Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Il dovere della solidarietà

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 luglio 2017

terremoto ecuadorLe calamità naturali che ogni anno, con intensità e gravità variabile non si fanno attendere in ogni parte del mondo e la loro vastità che può interessare un intero continente con un coinvolgimento delle popolazioni locali e non solo, ci deve far riflettere.  Sono, in qualche misura, delle tragedie annunciate se pensiamo ai danni climatici che provochiamo con il nostro intensivo sviluppo industriale e la ricerca spasmodica di fonti energetiche e il loro frenetico sfruttamento. Gli esperti erano consapevoli di tale rischio anche se, ovviamente, non potevano presagire il giorno e l’ora precisa dell’evento catastrofico così come vi è altrettanta consapevolezza in altre parti del mondo compresa l’area vesuviana in Italia. Ciò non di meno nessuna autorità locale, nazionale ed internazionale ha fatto qualcosa per cautelarsi attraverso un’attenta prevenzione. Sarebbero state probabilmente, considerate spese inutili. Ora sotto i nostri occhi, grazie ai media che ci portano fin dentro casa le immagini più catastrofiche, abbiamo la cognizione della nostra precarietà esistenziale dettata non solo dagli eventi naturali ma dalla nostra indifferenza, se non proprio a prevederli, per lo meno a tenere alta la guardia. E’ facile oggi parlare di solidarietà, di donare un “obolo” per alleviare le sofferenze altrui, per ricostruire quelle aree così terribilmente provate. Ma non ci sembra altrettanto facile pensare ad una ricostruzione che sappia al tempo stesso dare qualcosa di più a quelle popolazioni che non avevano, come un solido tetto dove ripararsi e più concreti sistemi di difesa civile. Non dobbiamo considerare quelle aree come delle semplice “oasi di piacere” ma come luoghi dove la solidarietà si deve esprimere a 360 gradi per tutti i giorni dell’anno. Ma forse sbagliamo a chiamarla “solidarietà” perché si tratta di giustizia e di dignità e rispetto per il genere umano che abbiamo perso con il tempo distratti dalle logiche consumistiche e del profitto che non sembra avere una patria, una civiltà e un decoro che ci permetta di avere quella considerazione dovuta per i nostri simili. (Riccardo Alfonso)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: