Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 30 luglio 2017

How to deal with Venezuela

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

venezuelaVENEZUELA claims to have more oil than Saudi Arabia, yet its citizens are hungry. An astonishing 93% of them say they cannot afford the food they need, and three-quarters have lost weight in the past year. The regime that caused this preventable tragedy professes great love for the poor. Yet its officials have embezzled billions, making Venezuela the most corrupt country in Latin America, as well as the most ineptly governed. It is a textbook example of why democracy matters: people with bad governments should be able to throw the bums out. That is perhaps why President Nicolás Maduro is so eager to smother what little is left of democracy in Venezuela.On July 30th, barring a last-minute change of mind, Mr Maduro will hold a rigged election to rubber-stamp the creation of a hand-picked constituent assembly whose aim is to perpetuate his unpopular state-socialist regime (see article). It will complete the destruction of the powers of parliament, now controlled by the opposition, and wreck the integrity of a presidential election due next year, which, if it were free and fair, Mr Maduro would surely lose. Opponents say the assembly will install Cuban-style communism. At the very least, its creation will provoke more violence in a country where the streets are already choked with tear gas and littered with buckshot from police shotguns. In almost four months of protests, more than 100 people have died; hundreds more have been locked up for political reasons. All this infuriates Venezuelans. It should alarm the outside world, too. By the end of this year Venezuela’s economic collapse since 2012 will be the steepest in modern Latin American history. Income per person is now back where it was in the 1950s. The main cause of this calamity is ideological. Following the lead of his late mentor, Hugo Chávez, Mr Maduro spends public money lavishly, especially on his supporters. Weak oil prices and inept management mean he cannot pay his bills. So he prints money and blames speculators for the resulting inflation, which is expected to exceed 1,000% this year. The black-market price for US dollars is now about 900 times the official rate. Price controls and the expropriation of private firms have led to shortages of food and medicine. With hospitals bare of supplies, the maternal mortality rate jumped by 66% last year. Officials flagrantly profiteer from their access to hard currency and basic goods. Venezuela has become a favoured route for drug-trafficking and is awash with arms.
Some left-wingers, such as Britain’s Jeremy Corbyn, imagine that Venezuela’s “Bolivarian revolution” is a promising experiment in social justice. Tell that to the tens of thousands of Venezuelans who have fled to neighbouring countries. As the crisis worsens, their number will rise. That makes Venezuela’s government a threat to the region as well as its own people.What can be done? The best solution would be a negotiated transition. Mr Maduro would finish his term but would respect the constitution and parliament, free political prisoners and guarantee that overdue regional elections, and the presidential contest next year, take place fairly. However, an attempt at such a negotiation failed last year, and there is no sign that Mr Maduro and his cronies will voluntarily surrender power.Those who want to save Venezuela have limited influence, but they are not helpless. The opposition, a variegated alliance long on personal ambition and short of cohesion, needs to do far more to become a credible alternative government. That includes agreeing on a single leader. Some in the opposition think all that is needed to trigger the regime’s collapse is to ramp up the protests. That looks fanciful. Mr Maduro can still count on the army, with which he co-governs. In Venezuela’s command economy he controls such money as there is, and retains the backing of a quarter of Venezuelans—enough to put his own people on the streets. And he has the advice of Cuba’s security officials, who are experts in selective repression.
Latin America has at last woken up to the threat. Venezuela is far more isolated than it was, having been suspended from the Mercosur trade group. But it was able to avoid a similar suspension from the Organisation of American States (OAS) last month with the backing of its ideological allies and some Caribbean island-states to which it offers cheap oil. The United States should have applied more diplomatic muscle to sway the vote at the OAS. President Donald Trump is now considering broad sanctions such as barring the import of Venezuelan oil, or banning American companies from working in Venezuela’s oil industry. That would be a mistake: Mr Maduro would find new buyers for his oil within months. In the meantime, ordinary people would suffer more than the regime’s loyalists. And venezuelabroad sanctions might strengthen the regime, because Mr Maduro’s empty claim that he faces “economic warfare” from “imperial” America would at last have some substance.
More promisingly, on July 26th the Trump administration announced individual sanctions on a further 13 Venezuelan officials involved in the constituent assembly, or suspected of corruption or abusing human rights. These officials have had visas withdrawn, and American banks and firms are barred from doing business with them. This effort could be intensified by pressing banks to disclose embarrassing information about officials who have stashed stolen public funds abroad. The European Union and Latin America should join this effort.
It will not, in itself, force the regime to change. But the stick of individual sanctions should be combined with the offer of negotiations, brokered by foreign governments. Any final deal may have to include legal immunity for senior Venezuelan officials. That is distasteful, but may be necessary to achieve a peaceful transition back to democracy.
The alternative could be a slide into generalised violence, for which Mr Maduro would be squarely responsible. Already there are signs of anarchy, with radicals on both sides slipping loose from their leaders’ control. Rather than a second Cuba or a tropical China, chavista Venezuela, with its corruption, gangs and ineptitude, risks becoming something much worse. (This article appeared in the Leaders section of the print edition under the headline “Venezuela’s agony” font:The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In scena il dittico “La Boutique Fantasque” con “Il Campanello”

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

del nunzioTrapani 31 luglio e 1 agosto 2017 Ore 21.00 Chiostro di San Domenico. Ventata di novità per l’Ente Luglio Musicale Trapanese è a pieno titolo il dittico che andrà in scena il 31 luglio e l’1 agosto, alle ore 21.00, al Chiostro di San Domenico. Un balletto e un’opera buffa. Alla direzione il maestro Piergiorgio Del Nunzio. La regia e le coreografie de “La Boutique Fantasque” sono affidate a Antonio Aguila Carralero. La regia de “Il Campanello” è di Natale De Carolis.
“La Boutique Fantasque”, balletto sulle vivaci e briose musiche di Gioachino Rossini interpretate dall’Orchestra e danzate dal Corpo di Ballo dell’Ente Luglio Musicale Trapanese. Protagonisti del ballo saranno giocattoli, bambole, pupazzi, cagnolini, carte da gioco. Danzatori: Annalisa Bono, Martin Aguila Carralero, Claudia Cassano, Aurora Certa, Federica Fattore, Cristian Luce, Giulia Santi, Francesco Spadini, Isabella Spresian, Liliana Margarita Alonso Torres, Elia Zegrati.
A seguire “Il Campanello” di Gaetano Donizetti, una delle opere più riuscite nel genere comico. Un cast con attitudini allo stile buffo e una produzione tutta nuova i cantanti Miriam Carsana – soprano Serafina, Sofia Koberidze, mezzo soprano – Mamma Rosa, Francesco Paolo Vultaggio – Enrico, Alessandro Tirotta – basso buffo – Don Annibale Pistacchio, e Murat Can Guvem – Spiridione. Orchestra e Coro dell’Ente accompagneranno quest’opera buffa. “La Boutique Fantasque”, è una fiaba molto delicata tutta ambientata in una bottega di giocattoli: il bottegaio inventore e costruttore dei giocattoli, è troppo affezionato ad essi per venderli. All’arrivo di due compratori molto esigenti, il bottegaio fa di tutto per presentare giocattoli che non piacciano per evitare di venderli. Si creano così situazioni molto divertenti durante le quali i giocattoli vengono rifiutati dai due compratori perché troppo irruenti o perché compiono fastidiose magie o perché volutamente dispettosi. I compratori, naturalmente si innervosiscono molto, fino a quando non gli vengono presentati i giocattoli ballerini di can can. I due compratori decidono di acquistarne uno per ciascuno dividendoli per sempre, escono dalla bottega ordinando al bottegaio di prepararli per il giorno successivo. Ma c’è un ma: nel magico mondo dei giocattoli i ballerini di can can sono innamorati ed al pensiero di essere divisi si terrorizzano.
Parte così, durante la notte all’interno della bottega, una “rivolta” durante la quale i giocattoli fanno fuggire la coppia di innamorati assicurando il lieto fine. Ne “Il Campanello”, di Gaetano Donizetti, la vicenda si svolge a Napoli.La giovane e bella Serafina viene promessa in sposa allo speziale Don CHIOSTROAnnibale Pistacchio, con gran dispetto dell’innamorato di Serafina (ricambiato), il giovane Enrico. Nonostante i tentativi di impedire il matrimonio, la cerimonia viene fissata per il giorno precedente la partenza di Don Annibale per Roma, ove lo speziale deve assolutamente recarsi per presenziare all’apertura del testamento di una sua zia defunta e dove si fermerà per più di un mese. Appreso questo fatto Enrico, con la complicità di Serafina, cerca in tutti i modi di impedire che il matrimonio venga consumato quella notte, così da guadagnar tempo per un successivo tentativo di farlo annullare. Lo speziale è obbligato in forza di legge a fornire i suoi prodotti medicinali a chi ne faccia richiesta anche di notte e quindi il campanello esterno alla bottega, sita sotto l’abitazione dello speziale, sarà lo strumento di Enrico per disturbare la prima notte di nozze di Don Annibale. Presentandosi via via sotto spoglie diverse (un francese ammalato, un cantante rauco e un vecchietto ironico che canterà la famosa e difficilissima aria Mio signore venerato) Enrico continuerà a farsi ricevere da Don Annibale, suonando appunto il campanello, con i pretesti più strampalati finché, giunta l’alba, lo speziale dovrà partire in diligenza per Roma lasciando Serafina illibata a casa.
Costo del biglietto: (intero) 10,00 euro e (ridotto) 7,00 euro (per abbonati Ente Luglio Musicale Trapanese, Amici della Musica di Trapani, Conservatorio di Musica “A. Scontrino”, i giovani fino a 24 anni previa presentazione di attestazione di frequenza o libretto universitario, acquistabile esclusivamente la sera delle recite a partire dalle ore 20.00, sino ad esaurimento dei posti disponibili). (foto: del nunzio, chiostro)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Brexit, continueremo a cooperare con i paesi membri dell’Ue»

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

Jill_Morris_960«Abbiamo una visione chiara della stretta cooperazione che intendiamo mantenere con i paesi membri dell’Unione europea. Siamo stati parte dell’Unione per quarantaquattro anni. Partiamo dunque da una posizione di totale armonia, che intendiamo mantenere, specie dal punto di vista commerciale. Riteniamo che questo scenario sia il migliore possibile nell’interesse di tutte le parti coinvolte. Vogliamo raggiungere un’intesa doganale in grado di garantire una libera circolazione di beni e servizi senza alcun tipo di “frizione”, tariffa o barriera»: Jill Morris, Ambasciatore britannico in Italia si inserisce nel dibattito sulla Brexit con un’intervista concessa a “Civiltà del Lavoro”, il periodico della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro in distribuzione in questi giorni e disponibile in versione elettronica e completa sul sito della Federazione (www.cavalieridellavoro.it). «La Gran Bretagna sta uscendo dall’Unione Europea, non dall’Europa. Personalmente sono orgogliosa di essere gallese, britannica ed europea – aggiunge il diplomatico -. Noi stiamo lasciando le istituzioni dell’Unione Europea, ma non i valori condivisi: il rispetto dell’uomo, della sua libertà di pensiero, della democrazia, del diritto. Tutti valori che il Regno Unito, un’antica e grande nazione che gode di un retaggio secolare di cultura cosmopolita, intende promuovere e difendere anche a livello internazionale, nelle sedi opportune, come ad esempio le Nazioni Unite, la Nato, il G7 o il G20». L’intervista all’Ambasciatore britannico in Italia è inserita nell’ambito dei servizi di presentazione del Convegno Nazionale che la Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro e il Gruppo Triveneto organizzano il prossimo 23 settembre a Verona. Un appuntamento, quello nella città scaligera, intitolato “La sfida alle democrazie occidentali. Il quadro delle nuove relazioni internazionali. Il ruolo dell’Europa e dell’Italia”. L’evento, concluso dall’intervento del presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, Antonio D’Amato, si articolerà in due relazioni di scenario (curate dal politologo David Held e dall’economista Carlo Cottarelli), interventi istituzionali (quelli del ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani) e due tavole rotonde (La prima: Democrazie, populismi e autoritarismi – La seconda: L’Europa difronte al bivio tra crescita e rigore: un falso dilemma). Nel numero di “Civiltà del Lavoro” in distribuzione, anche le interviste al Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, dopo gli interventi per mettere in sicurezza il sistema bancario italiano, e al segretario della Cei, Monsignor Nunzio Galatino in vista della Settimana sociale dei cattolici a Cagliari prevista nel prossimo mese di ottobre. Completano il periodico i profili dei neo Cavalieri del Lavoro nominati dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo scorso 1 giugno e un forum sullo stato di salute e le potenzialità dell’industria del turismo italiana.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola e la sicurezza degli edifici scolastici

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

scuola-montagna-pianoDopo l’appello trasversale dei presidi ai sindacati, perché non firmino il contratto capestro che gli sta prospettando l’amministrazione, è di queste ore l’invio di una lettera aperta, sottoscritta da centinaia di capi d’istituto e indirizzata alle massime autorità parlamentari e del Miur per richiamare l’attenzione di tutti sulle criticità presenti in materia di sicurezza negli edifici scolastici del Paese: non è soltanto una questione di responsabilità da dirimere in punta di giurisprudenza, ma ne va – soprattutto in alcune regioni ad alto rischio – della vita stessa di tutti coloro che nelle scuole operano e apprendono. Nei casi estremi c’è anche il pericolo che a settembre le lezioni non possano riprendere: se tra poco più di un mese i Prefetti o i Vigili del Fuoco dovessero decidere per la non riapertura di molti plessi scolastici non ancora a norma i Dirigenti Scolastici si adopereranno per trovare tutte le soluzioni alternative possibili per garantire il diritto allo studio. Udir, che sin dalla sua nascita ha chiesto di modificare il Testo Unico nella parte in cui si parla di sicurezza, condivide la protesta dei dirigenti scolastici. A questo proposito, ricorda che anche sulla sicurezza nelle scuole ha organizzato un convegno a Palermo già programmato per il 16 e il 17 settembre 2017. Il convegno si intitolerà “Il cammino della Dirigenza tra: sicurezza, rendicontazione, contrattazione e legislazione”.Marcello Pacifico (Confedir-Udir): Quando ci sono di mezzo le vite delle persone, ogni giorno perso può essere fatale. Gli edifici scolastici non possono continuare a essere tutelati e gestiti in modo così promiscuo. Il risultato di questa confusione normativa è che non sono più rari i casi dei dirigenti scolastici che si ritrovano a pagare sulla loro pelle delle responsabilità di altri. Anche perché non sono i datori di lavoro dell’azienda, tra l’altro in cambio di una manciata di centinaia di euro in più al mese. Quindi, le loro responsabilità vanno oltre ogni logica, mentre lo stipendio rimane poco più di quello di un impiegato medio. Noi non ci stiamo e per questo, come Udir, abbiamo avviato una serie di ricorsi: se la situazione non dovesse sbloccarsi, presto passeremo ai fatti anche sul fronte della sicurezza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libia: Attendiamo dettagli operazione pattugliamento coste

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

schengenDichiarazione congiunta di Renato Brunetta e Paolo Romani, Capigruppo di Forza Italia alla Camera ed al Senato, di Maurizio Gasparri ed Elio Vito, responsabili della Consulta sicurezza di Forza Italia e di Laura Ravetto, Presidente del Comitato Schengen: “Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha annunciato ieri che l’esecutivo stava per varare l’avvio di una missione unilaterale nelle acque libiche per un contrasto deciso e determinato ai trafficanti di esseri umani, su richiesta e in coordinamento con il governo libico del Presidente Sarraj.La missione, apprendiamo sempre dalle parole del Presidente Gentiloni nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri, dovrebbe comprendere attività di supporto alla guardia costiera libica. Dalla fine della prossima settimana mezzi militari italiani, con modalità ancora tutte da definire, dovrebbero essere dunque impiegati in specifiche missioni di contrasto agli scafisti nel Mediterraneo all’interno delle acque territoriali libiche.Ripetevamo da tempo questo mantra, come ha giustamente ribadito ieri il Presidente Silvio Berlusconi: l’accordo con le autorità libiche era e resta l’unica soluzione, disponendo lungo le coste un numero adeguato di mezzi e uomini per contrastare all’origine l’attività criminale.Forza Italia valuterà senza pregiudizi i dettagli della missione che ci attendiamo siano illustrati in Parlamento dal governo, e deciderà in maniera responsabile con il solo scopo di difendere il Paese da un’invasione divenuta ormai insostenibile per la nostra società e per i nostri territori.Dall’esecutivo ci attendiamo altrettanta responsabilità e chiarezza: le deve al Parlamento e agli italiani. Soluzioni inefficaci o incerte non servono”. (n.r. In questi casi anche un rinvio di un giorno può essere foriero di grossi guai. Come dire: Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Nuova Ford Focus si tinge di giallo per celebrare la vittoria del Team Sky al Tour de France

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

tour franceColonia, Germania. L’Ovale Blu celebra il successo del Team Sky al Tour de France 2017, dopo aver sostenuto la nota squadra inglese di ciclismo e Chris Froome, protagonista della vittoria, nel raggiungimento dell’ambito traguardo, sugli Champs-Élysées di Parigi.Si tratta della quarta vittoria del Tour de France per Froome e della quinta per il Team Sky. Il compagno di squadra Mikel Landa, ha conquistato, a sua volta, il quarto posto nella classifica generale e il Team Sky ha portato a casa la vittoria come miglior squadra.Per la fase finale della gara, Ford che è fornitore ufficiale di auto e veicoli commerciali della nota squadra inglese di ciclismo, ha vestito la Nuova Ford Focus RS Track Edition, punta di diamante della flotta a supporto, utilizzata sia durante le fasi di gara tour france1sia come mezzo da ricognizione, e la Ford Mondeo Wagon, destinata agli spostamenti dei direttori e dirigenti sportivi, con una speciale livrea di colore giallo. L’intera flotta che supporta il Team Sky, che comprende anche lo Sport Activity Vehicle S-MAX, i SUV, Edge e Kuga, e i veicoli commerciali Tourneo Custom e Transit, indosseranno per l’occasione, stripes gialle in sostituzione delle classiche di colore blu.“Il Tour de France, ancora una volta, ha coinvolto gli appassionati di tutto il mondo e siamo orgogliosi di far parte di questa trionfante squadra. La nostra flotta ha giocato un ruolo fondamentale nell’aiutare Chris Froome e il Team Sky a conquistare un’altra meritata vittoria”, ha commentato Roelant De Waard, Vice President, Marketing, Sales and Service, Ford of Europe.Ford Motor Company e il Team Sky, legati dal 2016, hanno annunciato l’estensione fino a tutto il 2019 dell’importante partnership. (foto: tour france)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Macron e gli hot spot in Libia

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

libia“Macron sta facendo esattamente quanto avrebbe dovuto fare l’Italia in questi anni: essere sintesi tra i due governi post Gheddafi e aprire dei centri per la raccolta delle domande di asilo direttamente in Libia, arrestando il business dei trafficanti di uomini e le migliaia di morti annegati che si sono determinati nel tempo. Una proposta fatta a partire dal 2014. Nella mozione che presentammo già nel 2014 su Mare Nostrum chiedevamo l’impegno del governo a: ‘a valutare l’istituzione, in collaborazione con i Paesi membri dell’Unione europea, di appositi presidi nei Paesi dai quali partono i maggiori flussi migratori, che siano in grado di effettuare una valutazione preventiva delle possibilità dei soggetti migranti di ottenere lo status di rifugiato nell’ambito dell’Unione europea e che possano fornire informazioni circa i rischi connessi ai cosiddetti viaggi della speranza’. Il danno fatto all’Italia dal PD è incalcolabile, la brutta figura collezionata fa male a tutti gli italiani. Gentiloni ne tragga le conseguenze”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva pedaggio light per due ruote

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

autostrade“Arriva il pedaggio light per le due ruote: i motociclisti pagheranno di meno sulle autostrade, come è giusto che sia. L’Aiscat ha accolto la richiesta del Mit di rivedere finalmente il sistema di pedaggio per moto e scooter prevedendo una tariffa ad hoc. Una notizia tanto attesa che apprendiamo con grande soddisfazione, un bel regalo in vista dell’estate, e per la quale Alternativa popolare in questi anni si è battuta con determinazione sia in Parlamento che al Governo. Ricordo, infatti, la risoluzione a mia prima firma presentata in commissione Trasporti alla Camera lo scorso anno, insieme al dibattito che nel frattempo era stato avviato. Un percorso che parte da lontano, per il quale l’allora ministro Maurizio Lupi si era mostrato particolarmente sensibile alle legittime richieste delle associazioni e della federazione dei motociclisti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap, che si è battuto per questo obiettivo anche come presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Amici delle due ruote’.
“L’Italia è uno dei pochissimi Paesi in Europa dove il pedaggio per i motocicli, peraltro con tariffe molto alte, è equiparato a quello delle auto. Il risultato è che ad oggi qualunque moto paga, ad esempio, la stessa cifra di un SUV ben più grande in dimensioni e potenza. Dal primo agosto non sarà più così. La creazione di una tariffa dedicata alle due ruote, inferiore del 30 per cento rispetto a quella delle auto, favorirà così – prosegue Garofalo – la circolazione dei motocicli sulle autostrade, con vantaggi evidenti che si rifletteranno sia sull’industria nazionale, che rimane la più importante d’Europa, sia soprattutto sulla sicurezza per i motociclisti dal momento che le autostrade sono di gran lunga le strade più sicure per questa categoria di utenti. Il tutto mentre oggi l’Istat certifica che sono sempre troppe le vittime di incidenti che coinvolgono gli utenti a due ruote, tra i più vulnerabili. E proprio ieri, con un emendamento a mia prima firma, la commissione ha approvato la modifica al nuovo Codice della Strada che prevede l’inserimento dei centauri nella definizione di utente ‘vulnerabile’”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

3° anniversario del genocidio agli Yezidi in Iraq

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

iraq-MMAP-mdL’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) e l’organizzazione umanitaria yazida con sede in Germania HAWAR.help, in occasione del terzo anniversario del dell’inizio del genocidio agli Yezidi in Iraq (3 agosto 2015), si sono rivolti alle istituzioni politiche in Germania e in Europa con la richiesta urgente di aiutare i sopravvissuti a questo orribile crimine che si trovano tutt’ora in uno stato di emergenza umanitaria. La richiesta riguarda il sostegno agli Yezidi che vivono ormai da molti anni in Germania perché possano aiutare gli appartenenti alla loro comunità religiosa rimasti in Iraq. E’ urgente e necessario sviluppare iniziative per realizzare progetti concreti di aiuto ai profughi yazidi, soprattutto donne e bambini, come è già stato realizzato ad esempio nella regione della bassa Sassonia e del Baden-Württemberg con l’assistenza psicologica a gruppi di donne traumatizzate. I profughi hanno urgente bisogno di sostegno psicologico, in quanto i campi profughi non hanno sufficiente possibilità finanziaria e in più si devono trovare i finanziamenti per la ricostruzione nella regione d’origine dei profughi, la regione del Sinjar nel nord dell’Iraq.Si tratterebbe di un gesto importante e non solo simbolico per mostrare ai sopravvissuti al genocidio la nostra vicinanza. L’obiettivo a lungo termine degli Yezidi è di identificare i responsabili del genocidio e portarli davanti ad un Tribunale internazionale. I sopravvissuti sperano nel riconoscimento ufficiale di questo genocidio. Per facilitare questo obiettivo si dovrebbe da subito lavorare per far ottenere alla regione montuosa del Sinjar, al principale zona di insediamento degli Yezidi in Iraq, una forma di autonomia amministrativa.Gli Yezidi del Sinjar sono stati attaccati dalle milizie dello Stato Islamico il 3 agosto 2014. Secondo dati delle Nazioni Unite sono stati uccisi circa 5.000 Yezidi, un numero maggiore sono stati rapiti e 430.000 sono stati costretti a fuggire. L’obiettivo dell’IS era espellere o distruggere tutti gli Yezidi dalla regione del Sinjar. Tutti gli uomini e ragazzi che non erano in grado di fuggire o non volevano convertirsi all’Islam, sono stati uccisi. Fino a 5.000 donne e ragazze sono state rapite e solamente 900 di loro sono riuscite in seguito a fuggire. Le donne prigioniere sono state violentate, costrette a sposarsi o vendute nei mercati degli schiavi. I sopravvissuti descrivono scene terribili, di uomini barbuti addosso a piccole ragazzine che piangevano, di bambini che urlavano chiamando le proprie madri e delle urla di donne disperate. Essi riferiscono che molte donne, dopo essere state trattate così crudelmente, hanno tentato o commesso suicidio. Circa 300.000 profughi Yezidi che hanno perso tutto in seguito agli attacchi, sono ancora ospitati in tendopoli.Solamente in Germania si stima che vivano almeno 120.000 membri della più grande comunità yezida della diaspora. La maggior parte di loro sono fuggiti in Germania a causa delle persecuzioni religiose negli anni ’80. Solamente nell’area di Bielefeld vivono 5.000 Yezidi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche venete: Senato, ok a decreto

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

aula senatoVia libera del Senato al disegno di legge di conversione del decreto sulle banche venete. Il provvedimento, già approvato dalla Camera, diventa così legge
“Occasione perduta. Aver posto la fiducia non ha consentito di apporre al testo modifiche che avevano registrato un ampio consenso e che avrebbero permesso di ampliare la platea di chi poteva accedere al ristoro forfettario” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Quanto agli azionisti, ci si continua a dimenticare che non sono speculatori che hanno consapevolmente acquistato prodotti rischiosi, illudendosi di poter far soldi facili, ma risparmiatori innocenti, ingannati, vittime di illeciti” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vitalizi e il “retropensiero” del Pd per ridurre le pensioni degli italiani

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

damianoIl gruppo forza Italia non ha votato la legge Richetti percchè è una norma palesemente incostituzionale, perché introduce retroattivamente il ricalcolo dei vitalizi degli ex parlamentari e degli ex consiglieri regionali. La retroattività del ricalcolo è una cosa aberrante che potrebbe – seguendo magari il verbo del renziano presidente dell’Inps, Tito Boeri – interessare nei prossimi anni circa 16 milioni di italiani, andando a toccare la loro pensione in essere. Chi vuole questa legge accetta il rischio, neanche tanto velato, di una futura possibilissima macelleria sociale. Basta leggere le interviste del presidente della Commissione Lavoro della Camera, il Pd Cesare Damiano. In secondo luogo il gruppo di Forza Italia ha deciso di non partecipare al voto per non essere spalla consapevole del teatrino messo in piedi da Pd e M5s che, prendendo una decisione di mera facciata, già sanno che il testo sarà insabbiato al Senato o, in caso remoto di approvazione anche a Palazzo Madama, bocciato dalla Corte costituzionale.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via ioleggoperché2017: aperti online le iscrizioni e i gemellaggi

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

libriTorna per il terzo anno consecutivo #IOLEGGOPERCHÉ, la più grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura organizzata dall’Associazione Italiana Editori a sostegno delle biblioteche scolastiche di tutta Italia, con il patrocinio del MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo) e RAI, in collaborazione con il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura e in collaborazione con ALI (Associazione Librai Italiani – Confcommercio) e AIB (Associazione Italiana Biblioteche). Un lavoro comune per portare nella quotidianità di bambini e ragazzi i libri e la lettura e per far crescere, ciascuno con il proprio contributo, un nuovo lettore.
Da oggi ufficialmente scuole, librerie, biblioteche, studenti e genitori possono registrarsi – fino al 2 ottobre – e mettersi in rete attraverso il sito http://www.ioleggoperche.it, aderendo così all’iniziativa, che prenderà poi vita tra il 21 e il 29 ottobre 2017 nelle tantissime librerie partecipanti in tutta Italia. Nei nove giorni di ottobre i cittadini potranno donare uno o più libri per tutte le scuole che si saranno iscritte e gemellate nel frattempo con le librerie aderenti. A pochi giorni dalla riattivazione delle iscrizioni, sono già più di 1.000 le scuole iscritte e 700 sono le librerie che hanno già confermato la propria partecipazione sulla piattaforma con ben 865 richieste di gemellaggio attivate.
Per la prima volta l’iniziativa si rivolge anche alle scuole dell’infanzia, oltre alle scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado. Con una missione vera e propria: la creazione e lo sviluppo delle biblioteche scolastiche, identificate come il terreno strategico in cui seminare e fare germogliare la passione per la lettura sin dalla più tenera età per i futuri cittadini.
Secondo un’indagine realizzata dall’Ufficio studi AIE, e a cura di AIE e AIB per #ioleggoperché 2016, il 97,4% delle scuole italiane oggi ha una biblioteca scolastica, ma con una dotazione di libri notevolmente inferiore rispetto al 2011: la ricerca ha evidenziato che, a fronte di 2.501 volumi registrati per scuola nel 2016, nel 2011 ne risultavano 3017. Un patrimonio scarso e poco aggiornato, pari a 3,9 libri per studente.
Di qui il senso dell’iniziativa: durante la scorsa edizione, ben 124.000 nuovi volumi sono andati ad arricchire il patrimonio librario delle scuole italiane, di cui 62.000 donati dai comuni cittadini e 62.000 donati dagli Editori. Ora i giochi sono aperti per incrementare ulteriormente questo primo risultato concreto: al termine della campagna 2017, gli Editori rinnoveranno infatti il loro contributo alle biblioteche scolastiche con un numero di libri equivalente alla donazione nazionale (fino a un massimo di 100.000 copie). Il contributo degli editori verrà distribuito tra le scuole che ne faranno richiesta, seguendo la procedura presente sul sito, e sarà ripartito tra febbraio e marzo 2018 tra i vari ordini scolastici, secondo disponibilità.
Le biblioteche civiche, grazie al coordinamento di AIB, daranno da parte loro un prezioso appoggio non solo per la divulgazione dell’iniziativa, ma anche organizzando eventi, incontri con gli studenti, presentazioni, servizi informativi speciali, visite guidate. Tutti gli appuntamenti potranno essere comunicati e promossi sulla piattaforma di #ioleggoperché e fare da cassa di risonanza alla manifestazione.
Le iscrizioni e i gemellaggi tra Scuole e Librerie sono raccolte sulla nuova piattaforma http://www.ioleggoperche.it, sede virtuale della campagna. Il sito è dunque il polo aggregativo che riunisce tutti gli attori dell’iniziativa, dove è possibile promuovere le attività dedicate alla lettura, avviare e diffondere le iniziative sul social wall e sui social network, aggiornare il palinsesto degli eventi spontanei. Una vera e propria “piazza virtuale” che cresce anno dopo anno: qui Scuole, Librerie e Messaggeri (cioè tutti coloro che a titolo volontario vogliono partecipare attivamente alla promozione del progetto) possono attivare una nuova iscrizione o riconfermare la precedente, e riattivare o creare nuovi gemellaggi. Fin da ora i librai sono chiamati a invitare nuove scuole del territorio a iscriversi, e a istaurare con loro un rapporto diretto e proficuo, anche raccogliendo eventuali liste di volumi desiderati.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Assunzioni 51mila docenti, delude la suddivisione dei posti

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

scuolaE’ stata resa pubblica la ripartizione tra i vari livelli scolastici, classi di concorso e aree geografiche per le immissioni in ruolo con decorrenza 1° settembre 2018: non è stato dato seguito agli impegni assunti dall’amministrazione scolastica centrale per tutelare determinati insegnamenti, da anni penalizzati, ma anche determinate province, di territori a rischio, dove occorreva incrementare il numero di posti e di docenti di ruolo per contrastare gli abbandoni ed elevare la qualità dell’offerta formativa. Disattendere quanto accordato risulta grave, perché si aggiunge alla miseria dei 15mila posti spostati dall’organico di fatto a quello di diritto.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): la coperta utilizzata per coprire i posti era già piccola ma è stata anche messa male. Perché c’erano dei precisi impegni da parte del Miur che sono stati anche stavolta disattesi. Pensiamo al sostegno che dovrà accontentarsi di poco più di 13mila posti: in questo modo, un docente di sostegno su quattro continuerà ad essere precario. Rimane tanta amarezza perché le aliquote adottate per le assunzioni non hanno tenuto conto delle difficoltà in cui versano il Sud, le Isole e le aree disagiate o ad alto rischio dispersione e con difficoltà di assorbimento dell’offerta formativa. Come penalizzati risultano i maestri della scuola dell’infanzia: se ne assumono appena 2.733. Eppure, sono stati esclusi prima dal piano straordinario della Legge 107/2015 e poi dal potenziamento. Tanto che ve ne sono oltre 20mila unità nelle GaE. A rendere ancora più difficile la situazione è anche l’ostinazione nel blindare le stesse GaE, spostando l’aggiornamento al 2019, e di alzare i muri contro i docenti abilitati della seconda fascia d’istituto, anche laddove le GaE risultano esaurite. Si è agito in modo pessimo: è stato come avere a disposizione una medicina per curare un malato, ma non averla potuta usare per una questione di principio. Tuttavia, siccome quando si parla di princìpi noi siamo ancora più determinati, la questione per 13mila ricorrenti ora passa nelle mani del Tar.Ad aver presentato ricorso al Tar, tramite l’Anief, sono diverse tipologie di docenti precari: 3mila per chiedere l’inserimento dalla seconda fascia d’istituto; altri 10mila per mancato aggiornamento. All’interno di questi ricorrenti, è alta la presenza, circa 5mila unità, di chi ha conseguito il diploma magistrale e ancora si ritrova fuori; poi ci sono altrettanti Insegnanti Tecnico Pratici, il cui diploma è stato improvvisamente non considerato abilitante non dando però loro nemmeno la possibilità di svolgere concorsi pubblici.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dopo anni di crisi il settore automotive registra il segno positivo

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

auto ford1Nonostante la crescita dell’economia italiana sia stata in media più lenta rispetto agli altri Paesi, negli ultimi due anni si sono registrati nel settore automotive i primi segnali di ripresa: in Italia sono aumentate le immatricolazioni di auto nuove e nel 2015 sono stati spesi ben 30,4 mld di euro per l’acquisto, +20% rispetto al 2014, e 148,1 mld di euro per sostenere i costi di gestione (-11% vs 2012). Il prezzo medio speso è di 19.096 euro, mentre calano nettamente le emissioni di CO2 (-21% negli ultimi 7 anni).
Alla luce di questi risultati, la crisi del settore automotive è dunque alle spalle? Come si sta evolvendo il mercato e cosa ci riserva il futuro? Quali sono le incognite e le opportunità?Per rispondere a queste domande, il Corporate Vehicle Observatory di Arval Italia ha realizzato il libro “Rapporto CVO: dati e analisi del settore automobilistico”, una fotografia sul comparto che ha preso in esame i dati a livello mondiale ed europeo con un focus sull’Italia. Un’analisi approfondita relativa alla produzione di veicoli, al parco circolante, al mercato dell’usato, alle emissioni, ai consumi di carburante e ai loro costi. Il rapporto analizza anche il mercato dell’auto aziendale in Italia, illustrandone il quadro fiscale e le differenze con l’Europa, approfondendo le diverse forme del noleggio, e fornisce uno sguardo rivolto al futuro. Il tutto si inserisce in un quadro completo sulla situazione economica nel mondo, in Europa e in Italia, nella quale si sviluppa il business legato al mondo dell’auto.A livello mondiale, nel 2015 sono stati venduti quasi 90 milioni di autoveicoli. L’Europa, con oltre 19 milioni, è il terzo mercato dopo l’Asia/ Oceania/ Medio Oriente (quasi 43,9 milioni) e l’America (oltre 25,2 milioni). Nel 2015, rispetto al 2014, l’Europa è cresciuta del +2,4% – toccando la quota del 21,2% sul totale mondiale -, ma tra i Paesi europei è l’Italia, con oltre 1,7 milioni di unità, quello che ha ottenuto la crescita più significativa (+15,6%). Un dato positivo ma ben lontano dal numero di vendite registrate in Germania (oltre 3,5 mln) e nel Regno Unito (quasi 3,1 mln). Il nostro Paese si distingue comunque per l’indice di motorizzazione tra i più alti al mondo, con 687 veicoli ogni 1.000 abitanti. Un dato inferiore solo agli USA (808).Gli automobilisti italiani hanno speso nel 2015 ben 30,4 mld di euro per l’acquisto di auto nuove, +20% rispetto al 2014, con un costo medio a vettura di 19.096 euro.
Per quanto riguarda, invece, i costi di esercizio, nel 2015 cala ulteriormente la spesa totale, con un valore pari a 148,1 mld di euro (-11% vs 2012): la voce predominante riguarda l’acquisto dell’auto e gli interessi per il finanziamento (50 mld di euro), a cui segue il costo del carburante con 35,4 mld di euro, un dato in calo del -26% rispetto al 2012 grazie alla diminuzione del prezzo del greggio. Diminuiscono anche i costi dell’assicurazione.
Anche le immatricolazioni di auto nuove ad uso noleggio (nel 2015 quasi 314 mila, +19% vs 2014) segue il trend di crescita evidenziato a livello generale, rappresentando circa il 20% del totale delle immatricolazioni registrate a livello nazionale. Un risultato trainato soprattutto dall’incremento dai settori del noleggio a lungo e breve termine.
Auto aziendale: trattamento fiscale e confronto europeo, l’Italia poco competitiva
In Italia il peso delle immatricolazioni intestate a società è stato nel 2015 pari al 36% del totale. Un dato nettamente inferiore alla Germania (66%), Uk (54%), Francia (49%) e Spagna (44%).Tra i principali motivi si segnala il diverso trattamento fiscale: in Italia la detraibilità dell’IVA è pari al 40% contro il 100% dei paesi europei. La deducibilità è pari al 20%, contro il 100% degli altri paesi europei. Ciò comporta una riduzione di competitività delle nostre aziende rispetto a quelle europee che godono di un regime fiscale più favorevole.
Dopo un secolo in cui l’automobile si è diffusa tra le popolazioni sono emersi bisogni nuovi nell’utilizzo del veicolo, resi possibili subito o nel medio periodo dalle nuove tecnologie digitali e di comunicazione. L’auto del futuro dovrà pertanto essere Connessa, Autonoma, Condivisa, Elettrica (C.A.C.E). Sono queste le sfide a cui l’industria dovrà rispondere, per permettere alle persone di essere sempre connesse con gli altri mentre si spostano, di consultare altri dispositivi o semplicemente dedicarsi ad altre attività mentre l’auto si guida da sola, di utilizzare altre forme di mobilità condivise evitando sprechi, e di guidare auto ad energie alternative.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Création de l’Académie Notre Europe – Institut Jacques Delors

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

enrico letta

L’Institut Jacques Delors, le think tank européen fondé en 1996 par l’ancien Président de la Commission européenne et présidé par Enrico Letta, doyen de l’École des affaires internationales de Sciences Po et ancien Premier Ministre italien, crée l’Académie Notre Europe – Institut Jacques Delors.
L’Académie est un lieu de formation, d’échange et de partage de connaissances sur les politiques européennes. Son ambition est de mettre à disposition de jeunes et de professionnels, l’expertise sur les sujets européens et le vaste réseau d’experts et de décideurs de haut niveau que l’Institut Jacques Delors développe depuis plus de 20 ans.
Ce projet entre dans les missions d’information et de formation tout au long de la vie chères au Président fondateur de l’Institut.En cette première année l’Académie s’adresse à deux publics et s’ouvrira à d’autres dans les années à venir. La formation pour l’année 2017/2018 est réservée :
1. Aux journalistes non-initiés aux affaires européennes, qui auront accès à des échanges avec des experts et des protagonistes de la construction européenne grâce à des modules conçus à cet effet.
2. Aux jeunes entre 18 et 26 ans qui bénéficieront gratuitement des cours avec des intervenants de très haut niveau.C’est au travers de rencontres avec des experts des affaires européennes et des décideurs, ainsi que de voyages à Bruxelles, Strasbourg, Rome ou Berlin, que les participants de l’Académie Notre Europe – Institut Jacques Delors pourront acquérir une connaissance plus aiguë et débattre de la construction européenne et de son avenir tout en tissant des liens pérennes entre eux.Parmi les intervenants de l’Académie on retrouve d’anciens Commissaires européens, des dirigeants d’organisations internationales ainsi que des anciens ministres ou des décideurs européens et nationaux de haut niveau.Pour sa première année l’Académie accueillera un groupe d’environ 20 journalistes et 20 jeunes.Les candidatures peuvent être soumises via un formulaire sur http://www.academienotreeurope.eu du 12 juillet 2017 jusqu’au 30 septembre 2017. La formation se tiendra de novembre 2017 à mai 2018. Le cursus adressé aux jeunes de 18 à 26 ans aura lieu à raison d’un vendredi par mois dans les locaux de l’Institut Jacques Delors à Paris.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Nuovo programma umanitario dell’UE per l’alloggio e l’integrazione dei rifugiati in Grecia

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

cartina-grecia-centrale-atticaAthens. La Commissione europea ha annunciato oggi un nuovo pacchetto di progetti di sostegno di emergenza per un valore di 209 milioni di euro allo scopo di assistere i rifugiati in Grecia.Tra le iniziative rientra il programma faro “Sostegno d’emergenza per l’alloggio e l’integrazione” (ESTIA) che, aiutando i rifugiati e i loro familiari a prendere in affitto un alloggio in città e assistendoli con denaro contante, segna un’inversione di tendenza rispetto ai precedenti progetti umanitari che prevedevano soprattutto un sostegno per l’alloggio in campi e approvvigionamenti diretti.
Christos Stylianides, Commissario per gli Aiuti umanitari e la gestione delle crisi, ha dichiarato: “Oggi si apre un nuovo capitolo nella vita dei rifugiati in Grecia. Il nuovo finanziamento rappresenta una svolta determinante nelle nostre modalità di erogazione di aiuti volti a migliorare la vita della gente. I nuovi progetti mirano a far uscire i rifugiati dai campi per dar loro un vero e proprio alloggio e aiutarli a riprendere una vita più sicura e normale. Insieme ai partner del settore umanitario e alle autorità nazionali, siamo impegnati ad aiutare i rifugiati più vulnerabili e ad assolvere il nostro dovere umanitario nella transizione verso una risposta più efficace sotto il profilo dei costi.”Dimitris Avramopoulos, Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: “Europa uguale solidarietà: questo dimostra la decisione odierna. Dal primo giorno la Commissione è a fianco della Grecia, e insieme abbiamo fatto molta strada. I progetti avviati oggi sono soltanto una parte del più ampio sostegno che la Commissione offre al paese, ma anche alle persone bisognose di protezione. Fondi dell’UE per circa 1,3 miliardi di euro sono a disposizione della Grecia per la gestione della crisi migratoria.”La Commissione e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) hanno annunciato l’introduzione dei contratti ESTIA. Il finanziamento deciso in data odierna viene ad aggiungersi ai & 192 milioni di euro impegnati nel quadro dello strumento di sostegno di emergenza dell’UE nel 2016 e rappresenta quindi più di un raddoppio del sostegno di emergenza erogato alla Grecia, che raggiunge così i & 401 milioni di euro. Complessivamente il sostegno che, attraverso vari tipi di finanziamento, l’Unione europea ha mobilitato a favore della Grecia per aiutarla a gestire la migrazione e le frontiere esterne è di oltre & 1,3 miliardi di euro (fino al 2020). Il programma ESTIA ha una dotazione di & 151 milioni di euro.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza: l’UE è alla guida dei lavori finalizzati a scambiare informazioni, combattere il finanziamento del terrorismo e proteggere i cittadini europei online

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

european commissionBruxelles. La nona relazione sui progressi dell’Unione sulla sicurezza, pubblicata oggi, evidenzia le recenti iniziative volte a prevenire il finanziamento del terrorismo attraverso il traffico illecito di beni culturali e a migliorare l’interoperabilità dei sistemi d’informazione dell’Unione europea. Basandosi su una valutazione complessiva della politica di sicurezza dell’UE a decorrere dal 2001, la relazione sottolinea le lacune e sfide cui è necessario far fronte. L’attuazione incompleta delle politiche in vigore resta un problema irrisolto, come anche l’evoluzione delle minacce (radicalizzazione, criminalità informatica): nell’insieme, questi elementi potrebbero richiedere modifiche degli strumenti in vigore.
Dimitris Avramopoulos, Commissario responsabile per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ha dichiarato: «Nell’attuale contesto di sicurezza in rapido cambiamento è necessario intensificare gli sforzi per ottenere risultati su tutti gli elementi essenziali e accelerare i lavori per pervenire ad un’ autentica ed effettiva Unione della sicurezza. La frammentazione ci rende tutti vulnerabili; l’unità e la fiducia, grazie ad una cooperazione più intensa e ad un più agevole scambio di informazioni tra Stati membri, sono l’unico modo che permette all’UE di apportare un concreto valore aggiunto e dare sicurezza ai cittadini europei.»
Julian King, Commissario per l’Unione della sicurezza, ha dichiarato: «La valutazione complessiva risponde all’impegno, che ho preso dinanzi al Parlamento europeo, di procedere a una revisione approfondita della politica di sicurezza dell’UE, la prima in 16 anni. Gli insegnamenti da trarre sono importanti, non ultima la necessità di una maggiore agilità nel reagire ad uno scenario di minacce in continua evoluzione. Avremo occasione di discuterne con il Parlamento in settembre.»
Negli ultimi mesi i progressi sono stati costanti, in particolare con le nuove norme proposte nel luglio 2017 sul traffico di beni culturali, ed è stato raggiunto un accordo su un nuovo sistema di ingressi/uscite per registrare i dati di ingresso e uscita dei cittadini di paesi terzi che attraversano le frontiere esterne dell’UE.
Si sono intensificati i lavori sulla lotta alla radicalizzazione su Internet grazie ad un piano d’azione che prevede nuove misure intese ad individuare e rimuovere i contenuti illegali di stampo terroristico online.In una rinnovata attenzione per la protezione degli obiettivi non strategici le forze speciali belga e olandese hanno simulato attacchi terroristici sincronizzati in scuole pubbliche. Sostenuta dalla Commissione, l’esercitazione ha fornito preziosi insegnamenti sulla preparazione di fronte ad una crisi. La relazione ripercorre 15 anni di politica di sicurezza dell’UE: la valutazione è positiva e conferma la pertinenza dei principali strumenti di tale politica, ma ne rileva anche le sfide e lacune, tra cui la necessità di adattare le politiche e gli strumenti a disposizione per rispondere alla minaccia in continua evoluzione che il terrorismo rappresenta, come si sottolinea anche nelle conclusioni del Consiglio europeo del 22-23 giugno 2017 e nel piano d’azione del G20 sulla lotta al terrorismo del 7 luglio 2017.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Costruire un’Europa migliore con i cittadini per le generazioni future”

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

norciaNorcia, 4 settembre 2017, ore 18.00 Piazza San Benedetto. Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ed il Commissario europeo per l’istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics, terranno a Norcia il dialogo con i cittadini intitolato “Costruire un’Europa migliore con i cittadini per le generazioni future”.
Il Presidente Tajani ed il Commissario Navracsics discuteranno con il pubblico degli aiuti dell’UE per la ricostruzione delle regioni terremotate, del corpo europeo di solidarietà e delle altre iniziative dell’UE per i giovani, delle iniziative programmate nell’ambito dell’Anno europeo del patrimonio culturale e del Libro bianco sul futuro dell’UE.
Scopo dei dialoghi è avvicinare i cittadini alle Istituzioni europee dando loro la possibilità di esprimere la loro opinione sulle politiche dell’UE e di ottenere delle risposte dirette su questioni che toccano la loro quotidianità.
Il dialogo si terrà il 4 settembre 2017 alle ore 18.00 in piazza San Benedetto.
Il dialogo sarà moderato da Gigi Donelli, giornalista di “Radio24”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Adaptive designs and multiple testing – Procedures for clinical trials

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

università paviaPavia dal 3 al 5 ottobre 2017, si terrà il corso “Adaptive designs and multiple testing – Procedures for clinical trials” tenuto dai Proff. M. Grayling, A. Mander, D. Robertson, J. Watson della MRC Biostatistics Unit, University of Cambridge, presso la Residenza Biomedica, Fondazione collegio universitario S. Caterina da Siena, Via Giulotto 12, Pavia. Il corso, in inglese, è articolato in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinnovo contratto sicurezza: maggiori stanziamenti per parità tra vigili del fuoco e polizia

Posted by fidest press agency su domenica, 30 luglio 2017

vigili-fuoco“Gli attuali stanziamenti per il rinnovo del contratto di lavoro dei Vigili del Fuoco non consentono di superare l’enorme divario retributivo esistente tra le retribuzioni dei vigili del fuoco e quelle degli altri corpi dello stato, tra cui la polizia, stesso ministero dell’interno. Parliamo di un ingiustificato divario di 300 euro mensili che aumenta con le qualifiche più elevate. Senza maggiori stanziamenti per questo scopo nella prossima legge di bilancio a beneficio del personale in divisa, il rinnovo del contratto parte già pesantemente azzoppato”. Lo ha detto Antonio Brizzi, segretario generale del sindacato Conapo dei Vigili del Fuoco in riferimento alle dichiarazioni del sottosegretario alla pubblica amministrazione Angelo Rughetti, che oggi ha aperto le trattative di rinnovo del contratto di lavoro del comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico. “Il governo deve mettere all’ ordine del giorno anche assunzioni straordinarie, equiparazione del sistema pensionistico con gli altri corpi, previdenza complementare, il ruolo tecnico come in polizia e i riconoscimenti delle malattie professionali”, ha aggiunto il segretario del Conapo chiarendo che “se anche questa volta il governo si dimenticherà di riconoscerci pari dignità agli altri corpi, i vigili del fuoco scenderanno in protesta. Per le banche hanno trovato miliardi in pochi minuti, per chi salva i cittadini non si trovano mai risorse?”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »