Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

La costruzione di una società migliore

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 agosto 2017

New YorkNew York. Si è infranto il sogno durato, per taluni, sino all’ultima ora dei 70 anni di socialismo reale per i Paesi dell’Europa orientale e, sull’onda dell’Internazionale comunista, per molti altri popoli della Terra. In questo arco di tempo la fuga dal paradiso comunista significò per molti la speranza di trovare in occidente la ricchezza e l’abbondanza di beni, oltre alla libertà e alla liberazione democratica dal controllo tirannico della politica sulla vita degli individui. Ciò ci spiega, osserva Sombart, il motivo per cui non ci fu mai il socialismo negli U.S.A. e nel resto delle Americhe, ma anche perché il comunismo rivoluzionario, con il suo piccolo dominio, non ha mai avuto una speranza in quel continente del nuovo mondo. E ciò che valeva allora vale ancora oggi, nonostante gli esorcismi di un Castro o le estemporaneità dell’attuale governo venezuelano. La lezione che inesorabilmente dobbiamo trarre da questo comportamento omogeneo è chiara: la maggioranza di persone cerca la felicità specialmente nei beni e nelle risorse, nella prosperità e nel lusso, per potersi appropriare della loro individualità e per non trovarsi sotto il controllo della comunità. Se la gente avesse la libertà di scelta, voterebbero per il capitalismo e non per il socialismo. Essi preferiscono l’individualismo al collettivismo e cercano l’autonomia individuale e non un accerchiamento solidale. Ma se osserviamo con occhio più critico ed anche maggiormente sensibile alle realtà che si vanno maturando nello stesso occidente progredito e capitalista, la nostra domanda sulla possibilità di potervi riconoscere i segni di una nuova società che non solo produca benessere ma lo faccia lasciandone l’accesso a tutti, ci rendiamo conto che vi sono grossi limiti al raggiungimento di questo obiettivo. Questa speranza attesa sta infrangendosi, un poco alla volta, alla stessa maniera del socialismo reale. Purtroppo. In ben altri porti ci toccherà far attraccare questa navicella di Odisseo dei nostri tempi. (Riccardo Alfonso direttore centri studi sociali e politici della Fidest)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: