Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 29 luglio 2017

Catella AB (publ) publishes bond prospectus and applies for listing of its bonds on Nasdaq

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

stoccolmaStockholm Catella AB (publ) (“Catella”) issued on 15 June 2017 a senior unsecured bond loan of SEK 500,000,000 within a total framework amount of SEK 750,000,000 on the Swedish bond market. The bonds carry a floating rate interest of STIBOR 3m + 4.00 percentage points per annum and matures 15 June 2022.Catella has applied for listing of the bonds on the corporate bond list at Nasdaq Stockholm. The bonds will be admitted to trading on or about 8 August 2017.In connection with this Catella has prepared a prospectus. The prospectus has been approved by, and registered with, the Swedish Financial Supervisory Authority in accordance with the Financial Instruments Trading Act (1991:980). The Prospectus will be available on the Financial Supervisory Authority’s website (www.fi.se) and on Catella’s website (www.catella.com).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Casa del Vento e l’Olio di Flora

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

moliseFra i 14 produttori olio del Molise riportati nella pubblicazione “Molise – Guida ai sapori ed ai piaceri della Regione – 2017-2018”, c’è anche La Casa del Vento con il suo olio biologico “Gentile di Larino”, l’Olio di Flora.Una scheda, quella riportata dalla Guida edita dal quotidiano “la Repubblica”, convincente, bella, che onora non solo me e Flora, ma quanti, in questi dieci anni di raccolta e produzione di questo nostro olio, hanno collaborato e fatto crescere la sua fama, nel Molise, in Italia e nel mondo. Un altro tassello importante dopo l’inserimento in altre importanti guide, i riconoscimenti in Concorsi nazionali e internazionali, le ripetute vittorie a Goccia D’Oro, il grande concorso degli oli molisani. In questi suoi 14 anni di vita, Goccia D’Oro, ha dato un contributo notevole alla fama e alla crescita dei livelli di qualità degli oli molisani, che, per fortuna, hanno nel ricco patrimonio di biodiversità – ben 18 le varietà autoctone di olivi – un importante valore aggiunto. Qualità e diversità, i due caratteri fondamentali per vincere sui mercati e conquistare l’attenzione e la fiducia del consumatore, in particolare chi sa che la qualità non si concilia con la quantità e che la diversità è una straordinaria ricchezza, tanto più per un prodotto come l’olio extravergine di oliva, prezioso per il palato e per la salute di chi ne fa uso. Foto: molise)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vitalizi, Richetti e soci puntano al bersaglio grosso: le pensioni di 20 milioni di italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

pensionati“La proposta di legge in condominio tra Richetti e M5S e in via di approvazione introduce elementi inquietanti di destrutturazione del sistema previdenziale. Quello dei vitalizi è palesemente un alibi per far passare un progetto ben più articolato di ricalcolo delle pensioni erogate. I vitalizi sono già calcolati con il contributivo dal 2012 e danno diritto alla pensione quando viene maturata l’età pensionabile. La legge Richetti impone il ricalcolo dei vitalizi maturati in precedenza con il metodo contributivo, e non solo. Propone il ricalcolo anche per i vitalizi maturati prima del 1995 anno in cui è stato introdotto il calcolo contributivo delle pensioni.Quindi non solo ha effetto retroattivo, ma trasforma in contributivo il calcolo dei vitalizi maturati con il sistema retributivo. Tutto senza la riforma dell’articolo 38 della Costituzione utilizzata come richiamo per distogliere dalla reale portata della legge Richetti. È questa la legge che apre alla possibilità di ricalcolo delle pensioni erogate con il sistema retributivo, altro che leggi costituzionali. La furia sanfedista di PD e soci tutta protesa a ricostruire un verginità politica capace di nascondere l’insipienza progettuale delle forze politiche, trasforma questa vicenda in una battaglia di equità. È vero che si rischia di apparire difensori dei vitalizi, ma la difesa è del principio dei diritti acquisiti contro la retroattività strumentale delle leggi. L’obiettivo è ben più corposo e non ha niente a che vedere con moralizzazione e lotta ai privilegi. Ma qual è il grosso risparmio realizzato con questa legge? 740 milioni in dieci anni, vale a dire lo 0.0002 % della spesa pubblica. Un’inezia persino ridicola se non servisse a nascondere le vere intenzioni del governo. Non a caso la Ragioneria dello Stato con il suo rapporto rilancia l’allarme sulla tenuta del sistema previdenziale, mentre Boeri impazza tra debito implicito e caccia ai pensionati che scappano all’estero. L’accerchiamento al sistema previdenziale pubblico è un processo complesso che ha natura strategica, la difesa del diritto alla pensione deve diventare un percorso di lotte sociali.Cgil Cisl Uil portano avanti i loro incontri segreti con il governo farneticando sulla pensione di garanzia per i giovani ai quali non si riesce a dare un reddito sociale minimo, avendo in animo la logica affaristica dell’APE sociale o meno e soprattutto della previdenza complementare riaprendo la caccia al tfr che i lavoratori non vogliono cedere. Il primo ottobre è la giornata internazionale di lotta dei pensionati, organizziamo la nostra presenza nell’ambito delle iniziative di mobilitazione”. E’ quanto scrive il sindacato Usb.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grotta dei desideri: innovazione, arte, cultura e stile

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

giorgia surinagiulia petrungaroCampora San Giovanni (Cs) 1 agosto a partire dalle ore 21 in piazza San Francesco grazie al supporto dell’associazione “Aics No Limits” mentre la “Fashion Dinner” è pianificata per il 2 agosto, sempre alle ore 21, presso l’Hotel La Principessa di Campora San Giovanni. A sua volta l’evento “Dalla parte delle donne” è programmato per il 3 agosto alle 21 a San Pietro in Amantea (Cs). La “Serata di Gala”, come di consueto, si terrà il 4 agosto nell’incanto e nella suggestione del Parco della Grotta di Amantea (Cs) alle 21. La “Cerimonia di consegna delle borse di studio” si svolgerà invece il 24 settembre presso il Municipio di Cariati (Cs), in un abbraccio ideale tra Tirreno e Ionio. Gran finale nella Capitale, presso la “Rome University of Fine Arts”, per la premiazione degli stagisti dei corsi di fotografia e cinematografia e per la presentazione del bando di partecipazione della quattordicesima edizione. Senza dimenticare il “closing party” della Grotta dei desideri che avrà luogo all’interno del Twiga di Falerna (Cz) nel segno della raffinatezza. Sullo sfondo i vini firmati iGreco: dal bianco al rosso, senza dimenticare il pluripremiato rosato che omaggeranno gli ospiti trasmettendo loro il senso della Calabria.
Lunghissimo l’elenco dei personaggi che prenderanno parte alla kermesse: da Giorgia Surina, tra radio, fiction e televisione, a Giovanni Scifoni che alterna le sue performance tra teatro e piccolo schermo e che nell’immaginario collettivo rimane il vice questore Davide Tempofosco di “Squadra Antimafia”. E ancora: il tuffatore azzurro Giovanni Tocci, fresco di medaglia ai mondiali, l’attrice Milena Miconi, la creatrice di gioielli Daniela Moretti, i protagonisti della fiction televisiva “L’onore e il rispetto”, Milena MiconiGraziano AmadoriValerio Morigi e Giulia Petrungaro, la conduttrice della Domenica Sportiva Giorgia Cardinaletti, il prefetto ed il vice prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao ed Emanuela Greco.
Confermata la giuria tecnica di professionisti e volti noti del mondo della moda: Graziano Amadori, stilista delle dive e presidente della commissione di valutazione che eleggerà i designer vincenti, Michela Zio (giornalista tra le più accreditate del settore), Rosanna Trinchese (art director della Camera della moda del Principato di Monaco) e Stefania Arnaldi (direttore della rivista “La mia boutique”).
Allo stilista primo classificato andrà un assegno di 2 mila euro finanziato da Banca Mediolanum, mentre per chi raggiungerà la piazza d’onore la borsa di studio è di 700 euro, messa a disposizione dal progetto Calabria’s. A queste cifre già rilevanti si aggiungono altre due borse di studio da 300 euro cadauna destinate al vincitore del premio della Stampa e della Fashion Dinner. Quest’ultimo è supportato dalle lavorazioni dolciarie dei Fratelli Marano, mentre il premio della Stampa è sostenuto dal dottor Federico Lorelli che, oltre a svolgere la professione di dentista nel suo studio di Vibo Valentia dove ha introdotto l’uso costante dell’immagine fotografica, omaggerà il vincitore del volume “Genti di Calabria” di Pino Bertelli, un viaggio antropologico tra i volti che popolano la regione. Per gli stagisti due assegni da 250 euro. Per essere sempre informati basta cliccare sul sito http://www.grottadeidesideri.com o consultare la pagina Facebook ufficiale. (foto: giorgia surina, giulia petrungaro, milena miconi, Graziano Amadori)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Otis Redding Tribute show”

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

BHN6KTCefalù. Il 4 agosto i Jack and the starlighters portano sul lungomare Giardina della cittadina medievale il loro spettacolo-omaggio al re del soul. Il re del soul, il punto di riferimento della black music, il cantante autore delle sue canzoni diventato leggenda. Questo è stato Otis Redding per la storia della musica, non solo statunitense, ma mondiale.La sua voce, il suo stile, le sue parole, sono perno della musica degli anni Sessanta e influenzano ancora oggi lo stile contemporaneo.La Sicilia omaggia il mito del cantante di “(Sittin’ on) The dock of the bay”, “I’ve been loving you too long” e “These Arms of Mine” con il concerto dell’unica Otis Redding tribute band d’Italia.
I Jack & the starlighters (Gioacchino Cottone alla voce, Fabrizio Pacera alla batteria, Dario Lo Giudice al basso, Danilo Mercadante al pianoforte) con Dario Pacera alla chitarra e la sessione di fiati composta da Samuele Davì alla tromba, Fabio Piro al trombone, Michele Mazzola al sassofono, daranno vita a un concerto che punta a essere multisensoriale, ma anche a schiacciare l’occhio allo stile del programma televisivo “Studio Uno” di Antonello Falqui. Alle più famose canzoni di Otis Redding si alterneranno i visual set e i documentari selezionati dalla vj Mapi Rizzo.
Arriva così per la prima volta a Cefalù uno spettacolo davvero multimediale, che non si limita alla musica, ma unisce vecchie e nuove forme di comunicazione, per fare conoscere anche il lato estetico di Otis Redding.«Il progetto – dice il cantante Gioacchino Cottone, che è anche regista della serata – è una mia idea, figlia dell’amore che mio padre mi ha trasmesso, facendomi ascoltare Otis Redding sin da piccolo e influenzando i miei primi ricordi musicali. Redding è “il disco” che mi accompagna da quando sono nato. Sotto l’aspetto commerciale, ritengo che sia assurdo che fino a oggi in tutta Italia non ci sia mai stato un tributo dedicato a un artista di questo rilievo socioculturale, che ha cambiato la storia della musica internazionale, aprendo una pagina indiscussa dell’R&B, del soul e del rap».
Il concerto è una nuova tappa del progetto Jack & the Starlighters, band attiva da 15 anni nei locali di intrattenimento e nelle piazza di tutta la Sicilia.
(Vassily Sortino) (foto: otis redding)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Yemen la peggiore epidemia di colera al mondo

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

YemenDichiarazioni di Anthony Lake, Direttore generale UNICEF, David Beasley, Direttore esecutivo WFP e Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale OMS su missione congiunta in Yemen: ““In quanto responsabili delle tre Agenzie delle Nazioni Unite – UNICEF, WFP e OMS – abbiamo realizzato una missione congiunta in Yemen per vedere con i nostri occhi la portata di questa crisi umanitaria e pianificare un impegno congiunto per aiutare le persone dello Yemen.”
“Il paese è sull’orlo della carestia, oltre il 60% della popolazione non sa dove reperire il prossimo pasto. Circa 2 milioni di bambini dello Yemen sono colpiti da malnutrizione acuta. La malnutrizione rende questi bambini ancora più vulnerabili al colera, le malattie creano più malnutrizione. Una combinazione terribile.In un ospedale, abbiamo visto bambini che a malapena avevano la forza di respirare. Abbiamo parlato con famiglie sopraffatte dal dolore per i propri cari malati e che lottano per garantire cibo ai familiari.Mentre attraversavamo la città, abbiamo visto le infrastrutture vitali, come strutture sanitarie e idriche, danneggiate o distrutte.In mezzo a questo caos, circa 16.000 volontari delle comunità si muovono casa per casa per condividere con le famiglie informazioni su come proteggersi dalla diarrea e dal colera. Medici, infermieri e altri operatori sanitari stanno lavorando senza sosta per salvare vite.Oltre 30.000 operatori sanitari non ricevono lo stipendio da più di 10 mesi, molti lavorano ancora per dovere. Abbiamo chiesto alle autorità dello Yemen di pagare urgentemente gli operatori sanitari perché, senza di loro, temiamo che le persone che hanno possibilità di sopravvivere potrebbero morire. Le nostre agenzie faranno il possibile per supportare con incentivi e stipendi questi operatori sanitari estremamente dediti al loro lavoro.Conosciamo anche il lavoro fondamentale svolto dalle autorità locali e dalle ONG, supportate dalle agenzie umanitarie internazionali, comprese le nostre. Abbiamo aperto oltre 1.000 centri per la cura della diarrea e punti per la reidratazione orale. Sono in corso anche la distribuzione di integratori alimentari, fluidi per terapie endovenose e altre forniture mediche, comprese le ambulanze, e la riparazione di infrastrutture fondamentali, come ospedali, centri sanitari distrettuali e reti idriche e igienico-sanitarie. Stiamo lavorando con la Banca Mondiale ad un’innovativa collaborazione per rispondere ai bisogni sul campo e aiutare a sostenere le istituzioni sanitarie locali.
Ma una speranza c’è ancora: oltre il 99% delle persone malate sospette di colera e che possono avere accesso ai servizi sanitari, stanno sopravvivendo. Per quest’anno, il numero totale stimato di bambini che saranno colpiti da malnutrizione acuta grave è di 385.000.
Tuttavia la situazione rimane disperata. Migliaia di persone si ammalano ogni giorno. È necessario un impegno duraturo per fermare la diffusione della malattia. Circa l’80% dei bambini dello Yemen ha immediato bisogno di assistenza umanitaria.Quando abbiamo incontrato i leader dello Yemen, ad Aden e a Sana’a, abbiamo chiesto loro di garantire agli operatori umanitari accesso alle aree colpite dal conflitto e abbiamo sollecitato – più di ogni altra cosa – che venga trovata una soluzione politica pacifica al conflitto. La crisi dello Yemen richiede una risposta senza precedenti. Le tre agenzie che rappresentiamo collaborano con le autorità dello Yemen e altri partner per coordinare le attività in nuovi piani di lavoro per salvare le vite e prepararsi a emergenze future.
Chiediamo adesso alla comunità internazionale di moltiplicare il suo supporto per le persone dello Yemen. Se non faremo nulla adesso, la catastrofe che abbiamo visto espandersi davanti ai nostri occhi non solo continuerà a mietere vite, ma comprometterà il futuro delle prossime generazioni e del paese per gli anni a venire.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Francia è un nostro competitore diretto

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

accademia francia«Per quanto tempo ancora l’Italia porgerà l’altra guancia alla Francia? La scelta di Macron di rimettere in discussione l’accordo con Fincantieri per il controllo di Stx Francia e dei cantieri navali di Saint-Nazaire è solo l’ultimo schiaffo agli interessi nazionali italiani. Prima hanno iniziato con Telecom, Mediaset, Unicredit e Generali; poi stanno cercando insieme alla Germania di uccidere un’altra azienda strategica italiana nel settore della difesa e dell’aerospazio come Finmeccanica-Leonardo; non ultimo lo schiaffo in politica estera sulla crisi libica con il vertice a Parigi tra Serraj e Haftar con l’obiettivo di togliere all’Italia il suo ruolo di interlocutore privilegiato con la Libia e la speranza di mettere in crisi l’italiana Eni a vantaggio della francese Total. Senza dimenticare la decisione di Parigi di chiudere le frontiere e i porti agli immigrati. Renzi, Gentiloni e Alfano: quando vi renderete conto che la Francia è un nostro competitore diretto e comincerete a fare gli interessi dell’Italia?». È quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La nuova tomba monumentale di Porta Stabia

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

basso rilievoParticolare del bassorilievoPompei realizzata poco prima dell’eruzione (motivo per cui si conserva in maniera eccezionale), rivela nuovi rilevanti dati sulla storia degli ultimi decenni di Pompei.
Si tratta di una iscrizione sepolcrale nella forma delle res gestae (ovvero recante la descrizione delle imprese realizzate in vita). Le iscrizioni sepolcrali, notoriamente, contengono il nome del defunto, possono o meno indicare l’età, la condizione sociale e la carriera o altre notizie biografiche. Per i magistrati la citazione delle attività svolte si riassume nel cursus honorum (la carriera pubblica); altri riferimenti sono piuttosto rari. Nel nostro caso invece viene fatto l’elogio del defunto, cosa che a Pompei non ha confronti. Sono ricordate azioni ed attività realizzate in occasione di momenti importanti della biografia del defunto: l’assunzione della toga virile e le nozze. Eventi celebrati con atti di munificenza: banchetto pubblico, elargizioni di danaro in argento; di monete ai magistrati delle associazioni, e soprattutto grandiosi giochi con combattimenti tra gladiatori e con bestie feroci. Pratica diffusa tra i possidenti per acquisire prestigio e promuovere la propria carriera politica. Non è un caso che, come l’iscrizione riporta, il defunto abbia poi rivestito la G:BassorilievoBlocco1_2_Unione Layout1 (1)carica di duoviro. Grazie alla citazione di eventi topici della vita del defunto apprendiamo dati importantissimi sulla storia pompeiana anche con riferimenti al famoso episodio narrato da Tacito, Ann. XIV, 17, avvenuto a Pompei nel 59 d.C., quando durante uno spettacolo gladiatorio scoppiò nell’anfiteatro una rissa che degenerò in uno scontro armato. L’evento richiamò l’attenzione dell’imperatore Nerone che da Roma incaricò il senato di indagare sul fatto. A seguito delle indagini dei consoli, come riporta Tacito, ai Pompeiani fu vietato di organizzare altre manifestazioni gladiatorie per 10 anni; le associazioni illegali furono sciolte; l’organizzatore dei giochi, l’ex senatore di Roma Livineio Regulo, e quanti avevano istigato il fatto furono esiliati. Fin qui il passo di Tacito che però non è esplicito sulla sorte dei duoviri, asserendo solo, in maniera generica, che tutti quelli coinvolti furono banditi. Nella nostra iscrizione, che completa le informazioni di Tacito, si fa riferimento per la prima volta all’esilio che avrebbe colpito addirittura i due sommi magistrati in carica, ossia i duoviri della città. L’iscrizione fornisce dunque dati inediti su un momento importante della storia politica e istituzionale di Pompei, restituendo lo scenario di un torbido intrigo solo adombrato da Tacito. (foto: elaborazione fotogrammetrica, Particolare del bassorilievo)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporteur welcomes court’s rejection of EU Canada passenger data deal

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

european commissionBruxelles.“Two and a half years after the European Parliament raised serious concerns, the Court has made it crystal clear that the EU-Canada agreement cannot be adopted in its current form. The agreement provides insufficient protection and safeguards for Europeans. The use of personal data is not rejected as such, but sensitive data relating to, for example, religious beliefs, cannot be collected without suspicion. Additionally, the data cannot be accessed without judicial authorisation and has to be deleted after the passenger has left Canadian territory.””The European Commission and national governments have stubbornly continued to hold on to a flawed agreement, which is deeply regrettable. The European Commission must now go back to the negotiating table.””Today´s ruling may have far-reaching consequences. The EU PNR Directive and similar arrangements with the United States on PNR and bank data sharing (SWIFT) could face challenges. Liberals and Democrats have long criticised legislation that allows for authorities to sift through bulk information without due cause and judicial authorisation. Today’s ruling shows that anti-terror laws are all too often made in haste, but are then unable to pass judicial review. Privacy rules and fighting terrorism do not have to contradict one another, but laws must be made with due observance of European standards and values.” The European Union and Canada negotiated the deal in 2014m but the European Parliamentm which debated the issue fiercely – asked for the ECJ’s views on the agreement.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“140 immigrati per 200 residenti!

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

Arcinazzo. Alla faccia della distribuzione dei migranti e della proporzione. Questa è l’assurdo paradosso degli Altipiani di Arcinazzo, una deliziosa località di villeggiatura di montagna trasformato in un ghetto di finta accoglienza. Una situazione aggravata dal fatto che ad Arcinazzo la caserma dei carabinieri è inattiva e il presidio della Croce Rossa è aperto solamente la domenica. Assurdo collocare così tanti migranti, tra le altre cose tutti uomini, in un una zona priva di servizi. Questo è il disastro di una sinistra incompetente che sta letteralmente distruggendo la nostra Regione e che tra le altre cose non risolve affatto le problematiche legate agli immigrati presenti, abbandonati al loro destino. Questo scempio non può continuare e chiediamo risposte chiare al sindaco considerato il fatto che il numero degli immigrati “parcheggiati” e abbandonati dal governo ad Arcinazzo sembra destinato a crescere. In caso di mancate risposte delle istituzioni locali siamo pronti ad intervenire a difesa di un territorio che non può essere abbandonato in nome di interessi economici. Il patrimonio paesaggistico e naturalistico del Lazio e la sicurezza dei cittadini non si svende!”. Lo dichiara Francesco Zicchieri coordinatore regionale di Noi con Salvini.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Procedure d’infrazione contro la Repubblica ceca, l’Ungheria e la Polonia

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

europaNonostante i ripetuti inviti ad agire e l’avvio, lo scorso mese, di procedure di infrazione da parte della Commissione, i tre paesi continuano a violare i loro obblighi giuridici e trascurano gli impegni assunti nei confronti della Grecia, dell’Italia e di altri Stati membri.
Il 15 giugno 2017 la Commissione ha avviato procedure di infrazione contro la Repubblica ceca, l’Ungheria e la Polonia tramite l’invio di una lettera di costituzione in mora. Le risposte fornite non sono risultate soddisfacenti in quanto non indicavano che tali paesi avrebbero rapidamente iniziato le ricollocazioni nel loro territorio. Nessuno degli argomenti fatti valere — che si tratti della causa in corso contro il Consiglio, che non ha effetto sospensivo, della solidarietà mostrata con altri mezzi oppure delle difficoltà nell’effettuare i controlli di sicurezza — giustificano il mancato impegno a mettere a disposizione posti. Per questo motivo la Commissione ha deciso di passare alla fase successiva della procedura di infrazione. Le decisioni del Consiglio impongono agli Stati membri di impegnarsi a mettere a disposizione posti per la ricollocazione ogni tre mesi al fine di garantire una procedura di ricollocazione rapida e ordinata. L’Ungheria non ha ricollocato nessuno da quando è stato avviato il meccanismo di ricollocazione mentre la Polonia non ha effettuato alcuna ricollocazione né preso alcun impegno dal dicembre 2015. La Repubblica ceca, dal canto suo, non ha effettuato alcuna ricollocazione dall’agosto 2016 e non ha assunto nuovi impegni da oltre un anno.Il parere motivato costituisce la seconda fase della procedura di infrazione e consiste in una richiesta formale di conformarsi al diritto dell’UE, con l’invito agli Stati membri interessati a comunicare alla Commissione, entro un determinato periodo, le misure prese a tal fine. Poiché le decisioni del Consiglio sulla ricollocazione sono state adottate in risposta a una situazione di emergenza e alla luce dei ripetuti solleciti ai tre Stati membri, le autorità della Repubblica ceca, dell’Ungheria e della Polonia devono rispondere al parere motivato entro un mese, anziché entro il consueto termine di due mesi. Se non rispondono o se le osservazioni presentate nella risposta non sono soddisfacenti, la Commissione può decidere di passare alla fase successiva della procedura di infrazione e adire la Corte di giustizia dell’Unione europea.Con il meccanismo temporaneo di ricollocazione di emergenza, istituito nel settembre 2015 da due decisioni del Consiglio, gli Stati membri si sono impegnati a ricollocare le persone bisognose di protezione internazionale dall’Italia e dalla Grecia. La Commissione riferisce periodicamente sull’attuazione delle due decisioni del Consiglio tramite le relazioni periodiche sulla ricollocazione e il reinsediamento, che usa per chiedere di intraprendere le misure necessarie. Come indicato nell’odierna 14ª relazione sulla ricollocazione e il reinsediamento, il ritmo della ricollocazione è notevolmente aumentato nel 2017 e dal novembre 2016 il numero di trasferimenti è salito a oltre 1 000 al mese, con un nuovo record di oltre 3 000 trasferimenti nel giugno 2017. Al 26 luglio il numero totale di ricollocazioni è pari a 24 676 (16 803 dalla Grecia e 7 873 dall’Italia).

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migrazione: mese record di ricollocazioni dall’Italia e dalla Grecia

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

mediterraneoBruxelles. La Commissione ha adottato la quattordicesima relazione sui progressi compiuti in materia di ricollocazione dei richiedenti asilo all’interno dell’UE e di reinsediamento dei rifugiati provenienti da paesi terzi. Il livello record di ricollocazioni registrato a giugno (oltre 2 000 persone rilocalizzate dalla Grecia e quasi 1 000 dall’Italia) e il fatto che la quasi totalità degli Stati membri abbia assunto impegni e proceda a regolari ricollocazioni fanno sperare che entro settembre sarà possibile ricollocare tutte le persone ammissibili. Tuttavia, sono necessari maggiori sforzi per accelerare i trasferimenti dall’Italia, soprattutto alla luce dell’attuale situazione nel Mediterraneo centrale. Nel frattempo si continuano a registrare buoni progressi in materia di reinsediamento e la Commissione ha lanciato un nuovo sistema di impegni per il reinsediamento delle persone più vulnerabili da Libia, Egitto, Niger, Etiopia e Sudan, in parallelo ai reinsediamenti dalla Turchia.
Dimitris Avramopoulos, Commissario UE responsabile per la Migrazione, ha dichiarato: “I risultati conseguiti finora dimostrano chiaramente che, se esiste la volontà politica, il sistema di ricollocazione funziona. Ora c’è bisogno di un ultimo sforzo per realizzare il nostro comune obiettivo di ricollocare entro settembre la maggior parte di tutti i richiedenti asilo ammissibili presenti sul territorio greco e italiano. L’Italia in particolare è soggetta a enormi pressioni, per cui esorto tutti gli Stati membri a intensificare gli sforzi di ricollocazione da questo paese.
Il ritmo delle ricollocazioni ha continuato a crescere negli ultimi mesi: dal novembre 2016 vi sono stati oltre 1 000 trasferimenti al mese e nel giugno 2017 è stato raggiunto un nuovo record con più di 3 000 trasferimenti mensili. Al 24 luglio il numero totale di ricollocazioni era pari a 24 676 (16 803 dalla Grecia e 7 873 dall’Italia).
Occorre un impegno costante di fronte ai 4 800 candidati attualmente in attesa di ricollocazione dalla Grecia – che potrebbero salire a 6 800 – e ai continui arrivi di candidati ammissibili in Italia. L’Italia deve ancora completare con urgenza la registrazione nel regime delle persone ammissibili arrivate nel 2016 e nel primo semestre del 2017. Si tratta, in particolare, di eritrei, 25 000 dei quali sono giunti in Italia dall’inizio del 2016, ma di cui solo 10 000 sono stati registrati in vista di una ricollocazione. Come indicato dalla Commissione nel piano d’azione per sostenere l’Italia, le autorità italiane dovrebbero registrare rapidamente tutti gli eritrei attualmente presenti nel paese e centralizzare la procedura di ricollocazione presso appositi centri. L’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) sostiene gli sforzi del paese con una campagna di sensibilizzazione online per l’identificazione di tutti i potenziali richiedenti. La Commissione accoglie inoltre con favore il recente annuncio di un aumento degli impegni mensili della Spagna e l’annunciata accelerazione del ritmo dei trasferimenti da parte della Germania.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Special Guest edizione 2017

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

Special GuestErice l’1 agosto, alle ore 11.00, negli spazi del Teatro “Gebel Hamed” apertura ufficiale, alla presenza del sindaco di Erice Daniela Toscano e del regista Amos Gitai dello Special Guest nell’edizione 2017 con Amos Gitai, uno dei più grandi registi del cinema internazionale, autore di “Free Zone”, “Eden”, “Kippur”.
Il cartellone di CinemadaMare 2017 nella città elima sarà particolarmente ricco con la presenza di ospiti d’eccezione come Sandro Camerata, docente di direzione della fotografia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, Frank Vrankx, International Advisor della LUCA School of Arts di Brussels; il regista Antonio Piazza (“Sicilian Ghost Story”, “Rita”, “Salvo”) e gli attori Filippo Luna (“Sicilian Ghost Story”, “Nuovomondo”, “Terraferma”) Julia Jedlikowska, Gaetano Fernandez (i due giovani interpreti di “Sicilian Ghost Story”).
Special Guest1Il borgo si trasformerà in un set cinematografico: per il secondo anno consecutivo, su iniziativa della Fondazione Erice Arte e del Comune di Erice, il borgo medievale è stato scelto come una delle tappe (l’unica in Sicilia) di “CinemadaMare/Travelling Campus”, festival internazionale e itinerante giunto alla sua XV edizione, il più grande raduno di giovani filmmaker del mondo (65 nazioni presenti) che si svolge in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e altre 27 Università e Scuole di cinema del mondo, dalla Sorbona di Parigi, al Santa Monica di Los Angeles, dall’Università di Jakarta a quella di Città del Capo in Sudafrica, e altre in tutti i continenti.
Sono 100 i filmmaker che si troveranno ad Erice per una settimana e realizzeranno 20 short film, che – in occasione della Weekly Competition della kermesse , la competizione che premia il miglior film realizzato nella tappa – saranno proiettati nella serata dell’ultimo giorno, nella piazzetta San Giuliano ad Erice, alla presenza del pubblico.
Le attività durante la settimana prevedono tutte le mattine, alle ore 11.00 masterclass al Teatro “Gebel Hamed” rivolte ai filmmaker e al pubblico appassionato, durante la giornata avverrà la produzione dei film, la sera, cinema all’aperto gratuito per tutti, a partire dalle ore 21.30, nella cornice di Piazzetta San Giuliano, con proiezioni dei film in concorso per la Main Competition, uno spazio dedicato agli “special guest” e la proiezione di un grande film. (foto: Special Guest)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Serie A, ecco i calendari: Juve favorita, ma il Milan rimonta nelle quote scudetto

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

milan-stemmaMilan in rampa di lancio nelle scommesse sulla Serie A 2017/2018: nel giorno del sorteggio dei calendari i rossoneri sono la squadra che ha impressionato maggiormente i quotisti. Logica conseguenza della campagna acquisti sontuosa, che ha portato a Casa Milan giovani talenti come Kessiè ed esperti campioni come Leonardo Bonucci. Il risultato è che nelle quote sullo scudetto i rossoneri hanno fatto progressi incredibili. Partiti intorno a 15 volte la scommessa sul tabellone 888sport.it, via via che piazzavano colpi sul mercato la loro quota è andata al ribasso. Lo strattone finale è stato l’arrivo di Bonucci, con il quale sono scesi a 7,50, diventando, di fatto, la terza forza del campionato. In cima alle quote i bookmaker mettono ancora una volta la Juventus. I bianconeri hanno perso Bonucci, ma si sono rinforzati sugli esterni con Douglas Costa e Bernardeschi: il loro settimo titolo consecutivo è dato a 1,60, quota sulla quale si registra un lieve rialzo, rispetto all’1,45 iniziale. Stabile invece l’offerta sul Napoli, a 5,50: gli azzurri hanno scelto un mercato low profile e puntano più sulla capacità di Maurizio Sarri di plasmare bel gioco. Quarta e quinta piazza rispettivamente per Inter e Roma, a 10,00 e 11,00, ancora in cerca del guizzo sul mercato. Il lotto delle papabili si chiude praticamente qui, visto che la Lazio viaggia già a 41 volte la scommessa, seguita dalla Fiorentina a 81,00. Dalla Viola in poi si passa in tripla cifra: a 201 l’Atalanta, a 251 il Torino, poi Udinese a 501. Si va 1.001 per Genoa, Samp e Sassuolo, Bologna, Cagliari, Chievo, Verona e Hellas sono a 2.001. Chiudono il tabellone Benevento e Crotone, entrambi a 2.501.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vitalizi e l’obiettivo nascosto: il ricalcolo di tutte le pensioni in essere

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

camera deputatiE’ caduta la maschera e sono stati scoperti. La proposta di legge sui vitalizi, presentata dal PD, e sostenuta dal M5S, apriva, di fatto, la possibilità al ricalcolo contributivo delle pensioni ordinarie in essere (quelle dei comuni cittadini), che ora sono calcolate con il sistema retributivo: una batosta per gli attuali pensionati che avrebbe portato a una decurtazione media della pensione del 30%.Lo scrivevamo da qualche tempo e lo abbiamo comunicato a tutti i gruppi parlamentari della Camera dei Deputati e agli stessi presentatori e promotori della proposta di legge. La nostra preoccupazione è stata fatta propria dal relatore in Commissione Bilancio, Maino Marchi (PD), che aveva paventato la “macelleria sociale” e dal presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano (PD), che aveva dichiarato: “Quello che ritengo totalmente sbagliato, è che per raggiungere l’obiettivo si adotti il ricalcolo di tutti i contributi, anche procedendo retroattivamente. E’ un precedente pericoloso che potrebbe, un domani, vedere la sua applicazione ai lavoratori e alle pensioni in essere; è un mostro volutamente incostituzionale.”Di fronte alle critiche espresse, anche in sede di dibattito, si è fatta marcia indietro, mettendo una toppa a un buco che tale resterà perché sarà motivo di ulteriore ricorso alla Corte Costituzionale. Così, è stato presentato un emendamento il quale prevede che il ricalcolo con il sistema contributivo delle pensioni non sia “in nessun caso applicato alle pensioni in essere e future dei lavoratori dipendenti ed autonomi”. Sorge, comunque, la domanda su come saranno calcolate le future pensioni, perché tolto il contributivo quale sarà il sistema da applicare per le future pensioni? Rimarranno le pensioni “d’oro” contro le quali si scaglia il M5S? Insomma, la riforma dei vitalizi nascondeva altri obiettivi che sono stati smascherati. E pensare che molti erano convinti che fosse una battaglia contro i “privilegi della casta”. Ingenuità. (Primo Mastrantoni, Segretario Nazionale Aduc)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Annunciati i vincitori del Nikon Photo Contest 2016-2017

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

Annamaria BruniIl Nikon 100th Anniversary Prize del Nikon Photo Contest 2016-2017 è stato assegnato ad una fotografa italiana, Annamaria Bruni.Inaugurato nel 1969, il Nikon Photo Contest è uno dei concorsi fotografici internazionali più prestigiosi del mondo. Quest’anno, in occasione del 100° compleanno di Nikon, è stato introdotto il premio speciale 100th Anniversary Award, battezzato “Celebration” (Celebrazione). 21.511 fotografi in totale provenienti da 170 paesi e aree geografiche hanno inviato 76.356 lavori, segnando un nuovo record per il concorso in termini di paesi e aree geografiche partecipanti. Nikon Photo Contest 2016-2017: i vincitori:
Annamaria Bruni commenta così il suo scatto: “Questa foto è il mio tributo personale al mio amato Egitto, che è stata la mia casa per più di dieci anni. L’intenzione, dietro a questa fotografia di una donna che prega vicino alla sua finestra, era quella di esprimere la calma e la tranquillità, per dare un nuovo senso alla parola “celebrazione”. Un modo diverso per descriverla: dobbiamo sempre essere grati per ogni momento che viviamo e celebrare ognuno di essi.”
Dorte VernerNeville Brody, presidente della giuria, sullo scatto di Annamaria Bruni: “In quella che potrebbe essere un’immagine moderna di Vermeer o di Rembrandt, il “Saluto al sole” di Annamaria Bruni, vincitore del Nikon 100th Anniversary Prize 2017, coglie una donna di 73 anni nell’intimità del suo salotto in penombra, illuminata da un piccolo, luminoso raggio di sole che giunge attraverso la finestra con le persiane accostate. La donna è in preghiera e la sua posa ad angolo retto rispetto alla luce del sole.
Questa serena celebrazione di un nuovo giorno è per noi magica, la calma dell’immagine ci attrae, i dettagli negli oggetti creano una narrazione per la nostra immaginazione. Di nuovo, la morbidezza, il contrasto, luci e ombre sono i potenti meccanismi usati qui per raccontare una storia umana, una delicata espressione catturata magnificamente.”
Grand Prize (Premio speciale Grand Prize): 休 – Momenti di pausa di Yuanyuan Tian (Cina)
Premio Most Popular Entry (Scatto più popolare): Disappearing fishing method by Moken (La pesca a immersione secondo Moken) di Dorte Verner (U.S.A.)
Yuanyuan TianA giudicare i lavori una giuria composta da professionisti internazionali specializzati in diversi campi, presieduta dal celebre graphic designer e art director Neville Brody, che ha dichiarato: “I lavori erano estremamente vari quanto a soggetti e interessi: alcuni erano gioiosi e contemplativi, ma la stragrande maggioranza era di carattere politico oppure proponeva uno spunto filosofico sulla realtà mondiale. Gli stessi vincitori hanno dato prova di un certo equilibrio fra vena artistica e capacità narrativa. Le grandi tematiche e le questioni globali si trovano immortalate ed espresse con semplice realismo in immagini che ci fanno capire meglio chi siamo, rivelandoci verità superiori del mondo in cui viviamo.”Oltre a scegliere il vincitore del Premio Nikon 100th Anniversary Prize e del Premio Grand Prize fra i lavori appartenenti alle altre due categorie, i giudici hanno assegnato il 1°, il 2° e il 3° premio per ogni categoria e formato (singola foto/fotoracconto/video). Inoltre, è stato selezionato il Premio Most Popular Entry, votato dagli stessi partecipanti al concorso.Tutti gli scatti vincitori e i relativi dettagli sono pubblicati sul sito Web del Nikon http://www.nikon-photocontest.com/en/ (foto: Annamaria Bruni, Dorte Verner, Yuanyuan Tian)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dall’unione di NetCom Group e Core Informatica nasce un gruppo da 50 milioni di fatturato annuo

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

iacarellaUn “matrimonio” tra Nord e Sud per essere più competitivi, più appetibili e soprattutto proiettati verso il futuro. Si sintetizzano così le ragioni dell’ingresso di Core Informatica in NetCom Group. La prima, società piemontese con sede ad Ivrea, specializzata nei servizi di supporto tecnico alle infrastrutture informatiche e che offre una vasta gamma di servizi principalmente per aziende di medie e grandi dimensioni e con sedi a Pont Saint Martin, Milano, Padova e Trieste, la seconda invece azienda campana, che vanta sedi in tutta Italia ed anche all’estero, con un fatturato che sfiora i 20 milioni di euro annui, un trend di crescita del personale del 27% e neo assunti per lo più laureati con una età media di 31 anni. Un gruppo che ora unito non solo diventa sempre più strategico nel settore di propria competenza ma che va a raddoppiarsi sia in termini di fatturato che di personale, proiettato entro l’anno al raggiungimento di 50 milioni di fatturato e con circa 600 dipendenti dislocati nelle varie sedi in tutta Italia del nuovo gruppo. Forte di una squadra composta tutta da ingegneri specializzati nei vari indirizzi, NetCom Group ha vinto la scommessa di coniugare l’alta qualità con il contenimento dei costi puntando su «uno spirito imprenditoriale teso alla costruzione di rapporti industriali – spiega Domenico Lanzo, presidente e amministratore delegato di NetCom Group – un’organizzazione che sa adattare alle Pmi locali il meglio lanzodella gestione tipica delle grandi industrie internazionali; un gruppo aziendale in grado di sostenere l’impegno finanziario per l’avvio dell’attività». Nel suo portafoglio clienti NetCom Group vanta brand di caratura internazionale riferiti ai diversi settori di riferimento: MBDA Italia, Gruppo FCA, Jaguar, Lamborghini, Italdesign Giugiaro, Sky Italia, Vodafone, H3G, Huawei, Cisco System, Axa Assurance, Lottomatica, Luxottica, Banca Intesa, Banco Bpm.
Core Informatica nasce nel 1997 negli anni “post Olivetti”. Due giovani manager provenienti da esperienze diverse ma ugualmente ricche di significato, si incontrano e trovano il capitale per iniziare una nuova avventura. Un’intera generazione di tecnici e gestori si è sviluppata in questi anni ed è cresciuta all’interno dell’azienda mantenendo le caratteristiche iniziali di delega nelle responsabilità, meritocrazia e passione. Tra i clienti di Core Informatica anche multinazionali come Coca Cola, Enel, Telecom, Accenture, nei servizi Dedalus, Engineering e Comdata e numerose società nel campo assicurativo come Generali, Cattolica, Reale Mutua ed Allianz solo per citarne alcune.
«I benefici di questa unione – sottolinea Sandro Iacarella, amministratore delegato di Core Informatica – sono sostanzialmente racchiusi nella gestione generale delle risorse che noi utilizziamo sul territorio e dei clienti che insieme possiamo condividere. Ci accomuna la capacità di valorizzare le persone che lavorano per noi. Essendo aziende di servizi, il nostro valore sono le persone, sia in Core Informatica che in NetCom Group». (foto: iacarella, lanzo)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sociale Roma: verso la paralisi nei servizi?

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

federanziani“Una manovra di assestamento che assegna “ciò che realmente i Municipi possono spendere” e che di fatto non solo conferma il nostro allarme di gennaio sul decremento delle risorse sociali in sede di discussione del bilancio, ma che garantisce piccoli dividenti solo per i servizi municipali di autonomia e integrazione sociale per anziani (Saisa) e minori (Sismif). Nulla di aggiuntivo è infatti previsto per l’autonomia e l’integrazione sociale dei cittadini con disabilità (Saish). A queste briciole, che la maggioranza dice di aver concordato con i Municipi, si aggiunga anche la difficoltà di una macchina amministrativa ferma che rischia di mettere in discussione l’assegnazione dei servizi in corso: questo è il desolante e preoccupante quadro “del cambiamento” che vediamo nei servizi sociali romani. Poche briciole di assestamento che non garantiscono la continuità dei servizi – se non “toccando” la loro qualità e quantità – e non tentano nemmeno quella uniformità tanto sbandierata in altre occasioni, e paralisi nell’assegnazione dei servizi nei territori come si legge dai giornali. Problemi ad Ostia e a Cinecitta’ nell’assegnazione del servizio Aec, nessuna firma per l’apertura di due case rifugio antiviolenza e per una casa delle autonomie, nessun orizzonte e nessuna risposta sul bando per l’assegnazione del servizio di Segretariato sociale a Monteverde. Nessuno stop, ovviamente, neanche ad altre ferite sociali come la Delibera 140 che continua a mietere vittime nella città: l’esempio è il centro “Marie Anne Erize” di via Aspertini a Tor Bella Monaca che ha fatto appello alla Sindaca pochi giorni fa. Appello ad oggi ancora inascoltato. Lancio un allarme diffuso a riprova che avevamo ragione ad essere preoccupati del primo bilancio a 5 Stelle, ma voglio sperare che la maggioranza si renda almeno conto in queste ore di discussione della manovra di assestamento al Bilancio in Aula Giulio Cesare del contributo del Pd che poteva essere accolto mesi fa. Non potendo intervenire sui fondi, la maggioranza intervenga almeno sulle misure a sostegno di quel personale dipendente quotidianamente offeso e impaurito che oggi cerca di “evitare” la partecipazione alle commissioni di gara per l’assegnazione dei servizi, invece di proporre una loro sostituzione con “personale specializzato esterno” come recita la Memoria di Giunta di giugno scorso e come riportano i quotidiani. In Campidoglio purtroppo non c’è Politica e non c’è fiducia. Spero in una maggior sensibilità nel futuro e nell’accoglimento delle tante proposte del PD che sono state invece respinte in questi mesi: le politiche sociali romane e municipali non hanno bisogno di briciole in bilancio e nemmeno del blocco nell’assegnazione dei servizi. Sono nuove difficoltà che non rispondono ai bisogni di quanti a Roma vivono in povertà, con una disabilità o anche in situazioni di pesante fragilità ed esclusione sociale”. Così in una nota Erica Battaglia, delegata all’Assemblea romana del Pd.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Capitale per superare il disagio abitativo

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

casaAffrontare il disagio abitativo presente nella Capitale, offrendo sostegno alloggiativo a circa 6.000 famiglie in tre anni. Potenziare lo scorrimento delle graduatorie per dare risposta a quanti attendono da troppo tempo di vedersi assegnato un alloggio di Edilizia residenziale pubblica (Erp). Chiudere i Centri di assistenza alloggiativa temporanea (Caat) entro il 2018 mettendo fino allo spreco di risorse pubbliche per potenziare le forme di sostegno economico ai nuclei familiari. Svuotare le occupazioni abusive ripristinando la legalità senza penalizzare coloro che hanno diritto all’assistenza. Predisporre strumenti per tutelare sempre i soggetti in condizione di fragilità sociale. Sono i contenuti della strategia #CasaRoma, messa a punto dall’amministrazione capitolina mediante due delibere presentate dall’assessore al Bilancio, Patrimonio e Politiche abitative Andrea Mazzillo e dall’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale Laura Baldassarre, approvate ieri dalla Giunta: le Linee guida per un Piano di azione per il disagio abitativo e il nuovo Servizio di assistenza e sostegno socio alloggiativo temporaneo (Sassat) per il diritto all’abitare delle persone in condizione di fragilità sociale.Con CasaRoma il Campidoglio punta a dare assistenza abitativa a circa 6.000 famiglie entro il 2019. Tale risultato è raggiungibile con una serie di strumenti diversificati, che prevedono un sostegno economico per la locazione sul mercato privato o l’assegnazione di nuove abitazioni:
Buono casa e sostegno fragilità: 1.400 famiglie
Scorrimento graduatorie Erp: 1.200 assegnazioni
Frazionamenti immobili Erp: 1.200 alloggi
Contributo all’affitto: 1.000 nuclei familiari
Nuove abitazioni: acquisizione di 600 unità
Autorecupero: 400 alloggi
Beni sequestrati e confiscati alla criminalità: 300 abitazioni
I soggetti destinatari delle azioni previste dalle linee guida appartengono a due categorie: coloro che hanno presentato domanda per un alloggio Erp, avendone i requisiti, sia che si trovino in graduatoria o meno; i soggetti in condizioni di fragilità o precarietà economica (famiglie in condizioni di povertà, famiglie con disoccupati o a basso reddito, ceto medio impoverito). Per reperire le risorse necessarie all’implementazione del Piano di azione si farà affidamento su tutti i finanziamenti nazionali e comunitari attivabili, sulla valorizzazione e cessione di immobili e aree di proprietà comunale, sulla riduzione degli affitti passivi ora pagati dall’amministrazione per le sedi istituzionali, gli alloggi Erp e i Caat. Attualmente sono a disposizione circa 35 milioni di euro l’anno che il Campidoglio eroga per il Buono Casa, la locazione dei Caat e il Contributo all’affitto. A questi si aggiungono i 40 milioni di euro recentemente stanziati dalla Giunta regionale del Lazio in attuazione del Programma straordinario per l’emergenza abitativa: 30 milioni sono destinati al reperimento di nuove abitazioni e 10 milioni per interventi di autorecupero edilizio nel complesso dell’ex Ipab San Michele.
Il Piano di azione dovrà prevedere un censimento puntuale degli alloggi non utilizzati o abbandonati, dei beni confiscati e sequestrati alla criminalità accessibili e degli immobili inseriti nei Piani di Zona.
Una Cabina di regia con i Dipartimenti coinvolti e i Municipi interessati si occuperà dell’attuazione e del monitoraggio del Piano. Grande attenzione sarà rivolta alla possibilità di utilizzare immobili del patrimonio disponibile e indisponibile di Roma Capitale e beni confiscati alla criminalità: entro il 30 ottobre 2017 si dovrà predisporre una mappatura degli immobili, con le stime economiche degli interventi manutentivi necessari a renderli abitabili.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ratifica finale del trattato CETA

Posted by fidest press agency su sabato, 29 luglio 2017

aula-giulio-cesareRoma. “Gli accordi di libero scambio devono essere posti al servizio di obiettivi quali l’occupazione, i diritti umani, la coesione sociale e lo sviluppo sostenibile. Presto arriverà in Aula Giulio Cesare una mozione che impegna la sindaca e la Giunta a contrastare, in ogni sede istituzionale, l’accelerazione della procedura di approvazione e la ratifica finale del trattato CETA. Il 24 luglio la Commissione Turismo e Affari Internazionali di Roma Capitale ha già dato all’unanimità (con l’astensione del Pd) parere favorevole su questa mozione.
Il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) è un trattato di libero scambio tra Canada e Unione Europea. Le ragioni per cui ci opponiamo a questo accordo sono numerose ed evidenti. In primo luogo il CETA colpirebbe il nostro Made in Italy agro – alimentare: all’Italia sarebbero riconosciute appena 41 indicazioni geografiche, a fronte di 288 Dop e Igp registrate, con conseguente rinuncia alla tutela delle restanti 247. L’accordo prevede inoltre di legalizzare la ‘pirateria’ alimentare, accordando il via libera alle imitazioni canadesi dei nostri prodotti più tipici spalancando poi le porte all’invasione di ingenti quantitativi di carne a dazio zero e di grano duro trattato in pre-raccolta con il glifosato vietato in Italia. E’ indubbio che questo trattato favorisca le multinazionali e rappresenti un’ulteriore limitazione al ruolo e alle competenze di governi ed enti locali ai danni dei diritti e delle tutele di milioni di cittadini e consumatori. Il Canada non ha ratificato diverse convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro quali quelle in materia di sicurezza e salute dei lavoratori o quella che stabilisce un’età minima per lavorare. Vogliamo che si ribadisca il diritto degli enti territoriali di poter essere interpellati e coinvolti sulle questioni riguardanti gli impatti dell’approvazione dei trattati di libero scambio su diritti del lavoro, sulla tutela dei territori da investimenti esteri insostenibili a livello ambientale e sociale, sulla tutela delle economie locali da una competizione troppo spesso al ribasso. Vogliamo tutelare la territorialità delle eccellenze produttive, la rintracciabilità dei prodotti e la salvaguardia dell’ambiente. Le decisioni non possono essere calate dall’alto, occorre un confronto ampio e partecipato sull’effetto di tali trattati non solo sull’ambiente ma anche sul tessuto economico- sociale”.
Lo dichiara in una nota stampa Carola Penna, Presidente della Commissione Turismo e Relazioni Internazionali di Roma Capitale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »