Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Boom alunni disabili: Sostegno negato, in Sicilia

Posted by fidest press agency su martedì, 29 agosto 2017

pacifico-marcelloL’USR Sicilia pubblica la Circolare di attivazione di un maxi organico di sostegno regionale assegnato “in deroga” e il sindacato non ci sta: i posti dovevano essere in organico di diritto per permettere le assunzioni e i trasferimenti dei docenti specializzati. I numeri sono eloquenti: nell’Isola ci sono 16.378 posti di sostegno, ma per l’amministrazione quasi un terzo di queste cattedre deve andare a supplenza fino al 30 giugno 2018. Un numero impressionante, non giustificabile dalle 1.203 nuove certificazioni accordate delle Asl rispetto al 2016 o dall’incremento di alunni disabili gravi. Serviva una risposta delle istituzioni che invece non c’è stata. Inoltre, a fronte di 5.947 posti necessari oltre a quelli già attivati in organico di diritto, vengono attivati “in deroga” solo 4.872 posti: questo significa che almeno a 1.000 alunni disabili siciliani verrà negato il corretto numero di ore di sostegno, in aperta violazione dei principi costituzionali e eurounitari. Anief ha così deciso di “svelare il trucco” dell’organico di sostegno in deroga e denunciare l’illegittimità dell’operato dell’amministrazione che nega la stabilità dei posti di sostegno, impedendo ai lavoratori una stabilità della propria posizione e agli alunni disabili un docente specializzato che li segua per tutto il ciclo d’istruzione.Il ricorso è volto a contestare proprio la mancata trasformazione dei posti in organico di diritto: possono aderire al ricorso gratuito patrocinato dai legali Anief tutti i docenti specializzati di ruolo che non hanno ottenuto il trasferimento in Sicilia, i docenti precari inseriti nelle GaE e anche i candidati inclusi nelle Graduatorie di Merito siciliane dell’ultimo concorso a cattedra che non sono stati assunti per mancanza di posti proprio in organico di diritto (l’adesione al ricorso scade il 12 settembre). Le famiglie degli alunni disabili possono ricevere informazioni sulle azioni legali, sempre patrocinate gratuitamente dall’Anief, per tutelare il diritto all’istruzione e alla continuità didattica dei figli.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Preso atto delle tante nuove certificazioni, l’amministrazione non doveva creare tutti quei posti al 30 giugno. Questo rende palese che i posti attivati ‘in deroga’, che dovrebbero seguire il criterio dell’eccezionalità e della contingenza, sono in realtà posti vacanti e disponibili da anni e che dovevano essere presenti in modo stabile nell’organico di diritto degli istituti. Quei posti dovevano essere utilizzati sia per le immissioni in ruolo, sia per il trasferimento dei docenti di ruolo specializzati in modo da garantire agli alunni disabili una vera continuità didattica e tutelare il loro diritto allo studio. Il nodo della questione è tutto nel fatto che su disposizioni del Miur ancora oggi un posto su tre di sostegno continua a essere in deroga, perché in questo modo lo Stato risparmia sui mesi estivi e mantiene il personale precario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: