Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 341

Libro: Leggersi dentro

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 settembre 2017

Leggersi dentroRoma Venerdì 22 settembre 2017 • ore 18.30 Libreria Paoline Multimedia International – Via del Mascherino, 94.Incontro con l’Autore P. GAETANO PICCOLO, Docente presso la Pontificia Università Gregoriana. Introduce e dialoga con l’Autore Romano Cappelletto, Ufficio Stampa Paoline.Incontro organizzato in occasione della DOMENICA DELLA PAROLA. Gaetano Piccolo, gesuita, insegna metafisica presso la Pontificia Università Gregoriana. Nella sua attività ha approfondito il tema dell’integrazione tra vita affettiva e vita spirituale, sia attraverso la riflessione che attraverso il ministero degli Esercizi spirituali. Dalla sua esperienza è nato il blog Rigantur mentes. Attraverso la sua personale esperienza spirituale, maturata anche con la lettura di sant’Agostino e un periodo di formazione in Sri Lanka, ha sviluppato un approccio alla Bibbia che prova a far emergere le dinamiche umane di ciascuno mediante l’incontro con la parola di Dio, affinché il cuore sia illuminato e guarito.È secondo questo approccio che presenta il suo nuovo libro Leggersi dentro. Con il Vangelo di Marco. Punto di partenza, come nel precedente Leggersi dentro. Con il Vangelo di Matteo, è la constatazione che non è facile leggersi dentro: spesso abbiamo paura di quello che possiamo incontrare. Eppure da sempre l’uomo è stato incuriosito dalla possibilità di viaggiare nel suo profondo. Riconoscere quello che ci abita interiormente è del resto il primo passo per crescere nella libertà, altrimenti rischiamo di essere navi in balia di venti che non riusciamo a gestire. Riflettendosi nella parola di Dio, il cuore umano può riconoscersi, senza il timore del giudizio, ma nella gioia della verità; il cristiano intraprende allora questo viaggio nella ri-conoscenza di sé, una conoscenza che è sempre anche gratitudine.Nella lettura del Vangelo di Marco, la prospettiva centrale è quella di un’esistenza umana simile a un mare, a volte sereno a volte attraversato da tempeste. Non possiamo fare a meno di passare all’altra riva, siamo continuamente in viaggio, e ogni volta dobbiamo affrontare il rischio di sprofondare e la paura di non farcela. Nel Vangelo di Marco la sovrabbondanza di parole e immagini, da cui siamo continuamente storditi, lascia spazio alla sobrietà della parola essenziale. Ci troviamo tutto a un tratto davanti a uno specchio nitido che ci mostra con semplicità chi siamo. Non a caso, questo racconto della buona notizia è il più vicino agli eventi della vita di Gesù. I sentimenti sono ancora vivi, genuini e senza filtri. È il Vangelo che veniva raccontato a coloro che si avvicinavano alla fede proprio per lasciare a ciascuno la bellezza di essere incontrato da Gesù. Come si legge nella premessa (di don Aldo Martin), “il Vangelo di Marco ci inserisce in una narrazione che non ha dunque lo scopo di spiegare chi è Gesù, ma ci invita a lasciarci guidare dalle domande che egli stesso suscita in noi. È un cammino di scoperta in un incontro personale”.Come nel precedente Leggersi dentro, anche in questo libro ogni meditazione è introdotta dal brano evangelico e seguita da alcune domande che possono aiutare la preghiera e la riflessione personale. Il libro si offre anche come strumento per i giovani che si preparano al Sinodo sul discernimento vocazionale (al pari di un altro testo dell’autore, Testa o cuore? L’arte del discernimento). (foto: leggersi dentro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: