viviamo esigono per i giovani cittadini europei il possesso di conoscenze adeguate per potersi muovere con competenza sui mercati internazionali ed ampliare così le occasioni di lavoro per i singoli e le imprese italiane”.Un particolare canale è stato previsto per l’accesso alla Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali e Cooperazione allo Sviluppo, con apprezzato riconoscimento di crediti da parte dell’Università per Stranieri di Perugia.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Non chiamarmi bastardo, io sono John Fante”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

john fanteDal 24 al 30 luglio Tour italiano per Eduardo Margaretto autore di una nuova biografia dello scrittore italoamericano con una serie di appuntamenti che i tanti cultori dell’opera di Fante non potranno mancare. Eduardo Margaretto (Valencia, 1963) è uno scrittore, traduttore e sceneggiatore di origine italiana. Autore e conduttore di programmi culturali per la televisione, ha scritto le biografie di Franco Battiato e Elvis Costello. Non chiamarmi bastardo, io sono John Fante è il frutto di oltre venti anni di letture, studi, ricerche e analisi sulla figura dello scrittore italoamericano.
Bologna (la libreria felsinea che ospita l’evento si chiama “La confraternita dell’uva”), Firenze, ma anche Pescara – all’interno della rassegna, “Aspettando John Fante Festival”, organizzata in preparazione all’imperdibile festival di Torricella Peligna – e poi Venosa, all’interno del Museo dell’Emigrazione; Oppido Lucano e Mercogliano, nella sezione Oltrepop di Castellarte, dove si svolgerà una curiosa presentazione “in cammino”.
Il libro di Margaretto, uscito in Spagna nel 2014, pubblicato in Italia da Rubbettino e presentato in anteprima nazionale al Salone di Torino, è una biografia accurata dello scrittore di origini abruzzesi che tra i vari punti di forza rende conto anche di tutta una serie di studi, ricerche e letture critiche dell’opera di Fante non sempre conosciuti dal grande pubblico, non trascurando peraltro, gli scrittori italiani, da Trevi, a Durante a Veronesi, che si sono occupati di Fante. Margaretto, pur nel rigore delle informazioni riportate, riesce – complici le vicende che hanno reso piuttosto burrascosa la vita dello scrittore italoamericano – a mescolare biografia e romanzo, trascinando il lettore in un viaggio in cui Fante stesso sembra il protagonista di una delle sue opere.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Festival della Valle d’Itria

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

Alberto Triola - Francesco Lenociomaggio a rodolfo cellettiGrottaglie. Venerdì 28 luglio 2017 presso l’ex Convento dei Cappuccini (Via dei Cappuccini), alle ore 19,00, si svolgerà la Conferenza “Storie di Creazione di Valore: il Festival della Valle d’Itria”. La conferenza è organizzata dal Rotary Club Grottaglie. Porgerà i saluti Mauro Roussier-Fusco, presidente del Rotary Club Grottaglie.Concluderà Gianni Lanzillotti, governatore del Distretto 2120 – Puglia e Basilicata.
Il professor Francesco Lenoci, docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Patriae Decus della Città di Martina Franca, svolgerà la relazione “Storie di Creazione di Valore: il Festival della Valle d’Itria”, prendendo spunto dalla seguente meravigliosa descrizione del gruppo di facebook “Il Festival della Valle d’Itria Ospite come sempre a Milano”, da lui fondato nel 2009:
“Il Festival della Valle d’Itria rientra,
per origini e per meriti acquisiti,
tra le manifestazioni benemerite della Cultura e dell’Arte.
Appartengono alla Storia del Festival:
– molteplici riproposte di opere italiane e internazionali;
– innumerevoli interpretazioni musicali diventate celebri;
– tanti….tanti straordinari interpreti”.
L’ingresso è libero. (foto: Alberto Triola – Francesco Lenoci, omaggio a rodolfo celletti)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Luxor: Acs ricostruirà la cattedrale distrutta da un incendio

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

cattedrale egitto«Una ferita aperta nel cuore della diocesi». Così Monsignor Emmanuel Bishay, vescovo copto cattolico di Luxor in Egitto, descrive ad Aiuto alla Chiesa che Soffre le condizioni in cui versa ancora oggi la Cattedrale di San Giorgio, distrutta da un incendio il 21 aprile 2016. In questi giorni ACS ha lanciato una campagna di raccolta fondi per la ricostruzione della chiesa.Il rogo, le cui cause sono tuttora sconosciute, rappresenta l’ennesimo dolore per i fedeli di questa diocesi dell’Alto Egitto. Nell’agosto del 2013 quando i sostenitori del deposto presidente Mohammed Morsi hanno sfogato la loro ira sui cristiani, Luxor è stata tra le diocesi più colpite e i manifestanti sono giunti fino alle porte del vescovado urlando «morte ai cristiani!».Poi il 27 dicembre 2015, la morte improvvisa di monsignor Johannes Zakaria, vescovo di Luxor sin dal 1994. Infine il 10 giugno 2016, i circa 20mila fedeli della diocesi non hanno potuto neanche assistere all’ordinazione di monsignor Bishay nella Cattedrale di San Giorgio, perché questa era già stata arsa dalle fiamme.I periti hanno giudicato totalmente inagibile l’edificio, che andrà dunque ricostruito. «Ogni giorno i miei fedeli mi chiedono quando potranno avere nuovamente la loro cattedrale», afferma monsignor Bishay spiegando come la chiesa rappresenti il fulcro della diocesi. È qui infatti che avvenivano le riunioni diocesane, gli incontri con le famiglie, la pastorale giovanile, la formazione dei catechisti e ovviamente le celebrazioni liturgiche. «È l’unica chiesa in grado di accogliere 4500 fedeli – spiega il vescovo – Ora cattedrale egitto1siamo costretti a celebrare le funzioni in una sala vicina che tuttavia ha soltanto un terzo della capienza di San Giorgio. Alle messe di Natale e di Pasqua, in tanti non sono venuti perché sapevano che non avrebbero trovato posto».Una priorità assoluta dunque ricostruire la cattedrale così come ha scritto, appoggiando la richiesta del vescovo, il Patriarca copto cattolico Ibrahim Sidrak, che ha invitato i benefattori di ACS ad essere generosi.La restituzione dell’edificio di culto donerà forza ad una comunità provata dai recenti attentati e dalle conseguenze economiche da essi provocate. «Luxor – afferma monsignor Bishay – vive principalmente di turismo ed ogni volta che si verificano attacchi come quello dei giorni scorsi a Hurgada o i due attentati della Domenica delle Palme, moltissime prenotazioni vengono cancellate. È dalle rivolte del 2011 che non c’è più stabilità, e le famiglie cristiane che vivono di turismo sono ormai disperate».«I cristiani in Egitto sono sotto attacco – afferma il direttore di ACS-Italia, Alessandro Monteduro – vittime di attentati a ripetizione anche durante le Sante Messe. Per ACS è prioritario sostenerli, anche restituendo ai cristiani di Luxor e ai 27 sacerdoti e le 67 religiose che animano la comunità, un luogo degno in cui pregare». (foto: cattedrale egitto)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola – Precari penalizzati: il Tribunale di Trento rinvia la normativa italiana alla Corte di Giustizia UE

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

corte di giustizia europeaQuesto perché nelle ricostruzioni di carriera le supplenze valgono meno? L’obiettivo dei giudici trentini è ‘accertare se ricorra una ragione oggettiva idonea a giustificare un diverso trattamento tra lavoratore a tempo indeterminato e lavoratore a tempo determinato’. Contro il diritto dell’Unione Europea sarebbe, infatti, il cosiddetto ‘raffreddamento’, denunciato dai legali dell’Anief, che riduce la valutazione di un terzo del servizio preruolo svolto dopo i primi quattro anni di servizio. Il sindacato punta anche l’indice sul contratto collettivo nazionale, sottoscritto dai sindacati rappresentativi, e sul Testo Unico della Scuola. In caso di assenso dei giudici transnazionali, saranno a rischio un milione di contratti del comparto scuola, i quali potranno essere impugnati entro dieci anni e disporre risarcimenti a cinque zeri. Alla luce di questa ordinanza e dopo le recenti vittorie nelle Corti di Appello, l’Anief rimette a disposizione il modello di diffida da inviare all’USR di competenza.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Sono sempre più evidenti i dubbi dei nostri tribunali sul trattamento dei precari, perché in aperto contrasto con la normativa comunitaria. Non solo si continuano a reiterare contratti a tempo determinato su posti vacanti, negando al personale con contratto a termine il diritto alle progressioni stipendiali: si vuole perpetrare la discriminazione, anche quando questo personale, docente e Ata, viene immesso in ruolo. Noi non ci stiamo e per questo motivo continuiamo a promuovere specifici ricorsi per la tutela dei lavoratori precari.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aeroporto Firenze. Lilliput e il Gigante? ‘Pericoloso’. Decidere!

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

aeroporto firenzeChe l’aeroporto di Firenze sia quello che in termini gentili si puo’ definire una “ciofeca”, lo sanno tutti e chi non lo sa ancora basta che si vada a fare un giretto nell’aerostazione nel quartiere di Peretola, lungo l’autostrada. Non ce ne vogliano i lavoratori e i gestori dell’aeroporto, ma e’ cosi’. E per capire meglio, da un punto di vista di praticabilita’ tecnica dei voli, basta andare in cima a Monte Morello, sotto i ripetitori vari, dov’e’ il ristorante, e fermarsi a guardare gli aerei che atterrano e decollano dalla strisciolina/pista; complice anche la distanza e l’altezza della prospettiva, come dice mia figlia adolescente, “sembra un gioco da tavolo, pericoloso”.
“Pericoloso” fino ad un certo punto, ovviamente, visto che i crismi tecnici per atterraggio e decollo sono rispettati. Da questo punto di vista, si puo’ anche alzare un sopracciglio, ma e’ ineccepibile. Diverso se “pericoloso” lo applichiamo all’utente del servizio, il passeggero. “Speriamo che vada bene”, e’ quanto ogni passeggero consapevole pensa quando si appresta a usare il servizio dell’Amerigo Vespucci. Perche’, per esempio, nei giorni scorsi sono rimaste a terra novecento valigie che, causa vento, i piloti hanno ritenuto opportuno non caricare per decollare in sicurezza… e siccome, l’utente e’ sempre l’ultimo anello (debole) di questo servizio, crediamo che non siano pochi, sparsi nel mondo, che stanno ancora aspettando di riceverli. Un episodio che si somma a tanti altri in cui -forte vento, nuvole basse, cattivo tempo- i voli sono stati deviati su Pisa o Bologna, con tutte le conseguenze disastrose per chi, dovendo partire, ha una
coincidenza, in genere in qualche citta’ europea. Certo c’e’ il progetto della pista parallela all’autostrada (in attesa della VIA, Valutazione Impatto Ambientale), ma ci sono anche dei comitati che la contestano perche’ sarebbe ambientalmente ed urbanisticamente troppo invasiva. Tempi, quindi, legati alla politica e imprevedibili. La citta’ di Firenze e’ un Gigante (nella sua dimensione…) nel turismo, nella storia e nella cultura mondiale. E grazie a questo aeroporto e’ impedita nei suoi movimenti di base (economici, storici e culturali) come il gigante ne “I viaggi di Gulliver” di Jonathan Swift, legato al suolo dalla diffidenza istintiva degli abitanti dell’isola di Lilliput, che nel nostro caso sarebbe si’ diffidenza da parte dei comitati “anti”, ma soprattutto cialtroneria ed incapacita’ da parte dei politici. Quindi, visto che riteniamo che la citta’ di Firenze debba avere un aeroporto all’altezza del necessario servizio di mobilita’ aerea, i casi sono due:
1 -si declassa l’Amerigo Vespucci, facendolo tornare ad aerodromo per i cosiddetti aerei da turismo, e si fa un collegamento su rotaia che in 30 minuti colleghi la stazione di Firenze all’aeroporto di Pisa, potenziando anche quest’ultimo visto il non indifferente impatto di passeggeri che avrebbe (non e’ una societa’ unica -Toscana Aeroporti spa- che gestisce i due aeroporti, e che dovrebbe rendere la cosa piu’ semplice?);
2 – si parta subito con la costruzione della nuova pista, si’ che dall’aeroporto di Peretola possano partire anche i voli diretti a New York, con qualunque situazione climatica. E’ solo questione politica, solo volonta’ politica; il resto -VIA inclusa- e’ solo burocrazia che -se abbiamo studiato bene l’educazione civica- dovrebbe essere solo funzionale al benessere civico. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola Concorso per dirigenti scolastici: i precari devono partecipare

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

ministero-pubblica-istruzioneA ribadirlo è il sindacato Anief, in corrispondenza del via libera da parte del Consiglio di Stato all’atteso testo del regolamento che dovrebbe vedere la luce nel prossimo mese di settembre. A questo punto, infatti, rimangono da espletare solo il visto della Corte dei Conti per la copertura finanziaria e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del conseguente decreto. L’organizzazione sindacale auspica che i tempi possano essere rispettati, perché in caso di ulteriori lungaggini nel 2018 ci ritroveremo con quasi 2.500 scuole in reggenza. Rimane poi da sciogliere il nodo del personale con titoli e cinque anni di servizi ma non ancora assunto in ruolo. A loro favore c’è la sentenza 5011/2014 del Tar del Lazio. E non solo.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’amministrazione rischia di esporsi all’ennesimo contenzioso, pur sapendo che anche i tribunali d’Europa sostengono da tempo la nostra tesi. Nello specifico, a favore della partecipazione dei precari ai concorsi pubblici si è espressa anche la Corte di Giustizia europea con il procedimento C-177/10 dell’8 settembre 2011. Non si può pensare di essere governati da un’amministrazione scolastica che rimane arroccata a interpretazione normative superate dal tempo e dai fatti. Siamo pronti anche a sostenere legalmente tutti quei vicari, collaboratori, responsabili o fiduciari di plesso, a cui il regolamento del concorso negasse un adeguato punteggio per gli anni svolti, impedendo a loro anche il riconoscimento come stage formativo e la collocazione nella parte di concorso riservata, per il 50% dei posti, a chi ha già svolto il lavoro sul campo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Euro Company: sempre più investimenti sulle risorse umane

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

Food_SecurityUn futuro che nella seconda metà del 2018 vedrà concludersi gli importanti lavori per l’ampliamento della sede di Godo di Russi (Ra) con la creazione di un nuovo centro direzionale di circa 450 mq, che ospiterà palestra, campo sportivo polifunzionale, percorso vita e spaccio aziendale, e di una nuova area produttiva di circa 10.000 mq esclusivamente dedicata ai prodotti biologici. Biologico sul quale Euro Company ha già iniziato a investire, ottenendo anche l’ambito riconoscimento “Best New Organic Food Product” al Natural & Organic Awards 2017 per “Cicioni”, l’unico prodotto fresco da taglio fatto solo con frutta secca fermentata.Questa necessità di ampliamento è frutto del dinamico spirito imprenditoriale che contraddistingue i vertici aziendali, sempre impegnati fra ricerca e innovazione, e del trend positivo che caratterizza l’attività di Euro Company in questi ultimi anni. Trend misurabile attraverso diversi indicatori, economici e non solo. Come ad esempio il numero di dipendenti che dal 2010 a oggi è quasi raddoppiato (+ 85%), nonostante la forte recessione che sta attraversando il nostro Paese, passando da 182 unità a 337, con un’età media di 40 anni, di cui il 60% è rappresentato da donne. «Dipendenti sui quali investiamo risorse in formazione e per migliorare il tempo e la qualità del lavoro, in quanto consapevole che i risultati e i successi ottenuti sono il frutto dell’attività quotidiana di tutti sottolineano dall’Azienda – Soltanto nel 2017 sono stati investiti oltre 52 mila Euro (finanziati per l’80%) per la formazione di 130 dipendenti (circa un terzo dell’organico complessivo), per un totale di 2.700 ore. Formazione che ha riguardato un po’ tutti gli ambiti lavorativi: sviluppo manageriale, lingue straniere, sicurezza, aspetti tecnici. Da settembre 2017 verrà anche attivato all’interno dell’azienda un servizio lavanderia per i dipendenti e, completamente a carico di Euro Company, verranno riconosciuti 3 giorni aggiuntivi di concedo parentale per i neo papà nel primo mese di vita del figlio».A novembre, inoltre, a tutti i dipendenti verrà erogato un premio produzione di 1.000 Euro lordi, o a scelta acquistando beni e servizi tramite la piattaforma di flexible benefit (libri scolastici, interessi sui mutui, fondi pensione, assistenza sanitaria, abbonamenti a cinema e teatro, ecc.) e usufruendo così della detassazione. Euro Company è la prima azienda in Romagna ad adottare questo intervento di welfare aziendale.I risultati raggiunti da Euro Company e la proiezione verso il futuro sono stati al centro della convention aziendale che si è svolta nei giorni scorsi a Bagnacavallo e alla quale hanno partecipato tutti i dipendenti con le proprie famiglie. (foto. euro company)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Turismo e terrorismo

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

TURISMOIn Italia nove utenti della Rete su dieci si dicono spaventati dai recenti attacchi terroristici a tal punto da decidere di modificare le proprie abitudini di viaggio o di partecipazione a grandi eventi pubblici come concerti e partite di calcio. Rispetto al 2016 la percentuale dei turisti online che potrebbe essere influenzata dal rischio attentati nella scelta delle proprie vacanze è cresciuta del 45%, rappresentando il 91% del totale. È quanto emerge da una ricerca realizzata da Reputation Manager, principale istituto italiano di analisi e misurazione della reputazione online di brand e figure di rilievo pubblico, che ha analizzato le conversazioni online degli utenti per capire quanto i recenti attacchi terroristici abbiano modificato il rapporto degli italiani con le vacanze e i grandi eventi pubblici come concerti, eventi sportivi o fiere.
La ricerca è stata realizzata analizzando oltre 1.600 contenuti web, con particolare attenzione ai contenuti UGC (User Generated Content), cioè quelli generati dagli utenti come commenti a post/articoli, blog, forum, portali di opinioni.Nel corso della prima analisi, condotta nel primo semestre 2016, la Rete era sostanzialmente divisa in modo equo tra chi dichiarava di non lasciarsi condizionare dall’allarme terrorismo (54%) e chi, al contrario, ne teneva conto (46%) nella pianificazione delle proprie vacanze o nel valutare la possibilità di prendere parte a manifestazioni o eventi pubblici.La situazione si è completamente ribaltata nei primi sei mesi del 2017, con la percentuale degli “ottimisti” scesa ad appena il 9%, mentre quella di coloro che hanno dichiarato di lasciarsi influenzare dall’allerta terrorismo è cresciuta fino al 91%. In altre parole, più di nove italiani su dieci temono nuovi attacchi e sulla base di questo potrebbero modificare le proprie abitudini di comportamento. In particolare, il 67% dei contenuti è focalizzato sul tema del turismo vacanziero e culturale, mentre il restante 33% sulla possibilità di partecipare a manifestazioni e, più in generale, a eventi pubblici. “Fatti come l’attacco durante il concerto di Ariana Grande a Manchester e l’intensificazione delle misure di sicurezza in occasione di eventi come il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, hanno contribuito a creare un senso di insicurezza fra gli utenti, infatti il 32% comunica la propria paura sul web con un impatto emotivo alto, cioè si esprime animatamente, in modo caldo e concitato. Inoltre abbiamo osservato che spesso la paura si trasforma in rabbia generalizzata contro il governo” dichiara, Andrea Barchiesi, CEO e fondatore di Reputation Manager.
Tra coloro che non sono spaventati dal rischio attentati (9%) troviamo chi attribuisce ai media la causa di tanto allarmismo, chi vede nella crisi economica la vera causa della diminuzione dei viaggi effettuati per turismo e chi ritiene giusto l’aumento dei controlli di sicurezza, purché non generino panico diffuso, come dimostrano alcuni dei commenti degli utenti:
“La paura la fanno solo i giornali ma non esiste!”
“Non è vero. Quel che spinge gli italiani a cambiare meta sono i pochi soldi che gli rimangono in tasca”
“Per chi non ha nulla da nascondere ben vengano i visti. I controlli, i profili e tutto il resto, così si spera di essere tranquilli e sicuri di viaggiare con persone degne di rispetto”La percezione è diametralmente opposta per quel 91% spaventato dal rischio terrorismo a tal punto da modificare le proprie abitudini di comportamento e le proprie scelte. Troviamo infatti chi dichiara disertare gli eventi pubblici o esorta a farlo, chi manifesta timore all’idea di viaggiare insieme a persone straniere, così come c’è chi punta il dito contro i promotori della manifestazione pro immigrati o chi lamenta gli scarsi controlli effettuati negli aeroporti o, più in generale, la qualità dei controlli.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’Inps è alla frutta”

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

inpsLo dichiara Luigi Romagnoli dell’esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego – da tempo le procedure informatiche non funzionano con gravi ripercussioni sull’attività lavorativa”. “Questa mattina è il caos in tutt’Italia – prosegue il dirigente sindacale della USB – COLLEGAMENTO INTERNET NON FUNZIONANTE, PROCEDURE BLOCCATE. In Direzione Generale addirittura non funzionano neanche i tornelli d’ingresso del personale”.“E’ la conseguenza della totale esternalizzazione dell’informatica – denuncia Romagnoli della USB – ormai siamo schiavi delle società esterne. Di fronte a questo disastro e ad un ente che appare bloccato, senza governo, il presidente e il direttore generale devono immediatamente rassegnare le dimissioni. Va nominato un commissario straordinario e un nuovo management che si preoccupi di far funzionare l’Istituto”.
“Senza adeguate risposte sarà la mobilitazione generale, non escludendo il ricorso allo sciopero – conclude il sindacalista nazionale della USB”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invasione immigrati non significa emergenza

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

marco minniti“Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ieri ha detto in Parlamento che non ci sono le condizioni per chiedere lo stato di emergenza in merito all’invasione dei migranti che il nostro Paese sta subendo da mesi e mesi, salvo poi andare in Europa, lo ha fatto nelle scorse settimane, a dire che in Italia c’è un’emergenza. Si metta d’accordo con se stesso. I cittadini italiani non possono più sopportare indecisioni e improntitudine”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Dall’inizio del 2017 sulle nostre coste sono sbarcati oltre 93.292 migranti, il 16,79 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Dal 2014, cioè da quando la sinistra è al governo, sono sbarcati sulle nostre coste oltre 600mila disperati. È troppo facile dare la colpa al regolamento di Dublino e all’Europa cattiva. Ed è fuorviante richiamare gli errori delle missioni Triton e Sophia, su cui la stessa sinistra al governo, con Renzi premier, ha svenduto l’Italia. Cosa ormai assodata dopo le rivelazioni della Bonino e le conferme dello stesso Minniti.È invece importane conoscere i contenuti degli accordi che hanno portato l’Italia a diventare l’unico approdo di tutti i migranti del Mediterraneo, visto che il governo sta facendo carte false per cambiare i piani operativi di quelle missioni che ora sono diventate ‘sbagliate’, ricevendo solo porte in faccia.È importante poi conoscere i contenuti del Regolamento di condotta per i salvataggi in mare a cura delle Ong, visto che è evidente come il traffico degli ultimi mesi sia cambiato, e che i migranti vengono caricati direttamente su gommoni destinati ad affondare, che guidano loro stessi, e recuperati direttamente dalle navi delle Ong, senza la possibilità di incriminare gli scafisti.È importante aprire gli occhi di fronte alla drammatica realtà, e dichiarare lo stato di emergenza: non solo per adottare più agevolmente ogni misura urgente e utile per affrontare la catastrofe migratoria, ma, soprattutto, per assumersi la responsabilità politica di una questione che non può più essere scaricata sul territorio e sugli amministratori locali.Dal governo nessuna risposta degna di questo nome, nessuna trasparenza, nessuna chiarezza, solo una fuga irresponsabile dalla realtà. Sarà bene che il premier Gentiloni e il ministro Minniti tornino al più presto con i piedi per terrà per gestire con decisione, con azioni forti, un’emergenza senza fine. Blocco dei porti, blocco navale, regole stringenti per le Ong. Basta pannicelli caldi”, conclude Brunetta. (n.r. Con 600mila immigrati arrivati in Italia negli ultimi due anni dobbiamo aggiungere che non si tratta tanto di ospitarli ma di come gestirli tra lavoro che non c’è, abitazioni che mancano, assistenza sempre più carente, i terremoti e gli incendi che hanno messo in ginocchio gran parte dell’Italia e le risorse finanziarie che si sono ridotte all’osso.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I virtuosismi del PD

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

fabio_rampelli_daticamera“E’ davvero sorprendente come i democrat riescano a utilizzare le parole per rifarsi una verginità sulla tutela dell’ambiente: parlano di desertificazione, si preoccupano dell’effetto serra, della siccità e dello scioglimento ghiacciai, si stracciano le vesti se Trump dispone la fuoriuscita degli Usa da Cop 21, l’ultimo protocollo firmato a Parigi per combattere i mutamenti climatici. A parole sono bravissimi ma poi non si capisce cosa abbiano fatto per prevenire i roghi che hanno bruciato in pochi mesi in Italia i 27mila ettari andati in fumo in tutto l’arco del 2016… Ah, già, qualcosa il Pd ha fatto, ha abolito il Corpo forestale dello Stato”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fra Armando Lombardi compie 100 anni

Posted by fidest press agency su sabato, 22 luglio 2017

La comunità dei Fatebenefratelli del Centro San Giovanni di Dio – Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Brescia, festeggia con gioia i 100 anni del confratello Fra Armando Lombardi. Quella in programma l’6 agosto presso l’Irccs bresciano sarà al contempo una festa semplice e grande, per il traguardo del secolo di Fra Armando, il quale ha vissuto 80 anni come testimone di Ospitalità nell’Ordine Ospedaliero fondato da San Giovanni di Dio. Nato a Lodi l’8 agosto 1917, Fra Armando ha emesso la prima professione religiosa come fratello ospedaliero il 20 febbraio 1938 e la professione solenne il 26 ottobre 1941. Dopo gli studi infermieristici richiesti dall’Ordine, ha svolto la sua missione a Milano presso l’Ospedale San Giuseppe, a Roma presso l’Ospedale dell’Isola Tiberina, a Gorizia presso la Casa di riposo San Giusto e a Varese presso l’Ospedale del Ponte, quindi, dal 1966 al 1972, presso l’Ospedale Sacra Famiglia di Nazareth, in Terra Santa (Israele), dal 1972 al 1975 presso l’Ospedale missionario di Afagnan (Togo), dal 1975 al 2006 nuovamente a Nazareth e infine in Italia a San Colombano al Lambro, a Brescia, come quiescente. Ovunque è sempre stato un attivo religioso ospedaliero, come capo reparto nelle varie corsie di medicina, chirurgia, traumatologia e nelle sale operatorie, distinguendosi per la sua fattiva operosità e per la sua fede semplice e genuina. (fra lombardi)

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »