Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Le donne imprenditrici aumentano nel mondo ma non in Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 17 settembre 2017

mondo-multi-polareSecondo il Global Business Entrepreneurship Monitor (GEM) 2016/17 Women’s Report: “Questo non solo mostra la grandezza degli impatti che le donne imprenditrici hanno in tutto il mondo, ma sottolinea il contributo che forniscono verso la crescita e il benessere delle loro società”, ha dichiarato la professoressa del Babson College e co-autrice del rapporto, Donna Kelley. “Le donne imprenditrici offrono redditi per le loro famiglie, occupazione per coloro che vivono nelle loro comunità e prodotti e servizi che portano nuovo valore al mondo che li circonda”.
Tra le 63 economie sondate, sia nella presente che nell’ultima relazione prodotta nel 2015, GEM ha rilevato che l’attività totale imprenditoriale (TEA) tra le donne è aumentata del 10% e il divario di genere (rapporto tra donne e uomini partecipanti all’imprenditorialità) è diminuito del 5% . Queste stesse economie mostrano un aumento dell’8% della proprietà delle donne nelle imprese consolidate.
GEM classifica le economie in cinque livelli di sviluppo economico (utilizzando criteri identificati dal Forum Economico Mondiale) e sei regioni geografiche: l’Asia orientale e meridionale e il Pacifico, l’Europa e l’Asia Centrale, l’America Latina ei Caraibi, il Medio Oriente e il Nord Africa, Nord America , e dell’Africa sub-sahariana.I tassi femminili di TEA variano dal 3% in Germania, Giordania, Italia e Francia al 37% in Senegal. In sole cinque economie in due regioni (Indonesia, Filippine e Vietnam in Asia e Messico e Brasile in America Latina), le donne hanno partecipato all’imprenditorialità a tassi uguali o superiori agli uomini. Nonostante i tassi di TEA bassi, l’Europa brilla per avere donne più educate rispetto agli uomini imprenditori, il 22% in media. Il 10% di tutte le donne imprenditrici intervistate gestiscono le proprie attività per conto proprio e non hanno intenzione di aggiungere dipendenti nei prossimi cinque anni. L’Europa ha la più alta frequenza di un’attività imprenditoriale gestita da una sola persona.GEM, nel suo 18esimo anno di attività, ha acquisito un riconoscimento diffuso come lo studio longitudinale più autorevole dell’imprenditorialità nel mondo e, in quanto tale, offre preziosi dati per guidare la ricerca futura e il processo decisionale, nonché la progettazione di interventi che possano migliorare l’imprenditoria delle donne, ha dichiarato il direttore esecutivo GEM Mike Herrington. Innanzitutto si può notare che la differenza di genere fra donne e uomini è più accentuata, in Italia, nell’intenzione imprenditoriale piuttosto che nel TEA. Questo significa che vi è un minore interesse da parte delle donne per la carriera imprenditoriale, che viene evidentemente ancora vista come un’attività tipicamente maschile. E la tendenza non è incoraggiante, poiché fra il 2104 e il 2016 vi è stata una significativa riduzione nell’intenzione imprenditoriale della popolazione femminile, dal 10,7% al 7,6 (-29%).
Per le donne come per gli uomini è inoltre molto elevata in Italia la differenza fra l’intenzione imprenditoriale e l’effettiva realizzazione. Su questa differenza pesano alcuni ritardi del sistema paese, che non facilitano la realizzazione delle aspirazioni imprenditoriali.
I dati di questa ultima relazione evidenziano alcune tendenze chiave e paradossi, ha aggiunto:”Aumenta lo sviluppo economico e il livello di istruzione. Diminuisce la partecipazione imprenditoriale tra le donne, ma anche la discontinuità delle imprese si rallenta. Mentre il tasso di discontinuità femminile supera quello dei maschi nei primi tre livelli di sviluppo, anche se solo di circa il 10%”.
Da notare anche, per i responsabili politici, è la constatazione che, in media, le donne presentano una probabilità del 20% o superiore di citare la necessità come motivo per avviare una nuova attività rispetto agli uomini, specialmente nelle economie meno sviluppate. Un risultato positivo è che le donne imprenditrici hanno una probabilità di innovazione superiore al 5% rispetto agli uomini.
Sebbene non ci siano risposte chiare nel rapporto, i dati forniscono una base importante per il sostegno della crescita delle imprese femminili e la creazione di valore economico e sociale in tutto il mondo, ha commentato Mike Herrington.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: